Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
COLTIVARE LA FIDUCIA
Un progetto di agricoltura urbana collaborativa e partecipativa
Risultati del workshop
Gli orti urbani sono piccoli appezzamenti di terra 

messi a disposizione da privati o enti pubblici 

dove si può coltiva...
SCENARIO
50%
Percentuale 

di popolazione mondiale 

che vive nelle città.
Le persone coinvolte 

nell’agricoltura urbana.800MILIONI
Percentuale di
popolazione mondiale
che vivrà nei centri urbani
nel 2050.
80%
Gli orti urbani sono un fenomeno in continua crescita.
Nel 2013 in Italia sono triplicati rispetto al 2011.
Complice la crisi, 1 italiano su 4 si dedica alla
coltivazione fai da te anche in città.
Età media
dell’hobby farmer
in Italia.
60ANNI
Siamo nell’era della sharing economy, 

fenomeno basato sulla fiducia.
I Millennial, manifestano un aumentato senso critico 

rispetto alle generazioni precedenti.
Sarà la fiducia la chiave per far avvicinare 

i Millennial agli orti urbani?
TARGET
Anna, 23 anni
Modenese, studentessa di filosofia.
Estremamente curiosa, amante
della cultura, è sempre alla ricerca
di nuove...
Marco, 25 anni
Milanese D.O.C, neolaureato
in scienze agrarie. 

Cerca un impiego che gli
consenta di rimanere a
contatto ...
Alessandro e Marta, 32 e 28 anni


Web designer, fondatori di una start up
e genitori di Lorenzo, un bambino di 2
anni. Co...
Cosa ci siamo immaginati per soddisfare i loro bisogni?
Un fenomeno virale
Un brand
VISION
Rendere gli orti urbani
più affollati

delle discoteche.
MISSION
Uno spazio condiviso
dove si viene premiati per
coltivare non solo verdure,
ma anche i propri interessi.
COM’È FATTO?
APPEALINGCAMALEONTICOFRIENDLY
ACCOGLIENTERIGOGLIOSOFACILE
CONFORTEVOLEFRESCOVISIONARIO
Uno spazio che utilizza la
struttura tipica delle serre 

e dei vivai.
Un orto rigoglioso nel quale imparare a
produrre sotto la guida di persone esperte 

e fidate i migliori prodotti ortofrutt...
Gestito con le ultime tecnologie 

sia indoor sia outdoor.
Anche sui tetti.
Anche sui tetti.
Un bar/ristorante “vegan friendly”.
Con un design eco e distintivo 

dagli arredi, alle serre, ai piatti.
Dove consumare ogni giorno

prodotti freschi e sani a “metri 0”.
Una zona living dove poter concedersi una pausa dalle
attività dell’orto, interagendo con gli altri, dedicandosi 

a una b...
Un’area libera che si presta alla realizzazione
di eventi legati alla sfera della cultura,
della musica e del benessere ps...
Un Mercatino “Campagna amica” dove fare la spesa 

acquistando i prodotti dell’orto e di altri produttori locali.
Un progetto che sfrutta 

appieno le possibilità 

offerte dalla tecnologia mobile.
Oltre alla community già sensibile al tema, 

come possiamo attrarre tutti i Millennial?
REWARD
Ogni ora di lavoro significa punti.
E punti significano reward.
Collaborando alle attività degli orti urbani si hanno in cambio
ricompense molto ambite dal target di riferimento.
VIAGGI GIFT PRODOTTI
Voli aerei
Biglietti ferroviari
Soggiorni
Cultura
Musica
Fitness
Greenmore
Campagna Amica
StraBerry
Cosa c’è al centro di Greenmore?
APP
Orti dove c’è bisogno

di volontari.
Agenda mensile

dei compiti.
Amici da incontrare
Descrizione
del compito.
Gestione 

degli accessi.
Riepilogo
compiti del giorno.
Tabella oraria.
Riassunto della giornata
e saldo punti.
Reward.
Inizio turno.
Notifiche

dei prossimi compiti.
Riepilogo dei

compiti giornalieri.
Riepilogo

attività mensili.
Reminder 

prossime attività.
Prodotti disponibili
negli orti.
Recensioni
dei prodotti.
BACKSTAGE
CREDITS
GLI STUDENTI DEI CORSI DI COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA 

E DESIGN DELLA COMUNICAZIONE DELLO IED DI MILANO
Luca Apreia Ilari...
Coltivare la fiducia. Un progetto di agricoltura urbana collaborativa e partecipativa.
Coltivare la fiducia. Un progetto di agricoltura urbana collaborativa e partecipativa.
Coltivare la fiducia. Un progetto di agricoltura urbana collaborativa e partecipativa.
Coltivare la fiducia. Un progetto di agricoltura urbana collaborativa e partecipativa.
Coltivare la fiducia. Un progetto di agricoltura urbana collaborativa e partecipativa.
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Coltivare la fiducia. Un progetto di agricoltura urbana collaborativa e partecipativa.

742 views

Published on

Il tema della mobile class e del vivere nelle grandi città ci porta a una riflessione: dimenticheremo l’agricoltura, gli orti, i prodotti a km zero? O, invece, saranno i protagonisti della città che cambia proprio grazie alla connessione continua e mobile?
IED e Coldiretti Giovani Impresa provano a rispondere a questa domanda con un progetto che sviluppa l’agricoltura urbana, che già oggi coinvolge 800 milioni di persone nel mondo, con molti progetti partecipativi, soprattutto in UK, Francia e Nord America.
In Italia, a differenza di altre parti del mondo, l’agricoltura partecipativa e collaborativa stenta a decollare, principalmente per motivi culturali e di fiducia. Mentre hanno preso piede da anni fenomeni come i G.A.S. e l’agricoltura urbana data in concessione a privati anche se in spazi pubblici. Per questo le due realtà hanno sviluppato, attraverso un workshop lungo quattro mesi, un progetto ready to use da donare a Comuni e agricoltori per implementare l’agricoltura urbana in città, attraverso l’utilizzo di piattaforme mobile e social connection, al fine di utilizzare il digital a favore di un consumo consapevole di prodotti coltivati sotto casa.

Published in: Education
  • Be the first to comment

Coltivare la fiducia. Un progetto di agricoltura urbana collaborativa e partecipativa.

  1. 1. COLTIVARE LA FIDUCIA Un progetto di agricoltura urbana collaborativa e partecipativa Risultati del workshop
  2. 2. Gli orti urbani sono piccoli appezzamenti di terra 
 messi a disposizione da privati o enti pubblici 
 dove si può coltivare frutta e verdura.
  3. 3. SCENARIO
  4. 4. 50% Percentuale 
 di popolazione mondiale 
 che vive nelle città.
  5. 5. Le persone coinvolte 
 nell’agricoltura urbana.800MILIONI
  6. 6. Percentuale di popolazione mondiale che vivrà nei centri urbani nel 2050. 80%
  7. 7. Gli orti urbani sono un fenomeno in continua crescita. Nel 2013 in Italia sono triplicati rispetto al 2011.
  8. 8. Complice la crisi, 1 italiano su 4 si dedica alla coltivazione fai da te anche in città.
  9. 9. Età media dell’hobby farmer in Italia. 60ANNI
  10. 10. Siamo nell’era della sharing economy, 
 fenomeno basato sulla fiducia.
  11. 11. I Millennial, manifestano un aumentato senso critico 
 rispetto alle generazioni precedenti.
  12. 12. Sarà la fiducia la chiave per far avvicinare 
 i Millennial agli orti urbani?
  13. 13. TARGET
  14. 14. Anna, 23 anni Modenese, studentessa di filosofia. Estremamente curiosa, amante della cultura, è sempre alla ricerca di nuove esperienze da condividere.
  15. 15. Marco, 25 anni Milanese D.O.C, neolaureato in scienze agrarie. 
 Cerca un impiego che gli consenta di rimanere a contatto con l’ambiente.
  16. 16. Alessandro e Marta, 32 e 28 anni 
 Web designer, fondatori di una start up e genitori di Lorenzo, un bambino di 2 anni. Compagni di lavoro e di vita, trasferitisi da Catania, credono nei valori della buona alimentazione.
  17. 17. Cosa ci siamo immaginati per soddisfare i loro bisogni?
  18. 18. Un fenomeno virale
  19. 19. Un brand
  20. 20. VISION Rendere gli orti urbani più affollati
 delle discoteche.
  21. 21. MISSION Uno spazio condiviso dove si viene premiati per coltivare non solo verdure, ma anche i propri interessi.
  22. 22. COM’È FATTO?
  23. 23. APPEALINGCAMALEONTICOFRIENDLY ACCOGLIENTERIGOGLIOSOFACILE CONFORTEVOLEFRESCOVISIONARIO
  24. 24. Uno spazio che utilizza la struttura tipica delle serre 
 e dei vivai.
  25. 25. Un orto rigoglioso nel quale imparare a produrre sotto la guida di persone esperte 
 e fidate i migliori prodotti ortofrutticoli.
  26. 26. Gestito con le ultime tecnologie 
 sia indoor sia outdoor.
  27. 27. Anche sui tetti. Anche sui tetti.
  28. 28. Un bar/ristorante “vegan friendly”.
  29. 29. Con un design eco e distintivo 
 dagli arredi, alle serre, ai piatti.
  30. 30. Dove consumare ogni giorno
 prodotti freschi e sani a “metri 0”.
  31. 31. Una zona living dove poter concedersi una pausa dalle attività dell’orto, interagendo con gli altri, dedicandosi 
 a una buona lettura, lavorando o navigando grazie al wi-fi.
  32. 32. Un’area libera che si presta alla realizzazione di eventi legati alla sfera della cultura, della musica e del benessere psicofisico.
  33. 33. Un Mercatino “Campagna amica” dove fare la spesa 
 acquistando i prodotti dell’orto e di altri produttori locali.
  34. 34. Un progetto che sfrutta 
 appieno le possibilità 
 offerte dalla tecnologia mobile.
  35. 35. Oltre alla community già sensibile al tema, 
 come possiamo attrarre tutti i Millennial?
  36. 36. REWARD
  37. 37. Ogni ora di lavoro significa punti.
  38. 38. E punti significano reward.
  39. 39. Collaborando alle attività degli orti urbani si hanno in cambio ricompense molto ambite dal target di riferimento.
  40. 40. VIAGGI GIFT PRODOTTI Voli aerei Biglietti ferroviari Soggiorni Cultura Musica Fitness Greenmore Campagna Amica StraBerry
  41. 41. Cosa c’è al centro di Greenmore?
  42. 42. APP
  43. 43. Orti dove c’è bisogno
 di volontari.
  44. 44. Agenda mensile
 dei compiti.
  45. 45. Amici da incontrare
  46. 46. Descrizione del compito.
  47. 47. Gestione 
 degli accessi.
  48. 48. Riepilogo compiti del giorno.
  49. 49. Tabella oraria.
  50. 50. Riassunto della giornata e saldo punti.
  51. 51. Reward.
  52. 52. Inizio turno.
  53. 53. Notifiche
 dei prossimi compiti.
  54. 54. Riepilogo dei
 compiti giornalieri.
  55. 55. Riepilogo
 attività mensili.
  56. 56. Reminder 
 prossime attività.
  57. 57. Prodotti disponibili negli orti.
  58. 58. Recensioni dei prodotti.
  59. 59. BACKSTAGE
  60. 60. CREDITS
  61. 61. GLI STUDENTI DEI CORSI DI COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA 
 E DESIGN DELLA COMUNICAZIONE DELLO IED DI MILANO Luca Apreia Ilaria Lucchin Elisa Del Favero Delia Galbiati Giacomo Casarollo 
 Giulia Mangano Martina Leo Thea Nikolova Carlo Chiarino Federica Ferraro I DOCENTI Matteo Righi Cinzia Piloni Francesco Grandazzi GRAZIE A Alessandro Rimassa Carmelo Troccoli Stefano Ravizza Elisa Bergamaschino IED Milano - Gennaio/Febbraio 2015 IL VIDEOMAKER Guido Rizzone

×