Pavia17maggio2011 consumo

1,031 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,031
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
381
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pavia17maggio2011 consumo

  1. 1. Cambiare paradigma culturale iniziare a vivere da esseri umani Pavia 17 maggio 2011 “consumo” A cura di Giuseppe Carpentieri (Movimento per la Decrescita Felice) http://peppecarpentieri.wordpress.com/
  2. 2. • Se crediamo che il mondo sia equo e giusto e soprattutto che l’attuale società sia etica e responsabile, allora non ci sono dubbi: siamo totalmente folli!!!• Ok, partiamo da questa certezza: il mondo è un manicomio!
  3. 3. Benvenuti al SANICOMIO
  4. 4. • Lo psicologo e filosofo umanista Erich Fromm ricorda il fatto che milioni di persone condividano gli stessi vizi non rendi questi vizi virtù• In una cultura collettiva, giudizi e ragionamenti si basano su quelle che vengono percepite come le verità del paradigma fondamentale. Di conseguenza, se le credenze paradigmatiche di una cultura fossero false o inesatte, la popolazione che avesse consapevolmente operato secondo quelle credenze fallaci esprimerebbe collettivamente giudizi e ragionamenti di cattiva qualità.BRUCE LIPTON, STEVE BHAERMAN, evoluzione spontanea, Macro Edizioni 2010, pag.258
  5. 5. • I media che “martellano” il cervello delle persone con parole (o parolacce) e concetti obsoleti, e poco significanti per la vita umana• PIL, down jones, nasdaq, “crescita”, “benessere”, debito pubblico (chi è il creditore del debito pubblico?), finanza, indice di borsa, SpA, titoli azionari, titoli come: “Linflazione spaventa i listini. Corre il petrolio. Tonfo della Borsa saudita”; oppure: “Geithner: i danni dei subprime sono ancora profondi urge la riforma dei mutui immobiliari”• I media sono ripetitori (pappagalli) di parole e azioni dettate dall’élite senza spiegare l’etimologia dei termini e soprattutto senza raccontare gli effetti negativi sulla società (educazione civica)• Il linguaggio tecnico finanziario ed i grafici volti a scoraggiare sono solo una maschera per nascondere uno dei sistemi meno studiati e compresi dai cittadini: la creazione della moneta.
  6. 6. • Oggi la corruzione a livello universitario è legata al fatto di trattare gli studenti stessi non come discenti autonomi, bensì come liberi consumatori e acquirenti non ancora legati a marche particolari, insomma clienti di servizi didattici. Le corporation vedono un mercato del valore di duecento miliardi di dollari l’anno costituito da una fascia particolarmente interessante di giovani americani che cercano ancora le marche e sono in grado di controllare un reddito disponibile molto elevato, oltre ad influenzare le decisioni di acquisto dei loro genitori e di altri adulti. […] Le aziende non si limitano tuttavia a trasformare l’istruzione in merchandising; infatti, convertono il merchandising in istruzione, facendo di ogni momento della vita di un bambino un’occasione commerciale: pop-up su internet – luogo dove i ragazzi di oggi, abbandonate le ben più sane biblioteche, fanno i compiti; festività e ricorrenze originariamente di ispirazione religiosa trasformate in maratone dello shopping.• BENJAMIN R. BARBER, consumati, da cittadini a clienti, Einaudi, 2010, pag. 24
  7. 7. • Le corporation e gli esperti merchandising inseguono consapevolmente una fascia di consumatori con il portafoglio pieno a tal punto da costruire un mercato molto interessante, ma al tempo stesso immaturi quanto basta nei gusti per poter essere manipolati a dovere attraverso la pubblicità, il marketing e il branding. Allo stesso tempo, questi avatar del capitalismo consumistico cercano di incoraggiare la regressione degli adulti, sperando di riabituarli ai gusti e alle consuetudini dei bambini e di riuscire a vendere loro quell’inutile miriade di giochi, gadget e beni di consumo di cui nessuno ha realmente bisogno, ma che tutti acquistano per obbedire all’imperativo categorico del capitalismo: vendere, vendere, vendere. Come sottolinea la psichiatra infantile Susan Linn nel suo studio critico di quella che definisce «l’acquisizione ostile dell’infanzia», le aziende sono in gara tra loro «in modo sempre più aggressivo, per conquistare il favore del consumatori più giovani», mentre la cultura popolare «è sempre più soffocato dal cultura commerciale propinata senza sosta ai bambini, che vengono tenuti in considerazioni solo in quanto consumatori».• BENJAMIN R. BARBER, consumati, da cittadini a clienti, Einaudi, 2010, pag. 11
  8. 8. • Per svelare la credenza religiosa della “crescita” è sufficiente leggere quali indicatori usano le banche, ad esempio la BCE: – 1) crescita economica (PIL) e prezzo del petrolio – 2) quantità di moneta circolante • Da tempo ormai studiosi e analisti sostengono che come misura del benessere, il PIL,è inesatto e persino fuorviante. Più recentemente alcuni leader di diversi paesi, soprattutto europei, e organizzazione internazionali come l’Ocse l’hanno messo apertamente in discussione. La commissione Stiglitz-Sen-Fotoussi, nel settembre del 2009, ha pubblicato un rapporto di quasi trecento pagine con un elenco di suggerimenti, alcuni metodologici e altri filosofici, per misurare i progressi nazionali del ventunesimo secolo. **BENJAMIN R. BARBER, consumati, da cittadini a clienti, Einaudi, 2010, pag. 55
  9. 9. La teoria del picco di Hubbert (detta anche più brevemente picco di Hubbert) è una teoria scientifica (o modello) proposta, nella sua formulazione iniziale, nel 1956 dal geofisico americano Marion King Hubbert, riguardante levoluzione temporale della produzione di una qualsiasi risorsa minerale o fonte fossile esauribile o fisicamente limitata.Oggi siamo nel picco del petrolio e questosignifica: periodo di crisi. Unamministratore responsabile pianificanuovi stili di vita con le tecnologie delladecrescita felice e con l’uso deglistrumenti di democrazia diretta
  10. 10. • Leggendo Confessioni di un sicario dell’economia ci si chiede: che differenza c’è tra i boss della camorra e la CIA? Scopi e metodi sono identici, persino l’indifferenza nei confronti delle vittime e la brutalità con la quale si esercita il potere assoluto sono identiche.* *Loretta Napoleoni nella profazione di John Perkins, confessioni di un sicario dell’economia, Minimun fax 2010 La “religione capitalista” della crescita per la crescita usa diversi, strumenti fra questi: la manipolazione di dati (truffa) sul PIL e la preparazione di “rappresentazioni” (schemi e dati) volutamente falsate per rubare risorse primarie agli Stati sovrani e sostenere le SpA. Nella sostanza, l’intera “rappresentazione” del capitalismo odierno inventato dalla Banca Mondiale, dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca dei Regolamenti Internazionali può essere assimilata ad una gigantesca frode che usurpa i diritti umani e che si sostiene su due gambe: i media e le università che programmano e manipolano la percezione pubblica (credenza) della maggioranza dei cittadini.
  11. 11. • L’affermazione che la crescita economica sia indispensabile per far crescere l’occupazione viene ripetuta come un mantra benché, a differenza del mantra, non abbia lo scopo di liberare la mente dalla realtà illusoria, ma di avvilupparla in una illusione irreale, priva di riscontri empirici e di fondamenti teorici. Dal 1960 al 1998 in Italia il prodotto interno lordo a prezzi costanti si è più che triplicato, passando da 423.828 a 1.416.055 miliardi di lire (valori a prezzi 1990), la popolazione è cresciuta da 48.967.000 a 57.040.000 abitanti, con un incremento del 16,5 per cento, ma il numero degli occupati è rimasto costantemente intorno ai 20 milioni (erano 20.330.000 nel 1960 e 20.435.000 nel 1998). Una crescita così rilevante non solo non ha fatto crescere l’occupazione in valori assoluti, ma l’ha fatta diminuire in percentuale, dal 41,5 al 35,8 per cento della popolazione. **MAURIZIO PALLANTE, “estratto” da Orientare la politica economica e industriale a creareoccupazione nelle tecnologie che riducono l’impronta ecologica. Perugia, 9 ottobre 2010
  12. 12. • E’ una filosofia politica che poggia su principi di bioeconomia per un cambio di paradigma culturale e per la crescita spirituale• Critica l’obsoleto indicatore del PIL e propone il BIL (Benessere Interno Lordo), la FNL (Felicità Nazionale Lorda)• Suggerisce di applicare i principi fisici della natura• Movimento per la Decrescita Felice (MDF)• Transition Town
  13. 13. • “Benessere Equo e Sostenibile” (BES) (CNEL ed ISTAT dal 2011, “Gruppo di indirizzo sulla misura del progresso sulla società italiana” come obiettivo per integrare il PIL) – invece che concentrarsi su un concetto di produzione, quale è il Pil, si deve privilegiare la misura del benessere economico delle persone; – non esiste una misura singola che possa dar conto di tutte le varie dimensioni del benessere e gli indicatori compositi non sono una risposta soddisfacente, così come la misura della felicità; – ci si deve concentrare sulle dimensioni rilevanti per il benessere degli individui: lo stato psicofisico delle persone, la conoscenza e la capacità di comprendere il mondo in cui viviamo, il lavoro, il benessere materiale, l’ambiente, i rapporti interpersonali e la partecipazione alla vita della società e l’insicurezza. Inoltre, bisogna guardare alla distribuzione di tutte le dimensioni del benessere (equità)• “Depiliamoci” – Benessere Interno Lordo (http://www.benessereinternolordo.net/joomla/)• Happy Index Planet (http://www.happyplanetindex.org/)• Indicatore del progresso autentico (GPI) è un concetto nelleconomia verde e nelleconomia di assistenza sociale che è stata suggerita per sostituire il Prodotto Interno Lordo (PIL) come misuratore dello sviluppo economico.• Felicità Interna Lorda (FIL) Il termine fu coniato nella metà degli anni ottanta dal re del Bhutan Jigme Singye Wangchuck che mise in rilievo il suo impegno per la costruzione di uneconomia coerente con la cultura tradizionale del suo paese basata sui valori spirituali del buddhismo.
  14. 14. • Cambio di paradigma culturale:• Ripensare e riprogettare la società con approccio olistico e multiculturale partendo dalle coordinate principali: chi siamo e dove siamo• La natura è energia, l’uomo è energia.• La vita esiste grazie al Sole e non per l’esistenza di una moneta.
  15. 15. • La bioeconomia tiene conto delle leggi della natura (fisica) e degli errori di progettazione industriale così da spingere ad imitare i processi naturali, cambiare i processi di trasformazione delle merci.• Passare dal processo “lineare” a quello “circolare”• Usare principi di eco-design ed usare l’energia in maniera razionale uscendo dalla dipendenza degli idrocarburi (petrolio e gas)
  16. 16. • Stili di vita – Cultura, formazione, consumo critico e consapevole, convivialità, reciprocità, autoproduzione (beni) - [Unisf] - e partecipazione diretta alla comunità• Politica – creazione di circoli territoriali attivi e formazione culturale alla sostenibilità dei dipendenti eletti• Nuove tecnologie – Uso di fonti alternative, sole, vento, acqua tutto a piccola scala per autoconsumo e scambio delle eccedenze in una rete di proprietà popolare (democrazia economica) – Mobilità sostenibile: a piedi, bicicletta, car-sharing
  17. 17. • Il sistema bancario non è più al servizio dei bisogni delle persone, o delleconomia produttiva. Sta distruggendo le risorse naturali che ci affidiamo, e le risorse sociali che danno senso alla nostra vita e ci permettono di rispondere attivamente e adeguatamente alle nuove sfide in un mondo che cambia. Se non cambia il sistema bancario, leconomia crollerà anche, con maggiori danni ambientali e sociali che ciò comporta. • Non cè nulla di naturale circa i nostri attuali accordi economici. Sono stati consapevolmente progettati per realizzare un semplice obiettivo: la crescita. Ma la crescita non ci rende più felici, essa è la creazione di società disfunzionali e ineguali, e se continua gran parte del pianeta non sarà più idoneo per labitazione umana.Fonte: http://www.neweconomics.org/about
  18. 18. • Picco del petrolio• Picco dell’acqua• Uso delle fonti alternative (sole, vento, micro-idraulica, geotermia)• Diventare prosumer (produttori e consumatori di energia). Azionariato diffuso
  19. 19. • Uscire dall’inganno psicologico della “moneta debito” (usurpazione della sovranità monetaria)• Introdurre la moneta credito senza interessi• La moneta non è ricchezza ma uno strumento che misura la convenzione• Non tutto è misurabile, ad esempio l’amore• La ricchezza non è il possesso ma è: la creatività, la passione, la sostenibilità, esser felici, la capacità di non sprecare risorse finite ma di usarle col buon senso etc.
  20. 20. • La Natura ride di noi ogni giorno, mentre ella ha la capacità di rigenerarsi (autopoiesi) noi umani ci stiamo autodistruggendo poiché, ignoranti, scollegati dalla nostra anima, nichilisti e cinici• Avete mai visto due pomodori scambiarsi una moneta per vivere su questo pianeta?• Avete mai visto le piante e gli animali procurarsi una moneta per cibarsi?• Sembrano domande stupide? Allora perché viviamo stupidamente? Abbiamo letto la Storia, quella vera? Le comunità non basavano la ricchezza sulla moneta ma sulla capacità creativa degli individui a risolvere problemi pratici: irrigare, spostare, coltivare, costruire, tessere etc.• La soluzione di problemi pratici dipende solo dalle risorse e non dall’invenzione della moneta. La domanda non è quanto costa ma ci sono le risorse per farlo?
  21. 21. • In un’epoca dove vige il dogma religioso della moneta e della crescita infinita e dove le persone non sono realmente soddisfatte della propria vita poiché intimamente nichiliste, sembra ragionevole decrescere felicemente per spostare le proprie energie mentali sui bisogni reali, essenziali e abbandonando quelli effimeri cioè figli di capricci indotti dall’ambiente, inteso come sistema di potere invisibile (banche, media, pubblicità…)
  22. 22. • In un contesto sociale in cui le necessità vitali di ogni persona si possono soddisfare solo producendo merci per avere un reddito monetario con cui acquistare merci, i rapporti interpersonali si fondano essenzialmente sulla compravendita che, a sua volta, si fonda sulla diffidenza reciproca e sulla competizione. […] Se invece di rapporti sociali basati esclusivamente sulla mercificazione, le persone che vivono in città instaurassero legami di collaborazione, si donassero reciprocamente tempo, attenzione, solidarietà, mettessero gratuitamente a disposizione degli altri le proprie competenze professionali, si ridurrebbe la loro necessità di acquistare e vendere per soddisfare tutte le esigenze vitali.MAURIZIO PALLANTE, la felicità sostenibile, Rizzoli 2009, pag. 81
  23. 23. *• La permacultura insegna a progettare insediamenti umani che imitino il più possibile gli ecosistemi naturali.• Progettare in permacultura significa creare sistemi produttivi che durino nel tempo, che siano sostenibili, equilibrati e stabili; ovvero in grado di automantenersi e rinnovarsi con un basso input di energia.• Il pensiero di fondo è quello di assumere come misura della produzione, le modalità di produzione della natura, quindi la permacultura non è orientata al profitto.• I fondamenti etici della permacultura sono: – a) prendersi cura della terra; b) prendersi cura della gente; c) condividere le risorse. *wikipedia
  24. 24. Fonte: DAVID HOLMGREN, permacultura, Arianna editrice, 2010, pag. 20
  25. 25. Nel 1972 James Lovelock ha proposto l’ipotesi Gaia in cui ha teorizzato che la terra fisica e la biosfera vivente formino un sistema complesso interagente che può essere considerato come un singolo organismo* […] se allontaniamo tra loro due particelle che sono state precedentemente in contatto, qualunque sia la loro distanza esse comunicheranno istantaneamente** (paradosso EPR – Einstein, Podolsky, Rosen) Con Socrate comincia ad emergere la questione generale dell’Uno entanglement quantistico*BRUCE LIPTON, STEVE BHAERMAN, evoluzione spontanea, Macro Edizoni 2010, pag.278**MASSIMO TEODORANI, sincronicità, Macro Edizioni 2007, pag. 61
  26. 26. Noi vediamo solo una piccola parte di ciò che esiste
  27. 27. le frequenze a noi udibili sono comprese approssimativamente tra 20 e i 20.000 HzFonte immagine: UGO AMALDI, Fisica: idee ed esperimenti, Vol 2, Zanichelli, 2005, pag. 296
  28. 28. Fonte immagine: BRUCE LIPTON, STEVE BHAERMAN, evoluzione spontanea, Macro Edizoni 2010, pag.281
  29. 29. • Adattarsi ai cambiamenti con creatività e partecipazione• Assumere un atteggiamento flessibile rispetto alle risorse del territorio• Studiare, cercare, valutare• Programmare e mettere in pratica
  30. 30. Fonte: DAVID HOLMGREN, permacultura, Arianna editrice, 2010, pag. 45
  31. 31. • Accrescere la tecnica delle visioni• Immaginare luoghi ideali e progettarli• Adattare le visioni ai mezzi locali ed alle capacità individuali e collettive
  32. 32. Fonte immagine: BRUCE LIPTON, STEVE BHAERMAN, evoluzione spontanea, Macro Edizoni 2010, pag.79
  33. 33. Fonte: Franco Archibugi, pianificazione strategica, Alinea 2005, pag. 88
  34. 34. Il “comunicare” con gli abitanti e tra gli abitanti per comprendere, ricostruire una “immagine condivisa” della città Town meetingScelta delle “priorità” Assemblee di zona sperimentare Laboratori di quartiere
  35. 35. rifiutiInceneritori = emissione di nanopolveri Isola di rifiuti grande come il Texascancerose Effetto: riduzione delle aspettative di vita ed aumento delle malattie croniche
  36. 36. • Comparto aria; inquinare (e quindi ammalare ed uccidere) a norma di legge = “la misura del particolato avviene per via gravimetrica, vale a dire pesando le polveri (limite concesso 40µg/m3 anno e per 35 volte è concesso il limite soglia di 50µg/m3 ). Perciò, è ovvio che le particelle più grosse saranno quelle che incidono maggiormente nella valutazione mentre dal punto di vista sanitario saranno quelle che incidono meno.”Fonte: STEFANO MONTANARI, l’insidia delle polveri sottili e delle nanoparticelle, Macro edizioni 2007
  37. 37. • L’industria progetta e produce rifiuti• La natura non sa cosa sia un rifiutoL’attuale cultura politica di tutti i L’approccio culturale olisticopartiti al Governo è figlia riconosce l’etica ed i principi delladell’obsoleta crescita esponenziale natura imitandone i processi perche produce scarti inquinanti applicare una vera sostenibilità.(rifiuti) e non contempla l’etica e la Olismo, permacultura e decrescitaresponsabilità sociale. felice sono antitetici alLa crescita applica il dogma del materialismo e sostengono imonetarismo (materialismo). regimi energetici naturali. Alan Smith, respiro della terra, ciclo ossigeno-etilene
  38. 38. • Il killer n°1 (o forse il n° 3) in America non è il cancro, né sono le cardiopatie, bensì la pratica medica della medicina stessa. Riferendosi a stime prudenti, un raro articolo sul Journal of the American Medical Association ha riconosciuto che, nel 2000, la terza causa principale di morte negli Stati Uniti erano le malattie iatrogene, ossia, “le malattie derivate dalla terapia medica”.• Il Nutrion Institute of America ha commissionato un’analisi indipendente scoprendo che la stima complessiva negli USA è di 783.936 decenni l’anno.• A seguito del Medicare Modernization Act (2003), Big Pharma (grande industria farmaceutica) ha ricevuto 1,2 trilioni di dollari.BRUCE LIPTON, STEVE BHAERMAN, evoluzione spontanea, Macro Edizioni 2010, pag.238-241
  39. 39. • Le medicine testate, autorizzate, prescritte e normalmente usate, incidono per il 5,18% delle cause di morte; cosa che non viene mai riportata pubblicamente. (Fonte: Journal of the American Medical Association, dalle 90.000 alle 160.000 morti annue). Ogni giorno in USA muoiono 46 persone a causa degli effetti della semplice aspirina.• Le disgrazie mediche evitabili (errori) incidono per il 2,40% (Fonte CDC - Center for Disease Control, dalle 40.000 alle 90.000 persone). In Australia muoiono 9.000 persone allanno a causa di errori medici evitabili. (Fonte, Australian Medical Journal). Sempre in Australia ogni anno 50.000 persone riportano danni permanenti (menomazioni, mutilazioni) sempre per lo stesso motivo.Fonte: Studio di Ron Law basato su statistiche ufficiali degli USA , http://www.aerrepici.org/ronlaw.htm
  40. 40. Giuliano Preparata ed Emilio Del Giudice. Fusione nucleare fredda, “inspiegabilmente” poco sostenuta dal Parlamento e dal Governo Un’altra prova che l’élite sia obsoleta è il boicottaggio della ricerca pubblica e lo sviluppo nascosto della fusione fredda affinché i cittadini non abbiano la possibilità di autoprodursi energia costringendoli a rimanereIl Rapporto quarantuno dipendenti dalle SpA degliFisica e metafisica di una rivoluzione scientificascomparsa idrocarburi (petrolio e gas).di Angelo Sasohttp://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/19102006_rapporto41.asp
  41. 41. Piani urbanistici figli della “crescita” perché il “valore” è deciso dalla rendita (immobiliare e fondiaria) L’avaria è stimolatrice di “crescita”Ribaltare il valore: stabilire una nuova convenzione L’etica è crescita = riuso dei suoli abbandonati e dare maggiore valore al riutilizzo dei volumi abbandonati o inutilizzati
  42. 42. Partecipare veramente: essere co-creatori e co-gestori dellacomunità
  43. 43. • Prima della rivoluzione industriale i cittadini sapevano costruire, progettare e gestire la comunità ma non avevano diritti• Oggi, la società è stata ri-feudalizzata tramite l’invenzione delle società giuridiche (SpA, srl) ed il sistema bancario internazionale che nasconde (società off-share e paradisi fiscali) e accentra i proventi illeciti nelle mani dell’élite• Bisogna tornare a saper fare ma essendo realmente sovrani• Applicare la democrazia economia o l’economia partecipativa• Abbandonare l’obsoleto individualismo e sfruttare la reale natura umana: cooperare
  44. 44. Per garantire lindipendenza e la sovranitàalimentare di tutti i popoli del mondo, èessenziale che gli alimenti siano prodottimediante sistemi di produzione diversificati, subase contadina. La sovranità alimentare è ildiritto di ogni popolo a definire le sue politicheagrarie in materia di alimentazione, proteggere eregolare la produzione agraria nazionale e ilmercato locale al fine di ottenere risultati disviluppo sostenibile, e decidere in che misuravogliono essere autosufficienti senza rovesciare leloro eccedenze in paesi terzi con la pratica deldumping. La sovranità alimentare non nega ilcommercio (internazionale), piuttosto difendelopzione di formulare quelle politiche e pratichecommerciali che servano ai diritti dellapopolazione per una produzione (alimentare)nutriente, sana ed ecologicamente sostenibile. Fonte: http://www.altragricoltura.org/fse/sovranita-alimentare.htm
  45. 45. Pioppi (Pollica, SA) La dieta mediterranea è un modello nutrizionale ispirato ai modelli alimentari tradizionali dei paesi europei del bacino mediterraneo, in particolare Italia, Francia meridionale (specialmente Provenza e Linguadoca), Grecia e Spagna.
  46. 46. Fonte: Antonio de Falco e Fortunato Fabbricini, i segreti del suolo vivente, in Terra Nuova feb 2004http://www.agricolturasinergica.it/articoli/aam_200402.pdf
  47. 47. • Uso razionale risorse climatiche ed energetiche: – Uso sistemi riscaldamento attivi e passivi – Uso sistemi raffrescamento passivo e della ventilazione naturale• Uso razionale delle risorse idriche: – Riduzione e recupero acque meteoriche• Salvaguardia dell’ambiente: – Uso di materiali, elementi e componenti a ridotto carico ambientale, riciclati, recuperati, ad elevato potenziale di riciclabilità• Rifiuti e riciclo – Prevenzione e riduzione alla fonte e raccolta differenziata “porta a porta” e puntuale• Benessere igiene e salute dell’utenza negli spazi esterni – Protezione al campo elettromagnetico – Controllo della radiazione solare – Riduzione degli effetti di disturbo visivi – Protezione da fonti di rumore• Salvaguardia dell’ambiente: – Massimizzazione della superficie drenante – Contenimento dell’area di sedime degli edifici – Contenimento del volume di sbancamento – Protezione delle specie vegetali – Tutela e valorizzazione della diversità biologica del contesto naturalistico
  48. 48. • Riduzione dell’impronta ecologica, autosufficienza energetica• Eliminare gli sprechi energetici esistenti nell’edilizia (case e terziario) e nei trasporti• Diagnosi energetica ed uso di un mix- tecnologico: solare termico, fotovoltaico, micro eolico, micro e pico idraulico, pompe di calore geotermiche, motore magnetico• Mobilità: – Bike-sharing elettrico, car-sharing elettrico – Treno a lievitazione magnetica
  49. 49. Treno a lievitazione magnetica Pompe di calore Micro eolico motore magnetico di Muammer Yildriz Micro idraulica
  50. 50. Purtroppo, la principale fonte energetica usata male è quella spreca. Oggi, norme più stringenti obbligano l’adozione di standard riconosciuti. Quantità espresse in kWh/m2aFonte immagine: THOMAS KONIGSTEIN, manuale per le costruzioni a risparmio energetico, Edizioni Konigstein 2010, pag. 102
  51. 51. In riferimento alla normativa nazionale, lACE consente la determinazione della classe energetica dell’edificio, identificata da una lettera. Agli edifici a prestazione migliore è attribuita la classe A, agli edifici a prestazione peggiore la classe G. La classe energetica viene attribuita sulla base di un intervallo di riferimento, all’interno del quale si colloca la prestazione energetica dell’edificio che rappresenta i consumi per riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria. Per es., un edificio a Roma (zona climatica D con 1415 gradi giorno) di 100 mq e altezza lorda di 3m (fattore di forma S/V=0,3) è in classe A se l’indice di prestazione energetica è minore o uguale a 23.12 kWh/m2 anno, è in classe B se l’indice è compreso nell’intervallo 23.12--33.19 kWh/m2 anno, è in classe G se l’indice è maggiore o uguale a 100.62 kWh/m2 anno.Fonte: http://www.classeag.com/classeag/ACE.html
  52. 52. L’orto sinergico, auto produrre insieme Democrazia diretta: esser sovrani Creare e progettare insieme, Autoformazione: open space technology biblioteca di quartiere
  53. 53. • Agire direttamente: integrare la democrazia rappresentativa con la democrazia partecipativa e diretta• Sviluppare la resilienza locale, creatività• Saper interpretare il mondo e benessere psicofisico• Autoprodurre cibo, orti sinergici, consapevolezza dei consumi, stili di vita• Uso razionale dell’energia: prima eliminare gli sprechi• Scambio e reciprocità: rete sociale, il valore del dono• Mobilità intelligente• Convivialità, cultura, sport e tempo libero• Monete locali cioè sovrane e libere dal debito e dagli interessi• Strategia rifiuti zero/riciclo totale
  54. 54. • ALBERTO MAGNAGHI (a cura di), il territorio degli abitanti, Dunod, Zanichelli, 1998• ALEXANDER DEL MAR, storia dei crimini monetari, Excelsior 1881, 2010• ANTONIO GALDO, basta poco, Einaudi, 2011• BENJAMIN R. BARBER, consumati, da cittadini a clienti, Einaudi 2010• BRUCE LIPTON, STEVE BHAERMAN, evoluzione spontanea, Macro edizioni 2010• Centro Nuovo Modello Sviluppo, guida al consumo critico, EMI, 2008• DANIEL LERCH, post carbon cities, Transition press, 2010• DAVID HOLMGREN, permacultura, Arianna editrice, 2010• GIAMPAOLO FABRIS, la società post-crescita, Egea, 2010• GIUSEPPE CARPENTIERI, Qualcosa che non va, creative commons 2010• JEAN ZIEGLER, l’impero della vergogna, Marco Tropea editore, 2005• JOHN PERKINS, confessioni di un sicario dell’economia, Minimun fax 2010• MAURIZIO PALLANTE, la decrescita felice, Edizioni per la decrescita felice• MAURIZIO PALLANTE, la felicità sostenibile, Rizzoli, 2009• NICOLAS RIDOUX, la decrescita per tutti, Jaka book, 2008• PAOLO MICHELOTTO, democrazia dei cittadini, Troll edizioni, 2009• RICHARD SENNETT, l’uomo artigiano, Feltrinelli 2008• ROB HOPKINS, TAMZIN PINKERTON, cibo locale, Arianna editrice 2010• ROB HOPKINS, manuale pratico della Transizione, Arianna editrice 2009• SALVATORE TAMBURRO, la via del denaro, Nexus, 2010• STEFANO MONTANARI (a cura di), rifiuto: riduco e riciclo, Arianna editrice, 2009• THOMAS BENEDIKTER, democrazia diretta, Sonda edizioni, 2008• UMBERTO GALIMBERTI, i miti del nostro tempo, Feltrinelli 2009• WUPPERTAL INSTITUT, per un futuro equo, Feltrinelli 2007• ZYGMUNT BAUMAN, la società individualizzata, il Mulino 2001

×