Dal web 10 al WEB 4.0

880 views

Published on

Raccolta di post dal blog
Digital, Sharing, Cloud Computing, 4G

Published in: Internet
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
880
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dal web 10 al WEB 4.0

  1. 1. From Blog to Book. mentelab.blogspot.it
  2. 2. 2
  3. 3. Contents 1 2005 7 1.1 October . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 La tecnologia modifica le relazioni (2005-10-26 05:45) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Reti di relazioni (2005-10-26 05:52) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 E-BOOK - Guida al wireless (2005-10-26 05:59) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 Ancora pochi gli italiani che usano il web (2005-10-26 06:44) . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 1.2 November . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Gli italiani chiedono piu’ servizi on line (2005-11-05 02:08) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Incontro con l’autore. (2005-11-07 01:27) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 Sempre piu’ cellulari (2005-11-25 02:58) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 1.3 December . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 La creativita’ italiana. (2005-12-10 11:03) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 Information overload (2005-12-15 03:52) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 In Italia ancora pochi pc e Internet (2005-12-28 00:23) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 2 2006 17 2.1 January . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 Sms contro lo stress (2006-01-05 11:14) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 La migliore invenzione nel Web ? (2006-01-08 10:43) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 Wikipedia combatte l’Information Overload (2006-01-10 03:08) . . . . . . . . . . . . . . . . 18 Music Video Blog (2006-01-26 11:30) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 2.2 March . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 L’Informazione, si cerca sul Web (2006-03-05 04:36) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 2.3 May . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 Il Web tradizionale arranca (2006-05-25 04:20) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 WEB 2 : dal Web dei contenuti al Web dei Servizi (2006-05-25 23:15) . . . . . . . . . . . . 22 Nasce il nuovo Internet (2006-05-27 08:59) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 2.4 August . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 3
  4. 4. YouTube batte MySpace (2006-08-28 05:37) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 2.5 September . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Evoluzione del WEB (2006-09-08 08:39) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Net Generation (2006-09-24 11:38) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 2.6 October . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 Blogger identikit. (2006-10-13 23:08) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 2.7 November . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 Per Informarsi e Relazionarsi si va nel Web (2006-11-01 02:16) . . . . . . . . . . . . . . . . 26 Gli italiani e Il Web (2006-11-10 02:13) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 (2006-11-15 10:35) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 3 2007 29 3.1 January . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 User enpowerment (2007-01-05 00:50) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 Web2.0 e Conoscenza Condivisa. (2007-01-28 09:41) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 3.2 March . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 CISCO Expo Innovazione e Web2.0. (2007-03-08 11:04) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 Dai Social network ai Digital Network (2007-03-15 23:06) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 3.3 April . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Netwoking aziendale (2007-04-04 22:22) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Tagging (2007-04-29 22:31) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 3.4 May . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 Web Semantico (2007-05-19 00:06) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 Lo sciame inquieto (2007-05-19 11:22) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 3.5 September . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 Web2.0 per tutti , ebook free (2007-09-10 10:27) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 Narcisismo Digitale (2007-09-10 10:28) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 3.6 October . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 L’Era della IPinformation (2007-10-23 07:47) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 4 2008 39 4.1 February . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39 Mediascopio (2008-02-19 10:39) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39 4.2 March . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 Webalienazione (2008-03-08 11:10) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40 4.3 April . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 4
  5. 5. Web2.0 versus Web3.0 (2008-04-07 03:01) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 4.4 October . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 Crack Web 2.0 (2008-10-08 04:38) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 4.5 December . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 Adhocrazia (2008-12-10 04:06) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42 5 2009 45 5.1 April . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45 Power of Less (2009-04-08 07:52) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45 5.2 July . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 Social media IdentiTy (2009-07-29 11:02) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 5.3 September . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 Infotainment (2009-09-11 07:10) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 5.4 October . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 Newspaper Narcissism (2009-10-14 09:56) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 Internert cresce come mezzo di informazione indipendente (2009-10-19 02:38) . . . . . . . . 48 5.5 November . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 Digital Information (2009-11-04 03:16) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 6 2010 51 6.1 January . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 L’Informazione si digitalizza (2010-01-17 00:17) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 6.2 February . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 Dall’economia materiale all’Economia Digitale (2010-02-15 03:19) . . . . . . . . . . . . . . . 54 6.3 March . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55 Economia immateriale, cognitiva, delle idee ... (2010-03-07 01:51) . . . . . . . . . . . . . . . 55 6.4 July . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55 Una nuova logica (2010-07-01 07:18) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55 6.5 September . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 Digital Brain e NetIntelligenze (2010-09-01 22:56) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 6.6 October . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60 Dai socialnetwork al social-Moot (2010-10-24 10:31) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60 7 2011 63 7.1 March . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63 La comunicazione nell’era digitale (2011-03-05 01:28) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63 7.2 November . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64 OverSharing (2011-11-11 02:48) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64 Sharing Economy (2011-11-20 07:10) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65 5
  6. 6. 8 2012 69 8.1 June . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 Era Nomadica e digital brain (2012-06-22 04:31) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 9 2013 73 9.1 February . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73 Web dallo spazio al Tempo (2013-02-02 07:20) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73 Crossmedialità over IP (2013-02-05 05:05) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74 9.2 March . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75 Analfabetismo o Analfdigitalismo ? (2013-03-30 03:52) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75 9.3 August . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77 Dalla Sharing Economy alla Collaborative Economy (2013-08-09 23:56) . . . . . . . . . . . 77 6
  7. 7. Chapter 1 2005 1.1 October La tecnologia modifica le relazioni (2005-10-26 05:45) [1] La crescente rapidità di accesso alle informazioni modifica il modo di pensare e soprattutto di relazionarsi con gli altri. Nell’attuale mondo iper tecnologico la dimensione psichica dell’io, quella a cui eravamo abituati, fatica a sopravvivere. Siamo sopraffatti da molteplici stimoli sensoriali, molteplici fonti informative (Internet, cellulari, televisione, video), dobbiamo fare i conti con un crescente rapidità di accesso alle informazioni. Il nostro modo di pensare e lo stile cognitivo che utilizzavamo una volta ora non vanno più bene, sono troppo lenti e inefficaci. Dobbiamo sviluppare capacità di saper operare rapide valutazioni e selezioni delle informazioni. La razionalità lascia il posto alla creatività, il libro al Web, la scrittura alla multimedialità (gli SMS e gli MMS delle nuove generazioni, che usano i cellulari come carta e penna). La conoscenza si fonda non più sui libri ed enciclopedie, ma sempre più sull’esperienza. Anche l’ordine cede il passo alla spontaneità, la logica al paradosso, l’individualismo al team (gruppo di lavoro, gruppi di interesse, gruppi di relazioni, gruppi di esperienze). Dominano la transizione, la complessità, il passaggio; niente è duraturo, molte informazioni valgono appena poche ore, al massimo un giorno; e poi ancora le realtà molteplici, l’iper-realtà (il cui inizio si è avuto con la virtualità). L’ordine, la logica e il rigore stentano, mentre spopola l’ambiguità (le identità indefinite nelle chat), la spontaneità, l’ironia, il paradosso. Il passato e il futuro arrancano di fronte all’immediato, al presente. L’io si frammenta lasciando il primato al principio del piacere, vivendo una molteplicità del sé, a multiper- sonalità, a identità mutevoli. Cadono le certezze, avanzano gli spazi dei molteplici interrogativi, domina la comunicazione comunque e ovunque, con qualsiasi media: tutto va sperimentato condividendo esperienze, relazioni in gruppi reali o virtuali di breve durata, o creati per l’occasione. Si vivono così mutevoli forme di coscienza; il vecchio io cede il passo all’io proteiforme, flessibile, capace di adattarsi continuamente alle nuove circostanze, trasformandosi in forme di mimetismi buoni per l’occasione. La ricchezza ora sta nelle esperienze, non più sul possesso materiale o sul consumo dei beni. Creare relazioni e reti di relazioni, anche con l’aiuto delle nuove tecnologie, ecco la nuova professione del 2000: chi è pronto? link [2]http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa &cod=3754 &numero=572 7
  8. 8. mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/icona_robotica.jpg 2. http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=3754&numero=572 Stacey (2005-10-26 05:54:00) Hey, you have a great blog here! I’m definitely going to bookmark you! I have a [1]traffic campaign site/blog. It pretty much covers traffic campaign related stuff. Come and check it out if you get time :-) 1. http://www.webexcel.biz/signups.htm Reti di relazioni (2005-10-26 05:52) [1] Ciascuno di noi stabilisce delle reti sociali, strutturate e ordinate, con i propri parenti, colleghi e amici. Viviamo in relazioni più o meno strette con gli altri. Stabiliamo così delle reti di relazioni, reti sociali, strutturate e ordinate, con i nostri parenti, colleghi di lavoro, amici più assidui. Tutto ciò va a costituire un piccolo network (pr o piccola rete) ristretto, di cui conosciamo l’estensione e l’esistenza stessa. Esiste poi una rete più allargata (GR o Grande Rete) fatta dalle persone più disparate, amici sporadici o d’infanzia, conoscenze lontane e occasionali, che formano un struttura sotterranea molto più ampia e a noi spesso sconosciuta. Ogni network è fatto di connessioni e nodi. I mezzi a nostra disposizione facilitano le comunicazioni all’interno della rete: basti citare il cellulare, gli Sms, il computer, la posta elettronica, internet e i vecchi mezzi: il telefono, il fax, la posta ordinaria per citarne solo alcuni. E’ stato calcolato che il 96 % delle nostre comunicazioni avviene tramite telefono e cellulare, media di comunicazione interpersonale dominante. Le notizie si diffondono con più rapidità e facilità tramite queste reti, rispetto alle altre possibili modalità. Lavorare in rete diventa così una strategia vincente ed efficente. Le Reti tra aziende, comuni, enti e istituzioni, scuole, associazioni e gruppi sono le armi fondamentali per la crescita e lo sviluppo sociale ed economico del territorio. Tali reti hanno una ”intelligenza interna” e seguono delle regole ben precise. La rete forte, perchè più ampia e allargata, è quella fatta dai punti deboli (GR), composta da nodi lontani o occasionali che consentono di allargare la struttura verso punti nuovi. Generalmente noi utilizziamo la piccola rete nel diffondere le notizie, le relazioni e i progetti, tralasciando i nodi lontani: così le comunicazioni, le relazioni e i progetti si fermano limitandosi a pochi, i soliti. Ogni azienda o istituzione isolata che non fa rete con altre, non si sviluppa o cresce molto lentamente; fatica a sopravvivere nella nuova società della conoscenza estesa, iperconnessa. Anche Internet è una Grande Rete con importanti risvolti economici e sociali. Siamo pronti al cambiamento? mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/icona_MatteoBasile1.jpg 8
  9. 9. emily from blog articles (2005-10-26 06:00:00) Hi, The chances of you or one of your family suffering from arthritis during their lifetime is highly likely. As a sufferer myself, I have compiled loads of free information on [1]rheumatoid diets and how to relieve arthritic pain. Come take a look ... it won’t cost you anything but may save you from a lot of pain. Kind Regards Emily 1. http://www.arthritis-health-news.com/documents/arthritis_diets.html E-BOOK - Guida al wireless (2005-10-26 05:59) e-BOOK - Guida al wirelessLa Guida tecnica di NetManager sul mondo wireless. Una guida tecnica completa a tutti i servizi wireless: dal Wi-fi al Bluetooth fino al Gprs. Schede introduttive, dati tecnici, schemi di funzionamento, un’analisi completa delle tecnologia più utilizzate e una panoramica sui sistemi alternativi INDICE Guida al WiFi Guida al Bluetooth Guida al GPRS Altre tecnologie wirelessGlossario Formato: Acrobat Reader (PDF) Dimensione File: 769 KbStampabile: Si Numero pagine: 33 Data pubblicazione: dicembre 2003 Scarica gratuitamente l’ebook -> è necessario essere [1]registrati al sito ed effettuare il log-in [2]http://manager.leonardo.it/Site/Tool/Article?ida=9966 mentelab.blogspot.com 1. http://manager.leonardo.it/Site/Tool/User/Register 2. http://manager.leonardo.it/Site/Tool/Article?ida=9966 Ancora pochi gli italiani che usano il web (2005-10-26 06:44) Internet non decolla, deve trasformarsi per crescere: lo dicono i dati emersi dall’ultimo rapporto del Censis. Pochi gli italiani che sanno usare il computer. Quasi tre italiani su quattro non si connettono mai a Internet: quelli che non lo fanno perché non sanno usare il computer sono addirittura il 74 %. Si tratta soprattutto di anziani e di adulti con un livello di istruzione basso, accentuando il fenomeno del digital divide ormai noto. Il computer, strano ma vero, è il principale ostacolo alla diffusione di Internet, accompagnato dalla modalità di connessione: il 72,6 % usa le linee telefoniche normali, lo fa prevalentemente da casa il 70,7 %. Il divario si allarga quando si prende in considerazione il livello di istruzione, ma esiste anche un effetto generazionale (generational gap): i giovani (tra i 14 e 17 anni) e gli adulti (tra i 30 e 44 anni) sono le fasce d’età in cui la penetrazione del mezzo è maggiore. E’ sorprendende il dato del 16,5 % dei giovani che, pur sapendo usare il mezzo, non si connette semplicemente perché non sa cosa farsene. La sostanziale stagnazione che si è registrata negli ultimi anni, continua impetuoso il rapporto, costituisce un importante campanello d’allarme. Altro dato interessante è legato alla motivazione che spinge una persona a utilizzare Internet. Gli ”adulti 9
  10. 10. istruiti” usano il web per acquisire informazioni su qualsiasi argomento (il 42,7 % contro il 25,6 % dei giovani), o per aggiornarsi in tempo reale (il 23,5 %), o per motivi di studio o lavoro (il 20 %). Diametralmente diverso l’approccio dei giovani: navigano principalmente per mettersi in contatto con molte persone in ogni parte del mondo sono il 32,6 %, o per divertirsi o navigare su siti più impensati: alla faccia di chi vuole utilizzare Internet per istruire, nel senso classico del termine, i giovani. La prima funzione della Rete per i giovani è relazionale e ludica: chattare con gli amici, scrivere messaggi e scaricare la musica. L’uso dei motori di ricerca o l’aggiornamento sulle ultime news lo lasciamo agli adulti istruiti. I comportamenti degli adulti ”non istruiti”si avvicinano un po’ a quelli dei giovani. Si tratta di un sottoutilizzo del mezzo? Aspettiamo le convergenze con la mobile comunication dei cellulari evoluti o le integrazioni con la Tv digitale terrestre. mentelab.blogspot.com xantus (2005-10-26 07:05:00) Greetings. Interesting Blog. I was searching for the latest information on energy conservation and landed here. It isn’t exactly what I am looking for as I was specifically searching for energy conservation. In any event, interesting to visit with you and to see what interests you. If you like, feel free to recipocate at http://www.myebikes.com. Thanks for the read. 1.2 November Gli italiani chiedono piu’ servizi on line (2005-11-05 02:08) [1] PA: gli italiani chiedono piu’ servizi on line. Dalla ricerca del Censis ”Cittadini Digitali 2005”e’ emersa una chiara volonta’ degli italiani a ricevere maggiori servizi on line. Dalla ricerca del Censis ”Cittadini Digitali 2005”e’ emersa una chiara volonta’ degli italiani a ricevere maggiori servizi on line. Chiedono in pratica ”strumenti di accesso a distanza per usufruire dei servizi erogati”. Secondo il Censis, per la prima volta la maggioranza degli italiani, il 53,3 %, preferisce ai tradizionali ”sportelli” l’accesso a distanza ai servizi degli enti della Pubblica Amministrazione: di questi il 26 % chiede una maggior diffusione dei call center, il 14 % un aumento dell’informazione televisiva e il 13 % un miglioramento dei servizi online. Gli utenti di internet in Italia sono oggi 20 milioni, in crescita di appena un milione rispetto allo scorso anno. Un dato che, per il Censis, conferma ”un rallentamento della crescita rispetto alla rapidita’ con cui era avvenuta negli anni passati (5 milioni di utenti in piu’ tra il 2003 e il 2004)”. Internet, con sei milioni di italiani che utilizzano i siti dei Ministeri e degli enti locali, non e’ ancora lo strumento prevalente per la fruizione dei servizi mentre cresce la sua penetrazione come mezzo di comunicazione e di ricerca di informazioni, riferisce il Censis. Secondo l’istituto infatti il 95,2 % dei navigatori usa la rete per cercare informazioni di vario genere, l’87,9 usa la posta elettronica e il 31,9 % partecipa a chat, forum e scambiano file e filmati con altri utenti. I piu’ versati all’uso di Internet sono, come prevedibile, i giovani (fino a 29 anni). Analizzando nel dettaglio il profilo dei navigatori italiani, il Censis sottolinea come la maggioranza degli studenti siano fruitori del web (70 %) cosi’ come lo sono il 62 % dei dipendenti pubblici e il 61 % 10
  11. 11. dei professionisti. Pensionati e casalinghe invece rimangono le categorie escluse dallo sviluppo di questa tecnologia. Gli italiani inoltre prediligono navigare in casa ma, segnale di maggiore ”disinvoltura”, cresce la percentuale di coloro che si collegano da diversi luoghi e hanno la possibilita’ di rimanere connessi alla rete tutta la giornata (17 %). [2]link mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/click_1.jpeg 2. http://www.e-scuole.net/docenti/dettaglio.jsp?idm=00E5X16J1JP30JZ40NH7XGE6PQ296H5V&prg=1 Incontro con l’autore. (2005-11-07 01:27) [1] Roberto Zarriello e’ autore del libro Penne Digitali. Dalle agenzie ai blog: fare informazione nell’era di Internet. Roberto Zarriello e’ autore del libro Penne Digitali. Dalle agenzie ai blog: fare informazione nell’era di Internet.Dopo numerose esperienze con testate on line e televisive, in particolar modo sportive, entra a far parte dell’ Age ( Agenzia Giornalistica Europea ) nel 2002. L’anno dopo e’ responsabile del portale sportivo. Attualmente e’ Vicedirettore dell’ Age ed e’ a capo dl settore formazione. Collabora con l’edizione pugliese di Repubblica. Inoltre e’ docente in master di giornalismo e comunicazione. Si parla molto di giornalismo on line, qual’ e’ la differenza rispetto la carta stampata ? Il giornalismo on line si differenzia da quello tradizionale per le peculiarita’ del mezzo di trasmissione: Internet e’ dinamico, la carta stampata no. Sul Web tempestivita’ ed immediatezza sono sensibilmente importanti, purche’ non siano a discapito della veridicita’ della notizia, ne’ di un accurato controllo delle fonti. In tempo reale si informa l’ utente, che raramente legge con calma un articolo dall’inizio alla fine, ma che tende, piuttosto, a scorrere le righe alla ricerca di cio’ che piu’ lo interessa. Diviene fondamentale, quindi, strutturare il proprio pezzo in paragrafi, in modo che si segua un filo logico di immediata comprensione. Si consiglia, inoltre, uno stile semplice, chiaro e diretto, sostanzialmente che non faccia perdere tempo al lettore, che in un click puo’ gia’ essere altrove. Bisogna, poi, sfruttare la peculiarita’ del mezzo Internet, ad esempio linkando argomenti correlati, altri articoli, interviste e siti ufficiali. Un bravo giornalista non fara’ mai venire meno serieta’ e responsabilita’ nel proprio operato, ma sapra’ anche adattarsi a pregi e difetti del media su cui di volta in volta si trovera’ a lavorare. Fare informazione su Internet, cambia il rapporto tra giornalista e lettori ? Sul Web la relazione con il lettore si caratterizza per la sua interattivita’. Il webgiornalista ha la possibilita’ di avere un rapporto molto stretto con i suoi utenti, che spesso possono commentare gli articoli, o mettersi direttamente in contatto con l’ autore scrivendogli via e-mail, uno strumento decisamente immediato di comunicazione. Ci sono, poi, molti altri strumenti di interazione, quali chat e forum tematici. Molti giornalisti, poi, curano anche dei Weblog personali e/o professionali in cui i lettori hanno ancora piu’ la possibilita’ di 11
  12. 12. interagire. Non bisogna, poi, dimenticarsi che sul Web l’ apprezzabilita’ dei contenuti e’ misurabile in numero di click e che la quantita’ di visite determina il successo del sito. Il che non vuole dire che il cybergiornalista debba assumere i panni del lettore o venire necessariamente incontro alle sue esigenze. Significa, piuttosto, che il cybergiornalista piu’ di chiunque altro deve impegnarsi nel veicolare una informazione chiara e coerente, che susciti l’ interesse e la curiositaa’ di chi legge. Il recente Rapporto Censis-Ucsi 2005, evidenzia che nella ”piramide mediale” nell’ uso abituale dei media degli ultimi anni, Internet e’ in forte crescita ( + 10 %) rispetto un sensibile calo dei quotidiani ( -4,4 %) e settimali (-4,3 %), e’ la fine annunciata della carta stampata ? Internet e’ uno strumento potente in mano al mondo dell’informazione, offrendo non solo contenuti in tempo reale, ma anche multimedialita’ e interattivita’, caratteristiche sconosciute ad altri media. Difficilmente, pero’, un nuovo mezzo di comunicazione sostituisce il precedente al punto tale di farlo scomparire: la televisione non ha comportato la fine della radio, ne’ dei giornali, piuttosto ci si trova davanti ad una ridefinizione di ruoli. Lo stesso lettore in momenti diversi della giornata puo’ rivolgersi a realta’ mediatiche differenti in base alle esigenze di informazione e di approfondimento sentite di volta in volta. Quali sono le competenze richieste ad un cybergiornalista ? I ferri del mestiere? sono gli stessi. Il cybergiornalista, esattamente come il giornalista tradizionale, ha l’ obbligo di restare fedele a quei principi di equidistanza, chiarezza espositiva, spirito critico e responsabilita’ verso i propri lettori. Certamente al cybergiornalista viene richiesta una maggiore confidenza tecnologica, ad esempio con i programmi di videoscrittura e con gli strumenti di ricerca on line, del resto la macchina da scrivere, ormai, ha perso il suo fascino anche per il giornalista tradizionale. L’esplosione dei weblog aperti a tutti gli internet-nauti mette in secondo piano la figura del giornalista professionista ? La professionalita’ e’ cio’ che contraddistingue un giornalista, non la testata per cui scrive, soprattutto su Internet, dove anche il sito del piu’ piccolo giornale locale puo’ essere virtualmente visitato da ogni parte del mondo. I Weblog, frutto della dinamicita’ e della interattivita’ proprie della rete, sono nuovi luoghi di incontro, spazi di approfondimento e riflessione sulle tematiche piu’ varie. Sono il simbolo tangibile della liberta’ di espressione on line, dove le barriere economiche del mezzo di comunicazione vengono abbattute con il costo di un computer dotato di connessione. L’ attivita’ dei blog non mette in secondo piano il lavoro del giornalista, anzi, ne puo’ amplificare la portata, quotando articoli e autori, stimolando altri potenziali lettori a riflettere e commentare i temi trattati. Questo, ad esempio, e’ uno degli obiettivi che sto perseguendo insieme ad altri esperti del settore con il blog [2]http://www.pennedigitali.it/ incentrato sul tema del fare informazione nella’ era di Internet, al momento ospitato da Splinder, ma che molto presto entrera’ a fare parte del mondo Blogosfere. I nuovi webgiornali saranno sempre piu’ multimediali, con musica,filmati e video ? Non vedo perche’ dovrebbe essere altrimenti. Risolti i problemi relativi a connessioni lente e al caricamento istantaneo, o quasi, delle pagine Internet, i Webgiornali sono liberi di scatenarsi con le potenzialita’ e le offerte multimediali della rete. L’ informazione on line, gia’ immediata e a disposizione dell’utente in qualsiasi momento in ogni dove, diviene cosi’ ancora piu’ completa. Sempre secondo il recente Rapporto Censis-Ucsi 2005, nelle attivita’ personali collegate all’uso di Internet emergono in ordine: cercare, lavorare, informarsi, giocare, approfondire, entrare in contatto con altre persone, acquistare/vendere, divertirsi ... cosa ne pensa ? E’ la dimostrazione evidente che oggi la gente si collega ad Internet soprattutto per informarsi. Qualche anno fa tutto questo sembrava impensabile. Inoltre, se e’ vero che il rapporto Censis evidenzia che ci si collega al web prima di tutto per cercare e per lavorare, e’ altrettanto vero che questi tipi di attivita’ potrebbero a loro volta riguardare il mondo dell’ informazione. Posso ad esempio collegarmi ad Internet per cercare un articolo in un motore di ricerca come posso usare Internet se sono un redattore-web e lavoro per una testata online. In ogni caso non sbaglia chi pensa che l’ informazione e le notizie in genere possano rappresentare la merce del futuro con tanto di compravendita. Grazie per la collaborazione Daniele Pauletto 12
  13. 13. mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/Penne%20Digitali.jpg 2. http://www.pennedigitali.it/ Virginia (2005-11-07 01:31:00) Blogger battle [Internet exemption from McCain/Feingold] Posted on 11/06/2005 3:03:14 PM PST by Jim Robinson The U.S ... And eventually the Senate will take up a companion bill to the one Texas Republican Jeb Hensarling sponsored. Find out how to buy and sell anything, like things related to [1]how to repair a road bicycle on interest free credit and pay back whenever you want! Exchange FREE ads on any topic, like [2]how to repair a road bicycle! 1. http://www.credoninc.com/ 2. http://www.credoninc.com/ Sempre piu’ cellulari (2005-11-25 02:58) Sempre piu’ cellulari e internet Presentato a Roma il rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione. E’ il cellulare il piu’ amato dagli italiani tra tutti i mezzi di comunicazione. Gli utenti abituali del ’telefonino’ fra il 2001 e il 2005 sono infatti raddoppiati (+19 milioni) raggiungendo quasi quota 40 milioni. Le le videochiamate attualmente riguardino l’8 % degli utenti, circa metà e’ convinto che fra breve questo sara’ il principale modo per comunicare”. Internet e satellite. Anche le persone in grado di usare un computer sono aumentate di 5 milioni raggiungendo quota 15 milioni; gli utenti di internet sono invece cresciuti di oltre 5 milioni giungendo a piu’ di 11 milioni (come utenti abituali, e quasi 18 milioni come utenti complessivi); infine gli utenti della tv satellitare sono ulteriormente cresciuti di 2 milioni. Il pc in casa. In piu’ della meta’ delle case c’e’ un computer, 55,4 %, di questi l’11 % e’ un pc non connesso a internet, nel 12 % il computer e’ connesso ma non lo si sa usare, per il 32,4 % il computer e’ connesso e viene usato per navigare. l rapporto, poi, analizza la ”dieta mediatica” e la stratificazione della popolazione in base al numero di mezzi di comunicazione abitualmente impiegati in combinazione tra loro: rispetto al precedente rapporto i ’marginali’ si sono ridotti di poco (persone che usano un solo mezzo: dal 9,1 % all’8,3 %), mentre il gruppo degli ’onnivori’ (persone che usano quasi tutti i media a disposizione) e’ cresciuto significativamente, passando dal 14,8 % al 17,2 %, ossia 8,6 milioni di persone in totale. Infine, c’e’ il gruppo dei ”pionieri”, utenti di tutti i media disponibili: in tre anni sono cresciuti di un punto percentuale e sono diventati 1,6 milioni in Italia. mentelab.blogspot.com 13
  14. 14. 1.3 December La creativita’ italiana. (2005-12-10 11:03) [1] La creativita’ italiana, intervista a Marco Cremona. Marco Cremona direttore creativo delle Young & Rubicam a Los Angeles. Cos’e’ copywriter ? Un copywriter e’ il creativo che si occupa della realizazzione dei testi,titoli, messaggi di una campagna promozionale,generalmente lavora insieme all’ art director che ha il compito di tradurre in termini visivi i testi attraverso la grafica, le ”impressioni visive”.Il linguaggio testuale si integra con quello visivo per lanciare un messaggio da proporre al direttore creativo. La forza creativa quindi sta nelle idee, alcuni studiosi sostengono che le nuove fabbriche saranno ”Fabbriche di Idee” ? Si tutto nasce dalle idee che vengono poi proposte al direttore creativo. Chi e’ il direttore creativo ? Il direttore creativo e’ una o piu’ persone, possono essere infatti anche due direttori che lavorano insieme, si occupa per il 50 % di valutare le idee proposte e quindi sottoporle ai clienti potenziali, svolge funzione di ”account” e manager responsabile, per un altro 50 % continua a coltivare il pensiero, le idee, i progetti, la creativita’ ,Spesso tuttavia il primo compito tende a prevalere e ad assorbire tutte le energie. vedi lo Spot Ha vinto due premi internazionali, il leone di bronzo al Festival internazionale della pubblicita’ di Cannes ? Si’ primo nel 2000 ha premiato la pubblicita’ di un sito internet Excite, il secondo, lo spot Telecom con [2]Ghandi che mi ha permesso di cambiare carriera, infatti da gennaio 2006 mi trasferiro’ nella sede della Young &Rubicam di Los Angeles.Un sogno che si realizza. Come sviluppare la creativita’ nei giovani e quali consigli dare a loro ? La creativita’ si esercita,piu’ che studiarla, attraverso l’esperienza.Ci sono corsi di comunicazione e creativita’ ma io suggerisco di fare delle esperienze dirette con agenzie pubblicitarie e fare esperienze all’estero.L’Italia e’ vista come una cenerentola nel mondo sul tema creativita’ nonostante la sua ricca cultura e arte.Nei premi internazionali gli Stati Uniti, l’inghilterra,il Brasile, la Francia sono ai primi posti, non cosi’ per l’Italia. Ho trascorso due anni di lavoro in Brasile come copywriter, l’esperienza e’ stata particolarmente interessante ho imparato a lavorare in modo piu’ concentrato, focalizzato e costante senza tuttavia fretta o frenesia.Si lavora con molta piu’ liberta’ senza inutili tempi pressanti. A Los Angeles assumera’ l’incario di direttore creativo, esistono ”specializzazzioni” come direttore creativo su una particolare tipologia di media ? Generalmente no, tuttavia alcuni direttori sono per cosi’ dire specializzati su certe marche e prodotti. mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/telecomgandhi.jpg 2. http://www.mymarketing.net/m-channel/sezione/atomo.aspx?i=486 14
  15. 15. Information overload (2005-12-15 03:52) [1] Information overload, la tecnologia modifica le relazioni. Nell’attuale mondo iper tecnologico dobbiamo sviluppare capacità di saper operare rapide valutazioni e selezioni delle informazioni. La crescente rapidità di accesso alle informazioni modifica il modo di pensare e soprattutto di relazionarsi con gli altri. Nell’attuale mondo iper tecnologico la dimensione psichica dell’io, quella a cui eravamo abituati, fatica a sopravvivere. Siamo sopraffatti da molteplici stimoli sensoriali, molteplici fonti informative (Internet, cellulari, televisione, video), dobbiamo fare i conti con un crescente rapidità di accesso alle informazioni. Il nostro modo di pensare e lo stile cognitivo che utilizzavamo una volta ora non vanno più bene, sono troppo lenti e inefficaci. Dobbiamo sviluppare capacità di saper operare rapide valutazioni e selezioni delle informazioni. La razionalità lascia il posto alla creatività, il libro al Web, la scrittura alla multimedialità (gli SMS e gli MMS delle nuove generazioni, che usano i cellulari come carta e penna). L’io di gutenber, dei libri e della parola scritta, lascia il posto all’ digtIO (io-digitale). Dominando la transizione, la complessità, il passaggio; niente è duraturo, molte informazioni valgono appena poche ore, al massimo un giorno,le realtà molteplici, l’iper-realtà (il cui inizio si è avuto con la virtualità) la mente si deve addattare trasformandosi. [2]continua mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/ikaro.jpg 2. http://www.ikaro.net/articoli/cnt/information_overload-00136.html Anonymous (2005-12-23 04:00:00) L’articolo molto interessante sottolinea il bombardamento di informazioni a cui ogni giorno siamo esposti... Occorre sviluppare eccellenti capacità di selezione e analisi critica, chi lo insegna ai giovani ? Ellis Anonymous (2005-12-23 04:05:00) occorre promuovere un cambio di mentalità siamo agli inizi della società della conoscenza... strategico combattere il digital divide che colpisce le categorie più svantaggiate anziani,pensionati, donne casalinghe ecc... marco In Italia ancora pochi pc e Internet (2005-12-28 00:23) Dai dati recenti indagine ISTAT. Aumenta l’utilizzo del computer, dal 16,7 % nel 1997 al 43,9 % del 2005, ma rimangono ancora senza computer a casa oltre la metà degli italiani, ossia il 56,1 %. 15
  16. 16. Un numero ancora maggiore non accede a Internet (65,5 %). Tra le motivazioni per cui non si naviga sul Web da casa, viene indicato uno scarso interesse (il 40,4 % lo considera inutile e non interessante ), mentre al secondo posto si colloca la mancanza di capacità (31,2 %) e i rimanenti o vi accedono da altro luogo, oppure ritengono costosi gli strumenti necessari per connettersi o il collegamento .Gli utilizzatori di computer diventano sempre più giovani, aumentanto il Digital Divided ormai noto. mentelab.blogspot.com 16
  17. 17. Chapter 2 2006 2.1 January Sms contro lo stress (2006-01-05 11:14) Stress,Ansia ? Arriva la SMS therapy Si sta sperimentando una innovativa forma di terapia fatta di SMS e web, ShortMessageTherapy per curare le notti insonni del teledipendenti del 2000. L’approccio si basa su metodologie basate sulla psicologia cognitiva e la pnl programmazione neurolinguistica con un ampio uso della tecnologia, un mix rivoluzionario, fatto di mobile terminal, pda, notebook, web che sostituiscono l’arcaio studio poltrona e scrivania finiti in soffitta. Brevi messaggi distribuiti lungo l’arco della giornata si inseriscono nella mente della persona attivando forme di pensiero positivo. Insomma un vero e proprio bormbardamento cognitivo di messaggi positivi che aiutano a superare le crisi. La tecnologia aiuta ... [1]link [2]VISITA mentelab.blogspot.com 1. http://www.ikaro.net/news/ict/sms_therapy-00296.html 2. https://mentelab.wordpress.com/ La migliore invenzione nel Web ? (2006-01-08 10:43) [1] Qual’è la migliore invenzione in 15 anni di World Wide Web?Indagine su 18.00 utenti del sito della [2]CNN clamorosamente alterzo posto il giornalismo on line dei Blog.Questo genere di giornalismo si sta velocemente imponendo , acquisendo consensi crescenti.Cronache, commenti, immagini fatti da persone per persone comuni ed eletti ad emblema di una società in cui non è più sufficiente fruire passivamente dell’informazione. Simbolo dei tempi, del costume e dell’evoluzione tecnologica, il giornalismo ”amatoriale” ( personal journalism) si nutre di blog , di persone comuni che vivono al centro dei fatti, portando informazioni spesso dettagliate ed in tempo reale. 17
  18. 18. [3]approfondisci [4]VISITA mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/logo_cnn.0.gif 2. http://www.cnn.com/ 3. http://www.advmagazine.net/advnews-24h/index.php?p=11015048441394 4. https://mentelab.wordpress.com/ Wikipedia combatte l’Information Overload (2006-01-10 03:08) [1] Information Overload ... i navigatori della rete sono espostissimi al sovraccarico di informazioni. In realtà Wikipedia rispetto alla rete è un luogo molto ordinato e può essere vista come preziosa fonte di organizzazione delle informazioni. Esasperando un po’ questa visione, Wikipedia, tramite i collegamenti esterni presenti in quasi tutti gli articoli, può diventare un punto di accesso ordinato alla navigazione in rete. [2]approfondisci [3]VISITA mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/Wikipedia-logo.0.jpg 2. http://www.e-scuole.net/studenti/dettaglio.jsp?idm=R731Y09E0L2X0KU3Z5VMEBH0OZ26R60S&prg=1 3. https://mentelab.wordpress.com/ 18
  19. 19. Music Video Blog (2006-01-26 11:30) [1] Today marks the 56th Republic Day of India. The nation hascome a long way since its independence from the Britishon Aug. 15, 1947 - and it seems to have a dynamic futureahead of it, in the 21st century. guarda il [2]VIDEO India’sNational Anthem by the best of India’s musicians [3]VISITA mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/india.jpg 2. http://video.google.com/videoplay?docid=7399792002477900458 3. https://mentelab.wordpress.com/ Gianni (2006-01-27 08:08:00) Video molto bello e di qualità. gianni 2.2 March L’Informazione, si cerca sul Web (2006-03-05 04:36) [1] L’Informazione, si cerca sul Web. I siti web di notizie, con il 29 % delle preferenze, sono la seconda fonte di informazione più utilizzata subito dopo i telegiornali (45 %). A rivolgersi al Web sono in particolare gli utenti tra i 25 e i 34 anni , il 35,35 % degli internauti, e quelli tra i 18-24 (33,82 %)., mentre gli over 50 prediligono i quotidiani. Le news dell’ultima ora/attualità e il meteo, sono la fonte preferita per il 77 % degli internauti.Il Web batte la carta anche per aggiornamenti e approfondimenti , ma anche sui temi legati alla tecnologia, hobby ,giochi e curiosità.I quotidiani e le riviste cartacee risultano, invece, la prima fonte di informazione per quanto concerne la cronaca della città (78 %), la politica (62 %), l’economia (56 %). L’aggiornamento delle informazioni è la caratteristica che riscontra maggiormente il consenso degli utenti e che decreta, insieme alla brevità delle notizie il successo di siti di notizie online rispetto all’informazione 19
  20. 20. cartacea. [2]per approfondire [3]VISITA mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/msn.gif 2. http://notizie.msn.it/msn/ 3. https://mentelab.wordpress.com/ Claudio (2006-03-21 03:36:00) Buongiorno professore, mi sono imbattutto casualmente nel suo blog e devo dire che per certi verso sono contento. Volevo chiederle se poteva e soprattutto voleva darmi informazioni più dettagliata sul Wireless. Ovviamente anche un sito di riferimento mi sarebbe di grande aiuto. Le lascio il mio indirizzo di posta elettronica in modo da velocizzare le comunicazioni, la ringrazio in anticipo rossobarletta@tin.it Claudio VAlentina Tosi (2006-05-22 10:38:00) Salve professore, MI chiamo sono una studentessa di scienze della comunicazione a Parma; in questo periodo sto seguendo le lezioni di sistemi di elaborazione dell’informazione e per l’esame dovrò presentare un saggio. Personalmente sono molto interessata a presentare l’argomento del Wireless soprattutto in riferimento al bluetooth... vorrei chiederle: esiste qualche testo o qualche sito internet su cui posso fare affidamento? La ringrazio per l’attenzione. Le lascio la mia mail, spero che possa rispondermi: digademoes@libero.it o valentina.tosi@studenti.unipr.it 20
  21. 21. 2.3 May Il Web tradizionale arranca (2006-05-25 04:20) [1] Il Web tradizionale arranca mentre il web sociale - blog, social network - cresce e si moltiplica. Blog di informazione e social network sono le tipologie di sitia più alto tasso di crescita. L’ultima rilevazione, pubblicata dal Washington Post, evidenzia una fortissima crescita dei siti di aggregazione sociale e una sostanzialestasi per i portali tradizionali. I grandi portali sembrano segnare il passo ... ”While growth is slowing at most top Internet sites, it is skyrocketing at sites focused on social networking, blogging and local information.” ”The number of monthly visitors to each site rose at rates ranging from 185 percent (Citysearch) to 528 percent (Blogger.com)” 21
  22. 22. [2]leggi articolo mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/GR2006040400678.gif 2. http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2006/04/03/AR2006040301692.html WEB 2 : dal Web dei contenuti al Web dei Servizi (2006-05-25 23:15) [1] WEB 2 : dal Web dei contenuti al Web dei Servizi. dal vecchio Web 1.0, il Web dei contenuti, dei classici siti web statici , si sta passando al Web dei servizi un World Wide Web più dinamico e interattivo. . Web 1.0 Web 2 ———————————————- DoubleClick ————> Google AdSense Ofoto ——————-> Flickr publishing—————> Participation mp3.com —————–> Napster directories (taxonomy)—> Tagging (folksonomy) Britannica Online ——-> Wikipedia personal websites ——-> Blogging Internet si è evoluta grazie all’integrazione con database, e all’utilizzo di sistemi CMS ( gestione di contenuti) e sopratutto con i siti dinamici (come ad esempio i forum o i blog ), questo web dinamico è stato definito web 1.5. Nel Web 2 viene moltiplicata la possibilità di contribuire al Web con propri contenuti personali attraverso da una serie di strumenti , tool on-line Blog in testa, che consentono di utilizzare degli elaboratori di testi e immagini condivisi ( content management ) , con immediata pubblicazione e indicizzazzione degli stessi nei motori di ricerca. [2]approfondisci 1 [3]approfondisci 2 mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/figure1.jpg 2. http://www.oreillynet.com/pub/a/oreilly/tim/news/2005/09/30/what-is-web-20.html 3. http://www.economist.com/surveys/displaystory.cfm?story_id=6794156 22
  23. 23. Nasce il nuovo Internet (2006-05-27 08:59) [1] La nuova visone di Internet che già sta influenzando il modo di lavorare, interagire, comunicare nel Web e di elaborare le informazioni sta nascendo con il Web 2, tecnologia ”less is more”( di facile apprendimento/uso e acessibile con diversi strumenti digiatli). Una rivoluzione silenziosa che consentirà un insieme di approcci innovativi nell’uso della rete. Dati indipendenti dall’autore che viaggiano liberamente tra un blog e un’altro subendo trasformazioni e arricchimenti multimediali ( vedi i podcast o vodcast ). Di passaggio in passaggio, tramite la condivisione di e-comunità, l’idea si approfondisce sempre più con la possibilità di diventare popolare, o ”esplodere” in forme ”virali”( ideavirus). Informazioni opensource condivisibili, che nagivano liberamente nel nuovo Web ( Web 2). Ajax ( Asynchronous JavaScript and XML, tecnica per sviluppare applicazioni Web interattive e dinamiche usando una combinazione tra diversi linguaggi di programmazione e oggetti ), XML (eXtensible Markup Language, linguaggio per la strutturazione e la comprensione logica dei dati tramite computer,indipendente dalla piattaforma, si compone di tag e attributi ), feedRSS (really simple syndication per facilitare la distribuzione e l’aggregazione di un contenuto su altri siti) , WiKi, open API ( Application Programming Interface, insieme di procedure standard, possono essere private o pubbliche ), Social Networking , Mash-up ( combinazione di più web application ) ,sono i nuovi strumenti, i ferri del mestiere per lavorare. Quanti sono pronti alla sfida ? mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/web_2.0.gif 2.4 August YouTube batte MySpace (2006-08-28 05:37) [1] MySpace, il più chiacchierato dei “community website” esistenti in Rete è sorpassato da YouTube, la pi- attaforma on-line che consente di vedere e scambiarsi un’enorme quantità di video. I dati di traffico e affluenza di YouTube evidenziano la sua maggior popolarità rispettto MySpace;il primo è oggi il 3,9 % del totale delle visite quotidiane effettuate dagli utenti Internet, contro il 3,35 % del secondo ( dati Alexa ). Nielsen/Net Ratings registra per la prima metà del 2006 un incremento della base utenti americana di 23
  24. 24. YouTube del 297 % (mentre i tassi di crescita di MySpace sono al di sotto del 10 %), e in Gran Bretagna il sito di video ha già superato i contatti di quelli della Bbc. YouTube sembra avere un appeal più universale di MySpace, trattandosi di un sito di puro intrattenimento, capace di attrarre un vasto pubblico generalista. mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/youtube.gif 2.5 September Evoluzione del WEB (2006-09-08 08:39) [1] mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/web20.0.png Elisiana Franconi (2006-11-09 02:15:00) Ho trovato le sue spiegazioni molto chiare: sono un’ insegnante di inglese in un tecnico informatico e cerco di tenermi ’up-to-date’ con le nuove tecnologie. Saprebbe darmi dei consigli sull’uso di tecnologie informatiche che potrebbero migliorare la mia didattica? o indicarmi pagine web in inglese con spiegazioni chiare come le Sue? Grazie! Net Generation (2006-09-24 11:38) [1] I giovani: cellulare,tv e web I giovani fra i 15 e i 34 anni usano sempre più spesso la televisione in contemporanea con altri strumenti: dal telefonino (87 %) al PC e internet (55 %). Il web è infatti fra i canali (insieme al podcasting, esploso fra i giovani nell’ultimo anno), che mostra i risultati più interessanti. Non solo più della metà degli intervistati usa 24
  25. 25. sistemi di instant messaging, frequenta forum e scarica abitualmente contenuti da internet, ma addirittura il 26 % dei giovanissimi sotto i 19 anni ha costruito un suo blog personale e il 13 % un sito. La divisione fra chi produce contenuti e chi li consuma, quindi, non è più così netta. [2]link mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/mtv.jpg 2. http://www.assodigitale.it/content/view/139/74/ 2.6 October Blogger identikit. (2006-10-13 23:08) [1] [2] La community dei blogger in Italia ancora è ancora poco conosciuta . L’identikit di questo blogger/”frequentatore di chat”? Ha un titolo di studio di media inferiore (per il 46 %); abita in una grande città (per il 50 %); usa internet tutti i giorni (60 %) e vi accede prevalentemente da casa (per il 55 %). Condividono i pensieri e condividono anche i files: il file sharing - ossia il nuovo metodo di condivisione che permette di scaricare e scambiare musica, libri, interi cd musicali ([3] AIE ). Negli Stati Uniti i dati sono più precisi, basti citare la recente indagine [4]PEW/Internet . Il blogger ha in genere meno di 30 anni (54 %), ”posta” news sulla propria vita di tutti i giorni (37 %).ù La community è arrivata a 12 milioni di autori (8 % degli internauti Usa) senza contare poi gli utenti, includendo anche chi usa i blog come fonte di informazione a 360 gradi. Circa 57 milioni di americani leggono i blog. I blogger sono inoltre utenti smaliziati del web: quasi l’80 % si connette da casa utilizzando la banda larga, per condividere informazioni, video, foto (77 %). Il mondo blog è prima di tutto un modo per scambiare opinioni e interagire. mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/blogger_stat.gif 2. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/blogmind.png 3. http://www.aie.it/mercati/visualizza.asp?ID=52 4. http://www.pewinternet.org/PPF/r/186/report_display.asp 25
  26. 26. 2.7 November Per Informarsi e Relazionarsi si va nel Web (2006-11-01 02:16) [1] I Bisogni di informarsi ( 80 %), di approfondire ( 69 %) e l’interesse per la musica ( 46 %) sono le risposte degli internauti italiani rilevate dalla ricerca Censis nell’ambito del 6° Rapporto [2]Censis/Ucsi sulla comunicazione. I media vengono usati anche per il bisogno di “relazionarsi”, per il 45 % delle persone, e per accedere a servizi utili (41 %), per intrattenimento-svago (41 %). bisogno di “orientarsi negli acquisti” (21 %). La dieta mediatica prevede : -informarzione ,si ricorre principalmente a televisione (90 %), quotidiani (56 %), radio (47 %), teletext (il 29 %), internet (29 %) e libri (28 %). - approfondimento, si ricorre alla televisione (73 %), quotidiani (43 %) libri (36 %), internet (32 %), radio (28 %), e settimanali (23 %) - relazioni , con la TV sempre al primo posto (61 %), seguita da radio (39 %), cellulare (31 %) e internet (22 %). - accesso ai servizi utili, vengono usati TV (64 %), internet (36 %), teletext (30 %), quotidiani e a radio (27 %). - intrattenimento TV (83 %), radio (46 %), libri (34 %), quotidiani (27 %). -interessi musicali, al primo posto c’è la radio (77 %), al secondo TV (57 %), al terzo i lettori Mp3 (20 %) e poi internet (13 %). Sebbene la TV sia sempre al primo posto per difuusione ed uso , internet, libri, Mp3 e cellulari guadagnano la pole position per quanto riguarda la soddisfazione ottenuta dall’uso. mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/censis.gif 2. http://www.censis.it/277/372/5732/5993/cover.asp 26
  27. 27. Gli italiani e Il Web (2006-11-10 02:13) [1] Esplodono il tempo online e la frequenza di navigazione .Nel mese di settembre gli italiani hanno superato le 17 ore di navigazione sul web mensili sono saliti a 18 milioni ” con un incremento di acesso alla rete del 32 % ( dati [2]Nielsen/NetRatings ). Incrementi di traffico sui siti dedicati al lavoro e all’istruzione (8,6 milioni di visitatori, 43 % dei navigatori nel mese, +20 % rispetto ad agosto): all’interno della categoria aumentano in modo particolare i siti dedicati alle università, con oltre 6,5 milioni di visitatori, + 24 % rispetto ad agosto. In Italia ci sono più di 30 milioni di internauti che si connettono da casa o dal luogo di lavoro. Cresce anche il numero degli utilizzatori delle applicazioni Internet come quelle per lo streaming,l’instant messenger, lo scambio peer-to-peer di file, esplode infatti il Video Sharing ([3]YouTube , [4]Libero Video & Fun, [5]Google Video in testa ) e il Video Streaming, soprattutto tra gli utente di sesso maschile (67 %) nella fascia di età tra i 12 e 35 anni. mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/classificaInternetApplication.gif 2. http://www.nielsen-netratings.com/intl.jsp?country=it 3. http://www.youtube.com/ 4. http://video-fun.libero.it/ 5. http://video.google.it/ (2006-11-15 10:35) [1] ” Web 2.0 quindi cos’è? E’ internet come è sempre stato dal suo nascere, solo che oggi evidenzia meglio le sue caratteristiche essendo sempre più un fenomeno di massa.” ci ricorda [2]Andrea Cappello ”Agli inizi non si poteva non guardare a Internet come a un’incredibile rivoluzione tecnologica, credo che oggi, invece, Internet e web 2.0 coincidano, fino quasi a confondersi.” Federica[3] ” la nuova febbre del web 2.0, # Youtube ad esempio, cambiando il modo di gestire i video online, ha finito per influenzare anche tutto il mondo dell’informazione; # Small is the new big, I nuovi Grandi sono i Piccoli; # chi, nel settore dell’informazione, non investe in Internet è fuori.” 27
  28. 28. [4]Marco Montemagno SKY TG24 ”Internet non è tecnologia. Internet sono le persone, perchè Internet è di chi lo fa. ” ”è verissimo che ”Internet non è tecnologia. Internet sono le persone”, ma è altrettanto vero che nel Web 2.0 le persone sono ancora poche.” [5]Next Screen ”Ora c’è un’altra moda, si chiama Web 2.0 e su wikipedia c’è scritto che Web 2.0 è chiamato anche Internet2, ancora più motivi per dubitare della sua validità.Web 2.0 è solo marketing!” [6]Marketing Routes Il DIBATTITO è aperto. mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/blogger/6146/1788/1600/italianweb2.gif 2. http://www.searchadvertising.it/marketingblog/ 3. file://localhost/mnt/ext/blogbooker/tmp/p0hvn98j/info@ictadvisory.eu 4. http://skytg24.blogs.com/sky_tg24_pianeta_internet/2006/11/milioni_di_doll.html 5. http://nextscreen.blogosfere.it/2006/11/riflessioni_sul_web_20.html 6. http://www.marketingroutes.com/2006/11/14/web-20-e-solo-marketing/ Daniele (2007-01-18 04:45:00) Esattamente come il BPR redistribuisce orizzontalmente competenze e responsabilità aziendali, il Web 2.0 redistribuisce conoscenza e responsabilità civile orizzontalmente tagliando fuori il Mainstream dalla formazione culturale e civica di ogni cittatino. Sostituisce l’imprinting sociale con la consapevolezza collettiva 28
  29. 29. Chapter 3 2007 3.1 January User enpowerment (2007-01-05 00:50) [1] Siamo informatici, o meglio siamo tutti connessi con Internet. La tecnologia attuale consente ad una molteplicità di utenti di accedere in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo alle informazioni necessarie, di selezionare tra diverse fonti e archivi informatici. La diffusione molecolare dell’informazione e resa possibile con terminali portatili connessi alla rete, infatti gli utenti possono usufruire di una pluralità di dispositivi intelligenti, integrati nei più svariati tipi terminali mobili (cellulari,pda, smartphone, laptop) capaci di riconoscere e rispondere ininterrottamente in modo discreto e invisibile. Tutto ciò favorisce user-empowerment degli utenti. User-empowerment (“ il potere al consumatore” ) viene reso possibile attraverso un rapporto diretto con le persone, consentito da una diretta comunicazione uno a molti. E’ possibile fare informazione dal basso, dagli utenti. Un esempio, il veloce aumento del video user-generated, foto e video-sharing autoprodotti dagli utenti e diffusi nel Web. Musica e filmati autoselezionati dall’utente nelle Radio Web ( Pandora, Musicovery ) e Tv Web ( MTV ). La gente, netgeneration, si fa media assumendosi su di sé la titolarità delle proprie decisioni e del proprio informarsi, ma anche producendo informazione per altri (information-sharing). Una rivoluzione in atto , ci aspetta un futuro scenario dell’information society in cui l’ user empowerment degli utenti crescerà. approfondisci Nel Web2.0 i contenuti amatoriali degli utenti supereranno quelli profrssionali mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/x/blogger/6146/1788/1600/745205/rsz_user_enpowerment.jpg Web2.0 e Conoscenza Condivisa. (2007-01-28 09:41) mentelab.blogspot.com 29
  30. 30. alberto d’ottavi (2007-02-05 02:44:00) interessante... soprattutto sono molto d’accordo sull’accento dato al tema ”digital immigrants” vs. ”digital natives”. credo gli immigrant debbano fare davvero uno sforzo, hanno snobbato questo mondo per troppi anni e ora faticano a entrare nelle logiche. vedi per es. quelli di marketing routes del post di novembre: loro ormai sono ”digital homeless”, non c’è niente da fare (anche se magari nel frattempo hanno cambiato idea, mi auguro) sacha (2007-03-09 03:52:00) Slide molto interessanti che rileggerò cercando di approfondire i temi della scuola 2.0 visto che lavoro in questo settore e sono interessato a svolgere un a tesi sull’argomento. Ciao Luigi Bertuzzi (2007-04-28 14:14:00) Sto cercando di commentare le slide su Slideshare anche se in modo .. viscerale; mi sembra un lavoro preliminare necessario per far nascere un dialogo e cercare risposte .. di gruppo .. alle domande; se ci fossero anche commenti ai miei commenti forse diventerebbe tutto più facile .. Luigi Prof. Daniele Pauletto (2007-04-30 05:05:00) un lavoro preliminare necessario per far nascere un dialogo e cercare risposte ... è questo lo spirito giusto Luigi Daniele Pauletto 3.2 March CISCO Expo Innovazione e Web2.0. (2007-03-08 11:04) [1] Interessante e affollatissimo appuntamento a Milano l’ 8 marzo 2007, tutto l’evento è stato monitorato da Blogosfere dell’impeccabile Marco Montemagno ( Blogosfere AD ) e dalle preziose e infaticabili Caterina e Sara dello staff Blogosfere. Tutta la cronaca sul [2]Cisco Blog mentelab.blogspot.com 1. http://photos1.blogger.com/x/blogger/6146/1788/1600/211837/ciscoexpo07_logo.jpg 2. http://ciscoexpo2007.blogosfere.it/ Dai Social network ai Digital Network (2007-03-15 23:06) mentelab.blogspot.com 30
  31. 31. Anonymous (2007-04-04 04:38:00) Effettivamente è interessante, e l’interesse genera interesse quindi è davvero interessante. Gramigna Prof. Pianta 3.3 April Netwoking aziendale (2007-04-04 22:22) [1] Le Reti tra aziende, istituzioni, associazioni sono le armi fondamentali per la crescita e lo sviluppo sociale ed economico del territorio. Ogni azienda o istituzione isolata che non fa rete con altre, non si sviluppa o cresce molto lentamente; fatica a sopravvivere nella nuova società della conoscenza estesa ed iperconnessa. Servizi tecnologici esternalizzati ,collaborativi che interagiscono con i clienti/utenti rendendoli parte attiva. E’ la rivoluzione [2]Mashup Corporation ,dove l’impiego di tecnologie diverse offerte da più aziende distinte, tecnologie user oriented. Assemblare e inventare nuovi servizi che sfruttano tecnologie già esistenti nel mondo web sopratutto Web2.0. Quindi nuove opportunità e servizi per nuovi clienti.Nuovi mercati , nuovi prodotti e nuovi clienti, sopratutto tra i [3]digital natives ( i giovani nati con le nuove tecnologie e padroni delle stesse ). Un processo dinamico e graduale di apertura al globale e all’immateriale con (maggior) uso delle ICT( tecnologie dell’informazione e della comunicazione).Tutti i clusters ( settori industriali aggregati in verticale od orizzontale per il vantaggio competitivo di M.Porter), per sopravvivere nell’economia globale e immateriale, dovranno prima o poi diventare e-clusters ( cluster digitali), ossia aprirsi a reti di relazioni virtuali, a distanza, e a legami in community allargate oltre la dimensione locale, per diventare multi-territoriali e transnazionali. mentelab.blogspot.com 1. http://3.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/RhSIVVR_-XI/AAAAAAAAAC4/JeVzGoumdHk/s1600-h/netwok.jpg 2. http://www.wikio.it/article=12919353 3. http://relazioninelweb.blogspot.com/2006/02/docenti-immigrati-digitali.html 31
  32. 32. Tagging (2007-04-29 22:31) [1] [2]Tagging è Il sistema di classificazione dei contenuti presenti sulla rete attraverso le parole chiave , che tuttavia presenta alcuni difetti legati al modo personale con cui ogni internauta classifica le informazioni.Ogni informazione ( un post blog,un video, una foto, un link ) viene generalmente associata ad una categoria ( [3]tag , una categorizzazione che nasce dal basso). Gli utenti possono nagivare nei contenuti attraverso i tag messi dagli autori e possono apporre a loro volta dei [4]tag di fruizione. Le classiche categorizzazzioni dei motori di ricerca, algoritmi, perdono consensi a favore dell’autonomia personale ( la creazione di categorie personali, personal tagging ) Nuovi ”motori” di ricerca come [5]Technorati ,[6] Flickr , [7]De.icio.us , [8]TagCloud , [9]43 Things , imperano nella Tagosfera. I post pingati dai blogger trovano subito spazio nel Web bypassando gli spider dei noti Google,Yahoo, MSN, ... Si sviluppa così una costruzione collettiva del sapere tramite una collaborazione spontanea, collaborativa, non prestrutturata, che porta come risultato una forma intelligenza connettiva, che ha nel tag il suo elemento centrale (Derrick De Kerckhove ) Organizzare i tag in strutture gerarchiche,alberi di tag navigabili,sembra essere una buona soluzione per ovviare a tale problematiche, creando delle macroare predefinite ([10]facets).E’ un modo di procedere simile a come il nostro cervello elabora le informazioni tramite strategie cognitive di classificazione e selezione.( [11]tag hierarchy ) Ciò che manca è il collegamento tra le diverse tag per aree semantiche, di significato. Questo problema può essere parzialmente risolto da una gerarchizzazione dal basso delle parole chiave, molto vicino al modello semiotico ad albero. L’utilizzo di link in stile wiki per rendere più orizzontale il collegamento tra le tag p’otrebbe essere una scelta vincente. mentelab.blogspot.com 1. http://2.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/RjWAYAwmZ5I/AAAAAAAAADA/V8I-WZgO8TM/s1600-h/tagging.jpg 2. http://mentelab.blog.kataweb.it/mentelab/2006/06/tagosfera.html 3. http://tagsonomy.com/ 4. http://www.slideshare.net/mentelab/web20-e-conoscenza/2 5. http://www.technorati.com/ 6. http://www.flickr.com/ 32
  33. 33. 7. http://del.icio.us/ 8. http://www.tagcloud.com/ 9. http://www.43things.com/ 10. http://demo.siderean.com/facetious/facetious.jsp 11. http://mentelab.blog.dada.net/post/339175/tag_hierarchy.html#more 3.4 May Web Semantico (2007-05-19 00:06) [1] “Una delle migliori cose sul Web è che ci sono tante cose differenti per tante persone differenti. Il Web Semantico che sta per venire moltiplicherà questa versatilità per mille.“ ( Tim Berners Lee) Generalmente la ricerca di una parola sui motori di ricerca attuali , non contestualizzata, può generare un overload di risultati e quindi un eccesso di risposte inutili.Per ovviare in parte a tale effetto viene in soccorso la “tecnologia semantica” che dà rilevanza al significato reale dei termini e considera il contesto in cui sono inseriti, consentendo una ricerca più precisa e riducendo le risposte ridondanti.A tal fine vengono impiegati sistemi di OSM (Ontology Systems Management) che possono utilizzare diversi linguaggi standard, come l’RDF (Resource Description Framework) o l’OWL (Web Ontology Language) che consentente nuovi costrutti.Con OWL è possibile scrivere delle ontologie che descrivono la conoscenza che abbiamo di un certo dominio, tramite classi, relazioni fra classi e individui appartenenti a classi. “L’uso più comune del concetto di un’ontologia è nell intelligenza artificiale e nella rappresentazione della conoscenza, dove descrive il modo in cui molti schemi vengono combinati in una struttura dati contenente tutte le entità rilevanti e le loro relazioni in un dominio. I programmi informatici possono poi usare l’ontologia per una varietà di scopi, tra cui il ragionamento induttivo, la classificazione, e svariate tecniche per la risoluzione di problemi.” ( da [2]Wikipedia ) L’RDF ci offre il modo di realizzare dichiarazioni che sono processabili dalle macchine. In una dichiarazione RDF tutte “le parole” sono degli URI ( identificatori). Per identificare cose sul Web vengono utilizzati gli identificatori, un sistema uniforme di identificatori di risorse ( URI). Una forma di URI è l’URL o Localizzatore Uniforme di Risorse,un URL identifica e localizza una risorsa, un indirizzo. -continua- mentelab.blogspot.com 1. http://4.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/Rk6imLofx-I/AAAAAAAAADI/rshz-jkrmuw/s1600-h/semantic_web.jpg 2. http://it.wikipedia.org/wiki/Ontologia 33
  34. 34. Lo sciame inquieto (2007-05-19 11:22) [1] Negli ultimi 30 anni è stata prodotta più informazione che nei precedenti 500 anni , una copia di un giornale contiene più informazione di quanto una persona colta del XVIII secolo potesse accumulare nell’arco di una vita, ( Ignacio Ramonet). C’è in giro troppa informazione nell’era della [2]rivoluzione digitale . ” Una strategia di sopravvivenza fondamentale della società dell’informazione consiste nel sapersi proteggere dal 99 % delle informazioni ricevute indesiderate” ( Eriksen). La linea che separava il messaggio significativo dal suo opposto , il rumore di fondo, è ormai quasi scomparsa. ( [3]information overload ) Trasformare il rumore di sottofondo in un messaggio significativo è un processo aleatorio. (Zygmunt Bauman ). Le moderne tecnologie dela comunicazione sono feticistiche, la realtà è molto diversa dall’immagine proiettata dai ”feticisti della comunicazione” ( Jodi Dean). Il continuo flusso informativo è un vortice che cattura contenuti rigurgitandoli in laghi artificiali e giganteschi, ma stagnanti e stantii. I canali mondiali dell’informazione nutrono la moderna [4]cultura liquida, sempre più virtuale e vaporosa, sostituendo l’imparare con il dimenticare. “La cultura della modernità liquida non è più una cultura dell’apprendimento e dell’accumulazione, è invece una cultura del disimpegno, della discontinuità e della dimenticanza”.(Zygmunt Bauman ). Lo sciame inquieto del Web inondandoci di soundbites e immagini fagocita le discussioni e i pensieri reali. mentelab.blogspot.com 1. http://1.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/Rk9AkLofx_I/AAAAAAAAADQ/Z2K80ztury0/s1600-h/sciame.jpg 2. http://mentelab.splinder.com/post/11653691/Rivoluzione+Digitale 3. http://www.ikaro.net/articoli/cnt/information_overload-00136.html 4. http://formazione2punto0.blogspot.com/2007_05_01_archive.html 3.5 September Web2.0 per tutti , ebook free (2007-09-10 10:27) Guida ebook sul web2.0 Raccolta di articoli e interviste. 34
  35. 35. link [1]all’ebook gratuito - free- mentelab.blogspot.com 1. http://www.lulu.com/content/902005 Narcisismo Digitale (2007-09-10 10:28) ...si sta imponendo una cultura del narcisismo digitale in cui si utilizza Internet per diventare noi stessi le notizie,l’informazione”. [1]Andrew Keen ( [2]The Cult of the Amateur) Per alcuni autori i contenuti prodotti dal web2.0, il web partecipativio fatto di blog,video-audio-foto shar- ing,twitter,mashup sono prodotti ”non-sense autoreferenziali”, autocitazioni che vanno a gratificare l’Io, egosurfing. L’io con cui eravamo abituati a lavorare si frammenta, vivendo una molteplicità del sé, delle multipersonalità, delle identità mutevoli. Nella Websfera domina la comunicazione comunque e ovunque, con qualsiasi media: tutto va sperimentato condividendo esperienze ( social networking), relazioni in gruppi reali o virtuali di breve durata, o creati per l’occasione.Si vivono così mutevoli forme di coscienza, il digit-IO proteiforme, flessibile, capace di adattarsi continuamente alle nuove circostanze, trasformandosi in forme di mimetismi buoni per l’occasione. Alcuni autori evidenziano che il 90 % delle comunicazioni web2.0 sono non-sense o autopromozioni ad orizzonti limitati alla propria egosfera. Non è nuova la critica a una cultura capitalista sempre più individualista, in cui l’estetica, la conoscenza e la verità si muovono al di là della comunità per orientarsi e isolarsi verso l’Io. La sola autorità ammessa è l’Io, a sua volta mandata in frantumi dalla cultura dell’anonimato online.”Il continuo flusso informativo è un vortice che cattura contenuti rigurgitandoli in laghi artificiali e giganteschi, ma stagnanti e stantii... La cultura della modernità liquida non è più una cultura dell’apprendimento e dell’accumulazione, è invece una cultura del disimpegno, della discontinuità e della dimenticanza... lo sciame inquieto del Web inondandoci di soundbites e immagini fagocita le discussioni e i pensieri reali” (Zygmunt Bauman ). La soluzione ? per alcuni il web 2.0 potrà funzionare solo reintroducendo elementi dell’ecosistema tradizionale e quindi gli intermediari che diano ”autorevolezza” alle informazioni, per altri solo attraverso una presa di coscienza e libertà dalla ”tirannia dell’io”, anzi dell’ io-digitale ( digit-io ). mentelab.blogspot.com 1. http://andrewkeen.typepad.com/ 2. http://www.amazon.com/Cult-Amateur-Internet-killing-culture/dp/0385520808/ref=sr_1_1/104-6144984-1938318? ie=UTF8&s=books&qid=1182198160&sr=1-1 35
  36. 36. 3.6 October L’Era della IPinformation (2007-10-23 07:47) [1] [2] La tecnologia attuale consente, ad una molteplicità di utenti, di accedere in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo alle informazioni necessarie, di selezionare dati tra diverse fonti e archivi informatici. La diffusione molecolare dell’informazione è resa possibile con terminali portatili connessi alla rete, infatti gli utenti possono usufruire di una pluralità di dispositivi intelligenti, integrati nei più svariati tipi terminali mobili (cellulari,pda, smartphone, laptop) capaci di riconoscere e rispondere ininterrottamente in modo discreto e invisibile. Tutto ciò favorisce user-empowerment degli utenti. La banda larga insieme al versatile protocollo IP, che consente la separazione dei vari servizi web, hanno consentito lo sviluppo dell’IPinfo. La IPinfo è : " Ubiqua " Interattività " Interoperabile " Multipiattaforma " Always on " Multidevice " Nomadica " Web2.0 La IPinfo consente ugc ( user generated contents ), il video-audiosharing, favorisce inoltre il social network, i blog, le [3]R-Teach e la comunicazione virale e [4]condivisa. In tale contesto dove al centro risulta l’utente e non l’[5]informazione, vengono spinte la multipersonalità, il multiruolo, la creatività e le emozioni. [6]Internauta web1.0 deve velocemente adattarsi ad una mutazione che allo stesso tempo cognitiva, comunica- tiva e sociale, sotto l’incalzare dell’ IPinformation. La [7]NetGeneration è già pronta. mentelab.blogspot.com 1. http://4.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/Rx4sIy4YdvI/AAAAAAAAAFM/qJwrHcOWlLo/s1600-h/IPinfo.jpg 2. http://1.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/Rx4fvC4YduI/AAAAAAAAAFE/vUEleMKSEps/s1600-h/IPinfoBETA.png 3. http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=3754&numero=572 4. http://www.ikaro.net/articoli/cnt/conoscenza_condivisa_e_societa-00450.html 36
  37. 37. 5. http://mentelab.blogspot.com/2006_03_01_archive.html 6. http://mentelab.blogspot.com/2006_11_01_archive.html 7. http://mentelab.blogspot.com/2006_09_01_archive.html CampoBaseWeb (2007-10-25 13:32:00) A me questo user empowerment, reso possibile da una tecnologia che continua ad evolvere (senza che i suoi utenti potenziali glie lo abbiano mai chiesto), sembra solo un involucro vuoto di contenuto. L’era della IP information la vivono quelli che fanno evolvere la tecnologia, da utenti con un interesse precostituito per la sua evoluzione (Vested Interest User ??). La NetGeneration pronta è solo quella del cazzeggio, cioè dell’uso della tecnologia fine a se stesso (mi diverto ergo sum) e fine a se stessa (mi evolvo ergo sum). Per me l’user-empowerment ci sarà, se mai ci sarà, quando gli utenti saranno capaci di usare la tecnologia per gestire e fare evolvere positivamente (il contrario di ”degradare”) il sistema in cui vivono, chiedendo alla tecnologia di adguarsi al loro bisogno di mantenere ”quella” loro capacità di controllo. Quell’ipotetico tipo di utente non riusciremo mai a vederlo emergere, se si continua a usare il ”technology push” come stimolo, offrendo esempi di social network in cui si muovono principalmente soggetti con una ”hidden agenda”, cioè con il secondo fine (quello vero ma tenuto nascosto) di vedere evolvere la tecnologia. Punto e basta (per il momento e ”as far as i can see ahead of me”). -luigi Prof. Daniele Pauletto (2007-10-26 03:41:00) condivido il punto ”1 commentoChiudi la finestra Vai al modulo dei commenti CampoBaseWeb ha detto... A me questo user empowerment, reso possibile da una tecnologia che continua ad evolvere (senza che i suoi utenti potenziali glie lo abbiano mai chiesto), sembra solo un involucro vuoto di contenuto. L’era della IP information la vivono quelli che fanno evolvere la tecnologia, da utenti con un interesse precostituito per la sua evoluzione (Vested Interest User ??). La NetGeneration pronta è solo quella del cazzeggio, cioè dell’uso della tecnologia fine a se stesso (mi diverto ergo sum) e fine a se stessa (mi evolvo ergo sum). l’user-empowerment ci sarà quando gli utenti saranno capaci di usare la tecnologia per gestire e fare evolvere positivamente (il contrario di ”degradare”) il sistema in cui vivono, chiedendo alla tecnologia di adguarsi al loro bisogno di mantenere ”quella” loro capacità di controllo. tuttavia penso che tali UTENTi saranno una nicchia , quella per capirci dlla regola 1.10.89 (suggerisce che su 100 utenti web solo 1 % di essi è attivo nel produrre contenuti, informazioni web, contro il 10 % che lo fa in modo molto sporadico e l89 % che si limita ad usufruire dei contenuti ) Daniele Pauletto CampoBaseWeb (2007-10-27 14:54:00) Per fortuna si trova anche qualcuno che comincia a dire come la regola la si possa cambiare. [1]Although participation will always be somewhat unequal, there are ways to better equalize it ... - Facilitare il compito di contribuire - Fare in modo che partecipare sia un effetto collaterale - Modificare invece di creare - eccetera .. In altre parole, ci vuole un’interfaccia da Web .. - luigi 1. http://www.useit.com/alertbox/participation_inequality.html 37
  38. 38. 38
  39. 39. Chapter 4 2008 4.1 February Mediascopio (2008-02-19 10:39) [1] ( da Jornalismo & Cominicação ) Acaba de ser disponibilizado online e-book de acesso gratuito (licença Creative Commons) [2]Planeta Web 2.0. Inteligencia colectiva o medios fast food, dos investigadores Cristóbal Cobo Romaní e Hugo Pardo Kuklinski (prólogo de Alejandro Piscitelli). Segundo o [3]site oficial do livro (que inclui links para um podcast dos autores e um wiki da obra), aqui “se reflexiona si se vive una fase determinante y creativa de la inteligencia colectiva o si simplemente se trata de un escenario de medios fast food, de consumo rápido y de carácter amateur en rápida transición hacia una nueva etapa evolutiva”. 39
  40. 40. Ver também, sobre o tema, um recente livrinho de acesso livre, em italiano, da autoria de Daniele Pauletto, intitulado [4]Web2.0 per Tutti, Raccolta di articoli, post e interviste. mentelab.blogspot.com 1. http://3.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/R7sjKQdUf0I/AAAAAAAAARA/IF9vdqBk8dw/s1600-h/livroplanetaweb2.jpg 2. http://www.flacso.edu.mx/planeta/blog/index.php?option=com_docman&task=doc_download&gid=12&Itemid=6 3. http://www.planetaweb2.net/ 4. http://www.lulu.com/content/902005 4.2 March Webalienazione (2008-03-08 11:10) [1] Domina Internet e il Web e con esso cresce il [2]narcisismo digitale ( il [3]disturbo narcisistico si manifesta con una condatta circospetta, impulsiva,orientata alla ricerca ad ogni costo della riuscita e del prestigio, con incapacità di tollerare insuccessi o critiche) e la webalienazione è alle porte. Il web facilita la cultura narcisitica della personalità, il culto della personalità, dell’apparire e di esibirsi sul web con i propri scritti, foto, video e messaggi reso ormai facile con le applicazioni web2.0 ( il web partecipativio fatto di blog,video-audio-foto sharing,twitter,mashup ...). Dal narcisismo alla webalienazione il passo è breve : Proliferano nella rete identità mutevoli e mascherate, eccessi di egoismo individuale puro che spingono l’io ad un isolamento nello spazio virtuale, deliri [4]narcisiti in forme replicanti su blog e social network, forme di vita isolate dipendente dal web che si spingono fino a stati borderlaine. Il cibernauta tende facilmente a costruire forme di socialità artefatte, in cui la propria identità e quella degli altri utenti possono essere facilmente mascherate, falsate e manipolate ( es. in web chat nelle sue varie forme). Nessuno sa chi sei nè dove sei, si creano contatti sui social network autoselezionati a propria misura e gratificazione , con il culto del numero di contatti e con la selezione degli utenti più consoni ai propri gusti e idee , vengono alimentate forme di endonismo digitale, con parossimi come quelle di crearsi una webtv personale, dove un io dilato e liquido perde intere notti insonni. Cresce la mercificazione della propria vita interiore o altrui con strumenti di condivisione ed interazione, anche della propria privacy in video autoprodotti e resi pubblici ad es. su Youtube ( casi di [5]bullismo ). Nella webalienazione predomina il principio del piacere a discapito del principio della realtà, crescono forme ossessive e compulsive ( videocompulsione ) legate all’uso del web, e forme di netdipendenza, l’importante è apparire ed essere connessi ( connect Syndrome, T6C ), comunicare comunque e ovunque, con qualsiasi media , mentelab.blogspot.com 40
  41. 41. 1. http://4.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/R9Lm_hxhZqI/AAAAAAAAARI/qircWyM7eNI/s1600-h/webalienazione.jpg 2. http://mentelab.blog.dada.net/post/456073/Narcisismo+Digitale 3. http://it.wikipedia.org/wiki/Disturbo_narcisistico_di_personalit%C3%A0 4. http://www.wikio.it/article=25821842 5. http://tgscuola.blog.dada.net/ WAI2WAI - Luigi Bertuzzi (2008-03-17 07:20:00) This comment has been removed by the author. WAI2WAI - Luigi Bertuzzi (2008-03-18 03:42:00) Forse sarebbe utile chiarire come si colloca il [1]prossimo Veneto Bar Camp rispetto allo spettro (o la gamma?) dei comportamenti - relativi al Web - dei quali la Webalienazione è uno dei due estremi. Se la Webalienazione è un comportamento, al Bar Camp ci si può aspettare d’incontrare solo persone interessate (non solo passivamente) a questo tipo di comportamento? Come ci potrebbe predisporre a gestire anche la partecipazione di persone che rispetto al Web manifestano o mostrano di desiderare un comportamento orientato alla gestione di una interazione sociale fra comportamenti diversamente finalizzati? Forse - se la gestione di questo tipo di partecipazione eterogenea è possibile - oltre a descrivere il comportamento di chi è webalienato, sarà utile disporre anche di descrizioni di comportamenti all’altro estremo dello spettro .. come l’estraniazione dal web o l’accessibilità limitata al web. 1. http://barcamp.org/VenetoBarcamp 4.3 April Web2.0 versus Web3.0 (2008-04-07 03:01) [EMBED] [1] | [2]View | [3]Upload your own mentelab.blogspot.com 1. http://www.slideshare.net/?src=embed 2. http://www.slideshare.net/mentelab/web-3-332754?src=embed 3. http://www.slideshare.net/upload?src=embed WAI2WAI - Luigi Bertuzzi (2008-04-16 02:51:00) Ci si può chiedere, ampliando [1]il tema proposto da un post di Edoardo Piccolotto, se l’evoluzione dell’industria Web 2.0 non stia mettendo a rischio la creatività degli individui. Il potenziale di crescita del ”sapere” è enorme .. ma la creatività dipende dal ”sapere” o dalla ”cultura”? La domanda potremmo porcela nelle [2]conversazioni al TwitterCamp .. speriamo. 1. http://www.aninternetvoice.com/?p=16 2. http://trovamiunnome.blogspot.com/2008/04/bozza-di-slide-per-conversazioni-su-una.html 41
  42. 42. 4.4 October Crack Web 2.0 (2008-10-08 04:38) Se ne parlava già nel 2007 [1]Crack Web2.0 come possibilità, ora le conferme dopo lo ”tsunami” nell’economia globale, vedi [2]startUp depression e [3]l’uragano investe il Web2.0 mentelab.blogspot.com 1. http://relazioninelweb.blogspot.com/2007/09/web20crack.html 2. http://www.alleyinsider.com/2008/9/fred-wilson-my-thoughts-on-startup-depression- 3. http://zambardino.blogautore.repubblica.it/2008/10/08/?ref=hpsbsx 4.5 December Adhocrazia (2008-12-10 04:06) [1] Adhocrazia. Sviluppo economico e competitività d’impresa Autori e curatori: [2]Ferdinando Azzariti Contributi: Paola Ballabio, Mario Bassini, Stefano Bertolo, Alessandro Da Cortà, Maurizio Decastri, Nicoletta Lanza, Samuel Mazzolin, Luciano Moro, Claudio Novello, Daniele Pauletto, Francesco Pontelli, Giampietro Vecchiato, Alberto Volpe Collana: [3]Imprese culture territori Argomenti: [4]Organizzazione aziendale - [5]Strategie aziendali - [6]Piccole imprese, studi professionali - [7]Storie e casi d’impresa Livello: Testi advanced per professional Dati: pp. 168, 1a edizione 2008 (Cod.641.1) Capitolo IV L’Adhocrazia e gli strumenti per le imprese Ferdinando Azzariti, Oltre il distretto.Note a piè di pagina di un lungo viaggio nei distretti italiani Alessandro Da Cortà, L’esperienza digitale del consumatore Stefano Bertolo, L’Adhocrazia e la Tecnologia della Conoscenza 42
  43. 43. Daniele Pauletto, Web 2.0 vs Web 3.0 Luciano Moro, L’Adhocrazia e le Connessioni Luciano Moro, Demografia, immigrazione, mercato del lavoro, sviluppo economico: alcuni dati per un rapporto da esplorare Giampietro Vecchiato, Saper fare e far sapere: comunicare in tempi di Adhocrazia mentelab.blogspot.com 1. http://1.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/ST-xOT3uLXI/AAAAAAAAAdc/vlclNrDuzbw/s1600-h/641_1.jpeg 2. http://www.francoangeli.it/ricerca/risultati_autori.asp?codiceAutore=29681 3. http://www.francoangeli.it/Ricerca/risultati_ricerca_collane.asp?Collana=641 4. http://www.francoangeli.it/ricerca/risultati_ricerca_class.asp?argomento=M10.05 5. http://www.francoangeli.it/ricerca/risultati_ricerca_class.asp?argomento=M10.15 6. http://www.francoangeli.it/ricerca/risultati_ricerca_class.asp?argomento=M10.45 7. http://www.francoangeli.it/ricerca/risultati_ricerca_class.asp?argomento=M10.65 43
  44. 44. 44
  45. 45. Chapter 5 2009 5.1 April Power of Less (2009-04-08 07:52) [1] [2] Ovvero la potenza delle cose semplici come importante stimolo all’innovazione, il di più con risorse povere, la crisi non deve spavenatare perchè diventa sviluppo qualunque vincolo o problema di risorse e tempo può essere trasformato in opportunità in tale contesto si inseriscono web application 2.0 come come cloud computing social software 45
  46. 46. ma anche comelifestyle mentelab.blogspot.com 1. http://4.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/Sdy9clz_DfI/AAAAAAAAAis/tQlNXxLfBxE/s1600-h/power+less.jpg 2. http://2.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/Sdy9JX5Ci_I/AAAAAAAAAik/dlgW2ZJz6PA/s1600-h/power+less.jpg 5.2 July Social media IdentiTy (2009-07-29 11:02) [1] mentelab.blogspot.com 1. http://2.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/SnCO9oHRMiI/AAAAAAAAAjM/bpdFVTcR_J4/s1600-h/mentelab.jpg 5.3 September Infotainment (2009-09-11 07:10) [1] 46
  47. 47. Siamo bombardati da informazioni di ogni tipo soggetti quindi ed effetti e fenomeni di overload una notizia quindi per poter emergere e richiamare l’attenzione deve essere diversa, esagerata,aggressiva, violenta, spettacolorizzata, che susciti emozioni forti Anche l’informazione mediale si evolve e trasforma sempre più in infotainment*, infotaiment-journalism, web-infotaiment, infotaiment-comunication, tv-infotaiment regina indiscussa sul campo. Anche la tecnologia ne subisce il fascino abbiamo così l’invasione di sistemi di Automotive-infotainment ( negli accessori delle automobili) infotainment-System ( nei mezzi di trasporto), Mobile Infotainment System ( su cellulari e w-phone), L’informazione originale pura,vera sembra in via d’estinzione ma forse non ce ne siamo neanche accorti. * infotainment, un mash-up tra informazione e spettacolo , fino a perdere ogni distinzione tra realtà/verità e interpretazione/finzione, tra notizia e spettacolo e il web ? ne subisce l’inquinamento ? mentelab.blogspot.com 1. http://3.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/SqpazVaJOiI/AAAAAAAAAm8/RG4qQtftupM/s1600-h/infotainment.jpg 5.4 October Newspaper Narcissism (2009-10-14 09:56) [1] Newspaper Narcissism 47
  48. 48. [2]Our pursuit of glory led us away from readers vedi anche [3]Narcisismo Digitale mentelab.blogspot.com 1. http://1.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/StYDt-o9xvI/AAAAAAAAAn4/LqhJdDeJMhg/s1600-h/Immagine.jpg 2. http://www.cjr.org/essay/newspaper_narcissism_1.php?page=all 3. http://mentelab.blogspot.com/2007/09/narcisismo-digitale.html Internert cresce come mezzo di informazione indipendente (2009-10-19 02:38) per tenersi informato quale mezzo e usato dagli italiani ( confronto 2007-2009 ) ————————————– Sat /DT * + 22 % Internet + 13,4 % Giornali - 2,9 % Settimanali - 1 % Radio - 0,6 % Tv - 0,3 % * Satellitare e Digitale Terrestre ——————————-————– indagine [1]Demos [2] 48
  49. 49. L’indipendenza dell’informazioni rispetto alla politica Internet star con 34,7 % continua quindi il trend che abbiamo già segnalato nel 2006 [3]L’Informazione, si cerca sul Web I giovani non leggono più i giornali, lo sapevamo. @ mentelab.blogspot.com 1. http://www.demos.it/a00355.php 2. http://3.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/TL59f5kkJfI/AAAAAAAAA44/IdjdvnSOJZo/s1600/demos.png 3. http://mentelab.blogspot.com/2006_03_01_archive.html 5.5 November Digital Information (2009-11-04 03:16) [EMBED] mentelab.blogspot.com Alessia Nera (2009-11-05 07:49:50) Il prof. Daniele Pauletto ha sempre incarnato la figura del ’profeta tecnologico’. Qualche anno fa, quando iniziò a scrivere di IPinfo, egli appariva come una ’vox clamantis in deserto’. Oggi, tutti riconoscono che egli aveva ragione. Per parte mia, considero un vero privilegio quello di poter condividere con lui – in qualità di co-autore – alcune delle didasknol più viste e commentate fra quelle ospitate nel libro di testo digitale DIDASknol [ http://www.didasknol.it ]. Il prof. Daniele Pauletto è uno dei più autorevoli membri della DIDASforce - Task Force for Innovation in Education. Anche grazie a lui, il futuro della Scuola italiana a me sembra meno incerto. – ALESSIA NERA Group Leader and Mentor DIDASCA - Task Force for Innovation in Education www.didasca.org Prof. Daniele Pauletto (2009-11-05 09:01:45) Grazie Alessia Nera troppo gentile. w2wai - luigi bertuzzi (2009-11-09 16:08:47) Caro Prof, sono tornato in montagna dopo uno User Camp bolognese, dove ho cercato di contrapporre - come al solito - una voce ”analogica” alle voci dei web professional. L’economia ”digitale” mi destabilizza. Capisco la cultura digitale e mi sta benissimo che abbia un ruolo operativo 49
  50. 50. importante nel superamento dell’economia di mercato. Preferisco pensare a un economia della conoscenza, che nasce dalla partecipazione di culture diverse in iniziative di avviamento e mantenimento (evoluzione) di esperienze condivise. Un’economia digitale mi suona pericolosamente ancorata a un’evoluzione tecnologica che anticipa la capacità delle persone di servirsene compiutamente. Immagino che questo mio commento non ti sorprenda; ormai devi essertici abituato, no? Nonno luigi ;-) Prof. Daniele Pauletto (2009-11-10 04:59:52) Nonno Luigi da analogico anche tu tuttavia sei sensibile al digitale, l’economia della conoscenza credo sia la base di tute le economie compresa quella digitale forse scarseggia la condivisione delle idee ma tu sei sicuramente un pioniere sul campo Daniele w2wai - luigi bertuzzi (2009-11-10 06:22:30) Certo Daniele, si dovrebbe andare verso una realtà in cui conoscenza digitale e conoscenza territoriale, e/o aziendale, concorrono a fare evolvere un nuovo sistema (sociale), adeguato agli obiettivi da raggiungere. Il problema di partenza dovrebbe essere la trasformazione della condovisione, da filosofia (come i più sembrano percepirla) a pratica comune. Prof. Daniele Pauletto (2009-11-10 06:49:06) Sottoscrivo ”si dovrebbe andare verso una realtà in cui conoscenza digitale e conoscenza territoriale, e/o aziendale, concorrono a fare evolvere un nuovo sistema” la pratica comune piano piano comincia 50
  51. 51. Chapter 6 2010 6.1 January L’Informazione si digitalizza (2010-01-17 00:17) L’Informazione si digitalizza sempre più lascia Gutenberg, la carta stampata, l’inchiostro, i libri a favore del web , il digital divide scende [1]in Italia al 51,3 % Anche l’informazione analogica [2]delle tv è sempre più confinata nella dieta mediatica alla popolazione anziana, immigrata digitale, perdendo audience e interesse, nonostante l’incalzare del free speech media, sta cercando ora nuova vita con il DT (digitale terrestre ) o su [3]IpTV trasferendo contenuti vecchi su media potenzialmente innovativi Sul web l’informazione [4]lascia la forma testuale, si parla infatti di [5]press divide, a favore dell’immagine e del video, youtube insegna, trasformandosi in [6]infotaiment[7] e subisce un drastico ridimensionamento/durata temporale.ciò spiega il progressivo spostamento della blo- gosefra (blogging) sull’ twittersfera (microbloggingIM instant message) sul web ,sui blog, sulla posta elettronica dura solo 24 ore, sui social network qualche ora su strumenti di microblogging come Twitter pochi minuti l’informazione evolve in IpInformation diventando sempre più multitasking, multimediale, interattiva,nomadica ... ( vedi sotto e [8]people centric media) Tale Rivoluzione Digitale sta influenzando l’economia versus forme di economia/capitalismo digitale, 51
  52. 52. ( vedi [9]A Failure of Capitalism ), il fallimento del mercato, il mito ’[10]too big to fail’, per altri di economie occidentali al collasso ,per altri di slow economy, la crisi della politica di distretti industriali, nascono nuovi [11]lavori/professioni[12] ma il mondo delle imprese pare non se ne sia accorto/non voglia accorgersene in [13]Europa qualcosa si muove si parla anche di [14]Medioevo Digitale anche la PA ( pubblica amministrazione) e la [15]Scuola lentamente muove i primi passi nel Digitale ma la strada è ancora lunga guterberg regna ancora con la carta,penna,fax, - lavagne,libri,matite e i quotidiani, la carta stampata hanno aperto una vetrina sul web fingendo/sperando che tutto ciò non li riguardi ( vedi [16]Newspapers debacle, [17]Newspaper Died e [18]a writing Revolution) la digitalizzazzione comporta anche la dematerializzazione di beni come nella musica digitale, del videointrattenimento (declino delle vendite di prodotti fisici cd,vhs,dvd) o dei prodotti domomediali nonostante incremento dei volumi di musica consumati via web la digitalizzazione comporta anche uno specifico stile di vita (digital life) e crea nuove identità proteiformi ( [19]digit-Io) È una nuova civiltà. C’è proprio una divisione generazionale assoluta tra chi è digitale e chi non lo è. In effetti, quelli che io chiamo i “senzatetto digitali” sono molto intelligenti, molto bravi, di solito sono persone benestanti di 40 anni o più, ma hanno un problema: sono giunti su questo pianeta troppo presto. Queste persone imparano dai loro figli ([20]N.Negroponte ). Qualche[21] anno fa parlavo di IpInformation mi pare che ci siamo arrivati ? ”La IPinfo è : " Ubiqua " Interattività " Interoperabile " Multipiattaforma " Always on " Multidevice " Nomadica " Web2.0 La IPinfo consente ugc ( user generated contents ), il video-audiosharing, favorisce inoltre il social network, i blog, le R-Teach ( relazioni su web) e la comunicazione virale e condivisa. In tale contesto dove al centro risulta l’utente e non l’informazione, vengono spinte la multipersonalità, il multiruolo, la creatività e le emozioni.” 52
  53. 53. mentelab.blogspot.com 1. http://www.censis.it/277/372/6697/6935/6956/6957/content.asp 2. http://go2.wordpress.com/?id=725X1342&site=mentelab.wordpress.com&url=http%3A%2F%2Fpeople-press.org% 2Freport%2F543%2F 3. http: //www.italiaoggi.it/giornali/dettaglio_giornali.asp?preview=false&accessMode=FA&id=1611666&codiciTestate= 45&sez=hgiornali&testo=&titolo=Ip-tv,%20una%20rivoluzione%20che%20inizia%20a%20prendere%20piede 4. http://www.pbs.org/idealab/2009/11/changes-in-media-over-the-past-550-years318.html 5. http://www.censis.it/277/372/6697/6935/6956/6958/content.asp 6. http://mentelab.blogspot.com/2009/09/infotainment.html 7. http://mentelab.blogspot.com/2009/09/infotainment.html 8. http://www.centerforsocialmedia.org/resources/publications/public_media_2_0_dynamic_engaged_publics/ 9. http://http//www.hup.harvard.edu/catalog/POSFAI.html 10. http://www.realclearworld.com/video/2009/06/19/joseph_stiglitz_on_too_big_to_fail_bank_dilemma.html 11. http://netinitaly.blogspot.com/ 12. http://netinitaly.blogspot.com/ 13. http: //europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/09/1221&format=HTML&aged=0&language=IT&guiLanguage=en 14. http://bit.ly/bL7cqB 15. http://relazioninelweb.blogspot.com/2009/09/analfabeti-del-21-secolo-digital-school.html 16. http://mentelab.wordpress.com/2009/11/29/newspapaers-debalce/ 17. http://www.businessinsider.com/the-death-of-the-american-newspaper-2009-7 18. http://seedmagazine.com/supplementary/a_writing_revolution/pelli_bigelow_sources.pdf 19. http://mentelab.blogspot.com/2007/09/narcisismo-digitale.html 20. http://www.ilgiornale.it/techweb/intervista_nicholas_negroponte_lultimo_evangelista_internet/ internet-nicholas_negroponte/15-01-2010/articolo-id=414055-page=1 21. http://mentelab.blogspot.com/2007/10/lera-della-ipinformation.html 53
  54. 54. 6.2 February Dall’economia materiale all’Economia Digitale (2010-02-15 03:19) [1] (Ricerche UK [2]Technology Strategy Board e il [3]Digital Brain report ) l’economia digitale in Uk occupa il 6 % della popolazione , il 10 % del Pil La digitalizzazzione comporta ad un nuovo sistema di regole e condizioni che rivoluzionano il mercato, il mercato e l’economia in quanto intesa attualmente. ”La nostra mentalità è fortemente basata sul l’economia materiale e segue delle regole legate al mondo fisico,materiale” ricorda [4]S.Quintarelli Seguiamo ancora una logica analogica che mal si conciglia con la logica Digitale, tendiamo ad utilizzare infatti categorie/concetti vecchi come, mercato, cliente, vendita, prodotti, consumo/i, .... la società digitale sta evolvendo in forme di economia immateriale dove le logiche economiche finora usate vanno in crisi ... ( vedi A Failure of Capitalism ), il fallimento del mercato, per altri siamo in economie occidentali al collasso ,per altri alla attention economy in tale contesto parlare di monetizzazione delle attività, informazioni comprese, si scontra con modelli quali il gratis di Chris Anderson difficile, da accettare, ( L’economia digitale è basata sull’abbondanza delle risorse disponibili, e non sulla scarsità, quindi sul gratis ), le informazioni e i contenuti, al di là di chi li produce, sono gratis anche perchè l’autore tende a sparire, ... IFRAME: [5]http://infogr.am/Digital-society-1 mentelab.blogspot.com 1. http://4.bp.blogspot.com/_eU27yvYBQOg/S3kxG7mFgLI/AAAAAAAAAwc/ICyTyDmDZjY/s1600-h/digitalbritain.gif 2. http://www.innovateuk.org/ 3. http://interactive.bis.gov.uk/digitalbritain/final-report/ 4. http://www.novaonline.ilsole24ore.com/economia-conoscenza/2009/06/25/5_A.php 5. http://infogr.am/Digital-society-1 54

×