Enterprise 2.0: gli strumenti e la cultura del web 2.0 in azienda

1,466 views

Published on

Presentation of my Master degree dissertation.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,466
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Enterprise 2.0: gli strumenti e la cultura del web 2.0 in azienda

  1. 1. UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BRESCIA<br />FACOLTA’ DI ECONOMIA<br />CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN<br />TEORIE E METODI PER LA GESTIONE DELL’INFORMAZIONE <br />E DELLA COMUNICAZIONE<br />TESI DI LAUREA<br />Enterprise 2.0: la cultura e gli strumenti del web 2.0 nell’azienda.<br />RELATORE:CHIAR.MO PROF. MICHELE VINDIGNI<br />CORRELATORE:CHIAR.MO PROF. ENRICO ANGELELLI<br />LAUREANDO:DIEGO CAGNONIMATRICOLA N. 68890<br />Anno Accademico 2009/2010<br />
  2. 2. Oggi parliamo di..<br /><ul><li>Web2.0
  3. 3. Enterprise2.0
  4. 4. Principi fondamentali
  5. 5. CloudComputing
  6. 6. Approcci
  7. 7. Conclusioni</li></li></ul><li>
  8. 8. basse barriere<br />tecnologiche<br />freeform<br />usercontrol<br />identità<br />apertura<br />
  9. 9. <ul><li>Valoregenerato dal contributo degli utenti</li></ul>basse barriere<br />tecnologiche<br />freeform<br />usercontrol<br />identità<br />apertura<br />
  10. 10. <ul><li>Valoregenerato dal contributo degli utenti
  11. 11. Partecipazionenella creazionedel contenuto </li></ul>basse barriere<br />tecnologiche<br />freeform<br />usercontrol<br />identità<br />apertura<br />
  12. 12. <ul><li>Valoregenerato dal contributo degli utenti
  13. 13. Partecipazionenella creazionedel contenuto </li></ul>basse barriere<br />tecnologiche<br />freeform<br />usercontrol<br /><ul><li>Controllo sui dati creati</li></ul>identità<br />apertura<br />
  14. 14. <ul><li>Wiki: pagine liberamente modificabili. Formalizzazione conoscenza .
  15. 15. Social network: creazione profilo utente e rete di relazioni. Coordinare team di lavoro e trovare know-how.
  16. 16. Blogs:pagine create da un autore. Commenti per discussioni. Comunicazione informale e diretta.
  17. 17. RSS: formato XML per seguire gli aggiornamenti senza doversi collegare, aggregabili tramite Feed. Concentrare diverse fonti d’informazione.
  18. 18. Social tagging: salvare e catagolare link secondo etichette date dagli utenti. Knowledge base di riferimento.</li></li></ul><li>“Enterprise 2.0 è l’utilizzo di piattaforme di social software in modo emergentenell’ azienda, o tra le aziende e i propri partner e clienti .”<br />McAfee, 2006<br />“Enterprise 2.0 fornisce una collaborazione rapida ed agile e una condivisione delle informazioni efficace nell’azienda.”<br />Frappaolo & Keldsen , 2008<br />
  19. 19. Enterprise 2.0: la cultura e gli strumenti del web 2.0 in azienda<br />10<br />Nome della pagina del progetto<br />Membri della rete <br />del progetto<br />Cosa offrono<br />
  20. 20. Principio del 90-9-1<br />250dipendenti<br />65global spaces<br />150personal spaces<br />10,400pagine<br />176unique authors<br />3,000blog posts<br />130uniqueauthors<br />FONTE: http://www.churchofthecustomer.com/blog/2006/05/charting_wiki_p.html<br />
  21. 21. Long tailmodel<br />Knowhow<br />90% del trafficodi Wikipediaè generato da pagine che hanno meno dello 0.01% di popolarità<br />E2.0<br />FONTE: http://stats.wikimedia.org/EN/Sitemap.htm<br />Knowhow<br />
  22. 22. 64 aziende <br />(tra cui Protecter & Gamble, DowAgroSciences e NASA) <br />1044sfide165.000 risolutori<br />6,5 milioni di dollari in venture capital.<br />
  23. 23. CloudComputing<br /><ul><li>Accesso Remoto ai servizile soluzioni cloud sono web-based</li></ul>internet<br /><ul><li>Architettura One-to-Manyarchitettura unica ottimizzata per servire più clienti</li></ul>applicazioni<br />e servizi<br /><ul><li>Modello Pay-per-Usecreazione di un profilo in termini di esigenze, dati, tempi di utilizzo e utenti coinvolti</li></li></ul><li>Possibilità di combinare i servizi richiesti<br />Versione free accessibile con LiveID<br />Versione business accessibile con<br />account business<br />
  24. 24. Cloud Security<br />
  25. 25. Enterprise 2.0 è solo <br />un’insieme di tecnologie?<br />Enterprise 2.0 è un <br />progetto IT?<br />Social<br />Software<br />Integrazione<br />nei processi day-by-day<br />Cultura<br />KM<br />
  26. 26. Implementazione wiki con approccio “rogue”<br />Spinta dal basso, bisogno venuto dagli utenti<br />Mancanza di una strategia e di figure chiavehan portato alla chiusura di molti spazi abbandonati<br />Integrazione dei precedenti sistemi di knowledge management in un wiki unico. Approccio cross agencyed enterprise wide con una forte spinta dall’alto.<br />
  27. 27. nuovo wikiintegrato con Google apps e blog<br />4<br />
  28. 28. Gestione conoscenza non<br />strutturata.<br />Reinventare la ruota.<br />Tempo speso lontano dall’ufficio.<br />logo<br />1<br />blog e wikiinterni (piattaforma mediawiki)<br />2<br />soluzione SaaSdi Google<br />3<br />nuovo wikiintegrato con Google apps e blog<br />4<br />
  29. 29. Risultati<br /><ul><li>Riduzione costi office automation: -100%</li></ul>tangibili<br /><ul><li>Riduzione costi hardware aziendale: -75%
  30. 30. Riduzione costi sofware aziendale: -63%
  31. 31. Riduzione tempo riunioni: -28%
  32. 32. Riduzione tempo onboard nuova risorsa: -75%
  33. 33. Egagement</li></ul>intangibili<br /><ul><li>Percezione del mercato
  34. 34. Knowhow fruibile e condiviso
  35. 35. Innovazione e crescita</li></li></ul><li>concludendo<br />Enterprise 2.0 è un insieme di tecnologie e approcci collaborativi che permettono di ottenere notevoli vantaggi<br />Riduzione dei costi<br /><ul><li>Tecnologia open source
  36. 36. Cloudcomputing</li></ul>Conoscenza fruibile e diffusa<br /><ul><li>Integrazione degli strumenti nei processi day-by-day</li></ul>(approccio in-the-flow)<br />Permette misurazione del ROI<br />Shifting della cultura aziendale verso la condivisione della conoscenza e teamworkpermette innovazione e crescita<br />
  37. 37. cagnoni.diego@gmail.com<br />twitter.com/mitch827<br />Grazie!<br />
  38. 38. Materialeaggiuntivo<br />
  39. 39. Cenni storici<br />Modello delle 3C<br /><ul><li>e-Commerce
  40. 40. Connection
  41. 41. Content</li></ul>DOT - COM<br />born 1995 – rip2000<br />
  42. 42. Caratteristiche del Web 2.0:<br /><ul><li>Valore generato dal contributo degli utenti
  43. 43. Partecipazione nella creazione del contenuto
  44. 44. Gestione dell’identità virtuale
  45. 45. Controllo degli utenti sui dati creati
  46. 46. Interfaccia utente ricca, semplice e interattiva(standard e basse barriere tecnologiche)
  47. 47. Applicazioni web-based</li></ul>Protagonismo dell’utente:<br />Accesso ai contenuti<br />Promozione dei contenuti<br />Creazione dei contenuti<br />Gestione dei contenuti<br />
  48. 48. 4.120ideeproposte2.100ideeoriginali<br />22.600 Fan suFacebook<br />Idee analizzate: 16di cui archiviate:6di cui in ulteriore analisi: 10di cui in realizzazione: 2<br />
  49. 49. Q2, 2009 2.8% mercato<br />2/2010, 9% mercato<br />5/2010, 28% mercato US<br />Riduzionecosti customizzazione e adattamento geografico<br />Revenuestramite Google search e adwords<br />AppsMarketplaceper incontrare le esigenze degli utenti<br />
  50. 50. Online community<br />open ended e<br />self-directed<br />consumer focused<br />Social media<br />Social<br />computing<br />Customer<br />communities<br />Crowdsourcing<br />Enterprise 2.0<br />businessfocused<br />goal oriented e <br />managed<br />Fonte: Dion Hinchcliffe http://www.zdnet.com/blog/hinchcliffe<br />
  51. 51. Enterprise 2.0: la cultura e gli strumenti del web 2.0 in azienda<br />30<br />risultati dell’engagement<br />Fonte: Towers Perrin global workforcestudyhttp://www.towersperrin.com/tp/showhtml.jsp?url=global/publications/gws/index.htm&country=global<br />
  52. 52. Service OrientedArchitecture<br />find<br />publish<br />service broker<br />service provider<br />service consumer<br />interact<br />client<br />server<br />
  53. 53. Social CRM<br />clienti<br />partnership<br />customer<br />self-service<br />contenuti generati<br />partecipazione<br />e monitoring<br />business<br />community generated<br />content<br />staff<br />32<br />
  54. 54. Strategia<br /><ul><li>nominare un project leader e un project sponsor</li></ul>Benefici:<br />Efficienza e Produttività<br />Staff Engagement<br />Conoscenza<br />Reputazione<br /><ul><li>identificare gli interessi degli stakeholder più importanti
  55. 55. dar priorità ai risultati desiderati
  56. 56. stabilire e comunicare policies d'uso allo staff</li></ul>Rischi:<br />Sicurezza<br />Perdita di controllo<br />Reputazione<br />Affidabilità<br /><ul><li>identificare rischi e dubbi
  57. 57. implementare strategie a livello IT e linee guida</li></ul>learning &<br />refining<br />
  58. 58. ROI<br />BalancedScorecard<br />COSTI<br />BENEFICI<br /><ul><li>Riduzione costi
  59. 59. Tecnologia
  60. 60. Aumento redditività
  61. 61. Capitale sociale
  62. 62. Brand capital</li></ul>Individuazione KPI<br />Calcolo del ROI<br /><ul><li>Shifting culturale
  63. 63. ….</li></ul>Obiettivi di business<br />Mission aziendale<br />Riduzione dei costi<br />Aumento redditività<br />Aumento del capitale sociale<br />Brand capital<br />Benefici indiretti<br />Annullamento costi<br />Nessun indice<br />Lagging ROI<br />Efficiencygains<br />Costavoidance<br />Proxy metrics<br />…<br />Effetto cascata ed effetto network<br />Riusabilità <br />

×