Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

cibo ed emozioni, le prime relazioni

1,218 views

Published on

Primo incontro corso per sensibilizzare sui significati del cibo e le prime relazioni

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

cibo ed emozioni, le prime relazioni

  1. 1. *Significato storico, filosofico, sociale del cibo *Sviluppo delle prime relazioni e cibo * Dr.Massimo Arcella
  2. 2. • Ippocrate, nel trattato Antica medicina, testo cruciale per la fondazione di una medicina che aspira a dotarsi di basi razionali, fa coincidere la nascita della medicina con la capacità di distinguere l’alimentazione dell’uomo sano da quella dell’uomo malato. • “ Non sarebbe stata scoperta l’arte medica –si legge in Antica medicina- né sarebbe stata ricercata, se avesse giovato ai pazienti lo stesso regime e l’ingerimento delle stesse sostanze che mangiano e bevono i sani.” • Spinti da questa necessità, gli uomini si ingegnarono a trasformare e a produrre cibo: “ Bollirono, cossero, mescolarono e temperarono le sostanze forti e intemperate con quelle più deboli, conformandole tutte alla natura e al potere dell’uomo.” • La conclusione di questa ricostruzione storica è inevitabile: “A questa scoperta e a questa ricerca, quale nome più giusto o più adatto si potrebbe porre se non quello di medicina?” Dr.Massimo Arcella
  3. 3. Cosce, ventri e petti prosperosi sono ben visibili nell’universo dei passanti. Si vedono, perché la gola, sempre che si tratti di persone golose, è il vizio che si vede. …La punizione, per quanto feroce e sanguinaria, è scelta appropriatamente: il peccato di gola infatti, come è noto dai tempi del Medioevo, è un vizio “carnale”, a differenza dei vizi “spirituali” quali invidia o superbia. È carnale perché affonda le radici nella corporeità dell’uomo e nel piacere che questi prova nel mangiare e nel bere e nelle sensazioni correlate a queste azioni; è carnale perché richiede il supporto necessario di uno o più organi del corpo umano (il ventre, lo stomaco, la gola); è carnale infine perché si trasferisce direttamente e visibilmente nella carne quindi nella forma e corpo della persona… Dr.Massimo Arcella
  4. 4. “Mangiare molto, mangiare bene, mangiare carne è prerogativa di quanti possono permetterselo e obbligo sociale”, almeno nel Medioevo. Ai nostri giorni bizzarri al contrario il cibo grasso e abbondante, unto, sugoso e dolciastro, non è più segno di distinzione e di potenza e nemmeno di benessere economico: lo sono invece l’alimentazione equilibrata ricca di verdure, frutta e cereali non raffinati, nonché il tempo e il denaro per mantenersi in forma, affiancati dalla consapevolezza del fatto che sobrietà e continenza mantengono la mente lucida e il corpo agile e scattante. Dr.Massimo Arcella
  5. 5. * “… Cucinare significa simbolicamente sottomettere la natura (gli ingredienti, i materiali grezzi) e ridurla in cultura (il piatto finito). Si tratta di un processo alchemico, magico, in cui occorre esorcizzare la potenziale pericolosità del cibo: il cibo è qualcosa infatti che si introduce, attraverso la bocca, nel nostro corpo. E’ un corpo estraneo, potenzialmente pericoloso, contaminante …” [Fischler 1992] Dr.Massimo Arcella
  6. 6. “… L’alimentazione fa parte delle pratiche fondamentali del sé, dirette alla cura del sé attraverso il costante nutrimento del corpo con cibi considerati culturalmente appropriati che, oltre a costituire una fonte di piacere, agiscono simbolicamente come materie prime per rivelare l’identità di un individuo a se stesso e agli altri …” * [Lupton 1999] Dr.Massimo Arcella
  7. 7. La condivisione dello stesso cibo, in famiglia, in occasione di determinati avvenimenti sociali, introduce le persone nella stessa comunità, le rende membri della stessa cultura, le mette in comunicazione. Il dono del cibo ad esempio, getta un ponte tra noi e l’altro, e in tutte le società ha sempre avuto un peso rilevante nelle dinamiche sociali. * Dr.Massimo Arcella
  8. 8. «..Forse l’identità vien mangiando, un po’ come l’appetito. Il cibo infatti è da sempre uno dei mezzi più visibili e certi per identificare se stessi (come persone, come gruppo sociale, come gruppo etnico) nei confronti degli “altri”.
  9. 9. * Dr.Massimo Arcella
  10. 10. * Dr.Massimo Arcella
  11. 11. * Dr.Massimo Arcella
  12. 12. *Non confondiamo comunque RESPONSABILITÀ da COLPA *La COLPA è strettamente collegata al giudizio e quindi vede una figura giudicante e sentenziante *La RESPONSABILITA’ significa invece rispondere in modo adeguato alle situazioni Dr.Massimo Arcella *
  13. 13. *Per i primi stadi evolutivi la MADRE è di massima importanza, perché solo lei è in grado di rispondere alle esigenze del bambino. *Il Padre non è organizzato per farlo, non ne ha le capacità, né il potenziale biologico e psichico. *La figura paterna subentra più tardi, e il suo esser nella relazione sarà determinante nella formazione nelle fasi successive. *Nelle prime fasi il compito del padre è quello di essere un partner adeguato e appagante … Dr.Massimo Arcella

×