Elaborato finaleLo scopo dell’elaborato finale è quello di progettare una lezione che prevede l’utilizzo della Lavagna Int...
L’idea                                                                                                                    ...
Costruire e implementare via via una “libreria” in cui raccogliere immagini e files utili per un loro possibile utilizzo, ...
Nazione                                                         dell’economia locale)3                           -   Acqui...
5                          - Imparare ad auto valutarsi     - Attività di gruppo         - Proiezioni             - Testi ...
Guidare l’attenzione9. Usare la lente, tendina, occhio di bue/faretto                                                    X...
Approfondire gli step nodali* della sceneggiatura della lezione                                                           ...
Descrivere le caratteristiche della comunicazioneUso e funzioni della comunicazione orale e della scrittura nella didattic...
- Durante la lezione: docente: in questa fase il docente visualizza soltanto le schede di presentazione, preparate anteced...
Descrivere le caratteristiche della comunicazioneLo sviluppo tecnologico scaturisce una vera e propria rivoluzione nel cam...
STEP n° 3Descrizione della faseL’insegnante si sofferma sulle slides presentate alla LIM, invitando gli alunni ad avanzare...
Le operazioni sopra indicate saranno svolte sia dal docente (in un primo tempo) e successivamente dai ragazzi, tendendo co...
Non bisogna dimenticare che la presenza e la disponibilità stessa di una nuova tecnologia (LIM), determinano un cambiament...
(adottata da diverse normative regionali): gli elementi predisposti, le normative di riferimento, i testi, i seminari di s...
Contesto e ambiente                                                                                                       ...
Materiali e tecnologie didattiche di cui si disponeElencare i materiali e le tecnologie disponibili in classe o in altri c...
Elencare i supporti didattici che tipicamente usati nella lezione frontaleAd esempio: “(per la didattica della geografia) ...
Le LIM, a differenza dei supporti didattici appena evidenziati, consentono agli allievi di avere continui stimoli verso un...
In relazione alle operazioni sui supporti didattici, quali sono le principali differenze tra ambiente digitale e ambiente ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La lim in classe

2,956 views

Published on

imparare la LIM e didattica con le nuove tecnologie ICT

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,956
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
51
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La lim in classe

  1. 1. Elaborato finaleLo scopo dell’elaborato finale è quello di progettare una lezione che prevede l’utilizzo della Lavagna Interattiva Multimediale. Per una correttaimpostazione del vostro lavoro vi invitiamo a seguire le indicazioni contenute nel presente format.Titolo………………………………………………………………………………………………………………………………………Titolo: Cultura di impresaAutore: Putaggio MaurizioArea disciplinare: Economia aziendaleOrdine e grado della scuola: Istituto Tecnico Commerciale - 2° grado 1
  2. 2. L’idea …Descrivere in breve la lezione e le sue finalità.Breve descrizione della lezioneLa lavagna interattiva, per la sua versatilità, si presta ad accompagnare tutte le fasi della lezione proposta, offrendo input per consentire agli allievidi apprendere una efficace “Cultura di impresa” e delle abilità consequenziali da sviluppare per attuare un percorso importante finalizzatoall’inserimento degli stessi nel Mercato del lavoro una volta completati gli studi.Di volta in volta, quindi, si cercherà di costruire un percorso formativo che consentirà ai ragazzi di una classe quinta di un Istituto TecnicoCommerciale di acquisire nozioni di Economia dell’impresa e competenze e conoscenze utili per intraprendere una attività economica che possadare loro una futura occupazione in un’ottica di globalizzazione dei beni; ciò contribuirà a sapere utilizzare, con la metodologia della lezioneinterattiva, concetti teorici, propri dello studio, per affrontare problemi reali legati a situazioni operative quotidiane.Perché il suo utilizzo risulti funzionale all’insegnamento e costituisca un reale valore aggiunto, è importante farne precedere l’uso da un’attentaprogrammazione che metta a fuoco le fasi essenziali del lavoro, evitando il rischio dell’ esposizione frontale e attivando tutte le risorse necessarieper attivare in modo cooperativo il gruppo classe.Il modulo si progetta e realizza su LIM del tipo “Smartboard” e necessita di almeno 4 incontri di 2 ore ciascuno.Obiettivi della lezione Consentire un’effettiva partecipazione attiva degli alunni Scegliere una varietà di risorse e attività che diano spazio a diversi stili di apprendimento Permettere la valutazione dell’apprendimento e restituire il feedback di quanto proposto Verificare la “restituzione” di quanto preparato in termini di visibilità e accessibilità (grandezza dei caratteri, utilizzo dei colori…) Costruire una banca –dati in cui raccogliere il file elettronico di ogni lezione 2
  3. 3. Costruire e implementare via via una “libreria” in cui raccogliere immagini e files utili per un loro possibile utilizzo, per ridurre i tempi della ricerca in rete.Sceneggiatura della lezione …In relazione ai contenuti del corso di perfezionamento e alle competenze acquisite compilate la seguente tabella indicando per ciascuno STEP, gliobiettivi formativi previsti da ogni fase della lezione, le azioni svolte dal docente e dalla classe, le funzioni della LIM, i documenti previsti(materiali didattici, contenuti, risorse on e off line, video, animazioni) e le discipline coinvolte in ogni fase.N.B.: indicate il maggior numero possibile di STEP, quelli che abbiamo previsto sono soltanto un numero orientativo. Sono da considerarsi STEP della vostralezione anche quelli che non prevedono l’utilizzo della LIM. STEP OBIETTIVI FORMATIVI ATTIVITÀ FUNZIONI LIM DOCUMENTI DISCIPLINE 1 - Motivazione e - Brain storming - Presentazione - Immagini - Economia Accertamento dei predisposizione - Sistematizzazione - Testi Aziendale prerequisiti - Lavoro di gruppo 2 Conoscere i nuovi strumenti - Uso LIM per mostrare - Proiezione - Rappresentazioni - Economia L’insegnante mostra e comprendere le innovazioni slides sulla struttura - Touch screen economiche e Aziendale alla LIM diverse slides nelle comunicazioni organizzativa di una - Drag socio/economiche - Concetti di e proietta un video. apportate dalla multimedialità SpA - Illustrazione diapositive per un Micro e Macro Segue brainstorming e dai suoi strumenti anche - proiezione di un approfondimento Economia orale riguardo al nel mondo del lavoro video (intervento delle della cultura di Mercato delle imprese istituzioni nazionali che impresa vista in e al ruolo favoriscono un’ottica nell’Economia di una l’internazionalizzazione internazionale 3
  4. 4. Nazione dell’economia locale)3 - Acquisire la - Presa appunti - Proiezione - Rappresentazioni - EconomiaL’insegnante si multimedialità come - Uso LIM al fine di - Touch screen economiche e Aziendalesofferma sulle slides nuova tecnologia osservare attentamente - Drag socio/economiche - Micro e Macropresentate alla LIM, informatica. le caratteristiche del - Illustrazione diapositive per un Economiainvitando gli alunni ad - Conoscere e valutare Mercato internazionale e approfondimentoavanzare idee; ipertesti e ipermedia. degli operatori dello della cultura disuccessivamente, stesso impresa vista inscorre altre diapositive - Conoscenza di un’otticadi un lavoro in power opportuni strumenti internazionalepoint normativi utili per favorire l’ingresso dei giovani nel Mondo delle imprese4 - Interpretare situazioni - Elencare e spiegare le - Proiezione - Rappresentazioni - EconomiaL’insegnante fa partire reali in termini di modelli diverse figure - Touch screen economiche e Aziendaleil video on line alla LIM economici professionali socio/economiche - Micro e Macroconcernente il Mercato - Abituare all’analisi di nell’evoluzione del Mondo per un Economiaglobale e le sue situazioni problematiche dell’impresa: servizi approfondimentopotenzialità e rivolge - Individuare modelli turistici, agricoltura della cultura didomande per verificare economici biologica, Hi Tech, impresa vista inla comprensione del - Ricercare percorsi Information & Technology un’otticavideo utilizzando la rete - Utilizzare testi, musica e internazionale informatica collegamenti a video - Utilizzare la lavagna interattiva e il software Notebook per segnare percorsi e ri-percorsi 4
  5. 5. 5 - Imparare ad auto valutarsi - Attività di gruppo - Proiezioni - Testi - Economia Verifica del percorso - Valutazione delle attitudini - Attività individuali - Costruire una mappa - Documenti Aziendale necessarie per svolgere una - Rispondere a quesiti - Micro e Macro attività di impresa Economia 6 - Capacità di analisi - Attività di gruppo - Analisi - Testi - Economia Prodotto finale - Saper presentare una - Presentazione PPT Aziendale proposta imprenditoriale - Attività di report - Micro e Macro EconomiaDi seguito riportiamo una checklist riepilogativa delle funzioni LIM: è importante che indichiate – con una X - TUTTE quelle funzioni che aveteprevisto di utilizzare nella vostra lezione. Qualora una funzione non fosse presente siete pregati di aggiungerla nella rispettiva categoria. CHECKLIST Creare la struttura di base 1. Creazione e gestione sequenza pagine X Scrivere/disegnare 2. Scrivere, cancellare X 3. Usare la tastiera virtuale X 4. Riconoscimento forme X 5. Usare i colori X 6. Usare frecce, linee, forme X 7. Riconoscimento testo 8. Usare evidenziatore X 5
  6. 6. Guidare l’attenzione9. Usare la lente, tendina, occhio di bue/faretto X Approccio visivo10. Cattura schermo X11. Uso di immagini esterne X Salvataggio e memoria12. Salvataggio e possibili utilizzi del file salvato X13. Registrazione di in formato audio-video X Import/export14. Importazione un file di altro formato X15. Esportazione in un formato diverso X Uso linguaggio multimediale16. Importare e gestire testo X17. Utilizzo file audio X18. Utilizzo immagini X19. Utilizzo file video X Uso risorse esterne al software autore direttamente sulla LIM20. Learning Object21. Software di uso comune sul computer (es. word, excel, powerpoint, pfd…) X22. Software didattici specifici open source o freeware (es Geogebra…) X Internet23. Inserimento e gestione collegamenti a risorse interne/esterne e siti Internet X 6
  7. 7. Approfondire gli step nodali* della sceneggiatura della lezione …*non occorre approfondire ogni singolo step, ma quelli ritenuti centrali nello sviluppo dell’attività didattica (comunque non meno di 3 step).STEP n° 1Descrivere i materiali didattici utilizzati e accertamento dei prerequisitiDescrizione dei contenuti digitali che saranno realizzati nel corso della fase in analisi: presentazioni di concetti, strumenti di valutazione, progetti, elaborati,documentazione delle lezioni etc.I contenuti saranno realizzati solo dal docente ma anche dagli studenti che vorranno interagire con il docente. Si vorrà fare ricorso ai contenuti digitali giàdisponibili (software, risorse ipertestuali e ipermediali, oggetti didattici, banche dati, simulazioni etc.) da utilizzare sulla LIM; successivamente si svolgerà un testper verificare il livello attitudinale degli alunni necessario per verificare il possesso di particolari abilità imprenditoriali.- Contenuti digitali realizzati: presentazioni in Power Point, proiezioni video, riflessioni e analisi, normative di riferimento, tabelle, rielaborazioni- Contenuti realizzati da docenti- Contenuti del CD facente parte del libro di testo- Contenuti digitali già disponibili in: risorse multimediali e siti web istituzionali- Motivazione all’uso dei materiali: disponibili e pronti all’ uso, materiale già disponibile in risorse in rete 7
  8. 8. Descrivere le caratteristiche della comunicazioneUso e funzioni della comunicazione orale e della scrittura nella didattica con la LIM. Descrizione delle funzioni della visualizzazione (di testi, immagini,animazioni, fotografie, video), dell’interazione e, eventualmente, del suono in questa fase dell’attività.- Uso e funzioni dei concetti di informazione e di comunicazione orale; più in dettaglio, si punta al concetto di messaggio cioè l’elemento cardine del processodi rappresentazione tra la realtà e la sua immagine.- Funzioni di visualizzazione di: testi e immagini per motivare e migliorare le competenze disciplinari e, perché no, anche linguisticheDescrivere la funzione svolta dalla LIM nella fase in analisiSpecificare se la LIM è utilizzata solo dal docente o anche dagli studenti. Indicare se svolge la funzionele funzioni di strumento di presentazione, superficie discrittura, dispositivo di interazione etc.- La LIM viene utilizzata da: docenti e studenti- La LIM svolge le seguenti funzioni: presentazione, superficie di scrittura, dispositivo di interazione, dispositivo di condivisione, dispositivo di valutazione,dispositivo di versatilitàDescrivere l’interazione con gli studentiSpecificare: prima della lezione (azioni del docente e azioni dello studente), durante la lezione (azioni del docente e azioni dello studente) e dopo la lezione(azioni del docente e azioni dello studente), specificare il tipo di interazione, i contenuti e i tempi.- Prima della lezione: docente: Prepara le lezioni sulla LIM, crea materiali digitali, di studio e di approfondimento (comprese determinate schede di presentazionedegli argomenti oggetto di studio), e svolge ricerche su internet. Studenti: motivazione allo studio; recupero e approfondimento dei prerequisiti; scoperta eutilizzo della LIM 8
  9. 9. - Durante la lezione: docente: in questa fase il docente visualizza soltanto le schede di presentazione, preparate antecedentemente, sulla LIM. Studenti:analizzano la traccia del problema, raccolgono i dati e compiono studi di fattibilità attraverso simulazioni, ovviamente con la collaborazione attenta del docente- Dopo la lezione: docente: elabora verifiche di apprendimento e prepara il questionario di soddisfazione. Studenti: risolvono verifiche e compilano ilquestionario- Interazione basata su: attività di cooperative learning, attività in team, attività di ricerca-azione, attività del learning by doing- Contenuti: testi, immagini fruibili e recepiti dagli studenti- Tempi: modulo suddiviso in 4 lezioni per un totale di 8 oreSTEP n°2Descrizione della fase: L’insegnante mostra alla LIM diverse slides e proietta un video. Segue brainstorming orale riguardo al Mercato delle imprese e al ruolonell’Economia di una NazioneDescrivere i materiali didattici utilizzatiSi utilizzeranno files (Cultura di impresa e normative sulla Imprenditoria giovanile) su Presentazioni preparate dal docente contenenti utili concetti per lacomprensione degli argomenti da sviluppare; più specificatamente, si rappresenteranno le caratteristiche delle aziende che potranno meglio attecchire nelterritorio di riferimento (sia locale che nazionale) al fine di far capire agli allievi intervenuti i concetti di Marketing specifici per far decollare una impresa;Altro materiale che si utilizzerà sarà un video tratto dal sito http://www.fuoriclasse.rai.it, sezione “archivio video”, per conoscere le figure più ambite dalmercato del lavoro, chi sono i professionisti di grande apertura mentale con capacità tecniche e culturali chiamati a proporre ed attuare soluzioni innovative, ingrado non solo di mantenere l`azienda sul mercato, ma anche di migliorarne costantemente la performance.Le schede di presentazione sono servite proprio per capire il grado di conoscenza degli argomenti suddetti e la loro visualizzazione ha avuto lo scopo dicomprendere il mondo reale dell’imprenditoria, sia locale che internazionale. 9
  10. 10. Descrivere le caratteristiche della comunicazioneLo sviluppo tecnologico scaturisce una vera e propria rivoluzione nel campo delle comunicazioni. La trasmissione dei dati in formato digitale riesce ad abbatterealcuni dei vincoli della comunicazione tradizionale: innanzitutto i dati digitali sono molto flessibili, facendo venir meno il problema della scarsa elaborazionedelle informazioni analogiche e, ancora, le informazioni digitali possono essere multimediali e nella rete viaggiano tutti i generi di informazioni, dai testi ai suonialle immagini.Descrivere la funzione svolta dalla LIM nella fase in analisiLe LIM consentono agli allievi di avere continui stimoli verso una costante interattività’ nelle azioni e nelle relazioni comunicative, soggetti a feedback immediatie continui. Permettono una maggiore apertura e dinamicità relazionale -comunicativa trasposta negli ambienti, per lo più fisici ma anche virtuali, in cuiavvengono le azioni educative.Descrivere l’interazione con gli studentiLe lezioni con la LIM ha effetti positivi perché gli allievi hanno familiarità con il linguaggio delle immagini e dei filmati; inoltre, le lezioni interattive sono piùcoinvolgenti e permettono di comprendere più rapidamente; infine, l’introduzione della LIM favorisce attività didattiche di apprendimento collaborativo chepongono gli stessi alunni al centro del processo di apprendimento.In sostanza, gli alunni potranno ricevere gli stimoli necessari per memorizzare gli aspetti concreti e pratici quotidiani della realtà imprenditoriale che fino ad oggihanno appreso attraverso strumenti solo teorici. 10
  11. 11. STEP n° 3Descrizione della faseL’insegnante si sofferma sulle slides presentate alla LIM, invitando gli alunni ad avanzare idee; successivamente, scorre altre diapositiveDescrivere i materiali didattici utilizzatiVisione delle normative di riferimento attraverso portali istituzionali e applicazione di software per l’analisi dei flussi economici e finanziari, nella fase diredazione del Piano di fattibilità (Business Plan) e nella importante fase di entrata “a regime”.Descrivere le caratteristiche della comunicazioneApplicare i principi della buona comunicazione, la quale si estrinseca su tre piani:1. creare cose-idee-cose che, progettando un futuro migliore (nel campo lavorativo), ne rappresentano gli strumenti operativi per attuarlo;2. genera saperi, conoscenza, competenze adeguate al salto di sistema che la nostra realtà sta vivendo;3. attiva e garantisce un processo reciprocamente generativo fra i diversi esempi della realtà, in tutti i suoi aspetti;Descrivere la funzione svolta dalla LIM nella fase in analisiIl potenziale di impiego della LIM nella didattica avviene in due contesti specifici: il primo riguarda lutilizzo della LIM in appoggio a strategie didattiche ormaiconsolidate; laltro riguarda la possibilità di basare sulla LIM nuove metodologie e nuove strategie, rese possibili da un suo impiego innovativo e originale.Un approccio pragmatico dovrebbe dare la precedenza al primo dei due punti, passando alla considerazione del secondo solo una volta raggiunta una adeguataconfidenza con il nuovo strumento.Descrivere l’interazione con gli studenti 11
  12. 12. Le operazioni sopra indicate saranno svolte sia dal docente (in un primo tempo) e successivamente dai ragazzi, tendendo conto degli argomenti sviluppati, inclasse e in laboratorio, durante le ore di attività curriculare.La LIM influisce positivamente sull’attenzione, la motivazione e il coinvolgimento degli studenti e può contribuire a migliorare la comunicazione in classe,stimolando la partecipazione degli studenti attraverso l’uso di una varietà di contenuti multimediali (testi, immagini, video, etc.) nella didattica.STEP n° 4L’insegnante fa partire il video on line alla LIM concernente il Mercato globale e le sue potenzialità e rivolge domande per verificare la comprensione del videoDescrivere i materiali didattici utilizzatiVisione di un video contenente informazioni raccolte da giovani imprenditori che si sono scontrati con la realtà e con il problema annoso della disoccupazione;nel video gli stessi raccontano le proprie esperienze di lavoro precario e delle difficoltà riscontrate nei rapporti quotidiani di lavoro con i loro datori di lavoro.Seguono altri video-clip che raccontano le esperienze vissute da alcuni giovani per quel che concerne la “improvvisazione” della loro Business idea e larealizzazione della stessa grazie agli aiuti messi a disposizione delle istituzioni nazionali e comunitarie, in particolar modo la possibilità che è stata data lorodalla legge n. 608/96 (legge sulla imprenditoria giovanile denominata “Prestito d’onore”), visualizzata alla LIM.Descrivere le caratteristiche della comunicazioneUna delle caratteristiche principali di Comunicazione per la visione di Video è ladozione di un modello di comunicazione verticale ed unidirezionale: questomodello è fondato su una forte asimmetria tra lunico mittente e i molti destinatari, che non possono in alcun modo interagire o ribattere. Nella definizione dimass media convergono anche altri aspetti: in primo luogo i destinatari sono considerati come una massa indifferenziata e passiva; in secondo luogo, i contenutidella comunicazione tendono ad assumere un livello qualitativo uniforme e livellato verso il basso.Descrivere la funzione svolta dalla LIM nella fase in analisi 12
  13. 13. Non bisogna dimenticare che la presenza e la disponibilità stessa di una nuova tecnologia (LIM), determinano un cambiamento nel nostro modo di percepire larealtà (scolastica e didattica) e quindi di agire allinterno della classe.Entrare nel "mondo" della LIM significa adottare una nuova tecnologia didattica, in aggiunta a quelle già impiegate, e lasciare che la nostra mente, attraversoluso protratto nel tempo di questo strumento, lo accolga come una sua protesi (didattica) permanente.Descrivere l’interazione con gli studentiLe operazioni sopra indicate saranno svolte sia dal docente (in un primo tempo) e successivamente dai ragazzi, tendendo conto degli argomenti sviluppati, inclasse e in laboratorio, durante le ore di attività curriculare.Pianificazione, struttura, fasi dell’attività con la LIM ……………………………………………. …In relazione alla sceneggiatura della lezione e agli obiettivi che avete indicato descrivete la vostra proposta di lezione in relazione ai puntiseguentiLa struttura della lezioneDescrivere brevemente la struttura dell’attività elencando le fasi e i criteri di strutturazione (per obiettivi, per concetti, per processi..etc).La lezione presentata offre la possibilità agli allievi di interagire con gli strumenti tecnologici che oggi rappresentano un supporto eccellente per l’acquisizione dinuove conoscenze legate all’apprendimento dei nuovi saperi; altro aspetto positivo è rappresentato dalla facilità di trasmettere i medesimi saperi in modotrasversale con le altre discipline di studio e di apprendimento al fine di consentire agli allievi intervenuti un proficuo raggiungimento di determinati obiettivi(indicati sopra) didattici, specifici e trasversali, legati ai contenuti, ed anche lo sviluppo di determinate competenze e di abilità di studio.La lezione presentata sulla formazione alla cultura di impresa, si configura come una vera e propria lezione di carattere tecnico-operativo-educativo, cioè a direcome una struttura ovvero un canovaccio su cui si sviluppa formazione dei giovani all’apprendimento dei nuovi saperi legati all’istruzione-formazione-lavoro 13
  14. 14. (adottata da diverse normative regionali): gli elementi predisposti, le normative di riferimento, i testi, i seminari di studio, le immagini, i video preparano earricchiscono lambiente di apprendimento, e costituiscono un valido supporto alla lezione dialogata, durante la quale viene effettuata la "costruzione" vera epropria.Gli stimoli forniti possono essere fissati e gli apprendimenti latenti sedimentati attraverso lattività di rielaborazione e di studio personale da parte dellalunno. Leschermate delle lezioni possono essere utilizzate in questa fase come traccia dellesperienza effettuata in classe.Cosa fa il docente a casa e a scuolaIl docente, con l’uso della LIM, vuole adottare quelli che oggi rappresentano esempi di buone pratiche di insegnamento, in quanto riscontrano negli alunni la lorocapacità e volontà di ascoltare gli interlocutori, nonché la loro curiosità e voglia di imparare.L’insegnante a casa, non disponendo della LIM, si limita a preparare tutti i files utili per rappresentare quanto detto (documenti, immagini, diapositive, video…);una volta entrato in classe, usa la LIM per proporre una analisi interattiva degli argomenti da affrontare. Dopo ciò, l’insegnante proietta il materiale preparatoaccuratamente a casa e chiede agli alunni di intervenire, soffermandosi su alcune riflessioni.Poi chiama un alunno per illustrare quella che rappresenta la sua idea fattibile in materia di migliore “Business Idea”; successivamente il docente analizzerà concognizioni di causa e precisione sulla sostanza e sul merito dell’idea lanciata dall’alunno, applicando la metodologia del “learning by doing”.Cosa fanno gli studenti a casa e scuolaGli alunni a casa possono fare una approfondita ricerca sugli argomenti da trattare, al fine di avere nozioni utili per comprendere meglio i relativi contenuti; inun secondo tempo, dopo avere raccolto il materiale prodotto in classe (i files), potranno analizzare le attività svolte e focalizzare l’attenzione su ciò che li hacolpiti, quindi dare loro al possibilità di soffermarsi, in classe con l’insegnate, sugli aspetti determinati.In classe, gli alunni potranno assolvere a diversi compiti, tra cui: intervenire nella stesura delle fasi di lavoro, analizzare la traccia del problema da risolvere,costruire gli schemi, raccogliere i dati e confrontarsi con il docente, porre quesiti e richiedere opportuni chiarimenti. 14
  15. 15. Contesto e ambiente …Descrizione della classe classi coinvolteIndicare il numero di alunni coinvolti e le caratteristiche del gruppo-classe. Specificare le problematiche di apprendimento e insegnamento generali e quellespecificatamente correlate alla vostra disciplina.La classe è composta da 25 alunni, sia ragazzi che ragazze, e presenta buoni presupposti al fine di sviluppare le condizioni favorevoli per l’apprendimento e perla creazione di un buon spirito di gruppo.Per l’apprendimento dei saperi, quindi dei contenuti della disciplina (integrati opportunamente con i contenuti delle discipline complementari), utilizzando glistrumenti multimediali, il ruolo principale spetta al docente inteso come attore principale dell’atto educativo; ma il funzionamento di un gruppo-classe trovanella figura di riferimento del docente qualcuno che lo fa crescere e da questo punto di vista, il progetto dell’uso della LIM vuole essere una proposta diformazione efficace nella quale lo sviluppo della relazione docente-classe sia uno strumento prezioso di osservazione e di evoluzione, con costanti e continuipossibilità di feedback.Luogoluoghi in cui sarà svolta la lezioneSpecificare se la didattica sarà svolta in classe o se sono programmate attività in laboratorio o in aule speciali.Le lezioni con la LIM si terranno sempre in aula, essendo lo strumento presente nell’aula in cui hanno sede gli alunni destinatari indicati nelle precedentidescrizioni. 15
  16. 16. Materiali e tecnologie didattiche di cui si disponeElencare i materiali e le tecnologie disponibili in classe o in altri contesti della scuola.Saranno utilizzati gli strumenti e le tecnologie presenti nell’aula e in dotazione presso l’Istituto, cioè la Smartboard, un Notebook, un videoproiettore e altrememorie di massa come Pen Drive, dvd, cd, videocamera, fotocamera, rete Internet, ecc.Tecnologia LIM utilizzata: o Smartboard X o Interwrite o Cleaverboard o Promethean o Hitachi o Mimio o Altro (specificare)……………………LIM e Contenuti Didattici Digitali …………… …Comparando la progettazione di questa attività con il metodo che utilizzate abitualmente per condurre la lezione frontale, analizzare l’impattosull’uso di supporti didattici in ambiente digitale e non digitale. 16
  17. 17. Elencare i supporti didattici che tipicamente usati nella lezione frontaleAd esempio: “(per la didattica della geografia) mappe cartine geografiche” “(per le lingue straniere) immagini che illustrino significato dei termini, immagini dasatellite” etc.). Indicare le funzioni più tipiche svolte dai diversi tipi di supporti didattici.Fatta premessa che il libro di testo ad oggi rimane insostituibile, l’uso della lavagna d’ardesia (classica), anni fa e oggi, viene utilizzata per fissare alcuni terminichiave e fornire agli studenti semplici schemi e diagrammi.Qualche anno fa, con l’introduzione del PC fisso in dotazione alla classe, collegato alla lavagna luminosa (oggi poco utilizzata), lo si usava per la presentazione algruppo classe di argomenti di natura tecnico-operativa (schemi, analisi dei flussi economici e finanziari, ecc.); a tal riguardo, il docente non si trovava nellecondizioni di “improvvisare” in classe gli argomenti oggetto di studio poiché si trovava “costretto” ad impegnare il suo tempo a casa a preparare e integrare imoduli formativi da illustrare agli alunni.In pochi casi, il docente, per la spiegazione degli argomenti di natura tecnica propri della materia, poteva utilizzare videocassette/CD/DVD e comporre, insiemeagli alunni, cartelloni rappresentativi.Oggi, possiamo dire, oltre ai PC presenti nell’aula multimediale per lo svolgimento di alcune attività, si ritiene utilizzare la LIM in tutte o quasi le occasioni distudio.Per l’apprendimento delle materie tecniche, l’economia ad esempio, si può fare riferimento a diverse immagini presenti nella rete ovvero alle normative,opportunamente semplificate e sintetizzate dal docente. Tali strumenti potranno essere proiettate e commentate con la LIM.In relazione alla scelta dei supporti didattici, quali sono le principali differenze che si possono evidenziare tra la didattica in ambiente digitale (laboratorio, e-learning) e la didattica in ambiente non digitale?Indicare vantaggi e difficoltà dell’uso di contenuti didattici digitali paragonati ai supporti cartacei: ad esempio “Le cartine geografiche in formato digitalepossono essere facilmente manipolate dagli studenti, ma comportano l’uso del laboratorio, non sempre disponibile.”, “il supporto digitali mi permette di usaremolte carte diverse e di passare da una all’altra con poche semplici operazioni”, oppure “Le carte geografiche cartacee hanno dimensioni maggiori e quindipossono essere mostrate a tutta la classe. ” 17
  18. 18. Le LIM, a differenza dei supporti didattici appena evidenziati, consentono agli allievi di avere continui stimoli verso una costante interattività nelle azioni e nellerelazioni comunicative, soggetti a feedback immediati e continui, permettono una maggiore apertura e dinamicità relazionale -comunicativa trasposta negliambienti, per lo più fisici ma anche virtuali, in cui avvengono le azioni educative.Gli strumenti usuali descritti, invece, consentono una formazione “standardizzata” e sono finalizzati alla promozione di apprendimenti generali; inoltre, sonoimprontati, in linea di massima, ad una frontalità didattica eccessiva, con una comunicazione per gran parte di tipo lineare: uno (docente) a molti (studenti).Quali sono le operazioni che docente e studenti realizzano con i supporti didattici in classe? (Indicare come i supporti didattici sono rielaborati durante lalezione frontale. Ad esempio: ” Le carte geografiche mostrate durante la lezione sono utilizzate dal docente per indicare l’area di cui sta parlando, per illustrarele caratteristiche della rappresentazione cartografica, per esporre alcuni concetti come il concetto di scala. Gli studenti realizzano operazioni di riconoscimentodi informazioni sulla morfologia, operazioni di localizzazione…“Le immagini, i testi, i video, la musica, i grafici evidenziati, ecc. illustrate attraverso la LIM, consentiranno agli alunni, anche quelli di solito poco motivati, dimanifestare molto interesse e partecipazione nell’attività didattica con la LIM, lavorando con impegno nelle varie fasi di realizzazione del progetto.L’utilizzo della LIM, inoltre, permette che si possano creare occasioni di apprendimento collaborativo e di peer tutoring in cui gli alunni più abili aiutano quellipiù in difficoltà.L’utilizzo della LIM da parte del docente come strumento didattico può infine contribuire, come è stato più volte evidenziato, a rendere più interessanti le lezionie a migliorare la qualità dell’insegnamento e, grazie alla possibilità offerta dal software di salvare le lezioni e le eventuali annotazioni apportate sulla lavagna e diaccedervi in un secondo momento, gli studenti avranno a disposizione materiale di ripasso accurato in grado di aiutarli a consolidare le conoscenze acquisite.Menzione particolare bisogna fare per quanto concerne la visione di particolari documenti contenenti le normative anzidette, in quanto tali documenti sipresentano impegnativi per i ragazzi; la visione di ciò, attraverso la LIM, potrà semplificare le difficoltà evidenziate perché la gestione delle schede a videoconsente facilità di lettura ed i apprendimento. 18
  19. 19. In relazione alle operazioni sui supporti didattici, quali sono le principali differenze tra ambiente digitale e ambiente non digitale?( Indicare vantaggi e difficoltà della manipolazione sui supporti didattici digitali.)Per quanto concerne l’interattività generalizzata docente-allievi, la didattica digitalizzata ha il pregio di trasmettere ai discenti, istantaneamente econtemporaneamente, una fruizione dei saperi in modo efficiente ed efficace, sia per l’attenzione che necessita sia per le dimensioni della LIM, la quale apparecome uno strumento di attrazione considerevole nei suoi momenti peculiari di istruzione&formazione.Le difficoltà che possono presentarsi sono essenzialmente di tipo tecnico: ad esempio tempi tecnici piuttosto lunghi ovvero la preparazione dell’aula diinformatica per la lezione con la LIM comporta sempre un dispendio significativo di tempo (collegamento LIM- computer-videoproiettore, calibratura dellalavagna, sistemazione di banchi e strumenti) e difficoltà a scrivere con i tracciatori ( penne elettroniche) e a trascinare gli oggetti.Con l’introduzione della LIM nelle classi cambiano le modalità di insegnamento e di apprendimento, come vi immaginate lo scenario futuro?Non so quali ulteriori vantaggi potranno esserci in seguito, ciò che conta, al momento, è continuare ad avere il favore degli studenti, lestrema semplicitàdimpiego e la costruzione collaborativa dei diversi percorsi di studio.Maurizio PutaggioDocente di EconomiaFormatore nei Processi di apprendimento della “Cultura di impresa” 19

×