Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

threadless

843 views

Published on

H-TEAM

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

threadless

  1. 1. The story of an awesome company Che cosa accadrebbe se tutti potesseropresentare ad un pubblico la loro idea di t-shirt,sottoporla ai voti per poi stampare e vendere le più belle?
  2. 2. Accade una cosa chiamata Threadless.Un eccellente caso di “innovazione democratica”: con Threadless è laCommunity a creare i disegni per le T-shirt e poi a votarli per deciderequali mandare in produzione e mettere in vendita, ricompensandoeconomicamente gli autori.“You are Threadless. You make the ideas,you pick what we sell, you’re why we exist.”
  3. 3. “Siamo una società con sede a Chicago, che crea communityon-line. Il nostro popolare sito web Threadless ci ha reso veripionieri nel "crowdsourcing" - unisce una community artisticaon-line con un modello di attività di e-commerce di grandesuccesso.”
  4. 4. L’idea è nata nel 2000: Jake Nickell vince una gara di design per T-shirt e decide con i suoi due partner della skinnyCorp, Jacob DeHart e Jeffrey Kalmikoff, di riproporre la competizione.Da allora il sistema si è sviluppato e perfezionato: i “creativi” (anchenon professionisti) caricano i propri disegni sul sito web utilizzando ilKit digitale a disposizione.
  5. 5. Dopo la pubblicazione sul sito la Community da un voto allenuove proposte per una settimana, potendo lasciare anche uncommento. Se però un designer ha dei dubbi sulla propria creazione può, prima di esporsi al giudizio, usare la Community come risorsa e pubblicare il proprio progetto non definitivo chiedendo consigli.
  6. 6. Ogni settimana si selezionano 10 proposte che vengonosottoposte a una seconda votazione da cui emergono le4-6 idee finali.Prima di mandarle in produzione Threadless lanciauna richiesta di pre-ordine ai votanti per orientare ladecisione sui quantitativi e ridurre al minimo gli stock.
  7. 7. I vincitori ricevono come ricompensa 2.000$, oltre a un buono di500$ spendibile sul sito e a 500$ per ogni ristampa, masoprattutto l’ambito ingresso nell’Alumni Club con tanto dimedaglia. Dal 2009 è stato introdotto anche un premio di 2.500$per “il Disegno del Mese” e uno di 10.000$ per “il Disegnodell’Anno”.Quando si sceglie un design per la stampa, il proprietariocede i diritti esclusivi a Threadless per la creazione dellemagliette.
  8. 8. Le T-shirt costano 18$, più spese di spedizione, unprezzo contenuto, considerando le basse tirature equindi una certa esclusività del prodotto.Inoltre il costante rinnovo dell’assortimento generauna costante offerta promozionale con stock offertianche a 9$. E se il cliente spedisce la sua foto conla T-shirt acquistata riceve un buono sconto sulprossimo acquisto.
  9. 9. Dati chiave• Format: Community multichannel Retail• 2000: lancio del sito e della Community• 2007: primo negozio a Chicago• 700 proposte ricevute a settimana• 4-6 nuovi modelli a settimana• 18$ - 9$: range di prezzo delle T-shirt• 30 mln $ fatturato 2007
  10. 10. L’azienda offre anche unaforte interazione con socialnetwork e social media.
  11. 11. Numerosi video caricati suvimeo, youtube e altrepiattaforme multimediali.
  12. 12. Accanto ai prodotti “storici” quali t-shirt e felpe,Threadless ha deciso di dedicarsi anche a borse,accessori e collaborazioni con altre aziende.
  13. 13. Nel 2007 l’azienda ha deciso diaprire anche il primo negozio fisico,a Chicago, che funge da galleria incui esporre le T-shirt vincitrici ed èdiventato un vivace luogod’incontro per i designer dellaCommunity.
  14. 14. Il negozio è sede anche di varicorsi ed eventi (anche con artistiprofessionisti) e testimonia lasensibilità ambientale diThreadless: una pratica borsaviene regalata al primo acquisto, eai clienti che la riutilizzano vieneofferto uno sconto di 1$ a T-shirt.
  15. 15. Chiavi di innovazione• Business guidato dalla Community• L’imprenditore come facilitatore di processo e garante• Assortimento specializzato ma molto profondo• Stime di vendita basate sui pre-ordini• Dall’ecommerce alla multicanalità con negozi / gallerie

×