Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Web 2.0 e government regole del mondo immateriale maggio 2010

1,219 views

Published on

Alcune riflessioni sul mondo immateriale e il web 2.0. Ovvero dell'inadeguatezza della politica

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Web 2.0 e government regole del mondo immateriale maggio 2010

  1. 1. “E-government e mondi virtuali” Riflessioni sul governo del mondo che ci aspetta Michele Vianello Direttore Generale di VEGA Park
  2. 2. Av verto il bisogno di ragionare in grande. Del mondo che verrà. Uscire dal pensiero debole che da troppo tempo ci domina. Pensare alle regole, ai diritti, alle condizioni perché il mondo immateriale che la rete ci ha regalato sia la condizione per una nuova democrazia, per un nuovo progresso civile. Utopia, no!!! Già oggi troviamo traccia del mondo immateriale ogni giorno. Il problema è che non ne abbiamo la piena consapevolezza. Pensiamo di affrontare il mondo immateriale con gli stessi criteri del mondo reale. Niente di più sbagliato. Proviamo, allora a riflettere insieme.
  3. 3. Chiariamo qualche luogo comune, non perdiamoci per la strada
  4. 4. WEB 2.0
  5. 5. WEB 2.0
  6. 6. WEB 2.0
  7. 7. WEB 2.0
  8. 8. WEB 2.0
  9. 9. WEB 2.0
  10. 10. WEB 2.0
  11. 11. WEB 2.0
  12. 12. WEB 2.0
  13. 13. WEB 2.0
  14. 14. Molti pensano che WEB 2.0 sia una nuova tecnologia o un nuovo software. Questo falso intendimento fa perdere ai cittadini una straordinaria opportunità per esercitare con più forza i propri diritti.
  15. 15. e-government
  16. 16. e-government e-participation
  17. 17. e-government e-participation e-inclusion
  18. 18. e-government e-participation e-inclusion e-healt
  19. 19. e-government e-participation e-inclusion e-healt e-safety
  20. 20. e-government e-participation e-inclusion e-healt e-safety
  21. 21. e-government e-participation qualche e- e-inclusion di troppo e-healt e-safety
  22. 22. e-government e-participation qualche e- e-inclusion di troppo e-healt e-safety
  23. 23. e-government e-participation qualche e- e-inclusion di troppo e-democracy e-healt è cosa diversa da e-safety democrazia?
  24. 24. “...tutti i comuni sono informatizzati, accedono a internet, nella maggior parte dei casi con collegamenti a banda larga, e in misura significativa (82%) hanno un sito web...i servizi on-line per gli utenti sono ancora poco diffusi.” Osser vatorio Italia digitale 2.0
  25. 25. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - c onse n te di t rat t are la documentazione e di gestire i p r o c e d i me n t i c o n s i s t e m i digi tali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (c i t t adi n i e d i m pre s e ) s i a ser vizi più rapidi, che nuovi s e r v i z i , a t t r a v e rs o - a d e sempio - i si t i web delle amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  26. 26. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - c onse n te di t rat t are la documentazione e di gestire i p r o c e d i me n t i c o n s i s t e m i digi tali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (c i t t adi n i e d i m pre s e ) s i a ser vizi più rapidi, che nuovi s e r v i z i , a t t r a v e rs o - a d e sempio - i si t i web delle amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  27. 27. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - c onse n te di t rat t are la documentazione e di gestire i p r o c e d i me n t i c o n s i s t e m i digi tali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (c i t t adi n i e d i m pre s e ) s i a ser vizi più rapidi, che nuovi s e r v i z i , a t t r a v e rs o - a d e sempio - i si t i web delle amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  28. 28. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - c onse n te di t rat t are la documentazione e di gestire i p r o c e d i me n t i c o n s i s t e m i digi tali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (c i t t adi n i e d i m pre s e ) s i a ser vizi più rapidi, che nuovi s e r v i z i , a t t r a v e rs o - a d e sempio - i si t i web delle amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  29. 29. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - c onse n te di t rat t are la documentazione e di gestire i p r o c e d i me n t i c o n s i s t e m i digi tali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (c i t t adi n i e d i m pre s e ) s i a ser vizi più rapidi, che nuovi s e r v i z i , a t t r a v e rs o - a d e sempio - i si t i web delle amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  30. 30. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - consente di trattare la documentazione e di gestire i procedimenti con sistemi digitali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (cittadini ed imprese) sia servizi più rapidi, che nuovi ser vizi, attraverso - ad esempio - i siti web delle amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  31. 31. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - consente di trattare la documentazione e di gestire i procedimenti con sistemi digitali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (cittadini ed imprese) sia servizi più rapidi, che nuovi ser vizi, attraverso - ad esempio - i siti web delle amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  32. 32. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - consente di trattare la documentazione e di gestire i procedimenti con sistemi digitali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (cittadini ed imprese) sia servizi più rapidi, che nuovi ser vizi, attraverso - ad esempio - i siti web delle amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  33. 33. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - consente di trattare la documentazione e di gestire i procedimenti con sistemi digitali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (cittadini ed imprese) sia servizi più rapidi, che nuovi ser vizi, attraverso - ad esempio - i siti web delle amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  34. 34. “Per e-government si intende il processo di informatizzazione della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - consente di trattare la documentazione e di gestire i procedimenti con sistemi Anche Wikipedia sbaglia!!! digitali, grazie all’uso delle tecnologie dell’informazione e-government è e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli enti e di offrire agli utenti (cittadini ed qualitativamente qualche cosa di imprese) sia servizi più rapidi, che nuovi ser vizi, attraverso - ad esempio - i siti web delle diverso!!! amministrazioni interessate. “ WIKIPEDIA
  35. 35. “All’inizio del XXI secolo, l’e-government si farà strada a partire dai Governi esistenti come una loro propaggine, oppure stiamo assistendo a un momento fondante in cui l’e-government emerge dai nuovi cittadini?” David Weinberger
  36. 36. Sancisce un diverso rapporto tra cittadini e politica e amministrazione. Disintermediazione
  37. 37. Sancisce un diverso rapporto tra cittadini e politica e amministrazione. Disintermediazione
  38. 38. Sancisce un diverso rapporto tra cittadini e politica e amministrazione. Disintermediazione Sancisce un modello di organizzazione sociale basato sulla partecipazione consapevole dei cittadini
  39. 39. Sancisce un diverso rapporto tra cittadini e politica e amministrazione. Disintermediazione Sancisce un modello di organizzazione sociale basato sulla partecipazione consapevole dei cittadini
  40. 40. Sancisce un diverso rapporto tra cittadini e politica e amministrazione. Disintermediazione Sancisce un modello di organizzazione sociale basato sulla partecipazione consapevole dei cittadini Non è semplicemente un diverso modello organizzativo della Pubblica Amministrazione
  41. 41. Il Web 2.0 sta determinando una redistribuzione dei poteri nelle Istituzioni , poiché mette in crisi le forme di rappresentanza conosciute, elimina ogni forma di autoreferenzialità, offre straordinarie opportunità al cittadino per diventare un protagonista e alle imprese per guadagnare in efficienza. Costringerà la “politica” a ripensare le proprie forme organizzative e di relazione con i cittadini. E’ difficile innovare solo la P.A.. Si innova lo Stato nelle forme attraverso le quali esercita la sua legittimità e il suo potere. WEB 2.0 è una forma di esercizio della partecipazione mai vista precedentemente.
  42. 42. Non esiste edemocracy senza diritto all’accesso al web
  43. 43. Non esiste edemocracy senza diritto all’accesso al web
  44. 44. Non esiste edemocracy senza diritto all’accesso al web Dai a mio figlio un’opportunità in più
  45. 45. Un moderno e nuovo diritto di cittadinanza, il diritto all’accesso-democrazia digitale Non esiste edemocracy senza diritto all’accesso al web Dai a mio figlio un’opportunità in più
  46. 46. Cittadinanza digitale, web 2.0, e-government sono intimamente correlati non esiste e- government, senza web 2.0 e senza diritto all’accesso
  47. 47. “Secondo le stime di Cisco, su Internet è transitato un terabyte di dati nel 1990 e 170 milioni di terabyte l’anno scorso. Nel 2013, ne circoleranno 667 milioni...a metà del prossimo decennio, il traffico sulla rete arriverà a uno zettabyte di dati: mille miliardi di miliardi di byte. Se l’umanità vuole continuare in questa abbuffata senza fine di dati e d’informazioni, c’é poco da fare: c’é bisogno della luce. E che la luce sia.” Marco Magrini
  48. 48. ???
  49. 49. ??? .......... e adesso?
  50. 50. Irreale non è un sogno. Immateriale non significa inesistente. La rete é un luogo abitato.
  51. 51. Irreale non è un sogno. Immateriale non significa inesistente. La rete é un luogo abitato. “Il modo migliore per apprezzare i vantaggi e le conseguenze dell’essere digitale é di riflettere sulla differenza tra bit e atomi.” Nicholas Negroponte
  52. 52. Reale Irreale Materiale Immateriale Atomi Bit
  53. 53. Reale Irreale Materiale Immateriale Atomi Bit
  54. 54. Reale Irreale Materiale Immateriale Atomi Bit
  55. 55. Reale dematerializzazione, Irreale cultura, Materiale Immateriale formazione, Atomi relazioni, Bit welfare........
  56. 56. Reale dematerializzazione, Irreale cultura, Materiale Immateriale formazione, Atomi relazioni, Bit welfare........ alfabeto, scrittura, vie di comunicazione, strumenti di convergenza.....
  57. 57. Reale dematerializzazione, Irreale cultura, Materiale Immateriale formazione, Atomi relazioni, Bit welfare........ alfabeto, libri, scrittura, geroglifici, vie di autostrade, comunicazione, auto........ strumenti di convergenza.....
  58. 58. Cambiano anche alcuni parametri dell’economia classica: spazio, gratis ed economia del dono. “I mercati sono conversazioni”
  59. 59. dematerializzazione, cultura, formazione, relazioni, welfare........
  60. 60. Le regole, dematerializzazione, le Istituzioni del cultura, mondo reale formazione, sono il frutto relazioni, di dinamiche e welfare........ di un processo noto. Si trasformano secondo modalità conosciute. I conflitti del “mondo reale” sono governabili...
  61. 61. dematerializzazione, Chi crea, Le regole, le Istituzioni del cultura, chi governa, mondo reale formazione, come si vengono sono il frutto relazioni, a formare le di dinamiche e welfare........ regole del di un processo mondo virtuale? noto. Chi governa i Si trasformano conflitti? secondo modalità conosciute. I conflitti del “mondo reale” sono governabili...
  62. 62. dematerializzazione, Chi crea, Le regole, le Istituzioni del cultura, chi governa, mondo reale formazione, come si vengono sono il frutto relazioni, a formare le di dinamiche e welfare........ regole del di un processo mondo virtuale? noto. Chi governa i Si trasformano conflitti? secondo modalità conosciute. I conflitti del “mondo reale” e-government? sono governabili...
  63. 63. dematerializzazione, Chi crea, Le regole, le Istituzioni del cultura, chi governa, mondo reale formazione, come si vengono sono il frutto relazioni, a formare le di dinamiche e welfare........ regole del di un processo mondo virtuale? noto. Chi governa i Si trasformano conflitti? secondo modalità conosciute. I conflitti del “mondo reale” e-government? sono governabili... e-democracy-democrazia?
  64. 64. dematerializzazione, Chi crea, Le regole, le Istituzioni del cultura, chi governa, mondo reale formazione, come si vengono sono il frutto relazioni, a formare le di dinamiche e welfare........ regole del di un processo mondo virtuale? noto. Chi governa i Si trasformano conflitti? secondo modalità conosciute. I conflitti del “mondo reale” e-government? sono governabili... e-democracy-democrazia? diritto di cittadinanza?
  65. 65. A chi vogliamo affidare i destini del mondo nuovo? .... ai “tradizionali” stati nazionali? .... alla politica “tradizionale”? .... agli operatori di TLC? .... alla “nuova economia” del WEB?
  66. 66. Ecco perché e-government non è la digitalizzazione dell’esistente
  67. 67. La costruzione dell’ Ecco perché E-government è e-government non parte del processo di è la definizione delle regole che governeranno digitalizzazione la nostra vita dell’esistente immateriale anche quella istituzionale
  68. 68. La costruzione dell’ Ecco perché E-government è e-government non parte del processo di è la definizione delle regole che governeranno digitalizzazione la nostra vita dell’esistente immateriale anche quella istituzionale La democrazia nel mondo del futuro che è presente già oggi.
  69. 69. grazie per l’attenzione il mio blog http://www.michelecamp.it le mie mail michele.vianello0@aliceposta.it m.vianello@vegapark.ve.it

×