SlideShare a Scribd company logo

TECNOLOGIA NEUTRA MA NON NEUTRALE

Marzia Vaccari Serra
Marzia Vaccari Serra
Marzia Vaccari SerraUniversity of Bologna

Il proliferare dell’informazione (e della controinformazione) proveniente da fonti alternative digitali rispetto a quelle tradizionali, ha dato luogo ad un fenomeno di “disinformazione per eccesso”, in cui la molteplicità, la frammentazione e la contraddittorietà del gran numero di informazioni provenienti da una pluralità di fonti differenti ha finito per paralizzare lettrici e lettori, anziché orientarle/i. Serve un approccio di analisi che possa superare l’idea di tecnologie “neutre”, in realtà fortemente informate dal maschile con le donne considerate come mera particolarità che o si aggiunge al discorso generale maschile o lo specifica per complemento. Emerge la necessità di cartografare e disegnare una mappa che analizzi e dia senso alle tecnologie dal punto di vista della differenza sessuale, riflettendo sulle relazioni di genere nella fase sia di progettazione sia d’uso degli artefatti, acquisendo riflessioni specifiche sulle relazioni di genere.

TECNOLOGIA NEUTRA MA NON NEUTRALE

1 of 18
Download to read offline
1
TECNOLOGIA NEUTRA MA NON NEUTRALE in Patrizia Violi, Cristina Demaria
2009, “Tecnologie di genere. Teoria, usi e pratiche di donne nella rete” Bononia University
Press
Marzia Vaccari
PREMESSA
Negli ultimi anni il proliferare dell’informazione (e della controinformazione) proveniente da
fonti alternative digitali rispetto a quelle tradizionali, ha dato luogo ad un fenomeno di
“disinformazione per eccesso”, in cui la molteplicità, la frammentazione e la contraddittorietà
del gran numero di informazioni provenienti da una pluralità di fonti differenti ha finito per
paralizzare lettrici e lettori, anziché orientarle/i. È evidente che l’informazione di per sé non è
sufficiente per comunicare e che per stabilire un’interazione consapevole occorre mettere in
campo processi e azioni che consentano la circolazione di informazioni dotate di senso: le
informazioni infatti producono significati soltanto se organizzate in una sequenza di azioni e
relazioni correlate ed inserite in un contesto di riferimento che possa essere sensato.
Serve una pratica di comunicazione, e, conseguentemente una pratica gender oriented di
ricerca e costituzione delle informazioni, la cui attività non sia affidata solo alla parola ma a
processi molto più ampi nei quali la parola prende rilievo all’interno di un agire sensato.
È dal femminismo che vengono sottolineati il valore e l’efficacia di una pratica: «una pratica
è un processo a cui si dà inizio per dare una risposta inventiva ad un contesto e facendo così lo
si modifica. Produce degli effetti che non sono progettabili né prevedibili, ma che si possono
cogliere ed apprezzare nel corso stesso del processo» (Zamboni 2006). Una pratica, in
sostanza - e così è stato per la cultura espressa dalla politica delle donne in Italia - è intesa
come processo simbolico di significazione della realtà.
Serve dunque un simbolico che consenta di superare l’idea di tecnologie “neutre”, in realtà
fortemente informate dal maschile con le donne considerate come mera particolarità che o si
aggiunge al discorso generale maschile o lo specifica per complemento.
Emerge la necessità di cartografare e disegnare una mappa che analizzi e dia senso alle
tecnologie dal punto di vista della differenza sessuale, riflettendo sulle relazioni di genere
2
nella fase sia di progettazione sia d’uso degli artefatti, acquisendo riflessioni specifiche sulle
relazioni di genere. Si tratta, quindi di
[…] ricondurre l’ambito progettuale dell’artefatto tecnologico alla sua dimensione
politica e promuovere degli spazi alla possibilità di negoziare e mediare tra
molteplici differenze per avviare un processo di “democratizzazione” della tecnica.
Si pone la questione politica di quale potere e quale democrazia per il governo dei
processi della globalizzazione digitale.
Per noi si tratta di abitare la città digitale in modo differente per mostrare, da un
lato, che l’uso politico delle ICT può creare spazi pubblici virtuali di nuova
democrazia e, dall’altro, che dalla progettazione e dalla produzione di tecnologia
dotata di senso, potrebbe trarre vantaggio anche la qualità del software (Vaccari, in
corso di pubblicazione).
SIGNIFICAZIONE FEMMINISTA DELL’INFOSFERA
Il percorso di significazione della Rete in senso femminista re-interpreta l’impatto
dell’affermarsi dell'ambiente tecnologico sulla vita quotidiana e ne evidenzia il dato positivo –
potenziamento della libertà di scelta, emancipazione dalla scarsità, dalle limitazioni storiche e
biologiche, visibilità delle voci e delle azioni – non oscurandone però il potenziale sotteso alla
pretesa neutralità di una cittadinanza realmente poco o nulla attraversata e alimentata dalle
differenze: di genere, culturali, sociali, etniche, generazionali. Il gender digital divide viene
quindi ad assumere una connotazione ampia: non più considerato nella prospettiva riduttiva di
accesso/presenza delle donne on line, intese come soggetti svantaggiati o minori, ma come
differenti tipologie di usi e servizi e diversi stili e culture di navigazione e permanenza in rete
oltre che di progettazione di ambienti e logiche.
Divario, disparità, disuguaglianza digitale sono in sostanza la difficoltà o l’esclusione di
alcune soggettività, categorie sociali o di interi paesi di usufruire di tecnologie e dati digitali.
Accedere agli ambienti e ai dati digitalizzati necessita di abilità, di nuove percezioni delle
realtà, di nuovi posizionamenti culturali e sociali, oltre che ovviamente economici, di un
diverso approccio alla questione della capacità di azione (capabilities) per cui non è
sufficiente aumentare il numero di donne coinvolte nello sviluppo tecnologico. L’aumento del
numero di donne non porta, infatti, direttamente a proporre tecnologie diverse se queste non
riescono a vincere la tendenza a uniformarsi alla cultura dominante del settore, invece di far
valere e agire la propria soggettività avvalorandola.
3
Le attività e le funzioni attribuibili alla cittadinanza digitale si basano sul “potere” delle
relazioni: si tratta di fare attività di networking, co-produrre saperi ed informazioni,
promuovere la mobilitazione ed attivare percorsi partecipativi collettivi. Credo servano le
competenze femminili e le soft skills1
; ritengo utile favorire una vera e propria cultura della
partecipazione politica, creando i presupposti perché vengano ampliati gli spazi di dialogo e di
azione on e off line: non solo i luoghi istituzionali, a volte alieni ad una vera sollecitazione
partecipativa, ma i diversi spazi segnati dalle differenze di genere, di cultura, di generazione.
L’uso delle nuove tecnologie e della comunicazione non è solo una questione tecnologica. È
tanto più importante ribadirlo proprio mentre, in modo sempre più veloce e diffuso, la vita
quotidiana viene sommersa di proposte di automazione e informatizzazione sempre più
avanzate e “convergenti” (Jenkins 2006). Non si tratta solo di tecniche, di strumenti da usare
con più o meno abilità ed efficacia: ci sono mutamenti profondi di carattere antropologico e
culturale. Cambia il nostro rapporto con il mondo e con gli altri, cambia il modo di concepire
la vita sociale e civile.
La società nel suo insieme tende a evolversi con una complessità peculiare ed epocale. Invece
di riportare le trame, tessere le storie e mappare i significati delle differenti soggettività,
sottoculture e comunità che la popolano, secondo le promesse positive della Rete, il rischio
che tale società corre è l’uso indiscriminato delle tecnologie e la ridondanza delle risorse
digitali, con «la conseguente produzione di oggetti informativi semanticamente vuoti, la sovra-
produzione di informazione di scarso o nessun valore e la corruzione delle comunicazioni
trasformate in mero “noise” (rumore)» (Greco, Floridi 2002).
Ecco perché penso sia importante agire a livello politico/etico e filosofico e prendersi cura
“ecologica” dell’Infosfera prima che la situazione raggiunga il suo punto critico.
L’information welfare o communication welfare promette di affiancare al perseguimento
dello sviluppo sostenibile della società “reale”, lo sviluppo sostenibile dell’Infosfera.
Come scriveva il compianto Franco Carlini in uno dei suoi ultimi articoli su Chip&Salsa.
Le persone devono essere esposte a materiali [notizie e punti di vista,
ndr] che non hanno scelto in anticipo. Degli incontri non pianificati, non
anticipati, sono un elemento essenziale della democrazia […] È la
differenza che corre tra il frequentare un club chiuso (di tifosi di una
1
Ascolto, flessibilità, creatività,accoglienza, cooperazione. In “Esserci Mitmischen. La banca dati delle
competenze femminili” dal sito http://www.forumpa.it/forumpa2007/donnepa/cdrom/home/progetto/65.html (31
gennaio 2008)
4
squadra, di appassionati di arte digitale, di cultori di una sottocorrente del
buddismo) e invece circolare per le piazze e negli angoli di strada, dove
si incrocia, e magari si dialoga con altra umanità. È la differenza tra
coltivare l’identità in maniera esasperata e lasciarsi coinvolgere dalla
diversità. Questo atteggiamento, da strada e piazza pubblica, è un potente
antidoto a razzismi, settarismi ed estremismi. Questi sono tempi di
informazione sovrabbondante e dove, contemporaneamente, l’attenzione
è la risorsa scarsa. Per questo «il filtraggio è un fenomeno inevitabile, un
fatto della vita». Ma altrettanto utile è continuare ad alimentare e a
valorizzare i luoghi della diversità e del libero confronto. Anzi proporsi
esplicitamente di costruirli (Carlini 2007).
Non basta il mero esserci, serve piuttosto attribuire peso e riconoscimento di soggettività alla
presenza delle donne nello spazio pubblico digitale, contrastando l’agenda setting degli old e
new media: indagando dati disaggregati, facendo formazione tecnica, progettando software
gender sensitive, valorizzando l’autorevolezza femminile, offrendo una rappresentazione non
distorta e stereotipata di entrambi i sessi.
A partire dall’esperienza del Server Donne2
l’adottare questa strategia comunicativa proprio
nel campo delle ICT, che è il territorio del neutro, ha avuto e tuttora ha una valenza
rafforzativa. Come formatrici, in quest’ambito, ci siamo interrogate sulle differenze di genere
negli stili cognitivi e d’apprendimento. Come analiste e progettiste di software ci siamo
interrogate su come la parificazione debba passare da una serie di iniziative che vanno dalla
progettazione di strumenti software che in qualche modo imprimono il gender nel codice, al
costituirsi di gruppi di pari con ruoli e finalità di supporto nella definizione di specifiche
tecniche.
Appare inoltre fondamentale ridefinire l’approccio generale allo studio dell’informatica,
prendendo nella giusta considerazione il diverso ordine di immaginari e i diversi modi con cui
ragazze e ragazzi rappresentano le nuove tecnologie. Non poche inchieste hanno sottolineato
la funzione sociale del computer per le ragazze (mentre i ragazzi si concentrano in particolare
sulla macchina in se stessa): lo strumento deve servire a qualcosa di pratico ed essere
funzionale rispetto all’azione da compiere, sia essa di natura professionale, relazionale e/o
ludica. Utile nel migliorare competenze e condizioni di vita ma anche per entrare in contatto
con gli altri, fare rete: per stabilire i nuovi legami nella socialità della “società in rete”.
2
Più noto come www.women.it, si caratterizza per la gestione autonoma in capo ad un gruppo di tecniche
informatiche e della comunicazione on.line.
5
Sembra opportuno, da questo punto di vista, abbassare la soglia di attenzione sulla velocità, la
potenza e l’ossessione della performance, che hanno una connotazione prevalentemente
maschile, e concentrarsi sulle diverse soggettività, degli individui/e e delle culture, al fine di
dotare di senso le informazioni / comunicazioni / produzioni.
CO-SIGNIFICAZIONE E NET-NEUTRALITY
Il processo di differenziazione sociale sotteso all’odierno sistema sociale, insieme
ipermoderno e postmoderno, implica inevitabilmente un moltiplicarsi di gruppi, categorie,
ceti, comunità, collettività, aventi interessi, scopi, attività e subculture anche profondamente
diversi quando non addirittura divergenti. Dunque, col proliferare di sempre nuove
problematiche e relative nuove prospettive, si registra il crescente indebolimento della
condivisione della co-significazione (cioè la condivisione non solo delle informazioni ma
anche dei significati che l’accezione del termine “comunicazione” impone) elemento
fondamentale di integrazione dei sistemi sociali e simbolici. Ciò porta alla perdita della
solidarietà e ad una accentuata perdita di pratiche di senso.
Interrogano e forniscono indizi non trascurabili la crescente femminilizzazione del lavoro
spesso intrappolata nelle maglie oppressive della flessibilità totale o l’individualismo in Rete,
come forma dominante di socialità versus la promessa della partecipazione a partire da sé e
l’estensione delle possibilità comunicative.
È opinione comune che l’ambiente digitale consente di sottrarsi alla “passività spettacolare”
tramite la costruzione di una sorta di protagonismo attivo, fondato sulla proliferazione di idee,
sentimenti, narrazioni di soggettività radicali interconnesse in un sistema di rete che
disconosce ogni centro controllante. È vero che permette nuove ed altre possibilità
comunicative connotate da un’azione locale coniugata ad un pensiero globale e universalistico.
È vero anche che agevola la formazione di gruppi capaci di tradurre l’alterità dei propri
linguaggi-comportamento in un valore di scambio sociale ed artistico sostanzialmente perché
predisposti al cosiddetto nomadismo psichico tra contesti culturali differenti.
È vero infine che accedere alle nuove tecnologie implica appropriarsi di linguaggi,
moltiplicare le possibilità di vita, rompere l’assedio psicologico imposto dal non sapere
utilizzarle e dall’esclusione che ne deriva. Tutto vero! Ma per condividere questa tensione
egualitaria e cosmopolita, per molte e molti principio attivo di una nuova socialità, è
6
necessario superare la nuova soglia del divide: non più (almeno nei paesi industrializzati) di
accesso, ma di partecipazione e capacità di azione legata a nuove abilità. Non si tratta quindi
soltanto di usare gli artefatti tecnologici, ma di abitarli con cognizione di causa:
padroneggiandoli.
WWW – NET NEUTRALITY?
E’ noto che dopo il 1993 con la nascita del world wide web, la Computer Mediated
Communication (CMC) diventa un elemento della quotidianità di milioni di persone.
L’ambiente della CMC non è più un ambiente fisico e definito (es. un azienda, una
multinazionale, un gruppo di ricercatori universitari, etc.), ma un ambiente on line ad alta
forza di attrazione socio-simbolica: è ciò che conosciamo come cyberspazio, all’interno del
quale si formano identità, si acquisiscono linguaggi, si negoziano norme e si differenziano
ruoli. E dove si afferma il modello vincente della net neutralità, così definita dal creatore del
WWW, Tim Berners-Lee, che descrisse così la sua ‘creatura’:
Quando ho progettato il Web non ho avuto bisogno di chiedere il
permesso a nessuno. Le nuove applicazioni arrivavano sul mercato già
esistente di Internet senza modificarlo. Allora provai a rendere la
tecnologia del web una piattaforma al contempo universale e neutrale, e
ancora oggi moltissime persone lavorano duramente con questo scopo. Il
web non deve assolutamente discriminare sulla base di hardware
particolare, software, rete sottostante, lingua, cultura, handicap o
tipologia di dati3
.
La presupposta neutralità della rete4
è dovuta al lungo processo di standardizzazione dei
protocolli di comunicazione, che in origine erano di tipo proprietario: i computer della IBM,
come quelli della Digital et similia, comunicavano fra loro attraverso il protocollo proprietario
dell’azienda. Con l’affermarsi del protocollo non-proprietario e gratuito TCP/IP (oggi il più
diffuso protocollo di comunicazione) si è andato determinando il linguaggio delle macchine,
3
Si veda http://it.wikipedia.org/wiki/Tim_Berners-Lee.
4
Dal punto di vista della “trasmissione dati” si afferma che Internet è nata e cresciuta neutrale in base al
meccanismo del best effort “chi prima arriva viene servito”, oggi a rischio per l’acuirsi dei controlli proprio a
livello di traffico internet. Non intendo mettere in discussione questa caratteristica tecnica di Internet peraltro
destinata a evolversi, nell’attuale clima di “allarme sicurezza”, entro dinamiche che dovrebbero essere poste
anch’esse in termini di democratizzazione della tecnica.
Ad

Recommended

Rapporto donne e media digitali: rappresentazione e rappresentanza nell’era d...
Rapporto donne e media digitali: rappresentazione e rappresentanza nell’era d...Rapporto donne e media digitali: rappresentazione e rappresentanza nell’era d...
Rapporto donne e media digitali: rappresentazione e rappresentanza nell’era d...Marzia Vaccari Serra
 
La rappresentazione del genere attraverso gli algoritmi delle rete e il machi...
La rappresentazione del genere attraverso gli algoritmi delle rete e il machi...La rappresentazione del genere attraverso gli algoritmi delle rete e il machi...
La rappresentazione del genere attraverso gli algoritmi delle rete e il machi...Marzia Vaccari Serra
 
Linguaggio sessuato e fenomenologia linguistica nelle ICT.
Linguaggio sessuato e fenomenologia linguistica nelle ICT. Linguaggio sessuato e fenomenologia linguistica nelle ICT.
Linguaggio sessuato e fenomenologia linguistica nelle ICT. Marzia Vaccari Serra
 
Il Genere nei Linguaggi controllati (thesaurus) Keyword di Genere e SEO (cenni)
Il Genere nei Linguaggi controllati (thesaurus) Keyword di Genere e SEO (cenni)Il Genere nei Linguaggi controllati (thesaurus) Keyword di Genere e SEO (cenni)
Il Genere nei Linguaggi controllati (thesaurus) Keyword di Genere e SEO (cenni)Marzia Vaccari Serra
 
8 la nuova sfera pubblica in rete
8 la nuova sfera pubblica in rete8 la nuova sfera pubblica in rete
8 la nuova sfera pubblica in reteAlessio Cornia
 
6 la società dell'informazione
6 la società dell'informazione6 la società dell'informazione
6 la società dell'informazioneAlessio Cornia
 
4 Tecnologie e società
4 Tecnologie e società4 Tecnologie e società
4 Tecnologie e societàAlessio Cornia
 

More Related Content

What's hot

Cittadini digitali - l’agire politico al tempo dei social media
Cittadini digitali - l’agire politico al tempo dei social mediaCittadini digitali - l’agire politico al tempo dei social media
Cittadini digitali - l’agire politico al tempo dei social mediaSalvatore Fabbrizio
 
EMOTIONAL SHARING E POLARIZZAZIONE EMOTIVA DELLA CONVERSAZIONE POLITICA SU TW...
EMOTIONAL SHARING E POLARIZZAZIONE EMOTIVA DELLA CONVERSAZIONE POLITICA SU TW...EMOTIONAL SHARING E POLARIZZAZIONE EMOTIVA DELLA CONVERSAZIONE POLITICA SU TW...
EMOTIONAL SHARING E POLARIZZAZIONE EMOTIVA DELLA CONVERSAZIONE POLITICA SU TW...eugenio iorio
 
Infosfera italiana 2016
Infosfera italiana 2016Infosfera italiana 2016
Infosfera italiana 2016eugenio iorio
 
Jannis.Identità in rete
Jannis.Identità in reteJannis.Identità in rete
Jannis.Identità in reteGiorgio Jannis
 
11 Relazioni sociali e identità in rete
11 Relazioni sociali e identità in rete11 Relazioni sociali e identità in rete
11 Relazioni sociali e identità in reteAlessio Cornia
 
La Scuola di domani: aperta, connessa, sociale
La Scuola di domani: aperta, connessa, socialeLa Scuola di domani: aperta, connessa, sociale
La Scuola di domani: aperta, connessa, socialeGiorgio Jannis
 
La convergenza di civic e digital literacy nella partecipazione politica giov...
La convergenza di civic e digital literacy nella partecipazione politica giov...La convergenza di civic e digital literacy nella partecipazione politica giov...
La convergenza di civic e digital literacy nella partecipazione politica giov...Manolo Farci
 
R. Villano - Aspetti filosofici, morali ed esistenziali delle nuove tecnologi...
R. Villano - Aspetti filosofici, morali ed esistenziali delle nuove tecnologi...R. Villano - Aspetti filosofici, morali ed esistenziali delle nuove tecnologi...
R. Villano - Aspetti filosofici, morali ed esistenziali delle nuove tecnologi...Raimondo Villano
 
Veneto e-democracy
Veneto e-democracyVeneto e-democracy
Veneto e-democracyanafesto
 
Le battaglie per il futuro di Internet 03
Le battaglie per il futuro di Internet 03Le battaglie per il futuro di Internet 03
Le battaglie per il futuro di Internet 03Paolo Costa
 
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)Davide Bennato
 
Nessun tempo.nessunluogo
Nessun tempo.nessunluogoNessun tempo.nessunluogo
Nessun tempo.nessunluogoeugenio iorio
 
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)Davide Bennato
 
Media, giovani, gender e comunicazione pubblicitaria panarese
Media, giovani, gender e comunicazione pubblicitaria panareseMedia, giovani, gender e comunicazione pubblicitaria panarese
Media, giovani, gender e comunicazione pubblicitaria panaresePaola Panarese
 
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieuticoCarlo Gubitosa
 
(La fine della) Politica 2.0
(La fine della) Politica 2.0(La fine della) Politica 2.0
(La fine della) Politica 2.0eugenio iorio
 

What's hot (20)

5.1 algocrazia
5.1 algocrazia5.1 algocrazia
5.1 algocrazia
 
Cittadini digitali - l’agire politico al tempo dei social media
Cittadini digitali - l’agire politico al tempo dei social mediaCittadini digitali - l’agire politico al tempo dei social media
Cittadini digitali - l’agire politico al tempo dei social media
 
EMOTIONAL SHARING E POLARIZZAZIONE EMOTIVA DELLA CONVERSAZIONE POLITICA SU TW...
EMOTIONAL SHARING E POLARIZZAZIONE EMOTIVA DELLA CONVERSAZIONE POLITICA SU TW...EMOTIONAL SHARING E POLARIZZAZIONE EMOTIVA DELLA CONVERSAZIONE POLITICA SU TW...
EMOTIONAL SHARING E POLARIZZAZIONE EMOTIVA DELLA CONVERSAZIONE POLITICA SU TW...
 
Infosfera italiana 2016
Infosfera italiana 2016Infosfera italiana 2016
Infosfera italiana 2016
 
Teorie del Web 2.0
Teorie del Web 2.0Teorie del Web 2.0
Teorie del Web 2.0
 
Jannis.Identità in rete
Jannis.Identità in reteJannis.Identità in rete
Jannis.Identità in rete
 
11 Relazioni sociali e identità in rete
11 Relazioni sociali e identità in rete11 Relazioni sociali e identità in rete
11 Relazioni sociali e identità in rete
 
La Scuola di domani: aperta, connessa, sociale
La Scuola di domani: aperta, connessa, socialeLa Scuola di domani: aperta, connessa, sociale
La Scuola di domani: aperta, connessa, sociale
 
La convergenza di civic e digital literacy nella partecipazione politica giov...
La convergenza di civic e digital literacy nella partecipazione politica giov...La convergenza di civic e digital literacy nella partecipazione politica giov...
La convergenza di civic e digital literacy nella partecipazione politica giov...
 
R. Villano - Aspetti filosofici, morali ed esistenziali delle nuove tecnologi...
R. Villano - Aspetti filosofici, morali ed esistenziali delle nuove tecnologi...R. Villano - Aspetti filosofici, morali ed esistenziali delle nuove tecnologi...
R. Villano - Aspetti filosofici, morali ed esistenziali delle nuove tecnologi...
 
Competenze digitali
Competenze digitaliCompetenze digitali
Competenze digitali
 
Veneto e-democracy
Veneto e-democracyVeneto e-democracy
Veneto e-democracy
 
Le battaglie per il futuro di Internet 03
Le battaglie per il futuro di Internet 03Le battaglie per il futuro di Internet 03
Le battaglie per il futuro di Internet 03
 
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
Bennato: Strumenti. Le infrastrutture della collaborazione su internet (cap.2)
 
Nessun tempo.nessunluogo
Nessun tempo.nessunluogoNessun tempo.nessunluogo
Nessun tempo.nessunluogo
 
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
Bennato: Valori. La dimensione etica nella network society (cap.3)
 
Infosfera 2018
Infosfera 2018Infosfera 2018
Infosfera 2018
 
Media, giovani, gender e comunicazione pubblicitaria panarese
Media, giovani, gender e comunicazione pubblicitaria panareseMedia, giovani, gender e comunicazione pubblicitaria panarese
Media, giovani, gender e comunicazione pubblicitaria panarese
 
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
“Comunita' Virtuali”, Internet come nuovo mass-media e metodo maieutico
 
(La fine della) Politica 2.0
(La fine della) Politica 2.0(La fine della) Politica 2.0
(La fine della) Politica 2.0
 

Similar to TECNOLOGIA NEUTRA MA NON NEUTRALE

giovanni campagnoli (2007), Le 11 ipotesi della partecipazione giovanili, Parma
giovanni campagnoli (2007), Le 11 ipotesi della partecipazione giovanili, Parmagiovanni campagnoli (2007), Le 11 ipotesi della partecipazione giovanili, Parma
giovanni campagnoli (2007), Le 11 ipotesi della partecipazione giovanili, ParmaGiovanni Campagnoli
 
Cremona: "Quale partecipazione per una cittadinanza attiva giovanile" (17.12....
Cremona: "Quale partecipazione per una cittadinanza attiva giovanile" (17.12....Cremona: "Quale partecipazione per una cittadinanza attiva giovanile" (17.12....
Cremona: "Quale partecipazione per una cittadinanza attiva giovanile" (17.12....Giovanni Campagnoli
 
Comune cultura politica. competenze e processi per la cittadinanza attiva
Comune cultura politica. competenze e processi per la cittadinanza attivaComune cultura politica. competenze e processi per la cittadinanza attiva
Comune cultura politica. competenze e processi per la cittadinanza attivaSpinella Dell'Avanzato
 
La leadership al femminile e un futuro al digitale
La leadership al femminile e un futuro al digitaleLa leadership al femminile e un futuro al digitale
La leadership al femminile e un futuro al digitaleAlberto Mascia
 
Milano: Informazione, IG e qualità delle politiche giovanile. Palazzo delle S...
Milano: Informazione, IG e qualità delle politiche giovanile. Palazzo delle S...Milano: Informazione, IG e qualità delle politiche giovanile. Palazzo delle S...
Milano: Informazione, IG e qualità delle politiche giovanile. Palazzo delle S...Giovanni Campagnoli
 
Il “farsi mondo” della tecnologia IC
Il “farsi mondo” della tecnologia ICIl “farsi mondo” della tecnologia IC
Il “farsi mondo” della tecnologia ICMarzia Vaccari Serra
 
Democrazia digitale
Democrazia digitaleDemocrazia digitale
Democrazia digitaleRosa Regine
 
La dimensione di genere nell'Agenda Digitale
La dimensione di genere nell'Agenda DigitaleLa dimensione di genere nell'Agenda Digitale
La dimensione di genere nell'Agenda DigitaleMargot Bezzi
 
Tis e partecipazione civica, sociale, intellettuale - di Marco Guastavigna
Tis e partecipazione civica, sociale, intellettuale - di Marco GuastavignaTis e partecipazione civica, sociale, intellettuale - di Marco Guastavigna
Tis e partecipazione civica, sociale, intellettuale - di Marco GuastavignaMarco Guastavigna
 
Connessioni Pubbliche. Un nuovo senso dello Stato per nuovi cittadini
Connessioni Pubbliche. Un nuovo senso dello Stato per nuovi cittadiniConnessioni Pubbliche. Un nuovo senso dello Stato per nuovi cittadini
Connessioni Pubbliche. Un nuovo senso dello Stato per nuovi cittadiniFPA
 
La dimensione di genere nell'Agenda Digitale
La dimensione di genere nell'Agenda DigitaleLa dimensione di genere nell'Agenda Digitale
La dimensione di genere nell'Agenda DigitaleMargot Bezzi
 
La rete ci rende intelligenti o stupidi?
La rete ci rende intelligenti o stupidi?La rete ci rende intelligenti o stupidi?
La rete ci rende intelligenti o stupidi?Maura Franchi
 
bottomAPP - word.pdf
bottomAPP - word.pdfbottomAPP - word.pdf
bottomAPP - word.pdfLiviaRusso2
 
I Diritti (Digitali) dei cittadini
I Diritti (Digitali) dei cittadiniI Diritti (Digitali) dei cittadini
I Diritti (Digitali) dei cittadiniFlavia Marzano
 
Un tavolo tutto per sè. I diritti digitali del gender
Un tavolo tutto per sè. I diritti digitali del genderUn tavolo tutto per sè. I diritti digitali del gender
Un tavolo tutto per sè. I diritti digitali del genderFederica Fabbiani
 
Quale genere di comunicazione istituzionale? - Leda Guidi
 Quale genere di comunicazione istituzionale? - Leda Guidi Quale genere di comunicazione istituzionale? - Leda Guidi
Quale genere di comunicazione istituzionale? - Leda GuidiSUPERA project
 
eParticipation "Il Tweet e la Salamella"
eParticipation "Il Tweet e la Salamella"eParticipation "Il Tweet e la Salamella"
eParticipation "Il Tweet e la Salamella"Flavia Marzano
 

Similar to TECNOLOGIA NEUTRA MA NON NEUTRALE (20)

giovanni campagnoli (2007), Le 11 ipotesi della partecipazione giovanili, Parma
giovanni campagnoli (2007), Le 11 ipotesi della partecipazione giovanili, Parmagiovanni campagnoli (2007), Le 11 ipotesi della partecipazione giovanili, Parma
giovanni campagnoli (2007), Le 11 ipotesi della partecipazione giovanili, Parma
 
Cremona: "Quale partecipazione per una cittadinanza attiva giovanile" (17.12....
Cremona: "Quale partecipazione per una cittadinanza attiva giovanile" (17.12....Cremona: "Quale partecipazione per una cittadinanza attiva giovanile" (17.12....
Cremona: "Quale partecipazione per una cittadinanza attiva giovanile" (17.12....
 
Comune cultura politica. competenze e processi per la cittadinanza attiva
Comune cultura politica. competenze e processi per la cittadinanza attivaComune cultura politica. competenze e processi per la cittadinanza attiva
Comune cultura politica. competenze e processi per la cittadinanza attiva
 
La leadership al femminile e un futuro al digitale
La leadership al femminile e un futuro al digitaleLa leadership al femminile e un futuro al digitale
La leadership al femminile e un futuro al digitale
 
Milano: Informazione, IG e qualità delle politiche giovanile. Palazzo delle S...
Milano: Informazione, IG e qualità delle politiche giovanile. Palazzo delle S...Milano: Informazione, IG e qualità delle politiche giovanile. Palazzo delle S...
Milano: Informazione, IG e qualità delle politiche giovanile. Palazzo delle S...
 
Il “farsi mondo” della tecnologia IC
Il “farsi mondo” della tecnologia ICIl “farsi mondo” della tecnologia IC
Il “farsi mondo” della tecnologia IC
 
Democrazia digitale
Democrazia digitaleDemocrazia digitale
Democrazia digitale
 
La dimensione di genere nell'Agenda Digitale
La dimensione di genere nell'Agenda DigitaleLa dimensione di genere nell'Agenda Digitale
La dimensione di genere nell'Agenda Digitale
 
Maria Sangiuliano a SCE 2012
Maria Sangiuliano a SCE 2012Maria Sangiuliano a SCE 2012
Maria Sangiuliano a SCE 2012
 
Tis e partecipazione civica, sociale, intellettuale - di Marco Guastavigna
Tis e partecipazione civica, sociale, intellettuale - di Marco GuastavignaTis e partecipazione civica, sociale, intellettuale - di Marco Guastavigna
Tis e partecipazione civica, sociale, intellettuale - di Marco Guastavigna
 
Connessioni Pubbliche. Un nuovo senso dello Stato per nuovi cittadini
Connessioni Pubbliche. Un nuovo senso dello Stato per nuovi cittadiniConnessioni Pubbliche. Un nuovo senso dello Stato per nuovi cittadini
Connessioni Pubbliche. Un nuovo senso dello Stato per nuovi cittadini
 
La dimensione di genere nell'Agenda Digitale
La dimensione di genere nell'Agenda DigitaleLa dimensione di genere nell'Agenda Digitale
La dimensione di genere nell'Agenda Digitale
 
La rete ci rende intelligenti o stupidi?
La rete ci rende intelligenti o stupidi?La rete ci rende intelligenti o stupidi?
La rete ci rende intelligenti o stupidi?
 
bottomAPP - word.pdf
bottomAPP - word.pdfbottomAPP - word.pdf
bottomAPP - word.pdf
 
I Diritti (Digitali) dei cittadini
I Diritti (Digitali) dei cittadiniI Diritti (Digitali) dei cittadini
I Diritti (Digitali) dei cittadini
 
Un tavolo tutto per sè. I diritti digitali del gender
Un tavolo tutto per sè. I diritti digitali del genderUn tavolo tutto per sè. I diritti digitali del gender
Un tavolo tutto per sè. I diritti digitali del gender
 
Quale genere di comunicazione istituzionale? - Leda Guidi
 Quale genere di comunicazione istituzionale? - Leda Guidi Quale genere di comunicazione istituzionale? - Leda Guidi
Quale genere di comunicazione istituzionale? - Leda Guidi
 
eParticipation "Il Tweet e la Salamella"
eParticipation "Il Tweet e la Salamella"eParticipation "Il Tweet e la Salamella"
eParticipation "Il Tweet e la Salamella"
 
Smart Communities & gender
Smart Communities  & genderSmart Communities  & gender
Smart Communities & gender
 
L'e-governance per la definizione dei servizi turistici on line. Il progetto
L'e-governance per la definizione dei servizi turistici on line. Il progetto L'e-governance per la definizione dei servizi turistici on line. Il progetto
L'e-governance per la definizione dei servizi turistici on line. Il progetto
 

TECNOLOGIA NEUTRA MA NON NEUTRALE

  • 1. 1 TECNOLOGIA NEUTRA MA NON NEUTRALE in Patrizia Violi, Cristina Demaria 2009, “Tecnologie di genere. Teoria, usi e pratiche di donne nella rete” Bononia University Press Marzia Vaccari PREMESSA Negli ultimi anni il proliferare dell’informazione (e della controinformazione) proveniente da fonti alternative digitali rispetto a quelle tradizionali, ha dato luogo ad un fenomeno di “disinformazione per eccesso”, in cui la molteplicità, la frammentazione e la contraddittorietà del gran numero di informazioni provenienti da una pluralità di fonti differenti ha finito per paralizzare lettrici e lettori, anziché orientarle/i. È evidente che l’informazione di per sé non è sufficiente per comunicare e che per stabilire un’interazione consapevole occorre mettere in campo processi e azioni che consentano la circolazione di informazioni dotate di senso: le informazioni infatti producono significati soltanto se organizzate in una sequenza di azioni e relazioni correlate ed inserite in un contesto di riferimento che possa essere sensato. Serve una pratica di comunicazione, e, conseguentemente una pratica gender oriented di ricerca e costituzione delle informazioni, la cui attività non sia affidata solo alla parola ma a processi molto più ampi nei quali la parola prende rilievo all’interno di un agire sensato. È dal femminismo che vengono sottolineati il valore e l’efficacia di una pratica: «una pratica è un processo a cui si dà inizio per dare una risposta inventiva ad un contesto e facendo così lo si modifica. Produce degli effetti che non sono progettabili né prevedibili, ma che si possono cogliere ed apprezzare nel corso stesso del processo» (Zamboni 2006). Una pratica, in sostanza - e così è stato per la cultura espressa dalla politica delle donne in Italia - è intesa come processo simbolico di significazione della realtà. Serve dunque un simbolico che consenta di superare l’idea di tecnologie “neutre”, in realtà fortemente informate dal maschile con le donne considerate come mera particolarità che o si aggiunge al discorso generale maschile o lo specifica per complemento. Emerge la necessità di cartografare e disegnare una mappa che analizzi e dia senso alle tecnologie dal punto di vista della differenza sessuale, riflettendo sulle relazioni di genere
  • 2. 2 nella fase sia di progettazione sia d’uso degli artefatti, acquisendo riflessioni specifiche sulle relazioni di genere. Si tratta, quindi di […] ricondurre l’ambito progettuale dell’artefatto tecnologico alla sua dimensione politica e promuovere degli spazi alla possibilità di negoziare e mediare tra molteplici differenze per avviare un processo di “democratizzazione” della tecnica. Si pone la questione politica di quale potere e quale democrazia per il governo dei processi della globalizzazione digitale. Per noi si tratta di abitare la città digitale in modo differente per mostrare, da un lato, che l’uso politico delle ICT può creare spazi pubblici virtuali di nuova democrazia e, dall’altro, che dalla progettazione e dalla produzione di tecnologia dotata di senso, potrebbe trarre vantaggio anche la qualità del software (Vaccari, in corso di pubblicazione). SIGNIFICAZIONE FEMMINISTA DELL’INFOSFERA Il percorso di significazione della Rete in senso femminista re-interpreta l’impatto dell’affermarsi dell'ambiente tecnologico sulla vita quotidiana e ne evidenzia il dato positivo – potenziamento della libertà di scelta, emancipazione dalla scarsità, dalle limitazioni storiche e biologiche, visibilità delle voci e delle azioni – non oscurandone però il potenziale sotteso alla pretesa neutralità di una cittadinanza realmente poco o nulla attraversata e alimentata dalle differenze: di genere, culturali, sociali, etniche, generazionali. Il gender digital divide viene quindi ad assumere una connotazione ampia: non più considerato nella prospettiva riduttiva di accesso/presenza delle donne on line, intese come soggetti svantaggiati o minori, ma come differenti tipologie di usi e servizi e diversi stili e culture di navigazione e permanenza in rete oltre che di progettazione di ambienti e logiche. Divario, disparità, disuguaglianza digitale sono in sostanza la difficoltà o l’esclusione di alcune soggettività, categorie sociali o di interi paesi di usufruire di tecnologie e dati digitali. Accedere agli ambienti e ai dati digitalizzati necessita di abilità, di nuove percezioni delle realtà, di nuovi posizionamenti culturali e sociali, oltre che ovviamente economici, di un diverso approccio alla questione della capacità di azione (capabilities) per cui non è sufficiente aumentare il numero di donne coinvolte nello sviluppo tecnologico. L’aumento del numero di donne non porta, infatti, direttamente a proporre tecnologie diverse se queste non riescono a vincere la tendenza a uniformarsi alla cultura dominante del settore, invece di far valere e agire la propria soggettività avvalorandola.
  • 3. 3 Le attività e le funzioni attribuibili alla cittadinanza digitale si basano sul “potere” delle relazioni: si tratta di fare attività di networking, co-produrre saperi ed informazioni, promuovere la mobilitazione ed attivare percorsi partecipativi collettivi. Credo servano le competenze femminili e le soft skills1 ; ritengo utile favorire una vera e propria cultura della partecipazione politica, creando i presupposti perché vengano ampliati gli spazi di dialogo e di azione on e off line: non solo i luoghi istituzionali, a volte alieni ad una vera sollecitazione partecipativa, ma i diversi spazi segnati dalle differenze di genere, di cultura, di generazione. L’uso delle nuove tecnologie e della comunicazione non è solo una questione tecnologica. È tanto più importante ribadirlo proprio mentre, in modo sempre più veloce e diffuso, la vita quotidiana viene sommersa di proposte di automazione e informatizzazione sempre più avanzate e “convergenti” (Jenkins 2006). Non si tratta solo di tecniche, di strumenti da usare con più o meno abilità ed efficacia: ci sono mutamenti profondi di carattere antropologico e culturale. Cambia il nostro rapporto con il mondo e con gli altri, cambia il modo di concepire la vita sociale e civile. La società nel suo insieme tende a evolversi con una complessità peculiare ed epocale. Invece di riportare le trame, tessere le storie e mappare i significati delle differenti soggettività, sottoculture e comunità che la popolano, secondo le promesse positive della Rete, il rischio che tale società corre è l’uso indiscriminato delle tecnologie e la ridondanza delle risorse digitali, con «la conseguente produzione di oggetti informativi semanticamente vuoti, la sovra- produzione di informazione di scarso o nessun valore e la corruzione delle comunicazioni trasformate in mero “noise” (rumore)» (Greco, Floridi 2002). Ecco perché penso sia importante agire a livello politico/etico e filosofico e prendersi cura “ecologica” dell’Infosfera prima che la situazione raggiunga il suo punto critico. L’information welfare o communication welfare promette di affiancare al perseguimento dello sviluppo sostenibile della società “reale”, lo sviluppo sostenibile dell’Infosfera. Come scriveva il compianto Franco Carlini in uno dei suoi ultimi articoli su Chip&Salsa. Le persone devono essere esposte a materiali [notizie e punti di vista, ndr] che non hanno scelto in anticipo. Degli incontri non pianificati, non anticipati, sono un elemento essenziale della democrazia […] È la differenza che corre tra il frequentare un club chiuso (di tifosi di una 1 Ascolto, flessibilità, creatività,accoglienza, cooperazione. In “Esserci Mitmischen. La banca dati delle competenze femminili” dal sito http://www.forumpa.it/forumpa2007/donnepa/cdrom/home/progetto/65.html (31 gennaio 2008)
  • 4. 4 squadra, di appassionati di arte digitale, di cultori di una sottocorrente del buddismo) e invece circolare per le piazze e negli angoli di strada, dove si incrocia, e magari si dialoga con altra umanità. È la differenza tra coltivare l’identità in maniera esasperata e lasciarsi coinvolgere dalla diversità. Questo atteggiamento, da strada e piazza pubblica, è un potente antidoto a razzismi, settarismi ed estremismi. Questi sono tempi di informazione sovrabbondante e dove, contemporaneamente, l’attenzione è la risorsa scarsa. Per questo «il filtraggio è un fenomeno inevitabile, un fatto della vita». Ma altrettanto utile è continuare ad alimentare e a valorizzare i luoghi della diversità e del libero confronto. Anzi proporsi esplicitamente di costruirli (Carlini 2007). Non basta il mero esserci, serve piuttosto attribuire peso e riconoscimento di soggettività alla presenza delle donne nello spazio pubblico digitale, contrastando l’agenda setting degli old e new media: indagando dati disaggregati, facendo formazione tecnica, progettando software gender sensitive, valorizzando l’autorevolezza femminile, offrendo una rappresentazione non distorta e stereotipata di entrambi i sessi. A partire dall’esperienza del Server Donne2 l’adottare questa strategia comunicativa proprio nel campo delle ICT, che è il territorio del neutro, ha avuto e tuttora ha una valenza rafforzativa. Come formatrici, in quest’ambito, ci siamo interrogate sulle differenze di genere negli stili cognitivi e d’apprendimento. Come analiste e progettiste di software ci siamo interrogate su come la parificazione debba passare da una serie di iniziative che vanno dalla progettazione di strumenti software che in qualche modo imprimono il gender nel codice, al costituirsi di gruppi di pari con ruoli e finalità di supporto nella definizione di specifiche tecniche. Appare inoltre fondamentale ridefinire l’approccio generale allo studio dell’informatica, prendendo nella giusta considerazione il diverso ordine di immaginari e i diversi modi con cui ragazze e ragazzi rappresentano le nuove tecnologie. Non poche inchieste hanno sottolineato la funzione sociale del computer per le ragazze (mentre i ragazzi si concentrano in particolare sulla macchina in se stessa): lo strumento deve servire a qualcosa di pratico ed essere funzionale rispetto all’azione da compiere, sia essa di natura professionale, relazionale e/o ludica. Utile nel migliorare competenze e condizioni di vita ma anche per entrare in contatto con gli altri, fare rete: per stabilire i nuovi legami nella socialità della “società in rete”. 2 Più noto come www.women.it, si caratterizza per la gestione autonoma in capo ad un gruppo di tecniche informatiche e della comunicazione on.line.
  • 5. 5 Sembra opportuno, da questo punto di vista, abbassare la soglia di attenzione sulla velocità, la potenza e l’ossessione della performance, che hanno una connotazione prevalentemente maschile, e concentrarsi sulle diverse soggettività, degli individui/e e delle culture, al fine di dotare di senso le informazioni / comunicazioni / produzioni. CO-SIGNIFICAZIONE E NET-NEUTRALITY Il processo di differenziazione sociale sotteso all’odierno sistema sociale, insieme ipermoderno e postmoderno, implica inevitabilmente un moltiplicarsi di gruppi, categorie, ceti, comunità, collettività, aventi interessi, scopi, attività e subculture anche profondamente diversi quando non addirittura divergenti. Dunque, col proliferare di sempre nuove problematiche e relative nuove prospettive, si registra il crescente indebolimento della condivisione della co-significazione (cioè la condivisione non solo delle informazioni ma anche dei significati che l’accezione del termine “comunicazione” impone) elemento fondamentale di integrazione dei sistemi sociali e simbolici. Ciò porta alla perdita della solidarietà e ad una accentuata perdita di pratiche di senso. Interrogano e forniscono indizi non trascurabili la crescente femminilizzazione del lavoro spesso intrappolata nelle maglie oppressive della flessibilità totale o l’individualismo in Rete, come forma dominante di socialità versus la promessa della partecipazione a partire da sé e l’estensione delle possibilità comunicative. È opinione comune che l’ambiente digitale consente di sottrarsi alla “passività spettacolare” tramite la costruzione di una sorta di protagonismo attivo, fondato sulla proliferazione di idee, sentimenti, narrazioni di soggettività radicali interconnesse in un sistema di rete che disconosce ogni centro controllante. È vero che permette nuove ed altre possibilità comunicative connotate da un’azione locale coniugata ad un pensiero globale e universalistico. È vero anche che agevola la formazione di gruppi capaci di tradurre l’alterità dei propri linguaggi-comportamento in un valore di scambio sociale ed artistico sostanzialmente perché predisposti al cosiddetto nomadismo psichico tra contesti culturali differenti. È vero infine che accedere alle nuove tecnologie implica appropriarsi di linguaggi, moltiplicare le possibilità di vita, rompere l’assedio psicologico imposto dal non sapere utilizzarle e dall’esclusione che ne deriva. Tutto vero! Ma per condividere questa tensione egualitaria e cosmopolita, per molte e molti principio attivo di una nuova socialità, è
  • 6. 6 necessario superare la nuova soglia del divide: non più (almeno nei paesi industrializzati) di accesso, ma di partecipazione e capacità di azione legata a nuove abilità. Non si tratta quindi soltanto di usare gli artefatti tecnologici, ma di abitarli con cognizione di causa: padroneggiandoli. WWW – NET NEUTRALITY? E’ noto che dopo il 1993 con la nascita del world wide web, la Computer Mediated Communication (CMC) diventa un elemento della quotidianità di milioni di persone. L’ambiente della CMC non è più un ambiente fisico e definito (es. un azienda, una multinazionale, un gruppo di ricercatori universitari, etc.), ma un ambiente on line ad alta forza di attrazione socio-simbolica: è ciò che conosciamo come cyberspazio, all’interno del quale si formano identità, si acquisiscono linguaggi, si negoziano norme e si differenziano ruoli. E dove si afferma il modello vincente della net neutralità, così definita dal creatore del WWW, Tim Berners-Lee, che descrisse così la sua ‘creatura’: Quando ho progettato il Web non ho avuto bisogno di chiedere il permesso a nessuno. Le nuove applicazioni arrivavano sul mercato già esistente di Internet senza modificarlo. Allora provai a rendere la tecnologia del web una piattaforma al contempo universale e neutrale, e ancora oggi moltissime persone lavorano duramente con questo scopo. Il web non deve assolutamente discriminare sulla base di hardware particolare, software, rete sottostante, lingua, cultura, handicap o tipologia di dati3 . La presupposta neutralità della rete4 è dovuta al lungo processo di standardizzazione dei protocolli di comunicazione, che in origine erano di tipo proprietario: i computer della IBM, come quelli della Digital et similia, comunicavano fra loro attraverso il protocollo proprietario dell’azienda. Con l’affermarsi del protocollo non-proprietario e gratuito TCP/IP (oggi il più diffuso protocollo di comunicazione) si è andato determinando il linguaggio delle macchine, 3 Si veda http://it.wikipedia.org/wiki/Tim_Berners-Lee. 4 Dal punto di vista della “trasmissione dati” si afferma che Internet è nata e cresciuta neutrale in base al meccanismo del best effort “chi prima arriva viene servito”, oggi a rischio per l’acuirsi dei controlli proprio a livello di traffico internet. Non intendo mettere in discussione questa caratteristica tecnica di Internet peraltro destinata a evolversi, nell’attuale clima di “allarme sicurezza”, entro dinamiche che dovrebbero essere poste anch’esse in termini di democratizzazione della tecnica.
  • 7. 7 innalzando i suoi due principi cardine – gratuità e disponibilità illimitata – a rappresentazione democratica e libera dell’ambiente digitale. In egual modo e misura, Google, il più usato (e potente) motore di ricerca del mondo, ha superato e soppiantato i suoi (illustri) predecessori (Allweb, il primo motore di ricerca web e Alta Vista, per citarne alcuni, fondati sull’indicizzazione delle parole contenute nelle pagine HTML) grazie all’algoritmo PageRank, che definisce il grado di popolarità di una pagina web, determinandone poi la posizione nei risultati di ricerca. La gratuità di Google, condizione necessaria per essere usati diffusamente nel cyberspazio5 , e la disponibilità illimitata sembrano consolidare la rappresentazione della presunta neutralità della rete. A mio parere, con l’affermazione del search engine di Google avviene un passaggio fondamentale della rappresentazione indiscussa della net neutralità: prima di Google i processi di indicizzazione, limitatamente al tipo di database implementato o alla capacità di calcolo dell’hardware, determinavano con buona approssimazione il risultato corretto della ricerca e, infatti, si ricorreva a meta-crowler che raggruppavano diversi motori per aumentare la qualità e l’esaustività delle risposte ottenute. Con Google i siti sono ordinati anche in base ad un indice di “popolarità” che è fornito dal numero di link – voto – che la pagina ottiene da altre pagine e/o siti; il suo filtro ha uno scopo preciso: mostrare rapidamente un risultato scelto fra l’enorme possibilità di risposte che l’indice offre. A questo punto, la neutralità della rete sembra rafforzata da un presunta oggettività degli algoritmi di ricerca e dall’obiettività delle macchine nel fornire risultati senza manipolazioni. La democrazia di Google consiste nell’aver prodotto un algoritmo di ricerca di informazioni fondato sul maggior numero di “opinioni” - link che un sito ottiene. Ma davvero qualcosa non vale se non è linkato? E che cosa succede, ad esempio, se il documento “Moratoria contro l’aborto” ha più link dell’ “Appello contro la moratoria contro l’aborto”? L’algoritmo di ricerca «propaga una meccanismo di fiducia nell’oggettività della tecnica» (Ippolita 2007, p. 82), ritenuta “buona” in quanto non condizionata dalle preferenze degli individui umani. Per questa via attiva una raffinata strategia di marketing: l’utente conta sul fatto che i risultati non siano filtrati e corrispondano alle “oggettive” preferenze di navigazione generate dalle comunità virtuali/reali degli utenti posizionate culturalmente. Insieme all’enorme quantità di pagine memorizzate offre l’illusione di poter ricercare in un ambiente 5 Il suo valore mercantilistico non deriva dalla vendita diretta dei risultati delle ricerca effettuata con il motore, ma dall’indotto informativo che ciascuno di noi consuma nell’usare la rete – pubblicità on-line, transazioni economiche risultato delle più variegate tipologie di servizi digitalizzati ecc.
  • 8. 8 infinito invece che in un mondo chiuso “localizzato” in base ai filtri predisposti (lingua, domini, ecc.) e ai meccanismi di emersione basati sull’indice di “popolarità” delle pagine. L’algoritmo si riferisce all’universo finito di informazioni che costituiscono il punto di vista, la posizione identitaria della trama di link che hanno fatto emergere quel risultato e non un altro. Per non essere “passive/i” fruitrici/tori di un “mondo di informazioni” immaginato unico ed esaustivo è fondamentale sapere/aver percezione che il search engine utilizzato è “localizzato” in base a posizionamenti ben precisi se non dalla mappa dei grafi disegnati dai percorsi dei link, difficilmente intelligibili, almeno dalla pratica tecnologica che la realizza. “IDENTITÀ” NELLA RETE E POSIZIONAMENTO CULTURALE No, non basta esserci! Sia pur interconnesse, cooperative, collaborative, proliferanti, consolidando vecchi e nuovi “vicinati”, come li definisce peraltro Arjun Appadurai, indipendentemente dal loro essere virtuali o fisici dal momento che «i primi mobilitano idee, opinioni, ricchezze e legami sociali che rifluiscono direttamente nei vicinati reali» (Appadurai 2001, p. 237). Ed è proprio sui processi di formazione dell’identità che vorrei soffermarmi: credo che l’individualismo in rete e la globalizzazione esplicitino molto bene ciò che tanta teoria femminista sostiene da anni sulla “soggettività” e sul punto di vista situato correlato alla natura fluida delle condizioni e delle identità nella postmodernità (Braidotti 2002). Penso alle elaborazioni dell’identità incentrata sullo spazio che il femminismo di oltre oceano ha utilizzato per descrivere la condizione delle donne nel tempo della velocità e della visibilità della globalizzazione: concetti di identità femminista che si focalizzano su termini come luogo di osservazione, posizionamento, multiposizionamento, intersezione e ibridazione. Il discorso teorico femminista dell’identità multipla, nel tentativo di proporre un’articolazione di un approccio tecno-femminista nel contesto della globalizzazione tecnologica, ci suggerisce un modo di pensare la Rete abitata da donne che si esprimono attraverso identità in movimento: l’identità di genere, in qualsiasi contesto ci si riferisca (localizzazione), viene formata insieme a strutture più ampie comprese quelle derivanti dall’interazione con le tecnologie. Il femminismo localizzato (Stanford Friedman 2006) assume, a mio avviso e proprio in questa prospettiva, una forte rilevanza, in quanto pone la teoria femminista a livello
  • 9. 9 globale; tuttavia, tiene in forte considerazione le differenze “locali” geografiche e socio- culturali insieme, alla cui luce possiamo rileggere anche la questione degli stereotipi sul comportamento maschile e femminile della e nella rete, che sembrano essere stati direttamente trasferiti sui dati informatici. L’ICT ha reso possibile la formalizzazione dell’alterità e della differenza culturale; attraverso le potenze di calcolo degli attuali elaboratori di dati vengono processati milioni di testi prodotti dalle più diversificate posizioni culturali. Mancano però comunità sufficientemente numerose tali da determinare alti indici di “popolarità”. E come nel simbolico dove ciò che non viene nominato non esiste, così in Rete ciò che non emerge nei risultati delle ricerche del più potente motore di ricerca del mondo rischia di essere ricondotto nel nuovo silenzio dell’eccesso di rumore del web. NON NEUTRALITÀ DELLA RETE / NON NEUTRALITÀ DEL LINGUAGGIO. Il linguaggio […] porta iscritta al suo interno la differenza sessuale. Nel momento in cui la parola dà forma alla nostra esperienza del reale, rendendo possibile la nominazione, essa non è più neutra, ma rimanda, attraverso una metafora generale che è già iscritta nella struttura grammaticale, ad un più profondo simbolismo di natura sessuale. Fin dall'inizio però la differenza si presenta come segnata da un interdetto che costruisce intorno alla nominazione del femminile uno spazio ambiguo. Il movimento è duplice: il femminile è prima ricondotto a pura derivazione dal maschile, quindi negativamente caratterizzato non sulla base di una propria specificità, ma in quanto scarto e differenza rispetto a quel maschile che lo fa esistere. Se nel linguaggio si può quindi leggere l'esclusione della donna da parte di quell'ordine patriarcale che ne aveva già sancito il ruolo di oggetto, una nuova domanda si fa strada. Quali saranno gli usi linguistici delle donne, come articoleranno la loro parola, in che modo potranno mettersi in relazione ad un linguaggio che ha già trasformato la differenza in negativo? (Violi 1986, p.95) Vorrei tentare una risposta riproponendo, qui, la questione dell’ androcentrismo linguistico definito come prevalenza del genere al maschile e la conseguente questione della differenza sessuale nelle forme linguistiche, allora, e, oggi, nelle forme della comunicazione e nel simbolico veicolato dalla Rete. Quando sì è svelata la non neutralità della lingua, la desessualizzazione del linguaggio è parsa la proposta più agevole per far cadere le dissimetrie linguistiche fra femminile e maschile, soprattutto in riferimento all’uso maschile come generico (Violi 1986). La net-neutrality ripropone la medesima tensione per una soluzione fondata su un linguaggio “androgino”, lingua senza sesso, cancellazione di ogni traccia che
  • 10. 10 rimandi ad una differenza se non tutta ridotta in termini di subordinazione e inferiorità. Come gli studi post-coloniali hanno rilanciato la necessità di lingue in grado di rendere conto delle differenze, così oggi il limite della net-neutrality è riscontrabile nell’ambiguità dei “motori di ricerca” quando, dietro all’apparente esaustività del risultato delle risposte (vedi Google), nascondono il potere definitorio del brand. L’esperienza della realizzazione di un motore di ricerca orientato al genere (Cercatrice di Rete) ha mostrato che il linguaggio sessuato porta anche a differenti metadati6 . Solo nei metadati rimane la traccia delle diverse soggettività che hanno “scritto/costruito” in un testo mai “concluso” il nuovo ambiente. Per questo motivo è importante riannodare fili di conoscenze che, in apparenza, sembrano superate dalla nuova modernità delle ICT. In altre parole è l’avvio di un ampio e complesso processo di anti-omologazione quello che consente di liberarsi dal dominio di una lingua, di una tecnica, di un giudizio. Declinare diversamente il linguaggio dei sistemi di metadati implica una differente (auto)rappresentazione delle donne e del mondo: nominare il femminile moltiplica e diversifica l’immaginario collettivo, e svela le ‘voci, le azioni e le visioni delle donne’7 anche on line. La peculiarità della rivoluzione tecnologica attuale consiste, non solo nella centralità della conoscenza e dell’informazione, ma nell’applicazione delle stesse a dispositivi per la generazione della conoscenza e per l’elaborazione e la comunicazione delle informazioni, in un ciclo continuo di innovazione ed usi della stessa (autopoiesi). Si tratta, quindi, di usare la Rete per svelare i nuovi meccanismi di “dominazione” inscritti nelle tecnologie dell’IC. Su altri fronti e versanti, l’esperimento è già stato fatto: “il collettivo londinese Mongrel8 (www.mongrelx.org) ha messo in Rete nel 1998 un finto motore di ricerca “raced” (letteralmente “razzializzato”, sensibile alle questioni razziali) - Natural Selection www.mongrelx.org/Project/Natural - che mima il funzionamento dei search engine più noti, facendo ricorso a essi nel caso di interrogazioni generiche. Quando però l’utente immette 6 Riprendo da wikipedia una definizione: «letteralmente “dato su un (altro) dato”, è l'informazione che descrive un insieme di dati». Riferito alle parole all'interno dei documenti digitalizzati, il sistema dei metadati ne permette la ricerca, la localizzazione, la selezione e l'iperoperabilità semantica dei descrittori. 7 “Voci, Visioni e Azioni di Donne - Sistema Informativo di Genere” titolo esteso del progetto Server Donne che è all’origine del portale di genere www.women.it, vedi anche: http://www.women.it/cms/index.php?option=com_content&task=view&id=11&Itemid=33, (30 gennaio 2008) 8 Intervento di Massimiliano Geraci all’interno del ciclo di “azioni di dialogo” fra partecipanti al progetto TechnéDonne Az. 2 - In. Com. EQUAL II fase – cod. PS IT-G2-EMI-040 – Rif. PA 2004-0356/Rer - Approvato con Delibera RER n. 903 del 13/06/2005. Nella macrofase realizzativa IV si sono svolti seminari condotti da Adele Pesce e Massimiliano Geraci con la partecipazione di esperte ed esperti di ICT ed esponenti della cultura femminista e non , e aventi come tema la relazione fra saperi delle donne e le ICT.
  • 11. 11 nel campo di ricerca un termine “razzialmente posizionato” (come “white power, black, nigger” e via dicendo) il motore lo rinvia a una rete di siti creati ad hoc, dai toni vagamente neo-nazisti, pornografici … .A dispetto del nome, Natural Selection propone una selezione del tutto soggettiva e “innaturale” intrecciandola con la graduatoria apparentemente obiettiva stilata dai motori convenzionali. L’intervento di Mongrel sulla presunta neutralità dei motori e sul loro potere di selezione reale rientra in una riflessione più ampia sul software come specchio e veicolo di una determinata cultura. … Fino a oggi, infatti, lo sviluppo del software ha tenuto in scarsa considerazione le diverse culture in cui viene diffuso. Ciò che Natural Selection fa con un intento provocatorio è ciò che Cercatrice di Rete fa con una finalità operativa. Non più un finto motore di ricerca “raced” ma un vero motore di ricerca “gender oriented”. (Geraci, Pesce 2007, p.16) “Cercatrice di rete” è un progetto ambizioso: un esempio di software segnato dalla differenza di genere. La macchina è in grado di cercare in porzioni (web localizzato) del web in base al lessico costruito dalla ricerca femminile/sta: si tratta di un prototipo, anche se il motore è già on line ed interrogabile all’indirizzo web cercatrice.women.it. Cercatrice ha mappato il web delle donne in italiano, i principali giornali on line, alcuni portali accademici, i maggiori service provider. Inoltre il motore ‘comprende’ una lingua sessuata, LinguaggioDonna 9 , il primo thesaurus in lingua italiana che tiene conto degli aspetti sessuati del linguaggio e la cui prima edizione risale al 1991. Un thesaurus di genere, che si discosta dal sessismo corrente che impregna il linguaggio, ed in particolare i linguaggi di classificazione perché tende a dare conto delle differenze, diventando per noi uno strumento utile ed importante per dotare di senso le interrogazioni sul web. Chi usa la Rete fa continuamente ricerche utilizzando più di una parola insieme, adottando parole composte e cercando di essere il più preciso/a possibile per non essere sopraffatto/a dalla mole di risultati inutili. L’utilità di “suggerire” direttamente on line, durante l’operazione di ricerca, l’uso del linguaggio sessuato è proprio perché la generalità viene sempre espressa nei termini al maschile, spesso singolare: Uomo, Bambino, Ragazzo, Anziano, Lavoratore, Disoccupato. 9 Thesaurus: lista di termini utilizzabili per l'indicizzazione di materiali documentali. Thesauri di genere, lista di termini che tengono conto della differenza sessuale nel linguaggio della classificazione. La prima versione del Thesaurus Linguaggio Donna è stata elaborata dal Centro di studi storici sul movimento di liberazione della donna in Italia, in collaborazione con la Libreria delle donne di Firenze, nel 1991. Gli due altri micro-thesauri sessuati, Tempi e Spazi e Inviolabilità sono stati elaborati all’interno delle attività del progetto Abside, in http://www.cdsdonnecagliari.it/?Title=Abside&P=PROGETTI&PID=4 (14 ottobre 2007) ; insieme ad altri termini riferiti al gender divital divide costituiscono “i suggerimenti” alla ricerca di Cercatrice.
  • 12. 12 UNA PRATICA POLITICA Come ben evidenzia Tiziana Terranova «Internet è certamente un medium espansivo e imperiale» (Terranova 2006, p. 83) ma, è anche «il medium della moltitudine» (Terranova 2006, p. 59) attraverso il quale le pratiche diventano interdipendenti e le relazioni in continuo divenire. I nuovi media rispondono all’esigenza di connettere le “moltitudini” di uomini e donne. Moltitudini ma animate da soggettività differenti. Abitare con differenza, molto semplicemente, significa non essere assoggettate/i ad un potere altro e gestire “ a partire da sé” ed “in relazione” lo spazio virtuale che abitiamo. È il tema dell’autodeterminazione che si applica anche al campo informatico/telematico, perché solo la non subalternità può permettere alle donne che vogliano essere attive protagoniste di cultura di innescare i necessari processi di cambiamento anche nell’ambiente delle nuove tecnologie. Questa è stata la mia scelta e la scelta dell’Associazione di donne Orlando, fin dagli inizi degli anni ’90: un percorso personale e collettivo attraverso cui ho acquisito una diversa consapevolezza sulla non neutralità delle nuove tecnologie, sull’importanza della valorizzazione e/o partecipazione delle diverse soggettività, sulla sostenibilità ed accessibilità degli artefatti. Dove la dimensione politica delle ICT si è tradotta in pratica politica espressa in costituzione di spazi fisici e virtuali10 . In un continuo gioco di rimandi fra spazio pubblico reale e spazio pubblico nell’Infosfera; nascono nuovi modi di fare rete e, da un’idea di Federica Fabbiani di Women.it, la formula dei BarCamp11 è stata decostruita e ricostruita intorno all’evento del FemCamp12 , un barcamp tematico per parlare di donne nelle tecnologie e tecnologie delle donne. Il FemCamp ha nominato/rappresentato/valorizzato le donne, perseguendo l’obiettivo di moltiplicare e diversificare l’immaginario collettivo, svelare competenze e pratiche esistenti, tuttavia meno note, citate, narrate. Adottare questa strategia comunicativa proprio su / via 10 A Bologna in luoghi reali quali: la Sala da The Internet (i corsi di alfabetizzazione telematica) , il Centro di Risorse Multimediali (la produzione multimediale) e il Laboratorio TechnéDonne (la produzione di software); in Rete con il dominio Women.it e i suoi portali: www.women.it; www.porticodonne.it; www.technedonne.it; 11 Il BarCamp è una non-conferenza il cui tema di discussione non è pre-stabilito, si caratterizza per la convergenza del reale sul virtuale (e viceversa) attraverso la diffusione in tempo reale dell’evento nello spazio web con dirette web-TV e connessioni wireless dei partecipanti che intrattengono comunicazioni on.line con le proprie Reti di appartenenza. 12 Al sito http://barcamp.org/FemCamp la traccia degli argomenti dibattuti e il link alla diretta streaming dell’evento.
  • 13. 13 Internet, che è certamente il regno del neutro, ha avuto e tuttora ha valore rafforzativo. Sessuare il linguaggio, il web, il software, quindi, per valorizzare la creatività ed i talenti delle donne ancora così poveramente rappresentate on e off line. Ecco perché si può dire che TechnéDonne, e contestualmente il FemCamp, che ne ha concluso degnamente l’avventura, sia stato non solo un organo di informazione, ma una vera e propria presenza "politica" che ha creato un nuovo linguaggio di comunicazione con codici grafici e comunicativi specifici e personali. (Fabbiani F. 2007) Vera e propria azione discorsiva fondata sul simbolico della differenza sessuale che poteva e può veicolare, anche nell’infrastruttura di Internet, la significativa presenza dei saperi femminili. Ed è dal punto di vista infrastrutturale che vorrei continuare la mia analisi sulla non neutralità della tecnologia. Ritengo utile e interessante rintracciare attraverso l’evoluzione delle architetture di rete, intese come infrastrutture tecnologiche di supporto alla memoria (gli archivi) e all’invenzione (il nuovo tecnologico), il senso di un’esperienza che considera centrale la visibilità della produzione culturale delle donne: dalla messa in Rete dei cataloghi bibliografici (anni ’90) alla conversazione collaborativa del web 2.0. Il punto di partenza è chiaro: l’esigenza che i saperi, le competenze, la produzione di informazione, la produzione culturale, gli archivi, i cataloghi, diano ragione a un modo di rappresentare il mondo che è specificatamente di genere rispetto a un generico neutro. La diffusione delle ICT, accresce sempre di più il potere della tecnologia stessa e di coloro che hanno la capacità di sfruttarla. Le nuove tecnologie non sono solo nuovi strumenti da applicare, ma soprattutto nuovi processi da sviluppare. “IN GENERE” Mi sembra possa essere di interesse indiziario riferire quanto rilevato anche da Geraci e Pesce, nel citato rapporto Le differenze di genere nel ciberspazio, e cioè che i motori di ricerca non distinguono in modo affidabile il termine genere e il termine donne. Il genere sembra essere solo femminile, quando ovviamente riguarda e chiama in causa anche il maschile: gli uomini si identificano e si sentono rappresentati dall’universale e non hanno bisogno di alcuna specifica, mentre le donne necessitano di politiche, di azioni, di specificazioni ‘di genere”, perché sono la particolarità, la parzialità per derivazione. E così accade che sul web uno stesso documento possa essere recuperato cercando sia “donne e tecnologie” sia “genere e
  • 14. 14 tecnologie”: un esempio semplice e banale che svela all’istante l’ambiguità delle parole e la scarsa pertinenza dei significati: “genere” come “genere grammaticale”, si trova molto spesso segnalato, e lo si trova ad esempio nelle copie cache dei documenti, nell’espressione “in genere”. Basta poco, in sostanza, per verificare che Internet è sì un insieme di testi collegati tra loro, ma che questi collegamenti sono spesso deboli, potremmo definirli solo sintattici-grammaticali, privi di un legame significante. Basta poco, insomma, per verificare, nella pratica e non solo leggendo articoli e saggi specialistici, che siamo ancora bel lontane dal web semantico, cioè da un web che possegga strutture di collegamento capaci da dare risposte complesse. La struttura di genere condiziona la stessa tecnologia in una doppia prospettiva: le gender relations influenzano il design e lo sviluppo delle tecnologie, ma sono influenzate e plasmate dalle medesime (con dominio nella relazione del genere maschile) (Webster 1996). Prendiamo ad esempio la dominazione linguistica all’interno di un’architettura di rete qual è il Sistema Bibliotecario Nazionale, che raccoglie i cataloghi di 15.000 biblioteche italiane. Cerchiamo una monografia? Una rivista? Del materiale documentale qualsiasi pur essendo sprovviste di esatta bibliografia? Un sistema software di questo tipo consente la ricerca per parole chiave in vari campi: soggetto, classificazione, numero, descrizione. User friendly, a prima vista. Digitando la parola “stupro” (argomento di genere femminile, purtroppo) nel campo Soggetto, però, si ottengono solo due risultati. Due item (di cui uno è il Processo per stupro della regista femminista Loredana Rotondo) sul tema dello stupro (parola evidentemente fastidiosa ai thesaurus neutri) nelle quindicimila biblioteche del Sistema Bibliotecario Nazionale. Un clic del mouse per passare su un’altra piattaforma software: la Rete Lilith 13 , stessa funzione informatica del precedente link, ossia l’interrogazione di cataloghi, ma diverso contenuto informativo. In questo caso, digitando la parola stupro nel campo parole chiave, si ottengono 163 risultati14 . In sintesi, qualche numero che parla da solo sull’importanza di una lingua sessuata nei Thesauri e nella soggettazione: due item in un sistema che cataloga 15.000 biblioteche vs 163 item in un sistema che riunisce i cataloghi di una trentina (30) di Centri di Documentazione delle Donne Italiani. 13 Si veda www.retelilith.it 14 Certamente l’OPAC del Sistema Bibliotecario Nazionale ci ha permesso l’interrogazione del suo patrimonio monografico quando quello dei Centri di documentazione delle donne, oltre alle monografie, permette di consultare anche le riviste, ma entrambi i sistemi impiegano il medesimo campo di ricerca della “soggettazione”. E’ su questo che si pone l’accento per l’evidente differenza di risultato.
  • 15. 15 Possibili superamenti derivano dall’evoluzione, verso i search engine, delle piattaforme di information retrieval. I motori di ricerca, in generale, funzionano da un lato, in forma sotterranea, con procedure di indicizzazione di grandi quantità di pagine, e dall’altro con un algoritmo che cerca negli indici che la precedente operazione crea, attraverso una procedura che genera un elenco di risposte ordinate in base al numero di volte che una parola - la parola chiave oggetto di ricerca - viene trovata nel testo combinata con il numero e le volte che quel testo è stato “linkato da altre/i”. Il limite del meccanismo della soggettazione dei cataloghi bibliografici, per opera di umani, sembra superato dall’automatismo elettronico che mette in connessione in base alla citazione in Rete. Come detto in precedenza il punto di svolta o di non ritorno che dir si voglia sulla strada della visibilità o del totale oscuramento digitale è proprio in quell’essere ‘linkate/i”: su questo si fonda il page rank, epigono proliferante della peer review, «la revisione tra pari» (Ippolita 2007, p.19), attraverso la quale ottiene dignità di primato chi ottiene più link, collegamenti, citazioni. Di nuovo, il problema non è esserci – ci siamo e siamo in tante – quanto piuttosto costituire una rete autorevole di posizioni e di interconnessioni. Il divide è possibile superarlo cercando di guadagnare un nuovo paradigma cognitivo: passando dalla rappresentazione verticale gerarchica tipica della società del modello broadcast alla navigazione reticolare-orizzontale praticabile nella realtà digitale, dalla cosiddetta democrazia di massa alla democrazia proliferante in cui l’ambiente di rete, la pluralità possibile dei mondi di vita (e di senso), di soggettività, rende obsoleto quello di spettacolo. Questa rete, tuttavia, ancora fatica a realizzarsi, in Italia ed altrove. All’estero «esistono grandi network telematici che legano associazioni, dipartimenti universitari, centri di ricerca, istituzioni attive nel campo dei media e delle ICT, capaci di promuovere campagne e dibattiti sul tema della presenza femminile nei mezzi di comunicazione. In Italia una rete simile non esiste, come ha dimostrato una ricerca di Claudia Padovani, docente di comunicazione internazionale all’Università di Padova» (de Federico T., 2006), mirata a indagare la esistenza di un network nazionale sul tema donne-media-ICT. Ma, come ho provato a dire, la presenza non basta senza il simbolico e le pratiche “abitate”! L’associazione Orlando già da una decina d’anni si è posta all’interno di una visione “orizzontale”, quella di abitare le tecnologie portando l’autonomia e la libertà delle donne, quell’autonomia e libertà appresa e praticata in tanti altri luoghi. E’ stata messa in discussione la ricorsività della macchina autopoietica (rischio dell’essere fine a se stessa) e praticato il
  • 16. 16 metodo femminista dell’interdisciplinarietà e della contaminazione delle pratiche e dei saperi (vedi il pensiero nomade di Rosi Braidotti) e della diversa consapevolezza: con questa eredità abbiamo potuto “apprendere”, cioè decostruire, e fare/pratica, ossia costruire in un altro punto della nuova scena storica (inizio del millennio) con un altro punto di vista. E negli interstizi di senso che abbiamo individuato e determinato, abbiamo praticato una progettualità dotata di senso attraverso la quale cercare di divincolare le nuove tecnologie dalle logiche di mercato, che rischiano costantemente di trasformare la cittadina in pura consumatrice di servizi elettronici. Si tratta di andare oltre la logica del consumo delle tecnologie, della rete, della proprio identità digitale. Per questo abbiamo allestito una piattaforma di search engine – Cercatrice di Rete – che certo non ha la potenza di calcolo di Google e che, quindi, come tale, si pone in termini di confronto epistemologico. Nella pratica, abbiamo indicizzato attraverso pratiche di condivisione di saperi, passando da una logica di management ad una logica di democrazia partecipativa, mettendo insieme un gruppo di lavoro con competenze diverse, da quelle ingegneristiche/informatiche, a quelle linguistiche, da quelle biblioteconomiche a quelle femministe15 . Il punto di partenza è stata la cultura delle donne per cercare di definire una metodologia di classificazione che normalmente l’informatico non prende in considerazione perché non “tecnico” e/o non neutro: fin dal principio sono state fatte delle domande attraverso le quali tener conto del punto di vista delle donne (e che può potenzialmente assumere anche altri punti di vista, quello delle disabilità per esempio). Abbiamo cercato di popolare il motore di Cercatrice partendo dai linguaggi naturali e dall’analisi dei testi; e, soprattutto, abbiamo usato Google e la sua potenza di calcolo per immagazzinare siti previa attenta analisi di genere. Questo sul back-end; sul front-end, la maschera di ricerca che l’utente finale visualizza on line per intenderci, abbiamo creato dei suggerimenti alla ricerca con il lessico del thesaurus LinguaggioDonna. Ad esempio, Cercatrice suggerisce una serie di ramificazioni di parole chiave che colgono le esigenze potenziali delle donne (per esempio, digitando la parola “violenza” si ottiene una lista di suggerimenti possibili, quali “centri di accoglienza”, “violenza sessuale” ecc.. che orientano la ricerca in direzioni che tengono conto delle informazioni di cui una donna può aver bisogno). Una sorta di proto-web semantico che tiene conto della cultura delle donne. 15 Il gruppo di lavoro era composto da: Patrizia Bassi, Pia Brancadori, Domenica Barresi, Beatrice Cristofoli, Riccardo Carlesso, Piera Codognotto, Federica Fabbiani, Marco Innocenti , Fernanda Minuz, Carlo Pentimalli, Marzia Vaccari.
  • 17. 17 La rappresentazione dell’identità di genere e dell’immagine della donna nelle Rete si estrinseca non poco attraverso il linguaggio. Certo, è difficile cambiare le strutture profonde di senso iscritte nel sistema informatico e nel suo simbolico, tuttavia è certo che abbiamo la necessità di osare ed abbiamo iniziato a farlo, adottando/modificando dei dispositivi e delle operazioni per la definizione di una messa in Rete della soggettività femminile e di un immaginario altro rispetto agli stereotipi. Mi auguro, insieme alle amiche di Orlando, di aver aperto una frontiera, mostrando una concreta possibilità di far emergere dal web, attraverso le ricerche che si possono effettuare con Cercatrice, la differenza sessuale. È stata certamente una sfida! Una sfida che la logica di mercato non consente però di portare a termine causa l’attuale sistema di produzione dei Metadati. Cercatrice è un modo per abitare le tecnologie da soggetti sessuati; tuttavia servono (oppure dovrei dire mancano?) macchine potenti e un network di “cercatrici”: la Rete autofinanzia logiche di dominio e di controllo e Cercatrice, migrante di una lingua altra e diversa, non è sostenuta né dal capitale finanziario di Google ne tanto meno dal suo sistema di rete di server (Googleplex e i suoi 25 Centri Dati sparsi in tutto il mondo). Confido molto sull’evoluzione del web e, certamente la pratica della folksonomy (folks + taxonomy), ossia la libera attribuzione di parole chiave ai post di un blog, di un sito oppure agli articoli on line, potrebbe aiutarci nell’intento. Non più quindi una tassonomia gerarchica, forse ordinata, tuttavia imposta, bensì una tassonomia personale, a tratti caotica, ma rappresentativa ed identificativa delle soggettività delle singole e dei singoli. La folksonomy è un utile strumento per mettere in relazione libera “le identità autonarrantesi” dei blog (cfr. Violi infra) e delle diverse identità in rete. Ne sono un esempio grafico le “tag cloud”: rappresentazione visuale di una lista di tag contenuti in un blog o in un sito. Le nuvole di parole chiave (tag) sono formate dal numero di volte che una parola ricorre, diventando una sorta di analisi del testo di tipo grafico per produrre l’effetto del “colpo d’occhio”16 . Procedendo per analogie e differenze si possono individuare narrazioni rispondenti ai nostri intenti. La rete è abitata dalla moltitudo e non solo da chi ha il potere della citazione. L’idea di posizionalità e connettività già presente nel pensiero di Haraway e Hayles diventa più che mai attuale nel promuovere nuove progettualità, questa volta di luoghi virtuali amichevoli nell’Infosfera. 16 Un esempio: la nuvola di parole in basso nel sito www.women.it
  • 18. 18 Bibliografia A. Appadurai 1996, Modernity at Large. Cultural Dimensions of Globalization, Minneapolis: University of Minnesota Press (trad. it. Modernità in polvere. Dimensioni culturali della globalizzazione, Roma: Meltemi 2001). R. Braidotti 2002, Metamorphosis. Towards a Materialist Theory of Becoming, Cambridge: Polity Press (trad. it. In metamorfosi. Verso una teoria materialista del divenire, Milano: Feltrinelli 2003). F. Carlini2007, Non è tutto sociale quello che web, «chipsandsalsa», http://chipsandsalsa.wordpress.com/2007/08/24/non-e-tutto-sociale-quello-che-web/ (25 ottobre 2007) T. de Federico 2006, Dalla mappa alla rete: creare un network italiano sul tema donne, media, ict, http://www.technedonne.it/index.php, (8 gennaio 2008) M.Geraci, A. Pesce 2007, Le differenze nel ciberspazio- Indagine conoscitiva su genere e ict, Report finale dell’Azione IV del progetto TechnéDonne Azione 2 - Iniziativa Comunitaria EQUAL. G. M. Greco, L. Floridi 2002, La tragedia dei beni digitali collettivi, http://web.comlab.ox.ac.uk/oucl/research/areas/ieg/e-library/tbdc_SFI2002.pdf. (10 gennaio 2008) H. Jenkins 2006, Convergence Culture. Where Old and New Media Collide, New York: New York University Press (trad. it. Convergenze digitali, Milano: Apogeo 2007). W. Hancourt 1999 (ed.), Women@Internet: Creating New Cultures in Cyberspace, London: Zed Books. N. K. Hayles 1999, How We Became Posthuman: Virtual Bodies in Cybernetics, Literature, and Informatics, Chicago: University of Chicago Press. Ippolita 2007, Luci ed ombre di Google. Futuro e passato dell’industria dei Metadati, Milano: Feltrinelli. S. Stanford Friedman 2006, “Globalizzazione e teoria culturale femminista: identità in movimento”, in R. Baccolini 2006 (a cura di), Le prospettive di genere. Discipline, Soglie, Confini, Bologna: Bononia University Press. T. Terranova 2006, Cultura Network. Per una micropolitica dell’informazione, Roma: Manifestolibri M. Vaccari (in corso di pubblicazione), Il “farsi mondo” della tecnologia IC: quando delle donne abitano la città digitale”, in A. T. Capitani (a cura di), Un altro genere di tecnologia, Roma ISDR. P. Violi 1986, L’infinito singolare, Verona: Essedue. J. Webster 1996, Shaping Women's Work: Gender Employment and Information Technology, London: Longman. C. Zamboni 2006, Una contesa filosofica e politica sul senso delle pratiche, «Per amore del mondo», http://www.diotimafilosofe.it/riv_online.php (10 gennaio 2008).