Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Os 171111 01403 movida

303 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Os 171111 01403 movida

  1. 1. PROGRESSIVO ANNUALE: 1 NOV 2011 COMUNE DI NAPOLI VIII Direzione Centrale PROG. n / áG Sviluppo commerciale,artigianale e turistico Progetto Tempi e Orari della Città Il Dirigente Prot. n. del, 1-t ORDINANZA SINDACALE Oggetto: Provvedimenti relativi agli orari di chiusura degli esercizi di vendita e somministrazione di bevande e alimenti IL SINDACOPremesso che nel territorio comunale è presente un consistente numero di pubblici esercizi,di attività di vendita e somministrazione di bevande, e/o di prodotti alimentari, svolte daesercizi commerciali ed artigianali, da entità associative, quale ne sia la natura giuridica,attività che comportano un notevole afflusso di avventori, soprattutto nei luoghi diaggregazione sociale ed in occasione delle iniziative culturali e di spettacolo programmatein città per il tempo libero.Ritenuto che sia necessaria una disciplina degli orari di chiusura che, attraverso ladeterminazione di limiti massimi di orario e la tendenziale omogeneità degli stessi, siacompatibile con le esigenze di vivibilità urbana e favorisca la distribuzione sul territorio deiflussi di utenza.Ritenuto, inoltre, che occorra, da un canto consentire e favorire lordinata realizzazionedelle attività ricreative e ludiche per 11 tempo libero nonché le iniziative economiche disettore, dallaltro, garantire la vivibilità urbana, le esigenze di igiene e il valore della quietepubblica quale diritto individuale e interesse collettivo.Considerato che la nuova Amministrazione non intende individuare zone "ad orariodifferenziato" in un ottica di maggiore liberalizzazione ed incentivazione della socialitànaturale che si sviluppa in una città turistica come quella di Napoli anche a mezzo di unapromozione culturale che passi attraverso la valorizzazione di beni immateriali comelamenità ed il divertimento.
  2. 2. Considerato che, essendo il comune di Napoli un comune anche ad economia turistica, è necessario assicurare, maggiormente negli spazi pubblici in cui risulta più intensa laggregazione sociale (cioè in prossimità dei suddetti locali), ligiene e la raccolta di rifiuti prodottisi a seguito dellesercizio delle attività e sino al temine di esse. Considerato che, svolgendosi le suddette attività anche e prevalentemente in ore serali e notturne, ricorre loggettiva necessità di un adeguato equilibrio, tra gli interessi degli avventori, degli esercenti e dei residenti nelle aree urbane, ove i locali o gli esercizi sono ubicati, non solo determinando gli orari massimi di chiusura, ma anche rendendo operativa la disciplina vigente in tema di impatto acustico, nonché stimolando lattenzione dei gestori anche sullandamento di afflusso dellutenza, sulle attese negli spazi adiacenti i locali e sulluscita dagli stessi. Considerato che, parallelamente alla liberalizzazione delle attività ludiche e ricreative durante i week end, è necessario garantire adeguatamente la quiete pubblica, soprattutto durante i giorni lavorativi, al fine di soddisfare le molteplici richieste dei residenti. Ritenuto che queste prescrizioni devono essere accompagnate da misure idonee ad assicurarne losservanza sino a prevedere la sospensione dellattività e la revoca della concessione. Rilevato che la materia è stata già affrontata, per lanno 2009, con lOrdinanza Sindacale n. 599 del 01/06/09, opportunamente integrata dalla successiva Ordinanza Sindacale n. 799 del 20/07/09 che ha avuto efficacia, in via sperimentale, fino al 31/10/09. Considerato che limpianto fissato dalle Ordinanze Sindacali in materia ha ottenuto un positivo riscontro, come confermato espressamente dalla Confesercenti e dalla Confcommercio di Napoli;Considerato che numerosi esercenti hanno aderito favorevolmente alle disposizioni relativealligiene e alla tutela della quiete pubblica nellinteresse della vivibilità urbana;Considerato che, in assenza di una legge della Regione Campania che armonizzi la materiadegli orari sul territorio regionale, orari ridotti di apertura potrebbero determinare anomaletrasmigrazioni dellutenza su aree estranee al territorio cittadino con innegabili ripercussionisulleconomia locale in un periodo di crisi economica come quello attuale;Ritenuto che, essendo scadute in data 07/11/2011 le precedenti Ordinanze Sindacali n. 519 e520 del 30/03/2011, sia necessario adottare un provvedimento che disciplini gli orari dichiusura degli esercizi.Visto lart. 50 del decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000 e sue successivemodificazioni ed integrazioni.Visto il D. Lgs n. 114 del 31 marzo 1998.Vista la legge n. 287 del 25 agosto 1991.
  3. 3. Visto larticolo 16 del Piano delle Attività Commerciali approvato con delibera di C.C. n.ro 46 del 9.03.2001. Sentite le associazioni di categoria maggiormente rappresentative nonché le associazioni dei consumatori e degli utenti maggiormente rappresentative a livello nazionale in data 4 novembre 2011. DISPONE 1. Orari 1.a Per gli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande è consentita: - per tutti i giorni della settimana, la chiusura non oltre le ore 01.00 per i locali che svolgono attività allesterno, e non oltre le ore 02.00 per quelli che svolgono attività allinterno; - la notte tra il venerdì e il sabato, la chiusura non oltre le ore 03.00 per lattività svolta allesterno e non oltre le ore 04.00 per lattività svolta allinterno; - la notte tra il sabato e la domenica nonché la notte tra i giorni prefestivi e festivi, la chiusura non oltre le ore 03.00 per lattività svolta allesterno e non oltre le ore 05.00 per lattività svolta allinterno. Gli stessi limiti di orario si applicano a qualunque altra attività associativa, quale ne sia la natura giuridica, che sia autorizzata alla vendita e/o alla somministrazione di alimenti e/o bevande. Ogni violazione ditali limiti di orario è punita con una sanzione amministrativa da euro 154,94 ad euro ad euro 1032,91, ai sensi della legge 287/1991 11 Per le attività commerciali e artigianali del settore alimentare, di cui allart. 13 del D.Lgs. n. 114 del 31 marzo 1998 ed assimilati, per le quali non è prevista lasomministrazione allinterno del locale o in aree di pertinenza dellesercizio stesso, quali adesempio esercizi specializzati nella vendita di bevande, gelaterie, gastronomie, rosticcerie,pasticcerie, yogurterie, friggitorie, paninoteche, take-away, cornetterie, pizzerie a taglio e daasporto, kebaberie, specialità da forno e vendite di prodotti comunque collegabili ancheallattività di panificazione, purché svolte in maniera esclusiva o prevalente come eserciziodi impresa individuale o collettiva, è consentita la chiusura dei relativi esercizi: - per tutti i giorni della settimana non oltre le ore 02.00; - per la notte tra il venerdì e il sabato, non oltre le ore 04.00; - per la la notte tra il sabato e la domenica nonché la notte tra i giorni prefestivi e festivi, non oltre le ore 05.00.Ogni violazione ditali limiti di orario è punita con una sanzione amministrativa da euro516,46 ad euro 3098,74, ai sensi del D.Lgs 114/1998. 1.c Lorario di apertura degli esercizi di vendita al dettaglio, diversi da quelli dicui al paragrafo 11, è stabilito dalle ore 7:00 alle ore 22:00 senza superare le tredici oregiornaliere, secondo quanto previsto dallart. 11 del D. Lgs. n. 114 del 31 marzo 1998.
  4. 4. l.d Resta fermo lobbligo per gli esercenti di cui al punto 11 di fissare gli orari di apertura e di chiusura del proprio esercizio e la giornata di riposo nel rispetto dei contratti collettivi di lavoro, dandone comunicazione allutenza mediante lesposizione di appositi cartelli. 1.e In tutti gli esercizi ove si vendono e/o si somministrano bevande, quale che sia il titolo di esercizio dellattività, è vietata, dalle ore 23:00 alle ore 06:00 del giorno successivo, la vendita per asporto di bevande in contenitori di vetro o metallo. Tale divieto non si applica se sia effettuato servizio di vendita al domicilio del consumatore. La violazione di tale divieto comporta la sanzione della chiusura dellesercizio per tre giorni consecutivi e, in caso di recidiva, per sette giorni consecutivi. Il limite di orario per la vendita di bibite in vetro ed in metallo (ore 23:00) si intende riferito unicamente alla vendita per asporto e non alla somministrazione allesterno. Pertanto, sarà possibile servire bevande in bottiglia ed in lattina anche ai tavolini esterni, così come sarà possibile servire da bere in bicchieri di vetro, fino alla chiusura delle attività. 11 Per orario di chiusura si intende lorario di conclusione dellattività di vendita e/o di somministrazione, ossia lorario dellultimo scontrino emesso. Pertanto, successivamente allorario di chiusura, è consentito ai clienti di terminare le consumazioni già pagate, per un periodo non superiore a mezzora, mentre si avvieranno, parallelamente, le attività di pulizia e di chiusura dei locali ed il personale dovrà avvisare la clientela che lesercizio sta per chiudere. 1.g Gli orari stabiliti nella presente Ordinanza, sia quelli di chiusura dei locali che quelli di somministrazione non riguardano le discoteche ed in generale le attività di intrattenimento danzante e di pubblico spettacolo, per le quali si rinvia alle singole autorizzazioni. 11 Gli esercizi commerciali in possesso di autorizzazione H24 non sono oggetto delle disposizioni della presente Ordinanza. 2.Norme igienicheTutti i soggetti di cui alla presente ordinanza sono tenuti alla corretta igiene e pulizia dellocale per lintera durata di apertura del locale stesso, e sono tenuti a garantire, sino allachiusura, anche negli spazi pubblici antistanti gli esercizi, ligiene e la raccolta dei rifiutiprodottisi in conseguenza dellesercizio dellattività. La violazione ditale obbligo comportala sanzione della chiusura dellesercizio per tre giorni consecutivi e, in caso di recidiva, persette giorni consecutivi. 3. Tutela della quiete pubblica 1a I titolari di tutti gli esercizi artigianali e commerciali del settore alimentare dicui al punto 11, i titolari dei pubblici esercizi di somministrazione, inclusi i bar e iristoranti, di cui al punto 1.a, i titolari dei locali di intrattenimento e notturni, i titolari degli
  5. 5. esercizi allaperto, i responsabili di qualunque altra entità associativa, quale ne sia la natura giuridica, che sia autorizzata alla vendita e/o alla somministrazione di bevande e/o prodotti alimentari, devono osservare le disposizioni previste dalla L. n. 447 del 26 ottobre 1995 e quelle contenute nella normativa di attuazione del piano di zonizzazione acustica del Comune di Napoli, approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 204 del 21 dicembre 2001. Tali disposizioni si applicano a chiunque installa apparecchiature o dispositivi di qualsiasi tipo idonei a generare inquinamento acustico. Come disposto dallart. 8 della legge n. 447 del 26 ottobre 1995 e dallart. 7 del piano di zonizzazione acustica del Comune di Napoli, le domande per il rilascio delle autorizzazioni allesercizio delle attività di cui sopra devono contenere una documentazione di previsione di impatto acustico, e i relativi progetti devono essere redatti in conformità alle esigenze di tutela dallinquinamento acustico. Chiunque non ottemperi alla presentazione preventiva della relazione di impatto acustico, ovvero non sia in possesso del nulla osta di impatto acustico, è sottoposto alle sanzioni di cui alla normativa di riferimento. Chiunque, nellesercizio o nellimpiego di una sorgente fissa o mobile di emissioni sonore, superi i valori limite di emissione e di immissione definiti dalla legge n. 447 del 26 ottobre 1995 e assegnati dal piano di zonizzazione acustica del Comune di Napoli è punito con la sanzione amministrativa prevista dalla normativa di riferimento. 31 Salvo quanto previsto dallart. 659 del codice penale, nei locali e negli spazi aperti adibiti allattività di vendita e/o di somministrazione di bevande e/o di sostanze alimentari o allattività di intrattenimento e di spettacolo, i soggetti di cui a paragrafo 1a devono vigilare affinché gli avventori non disturbino, mediante schiamazzi o rumori ovvero abusando di strumenti sonori, la quiete pubblica e il riposo delle persone; essi sono inoltre obbligati a vigilare, avvalendosi di addetti al controllo dellutenza, che allentrata nei locali o alluscita, nonché durante lintrattenimento nelle immediate prossimità degli stessi, i frequentatori non tengano comportamenti atti a turbare la quiete pubblica o che contrastino con le norme igieniche ovvero che determinino, per luso e la sosta di auto e motoveicoli, notevoli alterazioni della circolazione stradale. 4 Operatività delle sanzioniLe sanzioni pecuniarie previste sono comminate dal Dirigente del Servizio Competente surapporto della Polizia locale o di altri organi di Polizia dello Stato.Tali sanzioni saranno incamerate dal Servizio Polizia Municipale che provvederà ademanare tutti i successivi provvedimenti nel caso di mancato pagamento nei termini dilegge.Contro il provvedimento sanzionatorio è ammessa la presentazione di scritti difensivi alSindaco nei termini di legge per il tramite del settore legale della Polizia Municipale consede in via Pietro Raimondi 19.In caso di recidiva, è disposta la sospensione dellattività per giorni 3 consecutivi adecorrere dal primo venerdì successivo alla notifica del provvedimento di sospensione; larecidiva si verifica qualora sia stata commessa la stessa violazione per due volte in un anno,anche se si è proceduto al pagamento della sanzione mediante oblazione.I provvedimenti di sospensione saranno disposti dal Dirigente del Servizio Commercio al 5-
  6. 6. Dettaglio, su segnalazione della recidiva da parte del Servizio Polizia Locale. 5 Entrata in vigore La presente ordinanza entra in vigore il giorno ed estende i propri effetti fino al 25/03/2012. Essa è pubblicata nellAlbo Pretorio informatico del Comune di Napoli, consultabile sul sito internet del Comune, nella sezione "Albo pretorio". Resta ferma la vigenza delle disposizioni già contenute in norme primarie, come quelle dicui alla L. 11. 447 del 26 ottobre 1995 e al codice della strada, ovvero contenute inregolamentazioni comunali già operative, come la normativa di attuazione del piano dizonizzazione acustica del Comune di Napoli, approvato con delibera del Consigliocomunale n.204 del 21 dicembre 2001.La presente ordinanza è inviata al Comando della Polizia Municipale, al signor Questore diNapoli, al signor Comandate Provinciale dei Carabinieri, al signor Comandante dellaGuardia di Finanza, nonché allASIA Napoli Spa, allASL, al Dipartimento Comunicazionee Immagine per gli adempimenti del caso, alle Municipalità e alle Associazioni di Categoriaper il tramite dellVili Direzione Centrale. IL SINDAjO J Luigi de Mgistris ro
  7. 7. ORDINANZA SINDACALEProgr. Annuale n.ILia3 del DIPARTIMENTO SEGRETERIA GENERALE Segreteria della Giunta comunale Si attesta che la pubblicazione del presente atto, ai sensi deIlart.lO, comma 1, dei D.Lgs. 267/00, ha avuto inizio iI4VCtttp/fZE Tdj I ILFUNZI N " RgS NS, BILE l; COMUNI DI NAPOLI Segreteria generale Servizio Segreteria dellaiunta Comunale il presente atto, composto da n. .. ±.....pagine progressiva- ente numerate, è copia conforme allorigi.nale della Ordinanza Sindacale n. del i1i&Q.V..2D11 ;L ùÉcrbOl4SABJLE

×