Igiene alimentare e intolleranze

2,580 views

Published on

Le intolleranze alimentari - Milano 26 aprile 2010 - Paolo Acerbis - Dipartimento Scientifico

Published in: Health & Medicine
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,580
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
127
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Igiene alimentare e intolleranze

  1. 1. Gruppo di informazioneLe intolleranze alimentariMilano, 26 Aprile 2010Paolo Acerbis – Dipartimento Scientifico© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  2. 2. Elenco allergeni alimentari dimostrati (anche in tracce)secondo la Direttiva 2000/13/EC e successive integrazioni(Direttive 2003/89/EC, 2006/142/EC e 2007/68/EC)dell’EFSA (European Food Safety Authority):Cereali con glutineCrostaceiUovaPesceArachidiSoiaLatteFrutta a guscioSedanoSenapeSemi di sesamoAnidride solforosaSolfiti
  3. 3. INTOLLERANZE ALIMENTARI© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.…ma soprattutto mancanza di corretta igienealimentare (eccesso di consumo di alcuni alimenti).
  4. 4. SOVRACCARICHI ALIMENTARI PIU’COMUNI E PERICOLOSI• CEREALI (GLUTINE, LIEVITO DI BIRRA)• LATTE E LATTICINI FRESCHI DI MUCCATERAPIE ALLOPATICHEPREDISPONENTI• ORMONALI (ESTROPROGESTINICI,CORTISONICI)• ANTIBIOTICI• ANTIMICOTICI
  5. 5. ALTERAZIONE DELLA MICROFLORA INTESTINALE (DISBIOSI INTESTINALE)PROCESSI DI IMMUNOFLOGOSI A CARICO DELLA MUCOSA INTESTINALESCREZIO DELLA PARETE MUCOSALEPERDITA DELLA TOLLERANZA VERSO GLI ALIMENTISENSIBILIZZAZIONE VERSO GLI ALIMENTICOORTE SINTOMATOLOGICA DA INTOLLERANZA O ALLERGIA ALIMENTAREDA ESPORTAZIONE ANTIGENICA IN ALTRE MUCOSE (RESPIRATORIA,GENITOURINARIA)PERCORSO PATOGENETICODELL’INTOLLERANZA ALIMENTARE
  6. 6. IMPORTANZA DELLA DIETAEQUILIBRIO DELLINTESTINO:EUBIOSITROFISMO PARIETALE
  7. 7. Ecosistema intestinale
  8. 8. Macrofago:la sentinella
  9. 9. EUBIOSI : Per eubiosiintestinale si intende lapresenza di una correttaflora battericanellintestino Ci sono più di 400 speciebatteriche che vivono nel trattogastrointestinale, costituendo unvero e proprio ecosistema.proteggono la mucosa digestiva eintestinale, facilitando i processidigestivi e assimilativi.Lequilibrio tra i vari gruppi esottogruppi di questi BATTERI èindispensabile per la salute.Ecosistema intestinale
  10. 10. DISBIOSI : ALTERAZIONEDELLA CORRETTA FLORABATTERICADELL’INTESTINOCON LA DISBIOSI SI POSSONOCREARE I PRESUPPOSTI PER LEINFEZIONI : INTESTINALE,RESPIRATORIA URINARIA,GENITALE, GENERALEEcosistema intestinale
  11. 11. Epidemiologia della disbiosiStudi epidemiologici dimostrano che la maggioranzadella popolazione soffre di alterazioni della florabatterica intestinale. Uno studio svolto nel 1985 dal Dr.F. Perger nell’Università di Vienna (Austria) documentache in un gruppo di 705 campioni fecali (coprocoltura)solo 21 presentava una situazione di eubiosi (2,98%),mentre i restanti 684 mostravano squilibri disbiotici(97,02%); il dato è stato poi confermato da altreevidenze.
  12. 12. Cause di disbiosi - 1deficit nella produzione di acido lattico(indispensabile alla vita dei lattobacilli)disordini alimentari (eccessivo consumo dicarboidrati raffinati o di proteine animali)uso smodato di antibiotici, cortisonici,chemioterapici citostatici, immunosoppressori,anticoncezionali, antimicotici, lassativideficit enzimatici digestivi che produconomalassorbimento
  13. 13. tossici ambientali, tra cui spiccano i metalli pesanti(in particolare mercurio e piombo), i concimichimici, i coloranti e conservanti, i pesticidi el’esposizione a radiazioni ionizzanti (naturali oterapeutiche)alterazioni anatomiche (malformative, acquisite oiatrogene, come stenosi, diverticoli, incontinenzevalvolari o le modificazioni chirurgiche dellacanalizzazione)stress psicoemotivi (neuropeptidi e ormoni chealterano il microambiente intestinale)Cause di disbiosi - 2
  14. 14. Quadri sindromici riconducibili alla disbiosiADDOME DILATATO (GONFIORE)IRREGOLARITA’ DELL’ALVOMANIFESTAZIONI CUTANEEINFEZIONI CATARRALI RECIDIVANTI DELLE VIE AEREE (INFANZIA)ALLERGIE RESPIRATORIEDEFICIT METABOLICO-FUNZIONALI DI FEGATO E PANCREASCOLON IRRITABILE – DISTONIA VEGETATIVAINFIAMMAZIONE/CONGESTIONE ANO-RETTALEINTOLLERANZE ALIMENTARIINFEZIONI UROGENITALI (CISTITI, VAGINITI, PROSTATITI)IATROGENIA (ANTIBIOTICI, CORTISONICI, ANTIMICOTICI, ETC.)
  15. 15. SINTOMI CORRELATI DOLORE SPONTANEO O ALLA PALPAZIONE, METEORISMO, STIPSI, DIARREA, FECIPOCO FORMATE (POLTACEE), FLATULENZA FOLLICOLITI, ACNE, ECZEMI, ORTICARIA, DERMATITI ALLERGICHE SINUSITI, ADENOTONSILLITI, OTITI, TRACHEOBRONCHITI, SUSCETTIBILITA’INFETTIVA (INFEZIONI RICORRENTI) RINOCONGIUNTIVITE ALLERGICA, BRONCOREATTIVITA’, ASMA ALLERGICO DISPEPSIA, EPATOSTEATOSI (TIPO NASH) CON AUMENTO TRANSAMINASICO EIPERAMILASEMIE SU BASE TOSSICA SPASMI ADDOMINALI, PRURITO ANALE, EMORROIDI, RAGADI, ULCERE, FISTOLE SINTOMI VAGHI E INDEFINITI (IRRITABILITA’, ASTENIA, PESANTEZZAPOSTPRANDIALE, CEFALEA, EMICRANIA) E SENSAZIONE DI MALESSEREGENERALIZZATO BRUCIORE URINARIO, CISTITI E VAGINITI RICORRENTI, SPASMI, TENESMO,SECREZIONI INFETTE, SENSO DI PESANTEZZA (PROSTATA) MUCOSITI, NAUSEA, MALASSORBIMENTO, ANEMIA, AFTE, ULCERA PEPTICA ODUODENALE, RETTOCOLITE ULCEROSA.
  16. 16. Alcuni spunti bibliografici(dimostrazione)Fonte sito web:http://www.nslij-genetics.org/search_pubmed.htmlalle voci:disbiosis (11 contributi)pulmonary infections probiotics (23 contributi))atopic dermatitis probiotics (146 contributi)probiotics urogenital (167 contributi)antibiotic-associated disorders (348 contributi)intestinal infections probiotics (528 contributi)gastrointestinal diseases probiotics (1655 contributi)
  17. 17. SYMBIO LACT comp.•1 miliardo di unità colonizzantiper grammo• contiene i lattobacilli specificiper ogni segmento intestinaleEUBIOSI
  18. 18. Formulazione di Symbiolact comp.Ogni bustina contiene 2 grammi di Lattobacilli (5 ceppi)Lactobacillus acidophilusLactobacillus paracaseiBifidobacterium bifidumBifidobacterium lactisLactococcus lactisper un totale di due miliardi di unità per bustina(conf. da 10 o 30 buste)Un sesto ceppo (Lactobacillus salivarius) è presente come eccipiente con ilcompito di favorire la conservazione e lo sviluppo degli altri.Non contiene glutine, né latte, lattosio, caseina.
  19. 19. Finalità terapeutiche di Symbiolact comp•Ripristinare la corretta gerarchia dei batteri neutri,commensali e mutualistici;••Ricostruire la batteria batterica intestinaleRicostruire la batteria batterica intestinale;•Acidificare l’ambiente intestinale;•Resistere alla colonizzazione di agenti patogeni;•Regolare il sistema immunitario (macrofagi)•Fornire sostanze nutritive alla flora del crasso(acidi grassi a corta catena).
  20. 20. TROFISMO PARIETALE
  21. 21. L’Apparato Digerente, con la sua ampia superficie (…), rappresenta l’interfacciatra “mondo esterno” e “mondo interno” più importante dell’organismo.In condizioni fisiologiche le sue delicate strutture mucosali rappresentano unefficace filtro capace di discernere tra ciò che è utile per l’organismo e ciò che èdannoso ed una straordinaria barriera difensiva nei confronti di agenti patogenio di sostanze potenzialmente lesive della loro integrità (radicali liberi), ma incondizioni patologiche esse possono diventare la principale “via d’entrata” pervirus, batteri, parassiti, miceti e l’innesco etio-patogenetico di una moltitudinedi malattie infiammatorie, infettive, funzionali.PERCHE’ COLOSTRO NONI© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  22. 22. Fattori immunitari. E’ stato dimostrato che i fattori presenti nel colostroaiutano l’organismo a respingere virus, batteri e funghi. Ogni fattoregioca un ruolo specifico nella difesa del nostro organismo.Inoltre, il colostro contiene oltre 20 anticorpi specifici, inclusi quelli perColi, Salmonella, Rotavirus, Candida, Streptococco, Stafilococco,Haemofilus, H. pilori, ed altri.Diversi studi - sia in vitro che clinici - hanno evidenziato che oltre alleimmunoglobuline il colostro presenta un fattore che rinforza un sistemaimmunitario poco attivo, mentretende ad equilibrare un sistemaimmunitario iperattivo, come quellopresente nelle malattie autoimmuni onelle allergie.COLOSTRO NONI© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  23. 23. 1. POTENZIARE il Sistema Immunitario Associato alle Mucose2. PRESERVARE l’integrità istologica della mucosa digerente3. FAVORIRE l’eubiosi intestinaleLe 3 azioni di COLOSTRO NONI perché l’intestino non sia …”la madre di tutte le malattie”.LA TRIPLICE AZIONE DI COLOSTRO NONI© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  24. 24. IL TRIPLICE RUOLO DI COLOSTRO NONI1. POTENZIARE il Sistema Immunitario Associato alle Mucose• PREVENZIONE E TRATTAMENTO DELLE PATOLOGIE INFLUENZALI EPARAINFLUENZALI.• INFEZIONI GASTRO-INTESTINALI DI ORIGINE BATTERICA O VIRALE (diarrea edissenteria)• MALATTIE INTESTINO CORRELATE (Cistite, Prostatiti, Candidosi)• IRR• SINUSOPATIE2. PRESERVARE l’integrità istologica della mucosa digerente• GASTROENTERITI EROSIVO-ULCEROSE• IBD (Inflammatory Bowel Disease)• IBS (Irratble Bowel Syndrome)3. FAVORIRE l’eubiosi intestinale• DISBIOSI INTESTINALI• INTOLLERANZE E ALLERGIE ALIMENTARI© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  25. 25. MORINDA CITRIFOLIA(Noni)possiede proprietàantibatteriche, antivirali, antimicotiche,e, in generale, immunoregolatrici, tonichee ricostituenti sull’intero organismo.
  26. 26. SUCCO DI NONIPRO-XERONINAINTESTINOFEGATODIVERSI DISTRETTIDELL’ORGANISMORilascio ogni 2 oreXERONINAProxeronaseATTIVAZIONE SINTESIPROTEINE
  27. 27. Un buon drenaggio…
  28. 28. EUBIOFLOR 1 - 2RIPRISTINO DEL CORRETTOEQUILIBRIO INTESTINALEIMMUNOSTIMOLAZIONEDRENAGGIO INTESTINALEAZIONE ANTI-FERMENTATIVA EANTI-PUTREFATTIVA INTESTINALETerapia integrata delladisbiosi intestinaleattraverso un unicofarmaco•UNCARIA TOMENTOSA•TECOMA•OKOUBAKA•BACTERIUM COLI•BACTERIUM PROTEUS•MONILIA ALBICANS•VACCINIUM MYRT.•PANKREAS SUIS•SILBERAMALGAM•INDOLUM•SCATOLUM•AETHUSA CYNAPIUM•CARBO VEGETABILIS•COLON SUIS•HEPAR SUIS•VESICA FELLEA SUIS•NUX VOMICA•VERATRUMBibliografia di riferimento: MB n° 3/2005 – Primo articolo
  29. 29. MICOX• HYDROCOTILEASIATICA D6• SULFUR METALLICUMD6• MERCURIUSSUBLIMATUSCORROSIVUS D4• MUCOR MUCEDOD6/12/30/200• MONILIA ALBICANSD6/12/30/200• ASPERGILLUS NIGERD6/12/30/200• TECOMA D4• NATRIUM OXALACETICUM D6/12/30• ACIDUM DL MALICUM D6/12/30©2003 Dipartimento Scientifico Guna S.r.l.AZIONEMETABOLICADetossificazionemesenchimale(Sulfur) edrenaggioconnettivale elinfo-ematico(Hydrocotileasiatica eMercuriuscorrosivus)Alcalinizzazionedell’ambienteconnettivalePotenziamentodelle difeseimmunitariespecifiche(preparazioninosodiche dafunghi) easpecifiche(Tecoma)
  30. 30. IGIENE ALIMENTARE• LIMITARE FARINE• DIMINUIRE L’IMPATTOCON IL GLUTINE• CONTENERE IL CONSUMODI LATTE E LATTICINIFRESCHI DI VACCA• RICORRERE AI FARMACIALLOPATICI SOLO PERREALI NECESSITA’• RUOTARE MARCHE ETIPI DI CEREALI• CONSUMARE PIU’ RISOE MAIS• PREFERIRE LATTE EFORMAGGI STAGIONATIDI CAPRA E PECORA• TRATTARE IL PIU’POSSIBILE CONFARMACI NATURALI
  31. 31. Latte e suoi derivatiDiluizioni: 4CH, 8CH, 12CH, 15CH, 20CH,24CH, 30CHLac defloratum D10Lattosio D8, D10, D12, D20, D30Homarus D6, D8, D10, D12Lycopodium D12Pulsatilla D8Aethusa cynapiumD6, D10, D12Allium sativum D6Carbo vegetabilis D12Guajacum D10Magnessium muriaticumD10Staphysagria D12Calcium carbonicum D8,D10Lattasi 4CHProteasi 4CHALLERGY PLEX 1DesensibilizzazionespecificaSostegnodell’attivitàenzimaticaDrenaggioControllo dellasintomatologia© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  32. 32. Lievito naturaleLievito di birraDiluizioni: D10, D12, D15,D18, D20, D24, D28, D30Manganum aceticum D8Carbo vegetabilis D8Bornite D8Pirite D8Aleurisma (castellaniet lugdunense)Aspergillus(bronchalis, niger,fumigatus)Candida albicansCladosporum m.Mucor (mucedo,plumbeus,racemosus)Rizopus nigricansTricophyton spp.StreptococcusfaecalisDiluizioni: D10, D12, D15,D18, D20, D24, D28, D30Aleurisma (castellaniet lugdunense)Aspergillus(bronchalis, niger,fumigatus)Candida albicansCladosporum m.Mucor (mucedo,plumbeus, racemosus)Rizopus nigricansTricophyton spp.Streptococcus faecalisDiluizioni: D10, D12, D15,D18, D20, D24, D28, D30ALLERGY PLEX 19DesensibilizzazionespecificaRipristinodell’eubiosiintestinaleStimolazionedel SistemaImmunitarioControllo dellasintomatologia© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.
  33. 33. Cereali: frumento, frumento integrale,avena, segale, farina di frumento,glutine, miglio, lievito per lapanificazione, cicoria, fibreDiluizioni: 4CH, 6CH, 9CH, 12CH, 15CH,20CH, 24CHNatrium carbonicum D1, D10Natrium sulfuricum D6, D8• Carbo vegetabilisD8, D10, D12, D15• Eichhornia D2Pankreas suis 4CHAmylase 4CHALLERGY PLEX 7DesensibilizzazionespecificaSostegnodell’attivitàenzimaticaPredisposizioneControllo dellasintomatologia© Dipartimento Scientifico Guna S.p.a.Importante:Non somministrareai celiaci
  34. 34. RiassumendoSchemi di trattamento standard:Symbiolact comp: 1 bustina/die in acquadurante la cenaColostro Noni: 1 bustina sulla lingua lontanopastiAllergyplex 19: 10 gtt/2 volte die lontano pastisublingualeAllergyplex 7: idem al precedente (no celiaci)Allergyplex 1: idem al precedente
  35. 35. Una diversa gestione…PIENO DI INTESTINO TENUE: TRA 13 – 15VUOTO: OPPOSTO, CIOE’ TRA 1 – 3Dunque somministrare intera posologia(10 – 20 – 30 gtt o più)PRIMA DI CORICARSIPer medesimo motivo (facilitarecollaborazione) far assumere Colostro Nonialmeno 15 minuti prima della cena eSymbiolact durante la cena
  36. 36. La soluzione per le intolleranze ed allergie alimentari non stasolo nella confezione di diete appropriate. Tra le cause delle“intolleranze alimentari” vi è – secondo gli Autori – ancheuna problematica inconscia ed irrisolta con le figureprimarie, una difficoltà di relazione con il mondo o unanevrosi proiettata sull’”oggetto” alimentare.– Il fenomeno può nascondersi tra le pieghe dell’inconscio.La risoluzione del problema non può prescindere dalla solaesclusione dell’alimento identificato come dannoso. Ènecessario smascherare il contenuto inconscio connessoall’alimento che ha scatenato la risposta anomala alla suaingestione.
  37. 37. Come per tutte le altre affezioni, anche per le allergie e leintolleranze alimentari, la presa in carico della malattia deveessere la più completa possibile e tener conto dellemanifestazioni psicologiche, somatiche, ambientali esimboliche. I tre Autori, attivi cultori di MedicineComplementari ed Integrative, prendono in rassegna iprincipali nutrienti per poi valutarne l’aspetto più celato,intrinseco, enigmatico ed analogico mediante lapsicosomatica, la mitologia ed i riferimenti simbolici. Il librooffre sicuramente un contributo nuovo ed originale per chivoglia affacciarsi oltre la soglia delle sollecitazionialimentari, per meglio comprendere ciò che un cibo puòesprimere, oltre il proprio valore nutrizionale, energetico emetabolico, ed interpretare – così – le motivazioni profondedelle scelte o avversioni alimentari.
  38. 38. F. Piterà, L. Cappello, M. TagliettoIL SEGRETO DEI CIBILibro di 413 paginePrezzo: € 40,00Editore: Nova ScriptaSalita San Francesco da Paola, 20/7 – 16126Genovawww.novascripta.comISBN: 978-88-88251-19-6Anno di pubblicazione: 2009 (Settembre)
  39. 39. GRAZIE DELLATTENZIONE!

×