Settimana Cultura Web20

911 views

Published on

Presentazione realizzata in occasione dell'incontro sull'evoluzione di Internet e sul web 2.0 promosso da LanghiranoValley.it in occasione della XI Settimana della Cultura.

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
911
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
115
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Settimana Cultura Web20

  1. 1. Langhirano, Sala Polifunzionale P.zza Ferrari, 5 21 aprile 2009 Langhiranovalley.it Enogastronomia, cultura e natura nella terra del Crudo di Parma XI SETTIMANA DELLACULTURA 18-26 aprile 2009
  2. 2. “Web 2.0: Cosa è cambiato nel web?” Mirco Ferrari MF Labs – Web & Software Solutions mirco.ferrari@mflabs.it LanghiranoValley.it info@langhiranovalley.it
  3. 3. Obiettivi • Mettere a fuoco i cambiamenti delle “rete” in questi ultimi anni • Sensibilizzare verso le grandi potenzialità del web • Esorcizzare i luoghi comuni sulla rete come concretizzazione del male • Fornire spunti e stimoli per creare una vera cultura orientata all’innovazione
  4. 4. INTERNET: il contesto socio-culturale delle origini Nel 1957 i sovietici mandano in orbita lo Sputnik Nel 1958 l’amministrazione USA costituisce l’ARPA Nel 1966 ha inizio il progetto Arpanet Nel 1969 non solo l’uomo è sbarcato sulla luna (?) ma nasce il primo nucleo operativo di Arpanet in grado di collegare 4 università americane
  5. 5. INTERNET: i primi passi (1) Nel 1972 Viene installato su Arpanet un sistema di messagistica: nasce la posta elettronica e per la prima volta viene usata la “@” Nel 1974-75 nasce il protocollo TCP/IP e nel 1982 viene applicato ai nodi di Arpanet Nel 1990 Arpanet viene smantellata e nasce al CERN il World Wide Web Macchina utilizzata da Tim Berners-Lee per realizzare il primo Server Web (fonte wikipedia)
  6. 6. INTERNET: i primi passi (2) I primi browser sviluppati al CERN per navigare gli ipertesti erano rigidi, austeri e senza interfaccia grafica (usati solo da ricercatori e universitari) Nel 1993 Marc Andressen e Eric Brina dell’Università dell’Illinois sviluppano e rilasciano gratuitamente MOSAIC il primo browser con interfaccia grafica Il web è ora alla portata di tutti
  7. 7. INTERNET: Oggi (1) Oggi Internet è la più grande rete telematica mondiale e collega diverse centinaia di milioni di computer
  8. 8. INTERNET: Oggi (2) Internet è una rete che poggia su collegamenti fisici differenti (fibre ottiche, cavi coassiali, collegamenti satellitari, doppino telefonico, collegamenti a radiofrequenza, ponti radio, raggi laser e onde convogliate su condotte elettriche e idrauliche) Ad essere interconnesse tra di loro sono reti universitarie, private, aziendali, pubbliche e commerciali Non solo computer ma oggi sempre più dispositivi mobili (cellulari e smartphone) ed elettrodomestici sono predisposti per la connessione ad internet (fonte immagini: internet)
  9. 9. Web 1.0: bla bla bla…
  10. 10. Il web 1.0 è morto, viva il web 1.0 Semplice “vetrina” pubblicitaria Canale di comunicazione monodirezionale Parla l’azienda L’utente accede all’informazione ma ha una bassa possibilità di interazione
  11. 11. Web 2.0: quale definizione? Web 2.0 è un termine generico utilizzato per indicare l’attuale stadio di evoluzione di Internet Non esiste uniformità di vedute tra gli addetti ai lavori…ma tanti punti di vista che fanno del web 2.0 quasi uno stile di vita!
  12. 12. Web 2.0 Il termine “Web 2.0” trae origine da una sessione di brainstorming durante una conferenza tra O'Reilly e MediaLive International. Vediamo insieme alcune diverse definizioni…
  13. 13. Web 2.0: 10 point of view (1) (Tim O’Reilly, Paul Graham Jason Fried) • La saggezza degli utenti: il successo di un sito o dei suoi contenuti è deciso direttamente dagli utenti che lo votano. Si parla di quot;Effetto della retequot;. Uno dei principi cardine di Google si basa proprio su questa definizione (page rank) • Applicazioni web condivise: la condivisione dei dati tra utenti è una necessità cardine del web 2.0 • Il web inteso come piattaforma: un servizio che non potrebbe vivere senza il web (eBay, Wikipedia…) • Partecipazione degli utenti: punto fondamentale che divide i vecchi siti dai nuovi servizi web come YouTube, Flickr e MySpace dove gli utenti sono anche gli autori. L’espressione quot;read/write webquot; illustra chiaramente l’idea che vogliamo trasmettere • Pieno coinvolgimento dell’utente: I siti Web 2.0 usano CSS, AJAX, e altre tecnologie che aumentano l’usabilità e il livello di interattività rendendo la navigazione un’esperienza unica ed immersiva Fonte: http://twopointouch.com
  14. 14. Web 2.0: 10 point of view (2) (Tim O’Reilly, Paul Graham Jason Fried) • Neologismo per Marketing: così almeno sostengono gli scettici secondo i quali Google search, Amazon ed eBay, che fanno parte del Web 2.0 per una o più delle loro caratteristiche, sono solo una sorta di moderna moda passeggera destinata a sparire • L’importanza dei dati: al centro di ogni applicazione web 2.0 c’è il concetto di dato/informazione che viene manipolato e mostrato all’utente in diversi modi e prospettive • Beta per sempre: le applicazioni Web 2.0 sono continuamente rilasciate, riscritte e rivisitate su basi in continuo sviluppo. La maggior parte delle applicazioni di Google, per esempio, sono ancora in beta. Ancora, Flickr si rumoreggia sia modificato ogni 30 minuti. MySpace e altre reti sociali aggiungono nuove caratteristiche ogni quindici giorni • Usare il web come è stato ideato: Paul Graham riferisce di un incremento nell’usabilità che è stata raggiunta attraverso un buon design, grazie a tecnologie come AJAX e anche perchè è stato permesso agli utenti di organizzare le loro informazioni liberamente (si veda Flickr e del.icio.us) • Nulla: Molti asseriscono che il Web 2.0 non esiste! Fonte: http://twopointouch.com
  15. 15. Web 2.0: …e quindi? • Nessuno può negare che stiamo assistendo ad un nuovo modo di intendere e di vivere internet • Oggi le parole chiave di chi usa internet non sono più soltanto cercare… trovare…vedere… • Ma soprattutto modificare, scambiare, proporre e realizzare…
  16. 16. Web 2.0: …in definitiva? Possiamo immaginare il Web 2.0 come un fenomeno in grado di ridurre le distanze tra chi crea siti web e chi li utilizza… …ma anche come un nuovo modo di vivere la rete e nella rete… …una rivoluzione sociale in grado di in modo drastico e radicale gli attori del mondo dell’informazione… …una grande possibilità per tutti di esprimersi, raccontarsi e far conoscere la propria opinione… (immagine tratta da blog Aysoon.com)
  17. 17. Web 2.0: essere protagonisti(1) Vi ricordate la copertina del numero di TIME del 25 dicembre 2006?
  18. 18. Web 2.0: essere protagonisti(2) • Il valore di Internet è generato dal contributo di TUTTI i suoi utilizzatori… • L’aumento della banda a disposizione e una maggior “consapevolezza” informatica hanno facilitato la migrazione verso questo nuovo modo di fare web. • Le pagine internet assomigliano sempre più, dal punto di vista dell’interattività, alle applicazioni che siamo abituati ad utilizzare sul desktop Condividere, Partecipare, co mmentare, collaborare, creare, diffondere, classificare, ag gregare, sottoscrivere, distribui re, trovare, farsi trovare, taggare
  19. 19. Web 2.0: Participation Age (1) • L’era del web 2.0 è anche conosciuta come l’era della “participation age” in chiara contrapposizione all’ormai superata “information age” • Oggi il navigatore internet non è più solo un fruitore passivo di contenuti… ma in prima persona diventa regista e attore del nuovo web (fonte immagine: internet)
  20. 20. Web 2.0: Participation Age(2) •E’ tutto oro? •C’è purtroppo anche qualche risvolto negativo •Il fatto che chiunque possa pubblicare sul web qualunque cosa può creare problemi (“ex” bullismo) e rendere pubblicamente disponibile contenuti eticamente opinabili •Complessivamente però il web si è arricchito di contenuti nuovi, freschi e dai mille volti diversi… •…e questo basta per affermare che nel complesso il bilancio è POSITIVO!
  21. 21. Web 2.0: la voce dei consumatori • Molte grandi aziende stanno prestando sempre più attenzione a questo fenomeno • Ottimo esempio è dato dagli sviluppi e dall'approcio usato da Ducati Moto per la commercializzazione della quot;desmo 16quot; nella versione da strada • La moto, di derivazione GP, è stata sviluppata con la collaborazione Internet dei clienti Ducati e successivamente promossa, in prima battuta attraverso la rete
  22. 22. Web 2.0: la corporate communication • E’ importante che le aziende si accorgano di questo nuovo modo di fare comunicazione… • …ed inizino ad utilizzare questi strumenti per creare un ponte di collegamento con la propria clientela • Il cliente diventa parte dell’azienda e viene messo nelle condizioni di dare il suo contributo • Nasce un nuovo modo di consumare un prodotto o usufruire di un servizio • Il web 2.0 ha così rivoluzionato il modo di fare business e di concepire l’impresa • C’è chi sostiene che le aziende che non si adegueranno rischiano seriamente di uscire dal mercato entro i prossimi 5 anni
  23. 23. Web 2.0: chi cerca trova Go2Web2.0 - www.go2web20.net • Il web 2.0 rappresentato graficamente • Ogni risorsa web 2.0 associata ad un logo,un titolo ed una descrizione • Sito aperto a metà del 2006… •…conta ad oggi circa 2.700 “servizi” web 2.0
  24. 24. Web 2.0: Go2Web2.0
  25. 25. Web 2.0: organizzare e classificare AllthingsWeb2.0 - www.allthingsweb2.com • Il web 2.0 organizzato in classifiche e circa 200 categorie (dal software, al bookmark, allo sport, alla salute…) • Permette agli utenti di scrivere recensioni ed inserire voti • ad oggi Listings: 2830 , Categories 175 • Curiosità: tra le applicazioni più votate e più popolari non compaiono quelle di uso più “popolare”
  26. 26. Web 2.0: Allthingsweb2.0
  27. 27. Web 2.0: restare sempre aggiornati(3) Listio - www.listio.com/web20/ • Directory collaborativa • Ogni risorsa viene “taggata”, votata e commentata • il giudizio di altri utenti può guidarci verso l’applicazione che più fa al caso nostro
  28. 28. Web 2.0: Google Calendar(1) - Evoluzione del calendario tradizionale - Possibilità di creare più calendari - Possibilità di rendere i calendari pubblici totalmente o in parte - Gestione avanzata dei promemoria (pop-up,e- mail, sms) - Possibilità di accesso al proprio calendario tramite cellulare (per ora solo in visualizzazione) - Possibilità di importare un elenco appuntamenti in formato iCal o Csv (Yahoo! Calendar, Outlook) - Possibilità di esportare l’elenco appuntamenti verso applicazioni con supporto allo standard iCal
  29. 29. Web 2.0: Google Calendar(2) - http://www.google.com/calendar - Il tradizionale calendario rivisitato e corretto in chiave “2.0” - Consente di impostare ma soprattutto di condividere i propri impegni e di essere aggiornati sugli impegni e gli appuntamenti altrui - Possiamo immaginarlo come un calendario collaborativo - Interfaccia semplice ed intuitiva
  30. 30. Web 2.0: Google Documenti(1) - http://docs.google.com/ - Suite per la produttività on-line - Elaboratore di testi, foglio di calcolo, presentazione - Possibilità di creare, importare, esportare, modificare, condivider e, inviare via e-mail, organizzare documenti - Supporta i formati di Microsoft Office, OpenOffice e permette l’esportazione in formato pdf
  31. 31. Web 2.0: Google Documenti(2) - I documenti posso essere stampati, salvati e pubblicati on-line con una url fissa - Ogni documento può essere condiviso con visitatori (view) o collaboratori (view & modify) - E’ possibile l’editing contemporaneo di un documento - Gestione delle “revisioni” - Possibilità di discutere in tempo reale con i collaboratori tramite una chat
  32. 32. Web 2.0: Picnik(1) - http://www.picnik.com/ - Applicazione di fotoritocco on-line - Possibilità di caricare le foto dal proprio disco, da una webcam, da appositi container (Flickr, Photobucket, Picasa, Webshots e Facebook) oppure da una generica pagina internet (get from website) - Funzioni tradizionali: regolazione automatica, impostazione colori, correzione occhi rossi, controllo esposizione, contrasto e luminosità - Possibilità di aggiungere testi, bordi ed effetti come bianco e nero, seppia, soffuso, … - Esportazione nei classici formati grafici (jpg, bmp,png, tiff,gif, pdf) - Utilizzo al volo senza registrazione, in versione gratuita o con abbonamento (24.95 $/anno)
  33. 33. Web 2.0: Picnik(2)
  34. 34. Web 2.0: Picnik(3) La funzione “carica foto” permette di selezionare una foto dal proprio computer e caricarla per on-line per eseguirne il fotoritocco
  35. 35. Web 2.0: Picnik(4) Una volta caricata la foto l’intuitivo menù nella parte superiore permette di selezionare l’azione da eseguire
  36. 36. Web 2.0: Picnik(5) - ruota
  37. 37. Web 2.0: Picnik(6) - ritaglia
  38. 38. Web 2.0: Picnik(7) – occhi rossi
  39. 39. Web 2.0: Picnik(8) – effetti Circa 30 effetti dall’effetto seppia a quello neve, dal neon alla mappa termica
  40. 40. Web 2.0: Picnik(9) – effetti
  41. 41. Web 2.0: Picnik(10) – save to disk Al termine delle modifiche è possibile selezionare il formato e salvare il lavoro finito sul proprio computer
  42. 42. Web 2.0: Voglia di blog (1) - I blog sono oggi molto di più di semplici diari on-line - Rappresentano la nuova frontiera della comunicazione on-line - Costituiscono sicuramente una delle killer application che ha fatto (e tuttora fa) da traino nel mondo web 2.0 - Tecnicamente un blog è un sito internet realizzato però con uno stile di scrittura ed una logica di pubblicazione ben specifica - Alla base di un blog si trova un CMS (content management system) che permette in modo semplice di modificare i template (aspetto grafico) e di pubblicare i contenuti senza essere “addetti ai lavori”
  43. 43. Web 2.0: Voglia di blog (2) - Storicamente la parola blog deriva dalla contrazione di Web e log (diario on line) - Comparso per la prima volta nel 1997 è diventata popolare nel 1999 quando sul suo sito internet Peter Merholz usò il verbo “to blog” - I primi blog erano diari personali on-line, elenchi di link e di risorse - Nel 1999 una piccola società di San Francisco creò una piattaforma (blogger) esclusivamente dedicata ai blog (assorbita nel 2003 dai Google Labs) - Blogger rese accessibile a tutti l’uso e la gestione di un blog allontanandola dal dominio esclusivo dei webmaster - In italia Splinder è stata tra le prime comunità di blogger più attive (416.563 blog creati e 653.717 utenti registrati)
  44. 44. Web 2.0: Voglia di blog (3) - Esistono diverse piattaforme di blog - Tanti provider oggi offrono tra i loro servizi gratuiti la possibilità di gestire un blog (Alice, Msn Live, Yahoo…) - Tra i tanti uno particolarmente solido e completo è Wordpress -Wordpress offre la possibilità di installare il CMS di riferimento sul proprio sito internet oppure di utilizzare uno spazio gratuito sullo stesso sito www.wordpress.com - Nel primo caso è richiesta una maggior conoscenza informatica in particolare per il caricamento delle pagine e l’installazione del prodotto mentre nel secondo caso non ci sono requisiti particolari
  45. 45. Web 2.0: Alcuni esempi (1) DEL.ICIO.US Un raccoglitore di “siti preferiti” con la possibilità di organizzarli in categorie Anche se non sono davanti al mio PC posso accedere ai miei siti preferiti, ma non solo… …anche a quelli di gente con i miei stessi interessi… Basato sul concetto di TAG(=etichetta) che consente di classificare i bookmark con CONDIVISIONE!!! criteri soggettivi
  46. 46. Web 2.0: Alcuni esempi (2) BLOG Un diario online… Viene utilizzato da professionisti e amatori per raccontare qualcosa di sé e delle proprie esperienze professionali e non… …ma anche da aziende per comunicare in modo informale ma diretto con il mercato consumer Il blog permette di lasciare COMMENTI quindi chiunque può dare il proprio contributo creando valore aggiunto CONDIVISIONE E PARTECIPAZIONE!!!
  47. 47. Web 2.0: Alcuni esempi (3) YOUTUBE TV libera a tutti! Basta crearsi un account e sarà possibile pubblicare i propri filmati rendendoli accessibili a tutti Possibile veicolo pubblicitario per farsi conoscere Miniera infinita di video spesso introvabili! FARSI CONOSCERE E CONDIVIDERE!!!
  48. 48. Web 2.0: Alcuni esempi (4) MYSPACE La fabbrica degli artisti! Grossa raccolta di pagine personali con possibilità di pubblicare idee, musica, foto E’ una vera e propria community di utenti che intrecciano rapporti e amicizie condividendo passioni e idee FARSI CONOSCERE E CONDIVIDERE!!!
  49. 49. Web 2.0: Alcuni esempi (5) WIKIPEDIA La prima enciclopedia libera! Il cosidetto metodo “wiki” permette la creazione di qualcosa in modo progressivo… …e soprattutto con la partecipazione di tutti Chiunque può dare il proprio contribuito aggiungendo e modificando quanto già presente! COLLABORARE E CONDIVIDERE!!!
  50. 50. Web 2.0: Alcuni esempi (6) FLICKR Foto a go-go! Basta creare un account e subito si possono pubblicare le proprie foto… Grande raccolta di album fotografici… Associazione con i tag… Autopromozione personale FARSI CONOSCERE E CONDIVIDERE!!!
  51. 51. Web 2.0: Alcuni esempi (7) 2SPAGHI Hai mangiato bene ieri sera al ristorante? E allora dillo… I freddi TAG diventano rappresentazione dei gusti degli italiani (e non solo)… Attenzione…le segnalazioni degli utenti sono disponibilisul navigatore satellitare… Autopromozione personale FARSI CONOSCERE E CONDIVIDERE!!!
  52. 52. Web 2.0: Alcuni esempi (8) WEBLIN Sito dove vai…gente che conosci! Basta scaricare l’apposito software e creare un profilo… …un avatar ci rappresenterà fisicamente mentre navighiamo… …vedremo altri utenti che stanno visitando quel sito in quel momento…e potremo comunicare… INCONTRARE GENTE CON GLI STESSI INTERESSI!!!
  53. 53. Web 2.0: Alcuni esempi (9) Evoluzione della “vecchia” chat… Ma anche possibilità di creare valore aggiunto… …pensiamo ad esempio ad un servizio di accoglienza per il proprio sito web…
  54. 54. Web 2.0 Il web 2.0 offre davvero tantissime possibilità sia a livello personale che a livello di business. L’invito è quello di provare, testare, sperimentare, investire tempo per crescere ed innovare, sfruttando le infinite potenzialità di questo strumento dell’ingegno umano. Non prendiamocela però troppo comoda perché c’è già chi parla di Web 3.0…
  55. 55. GRAZIE

×