Contabilitàvendite

223 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
223
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
21
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Contabilitàvendite

  1. 1. La contabilità delle vendite  Vendite soggette ad IVA Crediti vs/clienti a diversi 6.100 a merci c/vend. 5.000 a IVA a debito 1.100  Vendite non imponibili ◦ Non sono imponibili le vendite di merci per l’esportazione e i servizi internazionali Crediti vs/clienti a merci c/vend. 2.000
  2. 2. La contabilità delle vendite  Vendite esenti ◦ Sono esenti le operazioni di vendita indicate all’art. 10 del DPR 633/72. Crediti vs/clienti a merci c/vend. 900  Vendite escluse ◦ Sono escluse le operazioni di vendita indicate all’art. 15 del DPR 633/72. Banca c/c a interessi attivi di mora 230 Incassati interessi da
  3. 3. Vendite al dettaglio  I ricavi delle cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuati dai commercianti al minuto incorporano anche il debito per IVA. Periodicamente avviene lo scorporo dell’IVA dal ricavo di vendita. Cassa a corrispettivi c/vendite 300 Incassi giornalieri del…. Si procederà poi a scorporare l’IVA stornando dal conto di ricavo l’IVA da registrare a debito. Corrispettivi c/vendite a IVA su corrispettivi 54,10
  4. 4. Vendite in sospensione d’imposta  Il debito IVA sulla vendita di prodotti e servizi allo stato, agli enti pubblici territoriali, agli istituti universitari, ecc, sorgerà solo al momento del pagamento. Crediti vs/clienti a diversi 2.440 Fatt. in sospeso n…del… a prestazioni di servizi 2.000 (o altro conto di ricavo) a IVA in sospensione 440 Banca c/c a crediti vs/clienti 2.440 Incassata fatt. in sospeso n.. del… IVA in sospensione a IVA a debito 440 Storno IVA in sospeso
  5. 5. Anticipi da clienti  L’impresa venditrice può ricevere dal cliente un acconto prima della consegna delle merci; l’acconto è soggetto a Iva 02/02/n Assegni a crediti v/clienti 4.880 02/02/n Crediti v/clienti a diversi a clienti c/acconti 4.000 a Iva ns/debito 880 05/03/n Diversi a Diversi Crediti v/clienti 2.440 Clienti c/acconti 4.000 a Merci c/vendite 6.000 a Iva ns/debito 440
  6. 6. Costi accessori alle vendite  Tipici esempi: spese di trasporto, montaggio, scarico, assicurazione, ecc ◦ Se le spese gravano sulla ditta venditrice costituiscono costi d’esercizio; se le spese sono a carico della parte acquirente, vengono addebitate in fattura.  Scritture Diversi a debiti vs/fornitori 854 Spese di trasporto 700 IVA a credito 154 Crediti vs/clienti a diversi 19.764 a merci c/vendite 15.000 a rimborso spese 1.200 a IVA a debito 3.564
  7. 7. Costi accessori alle vendite  Se le spese sono anticipate dal venditore in nome e per conto della controparte e regolarmente documentate non concorrono a formare la base imponibile IVA (art. 15, n. 3 DPR 633/72).  Sostenimento delle spese Clienti c/spese anticipate a banca c/c 1.200  Fattura delle merci con recupero delle spese anticipate Crediti vs/clienti a diversi 7.300 a merci c/vendite 5.000 a IVA a debito 1.100 a clienti c/sp. Ant. 1.200
  8. 8. Note di variazione  Il venditore può trovarsi nella situazione di dover “rettificare” le vendite effettuate o perché i beni venduti sono in numero inferiore, sono difettosi, o per altri motivi.  L’errore di fatturazione viene recuperato fiscalmente con l’emissione o il ricevimento di una nota di variazione, sia essa di accredito o di addebito (art. 26 DPR 633/72).
  9. 9. Note di variazione  Nota di accredito Diversi a crediti vs/cl. 976 Emessa N.C. n…del… Merci c/vendite 800 IVA a debito 176  Nota di addebito Crediti vs/clienti a diversi 73,2 Emessa N. add. N…del… a merci c/vendite 60 a IVA a debito 13,2
  10. 10. Resi su vendite  Quando vengono resi (in tutto o in parte) i beni venduti o per vizi qualitativi, o per altri inadempimenti, l’azienda rettifica il ricavo relativo alla vendita dei beni.  La rettifica è indiretta ovvero avviene mediante l’accensione di un nuovo conto “resi su vendite”  Scritture: diversi a crediti vs/clienti 1.220 resi su vendite 1.000 IVA a debito 220
  11. 11. Ribassi e abbuoni passivi  All’atto della riscossione di una fattura, possono essere concessi ribassi per arrotondamento dell’importo Diversi a crediti v/clienti 123,25 Denaro in cassa 123,00 Ribassi passivi 0,25  Se le merci o i prodotti venduti non presentano le caratteristiche previste dal contratto, l’impresa può ottenere un abbuono sul prezzo pattuito. Diversi a Crediti v/clienti 1.220 Abbuoni passivi 1.000 Iva ns/debito 220
  12. 12. Abbuoni relativi a ricavi di precedenti esercizi  Un abbuono relativo a ricavi d’esercizio di periodi d’imposta precedenti costituiscono insussistenze passive Insussistenze passive a crediti v/clienti 500
  13. 13. Premi su vendite  I premi sulle vendite sono solitamente concessi ai clienti grazie ai quali è stato possibile raggiungere un determinato ammontare dei ricavi, nonché un certo volume d’affari. Diversi a Crediti v/clienti 610 Premi su vendite 500 Iva ns/credito 110
  14. 14. Vendite e imballaggi  Il trattamento contabile degli imballaggi varia a seconda delle seguenti situazioni: sono ceduti senza richiesta di restituzione, cioè il prezzo incassato sarà comprensivo dell’imballaggio (imballaggi a perdere); sono addebitati distintamente in fattura; è richiesta la restituzione entro un determinato termine, addebitando alla clientela una cauzione (imballaggi a rendere).
  15. 15. Vendite e imballaggi imballaggi a perdere Crediti v/clienti a diversi 2.440 a merci c/vendite 2.000 a Iva ns/debito 440 fatturazione a parte degli imballaggi Crediti v/clienti a diversi 2.562 a merci c/vendite 2.000 a imballaggi c/vendite 100 a Iva ns/debito 462 imballaggi a rendere Cediti v/clienti a diversi 2.540 a merci c/vendite 2.000 a Iva ns/debito 440 a clienti c/cauzione imb. 100 Clienti c/cauzione imballaggi a crediti v/clienti 100
  16. 16. Vendita di beni strumentali  Storno del fondo ammortamento direttamente al cespite Fondo amm. a attrezzature 8.000 Attrezzature Il valore contabile è pari alla differenza tra costo storico e fondo ammortamento  La dismissione (o cessione) delle immobilizzazioni è considerata una operazione di natura ordinaria o straordinaria  Se il valore contabile è uguale al prezzo di vendita l’azienda non rileva differenze reddituali; se il valore contabile è inferiore al prezzo di vendita l’azienda rileva una plusvalenza; se il valore contabile è superiore al prezzo di vendita l’azienda rileva una minusvalenza
  17. 17. Vendita di beni strumentali  Scritture prezzo di vendita uguale al valore contabile crediti vs/clienti a diversi 2.440 a attrezzature 2.000 a IVA a debito 440 prezzo di vendita maggiore del valore contabile: crediti vs/clienti a diversi 3.660 a attrezzature 2.000 a IVA a debito 660 a plusvalenze 1.000 da alienazioni prezzo di vendita minore del valore contabile diversi a diversi crediti vs/clienti 1.830 minusvalenze da alienazioni 500 a attrezzature 2.000 a IVA a debito 330
  18. 18. Perdita su vendite  Se la merce venduta non perviene al cliente oppure non viene accettata, gradita o altro, la vendita non si considera andata a buon fine e l’azienda è tenuta a stornare contabilmente il credito commerciale Perdite su venditea crediti vs/clienti12.000 Perdite su fatt. n.. del..

×