Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Teoria generale-intelligenza emozionale-professori

24 views

Published on




Teoria generale-intelligenza emozionale-professori
El apoyo de la Comisión Europea para la elaboración de esta publicación no implica la aceptación de sus contenidos, que es responsabilidad exclusiva de los autores. Por tanto, la Comisión no es responsable del uso que pueda hacerse de la información aquí difundida.

Published in: Education
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

Teoria generale-intelligenza emozionale-professori

  1. 1. MuseTeam Proyect MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 MUSETEAM PROGRAMMA DI FORMAZIONE PER I PROFESSORI L’Influenza dell’Intelligenza Emotiva nella Formazione Tecnologica Libretto 1 El apoyo de la Comisión Europea para la elaboración de esta publicación no implica la aceptación de sus contenidos, que es responsabilidad exclusiva de los autores. Por tanto, la Comisión no es responsable del uso que pueda hacerse de la información aquí difundida.
  2. 2. 2 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 L’INTELLIGENZA EMOTIVA INDICE 1 INTRODUZIONE. 3 2 LE EMOZ IONI 6 3 IL CONCETTO DI INTELLIGENZA EMOTIVA 12 3.1 CONSAPEVOLEZZA DI SE’ 14 3.2 AUTOCONTROLLO 16 3.3 AUTOMOTIVAZIONE 20 3.4 EMPATIA 24 3.5 ABILITA’ SOCIALE 26 4 FORMAZIONE NELL’ INTELLIGENZA EMOTIVA 28 5 CONCLUSIONE. 36 6 BIBLIOGRAFIA. 39
  3. 3. 3 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 1.- INTRODUZIONE Essere intelligente non vuol dire esclusivamente saper risolvere i problemi di matematica, comprendere ed esprimersi in modo corretto, prendere buoni voti... ma, avere una buona capacità di adattamento e di risoluzione per qualsiasi tipo di problema, che sia della vita quotidiana, sociale o emotiva. Horward Gardner (1983,1995) [ricevette il premio Principe delle Austrie nel 2011] propone la teoria secondo cui in una persona vi sono diversi tipi di intelligenze. Per cui non devono essere considerati intelligenti solo coloro bravi in matematica o lingua, ma anche coloro bravi nella danza, musica o sport… Gardner identifica sette tipi diversi di intelligenza. Figura 2. Figura 1. Inteligencias múltiples por Margarita Rodríguez Suárez Figura 2. Intelligenza Multipla di Gardner. VÍdeo 2011 prezzi 2013
  4. 4. 5 PROGRAMA PROMECE del INTEF DEL MECD-España (2015) 1. Intelligenza linguistica: capacità di spiegare, discutere, persuadere con efficacia, esprimendosi con la comunicazione orale o scritta e/o utilizzando i mezzi di comunicazione.. 2. Intelligenza logica matematica: capacità di maneggiare simultaneamente molte variabili, creare ipotesi e riolvere rapidamente i problemi. 3. Intelligenza spaziale: capacità di realizzare lavori come letture di mappe, visualizzazione di un oggetto visto da diverse angolazioni, costruire immagini virtuali… 4. Intelligenza musicale: si relaziona con la percezione e produzione musicale, come, per esempio, ricordare e captare concetti uniti a melodie. 5. Intelligenza cinetico-corporale. Abilità di utilizzare il corpo in diverse forme, per esprimersi o terminare un lavoro. 6. Intelligenza interpersonale: destrezza nel comprendere gli altri, motivarli o cooperare con loro 7. Intelligenza intrapersonale: capacità per la introspezione, di formare un’immagine adeguata di ciò che uno è e di come si comporta. Se vogliamo che i nostri alunni abbiamo successo nella vita, non possiamo fermarci unicamente sullo sviluppo delle abilità accademiche, ma anche abilità come la motivazione, l’intelligenza pratica, la forza dell’io, il controllo appropriato delle emozioni, l’abilità sociale, la creatività... saranno fondamentali per questo scopo. Figura 3.
  5. 5. 6 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Figura 3. Tipi di intelligenza e chi di solito la possiede Nel progetto MUSETEAM si affronta l’intelligenza interpersonale e intrapersonale che costituiscono l’intelligenza Emotiva. La vera intelligenza Emotiva è quella che unisce le emozioni e il cognitivo. Queste abilità, cognitivi ed emotive, devono svilupparsi insieme se vogliamo educare integralmente i nostri alunni, Prendondo in considerazione tutta la loro persona; sono intimamente relazionate, potendo attuare come causa e conseguenza nei problemi che possiamo incontrare durante il nostro viaggio quotidiano. Non possiamo separare l’intelligenza emozionale dall’intelligenza razionale, ma l’armonizzazione di una e dell’altra aiuta il soggetto ad educarsi positivamente.
  6. 6. 7 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 2.- LE EMOZIONI Un’ emozione è uno stato affettivo che sperimentiamo, una reazione soggettiva all’ambiente che viene accompagnata da cambi organici (fisiologici ed endocrini) di origine innata, influenzate dall’esperienza. Le emozioni sono una funzione adattiva del nostro organismo. E uno stato che sovviene subito e bruscamente, sotto forma di crisi più o meno violenta e più o meno passeggera. Nell’essere umano l’esperienza di una emozione generalmente racchiude un insieme di cognizioni, attitudini e credenze sul mondo, che usiamo per valorizzare una situazione concreta e, per cui, influiscono sul modo in cui viene percepita tale situazione. Però le emozioni, nell’essere stati effettivi, indicano stati interni personali, motivazioni, desideri, necessità e obbiettivi. Dunque e difficile sapere, a partire dall’emozione, quale sarà il comportamento futuro di un individuo, ma comunque può essere utile nell’intuirlo. Roberto Aguado Romo (2014) considera che le emozioni necessitano di un substrato biochimico e di una attivazione neurologica concreta, ovvero una situazione stimolante che la reazioni in modo da produrre la risposta psico- fisiologica che costituisce l’emozione. (Tabella 1, 1b, 2 e 2b) Riconosce 10 emozioni basi, che demonima universi emozionali basici: rabbia, tristezza, colpa, disgusto, paura, sopresa, sicurezza, ammirazione, allegria e curiosità. Classifica le emozioni basiche tra sgradevole, miste, gradevoli. Prima di continuare visualizza il video di Sandra Burgos (in Spagnolo)
  7. 7. 8 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 EMOZIONI BASICHE SGRADEVOLI EMOZIONE BÁSICA UNIVERSI EMOZIONALI (minore a maggiore intensità) SITUAZIONE STIMOLANTE DA CUI SI REAZIONA AZIONE PIATTAFORMA DI AZIONE- MOTIVAZIONE TRISTEZZA Dispacere, svogliatezza, scoraggiamento, noia, abbattimento, pessimismo, frustrazione, tristezza, afflizione, impotenza, vulnerabilità, dolore, vigliaccheria. Avversità, rottura, separazione, morte, malattia, incapacità, abbandono. + Perdita di un oggetto di valore + mancanza di efficacia Vulnerabilità , penuria, distruzione, sensazione di vuoto, strappo, fine. SPARIRE + Riduce le attività per prevenire il trauma. Rispetto agli altri + Suscita compassione o empatia PAURA TIMIDEZZ A Timore, tensione, ansia, angoscia, disperazione, paura, orrore, panico, terrore, timidezza, pavore. Offesa, pericolo, rischio, minaccia, un altro attacco. + Coscienza dell’essere osservato (timidezza). + Percezione del pericolo (rabbia) + Frustrazione (ira) Fuggire, evitare, perdere, rimanere, conservare, mantenere. FUGA Riguardo a se stessi + Identifica la minaccia: Fuga (paura) Rispetto agli altri + Indicare sottomissione. Prevenire attacchi RABBIA IRA Fastidio, avversione, risentimento, collera, irritabilità, ostilità, rancore, vergogna, rabbia, furia, invidia, gelosia, ira, odio, violenza. Vincere, distrugger e, convincere , eliminare, cambiare. ATTACCO Riguardo a se stessi + proteggere eventuali violazioni della privacy (timidezza) Identifica la minaccia: Attacco (rabbia) +Rimuovi ostacoli o frustrazioni (rabbia) Rispetto agli altri +Indicare la necessità della vita privata + Indicare la sottomissione. + Prevenire attacchi o attacchi al bersaglio COLPA Sbaglio, errore, danno, imperfezione, difficoltà, colpa, imbarazzo, pudore, vergogna, autopunizione. Fallimento, offesa, rottura, reato, peccato. + Riconoscere di aver fatto qualcosa di sbagliato quando la fuga non è possibile Riflettere, rifare, seconda opportunità, cambiare. RIPARARE Riguardo a se stessi + Proverà a riparare l'offesa Rispetto ad altri + Produce posture sumine per ridurre la possibilità d'attacco
  8. 8. 9 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 DISGUSTO DISPREZZO Rifiuto, animosità, avversione, disgusto, ripugnanza, odio, disprezzo, repulsione, tirannia. Velenoso, ripugnante, dannoso, improprio. + Percezione di sostanze o individui nocivi (disgusto) + Percezione di superiorità (disprezzo) Rifiutare, denotare, separare, rimuovere, nascondere. AVVERSIONE Riguardo a se stessi + Repeler cose nocive (asco) +Organizzare e mantenere la superiorità (disprezzo) Rispetto agli altri +Indicare dominanza negli altri (disprezzo) Tabella 1. Emozioni basiche secondo Aguado Romo (2014).
  9. 9. 1 0 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 EMOZIONI BASICHE SGRADEVOLI Emozione (PIATTAFORMA AZIONE) BIOCHIMICA ATTIVATA STRUTTURE NEUROLOGICHE ATTIVATE RISPOSTA FISIOLOGICA COMUNICAZIONE CORPORALE E FACCIALE Tristezza (SCOMPARIRE) -Non c'è neurotrasmissione. Sistema esaurito. GABA molto attivato. Acetilcolina attivata fino a quando si disattiva in estrema tristezza L'ipotalamo e la corteccia prefontrale ventromedicale sono strutture attivate a livelli medio-alti di tristezza. Quando il livello di tristezza è alto, non ci sono strutture attivate. L'area cingolare precedente ha a che fare con la sofferenza, ma quando la tristezza è intensa e non si soffre più, si disattiva questa zona. - Pressione toracica e sangue a interiora. -Perdita del tono muscolare. -Necessità di posizione fetale. -Aumento della pressione sanguigna. -Cambiamenti del ritmo del sonno -Perdita di appetito. - Angolo verso l'alto delle estremità interne delle sopracciglia. -Voce gutturale, singhiozzo. -Palpebra superiore piegato. -Tocco di labbra verso il basso. -Labbro inferiore denunciato. -Sensazione di freddo. -Occhi a terra.. Paura (FUGA) Noradrenalina (Glutammato molto alto) Locus Coeruleus. Tonsille. - Sangue verso braccia e gambe, muscolatura scheletrica in profondità -Attivazione della simpatica..  ritmo respiratorio eritmo cardiaco  digestione - Pallore - Fuga. - Paralisi - Richiesta di assistenza. - Sensazione di freddo Rabbia (ATTACCO) Noradrenalina e dopamina(Glutammato molto alto). Più do- pamina più vicino alla violenza Sostanza nera e area tegmentale ventrale, striato, tonsille, ipotalamo - Sangue sale alla testa e muscolatura periferica. -Attivazione simpatica.  tensione muscolare,  mandibole, respirazione toracica e agitata. - Labbra affinate. -Elevazione delle palpebre superiori. -Abbassa le sopracciglia. -Voce gutturale, tono della voce, -Sospiri, agitazione respiratoria. -Sensazione di calore. Colpa (RIPARARE) Riorganizzare l'intero apparato noradrenergico- dopaminergico per carenza di serotoninergico. È più legato al glutammato che al GABA - Area cingolare, -Nucleo caudato. -Ínsula. -Amigdala. -Corteccia prefrontale. - Sangue alla testa. -Arrossamento. -rallentare il movimento. -Movimenti laterali del viso (come fanno i cani per togliere l'acqua) Simpática. - Sguardo verso il basso. -Occhi chiusi. -Labbro inferiore stretto al superiore -Triangolo mento-naso rugoso. -Sensazione di calore. Disgusto (AVVERSIONE) Noradrenalizza e Dopamina con glutammato a bassa attivazione - Glanglios basali -Aree preottiche. -Area cingolare. -Comisura precedente. -Insula - Sangue allo stomaco e gola (conati di vomito). -Abbassa la soglia dell'odore. Smetti di respirare. -Aumento della capacità visiva -Stringe il naso -Si contrae sopracciglio. - Bocca tesa, chiudi i denti. -Ritiro della testa e dello sguardo. -Mani sugli occhi. Tabella 1.b. Emozioni basiche secondo Aguado Romo (2014) (cont.)
  10. 10. 1 1 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 EMOZIONI BASICHE MISTE EMOZIONE BÁSICA UNIVERSI EMOZIONALI (minore a maggiore intensità) SITUAZIONE STIMOLANTE DA CUI SI REAZIONA AZIONE PIATTAFORM A DI AZIONE- MOTIVAZIONE SORPRESA Attenzione, stupore, stranezza, sorpresa, sconcerto, instabilità, stordimento, vita, stupore. Spavento, rumore, cambio, rottura, ambivalenza Riprendere, riavviare, fissare, assistere, tempo morto, focalizzare. DISCONNESSIO NE EMOZIONI BASICHE GRADEVOLI ALLEGRIA Divertimento, gratificazione, brivido, contento, allegria, eccitazione, piacere, soddisfazione, entusiasmo, euforia, estasi. Rinforzo, piacere, potere, sesso, cibo, fortuna, premio Godere, premiare, eccitare, rafforzare, euforia, dissociare RESTARE SICUREZZA Serenità, moderazione, correzione, quiete, temperanza, calma, sicurezza, ponderazione, calma, pace, controllo, radicare. Convivenza, autogestione, avatar, circostanze, situazioni. Essere presente, qui- ora, radicare, adattare, acclimatare, applicare, armonizzare, confortare accomodarsi CONTROLLO AMMIRAZIONE Tranquillità, rispetto, identificazione, ammirazione, imitazione, stupore, fascino, stupore. Referente, leader, autorità, specialista Imparare, osservare, ripetere, scoprire, conoscere, ricordare IMITARE CURIOSITA’ Inclinazione, attrazione, volontà, attesa, curiosità, interesse, inclinazione, audacia, avvio. Novità, esame, indagine, ricerca Esplorare, avvicinarsi, conoscere, scoprire, osare. INTERESSE Tabella 2. Emozioni basiche secondo Aguado Romo (2014)
  11. 11. 1 2 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 EMOZIONI BASICHE MISTE Emozione (PIATTAFORMA AZIONE) BIOCHIMICA ATTIVATA STRUTTURE NEUROLOGICHE ATTIVATE RISPOSTA FISIOLOGICA COMUNICAZIONE CORPORALE E FACCIALE Sorpresa (DISCONNESSIO NE) Adrenalina con glutammato nella sua massima espressione - Asse ipotalamo- ipofisirio-surrenale. -Corticotropine. -Giuntura frontale inferiore. -Surrenali. -Protuberanza. - Sangue muscoloso. -Riflesso di orientamento- - Basso livello di udito e vista. - Paralisi respiratoria e cardiaca e successiva accelerazione.. Simpatica. - Movimento improvviso verso lo stimolo. -Prendi un po' d'aria. -Movimento della testa o del corpo verso l'indietro. -Occhi molto aperti. -Bocca aperta in O. EMOZIONI BASICHE GRADEVOLI Gioia, (RIMANERE) -Dopamina con glutammato attivato. -Endorfine endogene. -area ventrale tegmentale. -Sostanza nera. -Zona cingolare posteriore. -Nucleo accumbens. -Gangli di base. -Inibizione del toner. - Decelerazione cardiaca se risata accelerazione. -Attivazione muscolare zigomatica. -sangue su tutto il corpo. -Sensazione di calore. - Il sorriso alza le guance. -Ritrae ed eleva tratti di labbra. -Rughe sulla pelle sotto la palpebra inferiore e l'angolo esterno degli occhi (zampe di gallina). -Manifestazioni vocali e corporali di giubilo. Sicurezza (CONTROLLO) -Serotonina con attività GABA. -Ossitocina - Rafhe. -Zona cingolare posteriore. -Corpo calloso. -Area prefontrale orbitale. - Sangue in testa, addome e piedi (asse di controllo). -Muscolatura rilassata. -Motricità fine molto efficace e flessibile. - parasimpatica. - Sguardo empatico. -Lingua sul bordo dei denti. -Sorriso non forzato. -Espressione facciale di calma. -Affermazioni con la testa. -Mani rilassate. -Posizione corporea di fermezza. -Spalle alzate. -Testa alta. Ammirazione (IMITARE) -acetilcolina con GABA molto attivo - Corpi gigantoformi. -Corteccia posteromediale. - Vasodilatazione. -Bradicardia. -Midriasi. Ritmo cardiaco basale parasimpatica. - Silenzio. -Mimetizzazione dei gesti. -Sguardo fissato sella. -Sorriso. -Momenti di sorpresa. Curiosità (INTERESSE) Dopamina e serotonina con bassa attività del GABA - Nucleo Caudato sinistro -Nucleo accumbens. -La corteccia prefrontale -e il Giro paraippocampico. - Si attivano i muscoli maschili, addominali e glutei. -Motore silenzioso e silenzioso. -Sangue a tronco e arti. - Occhi molto aperti. -Soglia uditiva in discesa. -Sudorazione delle mani. -labbro superiore a picco. -Bocca aperta. -Non si vedono i denti. -Sorriso. Tabella 2. Emozioni basiche secondo Aguado Romo (2014). (cont.)
  12. 12. 1 3 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Figura 4. Espressioni facciali delle emozioni basiche. TRISTEZZA PAURA RABBIA COLPA DISGUSTO SORPRESA ALLEGRIA SICUREZZA AMMIRAZIONE CURIOSITA’ 
  13. 13. 1 4 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 3.- IL CONCETTO DI INTELLIGENZA EMOTIVA Secondo Goleman (1995) tutti abbiamo due menti, una che pensa e un’altra che sente (la testa e il cuore). Queste due forme fondamentalmente diverse di conoscenza interagiscono per costruire la nostra vita mentale. Operano nella giusta armonia, relazionando le loro diverse forme di conoscenza in modo da guidarci nel mondo. In generale esiste un equilibrio tra mente emotiva e razionale, nel quale l’emozione alimenta e informa le operazioni della mente razionale, e la menta razionale risana e l’energia procurata dalle emozioni. (Figura 5) I primi a parlare di Intelligenza emotiva furono Salovey y Mayer che nel 1990 definirono il termine come “Un sottoinsieme dell’intelligenza sociale che comprende la capacità di controllare i propri sentimenti e le proprie emozioni così come quelle degli altri, di differenziarle e utilizzare questa informazione per guidare il nostro pensiero e le nostre azioni”, Shapiro (1997). Goleman, nel 1995 rese popolare questo concetto. Le ripercussioni sono state enormi, arrivando a dire che l’Intelligenza Emotiva può essere potente come l’Intelligenza Generale, e anche che le emozioni possono essere superiori alla ragione. GOLEMAN (1995), definisce il concetto di intelligenza emotiva come: “una meta- abilità che determina il grado di destrezza che possiamo conseguire nel dominio delle nostre facoltà”. L’intelligenza emotiva va relazionata con la competenza emotiva “la capacità appresa che, basata sull’intelligenza emotiva, ha risultati eccellenti nelle relazioni lavorative”. Figura.5. Equilibrio nella formazione.
  14. 14. 1 5 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Segnala cinque competente determinanti dello sviluppo dell’intelligenza emotiva: consapevolezza di sé, autocontrollo, motivazione, empatia e capacità sociale L’intelligenza emotiva così definita da Goleman e dai suoi predecessori Salovey y Mayer, parla di due fattori Conoscere e Gestire, però è indirizzata anche verso l’Intelligenza Emotiva itrapersonale (con te stesso) e l’Intelligenza Emotiva interpersonale (con gli altri). Anche se applicato ad un contesto personale o di una organizzazione il concetto è sempre uguale, secondo ciò che indica Cesar Piqueras Mayer y Salovey (1990) Goleman (1995) 1. Conoscere le proprie emozioni. 1. Consapevolezza di sé. Conoscenza delle proprie emozioni. -Conoscenza emotiva. -Auto-valorizzazione. -Sicurezza di se stessi. 2. Gestione delle emozioni. Competenza Personale 2. Autocontrollo. Capacità di controllare le emozioni. -Autocontrollo. -Affidabilità. -Integrità. -Adattamento. -Innovazione 3. Automotiva zione. 3.Auto-motivazione. Capacità di motivarsi -Risultato. -Compromesso. -Iniziativa. -Ottimismo. 4. Riconoscere le emozioni degli altri. 4.Empatia.Riconoscimento delle emozioni estranee - Comprensione degli altri. -Orientamento verso il servizio. -Approvazione della diversità. -Coscienza politica. Competenza Sociale 5. Capacità di relazionarsi con gli altri. 5.Abilità sociali. Controllo delle relazioni. -Risoluzione dei conflitti. -Collaborazione/ -Abilità di squadra. -Leadership. -Comunicazione. -Influenza. Tabella 3. Componenti dell’Intelligenza Emotiva secondo Mayer y Solovey e Golemán. 
  15. 15. 1 6 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530    3.1. CONSAPEVOLEZZA DI SE’. Conoscere le proprie emozioni, essere cosciente di se stessi, è cruciale per capirsi, accettarsi e per essere disposto a cambiare e petenziare al meglio la nostra. (Figura 6) Dunque la coscenza emotiva è la capacità di riconoscere le nostre emozioni e il modo in cui queste interessano le nostre azioni. Ciò è fondamentale per l’autocontrollo. Tra gli aspetti relazionati con la coscienza emotiva, vanno discattate la autocoscienza e l’autostima visto che sono le caratteristiche che più la influenzano. Le relazioni tra autocoscienza, rendimento, risultato e apprendimento sono dimostrate. Le persone con un’autocoscienza positiva sono considerati più capaci, rispetto, ad altri, di agire autonomamente, scegliere e prendere decisioni, interagire con gli altri. In coclusione, possiamo dire che sono più preparati ad affrontare le diverse attività soaciali. Ogni soggetto agisce ed è utile, in qualche modo, non come è, ma come ciò che pensa di essere. L’autostima fa riferimento al valore che la persona ha di se stessa. Una persona con una adeguata autostima (riconoscere le proprie qualità e i propri difetti, accettarsi e sentirsi adeguato) genera un sentimento interno di sicurezza, confidenza in se stesso e nelle altre persone. Le persone con una bassa autostima sono sottomesse ai modelli culturali, alla pressione del gruppo e ai mezzi di comunicazione. Figura 6. Consapevolezza di sè. Innatia
  16. 16. 1 7 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Goleman (2005) affronta le componenti della consapevolezza di sè.(Figura 7, tabella 3). 1. Coscienza emozionale di se stesso:  Capacità di leggere, riconoscere e comprendere le nostre emozioni.  Capacità di riconoscere la loro influenza nel nostro rendimento lavorativo, di relazionarci… 2. Valorazione adeguata di se stesso.  Valutazione reale dei nostri punti forti e dei nostri limiti. 3. Sicurezza di se stesso (autostima)  Sentimento positivo di se stesso. Alexis Colina, nel blog degerencia.com, segnala che le persone dotate di questa attitudine –consapevolezza di sè:  Sanno quali emozioni sperimentano e perchè.  Percepiscono i vincoli tra i loro sentimenti e i loro pensieri, tra quello che fanno e quello che dicono.  Riconoscono gli effetti di queste sensazioni sul loro lavoro.  Conoscono i loro valori e mete e si battono pèer raggiungerli. Sull’ “autovalutazione precisa” espone che le persone dotate di questa attitudine:  Conoscono i loro punti forti e le loro debolezze.  Sono riflessivi e apprendono dall’esperienza.  Sono aperti alle critiche sincere e ben intenzionate, alle nuove prospettive, all’apprendimento costante e allo sviluppo della loro stessi.  Fanno autoironia. Figura 7. Identificación de emociones
  17. 17. 1 8 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 3.2. AUTOCONTROLLO. Gestire le emozioni, gli stati d’animo, vuol dire evitare di cadere nel nervosismo e saper restare tranquilli, poter affrontare i sentimenti che incutono timore e riuscire a risollevarsi velocemnte dai sentimenti negativi. I quattro tipi di emozioni che dobbiamo imparare a controllare per affrontare con efficacia le diverse situazioni della nostra vita sono: Rabbia, Ansia, Stress e Tristezza. Dobbiamo segnalare che non va confuso l’autocontrollo con la soppressione, contenimento, mancanza di libertà o repressione. Significa comprenderle e, dopo, utilizzare questa comprensione per trasformare le situazioni a nostro favore. Le persone con autocontrollo, sanno mantenere la calma per poter pensare e decidere con destrezza, recuperano velocemnete il tempo perso per via do contrattempi e difficoltà, e sanno fare delle critiche positive. Aristotele, citato da Goleman (1995) disse: “Arrabbiarsi è facile, però arrabbiarsi con la persona giusta, nel momento più opportuno, con il giusto proposito e in maniera corretta, non è più tanto facile.” L’essere assertivo è la forma più difficile di coraggio, però è anche quella che più arricchisce se vogliamo che le nostre relazioni non si deteriorino, esprimere i nostri sentimenti in maniera assertiva, nel momento giusto, alla persona giusta farà in modo che ciò che diciamo non ferisca l’altra persona e delle volte è utile per difendere i nostri diritti con sincerità. Alexis Colina riconosce sul suo blog gerencia.com, che per Goleman, le due abilità primarie dell’ “autocontrollo” sono gestire gli impulsi e vedersela con le inquietudini. Figura 8. Autocontrol por Alexis Codina
  18. 18. 1 9 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Sono presentate cinque attitudine emotive (figura 8, tabella 2): 1- Autocontrollo. Gestire le emozioni e gli impulsi dannosi. 2- Affidabilità. Esibire onore e integrità. 3- Integrità/. Responsabilità nel compiere gli obblighi. 4- Adattabilità. Flessibilità nel maneggiare cambi e sfide. 5- Innovazione. Essere aperti a idee e nuove informazioni. Espone che le persone che dimostrano “autocontrollo”.Figura 9 - Gestiscono i sentimenti impulsivi e le emozioni perturbatrici. - Restano composti, positivi e imperturbabili, anche nei momenti difficili. - Pensano con chiarezza e non perdono la concentrazione quando sono sotto pressione. Un paradosso della vita lavorativa è che la stessa situazione può essere una minaccia devastante per una persona, mentre per un’altra può essere una sfida. Con i giusti mezzi emotivi, ciò che sembra una minaccia può essere trasformato in sfida ed essere affrontato con energia ed entusiasmo. Vi è una differenza cruciale tra le funzioni celebrali di “stress buono” (le sfide che ci motivano) e “stress cattivo” (le minacce che ci demoralizzano), dice Goleman. Le persone che mostrano “affidabilità”: Figura 9. Sviluppa l’autocontrollo
  19. 19. 2 0 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 - Agiscono eticamente . - Ispirano sicurezza per il loro essere autentici. Ammettono i propri sbagli. - Difendono le idee che sono parallele ai loro principi, anche se queste non sono accettate. Coloro che mostrano”integrità/scrupolosità”: Figura 10 - Mantengono le promesse. - Vogliono portare a termine gli obiettivi. - Sono organizzati e attenti nel lavoro. Goleman spiega che, la scrupolisità senza empatia e senza abilità sociali può condurre a die problemi. Visto che i responsabili sono esigenti con loro stessi, possono valutare le altre persone che le loro norme e, per questo, possono risultare piuttosto critici con chi non ha i loro stessi livelli di condotta esemplare. Coloro che mostrano “adattabilità”: - Gestiscono con disinvolutura più esigenze. - Adattano le loro reazioni a tattiche alle circostanze che cambiano. - Sono flessibili. Figura 10. Integrità
  20. 20. 2 1 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 In quanto all’ “innovazione”: Figura 11. - Cercano idee nuove da fonti distinte. - Cercano soluzioni originali per i problemi. - Generano nuove idee. - Adottano nuove prospettive e accetano i rischi. L’ autocontrollo dell’espressione emotiva nell’ambito lavorativo o accademico è essenziale, visto che è necessario per adattarsi alle norme dell’organizzazione del Centro di Educazione delle Persone Adulte (CEPA) o del posto di lavoro (Ekman @Fiesen, 1975; Goffman, 1959 y Hochschild, 1983). La modifica dell’espressione emotiva può implicare la necesdità di incrementare, sopprimere o fingere le emozioni. Hochschild, (1983) relaziona lo stress e l’effetto “burnout” con le caratteristiche delle persone che non sanno gestire le strategie effettive della regolazione emotiva. Le manifestazioni dell’ effetto burnout: - Esaurimento emozionale, fatiga e perdita di energia. - Calo del rendimento, assenteismo. Lo stress lavorati è un’ottima base per lo sviluppo del “burnout”, al quale si lega per mezzo di un processo psicologico tra il lavoratore/studente stressato e il lavoro/studio stressante (Chermiss, 1980). In questo processo si distinguono tre fasi: a- Fase di stress: durante la quale vi è scompiglio tra le domande lavorative/scolastiche e le risposte del lavoratore/studente. b- Fase di esaurimento: durante la quale si danno risposte croniche di preoccupazione, tensione, ansia e fatica. c- Fase di esaurimento difensivo: durante la quale vi sono dei cambi per quanto riguarda la condotta sul lavoro, come il cinismo e molti altri di carattere nocivo.  Figura 11. Innovación
  21. 21. 2 2 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 3.3 AUTOMOTIVAZIONE. Nel modello dell’intelligenza Emotiva di Goleman y Weisinger, una volta raggiunto l’autocontrollo e la consapevolezza di sè è necessario trovare fonti di ispirazione che ci forniscano energie per le azioni, in questo consiste l’automotivazione. Figura 12 “La motivazione fa riferimento a tutti i motivi, che ci smuovono per riuscire a conseguire un obbiettivo. Comunemente è anche conosciuta come forza di volonta, perseveranza, spirito di combattimento, amor proprio…” “La motivazione è la chiave essenziale per lo studio”. Abel Cortese, (www.inteligencia-emocional.org). In accordo a ciò che dice Goleman “nella misura in cui siamo motivativati per l’entusiasmo e il gusto di ciò che facciamo – in cui è incluso anche un grado ottimo di ansia- li convertiremo in eccellenti stimoli per arrivare al nostro obiettivo.” Goleman (1995). Robbins (1999) definisce la motivazione come “ciò che spinge una persona ad agire in un determinato modo, o per lo meno, che origina una propensione verso uno specifico comportamento. Questo impulso può essere provocato da uno stimolo esterno all’individuo, o può essere generato interiormente. E’ un processo che conduce alla soffisfazione di qualcosa”. Gallego y col (2004) completa questo aspetto indicando che “nelle nostre motivazioni influiscono una erie di elementi come la coscienza di noi stessi, il motivo del risultato, le valutazioni che facciamo sulle situazioni, l’intuizione, l’iniziativa, l’ottimismo e il tipo di aspettativa.” Le quattro fonti motivazionali secondo Hendrie Weisinger (1998), son: a- Noi stessi. I nostri pensieri, le nostre risposte morali, le nostre esperienze anteriori, il nostro comportamento. b- Amici comprensivi, familiari e colleghi. Denomina “La nostra squadra A”. c- Un “mentore emotivol”. Una persona reale o fittizia che prendiamo come esempio, ispirazione, modello. Figura 12.Automotivazione
  22. 22. 2 3 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 d- Il contesto in cui siamo. L’aria, la luce, i suoni e altri stimoli nel nostro ambiente lavorativo. Secondo Weisinger, l’automotivazione è la chiave per iniziare una sfida e portarla a termine. Si tratta di: necessità-Motivo-Stimolo-Azione-Risultati: NECESSITA’ – MOTIVO – STIMOLO – AZIONE – RISULTATO Alexis Codina, indica alcuni esempi nel blog degerencia.com riguardanti la motivazione: La necessità è un’insoddisfazione (avere sete); il motivo è l’oggetto che pensiamo possa soddisfarla (acqua); lo stimolo un fattore che genera ispirazione per l’azione, può essere esterno (riconoscimento, compensazione) o interno (risultato, potere); l’azione, attivitò per soddisfare la necessità; il risultato, la soffisfazione della necessità. I docenti, anno dopo anno, soffrono la mancanza di motivazione degli alunni veisto che il rendimento peggiora di volta in volta e l’apprendimento è quasi nullo. Si esige, oggi, un cambio di metodologia da parte del corpo insegnati e una mente aperta per analizzare e riflettrere sulle competenze che gli alunni devono sviluppare se si vuole che il loro rendimento si elevi. Lo “stabilire delle mete” come strumento per stimolare l’energia umana è al centro di diversi approcci generali; è la base dell’Approccio della Direzione per gli Obiettivi (DPO), che formulò negli anni 50 Peter Drucker. Anche la teoria della leadership “Traiettoria-meta della leadership” di Evans Y House. Si tratta di fissare degli obiettivi che ci entusiasmano, che ci stimulano permanentemente la cui conseguimento risulta fattibile, che sia per via di uno sforzo o solo per fortuna. Quando i docenti fissano un obiettivo tendono ad inculcare all’alunno l’idea di raggiungere tale obiettivo; inoltre Weisenger dice che in molti annunci di lavoro si può leggere “Deve essere intraprendente”, o “Deve saper lavorare da solo”. Uno dei requisiti maggiormente richiesti è l’automotivazione. Non è difficile capire perchè questa qualità sia così desiderabile in ambito lavorativo: un impiegato auto-motivato richiede meno controllo, perde meno tempo e di solito è più produttivo.
  23. 23. 2 4 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Fig.13 Vedi il video motivazionale Hai il coraggio di sognare? https://www.youtube.com/watch?v=X0QLbL2T UnQ Weisinger propone i seguenti consigli, in un libro sull’intelligenza emotiva nel lavoro, per utilizzare gli obiettivi come strumento di automotivazione con efficacia (Figura 14. Tabella 2). - Motivazione del risultato. Prima di tutto riconosciamo i progressi fatti fino ad ora, iniettiamo una dose di rinforzo positivo per stimolarci a lavorare. Ricordiamoci alcuni dei nostri esiti. - Compromesso. Pensiamo che siamo vicino al nostro obiettivo. E’ più facile pensare a quello che abbiamo fatto finora rispetto a ciò che ci manca da fare. - Iniziativa. Trattiamo gli obiettivi in termini di risultato che vogliamo raggiungere e che si trovano dentro la nostra area di influenza, ovvero, delle cose che possiamo attuare. - Ottimismo. Utilizziamo gli obiettivi come uno stimolo per generare l’energia che necessiatiamo per raggiungerli. Figura 14. Automotivazione per sviluppare l’Intelligenza emotiva Figura 13.Hai il coraggio di sognare?
  24. 24. 2 5 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 La chiave dell’automotivazione si incontra negli obiettivi realistici che raggiungiamo. E’ la motivazione personale,compromesso con noi stessi che ci smuove per raggiungere i nostri obiettivi. Marta Morón, indica sul suo blog “mujerlider” che in molte occasioni ci comportiamo secondo le nostre necessità o secondo quelle degli altri. Ciò è buono se si fa per amore o una volta ogni tanto. Il problema sorge nel momento in cui lo facciamo spesso e ciò si converte in una forma di vita, giacchè ci releghiamo ad un secondo termine con tutto ciò che esso comporta. La parola compromesso si utilizza per descrivere un obbligo che bisogna. Delle volte un compromesso è una promessa o una dichiarazione di principi. Dall’altro lato il concetto di compromesso fa riferimento ad una difficoltà nel fare una determinata cosa. (Figura 15) Se si parla di automotivazione il compromesso si fa con noi stessi. L’obbligo si auto impone e il fatto di non averlo scritto o verbalizzato, non gli toglie importanza. E’ normaloe che si da più importanza al compromesso preso con gli altri che a quello9 auto imposto con noi stessi, fatto che ferisce la nostra autostima e aumenta la nostra frustrazione.  Figura 14. Automotivazione e compromesso personale
  25. 25. 25 3.4. EMPATIA. Elena Gaviria (2015) definisce l’empatia come la capacità cognitiva ed emozionale che permette a che la possiede di adottare la prospettiva di un’altra persona: Figura 16.  Si rendono conto di ciò che l’altra persona sente (empatia cognitiva). Per esempio, è come guardarsi ad uno specchio.  Sperimentando queste stesse emozioni (empatia effettiva parallela)  Reagendo emotivamente come se le stesse provando direttamente (empatia effettiva reattiva) Tenendo conto delle nostre emozioni e sentimenti siamo capaci di riconoscere i le emozioni degli altri; più siamo coscienti delle nostre emozioni più saremo bravi a capire quelle degli altri. “Essere capaci di captare i sentimenti degli altri e riflettere su di essi, ci permette di ascoltare le loro ragioni, a captare il significato dell’informazione che ci offrono e ci danno la possibilità di vedere secondo il punto di vista degli altri e capire meglio le loro emozioni e i loro pensieri” (Gallego e collaboratori2004). Per questo motivo entrano in gioco abilità come Figura17. Differenza tra empatia e simpatia Figura 16. Empatia
  26. 26. 26 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 ascoltare e saper criticare (una critica ben fatta trasmette informazioni utili se e incentrata sulle possibilità di cambiare e migliorarsi). No si deve confondere l’empatia con la simpatia (figura 17). Ci sono persone che sono molto simpatiche (il che le rende attrattive inizialmente) però non hanno tatto in determinate situazioni o momenti emotivi. Come per esempio un medico che è molto simpatico nella relazione con i suoi colleghi e diventa distaccato nel momento in cui deve comunicare una diagnosi o una notizia negativa a un suo paziente o a dei familiari. Può mascherare la sua mancanza di empatia argomentando con una attitudine “obiettiva e professionale". Luis Gaviria, nel suo blog BRI, indica che quotidianamente ci relazioniamo attraverso rituali o giochi, però questo aspetto non indica che si stabilisce empatia. Segnala che un rituale è un processo automatico; per esempio, arrivando al CEPA o a lavoro si dice- Buongiorno e ciao!. Segnala che i “giochi” sono interazioni con con altri da una posizione di forza o di debito, però che non cercano intimità. Per esempio “E’ successo qualcosa?” e noi speriamo che la risposta sia “No, non è successo niente”. Se la risposta invece è “Si credo che sia successo...” si potrebbe iniziare una comunicazione empatica. Nelle interazioni umane ci sono due componenti: i fatti e i sentimenti che ci provocano i fatti. La persona empatica è sensibile ai sentimenti che si risvegliano negli altri, senza perdere di vista i fatti o la realtà oggettiva. Per esempio, se diciamo qualcosa che può dare fastidio a qualcuno, basta un “Mi dispiace, non volevo ferirti.” Anche se abbiamo ragione. Però se ci imponiamo dicendo “Non capisco perchè ti ha dato fastidio”, “non essere così sensibile non l’ho fatto di propositi”, perdiamo l’opportunità di avvicinarci a questa persona. La persona poco empatica concentra la sua attenzione sui fatti. Questo genera una dinamica di conflitto che fa si che le due persone si sentano poco valorizzate.
  27. 27. 27 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 3.5. ABILITA’ SOCIALI. Sono dei comportamenti, verbali o non verbali, che facilitano una relazione interpersonale, mediante i quali si creano relazioni con gli altri. Questa abilità permette di gestire le proprie emozioni e quelle aliene. Elia Roca (2005) “un insieme di abitudini(A livello di comportamenti, ma anche di pensieri ed emozioni) che permettono di migliorare le nostre relazioni interpersonali, di sentirci bene, ottenere ciò che vogliamo e far in modo che gli altri non ci impediscano di raggiungere i nostri obiettivi” In aula avremo a che fare con alunni inibiti, aggressivi e assertivi. Insegnare abilità soviali vuol dire insegnare assertività. Non solo le persone tendenzialmente aggressive necessitano di apprendere queste abilità, ma lo necessitano anche gli inibiti. Prima di risolvere i problemi con aggressiva o scegliendo l’opzione di non fare nulla, va presa in considerazione l’idea di poterli risolvere con assertività. Deve essere chiaro all’alunno che non ci piacciono nè i violenti nè i codardi; vogliamo che apprendano assertività, che è la forma più difficile di coraggio. E’ molto importante, dire o fare ciò che realmente penso, ciò che mi sembra giusto, pero senza dimenticarmi i diritti degli altri nel momento in cui la pensano diversamente da me. Questo aspetto è collegato alla sincerità al coraggio ed al rispetto. L’assenza di competenza sociale durante gli anni scolastici è collegata a condotte problematiche come l’abbandono dell’istruzione, il basso rendimento, la delinquenza giovanile e condotte delittuose… “Il solo fatto di lavorare in gruppo fa si che nelle relazioni di convivenza sempre nascano conflitti” Gallego e collaboratori (2004), non dobbiamo avere paura Figura 18. Abilità sociali secondo Elia Roca Villanueva
  28. 28. 28 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 di questi conflitti se quando appaiono siamo in grado di dare delle risposte adeguate e riuscire a migliorare la convivenza. Er diminuire i conflitti le persone devono migliorare le loro tecniche di comunicazione (interna ed esterna) CONCLUSIONI: L’Intelligenza emotiva, ha conseguenze positive nella vita lavorativa e dunque, nella comunicazione interna. Alcuni dei benefici che apporta l’Intelligenza Emotiva servono per: Migliorare il rendimento lavorativo e scolastico  Creare un ambiento armonioso e cooperativo.  Valorizzare e promuovere le diverse opinioni.  Generare compromessi.  Evitare lo stress lavorativo.  Risolvere problemi e conflitti nel lavoro. Migliora le relazioni personali  Mobilita la capacità di fare critiche positive e costruttive. Migliora le relazioni sociali  Ascoltare attivamente.  Comprendere.  Rispondere e parlare con empatia e assertività Un livello basso di Intelligenza Emotiva  Ansia e depressione  Uso di droghe  Conflitti interpersonali  Bassa autostima
  29. 29. 29 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Senza dubbi. Una buona comunicazione interna è un attrezzo chiave per la produttività e per ridurre i costi. Però, per far si che sia ottima deve essere preventiva; vuol dire che bisogna essere inttelligenti emotivamente. I collaboratori/compagni emotivamente intelligenti hanno una tendenza minore verso lo stress e la creazione di conflitti; sono più sani e produttivi.  4.- FORMAZIONE NELL’INTELLIGENZA EMOTIVA 4.1.- Formazione nell’intelligenza emotiva. Cesar Piqueras riconosce che la persona emotivamente intelligente è quella che conosce e gestisce (nei limiti del possibile) i suoi stati emotivi e si serve di questa conoscenza e autogestione per migliorare le sue relazioni con gli altri. Questo autore sintetizza questi aspetti in una matrice 2x2. Figura 19 Questo autore indica che per migliorare l’Intelligenza Emotiva bisogna lavorare sul passo 1 prima di passare al 2,3, e 4. Lui propone:  1. Appronfondire le nostre emozioini e sentimenti. Non cercare di comprendere, ma di conoscere.  2. Aumentare la nostra capacità di conoscenza dei diversi stati e tonalità emotive. Di nuovo senza fare niente, solo restando attaccati alle emozioni, senza voler scappare.  3. Apprendere a sostenere ciò che accade interiormente, qualunque cosa sia. Senza essere razionali, essere sensibili agli stati degli altri.  4. Gestire le relazioni con gli altri
  30. 30. 30 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Figura 19. Intelligenza Emotiva
  31. 31. 31 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 4.2.- Inteligencia Emocional en el trabajo. Goleman in Working with emotional intelligence (1999) definisce le competenze emozonali nel lavoro. Questo autore presenta un modello misto che incorpora tratti della personalità, competenze socio-emotive, aspetti motivazionali e diverse abilità cognitive. Personali Coscienza disè Coscienza Riconoscere le emozioni e i suoi effetti. Autovalutazione emotiva Conoscere i propri punti forti e deboli. Fiducia in sè stesso Essere fiduciosi di se stessi e delle proprie capacità. Autorego lazione Autocontrollo Mantenere il controllo in situazioni critiche. Affidabilità Mantenere i principi di onestà e integrità. Adattamento Flessibilità nell’adattarsi al cambiamento. Innovazione Sentirsi comodi con le nuove idee e approcci. Motivazione Orientamento dei traguardi Sforzarsi di conseguire uno standard eccellente. Compromesso Allinearsi con gli obiettivi del gruppo o della organizzazione. Iniziativa Capacità di agire anticipatamente Ottimismo Persistenza nel perseguire i nostri obiettivi nonostante le difficoltà o gli ostacoli. Sociali Empatia Capire gli altri Capacità di comprendere i sentimenti e i punti di vista degli altri, prestando interesse necessario Sviluppo degli altri Essere sensibili alle necessità degli altri e potenziare le loro capacità. Orientamento del servizio Riconoscere e soddisfare le necessità dei clienti. Gestione della diversità Fomentare le opportunità che offrono diversità culturale, etnica e diversi tipi di persone . Coscienza politica Essere capaci di leggere la tendenza al potere ed emotiva tra i membri del gruppo. AbilitàSociali Influenza Utilizzare tattiche effettive per generare il consenso e persuadere gli altri. Comunicazione Ascoltare apertamente ed essere capaci di lanciare messaggi convincenti Gestione del conflitto La capacità di accettare, sostenere e risolvere conflitti Lidership Ispirare e guidare gli altri. Costruire nodi Essere capaci di instaurare relazioni di confidenza con altre persone o gruppi. Collaborazione e cooperazione Lavorare con gli altri per raggiungere un obiettivo comune. Abilità nel lavoro di squadra Creare sinergia nel raggiungere gli obiettivi comuni Tabla 4. L’Intelligenza Emotiva nel lavoro secondo (1999)
  32. 32. 32 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 4.3. Abilità dell’Intelligenza Emotiva secondo Salovey y Mayer Con la nostra proposta per lavorare con gli alunni dei Centri di Educazione per Persone Adulte, vogliamo lavorare sul modello di abilità proposto da Salovey y Mayer (1994) che identifica e organizza le abilità specifiche necessarie per comprendere e sperimentare emozioni in maniera adattiva. Emozioni per risolvere problemi e adattarci. In questo casi, si lavora solo su quelle abilità che lo studente gestisce adeguatamente. Salovey y Mayer (1997) descrivono l’Intelligenza Emotiva come:  Abilità nel valorare ed esprimere emozioni con attitudine,  Abilità per accedere e/o generare sentimenti che facilitano il pensiero;  Abilità di comprendere emozioni e la conoscenza emotiva e l’abilità per regolare le emozioni, in se stesso o negli altri, promuovendo la crescita emotiva e intellettuale. Si possono collegare Intelligenza Emotiva con Intelligenza Generale, emtrambe implicano la capacità di processare informazioni e adattarsi a un ambiete in continuo cambiamento. Le abilità proposte si sintetizzano in: 1. Percezione, valutazione ed espressione emotiva 2. Facilitazione emotiva 3. Comprensione e ragionamento 4. Gestione e regolazione delle emozioni
  33. 33. 33 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 1. Percezione Emotiva La percezione emotiva è l’abilità di riconoscere, decifrare i messaggi emotivi a seconda che siano espressi attraverso espressioni facciali, tono di voce e movimentio corporali. Ester Ortiz García, psicologa, ci propone come esempio nella classe:  Gli alunni mettono in pratica questa attività giornlamnete quando regolano le loro azioni nell’aula tra uno sgurado e l’altro del professore.  Il professore fa anche uso di questa abilità quando osserva le facce degli alunni, e capisce se si stanno innervosendo o se stanno capendo la spiegazione. (Figura 20) Livello più difficile, i professori con buone abilità di percezione emotiva sono quelli che capiscono e sono coscienti degli stati d’animo degli alunni e quando chiedono: “Pedro, è successo qualcosa? Sembri strano”, questi professori sono capaci di identificare la discrepanza tra ciò che loui prova o pensa e ciò che dice. Figura 20. Percezione Emotiva
  34. 34. 34 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 2. Facilitazione Emotiva Il sistema cognitivo incorpora le emozioni come: sentimenti riconosciuti (“mi sento allegro”) cognizioni (come quando una persona che è allegra pensa “valgo molto”). In questo modo, le emozioni influiscono alterando le cogizioni, convertendosi in qualcosa di positivo o negativo in funzione della qualità dell’emozione. Ester Ortiz García, psicologa, ci propone come esempio nella classe:  Alcuni alunni necessitano per concentrarsi e studiare uno stato d’animo positivo, altri invece uno stato di tensione che permette loro di memorizzare e ragionare meglio.  Il professore mette, pure, in pratica questa abilità durante il suo lavoro, preferiscono correggere gli esami finali in un momentoin cui il loro stato spirituale è neutro, in questo modo saranno più imparziali con gli alunni. (Figura 21) Figura 21: Stato d’animo
  35. 35. 35 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 3. Comprensione e Ragionamento Una volta che le emozioni sono riconosciute ed etichettate (abilità 2), ha luogo la comprensione, ovvero, riusciamo a capire il loro significato, come si combinano, come cambiano secondo il contesto. Per esempio sappiamo che l’IRA appare quando qualcosa o qualcuno è ingiusto; la PAURA è seguita dal sollievo; lo SCORAGGIAMENTO può allontanarci dagli altri. L’individuo che possiede questa capacità, ha accesso alla conoscenza e comprensione di sè stesso e delle relazioni interpersonali. In più, sviluppa la capacità che trova l’attività retrospettiva per conoscere le cause che generano uno determinato stato d’animo e le future conseguenze delle nostre azioni. La comprensione emotiva suppone la conoscenza di come si combinano i diversi stati emotivi dando luogo a emozioni secondarie.  Emozioni primarie (universali): paura, tristezza, ira, disgusto, felicità, sorpresa  Emozioni secondarie: ansia, ostilità, amore, gelosia. Ha la destrezza di riconoscere le transizioni di uno stato emotivo all’altro. Ester Ortiz García, psicóloga, psicologa, ci propone come esempio nella classe:  L’alunno utilizza questa abilità per mettersi nei panni di qualche compagno che sta passando un brutto periodo e offrirgli una mano. Con questa capacità di comprensione e ragionamento lo studente è capace di interpretare il significato delle emozioni complesse, generate durante una situazione interpersonale, per esempio, si manifesta con il rimorso tra un sentimento di colpa e pena per qualcosa detta ad un compagno…  Il professore che ha una buona comprensione dello stato emotivo e del modo di agire dei suoi alunni, è capace di conoscere quali studenti hanno dei problemi al di fuori dall’aula e potrà offrire loro una mano.
  36. 36. 36 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 4. Gestione e regolazione delle emozioni Questa abilità è più complessa, di livello superiore. E’ il risultato dell’integrazione delle precedenti e in più necessita:  La regolazione cosciente delle emozioni per ottenere uno sviluppo emotivo e intellettuale.  La capacità di essere aperto ai sentimenti, sia positivi che negativi, e riflettere su di essi per scartare o approvare informazioni che li accompagnano in funzione della loro utilità. In più, la regolazione delle emozioni proprie e deglia ltri, deve moderare le emozioni negative e intensificare le positive. Ester Ortiz García, psicóloga, psicologa, ci propone come esempio nella classe:  Nell’alunno, quando stanno per inziare gli esami, aumenta l’ansia. Ogni alunno utilizza diverse strategie di regolazione interpersonale per superare questa tappa di stess che intacca in suo rendimento. Per esempio, parla compagni raccontando come si sente, ascolta musica, fa sport…  Il professore deve utilizzare le sue abilità per ridurre lo stress in due livelli o Intrapersonale: cercando appoggio sociale, portando a termine attività piacevoli, comunicazione dei problemi lavorativo con i compagni, ascoltando musica, facendo esercizo. o Interpersonali Con gli alunni deve sapere quando è il momento giusto per motivarli, o quando è il momento giusto per una critica costruttiva. Con i compagni: abilità interpersonali e relazioni positive per il benestare lavorativo. .
  37. 37. 37 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 5.- CONCLUSIONE. L’Intelligenza Emotiva si formalizza in 5 abilità, Le prime tre dipendono fortemente dalla propria persona. Le altre due, fanno riferimento alla relazione con le altre persone, configurando entrambe le competenze sociale. Tabella 5. Abilità che conformano l’Intelligenza Emotiva.
  38. 38. 38 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Figura 22.Livello di visibilità dell’Intelligenza Emotiva E’ importante che ognuno scopri quale abilità che fa parte dell’IE riesce a dominare, necessita o riesce a controllare, per ottenere così un equilibrio armonioso nella sua vita personale, familiare, sociale e lavorativo secondo la piramide delle competenze emozionali.(Figura 22) I docenti, devono tener conto che “non conviene sperare nei risultati miracolosi delle tecniche o strategie che applichiamo, però se siamo sistematici e costanti nella loro applicazione e se sono accompagnate da comprensione, affetto, empatia senza dimenticare una disciplina positiva, è possibile ottenere effetti positivi.” Gallego e collaboratori (1999). (Figura 23)
  39. 39. 39 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 Figura 23. ABILITA’ EMOTIVE Automotivazione Comprensione Coerenza Conoscenza di se stesso Sviluppo della volontà Discernimento Empatia Ascoltare Gestione di se stesso Sensibilità intelligente
  40. 40. 40 MUSETEAM ERASMUS+ 2018-ES01-K204-050530 5.- BIBLIOGRAFÍA. Gallego, D.J. y Alonso, C.M. (1999) Implicaciones educativas de la Inteligencia Emocional. UNED. Madrid. Gallego, D.J. y Gallego, M.J. (2004) Educar la Inteligencia Emocional en el aula. PPC. Madrid. Goleman, D. (1995) La Inteligencia Emocional. Kairós. Barcelona. (1999). Working with emotional intelligence. Bloomsbury publishing, London UK. Punset, E. (2014). El mundo en tus manos. Ediciones Destino. Madrid. Rivera, E.; Pons, J.I.; Rosario-Hernández, E y Ortiz, N (2008). Traducción y adaptación para la población puertorriqueña del Inventario Bar-On de Cociente Emocional (Bar-On EQ-i): análisis de propiedades psicométricas en Rev. Puertorriq. Psicol. v.19 San Juan Roca, E. (2005): Cómo mejorar tus habilidades sociales. Programa de autoestima, asertividad e inteligencia emocional..ACDE. Valencia Shapiro, L. E. (1997). La inteligencia emocional de los niños. Grupo Z- Ediciones B. Barcelona. Vallés y Vallés (2003). Programa para el Desarrollo de la Inteligencia Emocional.MétodoEOS.Madrid.  Documento adaptado del proyecto ESPABILA-T

×