Opere

1,651 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,651
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Opere

  1. 1. Architetto<br />Scultore<br />Michelangelo Buonarroti<br />Sol io ardendo all'ombra mi rimango,quand'el sol de' suo razzi el mondo spoglia:ogni altro per piacere, e io per doglia,prostrato in terra, mi lamento e piango.<br />POETA<br />Pittore<br />
  2. 2. Sculture<br />
  3. 3. Sculture<br /> FINO AL 1501<br />
  4. 4. MADONNA DELLA SCALA<br />1490/92 - marmo - 55,5 x 40 cm - Casa Buonarroti, Firenze<br />Questo è il primo lavoro di Michelangelo.<br />
  5. 5. BATTAGLIA<br />1492 circa - marmo - 84,5 x 90,5 cm - Casa Buonarroti, Firenze<br />La battaglia è la seconda opera di Michelangelo. È stata intagliata in marmo bianco di Carrara per Lorenzo de' Medici e lasciata non finita alla sua morte. Identificata come la battaglia dei Centauri <br />
  6. 6. CROCIFISSO<br />1492 - legno policromo - 142 x 135 cm - Santo Spirito, Firenze<br />Il senso la testa ed i piedi sono disposti in contrapposizione suggerendo una ricerca di armonia classica. La modellistica estremamente morbida di Cristo, la sua espressione facciale tenera e la struttura anatomica complessa non hanno somiglianza in altre opere di Michelangelo ed alcuni critici hanno dubbi sulla sua attribuzione<br />
  7. 7. SAN PETRONIO<br />1494 - marmo - altezza 64 cm con la base - San Domenico, Bologna<br />Michelangelo ha lavorato alla facciata di San Domenico, intagliando questa statua di San Petronio.<br />
  8. 8. SAN PROCOLO<br />1494 - marmo - altezza 58,5 cm con la base - San Domenico, Bologna<br />Michelangelo ha lavorato alla facciata di San Domenico, intagliando questa statua di San Procolo.<br />
  9. 9. ANGELO CON CANDELABRO<br />1494/95 - marmo - altezza 51,5 cm - San Domenico, Bologna<br />Michelangelo ha fatto due piccole figure indipendenti (San Procolo e San Petronio) per lo facciata di San Domenico ed un angelo con candelabro per l'altare della cappella.<br />
  10. 10. BACCO<br />1497 - marmo - altezza 203 cm - Museo Nazionale del Bargello, Firenze<br />All'età di 21 anni Michelangelo si recò per la prima volta a Roma. Ancora possediamo due degli impianti che ha creato in questo periodo (Bacco e la Pietà). La statua di Bacco è stata incaricata dal banchiere Jacopo Galli per il suo giardino. La statua è stata trasferita a Firenze in 1572.<br />
  11. 11. MADONNA E BAMBINO<br />1501/05 - marmo - O.L. Vrouwekerk, Bruges<br />L'immagine mostra la scultura di Michelangelo sull'altare della chiesa di Notre Dame a Bruges.<br />
  12. 12.
  13. 13.
  14. 14.
  15. 15.
  16. 16. Sculture<br /> DAL 1501<br />
  17. 17. SAN PAOLO<br />1503/04 - marmo - altezza 127 cm - Duomo, Siena<br />Dopo che la costruzione della tomba di Pio III fu completata nel 1485, Michelangelo fu incaricato di progettare quattro statue, la cui esecuzione condivise con Baccio da Montelupo (1469-1535). La maggior parte del contributo specifico di Michelangelo è la figura di San Paolo.<br />
  18. 18. SAN PIETRO<br />1501/04 - marmo - Duomo, Siena<br />
  19. 19. PIO<br />1501/04 - marmo - altezza 134 cm - Duomo, Siena<br />
  20. 20. SAN MATTEO<br />1503 - marmo - altezza 271 cm - Galleria dell'Accademia, Firenze<br />
  21. 21. MADONNA (TONDO PITTI)<br />1504/05 - marmo - 85,8 x 82 cm - Museo Nazionale del Bargello, Firenze<br />In questo tondo Michelangelo ha disposto, vicino al Madonna, un bambino di cui la posa ricorda quella dei genii funerei antichi. Così l'effetto generale, malgrado l'atteggiamento apparentemente felice del bambino, è profondamente serio e la Madonna ha una forza quasi profetica, a causa del suo formato, che scoppia fuori dalla struttura del rilievo.<br />
  22. 22.
  23. 23. MADONNA E BAMBINO CON L'INFANTE BATTISTA (TONDO TADDEI)<br />1505/06 - marmo - diametro 82,5 cm - RoyalAcademyofArts, London<br />Questo tondo esplora i problemi di comporre un gruppo espressivo all'interno di un cerchio, con una definizione precisa degli aerei e dei rapporti spaziali all'interno dello spazio dell'immagine.<br />
  24. 24. CRISTO CHE TRASPORTA LA CROCE<br />1521 - marmo - altezza 205 cm - Santa Marina sopra Minerva, Roma<br />Commissionata nel 1514, Michelangelo stava lavorando ad una prima versione di questa statua verso il 1515, abbandonando per un difetto nel marmo (benché questa appare essere una giustificazione conveniente). Una nuova versione in fretta fu realizzata nel 1519/20 per portare a termine il contratto.<br />
  25. 25.
  26. 26.
  27. 27. DAVID / APOLLO<br />1530 - marmo - altezza 146 cm - Museo Nazionale del Bargello, Firenze<br />La statua è stata commissionata dal Governatore Papale di Firenze, Baccio Valori. Michelangelo ha usato un metodo pragmatico e politico. Questa figura ha avuto a lungo un doppio nome, poiché non era determinata se era una rappresentazione dell'eroe David del vecchio testamento o del dio greco dell'arte, Apollo. Ma nella roccia rotonda sotto il piede del giovane si può riconoscere la testa di Golia: così ancora una volta Michelangelo ha generato un David.<br />
  28. 28.
  29. 29. RAGAZZO ACCOVACCIATO<br />1530/33 - marmo - altezza 54 cm - Hermitage, St. Petersburg<br />La scultura rimane non finita consentendo un esame della manipolazione vigorosa di Michelangelo.<br />
  30. 30. VITTORIA<br />1532/34 - marmo - altezza 261 cm - Palazzo Vecchio, Firenze<br />È incerto se la statua è stata progettata come componente della tomba di Giulio II. Le caratteristiche forti collegano questa figura agli schiavi, eseguiti per la versione della tomba progettata in 1532.<br />
  31. 31.
  32. 32. BRUTO<br />1540 - marmo - altezza 95 cm - Museo Nazionale del Bargello, Firenze<br />Questo è l'ultimo lavoro di Michelangelo di importanza politica. Il busto di Bruto è stato adattato per il cardinale NiccoloRidolfi, che, nel 1530, era fuggito da Firenze per Roma come molti altri Fiorentini.<br />
  33. 33.
  34. 34.
  35. 35. DAVID<br />1504 - marmo - altezza 434 cm - Galleria dell'Accademia, Firenze<br />Nel 1501 Michelangelo ricevette l'incarico di generare il David. Per questo gli fu consegnato un blocco di marmo che Duccio d'Agostino aveva già tentato di adattare.<br />
  36. 36. Michelangelo rompe il senso tradizionale di rappresentare David. Non lo presenta come il vincitore, la testa del gigante ai suoi piedi e la spada da potente nella sua mano, ma ritrae la gioventù nella fase immediatamente prima della battaglia. Il lato destro della statua è regolare, mentre la sinistra, dal piede ai capelli tutto è apertamente attivo e dinamico.<br />Una volta che la statua fosse stata completata, un comitato dei più alti cittadini ed artisti avrebbe deciso la disposizione nel quadrato principale della città, davanti il Palazzo Vecchio. Era la prima volta che una grande statua di un nudo veniva esibita in un posto pubblico. Ciò avvenne soltanto grazie all'azione di due forze: la forza di un artista in grado di generare, per una Comunità politica, il simbolo dei relativi più alti ideali politici e, d'altra parte, quello di una Comunità, che ha capito .<br />
  37. 37. TOMBA DI GIULIO II (DISEGNO)<br />disegno - Galleria degli Uffizi, Firenze<br />Uno dei numerosi progetti per la tomba di Giulio II. Non completato mai nella scala originalmente progettata.<br />
  38. 38. TOMBA DI GIULIO II<br />1545 - marmo - San Pietro in Vincoli, Roma<br />
  39. 39. Quando per volontà del papa Giulio della Rovere (1503-13) Michelangelo si recò a Roma nel 1505, fu incaricato di costruire nel corso di cinque anni una tomba per il papa. Quaranta statue dovevano circondare la tomba che doveva essere larga 7 metri, profonda 11 metri e alta 8 metri; doveva essere una tomba indipendente e contenere una cellula funeraria ovale. Mai, dai periodi classici, fu costruito da un uomo solo qualcosa di simile, nell'ovest.<br />
  40. 40. Secondo il programma iconografico, che possiamo ricostruire dalle fonti scritte, questo doveva essere un profilo del mondo cristiano: il livello più basso è stato dedicato all'uomo, al livello centraleai profeti ed ai santi ed al livello superiore al trapasso di entrambi i livelli precedenti nell'ultimo giudizio. Alla sommità del monumento, là doveva esserci una rappresentazione di due angeli che conducono il papa dalla sua tomba all'ultimo giudizio.<br />
  41. 41. Michelangelo cominciò immediatamente le sue preparazioni per questa opera, ma il papa capriccioso, in dubbio di individuazione del posto adatto in cui erigere la sua tomba, progettava qualcosa ancor più imponente: il ripristino ed il ritocco di San Pietro. Così Michelangelo ricevette altre commissioni, in primo luogo a Bologna, poi a Roma, il soffitto della Cappella Sistina.<br />
  42. 42. Dopo la morte del papa nel 1513 Michelangelo e gli eredi raggiunsero un nuovo accordo riguardo alla tomba. Fu deciso che la tomba doveva essere più piccola e disposta contro una parete. Dopo parecchi ulteriori cambiamenti e semplificazioni la tomba fu installata in San Pietro in Vincoli a Roma nel 1545. Gli schiavi (quattro a Firenze e due a Parigi) sono stati intesi al livello più basso, mentre il Mosè per il livello centrale.<br />
  43. 43.
  44. 44. MOSE'<br />1515 - marmo - altezza 235 cm - San Pietro in Vincoli, Roma<br />La statua di Mosè è il sommario dell'intero monumento, progettato ma mai completamente realizzato.<br />Ispirato forse dalla concezione medioevale dell'uomo, ha riunito gli elementi nell'apparenza allegorica: la barba fluente suggerisce l'acqua, il fuoco il torcimento dei capelli, la pesante tunica la terra. In un senso ideale, il Mosè rappresenta inoltre sia l'artista che il papa. Concepito per la seconda fila della tomba, la statua è stata progettata per essere vista da sotto e non come posizionata oggi.<br />
  45. 45. RACHELE E LEA<br />1545 - marmo - San Pietro in Vincoli, Roma<br />Le due statue sono state generate per la versione definitiva della tomba di Giulio II. Rachele è il simbolo della vita contemplativa e Lea della vita attiva.<br />
  46. 46. SCHIAVO (ATLANTE)<br />1519/36 - marmo - altezza 208 cm - Galleria dell'Accademia, Firenze<br />Gli schiavi (quattro a Firenze e due a Parigi) sono stati intesi per essere al livello più basso della tomba del papa Giulio II, mentre il Mosè per il livello centrale. Dalla versione realizzata della tomba, eretta nella chiesa il San Pietro in Vincoli a Roma dopo vari riprogettazioni e riduzioni del programma originale, gli schiavi sono stati omessi.<br />
  47. 47. SCHIAVO (BARBUTO)<br />1519/36 - marmo - altezza 248 cm - Galleria dell'Accademia, Firenze<br />
  48. 48. SCHIAVO (RISVEGLIO)<br />1519/36 - marmo - altezza 267 cm - Galleria dell'Accademia, Firenze<br />Probabilmente intagliato per il progetto del 1532 della tomba di Giulio II. Parzialmente emergendo dal blocco di marmo, la forma nuda è ancora un tutt'uno con il materiale da cui l'artista lo libera gradualmente.<br />
  49. 49. SCHIAVO (GIOVANE)<br />1519/36 - marmo - altezza 235 cm - Galleria dell'Accademia, Firenze<br />
  50. 50. SCHIAVO (MORENTE)<br />1513 circa - marmo - altezza 229 cm - Muséedu Louvre, Paris<br />I due schiavi della feritoia appartengono al secondo disegno del 1513. Destinati al livello più basso del monumento, probabilmente simbolizzano l'anima umana imprigionato nella materia brutale del corpo. Il cosiddetto schiavo morente sembra piuttosto più come una fuga di ricerca dell'uomo dormiente da un incubo.<br />
  51. 51.
  52. 52. SCHIAVO (RIBELLE)<br />1513 - marmo - altezza 229 cm - Muséedu Louvre, Paris<br />
  53. 53. La cappella dei Medici (Cappella Medicea) è il monumentale alloggiamento della cappella dei membri della famiglia dei Medici, nella nuova sacrestia della chiesa di San Lorenzo a Firenze.<br />I due gruppi monumentali (per le tombe di Lorenzo e di Giuliano) sono ciascuno composto da una figura allegorica che si adagia sui sarcofagi. <br />Le figure messe, rappresentano i due duchi. Lorenzo, di cui la faccia è protetta da un casco, personifica l'uomo che riflette; Giuliano, che sta tenendo il bastone di un comandante dell'esercito, ritrae l'uomo attivo. Ai loro piedi si adagiano le figure di "Night" e "Day.<br />Lorenzo il Magnifico e il fratello Giuliano sono sepolti dietro la parete d'entrata e sopra di loro è stato installato un gruppo di marmo che consiste in una "Madonna e un Bambino" ed i santi patroni di Medici.<br />
  54. 54. La tomba dei Medici<br />CAPPELLA DEI  MEDICI<br />1526/33 - marmo - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />
  55. 55. TOMBA DI LORENZO DE' MEDICI<br />1524/31 - marmo - 630 x 420 cm - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />
  56. 56. Lorenzo, di cui la faccia è protetta da un casco, personifica l'uomo che riflette<br />
  57. 57.
  58. 58. TRAMONTO<br />1524/31 - marmo - lunghezza 195 cm - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />
  59. 59. ALBA<br />1524/31 - marmo - lunghezza 203 cm - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />
  60. 60.
  61. 61. TOMBA DI GIULIANO DE' MEDICI<br />1526/33 - marmo - 630 x 420 cm - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />Michelangelo ha ricevuto l'incarico per la cappella dei Medici nel 1520 da papa Leo X (1513-23). Il papa desidera unire le tombe di suo fratello più giovane Giuliano, duca di Nemours e di suo nipote Lorenzo, duca di Urbino, con quelle del "Magnifico", Lorenzo e di suo fratello Giuliano, che erano stati assassinati nel 1478; le loro tombe erano da allora nella vecchia sacrestia di San Lorenzo.<br />
  62. 62. TOMBA DI GIULIANO DE' MEDICI<br />1526/33 - marmo - 630 x 420 cm - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />
  63. 63. Giuliano, che sta tenendo il bastone di un comandante dell'esercito, ritrae l'uomo attivo<br />
  64. 64.
  65. 65. NIGHT<br />1526/33 - marmo - lunghezza 194 cm - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />
  66. 66.
  67. 67. DAY<br />1526/33 - marmo - lunghezza 185 cm - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />
  68. 68. MADONNA MEDICI<br />1521/31 - marmo - altezza 226 cm - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />La statua della Madonna ed il Bambino è situata nella cappella dei Medici sopra la tomba del "Magnifico". Nelle figure della Madonna e del Bambino c'è un piccolo contatto umano, malgrado le loro prossimità fisiche.<br />
  69. 69.
  70. 70.
  71. 71.
  72. 72. DECORAZIONE<br />1526/33 - marmo - Sagrestia Nuova in San Lorenzo, Firenze<br />
  73. 73. Rappresentazioni della Pietà <br />PIETA'<br />1499 - marmo - altezza 174 cm, con la base 195 cm - Basilica di San Pietro, Vaticano<br />
  74. 74.
  75. 75. PIETA' PALESTRINA<br />marmo - altezza 253 cm - Galleria dell'Accademia, Firenze<br />Questa Pietà è stata attribuita per la prima volta a Michelangelo nel 1756 senza alcuna prova certa. Se fosse suo, dovrebbe essere disposto fra le due ultime Pietà.<br />
  76. 76. PIETA'<br />1550 circa - marmo - altezza 226 cm - Museo dell'Opera del Duomo, Firenze<br />Le ultime sculture di Michelangelo furono due (o tre se la Pietà Palestrina è sua) Pietà. Alcune di loro probabilmente sono state progettate per decorare la sua tomba. Secondo Vasari, il desiderio dell'artista era di essere sepolto in Santa Maria Maggiore a Roma, ai piedi della Pietà su cui aveva lavorato fra il 1547 e il 1553; ciò era prima che la fracassasse nel 1555, perché un piedino si era rotto e perché il blocco di marmo era difettoso.<br />
  77. 77.
  78. 78. PIETA' RONDANINI<br />1552/64 - marmo - altezza 195 cm - Castello Sforzesco, Milano<br />Questa è l'ultima scultura di Michelangelo, rimasta incompiuta per la sua morte.<br />
  79. 79.
  80. 80. DIPINTI<br />
  81. 81. LA SACRA FAMIGLIA CON L'INFANTE GIOVANNI BATTISTA (TONDO DONI)<br />Michelangelo probabilmente ha realizzato questa famosa immagine nel 1506 circa, in occasione della nascita della figlia di Agnolo Doni e di Maddalena degli Strozzi.<br />Altamente significativo dello stile dell'artista, il gruppo con la Vergine, con Giuseppe santo e con il Bambino mostra il torcimento particolare delle membra e dei muscoli del corpo, un modello che compare chiaramente nella scultura michelangiolesca. La luminosità dei colori, gli effetti della luce, danno risalto all'espressività delle figure sacre. I nudi sullo sfondo, le cui pose e gesti sono tipiche delle sculture classiche, simboleggiano l'umanità pagana, il mondo prima della venuta di Cristo.<br />
  82. 82. Un mistero avvolge ancora oggi il significato dei nudi sullo sfondo del Tondo Doni: angeli o forme pagane incontrasto con la cristianità rappresentata dalle figure principali?Questo tondo, più alto che largo, prende nome da un ricco fabbricante di tessuti, Agnolo Doni, che presumibilmente commissionò il dipinto in occasione del matrimonio con Maddalena Strozzi, avvenuto nell'anno 1503.<br />
  83. 83. LA SACRA FAMIGLIA CON L'INFANTE GIOVANNI BATTISTA (TONDO DONI)<br />1506 circa - tempera su pannello - diametro 120 cm - Galleria degli Uffizi, Firenze<br />
  84. 84. FUNERALE<br />1510 circa - tempera su legno - 159 x 149 cm - National Gallery, London<br />Sia l'attribuzione che la datazione sono in dubbio. È probabile che la pittura sia stata eseguita da un allievo di Michelangelo con la partecipazione attiva del maestro.<br />
  85. 85. 1510 circa - tempera su legno - 159 x 149 cm - National Gallery, London<br />
  86. 86. AFFRESCHI NELLA CAPPELLA PAOLINA<br />Cappella Paolina nei Palazzi Pontifici, Vaticano<br />Fra il 1537 e il 1540, Antonio da Sangallo costruì la Cappella Paolina in Vaticano. Nel 1541 a Michelangelo fu chiesto di decorare le parti centrali delle due pareti più lunghe con due affreschi. Il primo, la conversione di San Paolo, è stato cominciato nel 1542; il secondo, il martirio di San Pietro, è stato realizzato fra il 1546 e il 1550. Prima di questo, nessuno avevano tentato mai di disporre questi due temi vicini.<br />
  87. 87.
  88. 88. LA CONVERSIONE DI SAN PAOLO (AFFRESCO NELLA CAPPELLA PAOLINA)<br />1542/45 - affresco - 625 x 661 cm - Cappella Paolina nei Palazzi Pontifici, Vaticano<br />La conversione di San Paolo è il più ampiamente rappresentato dei temi della Cappella Paolina. Sulla strada di Damasco, ove si recava per ottenere l'autorizzazione dalla sinagoga per arrestare i cristiani, Paolo fu accecato da una luce improvvisa. La voce di Dio, sentita anche dagli accompagnatori di Paolo, "Saul, Saul, perchè mi perseguiti?".<br />
  89. 89.
  90. 90.
  91. 91.
  92. 92.
  93. 93.
  94. 94. MARTIRIO DI SAN PIETRO<br />1546/50 - affresco - 625 x 662 cm - Cappella Paolina nei Palazzi Pontifici, Vaticano<br />L'artista descrive Pietro sulla traversa al momento del sollevamento da parte dei soldati.<br />La composizione di Michelangelo tutto è concentrato nell'evento spaventoso; nel dolore e nella sofferenza. Al contrario che nell'affresco di San Paolo, le misure principali dei protagonisti sono inscritte in un ellisse disposto nel centro della traversa, esteso da quattro lati dalla disposizione delle figure. Nella crocifissione, d'altra parte, la maggior parte delle figure sono verticali. I volti denunciano il massimo orrore, particolarmente quelli delle donne sulla destra più in basso che tremano per il terrore e parecchi osservatori sembrano sul punto di morire.<br />
  95. 95.
  96. 96.
  97. 97.
  98. 98.
  99. 99.
  100. 100.
  101. 101.
  102. 102. Affreschi nella Cappella Sistina<br />INTERNO DELLA CAPPELLA SISTINA<br />1475/83 - 1508/12 - 1935/41 - Cappella Sistina, Vaticano<br />La cappella è stata costruita fra il 1475 e il 1483, nel periodo di pala Sesto IV della Rovere. Una caratteristica di base della cappella in se, così evidente che a volte è ignorata, è la funzione papale, come cappella papale è il luogo delle elezioni di nuovi papi. Ancora, la costruzione era un monumento personale alla famiglia Della Rovere.<br />
  103. 103.
  104. 104.
  105. 105. La cappella è rettangolare nella figura e di lunghezza 40,93 metri e larghezza 13,41 metri, cioè le dimensioni esatte del tempiale di Salomone, come detto nel vecchio testamento. È alta 20,70 metri ed è soffittata da una volta a barilotto poco profonda con sei finestre alte tagliate nei lati lunghi, formanti una serie di pendenti. Un pavimento di marmo a mosaico dall'esecuzione squisita descrive l'itinerario della processione fino ed oltre lo schermo di marmo, allo spazio più interno, in cui offre un circolo per il trono papale ed le sedi per i cardinali. I programmi architettonici sono stati fatti da BaccioPontelli e la costruzione è stata sorvegliata da Giovannino de' Dolci.<br />
  106. 106.
  107. 107. Le pareti sono divise in tre ordini dai cornici orizzontali; secondo il programma decorativo, il più basso dei tre ordini doveva essere verniciato con cornici tematiche, quello centrale con due cicli d'affronto, uno che collega la vita di Mosè (parete di sinistra) e l'altro la vita di Cristo (parete di destra), a partire dal fondo, in cui l'affresco dell'altare, verniciato dal Perugino, ha descritto il presupposto della verginità, al quale la cappella era dedicata. L'ordine superiore è dotato di pilastri che sostengono i pendenti della volta. Sopra la cornice superiore sono situate le lunette. Fra ogni finestra sotto le lunette, in riquadri, le immagini dei primi papi, da Pietro a Marcello.<br />
  108. 108.
  109. 109. Le pitture delle pareti sono state eseguite da Pietro Perugino, da Sandro Botticelli, da Domenico Ghirlandaio, da Cosimo Rosselli, da Luca Signorelli e dalle loro rispettive officine, che hanno incluso Pinturicchio, Piero di Cosimo ed il della Gatta di Bartolomeo. Il soffitto era affrescato da Piero Matteo d'Amelia con un cielo stellato.<br />Michelangelo fu incaricato da papa Giulio II della Rovere nel 1508 di ridipingere il soffitto; i lavori sono stati ultimati fra il 1508 e il 1512. Ha verniciato poi il giudizio finale sopra l'altare, fra il 1535 e il 1541, su incarico di papa Paolo III Farnese.<br />
  110. 110.
  111. 111. RICOSTRUZIONE DELL'INTERNO<br />1480 circa - Cappella Sistina, Vaticano<br />Questa è una ricostruzione dell'interno dela cappella Sistina nei giorni di Sesto IV, prima delle alterazioni di Michelangelo al soffitto, mostrante la relativa decorazione precedente dell'affresco a cielo stellato fatta da Pier Matteo d'Amelia.<br />
  112. 112.
  113. 113. SOFFITTO<br />1508/12 - affresco - Cappella Sistina, Vaticano<br />Nella progettazione del disegno architettonico Michelangelo in primo luogo ha dovuto accomodare il suo progetto alla costruzione preesistente, compreso le finestre, che erano la fonte luminosa per la sua decorazione. La corona delle aperture fornisce la luce principale di osservazione.<br />
  114. 114.
  115. 115. Michelangelo ha inventato una zona centrale lunga incorniciata da marmo e suddivisa in nove sezioni da pilastro a pilastro piegate sul soffitto. Le sezioni delle dimensioni alternate sono fasce in mezzo più larghe e più strette incorniciate. All'interno Michelangelo ha variato il formato delle descrizioni reali, dando soltanto a quelle più piccole una struttura di marmo. Quattro il ignudi (nudi maschii), fra gli elementi soffitto, nastri di sostegno fissano nell'apparenza grandi medaglioni verniciati a mo' di bronzo. Venti in tutto, sono nelle pose differenti, producendo, insieme ai Profeti e alle Sibille, un manuale delle alternative per la figura umana messo a disposizione per gli artisti successivi.<br />
  116. 116.
  117. 117. Agli angoli del soffitto Michelangelo ha verniciato quattro oggetti di salvezza, compresi David e Golia, Judith e Holofernes. Triangolari nella forma sono ripetuti in una fascia continua lungo l'intero bordo del soffitto; contengono i nudi che si alternano con i Profeti e le Sibille. Gli antenati di Cristo sono verniciati sulle pareti laterali piane, l'unica sezione della decorazione che non ha richiesto le registrazioni visive proposte verniciando su una superficie curva.<br />
  118. 118.
  119. 119.
  120. 120.
  121. 121. La creazione di Adamo, considerata la massima espressione di Michelangelo, tra tutte le straordinarie figure della volta della Cappella Sistina è una delle immagini più ammirate dell'arte occidentale. Un'altro grandissimo artista, Giorgio Vasari, descrive la figura di Adamo così: bellezza, atteggiamento e contorni sono di tale qualità che egli sembra appena creato dal Supremo e Primo Creatore e non dal pennello e dal disegno di un semplice mortale.<br />
  122. 122.
  123. 123.
  124. 124.
  125. 125.
  126. 126.
  127. 127.
  128. 128.
  129. 129.
  130. 130.
  131. 131.
  132. 132.
  133. 133.
  134. 134.
  135. 135.
  136. 136.
  137. 137.
  138. 138.
  139. 139.
  140. 140.
  141. 141.
  142. 142.
  143. 143.
  144. 144.
  145. 145. LUNETTE E PAPI<br />1475/83 - 1508/12 - affresco - Cappella Sistina, Vaticano<br />Sopra la cornice superiore sono situate le lunette. Fra ogni finestra sotto le lunette, in riquadri, le immagini dei primi papi, Pietro e Marcello, che si sono esercitati nel loro ministero in tempo di persecuzioni e di martiri.<br />
  146. 146.
  147. 147. ESTERNO DELLA CAPPELLA SISTINA<br />1475/83 - Cappella Sistina, Vaticano<br />Costruita fra il 1475 e il 1483, nel periodo di papa Sesto IV della Rovere, la cappella Sistina originalmente serviva da cappella del Palatino. La cappella è rettangolare nella figura e di lunghezza 40,93 metri e larghezza 13,41 metri, cioè le dimensioni esatte del tempiale di Salomone, come dato nel vecchio testamento. I progetti architettonici sono stati fatti da BaccioPontelli e la costruzione è stata sorvegliata da Giovanino de' Dolci.<br />
  148. 148.
  149. 149. ARCHITETTURA<br /> Lavori fino <br /> al 1530<br />
  150. 150. BIBLIOTECA LAURENZIANA, FIRENZE<br />1530 - Biblioteca Medicea Laurenziana, Firenze<br />Durante il pontificato di papa Leo X dei Medici (1513-1523) Michelangelo fu incaricato della costruzione della cappella dei Medici, la biblioteca Laurenziana.<br />
  151. 151.
  152. 152.
  153. 153.
  154. 154.
  155. 155. PIAZZA CAMPIDOGLIO, ROMA<br />1548 - Piazza Campidoglio, Roma<br />
  156. 156. Lavori dopo il 1530<br />
  157. 157. PALAZZO DEI CONSERVATORI, ROMA<br />1560 - Piazza Campidoglio, Roma<br />
  158. 158. FACCIATA DI PALAZZO FARNESE, ROMA<br />1548 - Palazzo Farnese, Roma<br />
  159. 159. BASILICA DI SAN PIETRO, VATICANO<br />1547 - incisione - Basilica di San Pietro, Vaticano<br />
  160. 160.
  161. 161.
  162. 162.
  163. 163. PORTA PIA, ROMA<br />dal 1561 in poi - Casa Buonarroti, Roma (il disegno) - Porta Pia, Roma<br />
  164. 164. LAPOESI<br />A<br />
  165. 165. La poesia di Michelangelo ha un’ impronta personale, come ogni altra manifestazione della sua arte, che si distingue da quelle del suo tempo.Poesia forte e rude, che esprime il suo travaglio intimo, i giorni grigi, l’amarezza della solitudine.Chi mai spiegherà, come Michelangelo a sera della sua giornata potesse raccogliersi nella poesia e là eternare i sospiri del cuore, i segreti, le speranze ardite? Era dice uno scrittore — la sua evasione, la valvola di sicurezza per alleggerirlo di quel peso interiore, di quel morboso soffrire, di tutte le angosce, le delusioni, gl’ inganni. Anche nella poesia scavò nel profondo. Nei versi martellò la parola e la frase, con lo stesso furore con cui l’artista martellava il marmo per costringerlo a manifestare le mirabili forme.<br />
  166. 166. Racconta il Condivi ch’Egli stette alquanto tempo, senza attendere all’arte, e lasciati il mazzuolo e il pennello, si diede solo alla lettura dei poeti e oratori nostri e a scriver versi. Amò, sovra gli altri, Dante, per conformità d’ ingegno, al quale molto si avvicinò con le sue poesie, e avrebbe dato ogni condizione più felice del mondo per esser pari a lui.Alludendo alle proprie fattezze fisiche, scrisse:«La faccia mia ha torma di spavento ».<br />
  167. 167. E riferendosi alle condizioni di tormentoso lavoro:<br />« La mia allegrezza è la malinconia,e il mio riposo son questi disagi ».I concetti della bellezza, della gioventù e dell’amore si affermano nelle liriche indirizzate a un giovane romano, Tommaso Cavalieri, e in quelle dedicate a Vittoria Colonna, poetessa, che fu la sua ispiratrice. Molte poesie scrisse, dopo i sessanta anni, e nella maggior parte di esse esternò il suo affetto per quella nobile Donna, con freschezza di fantasia giovanile, quasi sempre accompagnata da sentimenti di cristiana pietà.Nella sua attività poetica sono idealizzati l’amore, la gioventù, la bellezza, con un’ impronta di stile non comune, avendo Egli la mano, che non solo ubbidiva all’ intelletto, ma alle altissime ispirazioni e idealità del suo genio.Nella lotta, tra la materia e lo spirito, tra il senso carnale e l’amore puro, si avverte, senz’altro, l’affermazione dell’uomo che ascende verso le alte sfere, mediante la grazia santificante e letificante, che viene dall’amore di Dio.<br />
  168. 168. Un sonetto<br /> <br />Carico d'anni e di peccati pieno e col trist'uso radicato e forte, vicin mi veggio a l'una e l'altra morte, e parte 'l cor nutrisco di veleno.    Né propie forze ho, c'al bisogno siènoper cangiar vita, amor, costume o sorte, senza le tuo divine e chiare scorte, d'ogni fallace corso guida e freno.    Signor mie car, non basta che m'invogli c'aspiri al ciel sol perché l'alma sia, non come prima, di nulla, creata.    Anzi che del mortal la privi e spogli, prego m'ammezzi l'alta e erta via, e fie più chiara e certa la tornata. <br />(Da "Rime", Sonetto 293)<br />

×