La Porta Orientale (Gennaio-Febbraio 1939)

1,317 views

Published on

Numero di Gennaio-Febbraio 1939 della Rivista mensile di studi sulla guerra e di problemi giuliani e dalmati, edita a Trieste dalla Società Editrice Volontari e Mutilati.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,317
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
16
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La Porta Orientale (Gennaio-Febbraio 1939)

  1. 1. A n n o ix - N. .-a G e n n a io -F e b b r a io i939- x v i i Abb. p o s t. L A P O R T A O R I E N T A L E R IV IS T A M E N S IL E D I S T U D I S U L L A G U E R R A E D I P R O B L E M I G I U L I A N I E D A L M A T I F o n d a t a d a l l a C o m p a g n i a V o l o n t a r i G i u l i a n i e D a l m a t i E d i t a d a l l a < S o c i e t à E d i t r i c e V o l o n t a r i e M u t i l a t i T R I E S T E
  2. 2. LA P O R T A O R I E N T A L E D i r e t t o r i : B r u n o C o c e a n i - F e d e r i c o P a g n a c c o Direzione ed Amministrazione: Trieste, Via X X IV Maggio N. 4 (Casa del Combattente) E d i t r i c e : la Società Editrice Volontari e Mutilati S O M M A R I O PAG. BRUNO COCEANI: Tunisi e l'Italia Im periale..................................... 1 DANTE LUNDER: Trieste e i rapporti commerciali con Tunisi..............17 FERDINANDO PASINI: La lingua di uno scrittore triestino e la lingua dei triestini ...................................................... 30 ANGELO SCOCCHI: Toponomastica giuliana - Toponimi Fitonimici . . 37 ATTILIO BIDOLI: Gli statuti di Albona...................................................44 FATTI, PERSONE ED IDEE FEDERICO PAGN ACCO : I quarantamila caduti có rsi....................................................................................7 2 VINCENZO MARUSSI : L*Istria del R isorg im ento ..........................................................................................7 3 REMIGIO MARINI: Tristano e Adriano Alberi scultori .............................................................................. 7 7 BOLLETTINO BIBLIOGRAFICO ............................................................. 79 PUBBLICAZIONI RICEVUTE....................................................................89 ★ A B B O N . A N N U O : Italia, Impero e C olonie: Sostenitore, L . 5oo.-; onorifico, L . 100.-; ordinario L . 5o,-; (Tunisi, Corsica, W.ilta, Dalmazia, Canton Ticino : L. 70.-) Estero : L. 90.-; U n fascicolo E. 5.-, • Estero L. 8.-, - Arretrato il doppio.
  3. 3. I N D I C E D E L L ’ A N N A T A 1 9 3 8 - X V I G E N N A IO -F E B B R A IO 1938 -X V I AUGUSTO SANDONÀ: Il movimento irredentista nel Regno. Le Asso­ ciazioni irredentistiche e la loro a ttiv ità ................................................... 1 A. RUBINO: L’Isaros-Istro.............................................................................................. 23 ITALO DE FRANCESCHI: Le nazionalità in Istria secondo gli ultimi quattro censimenti a u stria c i..........................................................................36 REMIGIO MARINI: La Sindacale giuliana 1937 ........................................... 48 FATTI, PERSONE ED IDEE FERDINANDO PASINI: La Venezia Giulia nella letteratura italiana dal Risorgimento al F a s c is m o ........................................................................55 FERDINANDO PASINI: Saluto a un M a e s t r o ...................................................56 FERDINANDO PASINI: Fraternità latine d’oltreocèano............................. 57 ANGELO SCOCCHI: Uomini e idee del Risorgimento a Gorizia . . 58 BOLLETTINO B IB L IO G R A F IC O .........................................................................• 62 PUBBLICAZIONI R IC E V U T E ............................................................................... . 89 M A R Z O -A P R IL E 193 8 -X V I FERDINANDO PASINI: Gabriele d’Annunzio irredentista . . . . 93 GINO de FAROLFI: Giuseppe S i n i c o .................................................................99 ZAIRA CAIRATI-TEDESCHI : Paolo Tedeschi nelle memorie della moglie 109 ANGELO SCOCCHI: Toponomastica Giuliana - Il foglio di Trieste della carta geografica d’I t a lia ........................................................................ 118 ORESTE CUPPO: I Padri Mechitaristi in T rie ste ........................................... 132 FATTI, PERSONE ED IDEE FERDINANDO PASINI: I «Nove ragazzi» di Federico Pagnacco . . . 173 PIETRO PEDROTH: Una lettera di Giuseppe Mazzini a Francesco del- l’O n g a r o .....................................................................................................................176 ODO SAMENGO: Le ali di legno - Sci, insegna di fratellanza . . . 179 BOLLETTINO B IB LIO G R A FIC O .................................................................................182 PUBBLICAZIONI R IC E V U T E ........................................................................................196 M A G G IO -G IU G N O 1938 -X V I S. M. IL RE IMPERATORE A «LA PORTA ORIENTALE» . . . . 201 BRUNO COCEANI : Spartaco M u r a t t i ..................................................................202 GINO SARAVAL: I deputati triestini al Parlamento di Vienna dal 1873 al 1897 ............................................................................................................................ 221 GIULIANO GAETA: «Ora o mai», un giornale interventista udinese . 242 PIO BUDINI: Le relazioni economiche ita lo -ju g o s la v e ............................. 259 FATTI, PERSONE ED IDEE FEDERICO PAGNACCO: Una scuola agl’italiani di Parigi offerta da Trieste . . . ................................................................................................263 VINCENZO MARUSSI: I Cappuccini a Trieste e nelle altre località della Venezia G iu lia .............................................................................................. 264 BOLLETTINO B IB L IO G R A F IC O ................................................................................ 267 PUBBLICAZIONI R IC E V U T E ........................................................................................275
  4. 4. LUGLIO-AGOSTO 1938-XVI FABIO CUSIN: Aspetti della decadenza a b s b u r g ic a .................................... 281 ATTILIO BIDOLI : Gli Statuti di A l b o n a ..........................................................298 SILVIO RUTTERI: Il Congedo di Edoardo P o lli............................................313 FATTI, PERSONE ED IDEE FERDINANDO PASINI: Letteratura dell’irre d e n tism o .............................333 REMIGIO MARINI: Il ritorno di F o g a z z a r o ...................................................334 FERDINANDO PASINI: Un «ardito» del ra g io n a m e n to .............................339 ANGELO SCOCCHI: La riconoscenza delle provincie giuliane ad Ar­ cangelo G h is le r i..................................................................................................... 341 BOLLETTINO B IB LIO G R A FIC O ................................................................................ 344 PUBBLICAZIONI R IC E V U T E ....................................................................................... 350 SETTEMBRE-DICEMBRE 1938-XVII S. E. FULVIO SUVICH: Il Ventennale della Redenzione............................. 353 S. E. GIOVANNI GIURIATE: Il c o lla u d o ..........................................................354 S. E. CARLO GALLI: Trieste: dal mio d ia r io ...................................................356 SILVIO BENCO: La previsione e l’a z i o n e ..........................................................363 SENATORE GIORGIO PITACCO: L’Università di Trieste nei ricordi p arlam entari.............................................................................................................. 370 FERDINANDO PASINI: La storia della lotta per l’Università di Trieste 376 ETTORE CHERSI: Le deportazioni degli italiani irredenti in Austria nella guerra di liberazione................................................................................390 FEDERICO PAGNACCO: Il tributo di sa n g u e ...................................................406 ON. BRUNO COCEANI: Documenti d’it a lia n it à ........................................... 411 FABIO CUSIN: Trieste e il R iso rg im e n to ..........................................................416 GIULIANO GAETA: La fine della dominazione austriaca nella Vene­ zia Giulia ed a Z a r a ................................................................................ . 438
  5. 5. A N N O IX - FASC. 1-2 G E N N A IO -F E B B R A IO 1939-XVII L a P o r t a O r i e n t a l e RIVISTA MENSILE DI STUDI SULLA GUERRA E D I P R O B L E M I G I U L I A N I E D A L M A T I Direttori: Bruno Coceani * Federico Pagnacco Il camerate dott. Giuseppe Stefani, causa le numerose sue occupazioni, lascia la condirezione de «La Porta Orientale», alla quale per otto anni diede la preziosa sua attività. La direzione della rivista, nel rammarico di perdere la sua col­ laborazione, esprime al camerata Stefani i più vivi ringrazia­ menti per quanto egli diede a «La Porta Orientale», porgen­ dogli un fraterno saluto. TUNISI E L’ITALIA IMPERIALE Avevo lasciato Trapani molto dopo la mezzanotte, a bordo di un grosso motopeschereccio e già prima di mezzogiorno ero alla Goletta, anticamera di Tunisi, un tempo fortezza degli Infedeli. Emilio Pinchia nei suoi «Ricordi di Tunisi» del 1881 scriveva già allora che la Goletta à l’aspetto di una piccola e ridente città italiana e che la lingua italiana suona in ogni parte ed italiana è la maggioranza della popolazione. Pilotati, imboccammo il Canale, alla volta di Tunisi. Al porto un agente della polizia francese, avvertito delParrivo del singolare piroscafo italiano, che portava solo cinque persone oltre all’equipaggio, ci attendeva. E per due giorni non ci perdette mai di vista. Il mio viaggio non aveva scopi reconditi. Ero andato a Tu­ nisi in pellegrinaggio d’amore, così come un giorno i fratelli dell’I­ talia libera venivano a Trieste a conoscere da vicino le vicende della nostra lotta contro il governo degli Absburgo. Mi ricordai quanto Enrico Corradini, l’indimenticabile mae­ stro della nostra giovinezza, aveva detto quando nel 1911 visitò per la prima volta la Tunisia, d’aver trovato colà lo stesso spirito che pochi mesi prima aveva trovato nelle terre irredente, il risentimento contro l’occupatore vicino. Forse fu l’agente francese che richiamò in me tale ricordo.
  6. 6. 2 BRUNO COCEAN l Sin dai primi contatti con gli italiani di là ebbi la stessa im­ pressione che essi ànno nell’anima e nella loro sorte qualchecosa d’irredento. E perchè non dirlo? Gli Italiani di Tunisia sino a non molti anni fa si sentirono soli, abbandonati dai governi della madre pa­ tria, e tuttavia nè lontananza nè abbandono da parte dell’Italia nè adescamenti e violenze da parte francese poterono attenuare la fiamma della loro fede. Anzi l’ignoranza nostra di fronte al problema di Tunisi fu maggiore di quella che fosse di fronte al problema irredentista di Trento e Trieste. Mi pare che la comunanza di lotte e di speranze tra il nostro passato e quel gagliardo nerbo di italiani di Tunisi che in nome della comune nazione tenacemente combatte una battaglia diuturna ed insidiosa, spinga con maggior trepidazione a seguire l’irreden­ tismo tunisino noi che durante la dominazione straniera imparam­ mo come l’affermazione della propria nazionalità deve superare ogni questione politica e costituire l’ideale più alto di ogni cittadino. Proprio ieri Ferdinando Pasini mi rammentava che l’essenza dell’irredentismo sta nel lievito implacabile del principio di nazio­ nalità e che questo fu sempre vivo nelle nostre terre prima della redenzione, e dopo, durante le gesta di Fiume e di Zara, di fronte ad ogni ingrandimento della patria e che una delle voci più osti­ nate a reclamare Tunisi da Trieste fu il poeta Filippo Zamboni, che sin dal 1876 esortava l’Italia a prendere possesso di Tunisi. Gli Italiani a Tunisi sono oggi, dopo anni di discordie, tutti inquadrati sotto il segno del Littorio, blocco compatto di volontà, elemento di ordine nella vita della città mediterranea. Non mancai di visitare Cartagine. Poche sono le rovine superstiti. Civiltà, splendori, ricchezze non sono più che una debole eco nei ricordi della storia. Ma prima di andare a Cartagine avevo vi­ sitato il Bardo. Chi non lo conosce non conosce la storia della Tunisia. Rivive colà, nelle grandi sale del maestoso palazzo, la vita dell’Africa, all’epoca romana, suntuosa e affascinante nei suoi mosaici, nelle sue statue, nei suoi bi’onzi, nei suoi ori. Nei cortili, busti romani usciti dalla terra montano la guardia alle deità di Roma, là dentro custodite. Ma tra le rovine, sul colle fatato di Birsa fu come se qualcuno avesse risuscitato tutta la storia africana. Roma, possente del suo sangue, delle sue galere, del suo oro aveva distrutto la rivale per
  7. 7. TUNISI E L ’ ITALIA IMPERIALE 3 estendere il suo dominio a tutta l’Africa mediterranea. Un secolo dopo Cesare volle la ricostruzione di Cartagine per­ chè dal nuovo fortilizio romano avesse inizio la grande opera di incivilimento di quelle genti e già sotto Augusto Roma aveva atti­ rato tutta la civiltà africana nella sua orbita. Cartagine è rinata a nuova vita, capitale dell’Africa. Con Car­ tagine la Tunisia, ferace di grano, di viti e di ulivi, dappoiché Ro­ ma aveva portato l’acqua, con l’acqua la vita e la ricchezza. Un’al­ tra Italia possono credere di raggiungere quanti sbarcano in Africa, ormai romana di lingua, di istituzioni, di architettura, di città, di campagne, di sangue. Il miracolo s’è compiuto, frutto della civiltà romana tanto che Tertuliano può scrivere tre secoli dopo che i deserti un tempo fa­ mosi non esistono più, al loro posto sono poderi amenissimi e che le campagne occupate da Roma sono le migliori di tutta la terra. Da Tunisi volli raggiungere Tripoli in macchina. Oltre 800 chi­ lometri. Subito fuori Tunisi magnifici vigneti. E’ questa coltivazione prerogativa dei coloni italiani che ne posseggono la maggiore esten­ sione, particolarmente nei dintorni di Tunisi e a Grombalia centro quasi esclusivamente siciliano. Dopo due ore di corsa raggiungo Susa, città e porto cospicuo di antichissima origine. Dall’alto della Kasba si domina la pianura fertilissima, coperta di piantagioni d’ulivi e di aranci, -che tutta attorno alla città è co­ me un giardino. Subito fuori Susa l’italiano ritrova i profili del paesaggio nativo. Poi la pianura diventa monotona quando im­ provvisamente, a grande distanza, giganteggiante sul deserto si scor­ ge una massa enorme, dapprima confusa, e poi come la macchina divora gli ultimi dieci chilometri di rettifilo sempre più distinta. E’ il superbo Colosseo di E1 Gem, costruito sul modello di quello flavio e di poco inferiore per grandezza ma, all’apparenza, di quel­ lo più maestoso perchè solitario nel deserto. E’ il più cospicuo mo­ numento romano dell’Africa settentrionale, costruito, pare al tempo di Settimio Severo dove prosperava l’antica Thysdrus. Indimentica­ bile resta la visione di questo grandioso anfiteatro superstite che testimonia la potenza di Roma. Ma questo non è il solo monumento. In nessuna altra parte dell’Africa lasciò più viva impronta il genio romano. Vestigia af­ fiorano e risplendono in tutta la Tunisia, da Tuborbo Majus a Dougga, da Kairouan a Sbeitla.
  8. 8. 4 BRUNO COCEANI Superata la depressione di E1 Gem ricomincia una zona ricca di uliveti che appaiono più fiorenti, intramezzati di magnifici giar­ dini, come ci si avvicina a Sfax, il centro più cospicuo dopo Tunisi della Reggenza. Anche nella capitale meridionale della Tunisia sono straboc­ cate le generazioni ridondanti della Sicilia. A Sfax vi appare non soltanto la Tunisia agricola ma anche quella industriale. Grandi lavori anno dotato la città di un ampio bacino, adi­ bito all’esportazione dei fosfati provenienti da Gafsa. E’ la scoperta di questi giacimenti di fosfato di calcio che trasformò i carattere della Tunisia, da paese agricolo in paese industriale. Fu questo il fortunato imprevisto in cui s’imbattè la Francia conquistando la Tunisia. Ingegneri, capitecnici e minatori in grande maggioranza sono italiani di Sardegna e di Sicilia. Anche a Sfax costruzioni indu­ striali ed edilizie sono opera di italiani come opera di italiani è ovunque il dissodamento della terra. Nessuno più, neppure i fran­ cesi, contestano che gli italiani siano uno degli elementi principali della rinascita economica della Tunisia. Dopo Sfax il paesaggio è sabbioso, piatto, monotono. Ogni tanto piccole oasi invase dalle sabbie. Finalmente Gabes, circondata da un fiorente palmeto, ricco di decine e decine di mi­ gliaia di palme. Anche qui vive una ricca colonia di italiani. Pochi ci sono nella preistorica Medenine e a Ben Gardane, l’ultimo villaggio indigeno sul confine tripolino e persino nei villaggi più interni della Tunisia. A 130 mila si calcolano i nostri connazionali. Vive sono le contestazioni su questa cifra. Il censimeno fran­ cese nel 1936 denuncia soltanto 94.300 italiani. Ma gli stessi nostri avversari e fra questi il Monchicourt, nel libro pubblicato postumo nel ’38 quale omaggio alla sua memoria, ammette, pur protestando contro le accuse di falsificazioni, ommissfoni ed errori ed arrotonda la cifra a 100.000. Non è il caso di rifare la polemica. La Francia fa ogni sforzo attraverso una raffinata aritmetica statistica perchè il numero dei francesi superi quello degli italiani. Malgrado tali sforzi il nostro numero è così alto che a quanti italiani vanno in Tunisia sembra d’essere in casa propria e poiché si trovano sotto dominazione straniera di emigrati si trasformano in irredenti.
  9. 9. TUNISI E L ’ ITALIA IMPERIALE 5 Non è da meravigliarsi quindi se la Tunisia appare a tutti i suoi visitatori come un prolungamento della patria, l’estremo lembo del­ la penisola. Non apparve anche al grande economista Leroy-Bea- ulieu una colonia italiana amministrata da funzionari francesi? A parte i grandi paesi americani d’immigrazione la Tunisia è il ter­ ritorio dove i nostri connazionali più che altrove costituiscono una colonia omogenea e compatta. Ma dalla caduta deH’Impero romano quando la Tunisia ap­ parve a Sant’Agostino tutta romanizzata sino all’Ottocento si può parlare di una dispersione di italiani in quella terra. Una nostra vera colonia à vita appena all’inizio del secolo scorso. In un libro francese del 1763 si trova scritto che gli emigranti europei venuti nella Reggenza per esercitare professioni manovali o per coltivare la terra sono quasi tutti originari dall’Italia o da Malta, che è pure isola italiana. Nè mancano altre testimonianze francesi di quell’epoca e di epoca posteriore che confermano come in Tunisia e in tutte le altre città della Tunisia la popolazione europea sia composta quasi esclu­ sivamente da italiani. La storia e la natura avrebbero assegnato a Tunisi il primo posto fra tutte le potenze all’Italia. Ci fu anche un momento nel quale arrisero prospere le sorti agli Italiani. Formavano la classe dirigente; dominavano il Paese; godevano i favori del Bey. Molti furono suoi ministri e acquistarono grande importanza. Non pochi di questi nostri connazionali erano esuli, che a Tunisi avevano cercato un rifugio dalle persecuzioni austriache e borboniche Per un anno visse a Tunisi, al servizio del Bey, anche Giuseppe Garibaldi, fallita la spedizione della Savoia, del ’34. E dopo la ca­ duta di Roma nel ’49, invitato a lasciare i regi Stati, Garibaldi aveva di nuovo scelto Tunisi «sito vicino» quale terra d’esilio nella spe­ ranza in migliori destini del suo paese ma il Governo della Reggenza al suo arrivo, già allora subordinato alle ispirazioni della Francia — così sta scritto nelle memorie dell’Eroe — non lo volle. Purtroppo i diversi stati italiani prima, il Regno d’Italia poi si ostinarono o non trar partito della favorevole situazione crea­ tasi per la nostra colonia I ministri del Nuovo Regno non seppero secondare nè invi­ gorire la colonia, nè procurare che vi si costituisse una somma di interessi da essere per sè sola una forza.
  10. 10. 6 BRUNO COCEANI Piace ricordare che nel momento storico in cui l’affermazio­ ne italiana in Tunisia avrebbe potuto trionfare, un triestino Guido Ravasini, egli pure colà rifugiatosi per non servire nell’esercito austriaco prodigò ogni sua attività allo sviluppo di quella colonia e molto operò, consenziente l’eroe di Caprera, per spingere l’ar­ matore Raffaele Rubattino ad acquistare la ferrovia che congiunge la Goletta a Tunisi. Nella sua mente tale acquisto faceva parte di un più vasto piano di espansione per impedire un’invasione francese. Ma le speranze sue e quelle degli altri patriotti, pieni d’amore per la patria vicina, furono stroncate dal tradimento della Francia. Le tristi vicende di quegli anni sono state ampiamente rievo­ cate dalla stampa italiana in questi giorni in cui la questione tu­ nisina, dopo le fiere parole che Galeazzo Ciano pronunciò alla Ca­ mera Fascista il 30 novembre sulle naturali aspirazioni del popolo italiano, si è imposta all’attenzione del mondo ed è divenuta argo­ mento d’interesse internazionale. Vale la pena rivedere in rapido scorcio la storia diplomatica di quei tempi, così palpitante nelle pagine di Luigi Chiala. L’Italia, risorta nazione, non poteva ricusarsi al problema africano che dominava la politica estera d’Europa. Già il Conte Cavour negli anni della grande preparazione pie­ montese aveva tentato di avviare un servizio postale fra Cagliari e Tunisi, sentendo l’attrazione dell’Africa, presago che nel grembo del Mediterraneo stesse la fortuna della nostra gente. Un grande geografo francese, Eliseo Réclus, nel 1863 additava l’Africa come il naturale e legittimo sbocco dell’espansione medi- terranea del nostro Paese. «Gli italiani, figli di quei Romani che avevano portato una prima volta la loro civiltà nella provincia di Africa, sembrano aver per missione di riunire questo paese defini­ tivamente al mondo europeo». Lo stesso Napoleone III nel 1864 aveva riconosciuto tale di­ ritto all’Italia di scendere sulle sponde tunisine. Anche il Principe di Bismarck intorno a quest’epoca aveva fat­ to conoscere segretamente a Mazzini il suo pensiero, non diverso da quello di Napoleone III. «L’impero del Mediterraneo appartiene incontestabilmente all’Italia». E’ nota la diabolica abilità di Bismarck. Sapendo che la Tu­ nisia rappresentava il pom o della discordia fra l’Italia e la Fran­ cia sin dal 1875 a quest’ultima offrì la Tunisia, calcolando sull’ine­ vitabile dissenso per attirare l’Italia nell’orbita del suo sistema po­ litico. Ciò non gli impedì al Congresso di Berlino di invitare i ple­ nipotenziari italiani ad espandersi verso Tunisi.
  11. 11. TUNISI E L’ ITALIA IMPERIALE 7 Ma il Conte Corti, dalle corte vedute, rifiuta l’offerta. Il Mi­ nistro Cairoli repugnante per spirito democratico a qualsiasi forma di conquista estera non osò, ingenuamente credendo alle parole d’onore del Ministro degli esteri di Francia, il quale aveva assicu­ rato al Generale Cialdini che nessuna occupazione avrebbe avuto luogo di Tunisi o di altro punto senza andare di concerto con l’I­ talia, senza prima riconoscere il diritto che avrebbe l’Italia di oc­ cupare un altro punto di importanza relativa e proporzionata. L’avversione alla politica coloniale — si potrebbe dire ad ogni iniziativa nella politica estera — era troppo radicata negli uomini di quei tempi in cui trionfava la politica «del piede di casa», e la concezione di un’Italia imperiale era privilegio di pochi. La responsabilità della rinuncia a Tunisi non va addossata soltanto al Capo del Governo ma anche ai partiti politici d’allora, sbavanti d’amore per la Terza Repubblica e proni davanti la mas­ soneria di Francia. Di fronte alla doppiezza bismarckiana e alla scaltrezza fran­ cese stava dunque la cecità italiana. Inutilmente il nostro Console Macciò telegrava al Cairoli av­ vertendolo che la Tunisia stava diventando più che mai una di­ pendenza della Francia e che i modi da essa usati per assicurarsi la supremazia rivelavano appieno la sua astiosa rivalità contro la Nazione italiana. Le simpatie del Cairoli volgevano tutte verso la Francia, an­ che egli come gli uomini della sinistra, ciecamente fiducioso nella solidarietà della III Repubblica. Le contese fra il Console Macciò e quello di Francia Roustan sono rimaste leggendarie. Ricordo un solo episodio. Nel gennaio del ’81 i Reali d’Italia, accompagnati dal Prin­ cipe di Napoli e dal Duca D’Aosta visitarono per la prima volta la Sicilia. I notabili della colonia italiana di Tunisi, appena avuta noti­ zia del viaggio Reale sentendosi «non secondi ad alcuno nell’afi'etto alla madre patria e alla dinastia», gelosi di quel primato nazionale che da secoli mantenevano e speravano di potere accrescere in quelle ospitali contrade, delegano una deputazione che con alla te­ sta il Console Macciò si porti a Palermo ad offrire ad Umberto e a Margherita di Savoia l’omaggio del più profondo ed inalterabile affetto degli italiani di Tunisi. Ricevuti dai Reali il console Macciò lesse l’indirizzo affermando che gli Italiani di Tunisi attendevano con fiducia il giorno in cui il
  12. 12. 8 BRUNO COCEANI prestigio e lo splendore della nazione all’estero fosse pari alle sue gloriose tradizioni e agli alti suoi destini. Questo atto di omaggio richiama alla mia memoria il pelle­ grinaggio dei triestini a Udine quando Vittorio Emanuele III portò il suo esercito a provare per la prima volta dinanzi all’ingiusto con­ fine la sua forza. In quel giorno la Maestà del Re vide sfilare le ban­ diere abbrunate delle terre irredente ma quelle bandiere nel 1918 s’aprirono al vento della Vittoria e al loro destino italiano. Facendosi sempre più disperata la situazione gli italiani della Tunisia, certi della vicina manomissione della Francia sulla Reg­ genza, si rivolsero fidenti a Garibaldi, il suo fido corrispondente triestino Guido Ravasini e Gaetano Fedriani, grande amico del- l’Eroe, per averne il validissimo appoggio. Garibaldi a più riprese riaffermò la sua commossa solidarietà con i fratelli dell’altra sponda mediterranea come l’aveva riaffermata a quelli irredenti della spon­ da adriatica. Apertamente nei giornali denuncia che la Francia, padrona della Tunisia, sarebbe una minaccia continua alla integrità del nostro Paese; invano proclama che se l’Italia ambisce esser sorella della Francia si è colla condizione di non derogare affatto da quei diritti dell’uomo sì coraggiosamente proclamati dall’immortale Repubblica. Ma la Francia, assenziente l’Inghilterra legata da accordi se­ greti presi durante il Congresso di Berlino, violando tutte le pro­ messe ripetutamente fatte dai suoi uomini di stato, dal Ministro degli affari esteri Waddington a Leone Gambetta, allo stesso pre­ sidente della Repubblica, Grevy, prese a pretesto trascurabili inci­ denti alla frontiera dell’Algeria provocati dalle tribù dei Crumiii ed invase la Tunisia senza colpo ferire. Non è il caso di ricordare le fasi di questa vergognosa impre­ sa — l’aggettivo è di Garibaldi — nè le simulazioni del Governo francese per celare sino al suo raggiungimento il fine cui mirava. Il 12 maggio 1811 la Francia impose nel palazzo del Bardo al Bey di firmare il trattato che poneva di fatto la Reggenza sotto il protettorato della Francia. Con tale atto un’altra nazione latina raccolse l’eredità di Roma senza esserne capace. L’Italia indispen­ sabile rimase vinta. Dopo Villafranca, Tunisi. L’opinione pubblica italiana l’imase indignata. Grande fu il dolore di Garibaldi e il suo sdegno verso la Re­ pubblica di Francia, da lui servita in tempi diffìcili. La sua angoscia per l’umiliazione di Tunisi trabocca in parole ardenti contro la
  13. 13. TUNISI E L ’ ITALIA IMPERIALE 9 Repubblica chiercuta. Gli italiani potranno tornare a fraternizzare solo ad un patto, predice l’Eroe di Caprera, stracciando il trattato del Bardo. L’occupazione di Tunisi scavò, malgrado le tendenze franco­ file della sinistra, un vero abisso tra le due nazioni latine. Sopratutto la violenza usata dalla Francia per escludere dalla Tunisia l’influenza italiana determinò nella penisola un mutamento radicale. L’Italia, delusa, per uscire dall’isolamento in cui era stata tenuta dalla politica di Benedetto Cairoli, entrò nell’orbita della politica tedesca. E nel 1882 fu la Triplice Alleanza. L’Italia però non si rassegnò a riconoscere il dominio fran­ cese a Tunisi. Evitò anzi, su istruzioni del Mancini, qualunque atto che potesse significare riconoscimento non solo di diritto ma anche di fatto dello stato di cose creato dal Trattato del Bardo e si irrigidì legittimamente nel fare valere quei diritti che le provenivano dai trattati stretti con il Bey prima del 1881, e precisamente dal Gran­ duca di toscana nel 1822, dal Re di Sardegna nel 1832, dal Re delle due Sicilie nel 1833, sostituiti nel 1868 dal trattato detto della «Go­ letta» tra il Regno d’Italia e il Beylicato di Tunisi che garantiva nel modo più ampio la nazionalità e i diritti dei nostri connazionali stabiliti in Tunisia. Nel ’84 una rinuncia ai nostri diritti fu fatta dal Ministro de­ gli Esteri Pasquale Stanislao Mancini che accettò la sospensione della giurisdizione consolare italiana in Tunisia. Sebbene ultima l’Italia dovette abbandonare questa forma di sovranità. Fu questo indubbiamente uno scacco. Ma per fortuna dell’Italia nel 1887 saliva al potere Francesco Crispi. Dopo le rinuncio dolorose di Tunisi e dell’Egitto Crispi cercò di ristabilire l’equilibrio a vantaggio dell’Italia sospingendola a non restare indietro alle altre nazioni, nel periodo storico delle grandi conquiste coloniali. Per primo egli ruppe con il principio di nazionalità sganciando l’Italia dalla sua posizione continentale di lotta contro l’Austria per portarla all’idea di una politica d’oltre­ mare. > . Vigila il grande Statista affinchè la situazione degli italiani di funisi non peggiorasse e la Francia non traesse dalla sua posizione fraudolentamente conquistata vantaggi a danno del nostro Paese. Chi ha letto i documenti pubblicati dal Palamenghi conosce con quale passione Francesco Crispi si battè per impedire che agli italiani di Tunisi fosse tolta la Patria e per ostacolare alla Francia
  14. 14. 10 BRUNO COCEANI le fortificazioni di Biserta, pericolo permanente per la nostra stessa esistenza, la rivoltella, come fu definita, puntata al cuore d’Italia. Ma lo spirito di Crispi non si era incontrato con la coscienza na­ zionale. Appena sorta ad unità di nazione l’Italia abdicò ad ogni di­ gnità di Stato. La sconfìtta di Adua nel 1896 abbattè Crispi e il suo sogno di una Italia imperiale. Sopra l’Eroe e il suo sogno il fango e gli urli della plebe sovversiva. Il nuovo Ministro Di Rudinì, per iniziare una politica di riav­ vicinamento con la Francia, addivenne alla stipulazione delle note tre convenzioni del 1896, essendo stato denunciato a tempo da parte della Francia il trattato del ’68. Crispi prima di cadere aveva resistito, nell’intento di non ri­ conoscere il protettorato francese se non quando la Tripolitania fosse stata accordata come compenso all’Italia. Ma dopo Adua una politica d’intransigenza non era facile. Non c’è il tempo per attardarsi nell’esame delle tre conven­ zioni. Importante è rilevare che nella convenzione «consolare e di stabilimento» sono stabilite l’equiparazione giuridica dei residenti italiani in Tunisia ai nazionali ed ai francesi, in materia civile, com­ merciale e giudiziaria; la piena libertà agli italiani in Tunisia di esercitare ogni arte e professione; la conservazione della cittadinan­ za a norma della legge italiana, senza limiti di durata, per cui i nati italiani su suolo tunisino debbono poter restare italiani e traman­ dare tale qualità ai loro figli; il diritto che nati da italiani siano italianamente educati. Come giustamente osserva Cesare Tumedei nel suo classico volume sulla questione tunisina l’idea centrale di queste conven­ zioni è molto semplice. L’Italia si obbliga a non intralciare la situa­ zione di fatto creata dalla Francia in Tunisia e la Francia garan­ tisce la tutela degli interessi italiani ivi esistenti. Non bisogna credere però che l’approvazione delle convenzioni del ’96 sia stata accolta unanimemente in Italia. Alla Camera dei Deputati, durante la discussione del trattato fra altri Antonio Sa- landra espresse l’augurio che l’effimera stipulazione non sia rite­ nuta la definitiva sistemazione politica ed economica dell’Africa settentrionale. «I popoli debbono sapere aspettare, egli disse, ma in pari tempo è necessario che essi non lascino spegnere il fuoco sacro delle loro legittime aspirazioni».
  15. 15. TUNISI E L ’ ITALIA IMPERIALE 11 La Colonia subì senza recriminazioni il nuovo stato di cose per amor patrio. Ma una volta approvate le convenzioni l'Italia rispettò gli impegni. Non altrettanto fece la Francia che incominciò subito a violare il regime concordato con interj)retazioni capziose e con un trattamento contrario nella lettera e nello spirito all’accordo, de­ cisa ad annullare nel più breve tempo possibile l’italianità della Tunisia. Rood Balek pseudonimo del Controllore civile Charles Mon- chicourt nel suo libro «La Tunisie après la guerre» dichiara che la Francia considera le convenzioni del ’96 come una tappa sulla via della abolizione di ogni privilegio italiano, cioè dei diritti ricono­ sciutici a tutela della nostra nazionalità. Nel suo ultmo volume «Les Italiens de Tunisie et l’accord La- val-Mussolini de 1935» ribadisce il concetto affermando che soltanto l’abolizione delle convenzioni attraverso l’annessione della Tuni­ sia alla Francia o il consentimento italiano è capace di togliere il sipario opaco teso tra gli italiani di Tunisi e la nazionalità francese. Infatti la politica francese non desistette mai attraverso mi­ sure legislative e attraverso azioni spoglie di ogni veste legale dal tentativo di danneggiare la nazionalità italiana in Tunisia ora li­ mitando l’esercizio delle professioni liberali, ora negando la con­ cessione di terre e di crediti, ora impedendo l’apertura di nuove scuole, al solo scopo di spingere gli italiani ad acquistare la nazio­ nalità francese per usufruire dei benefìci riservati ai francesi. Sono gli anni in cui Leroy-Beaulieu e Gaston Loth sostengono la necessità di assimilare gli italiani sopprimendo le nostre istituzio­ ni e non trascurando nessun mezzo di influenza sulla nostra colonia. Malgrado però queste misure odiose la fede dei nostri emigrati è rimasta incandescente e intatta, tranne poche, e per quanto de­ plorevoli, comprensibili eccezioni. Non è necessario illustrare il dramma dell’italianità di Tu­ nisi. E’ stato ripetutamente esposto. Oggi esso è vivo nella coscien­ za di tutti gli Italiani. Tunisi è per l’Italia fascista ciò che Trento e Trieste furono nel Risorgimento. Del resto quanti vissero sotto la dominazione austriaca lo pos­ sono comprendere meglio per essere stati soggetti a non diverso trat­ tamento poiché a Tunisi furono esercitate le stesse violenze e gli stessi soprusi, le stesse minaccie, insidie e lusinghe che l’Austria degli Absburgo tentò di introdurre nella Venezia Tridentina e Giu­ lia e nella terra veneta di Dalmazia.
  16. 16. 12 BRUNO COCEANI C’è veramente qualcosa di sacro in questa tenace lotta com ­ battuta dagli italiani di Tunisi per la difesa della lingua e della nazionalità che trova perfetto riscontro nella storia del nostro irre­ dentismo. I governi d’Italia hanno la colpa di non essersi ribellati alle continue violazioni da parte della Nazione sorella. Anche quando l’Italia, nel 1914 dichiarò la sua neutralità che di tanto giovamento fu alla Francia non negoziò questa sua preziosa neutralità per te­ ma si disse di disonorarla. E’ vero che durante la guerra la Francia mostrò di voler se­ guire una politica meno ingiusta e più consona alle convenzioni del ’96, ma è anche vero che nbn ancora erano sepolti tutti i nostri morti in terra di Francia che il governo della Repubblica nel set­ tembre del ’18 denunciò le convenzioni le quali, dopo l’anno della denuncia cominciarono a rinnovarsi automaticamente di tre in tre mesi in attesa della stipulazione di nuovi accordi. Oh l’evanescente miraggio di una fratellanza latina! La Tunisia durante la guerra era stata grazie agli italiani de­ posito prezioso di cereali, di olii, di concimi dell’Intesa. Circa duemila italiani di Tunisi erano caduti nelle comuni trincee. Ciascuno pensava sarebbero finite le amarezze di un giorno; passati i tempi tristi. Finalmente cittadini graditi e stimati nella terra con tanta fatica lavorata. La comunione del sangue vale pur qualche cosa. Illusione! II pericolo dell’azione francese fu denunciato nei suoi giusti termini dall’altissimo personaggio politico che fece la prefazione al libro di Margherita Sarfatti «Tunisiaca» quando scrisse che con la denuncia delle convenzioni la sorte degli italiani di Tunisi era diventata di una precarietà altamente drammatica poiché la spada di Damocle della snazionalizzazione pendeva su di loro di tre mesi in tre mesi. Appena pochi mesi dopo la denuncia la Francia richiamò il suo residente generale Alepetite che aveva espletato prima e du­ rante il periodo della guerra il suo ufficio con una certa impar­ zialità nei confronti della nostra colonia e vi mandò il senatore Flandin nostro deciso avversario e fautore di una politica di na­ turalizzazione tunisina automatica. Era evidente la tattica della Francia di far trovare l’Italia alle nuove trattative di fronte ad una situazione per noi peggiorata. Nè mai fu aliena in tutta questa azione da parte della Francia l’idea di arrivare dal protettorato all’annessione, pur non avendo gli uomini per rinnovare l’azione colonizzatrice di Roma.
  17. 17. TUNISI E L ’ ITALIA IMPERIALE 13 Tutta la letteratura francese è piena di quest’aspirazione. Sono note anche le malefatte del sen. Flandin il quale iniziò immediatamente contro gli italiani una politica odiosa con l’intento di sopprimere quelli che gli arrabbiati colonialisti francesi, i vari Saurin, Monchicourt, Morinaud, Fribourg, Soulier e soci chiama­ no gli intollerabili privilegi degli italiani, le ipoteche italiane sulla Tunisia. Già nel febbraio 1919 il nuovo Hohenlohe della passione ita­ liana in Tunisia promulgò due decreti in forza ai quali era impos­ sibile agli italiani fondare scuole private e acquistare immobili. Sicché l’agricoltore italiano venuto in Tunisia chissà già da quanti anni, che ha lavorato sodo, senza riposo per rendere fertile la terra di adozione non ha più diritto di acquistare alla sera della sua vita per i figli il terreno benedetto dal suo sudore e non può essere, anche se ha combattuto per caso a Bligny, che bestia da soma, al servizio della Francia. E le scuole? Bisogna sopprimerle tutte queste scuole italiane. Anzitutto il liceo. Georges Joutel al servizio del Residente vuole l’abolizione, per­ chè inculcando la sua lingua, i suoi usi, le sue dottrine alle giovani generazioni, «il Governo italiano apertamente persegue lo scopo di ostacolare la francesizzazione d’una colonia il cui possesso ci è sempre più indispensabile». Questa la prosa del Joutel. Questo il programma del Flandin. Il nostro governo al grido di dolore levatosi dalla colonia di Tunisi fu sordo. Tristi anni di discordie, di anarchia, di eclissi dell’italianità che solo a ricordare nasce nel cuore un rancore sordo e tanta tri­ stezza. Ma le restrizioni a questa o a quella salvaguardia dell’italia­ nità in Tunisia sono ancora poca cosa di fronte al decreto del 1921 del Presidente della Repubblica francese che, contro ogni princi­ pio di diritto internazionale, stabiliva l’assorbimento completo ed automatico di tutto l’elemento italiano. La Francia minacciata dalla reazione politica degli indigeni assommanti a quasi due milioni e mezzo, aveva fretta di assorbire gli italiani per costituire una massa europea di resistenza e di ma­ novra, agitando lo spauracchio di un pericolo per la latinità come ai tempi delle crociate. Con tale misura il problema tunisino sarebbe stato piena­ mente risolto nel senso francese.
  18. 18. 14 BRUNO COCEANI In mancanza di francesi che non vogliono andare in Tunisia malgrado le agevolezze usate per intensificare il popolamento, la Francia nuova troppo povera di popolazione e troppo imborghesita negli agii si sarebbe creata con l’esuberanza demografica italiana. Che pacchia per gli apostoli della grande Francia d’oltremare! I coloni italiani che attraverso generazioni anno reso feconda la Tunisia avrebbero dovuto divenire stranieri alla propria patria e cittadini di un paese straniero. Alta suonò allora la protesta dei rappresentanti della nostra maschia razza, irremissibilmente fermi nella volontà di difendere il loro sacro diritto e la loro dignità d’italiani. L’Italia questa volta protestò, dopodiché la Francia dichiarò che la situazione giuridica degli italiani restava regolata, fino alla conclusione di un nuovo accordo, dalla convenzione del 1896. Non è il caso di esaminare la controversia per i maltesi sorta nei confronti delPInghilterra che dopo lunga contesa si accordò con la Francia accettando la sua legge del ’23. Ma se l’Inghilterra ritenne opportuno transigere, indotta da ragioni dettate dalla necessità della sua politica mondiale, ogni transazione, da parte dell’Italia a scapito dei nostri fratelli di Tu­ nisia, era impossibile. Questa legge che, consacra il principio che l’individuo nato in Tunisia da genitori ivi nati diventa automaticamente francese, non era applicabile agli italiani continuando per noi ad aver vigore il regime delle convenzioni. Comunque è opportuno ripetere con Cesare Tumedei, con Ga­ spare Ambrosini, con Manlio Minozzi, apprezzati studiosi della questione, che la Francia, a prescindere dai particolari diritti san­ citi dalle convenzioni del ’96, non può in Tunisia che non è un pos­ sedimento coloniale bensì uno stato protetto legiferare in tema di nazionalità alterando la situazione giuridica che i nazionali dei terzi stati avevano in Tunisia al momento del riconoscimento del protettorato. A tale regime di precarietà doveva mettere fine l’accordo di Roma del gennaio 1935 concluso da Mussolini e Lavai, con l’intento di giungere alla sistemazione generale di tutti i rapporti tra Italia e Francia e alla loro cordiale collaborazione nella politica interna­ zionale. Per quanto riguarda la Tunisia era stato disposto che il diritto comune sarebbe stato applicato agli italiani, gradualmente dopo il 1945 per le professioni liberali, dopo il 1955 per le scuole, dopo il 1965 per la nazionalità.
  19. 19. TUNISI E V ITALIA IMPERIALE 15 Lo scambio delle ratifiche tra i due paesi non intervenne. Le ragioni sono evidenti. L’Italia entra in guerra con l’Abissi- nia. Ginevra s’affretta a decretare le sanzioni. Va al potere il Fron­ te popolare. La Francia è in testa alla crociata anti-italiana. I rap­ porti fra i due governi si congelano ogni giorno più. Nessuno può negare che il patto fu inficiato da questi avvenimenti. Conseguenza naturale fu che alla fine dello scorso dicembre l’Italia comu­ nicò alla Francia che considera decaduti gli accordi del 1935. Resta un punto ferm o: la Tunisia è per la Francia un protettorato, non una Colonia, una semplice occupazione, e non è detto in per­ petuità. Si aggiunga che la Francia durante i 57 anni di protetto- rato si è dimostrata incapace di agire con giustizia tra i colonizza­ tori europei e di dare pace e prosperità all’elemento indigeno, ciò che l’Italia à saputo fare invece ovunque impera. L ’Italia non può abdicare ai suoi diritti in Tunisia accumu­ latisi nei secoli e che nessun travisamento francese può modificare. Hummel e Siewert nel loro volume sul Mediterraneo afferma­ no che la situazione geopolitica vieta all’Italia di rinunciare alla Tunisia. Secondo i due scrittori tedeschi le concessioni sullo statuto degli italiani fatte da Mussolini a Lavai non furono che una misura tattica di carattere provvisorio. Certo è che la questione tunisina non può essere isolata dal quadro complessivo delle nostre relazioni con la Francia e dalla situazione nel Mediterraneo e che una revisione di questa situazio­ ne si impone. La delusione provocata in Italia dal contegno della Società delle Nazioni sconvolse la situazione politica nell’Europa e parti­ colarmente nel Mediterraneo. Non c’è dubbio che le nostre esigenze in questo mare sono di­ verse da quelle di un giorno. Il Mediterraneo è divenuto finalmente l’elemento essenziale della nostra esistenza. Per l’Italia è la vita. Discorso di Mussolini a Milano nel ’36. Le nazioni europee non possono non tener conto dei legittimi bisogni della nuova Italia, in continua ascesa demografica, costretta a cercare nuove terre di popolamento e le necessarie materie pri­ me per la sua gente. Non si dimentichi che l’Italia deve essere ri­ sarcita ancora delle promesse scaturite dai trattati di Londra e di San Giovanni di Moriana. Non facile questa lotta contro le tradizioni storiche e contro i sistemi degli interessi economici degli altri paesi. In questa lotta a fianco nostro, solidale sta la Germania.
  20. 20. 16 BRUNO COCEANI L’Inghilterra si è resa ragione di questi nostri interessi vitali. Solo la Francia resta assente alla nuova politica di assetto medi- terraneo. Ma la questione di Tunisi potrà essere risolta integralmente solo in armonia con la nuova politica che ebbe inizio a Monaco. Nè ànno piena fiducia gli italiani di Tunisi e con essi gli ita­ liani di tutto il mondo poiché l’Italia non è più quella di Adua, è l’Italia imperiale di Benito Mussolini. BRUNO COCEANI
  21. 21. TRIESTE E I RAPPORTI COMMERCIALI CON TUNISI i. Mentre la stampa nazionale rivendica i tradizionali diritti ita­ liani su terre mediterranee, fecondate ed abitate da Italiani, è in­ teressante osservare in qual misura Trieste partecipi al movimento economico-commerciale delle regioni considerate, e come il nostro porto sia vincolato da ottimi rapporti marittimo-finanziari. Prima di esaminare le tradizionali relazioni mercantili fra Trieste e la Tunisia diamo uno sguardo alla posizione geo-econo­ mica di questa terra, così importante sotto molti aspetti. La Tunisia, sotto il punto di vista geografico, è il ponte di col- legamento fra l’Atlante africano e la Sicilia, ma è nello stesso tem­ po un elemento geografico che congiunge il blocco dell’Africa bianca francese alla Libia. E’ — dunque — la Tunisia una terra di tran­ sizione, che presenta caratteristiche simili alle zone limitrofe. Nella Tunisia terminano le ultime propaggini della catena del- l’Atlante, mentre verso il sud la massa desertica sahariana, attra­ verso la zona degli sciotts, raggiunge il mare. La configurazione fisica della regione è — dunque — molto complessa, e tale complessità si ripercuote sulla vita economica e sulla vita etnica. Ad aree spesso desertiche si contrappongono set­ tori fertili e ben irrigati, a zone montuose dislocate ed aride fanno riscontro vallate preziose, ricche d’acque e di poderi. Questa tor­ mentata faccia esterna ha costretto i coloni a compiere dei veri mi­ racoli per adattarsi al terreno e per inserirsi nel quadro geoprodut­ tivo della regione. Certe facilità d’accesso verso l’interno erano com­ pensate da difficili strati dunosi e desertici, da «sebche» salate e da boscaglie spinose. Eppure i coloni italiani hanno saputo, in un centennio, ridurre gli ostacoli, abbattere pregiudizi, trovare le ac­ que freatiche e captarle, costringere i spesso riottosi abitanti arabo­ berberi a collaborare nell’opera di trasformazione agraria.
  22. 22. 18 Prof. DANTE LUNDER TAV.A. LA f UNZIONE •GtOCOMM£/)C/Al£ •DLUA TUMS/A /NPAPPODTÖ •AIL’EJPANS/QNL CQMMiOCIALt-//V4= L/ANA •N £ IL 'AFP/C A ■B IA N C A • La Tunisia raccoglie le ultime acque del nodo montuoso atlan­ tico e le smista verso il golfo di Gabres e verso la pianura costiera settentrionale, chiamata «Teli». La ricchezza della falda acquifera ha determinato il sorgere di un’importante agricoltura, che ha, nel­ l’interno il carattere di «aridocoltura» e che sulla costa si manifesta sotto forma di coltura irrigua e umida. La distribuzione dei com ­ piti fra l’aridocoltura e l’agronomia irrigua è stata lentamente fis­ sata dalla massa colonica italiana che, adattandosi rapidamente ai poderi, ha cercato di distinguere e di scegliere i tipi vegetali più adatti per la configurazione geografica della Tunisia.
  23. 23. TRIESTE E I RAPPORTI COMMERCIALI CON TUNISI 19 L’olivo, la vite, l’agrume e l’ortofrutticolo sono gli esponenti di questo adattamento ambientale, cbe sagacemente operato dagli Italiani, ha contribuito in modo decisivo ad accrescere la potenza economica della Reggenza. Questi prodotti, similari a quelli del vicino bacino produttivo siculo-calabro-sardo, hanno orientato in buona parte i traffici agri­ coli verso la Francia, mancante e difettante di questi prodotti. Ecco perciò che molte aziende agricole italiane in Tunisia hanno svilup­ pato i loro traffici d’esportazione verso Marsiglia, mentre nel con­ sumo di manufatti hanno preferito rivolgersi ai mercati fratelli. Si è costituita così una speciale diversità di correnti di traffico: una corrente in uscita rivolta di preferenza verso la Francia, com ­ posta di prodotti agricoli e da materie prime d’origine animale, mentre una seconda corrente riguarda l’entrata ed è data da pro­ dotti alimentari di consumo e da prodotti industriali finiti. In questo secondo campo la posizione dei prodotti italiani è ottima. Nei primi 11 mesi del 1938 le relazioni commerciali fra l’Italia e la Tunisia ebbero il seguente rilievo statistico: Importazioni dalla Tunisia: P e s c i .............................. Olio oliva . . . . Rottami ferro . Pietre, terre, minerali . Pelli crude . . . . Altre merci . . . . In totale importazioni Esportazioni verso la Tunisia: Carni preparate . . F orm a g g i....................... Ortaggi freschi . . . Frutta secche . . . . Conserva pom odori . . Manufatti lino, canapa . Manufatti cotone . . . Filati di cotone . . Tessuti di cotone . Macchine e apparecchi . Marmo ed alabastro . Prodotti chimici . . . Lire 1.062.000 » 31.237.000 » 1.827.000 » 29.140.000 » 464.000 » 1.853.000 Lire 65.583.000 Lire 228.000 300.000 163.000 1.008.000 961.000 1.317.000 427.000 356.000 545.000 1.405.000 861.000 740.000
  24. 24. 20 Prof. DANTE LUNDER Preparati farmaceutici Lire 381.000 Libri s ta m p a ti............................. » 272.000 In totale esportazione . . . . Lire 13.892.000 Come si osserva, le importazioni sono quasi cinque volte mag­ giori delle esportazioni, e ciò denota uno squilibrio nei traffici italo- tunisini, che si risolve in un nostro danno. Mentre la politica do­ ganale francese favorisce l’esportazione tunisina, blocca, con dispo­ sizioni restrittive, la corrente di entrata, non permettendo alla clas­ se italiana di rifornirsi di prodotti nazionali. Comunque, esami­ nando le voci delle esportazioni italiane in Tunisia, si notano quei prodotti che vanno direttamente a rifornire i consumi dei conna­ zionali. Le voci «formaggi, conserve di pomodoro, prodotti chimici, il marmo, i prodotti farmaceutici e i libri stampati» sono l’indice di questo assorbimento da parte dei connazionali. Essi, inoltre,- fanno conoscere i nostri prodotti alla massa indigena la quale si orienta ben volentieri verso gli stessi, trascurando il rifornimento francese. La Tunisia è per l’Italia anche un mercato di rifornimento di vasta importanza, per quanto l’attuale cifra di traffico dimostri l’irrigidimento di qualche corrente. Noi traiamo dalla Tunisia: pe­ sci, olio, pietre e minerali vari, fra i quali i fosfati nativi. Vaste pos­ sibilità vi sono per un aumento del traffico italo-tunisino, specie se consideriamo la poderosa massa di oltre 100.000 connazionali, di­ sposti a dar netta preferenza ai prodotti della penisola. Però gli ostacoli frapposti dalle autorità francesi hanno ridotto — al­ meno per adesso — i fattori di sviluppo. E’ bene però che i nostri esportatori non trascurino la Tunisia ma intensifichino gli sforzi, appoggiandosi alle ottime aziende ita­ liane, perchè la Tunisia, data la sua brillante posizione geografica, è un importante mercato di smistamento di prodotti industriali. La Tunisia, nell'ultimo trentennio, ha compiuto progressi no­ tevoli in tutti i campi dell’economia, e quindi — ripetiamo per più di una volta — viene ad essere un vitale mercato per l’inoltro dei prodotti verso il bacino sahariano. La posizione geografica della Reggenza è particolarmente adatta a tale bisogna. Se osserviamo la cartina, annessa a tale lavoro, notiamo, in­ fatti, quali sono le «linee economiche» che partono dalla costiera tunisina verso l’interno, e come tali linee si sviluppino in collabo- razione con le arterie che si snodano da Tripoli. I nostri prodotti inoltrati dalle aziende dei nostri connazionali potrebbero penetrare fino al cuore del Sahara, di quel Sahara che oggi, sotto la spinta
  25. 25. TRIESTE E I RAPPORTI COMMERCIALI CON TUNISI 21 della espansione politica fascista in Libia, sta lentamente orien­ tando le sue simpatie verso i nostri mercati e i nostri commercianti. II. Le relazioni commerciali fra Trieste e la Reggenza di Tunisi sono state sempre improntate a massima cordialità, anche per il fatto che parecchi concittadini possiedono ditte e aziende commer­ ciali in Tunisi e che fra il nostro porto e quello di Tunisi ci sono, se non ottime, ma almeno pratiche linee mercantili. Anteguerra e nell’immediato dopoguerra notevolissimo era il traffico triestino­ tunisino, soprattutto perchè nella Reggenza erano cominciati gran­ di lavori pubblici e sviluppi notevoli della colonizzazione. TAV-6 So • AA/IA QO/NT. ¥0 - 30 ■ 0 12,5-000 i M P o m z i Q N i - a ■r o i s s n ■ MILA- TVNI1IA ■76000 Q o r r a m /. o / f ie o Q Q ,36.000 CSPOQTAZ/ONS o / m i I I 30 5/ 31 33 3* 35 M O V / M f n r o ■O 'e iP O Q o 'a e u o 36 37 38 La tabella seguente indica i valori del traffico e il relativo an­ damento dal 1923 ad oggi: Traffici con la Tunisia Arrivi Partenze Totale 1923 23.865 31.120 269.770 24 201.490 36.090 237.580 25 214.360 39.060 253.420 26 23.590 8.720 32.310 27 5.580 24.050 29.630 28 32.470 24.140 56.610
  26. 26. 22 P rof. DANTE LUNDER 29 15.250 42.640 57.890 30 28.740 63.590 92.330 31 26.890 36.630 63.520 32 43.620 32.310 75.930 33 49.900 13.810 63.710 34 20.400 13.760 34.160 35 24.309 9.536 33.845 36 1.868 7.450 9.318 37 37.424 9.229 46.653 38 1.605 7.170 (primi 10 mesi) Esaminando l’andamento quantitativo del traffico notiamo que­ sti periodi: a) periodo di traffico intenso: triennio 1923-25; media 250.000 quintali. Durante tale spazio di tempo numerosi carichi (di fosfati nativi, di sale industriale, di rottami di ferro e di pelli sono assor­ biti da Trieste e dal suo retroterra. b) periodo di stasi completa: biennio 1926-27; media 31.000 quintali. Gli arrivi dalla,Tunisia cadono a cifre minime: il sale, una volta importato in grandi quantità dalla Solvay di Monfalcone, vie­ ne ritirato da altre provenienze, anziché da Sfax o da Tunisi. Le partenze mantengono ancora una piccola punta di intensità nel 1927, rispetto il periodo 1923-25. c) periodo dell’ascesa: 1927-28: media 57.000 quintali. d) periodo di calma, con tendenza all’aumento però nel qua­ driennio 1930-1933. La punta massima, dopo il traffico intenso del 1923-25, ritornò nel 1936, con un fortissimo aumento nelle esporta­ zioni da Trieste verso Tunisi. e) periodo attuale con tendenza varia: il mercato triestino cerca di ricuperare certe posizioni perdute durante le sanzioni, riu­ scendovi nel 1937. Anzi la cifra raggiunta nel 1937 supera quella del periodo di stasi del biennio 1926-27. Nei primi 11 mesi del 1938 la caduta del traffico è stata veramente forte, raggiungendo la stessa intensità del 1936, anno centrale del periodo sanzionista. III. Esaminiamo ora le principali voci che interessano il traffico triestino nei riguardi della Reggenza. Incominciamo dalla voce che maggiormente ha influito sulla bilancia commerciale, e cioè, con i «fosfati nativi».
  27. 27. TRIESTE E I RAPPORTI COMMERCIALI CON TUNISI 23 A) FOSFATI: La tabella seguente indica i valori: 25 . . . 11.500 26 . . . 17.000 27 . . 28 . . . 32.000 29 . . . 13.500 30 . . . 26.500 31 . . . 26.800 32 . . . 43.300 33 . . . 49.800 34 . . . 20.320 37 . . 38 . . •TDAFFICOTDIBTINO-TVNIINO,;„c 90.0 CO­ SO - 70 60 • 50 ■ VO - SO - ¿a IO quintali 26 27 28 29 3 0 3 / 52 35 34 35 36 57 Gli arrivi di fosfati nativi si sono succeduti con notevoli irre­ golarità attraverso l’ultimo decennio e si sono addirittura arrestati nel biennio scorso. Gli Stati danubiani, larghi consumatori del pro­ dotto di Sfax, hanno terminato — almeno per ora crediamo — il loro rifornimento, forse per ragioni valutarie, ma più precisamente per la concorrenza germanica in fatto di concimi artificiali. Dopo un periodo di stasi (1925-26), successe l’anno vuoto, 1927, e quindi
  28. 28. 24 P rof. DANTE LUNDER la ripresa, con 32.000 quintali. Dopo una pausa, nel 1929, si ebbe un confortante aumento fino al 1933, nel quale anno si raggiunse il mas­ simo del transito di fosfati attraverso il nostro porto, con quasi 50.000 quintali. Si ebbe poi la caduta del 1934 con 20.320 qt. e quindi — dopo il periodo sanzionista —- il biennio d’assoluto riposo. Si spera che questo traffico possa riprendere, specie dopo che i paesi danu­ biani avranno raggiunto un equilibrio più durevole di quello attuale. B) ORZO. [ '"!*] La Tunisia, larga produttrice di orzo, ha una buona esporta­ zione di questo cereale verso l’Europa mediterranea. Seppure i paesi gravitanti su Trieste fossero ben forniti, pure vi fu ■— in un certo tempo — una corrente di traffici d’orzo verso il nostro porto, cor­ rente che poi si esaurì completamente. Eccone i valori per il periodo 1930-34, nel quale si manifestò tale traffico: 1930 . . . . 660 qt. 31 . . . . 310 » 32 . . . . 1860 » 33 . . . . 1860 » 34 . . . . 1280 » C) VINO. Fino al 1927 la Tunisia spedì a Trieste pure un quantitativo notevole di vino, che raggiunse anche i 5000 qt. annui. Si trattava di vino duro da taglio che veniva elaborato a Trieste e raramente spedito grezzo all’estero. Tale lavorazione è terminata nel 1927. D) il 1937 fu un’annata veramente buona per gli arrivi dalla Tu­ nisia alla quale però seguì il periodo «vuoto» del 1938. Le princi­ pali voci in arrivo nel 1937 furono: Arrivi dalla Tunisia: 1937 Olio al s o lfu r o ............................... 125 qt. T appeti.............................................. 100 » Rottami di ferro, acciaio, ghisa 36.246 » Pelli crude, fresche e secche . . 855 » Ossa greggie..................................... 56 » Queste correnti d’arrivo si discostano intieramente dalle tra­ dizionali voci del traffico e rappresentano, quasi, un indice eccezio­ nale. I fosfati hanno perduto interamente quota, mentre i rottami di ferro e ghisa vennero a rimpiazzarli, attratti dalle nostre acciaie­ rie. Pelli e tappeti vennero diretti verso il bacino danubiano. E’ un fatto però notevole quello che il traffico con Tunisi si sia rivolto anche ad altri articoli, dimostrando la possibilità del transito triesti-
  29. 29. TRIESTE E I RAPPORTI COMMERCIALI CON TUNISI 25 no. Molti prodotti possono essere indirizzati verso l’Europa di mezzo qualora questa riesca a porsi in condizioni economiche efficienti ed allora Trieste potrà assecondare le esportazioni tunisine. IV. Procediamo ora all’esame delle spedizioni via Trieste. Come è dato possibile di osservare dalla tabella del movimento generale, il movimeno in uscita da Trieste è stato — a partire dal 1932 — sempre inferiore agli arrivi dalla Tunisia. Nel 1938, invece, l’espor­ tazione ha mantenuto un buon margine di superiorità rispetto la importazione. Esaminiamo le principali voci. A) LEGNAMI. Questo prodotto rappresenta la controcorrente dei fosfati. E cioè la base del movimento d’uscita verso Tunisi. Potremo meglio dire che era la base, poiché dopo il 1933 il traffico è completamente caduto, fino a ridursi a irrisori 91 qt. nel 1937. Ecco la tabella rela­ tiva al movimento di questo prodotto: Esportazione legname segato, squadrato e vario verso la Tunisìa: 1923 . . . . 20.560 qt. 24 . . . . 18.850 )> 25 . , . . 26.990 » 26 . . . . 1.030 » 27 . . . . 11.720 » 28 . . . . 14.110 » 29 . . . . 24.940 » 30 . . . . 48.420 » 31 . . . . 23.220 » 32 . . . . 19.370 » 33 . . . . 1.660 » 34 . . . . 400 » 35 . . . . stasi 36 . . » 37 . . . . 91 » La importanza del legname nel quadro generale dell’esporta­ zione verso la Reggenza è data da questi valori percentuali: 1923 . . . . 66% 1924 . . . . 48 » 1925 . . . . 69»
  30. 30. 26 P rof. DANTE LUNDER 1926 . . . 11% 1927 . . . 49» 1928 . . . 58» 1929 . . . 59» 1930 . . . 76 » 1931 . . . 39» 1932 . . . 59 » 1933 . . . 11» 1934 . . . 3 » 1937 . . . 1,4% Il legname rappresentò fino al 1925 più del 50% della totale esportazione verso Tunisi, nel 1928 vi fu una stasi derivante da scarsi acquisti all’estero da parte degli industriali tunisini. Successivamen­ te il legname aumentò la sua percentuale fino al 76% nel 1930, per decadere lentamente dapprima e velocemente poi, riducendosi, nel 1937, ad appena l’1.4% della nostra esportazione. I porti jugoslavi, invece, hanno progressivamente aumentato la loro quota, sottraen­ do a Trieste l’intero traffico del legname verso la destinazione esa­ minata. Questa sostituzione jugoslava si è verificata del resto in molte destinazioni, ed è legittimata dalla politica tariffaria delle ferrovie del vicino regno, tendente a far gravitare i prodotti nazionali verso i porti dalmatici. Spesso, anzi, anche il legname austriaco riusciva a prendere la via dalmatica. Sarà difficile che tale traffico riottenga l’importanza che aveva un tempo ed è sperabile perciò che nuove correnti lo rimpiazzino. B) LAVORI IN FERRO. Pur dimostrando una tendenza sempre più debole, i lavori in ferro hanno sempre interessato la Tunisia, e logicamente i due altri mercati nord-africani. Le spedizioni da Trieste a Tunisi ammontarono come segue: 1926 . . . . 797 qt. 27 . . . . 752 » 28 . . . . 958 » 29 . . . . 3201 » 30 . . . . 3056 » 31 . . . . 2413 » 32 . . . . 1863 » 33 . . . . 1855 » 34 . . . . 1284 » 37 . . . . 1685 »
  31. 31. TRIESTE E I RAPPORTI COMMERCIALI CON TUNISI 27 Generalmente la Reggenza preleva dal nostro porto: ferro e acciaio in barre (21 qt.) ; tubi (29 qt.) ; chiodi e bulloni (192 qt.) ; utensili e vasellame per uso domestico (861 qt.) ; lavori in ferro, ghisa ed acciaio di varie specie (577 qt.). In complesso il movimento, pur oscillando fortemente, dimostra una tendenza a permanere e ad aumentare. C) CERAMICHE. Anche i prodotti di ceramica, i vasellami ed i cristalli interes­ sano i traffici triestino-tunisini. Il nostro porto è — in questi pro­ dotti — un ottimo intermediario, appunto per la buona linea quin­ dicinale della Tripcovich, che gestisce con inappuntabilità il ser­ vizio fra noi e Tunisi. Le spedizioni, pur essendo cadute del 50% ri­ spetto il 1929, dimostrano sempre una buona vitalità, e riguardano prodotti austro-cecoslovacchi. Esportazione di ceramiche: 1929 . . . . 2460 qt. 1930 . . . . 2390 » 1931 . . . . 1977 » 1932 . . . . 1560 » 1933 . . . . 1250 » 1934 . . . . 1157 » 1937 . . . . 1119 » D) CARTA E CARTONI. Questo traffico ha lentamente perduto la sua importanza. I prodotti germanici e cecoslovacchi hanno preso la via di Amburgo, mentre l’esportazione francese ha cercato di eliminare, via via, i prodotti esteri. Dai 5425 qt. esportati nel 1929, si è giunti ai 2169 quintali nel 1930 e quindi, dopo brusche oscillazioni, ai 103 qt. attuali. E) VETRI E CRISTALLI. Tale mercato si è mantenuto abbastanza attivo, pur subendo, ri­ spetto al 1929, una caduta del 60%. Fino al 1934 le partenze si sono mantenute sopra i 1000 qt., discendendo poi a meno di 600. Oggi ammontano a 580 qt. F) ALTRI PRODOTTI. Esaminando, in particolare, le cifre dell’ultimo biennio notia­ mo alcuni prodotti che hanno interessato il commercio tunisino. Così il caffè, che è stato spedito nella misura di 282 qt. (1937) ; il
  32. 32. 28 Prof. DANTE LUNDER M O V IM E N T O - Ù V O A N U Í L - / 0 5 7 M V . D . ß C T T A M / Ù/ fe ñ fíO ■ 3<ò-2«<ò OU P t L U » 5 5 OL/O .AL SOLfUO TAPPST/ A O D / V / CM/SA FSOCiOACCIAIO C IM A LI LtG V M I' C£ QAM/CHS v tro i. m u t a l l i MACCHINE P A O T L N IE C O LO N IA LI ai/ 600 pimento e i peperoni rossi per 195 qt.; l’orzo tallito per 517 qt. (stra­ na la corrente di orzo che ha cambiato rotta: prima l’orzo indu­ striale arrivava dalla Tunisia ed era diretto alle nostre fabbriche e all’interno, oggi la corrente si è invertita) ; fagiuoli secchi per quasi 1000 qt. (la produzione dei legumi è scarsissima in Tunisia). Buoni sono gl’inoltri verso Tunisi di agli e cipolle, di cordami, spa­ ghi, tessuti di cotone, tessuti di lana, crine, calze, maglierie, mac­ chine ecc. Abbiamo esaminato esaurientemente i caratteri del traffico del nostro porto col protettorato francese. Abbiamo visto come cer­ te correnti si sono affievolite e come al loro posto si siano formati altri traffici. Un po’ di stanchezza si nota nel movimento di questi ultimi anni anche per ragioni valutarie, soprattutto perchè i paesi danubiani hanno difficoltà di ottenere valuta. Comunque il traffico ha resistito all’ondata di crisi, e ciò è dovuto sia alla classe mer­ cantile triestina sempre presente nell’attuare la sua funzione inter­ mediaria, quanto alla società di navigazione «Tripcovich», che, con la linea bimensile Trieste-Africa Francese del Nord, mantiene rapidi collegamenti fra il bacino danubiano e i territori dell’Africa
  33. 33. TRIESTE E 1 RAPPORTI COMMERCIALI CON TUNISI 29 bianca. Un maggior affiatamento fra i nostri commercianti e i con­ nazionali di Tunisi, Sfax, Sousse e Gabes riescirà di maggior van­ taggio per i traffici nella direzione Adriatico-Reggenza. Prof. DANTE LUNDER
  34. 34. LA LINGUA DI UNO SCRITTORE TRIESTINO E LA LINGUA DEI TRIESTINI Da quando s’è aperta la novissima campagna per la «difesa della razza», è logico porsi il quesito: — ed ora, degli scrittori ebrei, che ne facciam o? Fino ad ora, s’includevano nella storia della letteratura ita­ liana, segnandone la relativa provenienza semitica, ma senza darci gran peso, talvolta anzi senza dargliene alcuno (e forse tacendo ad­ dirittura la provenienza.) Ma d’ora in poi, che si farà? Verranno ignorati senz’altro oppure si raccoglieranno in un capitolo a parte? Ogni lingua ha il suo gergo ebraico, che interessa i glottologi per le curiose e strane combinazioni e neoformazioni cui dà origine. Ogni letteratura ha il suo capitolo di storia «com­ parata», dove, cioè, si studiano i reciproci rapporti e le reciproche influenze fra le singole nazioni nel campo delle lettere e della cul­ tura. E poiché un principio metodologico nella storiografìa e nella critica letteraria è necessario, o per lo meno è utile, così sarà me­ glio attenersi alla seconda soluzione da me affacciata: raccogliamo sistematicamente, e con maggior precisazione di dati che non ab­ biamo fatto sin ora, in un capitolo a sè, della storia letteraria ita­ liana, gli scrittori ebrei. Servirà non solo per la curiosità disinteres­ sata degli studiosi e per la completezza delle nostre cognizioni, ma anche agli effetti pratici di quella «discriminazione» ch’è prevista nella legge sulla «difesa della razza»: risulterà da un più accurato esame, fino a che punto si sia verificata, come alcuni affermano, l’assimilazione degli ebrei da parte degl’italiani, o se questa, come altri invece sostengono, non sia mai esistita. Discussioni, afferma­ zioni, denegazioni, precisazioni e limitazioni avranno una base og­ gettiva e concreta cui riferirsi: gioverà a tutti poter constatare in qual maniera e in qual misura gl’italiani hanno influito sugli ebrei e gli ebrei sugl’italiani. Molti sono gli scrittori ebrei nati o vissuti a Trieste, fattisi cre­ dere o lasciatisi credere o — più semplicemente — creduti triestini. Parteciparono, attivamente o passivamente, alla vita della popola­
  35. 35. La lingua di uno scrittore triestino e la lingua dei triestini 31 zione italiana e scrissero in italiano. Chi volesse compilare la storia «integrale» della cultura triestina non potrebbe prescindere da Iqro: prescindendone, eliminerebbe forse una delle più notevoli sue ca­ ratteristiche, l’apporto o il contributo (positivo o negativo, resta a vedersi) degli ebrei. E’ uno studio che andrebbe esteso anche a tutte le altre nazioni le cui pattuglie avanzate finirono con l’inse­ rirsi stabilmente nella popolazione indigena di Trieste: tra gli allo­ geni immigrati, tedeschi, slavi, greci, francesi ecc. ecc. sono signi­ ficantissimi casi d’incroci e relazioni con la cultura italiana. E que­ sto «censimento» letterario bisognerà pur farlo una volta o l’altra (1). Giacomo Devoto, nella rivista Letteratura di Firenze (ottobre 1938), dà — senza programmatiche intenzioni, credo, — l’avvio a questo genere di studi con un saggio sopra Le correzioni di Italo Svevo. E’ un’indagine acuta e minuziosa sopra le modificazioni in­ trodotte da Italo Svevo nel testo del suo romanzo «Senilità» (edi­ zione 1927), per «correggerne» la lingua, che gli era stata tanto tar­ tassata dai critici. Nel corso della indagine il Devoto cita anche un mio articolo, comparso nel Corriere Emiliano di Parma (7 luglio 1928: Italo Svevo), ma lo cita in questo m odo: «Dire con F. Pasini che la revi­ sione di Senilità è stata attenta e coscienziosa da disgradarne il De Amicis è cosa falsa, se ci mettiamo (come il nome di De Amicis fa ritenere) dal punto di vista della lingua italiana corrente. Pro­ prio per le sue unilateralità e le sue deficienze la revisione di Svevo riesce istruttiva». Le cose veramente non istanno così. Nel mio articolo io avevo scritto: Italo Svevo «ha ripubblicato il suo romanzo (S enilità)... con qualche ritocco meramente formale, come dice la prefazione, (1) Qualche cosa di simile o di analogo a quello che propongo io leggo ora ne La difesa della razza (Roma, 20 genn. 1939-XVII, pag. 46: «Il lavoro culturale ebraico»). Vi si propone di suggerire alla direzione dell’&jci'cio- pedia Italiana l’idea di notare (nel volume d’appe'ndice o nei supplem enti successivi) «l’origine ebraica» accanto al nome delle persone (ebree), alle quali sono dedicate «voci» deW E nciclopedia. «Tutto ciò avrebbe un’impronta ben scientifica, perchè si comprenderebbero meglio molti orientamenti della cultura e dell’arte». Egregiamente! La stessa proposta è fatta anche per il Chi è? del Formiggini, cioè di segnarvi gli ebrei «almeno, con un asterisco». «Escluderli» sarebbe un elu­ dere o un illudere: i fatti bisogna conoscerli e segnalarli, non tacerli, se non si vuol far la politica dello struzzo.
  36. 36. 32 FERDINANDO PASINI ma in realtà, dopo una revisione attenta e coscienziosa, da disgra­ darne il De Amicis e tutta la sua paura di Giuseppe, che tanto po­ teva perfino su di lui!» La frase «da disgradarne il De Amicis» non si riferiva alla com ­ petenza del De Amicis in fatto di lingua italiana, ma a quella fo ­ bia della critica di cui egli parla argutamente ne L’Idioma gentile, (Milano, 1912, pag. 312), e che gli faceva rinunciare anche a quella «libertà di parola» che avrebbe potuto tranquillamente permettersi. Ne addita più d’un caso il Devoto stesso. Il De Amicis non si permetteva gli «ardiri», ma lo Svevo si vietava perfino le forme più ovviamente legittime, «solo per dare» — come si esprime il Devoto — «una sodisfazione a giudici arbitrari o insufficienti.» An­ zi il Devoto concede assai più: «il carattere dominante delle corre­ zioni di Svevo» sono «la rassegnazione, la non-convinzione, dicia­ mo pure la mancanza di sincerità.» E conclude addirittura: «Svevo si è adattato a correggere per ragioni di opportunità come lo sco­ laro che si vede restituire un componimento per liberarlo di alcuni errori e non è grato del favore e corregge, corregge molto per ub­ bidienza, ma in casi insignificanti, senza coerenza». Quello che il Devoto viene a definire come una pedanteria pri­ va di convinzione io intendevo dire per l’appunto con attenzione e coscienziosità esagerata, o scrupolosità, nello sforzo di conformarsi alle esigenze altrui. Che c’entra la competenza in fatto di lingua e perchè avrei detto «cosa falsa»? Ma il Devoto torna a «beccarmi» più in là, con quest’altra ammonizione: — «La difesa della lingua di Svevo fatta da Fer­ dinando Pasini (nell’articolo citato) è ingenua. In Italia scrittori che „scrivano bene” ne abbiamo da buttar via. Ricchezza di voca­ bolario, impeccabilità grammaticale, veneri stilistiche, ricerche di effetti coloristici e musicali, ogni pagina lavorata come se dovesse entrare fra gli esempi insigni dei manuali di retorica, ad ogni quat­ tro linee di narrazione o d’analisi psicologica una parentesi de­ scrittiva o lirica piena di bravure e di preziosità, tutto questo ed altro voi trovate in qualunque dei nostri romanzieri e novellieri: solo non vi riesce di metterne insieme una decina che vi costruisca libri forniti delle doti artistiche più essenziali... Nessuno può so­ stenere che tutte queste cose manchino con DANNO [il maiuscoletto è del Devoto] della prosa di Svevo». Non m’è chiaro il pensiero di quest’ultimo periodo e, soprat­ tutto, non intuisco il significato speciale di quel maiuscoletto della parola danno. Mi par tuttavia di poter affermare che anche sta­ volta il Devoto ha avuto troppa furia di darmi torto.
  37. 37. La lingua di uno scrittore triestino e la lingua dei triestini 33 Di fare una «difesa della lingua» di Svevo non mi è mai pas­ sata per la mente l’intenzione. La lingua di Svevo è ... quello che è. Non la lingua ho voluto difendere, ma l’arte di Svevo. Ho voluto di­ fendere l’arte di Svevo da tutti coloro che, adombrandosi per le sue defìcenze linguistiche, non tenevano in nessun conto i pregi della co- struttura e dell’esecuzione, cioè dell’insieme e dei particolari del­ l’opera narrativa, considerata da altri punti di vista, non da quello unico e solo della lingua (1). E poiché questa storia della lingua mi sembrava in alcuni una schizzinosità voluta, un «pretesto» per rifiutarsi a riconoscere nello Svevo un artista di prim’ordine, ripubblicai il mio articolo del Corriere Emiliano con qualche ri­ tocco e col titolo più esplicativo di Italo Svevo ossia della invidia letteraria («Trentino», Trento, agosto 1928). Per la stessa ragione avevo dato il consiglio allo Svevo di far tradurre i suoi romanzi in francese, perchè così sarebbe stata eli­ minata la questione della lingua e, dovendo i critici concentrare tutta la loro attenzione sopra gli altri meriti (formali ed intrinseci) dell’opera d’arte, egli avrebbe avuto più facilmente causa vinta. Se questa è ingenuità, me ne consolo senza fatica, essendoci caduto insieme con Gabriele d’Annunzio, il quale, a proposito di Antonio Fogazzaro (ebbe anche lui i suoi censori per il malo uso della lin­ gua), sentenziava: «è consigliabile giudicarlo nella traduzione fran­ cese. Il buon Hérelle ha saputo dargli quella purezza che gli manca». (Cfr. TOM ANTONGINI, Vita segreta di Gabriele d’Annunzio, Mi­ lano, Mondadori, 1938, pag. 120). Fatte queste due riserve, che mi riguardavano personalmente, io non ho che da compiacermi per lo studio di Giacomo Devoto. La lingua di Italo Svevo, ripeto, è quello che è. Non va difesa, ma studiata. Studiata tenendo bene distinta la lingua dallo stile o, co­ me vuole Giulio Bertoni, lingua da linguaggio. Non confondiamo quello che va assegnato alla grammatica e al lessico con quello che va assegnato all’arte retorica. (1) La questione ch’io facevo allora, mirando soprattutto alle bellùrie, di grande ostentazione ma di corto fiato, dei «calligrafisti», la vedo rinfre­ scata ora da Gino Saviotti nel M eridiano di Rom a (4 dicembre 1938: Pano­ ram a letterario dell’Italia d’oggi, Il rom an zo: «gli scrittori italiani, troppo scrittori, non sanno fare il romanzo completamente romanzo»). «Troppo scrittori» . . .
  38. 38. 34 FERDINANDO PASINI Isidoro Reggio, «amico e ammiratore di Svevo e un po’ suo parente», fece un giorno a Silvio Benco questa confidenza: «Quel benedetto uomo di suo padre aveva il pregiudizio degli istituti di educazione germanica. Mandò il ragazzo in Germania, e gli legò questo piombo dell’espressione lenta, impropria, contorta». (S. BEN­ CO, Italo Svevo, in «Pègaso», Firenze, genn. 1929, pag. 49). Era il caso tipico di quelle famiglie triestine che mandavano i propri figli nelle scuole tedesche dello Stato: ve n’erano anche d’italiane (sparuta minoranza in confronto della maggioranza as­ soluta che preferiva le scuole italiane mantenute con immensi sa­ crifìci dal Comune di Trieste). Obbedivano al «pregiudizio» della superiorità culturale germanica o ai calcoli di un gretto utilitarismo : e frattanto avvincevano al piede dei loro figlioli quel «piombo» della lingua ibrida e informe, dal quale non sarebbero poi riusciti a li­ berarsi completamente in tutta la vita. Lo sbaglio commesso dal padre di Italo Svevo, che volle edu­ care suo figlio addirittura in iscuole della Germania, diede natu­ ralmente conseguenze ancor più disastrose: fu una barriera op­ posta all’assimilazione dell’elemento semitico ereditario da parte dell’ambiente italiano, e la compiutezza del futuro scrittore ne ri­ mase irrimediabilmente compromessa. Con tutto ciò, non possiamo negare allo Svevo un suo proprio stile o linguaggio. «Egli era», — spiega una felice similitudine del Benco, — «uno di quei pittori che, in mancanza di pennelli, dipin­ gono con quello che hanno a mano: qua con una piuma, e là con una scheggia di legno, con una punta di vetro»: insomma, un pit­ tore dimostrava di esserlo. Sottoporre la lingua dello Svevo a una severissima inquisi­ zione per appuntarne tutte le defìcenze e ricostuirne un testo «ri­ veduto e corretto», sarebbe un’impresa improba, oziosa ed assurda, come sarebbe dar la caccia nel Cellini e nel Goldoni a tutte Je tare grammaticali e alle impurità idiomatiche per farne poi un’edizione «espurgata e migliorata», ineccepibile al cospetto de’ più ineso­ rabili cruscanti, e — peggio — con l’illusione di averla «resa più bella». (Questa sì che sarebbe «ingenuità»!) Il primo a soffrire delle sue defìcenze fu lo stesso Italo Svevo. «Svevo ha sofferto della grande difficoltà a esprimersi corretta- mente che fa soffrire i triestini», dice il Devoto, preludendo al suo studio. Su questo bisogna intendersi. Se i triestini avessero in generale la medesima difficoltà ad esprimersi correttamente ch’eb­ be lo Svevo, non si sarebbero accorti delle sue defìcenze e non ne lo avrebbero fatto soffrire com ’egli ne soffex*se. Fu invece la «pas­
  39. 39. La lingua di uno scrittore triestino e la lingua dei triestini 35 sione per la lingua» quella che indusse i triestini ad accusare su­ bito lo Svevo di «scriver male» e, a forza di ripeterlo, fecero sì ch’egli rimanesse per tanti anni al bando della letteratura irre­ denta: tanto ciò è vero che la sua fama non potè diffondersi che a redenzione compiuta (una specie di amnistia letteraria, visto che Io stato d’assedio, a cui si riduceva la vita dei triestini sotto la do­ minazione absburgica, era venuto a cessare.) «Passione per la lingua» ho detto. Gl’irredenti ebbero sempre per la lingua una sensibilità patologica, corrispondente allo stato patologico, cioè anormale, della loro vita politica. Devo enumerare ancora una volta tutti i grammatici, i vocabolaristi, i glottologi ve­ nuti dalle nostre terre? Devo rammentare che dalle terre di con­ fine vennero le prime grammatiche della lingua italiana? (Cfr. A. HORTIS, Notizie di Gianfrancesco Fortunio, in «Giornale storico della lett. ital.» Torino, giugno 1938, pag. 207). La storia (o la fortuna) della lingua italiana nelle nostre terre va dunque studiata per settori, distinguendo bene fra maggioranza e minoi'anze, e soprattutto tenendo separato il caso di Italo Svevo, che sarebbe gravissimo errore considerare caso esemplare e nor­ mativo della maggioranza, mentre esso non deve perdere il suo carattere d’eccezione, utile soltanto a illuminare, per contrasto, l’ambiente generale in cui si svolse o dal quale è uscito. E’ ciò che, in fondo, ammette anche il Devoto con le parole, da me succitate: «Proprio per le sue unilateralità e le sue deficienze la revisione di Svevo riesce istruttiva». P. S. — Sulla differenza tra lingua e stile in Italo Svevo richia­ mai l’attenzione dei critici nella prolusione (26 genn. 1929) al mio corso sullo Svevo tenuto alla R. Università di Trieste (1928-29), v. «Annali della R. Università di Trieste», 1929, Voi. I, fase. I: ltcdo Svevo (1861-1928) con due lettere inedite di Paul Heyse. Più ampiamente ne trattò MARIA PUNTER ne «La Porta Orientale» (1935, V, 560-66: Italo Svevo, Cap. V, «Lingua e stile»), e v. le mie recensioni in Meridiano di Roma, 27 die. 1936, e ne La Panàrie, Udine, marzo-aprile 1937, pag. 145-47. Quanto alla «passione per la lingua» degli scrittori di terra irredenta o di confine, rimando sempre al mio saggio sulVUfficio della letteratura in terra di confine (ne «La Porta Orientale», 1932, pag. 901) ; e v. anche il mio articolo nel Numero unico La Festa del Libro, Trieste, 1935 (Offic. grafiche della Editoriale libraria) : «Scrittore triestino», e la mia introduzione all’antologia di DONA­ TELLO D’ ORAZIO e GUIDO SAMBO, Scrittori Giuliani, Trieste,
  40. 40. 36 FERDINANDO PASINI Moscheni e C. 1935, pag. 26-27 («Mondo letterario giuliano del dopo­ guerra»), nonché l’accenno che ne feci ne La storia della lotta per l’Università di Trieste («Porta Orientale», 1938, pg. 379). Dello Svevo cominciai ad occuparmi ne «La Libertà» di Trento (10 agosto 1924: Segnalazioni letterarie; 14 maggio 1925: Note re­ trospettive). Ne scrissi poi ne L’Italia letteraria (Roma, 14 luglio 1929: Lettere inedite di Paolo Heyse a Italo Svevo) e in Giovinez­ za ed Arte, Trieste, 1931, A. II, n. 2 («La personalità di Italo Svevo»). Il discorso per l’inaugurazione del busto dello Svevo nel Giar­ dino pubblico di Trieste è ne «La Porta Orientale» del 1931, pagg. 483-88: e anche nell’opuscolo: Inaugurandosi il busto di Italo Svevo, Trieste, Stab. Tip. Mutilati, 1931-IX, pagg. 11-15. FERDINANDO PASINI
  41. 41. T O P O N O M A S T I C A G I U L I A N A TOPONIMI FITONIMICI Dopo il gruppo di toponimi ecclesiastici, derivati generalmente da nomi di santi titolari di chiese, è da prendere in considerazione anzitutto la grande famiglia dei toponimi che traggono la loro ori­ gine da denominazioni di piante. Nelle campagne di tutti i paesi del mondo le associazioni vege­ tali che abbondano in una zona determinano la denominazione del terreno e conseguentemente spesso dell’abitato che si forma sullo stesso, promovendo nei diversi linguaggi dei toponimi fitonimici. Il toponimo fìtonimico è anzi il più naturale, il più spontaneo e il più diffuso, accanto a quello morfologico, nelle società primitive dedite alla pastorizia e all’agricoltura, rappresentando le piante l’elemento essenziale dell’esistenza per gli animali domestici e per gli agricoltori. Sicché non pochi toponimi antichissimi appartenenti a idiomi spenti, toponimi tuttavia mantenutisi in parte, per quanto alterati, attraverso i millenni, e dei quali s’ignora spesso il signifi­ cato, conservano non di rado arcaiche voci botaniche. Quando nelle campagne delle provincie giuliane orientali, spo­ polate dopo la caduta di Roma in seguito alle incursioni barbariche, alla malaria e a micidiali pestilenze, i subentrati feudatari tedeschi cominciarono a importare dai loro domini d’oltramonti della Ca- rintia, della Carniola e della Croazia servi della gleba di vernacoli slavi, costoro applicarono naturalmente i termini dei loro linguaggi alla denominazione delle piante e conseguentemente dei terreni sui quali sorgevano i nuovi abitati. Altrettanto fecero i contadini balcanici importati nei secoli successivi dalla Signoria di Venezia. Lungo le antiche strade romane, arterie di civiltà, nelle loca­ lità dove potè resistere, almeno per qualche tempo, l’elemento la­ tino, durarono in gran parte i toponimi storici, anche se spesso cor­ rotti dalla fonetica slava, come durarono quelli dei centri urbani, nei quali la popolazione conservò integro il carattere etnico e l’idio­ ma d’Italia; ma nelle campagne lontane dalle vie delle grandi co­ municazioni i toponimi fitonimici latini furono naturalmente espres­ si o tradotti nei vernacoli slavi dei nuovi venuti, ossia i terreni ca­
  42. 42. 38 ANGELO SCOCCHI ratterizzati da piantagioni nelle zone occupate dal nuovo elemento assunsero toponimi fitonimici vernacoli. E il loro significato divenne sconosciuto all’antica popolazione italiana, che di regola non sentì mai il bisogno di apprendere i vernacoli slavi. Riuscendo incomprensibili alla grande maggioranza della po­ polazione italiana i toponimi fitonimici con voci vernacole slave, fre­ quentissimi nelle sottofrazioni rurali, ne derivò l’inconveniente che essi non offrirono più il vantaggio <li contribuire a rendere palesi anche con questo mezzo le varie aree della vegetazione. E’ noto che la vegetazione delle provincie giuliane appartiene alla flora italica, percui i poggi giuliani — come rileva Carlo Mar- chesetti nella «Flora di Trieste e de’ suoi dintorni» — affascinano i botanici del Settentrione, che varcate le Alpi, si trovano improvvi­ samente di faccia a una flora del tutto nuova, ricca di specie sva­ riatissime, ignota alle loro terre. Ma anche in confronto alle varie regioni d’Italia la Giulia pre­ senta nella flora un interesse non comune, come osserva sempre il Marchesetti, perchè «dalle gelate creste delle Alpi ai boschi sem­ preverdi delFIsti'ia australe, la nostra regione offre tutte le possi­ bili gradazioni di clima e di suolo, e quindi ne nasce una varietà di vegetazione quale meglio non si saprebbe desiderare». Varietà che si riflette sulla toponomastica fitonimica. A circa tre migliaia di form e arriva l’esuberante ricchezza della vegetazione dalla flora alpina della Carnia e dell’alto Isonzo alia flora mediterranea della costa triestina e istriana e delle isole del Carnaro. Nè mancano sui versanti orientali delle montagne di frontiera persino dei vegetali appartenenti alla flora pontica, che si spingono eccezionalmente verso l’Italia qua e là con qualche esemplare. Inoltre un’influenza notevole esercita sulla vegetazione la costituzione geologica del suolo, cosicché mentre i terreni are­ nacei presentano un numero limitato di specie, ma una grande ab­ bondanza di esemplari, viceversa sui terreni calcarei all’esiguità degli esemplari fa riscontro un’infinità di specie. Importanza ragguardevole nella vegetazione dell’Istria, del Carso e delì’Alto Timavo assume l’altimetria, che divide il terri­ torio in quattro zone, così delimitate da Gustavo Cumin nella «Guida della Carsia Giulia»: la zona dell’olivo fino a una media di 250 metri; la zona della quercia dai 250 metri ai 600 nel Postumiese e sul versante orientale dell’Auremiano, agli 800 nell’Alto Timavo, ai 900 sulle pareti d’ostro del Monte Re e del Nevoso; la zona del faggio e dell’abete fino ai 1500 metri; tra la zona della quercia e la zona del faggio si trova una zona intermedia, quella del càrpino, non
  43. 43. TOPONOMASTICA GIULIANA 39 sempre costante, ma ben marcata sui pendìi occidentali dell’Istria montana; la zona più elevata è quella d’alta montagna sulla pira­ mide terminale del Nevoso, sulle Alpi Giulie, sulle Carniche. Nella zona dell’olivo, dalla flora mediterranea, px-osperano la vite, il ciliegio, la ginestra, il cardo. Sono comuni alla zona della quercia il tiglio, l’acero, il frassi­ no, il pioppo, l’olmo, la carpinella e, dove la composizione chimica silicea lo permetta, il castagno. Il faggio, cui in molti tratti si associa l’abete, e talora il la­ rice, copre tutte le vette dei monti carsici. Il pino, che nelle sue varietà specialmente di laricio e di sel­ vatico, abbonda nella Carnia, nel Canal di Ferro e nell’Alto Isonzo, è impiantato artificialmente sul Carso a scopo di rimboschimento. Tra i cespugli si notano molti faggi, carpini, ginepri, nocciuoli, rovi o more di pino, biancospini e rose alpine. I toponimi fìtonimici sono guide infallibili nell’indicare la ve­ getazione presente o passata delle specie, di cui essi recano la testi­ monianza orale, e quindi la possibilità della loro coltivazione. Oc­ corre però che i toponimi siano espressi nella lingua nazionale per poter essere compresi da tutti. Soltanto a tale condizione essi pos­ sono fornire utili segnalazioni per fini forestali e agricoli, per siste­ mazioni idrografiche, per provvedimenti di bonifiche e anche per operazioni varie militari. E’ più facile poi sostituire nell’uso anche tra l’elemento verna­ colo, almeno nei suoi rapporti con gli altri italiani, la traduzione esatta del toponimo fitonimico che non una contraffazione fonetica. Pietro Kandler nelle «Raccomandazioni per il miglior catasto», pre­ sentate nel 1870 alle autorità governative austriache e all’ammini­ strazione dellTstria, giudicava che l’elemento vernacolo importato avesse tradotto quei toponimi romani, dei quali esso era riuscito a comprendere il significato. La gente di campagna capisce senza nessuna difficoltà l’equivalenza di due termini, nazionale e vernacolo, nella tra­ duzione del toponimo che corrisponde a una piantagione; ma schernisce la contraffazione fonetica, che attribuisce a ignoranza e a incapacità di pronuncia; percui essa logicamente e inevitabilmente si rifiuterà di rinunciare a una forma genuina, che ha un suo pre­ ciso, inconfondibile significato, per adottare un ibi’idismo deriso come grossolano errore di pronuncia. Ad esempio, nel Postumiese esiste il villaggio Bùkovje, voce contratta anche in Bùkuje, che signi­ fica il collettivo di faggi, quindi faggelo e faggeti, da bùkevo o bukva, faggio. I contadini, sapendo che bukev in italiano si dice faggio, e
  44. 44. 40 ANGELO SCOCCHI bùkuje faggeto, trovano naturale che la denominazione italiana del paese sia appunto questa; ma non si persuaderanno mai ad adottare la contraffazione Bucìiie, che ai loro orecchi suona come una beffa. Una triplice ragione quindi consiglia la versione italiana dei toponimi fitonimici slavi: anzitutto il contributo a una toponoma­ stica schiettamente nazionale, specialmente nelle campagne; in se­ condo luogo il vantaggio di offrire la conoscenza delle aree della ve­ getazione; infine la più spontanea accettazione dei toponimi da parte dell’elemento vernacolo nei rapporti con gli altri italiani*). Faggio (fagus sylvatica) : bukev, bukva Inizio l’esame dei toponimi fitonimici da quelli derivati dal faggio, albero comune nei boschi delle zone montane e submontane e nei pascoli alpini, specialmente su terreni calcarei e dolomitici. La gloria del sacrifìcio e dell’eroismo cinge il nome del Monte Faìti sul Carso di Comeno, in provincia di Gorizia: nome puramente italiano anche se i cartografi austriaci usarono la grafia slava con l’j dinanzi a una consonante; nome derivato da quello di un casale di appena tre abitazioni con 26 persone, secondo il censimento del 1911, formatosi sulla pendice del monte: Faìti cioè faggeti, località tra boschi di faggi. Un’altra sottofrazione dello stesso nome, Faìti, si trova presso Muggia nella provincia di Trieste con 18 case e un centinaio di abitanti; un toponimo equivalente, Fajè, s’incontra presso Montona, nella Provincia di Pola, con due case e una dozzina di abitanti; nel Cormonese vi è una frazione chiamata Faèd con cinque case e *) Per determinare la traduzione esatta dei toponimi fitonimici slavi nelle provincie giuliane giova consultare il Vocabolario croato-ita­ liano di A. Parcic, i vocabolari sloveni-italiani di G. Androvic e di Iskravec; il Vocabolario sloveno-tedesco di A. Wolf-M. Pleter&nik; la «Flora di Trie­ ste e de suoi dintorni» di C. Marchesetti; la «Guida della Carsia Giulia» di G. Cumin; la «Guida della Carnia e del Canal di Ferro» di M. Gortani; la monogratia «Udine e la sua provincia» di G. D. Ciconi; il «Vocabolario friulano» di G. A. Pirona; il Vocabolario veneziano di G. Boerio; la «Flora», analitica di A. Fiori e G. Paoìetti; la «Flora Popolare Italiana, raccolta dei nomi dialettali delle principali piante indigene e coltivate <n Italia» di O. Penzig. ¿arò obbligato a quanti contribuiranno alla riuscita di questo non lieve lavoro inviando alla «Porta Orientale» osservazioni, informazioni e propo­ ste per la versione nazionale italiana della toponomastica iìtonimica ver­ nacola slava nelle cinque provincie giuliane di Trieste, Udine, Gorizia Pola e Frnme. Ringrazio frattanto il botanico Carlo Lona per il contributo favo­ ritomi di carattere fitografico.
  45. 45. TOPONOMASTICA GIULIANA 41 una quarantina di abitanti; nel Friuli udinese, oltre a Fagarè e a Faèdis, ch’è a non più di 172 m. di altitudine, abbondano i toponimi Faièt, Faèd e Faèit, donde il cognome Faidùt, Faidutti. Il Repertorio toponomastico regionale pubblicato dall’Austria non indica le altitudini, che si possono conoscere approssimativa­ mente dalla carta geografica, percui il villaggio di Faìti sul Carso apparisce a 433 m.; le frazioni di Faèd nel Comune di Cormòns e di Faiti in quello di Muggia non possono trovarsi a una quota su­ periore a circa 250 metri e Fajè-Santa Fosca nel Comune di Mon­ tana nell’Istria può essere al massimo a 450 metri ch’è il punto più elevato di quella zona. Non è da stupirsi se s’incontra il faggio an­ che a limiti inferiori a quelli suoi propri, o per la frescura partico­ lare d’una posizione o per l’impianto eseguito a cura dell’uomo; un vetusto esemplare magnifico, di proporzioni imponenti, della forma rubra, prospera pure nell’Orto botanico di Trieste: evidente­ mente essa si adatta anche al clima temperato. La Guida generale amministrativa giudiziaria politica e delle comunicazioni dei comuni e frazioni di comuni del Regno d’Italia, di Antonio Melis, contiene oltre una trentina di toponimi con va- vianti di faggete e faggeti: Faèto nel comune di Arezzo, a 621 m. d’altitudine e in quello di Foggia a 800 m.; Faetto presso Modena a 560 m. e sopra Torino a 1137 m.; Fajeto a 670 m. e Faiete a 770 pres­ so Teramo; Faete a 764 m. nel territorio di Ascoli Piceno; Fallo a Campobasso; Faèdo nei comuni di Sondrio a 552 m., di Trento a 592 m., di Vicenza a 607 e di Padova a 117; due Faè nel Bellunese a 381 e a 749 m. e uno nel Trevisano ad appena 11 m.; Faiè presso Savona; Fai a 960 m. e Falda a 972 m. nel Trentino; Fagge a 1000 ni. in quel di Rieti; Faggio a 837 m. nel Parmense; Foggiano a 190 m. e a 36 m. nelle provincie di Benevento e dell’ionio ; Faiola presso Torino; Faella a 130 m. nell’Aretino; Fagarè a 10 m. ancora nel Tre­ visano, secondo la voce dialettale veneta faghèr per faggio. Nella Guida nazionale mancano i toponimi delle sottofrazioni, tra i quali certamente quelli derivati dal faggio risulterebbero assai più nu­ merosi. Anche Fades a 800 m. nel Bellunese e Fadalto a 477 m. nel Trevisano si richiamano presumibilmente al faggio e forse pure Fagliano, toponimo che s’incontra in sette comuni a varie altezze. Nelle zone della frontiera giuliana traggono la loro denomi­ nazione in vernacolo slavo da boschi di faggi anzitutlo un comune della Provincia di Trieste e poi due frazioni e undici sottofrazioni nella Provincia di Gorizia. Il comune, come è stato già ricordato, è Bùkovje, contratto an­ che in Bùkuje e alterato in Bucùie, che si trova a 575 metri d’altezza
  46. 46. 42 ANGELO SCOCCHI nel Postuiniese, con sei centinaia di abitanti, dei quali circa 200 nella frazione capoluogo. Nel vernacolo slavo usato dai contadini carsici e isontini la voce per indicare il faggio è bukev o bnkva. La forma aggettivata bukov significa «del faggio»; faggeta o faggeto è bùkovje; il dimi­ nutivo, faggetto, suona bùkovica (leggi bùcovizza) e bùkvica (leggi bùcvizza); bùkovina = legno di faggio. Il toponimo vernacolo slavo del Comune di Bùkovje o Bukuje corrisponde quindi al toponimo nazionale italiano, trisillabico, Fag- gèti, forse preferibilmente nel plurale, perchè, come informa la Guida della Carsia Giulia di Gustavo Cumin, questo comune è si­ tuato in vicinanza di grandi boschi costituiti da faggi ed abeti, mi­ sti ad aceri e ad altre essenze, e sorge in alto sul ciglione della selva, che quivi da tempo ha perduto il suo rivestimento forestale. Resta il toponimo a indicare fino a dove arrivavano i faggeti. Il Comune di Vertoiba presso Gorizia ha una frazione di 734 abitanti: Bùkovica (1. Bùcovizza) e due sottofrazioni: Bùkovica za Drago, con 28 abitanti, e Bùkovljek, costituita da un terreno con una sola casa abitata da 7 persone. I due pi-inxi toponimi vernacoli corrispondono al diminutivo Faggetto e Faggetto in Vallone; il terzo al collettivo Faggeto. Nel Comune di Pieve (Cii'cliina) vi è una grossa frazione di 700 abitanti: Bùkovo, cioè Faggeto, con una sottofrazione di 17 abi­ tanti: Podbùkovo, cioè Pie’ di Faggeto. Le altre otto minuscole sottofrazioni nel Goriziano, che trag­ gono la loro denoxninazione da faggeti, sono Bùkovtje sul Collio nel Comune di San Floriano, con 15 abitanti; Bùkovlje o Podselo (cioè Pie’ di Casale) composta di uxx terreno con una sola casa, abitata da otto persone nel comune di Ronzina; Bùkova, una casa con cin­ que persone, nel Comune di Lucinico; Bùkovec, con una capanna di montagna nel territorio di Plezzo; Bùkovci (1. bùcouzi) con 17 abi­ tanti nel Comune di Kal e altra sottofrazione dallo stesso nome, di 14 abitanti, presso Tolmino; V Bakoven, sottofrazione di 34 abi­ tanti nel Comune di Gracovo. Forse anche il toponimo della sotto­ frazione Buconi, con 60 abitanti, nel Comune di Cernizza goriziana, trae l’origine da un faggeto, ma occorre, per pronunciarsi, un più accurato accertamexxto. Come si x-ende evidente dalle fox-me dei toponimi derivati da faggeti e trascritti dalla Guida dei Comuni del Regno, essi risen­ tono dell’influenza dialettate rustica delle singole regioni, ma rie­ scono tuttavia comprensibili a tutti gl’italiani. Nelle zone di fron­ tiera, dove nell’area dei vernacoli slavi si diffonde progressivamente
  47. 47. TOPONOMASTICA GIULIANA 43 la conoscenza anche dell’idioma nazionale a mezzo di insegnanti e di funzionari pubblici e militari d’ogni parte d’Italia, senza quindi passare attraverso a nessun dialetto particolare, è naturale che i to­ ponimi fitonimici appaiano immediatamente comprensibili a tutti assumendo impronta schiettamente nazionale. ANGELO SCOCCHI

×