Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Massimo Giuliani: Sotto il tetto di una storia / 1

1,371 views

Published on

Il mio intervento: prima parte della relazione "Sotto il tetto di una storia", al simposio di venerdì 31 gennaio 2014 nel convegno CGBG "Tecnologia e Leggerezza" (Pavia, 29-31 gennaio 2014)

Published in: Social Media
  • Be the first to comment

Massimo Giuliani: Sotto il tetto di una storia / 1

  1. 1. Simposio 31 gennaio ore 11, Aula U. Foscolo: “Atemporalità e assenza di radicamento in un luogo” Luisa Nardecchia e Massimo Giuliani SOTTO IL TETTO DI UNA STORIA. LA PAROLA E IL LEGAME COI LUOGHI Parte I (Massimo Giuliani)
  2. 2. LA PESANTEZZA DELLE MACERIE, LA LEGGEREZZA DELLE PAROLE CONDIVISE NELLA RETE (Disegno di Duccio Battistrada)
  3. 3. OGNI TECNOLOGIA (INCLUSI I MURI DELLE NOSTRE CASE E LE MURA DELLE CITTÀ) È UN’ESTENSIONE DELLA PELLE, CHE SEPARA E CONNETTE
  4. 4. LA CONTINUITÀ FRA NOI E I LUOGHI
  5. 5. “ANGOSCIA TERRITORIALE”, SPAZI FRATTURATI, TEMPO FRATTURATO
  6. 6. Passato Presente Futuro Presente Passato Futuro
  7. 7. Il tempo sconnesso NEI DISTURBI DELLA MEMORIA SI PERDE LA CONNESSIONE COL PASSATO. NELLA DEPRESSIONE IL SENSO DEL FUTURO.
  8. 8. LO SPAZIO ESPLOSO, IL TEMPO IMMOBILE
  9. 9. Ibridamenti.com:
 la cronaca dagli status di Facebook 16 gennaio
 23.49 Paolo Iannini .... terremoto ?
 30 gennaio
 23.26 Cristina Mancini la terra trema! Aiuto... 31 gennaio 0.03 Massimo Prosperococco ju terremoto!!! alle ore 00,01
 0.03 Paolo Iannini ... scossettina......
 0.04 Massimo Prosperococco ju terremoto!!! ore 00,01 fonte ING 0.16 Paolo Iannini .... secondo gli esperti tutto ciò è normale... fonte capoluogo.it
 0.25 Marilena Banfi dal momento che Lele dorme, credo proprio che quello che ho sentito prima sia stato il terremoto!!!!... 9.02 Maria Luisa Serripierro è in ansia per queste continue scosse di terremoto...che palle!
  10. 10. 5 aprile 22.49 Paolo Iannini mamma mia che botta
 23.03 Giovanni Panichi Fortuna che dovevano essere scosse di assestamento. E ci volevano i massimi esperti per sparare massime cazzate!
 23.11 Marilena Banfi ..stavolta è stato fortino!..ma possibile che l’unico modo per far muovere L’Aquila sia il terremoto!!!!!...qualcuno sa la magnitudo in tempo reale?..sò che a coppito sono usciti un pò tutti dsalle case..io non sò che fare!!!!...
 23.19 Giovanni Panichi E botta su botta, arriveremo a Roma...
 23.31 Massimo Prosperococco un sito inglese da 4,0 ma non certo perche’ rilevato da sismografi lontani 6 aprile 0.13 Giovanni Panichi anzi che le pecore conta le scosse...
 0.26 Paolo Iannini io vado a dormire ( spero )
 0.29 Rita Bufalini Anche stasera a L’Aquila si balla ..... il suolo tremava tantissimooooooooooooooooo 0.47 Marilena Banfi ...ancora!...ma quando ci fermiamo?????::::
 1.17 Massimo Prosperococco ...critica x le info sui terremoti sito INGV collassa dopo 3 secondi dalla scossa e’ piu rapido e facile trovare le info su siti stranieri...buonanotte
 1.25 Rita Bufalini altra mega scossa .... stanotte tutti all’erta

  11. 11. 5.05 Massimo Prosperococco terribile crolli!!!!
 6.44 Massimo Prosperococco amici di FB aquilani ci siete tutti? contiamoci...
 7.55 Massimo Prosperococco per noi e tutti amici e cari tutto bene...ma non cosi x altri la citta’ e’ colpita nel cuore i piccoli vedo il campanile di s.bernardino crollato ....ho il cuore spezzato
 11.02 Giovanni Panichi Siamo vivi, non mi pare vero. Grazie a tutti.
 18.02 Massimo Prosperococco grazie a tutti x quello che state facendo ...ho le lacrime agli occhi ...il centro dell’aquila non c’e’ piu....
 19.02 Maria Luisa Serripierro ragazzi aiutateci
 21.25 Massimo Prosperococco si prepara una notte insonne manca cibo e tende
  12. 12. COME LA PELLE TIENE INSIEME IL CORPO E I PENSIERI E CI PERMETTE DI SENTIRCI UN “TUTTO”, LE STORIE CONDIVISE CONNETTONO PASSATO E PRESENTE, E QUALCHE VOLTA IL FUTURO (VIRTUALE!). officinafuturo.wordpress.com
  13. 13. LE STORIE ONLINE COME TESSUTO CONNETTIVO, I SOCIAL NETWORK COME AGORÀ.
  14. 14. “Ieri mi ha telefonato l’impiegata di una società di recupero crediti, per conto di Sky. Mi dice che risulto morosa dal mese di settembre del 2009. Mi chiede come mai. Le dico che dal 4 aprile dello scorso anno ho lasciato la mia casa e non vi ho più fatto ritorno. (…) Ammutolisce. Quindi si scusa e mi dice che farà presente quanto le ho detto a chi di dovere. Poi, premurosa, mi chiede se ora, dopo un anno, è tutto a posto. Mi dice di amare la mia città, ha avuto la fortuna di visitarla un paio di anni fa. Ne è rimasta affascinata. Ricorda in particolare una scalinata in selci che scendeva dal Duomo verso la basilica di Collemaggio. E mi sale il groppo alla gola. Le dico che abitavo proprio lì.”. –Anna P. Colasacco (miskappa.blogspot.it)
  15. 15. “…Superato da pochi giorni l’Esame di Stato per la professione di ingegnere civile, un paio di giorni dopo il sisma, ero volontariamente assieme ad altre decine e decine di colleghi, al centro di coordinamento dei soccorsi per i Comuni di Majano, Buia e Osoppo. Casco, mascherina, guanti, iniezione antitetanica: furono i primi armamentari di lavoro (non esistevano i computer portatili, né i telefoni cellulari, al massimo della fortuna si poteva sperare in un walkie- talkie). E il primo incarico che mi fu dato consisteva nel dirigere il lavoro della ruspa che apriva la strada di Susans, eliminando tegole e pezzi di muri pericolanti.” –Adriano Di Barba (versolaquila.wordpress.com)
  16. 16. “La città fantasma (liberamente tratto dal VII capitolo del Sutra del Loto) Si girarono a guardare e si resero conto che la città intorno a loro era sparita. Lieve e improvvisa, come dopo un colpo di vento, se non fosse per le orme delle case e delle vie rimaste impresse sulla sabbia, come per incantesimo si era dissolta nello stupore generale. Fu inaspettato, si credeva stesse lì da sempre e che per sempre avrebbe accolto i viandanti che si avventuravano per la strada lunga e senza fine che attraversava il deserto fuori le mura verso la meravigliosa meta che si diceva posta al suo termine, la città dai molti tesori…” –Giorgina Cantalini (lacittafantasma.wordpress.com)
  17. 17. “Sono altri ‘noi’ adesso quelli che vanno in giro. Molti di noi non sentono più puzza, né miasmi. Molti di noi Molti di noi Molti di noi ! sono fantasmi”. –Luisa Nardecchia (memoriedalsottosuolo.altervista.org)
  18. 18. DUE O TRE IDEE Didier Anzieu (1987), “L’Io pelle”, Borla. Marc Augè (1992), “Nonluoghi”, Elèuthera. Marco Bianciardi e Massimo Schinco (1992), “L’insostenibile leggerezza del sintomo”, in Connessioni n. 1. Luigi Boscolo e Paolo Bertrando (1993), “I tempi del tempo”. Bollati Boringhieri. Italo Calvino (1985), “Lezioni americane”, Einaudi. Manuela Farinosi e Alessandra Micalizzi (a cura di, 2013), “Netquake, Media digitali e disastri naturali”, Franco Angeli. Massimo Giuliani (2012), “Il primo terremoto di Internet”, autopubblicato, Amazon.it. Massimo Giuliani (2013), “Blog, social network e strategie narrative di resistenza nel postterremoto dell’Aquila”, in Rivista di Psicologia dell’Emergenza n. 11. Franco La Cecla (2005), “Perdersi. L’uomo senza ambiente”, Laterza. M. Maddalena Mapelli (2011), “Per una genealogia del virtuale: dallo specchio a Facebook”, Mimesis. Marshall McLuhan (1964), “Gli strumenti del comunicare”, Il Saggiatore. Ranieri Salvadorini (2013), “Il terremoto nell’anima”, in Mente e Cervello n. 100. Adriano Zamperini e M.L. Menegatto (2011), “Cittadinanza ferita e trauma psicopolitico”, Liguori.

×