Guida Ecoidea 3 - Bambini e Ambiente

1,476 views

Published on

Guida Ecoidea 3
Bambini e Ambiente
Sto arrivando... com’è il posto?

Published in: Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,476
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
49
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Guida Ecoidea 3 - Bambini e Ambiente

  1. 1. COLLANA GUIDE ECOIDEA 3 Bambini e Ambiente Provincia di Ferrara Sto arrivando... com’è il posto? www.provincia.fe.it/ecoidea
  2. 2. Introduzione La Provincia di Ferrara nel 1999 ha strutturali, sia iniziative specifiche, avviato la propria Agenda 21 Locale, semplici e concrete. (Per maggiori ovvero un processo partecipato che informazioni sull’Agenda 21 Locale: sulla base delle emergenze e delle www.provincia.fe.it/agenda21). criticità locali, tende allo sviluppo sostenibile, in grado di rispondere Coerentemente all’Obiettivo 1 del alle necessità del presente senza Piano d’azione, che stimola alla compromaettere il futuro delle pros- promozione di comportamenti e sti- sime generazioni. li di vita rispettosi dell’ambiente, la Provincia di Ferrara nel 2002, grazie Nel 2000 è stato istituito il Forum, ad un cofinanziamento del Ministero costituito da più di 150 “portatori di dell’Ambiente, ha istituito lo Spor- interessi” individuati sul territorio tello ECOIDEA®. ferrarese (in rappresentanza delle 2 istituzioni, delle associazioni profes- La missione è quella di promuovere sionali, ambientali, sociali e cultu- e diffondere tra i cittadini le buone rali, delle scuole, ecc.), che ha ela- pratiche ambientali attuabili nella borato il Piano d’Azione “Ambiente vita di tutti i giorni e assisterli nelle e Futuro Sostenibile”, reso pubblico scelte relative alle tecnologie per il nel Marzo 2001. risparmio delle risorse e dell’ener- gia. Nello specifico, la Collana Gui- Il Piano d’Azione è un documento de Ecoidea attua l’azione 39 del suddiviso in 11 obiettivi strategici e Piano d’azione di Agenda 21 Locale composto da 128 azioni che riguar- che richiede appunto di divulgare ai dano sia aspetti programmatici e cittadini manuali di questo tipo. Ecolabel Questa Guida Ecoidea promuove il marchio Ecolabel in tutti i modi, a cominciare dalla carta che state sfiorando, carta Ecolabel per tipografia completa- mente diversa dalle altre carte, sia per la qualità che per la tecnica di produzione utilizzata. Per capirci, è la stessa differenza che c’è tra fare l’idromassaggio alle Terme e gettare una mancia- ta di aspirine effervescenti nella vasca da bagno.
  3. 3. Indice 2 Introduzione 4 Premessa 5 Ecologia della nascita 8 Pannolini ecologici 10 Allattamento al seno 13 Vedere il mondo dall’alto 13 Consumismo giocattolaio 15 Libri e parole 16 Vado fuori a giocare 3 18 Bibliografia [ NON C’È MAGGIOR ERRORE DI NON FAR NULLA PERCHÉ SI SAREBBE POTUTO FARE TROPPO POCO. ] Vi presentiamo la nostra mascotte: Lucilla! Lucilla è una lucciola tutta speciale: brilla di luce propria grazie ad una lampadina a bas- so consumo energetico e vi accompagnerà in tutta la Collana Guide Ecoidea. Come tutte le lucciole, anche Lucilla è un indicatore di elevata qualità ambientale. Sarà lei ad “illuminare” i consigli e le infor- mazioni contenute nelle nostre guide per ri- spettare l’ambiente e quindi... anche lei!
  4. 4. Premessa Nella nostra casa, nel nostro stile di vita, cerchiamo di non perdere mai di vista la motivazione ambientale. Ispiriamoci ad un’ecologia sostanzia- le e facile, che veda la casa come ba- ricentro spirituale, come luogo dove viviamo. Correggere o modificare al- Se per i nostri cune cose significa vivere in armonia bambini vogliamo con se stessi e con la vita, significa il migliore dei mondi accogliere un figlio integrato nei si- possibili, iniziamo stemi naturali che ci circondano. ad intervenire Ogni Comune di residenza, nel mo- e migliorare mento in cui viene registrata anagra- ficamente una nascita, ha l’obbligo – il nostro piccolo legge 113/92 – di piantare nel proprio mondo quotidiano. territorio un albero, simbolo di vita e della forza della natura. Entro il pri- 4 mo anno viene comunicato ai genitori del neonato il tipo di pianta assegnato e il luogo esatto dove essa è piantata. E’ un gesto delicato e significativo, che vuole sottolineare il valore della nascita e la speranza che ogni bambi- no possa sviluppare le radici di appar- tenenza alla propria città. [ ] CONVIENE, A CHI NASCE, MOLTA OCULATEZZA NELLA SCELTA DEL LUOGO, DELL’ANNO E DEI GENITORI. Gesualdo Bufalino
  5. 5. 1. Ecologia della nascita L’ecologia è la scienza che studia le re- artificiale di routine. lazioni fra gli esseri viventi e l’ambien- L’unico sentimento che la mamma espri- te in cui vivono. me è che tutto questo “la rassicura”. Ecologia della nascita significa sottoli- neare l’importanza dell’ambiente fisi- Nascere in casa co e psicologico nel momento magico in cui si viene alla luce. Le condizioni economiche, igieniche Ecologia della nascita esprime la vo- e sociali permetterebbero oggi alla lontà di rivalutare l’evento nascita, stragrande maggioranza delle donne perché la donna approdi ad un parto di vivere nella propria casa l’espe- fisiologico e non medicalizzato, che ri- rienza straordinaria della nascita. spetti gli spontanei ritmi sessuali del La percentuale di parti a domicilio in travaglio, e possa dare alla luce il suo Italia è ancora molto bassa, si attesta, bambino senza violenza. infatti, interno allo 0,4%, ma nel resto d’Europa è mediamente del 2%. Nei Nessuno nega che la nascita in Ospe- paesi culturalmente più avanzati le dale abbia significato la vita per molte percentuali salgono sino al 14%, per donne e bambini. raggiungere il 32% in Olanda dove un 5 Ma in molte maternità del mondo occi- bambino su tre nasce in casa e il tas- dentale la donna oggi sembra una gal- so di mortalità (sia della mamma che lina ovaiola in batteria, ogni movimento del bimbo) è il più basso del mondo. è sotto il controllo del monitor, ogni na- scita è misurata, registrata, controllata. Dopo la nascita scarso contatto fisico col neonato, ambienti separati, latte “Ecologia della nascita significa sottolineare l’importanza dell’ambiente fisico e psicologico nel momento magico in cui si viene alla luce”.
  6. 6. Alcune regioni italiane, come l’Emi- Nascere in una lia Romagna con la Legge Regionale struttura ospedaliera n. 26/98, hanno stabilito la possibilità e le condizioni per partorire a domicilio Se non vi sentite ancora pronte per far oppure in una “casa maternità”: nascere in casa vostro figlio, scegliete • essere assistite da un’ostetrica con accortezza una struttura sanita- di fiducia iscritta all’Albo ria che rispetti le 15 raccomandazioni dell’OMS (Organizzazione Mondiale • avere un certificato medico da cui Sanità) del lontano maggio 1985, an- risulti l’assenza di patologie. cora non rispettate in diversi Ospedali italiani – ne citiamo alcune: Dettagliate informazioni possono es- sere reperite presso la USL di residen- • non usare il lettino ostetrico du- za, che fornisce anche i modelli per il rante il parto; rimborso delle spese fino all’80%. www.nascitadolce.it • camminare durante il travaglio; www.nascereincasa.it 6 www.ilnido.bo.it • il travaglio non deve essere indotto per comodità della struttura; • evitare la somministrazione di rou- tine di analgesici e anestetici; • la rottura artificiale delle acque non ha giustificazione scientifica; • non esiste indicazione per la rasa- tura del pube e per il clistere pre- parto; • il neonato in salute deve restare con la madre (rooming-in); • si deve promuovere l’allattamento al seno già in sala parto; • deve essere assicurata la presen- za di una persona cara durante e dopo il parto.
  7. 7. Non ti… rifiuto Non riteniamo fuori luogo pensare anche alle donne che, per motivi che non sta a noi valutare, vogliono essere solo madri biologiche. Si può partorire in qualsiasi ospedale “ Di mamma … non ce n’è italiano senza fornire le proprie ge- neralità, senza dare il tesserino sa- nitario, nell’anonimato assoluto e si ha diritto all’assistenza completa. Se una sola” 7 in ospedale si firma per la rinuncia, dopo pochissimi giorni il bimbo viene accolto nella sua nuova famiglia adot- tiva. MADRE SEGRETA tel. 800 400400 attivo 24 ore su 24 è il numero a cui ci si può rivolgere per ogni informazione gratuita.
  8. 8. 2. Pannolini ecologici A La generazione passata ha accolto con Maggior benessere del bambino: gioia l’invenzione dei pannolini “usa e getta”, la generazione presente ne sta • E’ vero che i bimbi (e le bimbe) più pagando le conseguenze: tonnellate di sono asciutti più sono felici? Secon- rifiuti, culetti sempre arrossati, spesa do recenti statistiche, le irritazioni notevole da affrontare. Buona parte sono cresciute dal 7,1% al 61% in delle mamme italiane sta riflettendo pochi anni; Merito della scorretta su alcune ragioni fondamentali per abitudine di cambiare il bambino non scegliere pannolini in stoffa: di frequente, perché tanto i panno- loni sono super-assorbenti; e colpa A il maggior benessere del bambino; anche delle sostanze tossiche come la Tbc, riscontrate da Greenpeace in B la tutela dell’ambiente; molti pannolini. • L’età del passaggio dal pannolino alla C il risparmio economico. mutandina si è alzata molto: è proba- bile che i gel superassorbenti, limi- tando la sensazione di bagnato, ren- 8 dano meno percepibile la sensazione fisica del “ farsi pipì addosso”. Non è raro vedere oggi bambini di tre anni e oltre ancora con il pannolone … ma fisiologicamente a 2 anni tutti i bam- bini hanno il controllo degli sfinteri e Una scelta ecologica sono in grado di essere indipendenti, di questo tipo, che come i nostri genitori possono sicu- andrebbe a ridurre ramente ricordare. Certo, un anno i costi del Comune in più di pannoloni non fa male alle per lo smaltimanto Aziende che li vendono… dei rifiuti, potrebbe Secondo una ricerca condotta essere incentivata dall’Università di Kiel i pannolini “usa con un significativo e getta” provocano il surriscalda- contributo ai genitori mento dello scroto, danneggiando che acquistano pannolini il normale sviluppo dei testicoli nei ecologici. In tale senso maschietti. si sono mosse alcune Immagina poi per te stesso di usare Amministrazioni Pubbliche, giorno e notte mutande di plastica poiché costa molto meno sopra le tue di cotone. Come ti sen- alla comunità sostenere tiresti, specie nelle giornate calde e le famiglie in questa umide? Prurito, nervosismo, reazioni scelta che smaltire i allergiche… e non hai certo la pelle pannolini”usa e getta”. delicata di un neonato.
  9. 9. B C La tutela Risparmio dell’ambiente: economico: Già nel 1993 Greenpeace segnalava la Ogni pannolino “usa e getta” costa distruzione di grandi boschi per la pro- circa € 0,33 quindi la famiglia spende duzione di pannolini: un bimbo usa in tre 6.570 x 0,33 = 2.168 €; il costo di un anni circa 4.500 pannolini (20 alberi di kit di pannolini lavabili è invece di grandi dimensioni); ogni giorno in Italia 300-400 euro, senza contare che po- se ne consumano 6 milioni. trebbe essere proposto come regalo di “nascita” a colleghi, amici e paren- • Produrre pannolini inquina pesante- ti… azzerando quasi completamente i mente l’ambiente: servono plastica, costi per le famiglie. polpa di legno, procedimenti chimici A carico resta la spesa del consumo per assicurare il massimo grado di di energia, acqua, detersivo e il lavo- assorbimento. ro umano per stendere, paragonabile • I pannolini usa e getta necessitano di al compito altrettanto ingrato di ac- ben 500 anni per decomporsi. Solita- quistare periodicamente i pacchi al mente i bambini utilizzano: supermercato e portare quotidiana- 9 - nel primo anno 8 pannolini al mente sacchetti su sacchetti di rifiuti giorno = 2.920 pannolini l’anno; al cassonetto. - nel secondo anno 6 pannolini al Non dimentichiamo infine che i pan- giorno = 2.190 l’anno; nolini possono essere usati per più fi- - nel terzo anno 4 pannolini al gli, aumentando ancora notevolmente giorno = 1.460 pannolini l’anno il beneficio economico per chi li uti- per un totale in media di 6.570 lizza. pannolini, pari a 1.095 kg. di rifiuti Esistono diversi tipi di pannolino eco- pro-capite. logico, tanti modelli, tanti dubbi: mol- lettone, inserti di cotone, taglie uniche In Italia nel 2008 sono nati 563.933 e taglie diverse, mutandine esterne, bambini, quindi oltre 617.506 tonnel- trainer… l’unica cosa che ci sentiamo late di rifiuti da smaltire, più di 3 mi- di suggerire è scegliere pannolini in liardi e mezzo di pannolini. cotone biologico non trattato, colti- • Per effetto delle sostanze usate per vato con metodi rispettosi della na- l’assorbimento, i pannolini necessite- tura; la coltivazione classica richiede rebbero di uno smaltimento differen- infatti ingenti quantitativi d’acqua e ziato. Solitamente poi viene eliminato l’impiego massiccio di antiparassitari il pannolino con la “popò” dentro, po- e anticrittogamici, una minaccia per chi gettano il contenuto nel water, au- gli habitat di diverse specie animali e mentando così, in situazioni di smalti- nociva per il genere umano. mento precarie, il rischio igienico, con forti rischi di contaminazione.
  10. 10. 3. Allattamento al seno Una partecipazione consapevole ed attiva della madre durante il parto aiuta anche ad iniziare bene l’allat- tamento al seno. La quasi totalità delle mamme avrebbe latte a sufficienza per nu- trire il proprio bimbo esclusiva- mente al seno fino a 6 mesi. In Italia, solo il 52% dei bambini di 6 mesi è allattato la seno, il 2% esclusivamente. Dove acquistare i pannolini Nel marzo 2002 l’Autorità garante Non sono molti i punti vendita degli eco- ha condannato le principali azien- pannolini, ma i negozi di alimenti naturali de produttrici di latte in polvere inziano ad esserne forniti. Di seguito diamo ad una multa di circa 6 miliardi di un elenco di siti web di aziende alle quali è lire: le aziende incriminate limi- possibile rivolgersi per chiedere il catalogo, tavano i canali di distribuzione del 10 visualizzare i punti vendita ed eventualmen- latte alle sole farmacie, facendo te acquistare i prodotti on-line: così lievitare il costo del prodotto pannolini in stoffa: di circa il 150%. Inoltre le aziende • www.babynatura.it approvvigionavano gratuitamente • www.bimboenatura.it gli ospedali di latte artificiale at- • www.bellicomeilsole.it • www.bottegadeibimbi.it traverso rigide “turnazioni” stu- • www.ecobaby.it diate a tavolino. Una prassi diffusa • www.ipiccolissimi.it che consentiva di stabilire un pri- • www.labottegadellaluna.it mo contatto tra genitori, bambino • www.lotties.it e una certa marca di latte, che con • www.mariluna.it tutta probabilità i genitori avrebbe- • www.moltexeco.it • www.natur-a.it ro continuato ad acquistare anche • www.newbabyberry.com a casa, naturalmente in farmacia. • www.nidodigrazia.it Il Codice Internazionale sulla com- • www.popolini.com mercializzazione dei sostituti del latte materno raccoglie 11 articoli pannolini in mater-bi: ben precisi per limitare il marke- • www.moltexeco.it ting, ma l’organizzazione IBFAN • www.quibio.it • www.wip-srl.com Italia ( www.ibfanitalia.org) pubbli- ca da anni le violazioni purtroppo Ma non è finita:! sul sito sistematiche al Codice stesso, av- http://larbreabebes.it.free.fr/ venute in Italia. disegni e modelli per realizzare da soli pannolini in stoffa, fasce–marsupio…
  11. 11. Non sempre, oggi come ieri, l’allat- fronte alla scusa di “non fare sentire tamento parte e continua senza pro- le madri colpevoli”. blemi: paura di non avere abbastanza D’altra parte, se l’allattamento è così latte, dolore al seno, impegno troppo naturale, perché non sembra avvenire pressante… gli stessi operatori sa- naturalmente? È una bella domanda. nitari spesso si sentono disarmati di Prima che il bambino arrivi, sembra che tutto ciò che devi fare è mettere il bambino al seno, allattarlo e così via. Ma in realtà non sempre è così sem- plice. Molte donne necessitano di aiu- to e conoscenza per superare le diffi- coltà più frequenti: scarsità di latte, Per chi non si sente dolore intenso al momento dell’allat- proprio pronto per i tamento, poppate troppo frequenti… pannolini di stoffa, esiste una possibilità intermedia, anche se molto più costosa: usare pannolini “usa e getta” 11 fabbricati con mater-bi, rivoluzionario materiale termoplastico a base di amido di mais, biodegradabile e compostabile. La maggior parte delle medicine non compromette il latte materno. Esiste solo una piccola percentuale di farmaci controindicati. Nel dubbio contattare il Telefono Rosso 06 3050077 dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Policlinico A. Gemelli, Ist. Ginecologia di Roma: risponde dal lunedì al venerdì, h. 9,00/13,00 e 14,00/16,00, offrendo un servizio telefonico di consulenza gratuita sulla reale pericolosità dei farmaci in gravidanza e allattamento. Anche l’Istituto M. Negri - Tossicologia di Milano ha attivato un numero verde 800 883300 sempre attivo per fornire indicazioni precise sui farmaci utilizzabili in gravidanza e allattamento.
  12. 12. La risposta non è “allora usiamo bi- Rinforziamo e serviamoci con fre- beron”, (come suggeriscono alcuni quenza anche quotidiana dei servi- pediatri) ma “impariamo i metodi per zi che già esistono sul territorio: allattare meglio”: La Leche League Italia (http:// www.lllitalia.org/) offre consulen- • SOSTENERE, CONSIGLIARE le za telefonica fatta da mamme vo- mamme correttamente sulle mo- lontarie qualificate, 24 ore su 24, dalità dell’allattamento, soprattut- al numero 199 432326 per qualsia- to nei primissimi giorni e nelle pri- si “emergenza” allattamento. Vedi me settimane di vita del bambino è anche altri link in fondo alla guida l’unico modo perché l’allattamento e i Centri di Allattamento del tuo abbia successo. Comune. Link di approfondimento agli argomenti trattati: 12 • www.allattiamo.it • www.anep.org • www.babyconsumers.it • www.bambinonaturale.it • www.camina.it • www.cohousing.it • www.foi.it/mami • www.giocattolisicuri.com Sostenere, • www.ibfanitalia.org consigliare le mamme • www.ilmiobaby.com correttamente • www.logic.it/melograno • www.mami.org sulle modalità mammarsupio.com dell’allattamento, è • www.mammole.it l’unico modo perché • www.nascereincasa.it abbia successo. • www.nascitadolce.it • www.novemesi.com • www.portareipiccoli.it • www.sosmamaonlus.it • www.sosmamma.org • www.unimondo.org/bilancidigiu- stizia
  13. 13. 4. Vedere il 5. Consumismo mondo giocattolaio dall’alto “Vorrei che mamma e papà giocassero, senza fretta, con me.” E, a proposito di ambiente sano Questa sicuramente è la richiesta im- che ci circonda… , evitiamo di por- plicita ed inascoltata di tante letterine a tare a spasso i bambini col pas- Babbo Natale. seggino. Ricordiamoci che sono Di solito invece noi ci preoccupiamo giusto all’altezza dei tubi di scap- solo dei regali, che per il compleanno pamento. Marsupio, fascia lunga, o per Natale sono difficilissimi da sce- elastica, zaino sono sicuramente gliere: la quantità è illimitata, la pubbli- più economici del passeggino e più cità pressante, e poi i bimbi “ hanno già rilassanti per il bimbo che al ritmo tutto”. cadenzato dei passi si addormenta Un modo per iniziare a proteggere l’am- tranquillo, biente è eliminare innanzitutto i giocat- toli che vanno a pila. L’energia che ser- ve per produrre una pila è 50 volte mag- giore dell’energia prodotta dalla pila stessa. Quindi le pile rappresentano uno spreco di risorse per cause abbastanza 13 futili. Contengono inoltre sostanze pe- ricolose come cadmio e mercurio, che possono fuoriuscire se la pila si inumi- disce. Anche le pile più verdi contengo- no zinco, carbonio, cloruro di mercurio e manganese. • Verifichiamo l’esistenza del mar- chio IMQ nei giocattoli elettrici; “Vorrei che mamma • Sono disponibili sul mercato gio- e papà giocassero, cattoli che non contengono ingre- senza fretta, con me”. .
  14. 14. dienti tossici, vernici. Il piombo • Preferiamo giocattoli artigianali è stato abolito in molti coloranti (ad alto contenuto di manodopera ma può essere ancora presente in per favorire l’occupazione), prefe- qualche articolo verniciato. riamo giocattoli in legno non trat- • I giocattoli sicuri devono avere la tato; marchiatura CE. Devono ripor- • Evitiamo i giochi in plastica morbi- tare nome e indirizzo del fabbri- da PVC cante o dell’importatore europeo. • Al posto del ciuccio, angoli di stoffa • Se questa indicazione manca da coccolare e da succhiare; spesso sono giocattoli importati • Scegliamo animali e orsacchiotti in dall’Estremo Oriente, scarsamente fibre naturali e lavabili a mano; affidabili. Su molte scatole si trova il disegno di un cartello stradale • Più il giocattolo è semplice e grez- con una fascia rossa e il disegno di zo, più stimola la fantasia; una un bimbo con la scritta 0-3. Si tratta stanza piena di giochi, al contra- di giocattoli pericolosi per bambi- rio, stanca ed abitua alla logica ni inferiori ai 36 mesi perché di di- dell’”usa e getta”. 14 mensioni ridotte o parti staccabili, che possono essere inghiottite. Nel suo bel libro “Bebè a costo zero” ed Il leone Verde, Giorgia Cozza ci mette in guardia dal mar- keting ingannevole delle Aziende di prodotti per l’infanzia, dalla corsa sfrenata agli acquisti inutili o non necessari: è possibile orientarsi a soluzioni meno costose, econo- micamente e ambientalmente, del Un bambino tutto soddisfacenti per il piccolo diretto interessato. rimane piccolo per poco tempo. Poi ha tutta la vita davanti per ricordare chi ha giocato con lui.
  15. 15. 6. Libri e parole Fino a pochi decenni fa, gli editori o della televisione, si perpetua nei usavano illustrazioni e copertine dvd, nei giochi in scatola, o negli affascinanti per indurre il pubbli- innumerevoli gadget (vedi Harry co di grandi e piccini ad acquistare Potter, i film della Walt Disney, i libri nuovi. gadget della Mac Donald’s…). Oggi, nella grande editoria, il libro Nell’acquistare un bel libro per i non è più un bene a sé. nostri bambini valutiamo che esi- E’ diventato l’ anello di una catena stono anche altri libri, di autori mediatica che inizia con un’idea, forse poco conosciuti ma di altis- assume una prima forma come sima qualità. articolo di rivista, si incarna fra le Oppure… approfittiamo del mo- copertine di un libro, ottiene mag- mento, e mentre facciamo la spe- gior vita sugli schermi del cinema sa insieme raccontiamo che anche facendo la spesa e scegliendo certi cibi piuttosto che altri noi possia- mo avere un impatto sull’ambien- te, sulla giustizia sociale, sulla salute. Oppure… raccontiamo la nostra 15 vita da piccoli, qualche episo- dio romanzato, inventiamo favole salva-vita, in cui il bimbo possa identificarsi col protagonista e ri- elaborare e superare un suo pro- blema particolare. PARLIAMO: il dono della genuina narrazione orale fino agli inizi del XX secolo era parte integran- te della nostra cultura, il potere delle storie serviva a costruire un senso della realtà significativo. Oggi raccontare è faticoso, i geni- tori non hanno tempo e soprattutto ripetono le favole meccanicamen- te, senza apporre alcuna variante personale. Anche le storie sono diventate merci.
  16. 16. 7. Vado fuori a giocare Nel suo bellissimo libro “ La città dei Nel parco lontano: bambini” , Tonucci propone uno svi- luppo sostenibile delle città, conside- • può andarci solo con un adulto, rando il bambino come sensibile indi- che lo deve accompagnare ad orari catore di elevata qualità ambientale: compatibili col proprio lavoro; se in una città incontri bambini che • deve cambiarsi e vestirsi non “da giocano nei cortili, vanno a scuola da casa”; non deve sporcarsi; soli e si muovono con disinvoltura nei pressi della loro casa, significa che • non può andare in casa a fare la pipì… quel luogo è sano, per loro ma anche per gli anziani e per tutti i cittadini. È difficile da capire per noi, ma gioca- Ambiente non significa solo piante e re sulle scale del proprio condominio animali ma anche “ambiente urbano con il bimbo dei vicini è un’esperien- che ci circonda”. La città come ecosi- za molto più importante e intensa del stema oggi sta scomparendo. Non è frequentare il parco giochi . più luogo di incontro e scambio, ma di separazione e specializzazione, posti Protetto con amore… diversi per persone diverse. Le case o sottoposto al 41 bis? 16 sono buona parte del giorno senza bambini. Le case non sopportano il Da vari decenni la psicologia si oc- chiasso di bambini che giocano per le cupa in modo ossessivo del bam- scale o nei cortili, anche se sopporta- bino, omettendo di occuparsi della no quello ben peggiore del traffico. sua nuova spaventosa malattia: la Ma se a un bambino togliamo il pic- solitudine. colo spazio per giocare sotto casa e glielo ridiamo cento volte più grande • È solo perché spesso è figlio unico, e bello e pieno di giostre a un chilo- carico di ansiose aspettative da metro di distanza, glielo abbiamo tol- parte dei genitori. to e basta. • È solo nella sua casa-fortezza, blindato ed impossibilitato ad ogni contatto spontaneo con l’esterno; si installano videocitofoni e sistemi di allarme, si insegna a non aprire a nessuno, a non parlare con nes- suno a non fermarsi con nessuno e poi si pretende di educare i figli alla tolleranza, alla solidarietà, all’aprirsi agli altri. • A fatica il bambino riesce a render- si conto del vento, della pioggia,
  17. 17. dei cambiamenti del tempo, sepa- stessi, da parenti o amici stretti e co- rato com’è dal mondo da finestre e nosciuti; quando avviene fuori è frutto tendaggi, bardato nelle rare uscite del disinteresse e dell’abbandono in cui che fa da strati di tessuti isolanti; vengono lasciati alcuni bimbi. spesso vede scorrere le stagioni Superare la paura è difficile, e gli ammi- solo dal finestrino dell’automobile, nistratori debbono farsene carico. Alcune durante i tragitti casa-scuola. bravissime maestre hanno ideato proget- ti che offrono la concreta possibilità per i • Non conosce colori, profumi, non bambini di andare a scuola in autonomia, annusa, non tocca la terra, cono- a piedi o in bicicletta. Tanto è stato fatto sce tutti gli animali solo sui libri e ma tanto ancora si può e si deve fare. non ha mai toccato una gallina. Promuoviamo un’inversione di tenden- za nelle scelte politiche e nelle abitudini • È solo nella sua immobilità, affi- individuali, per garantire città migliori e dato alla baby sitter - televisione vivibili a noi e a chi verrà dopo di noi. - play-station, facile preda degli Cerchiamo modalità abitative come il spot pubblicitari e persuasore di co-housing, dove i bambini possono cor- consumi presso i suoi genitori. rere da una casa all’altra senza la sor- • È solo nell’orgia di impegni: com- veglianza del proprio genitore, in quanto piti, palestra, piscina, parrocchia, ogni adulto ha a cuore la salvaguardia e scout, ma completamente privo di il benessere di ogni bambino, non solo di relazioni spontanee. quello proprio e dove c’è meno la sud- divisione tra i bambini piccoli e i ragazzi 17 • Perfino il proprio compleanno sta più grandi . diventando un momento alienante, Pensiamo e rendiamo sicure le nostre organizzato non nella propria casa città, difendiamo i diritti dei pedoni an- ma in una struttura estranea (Mc- ziché quelli delle auto, recuperiamo i Donald, circolo..), con tutta la classe cortili dei nostri palazzi adibiti a parcheg- invitata - come se il bimbo non aves- gio, cominciamo col rendere possibile ai se simpatie e antipatie - e spesso nostri figli “andare fuori a giocare”. con un animatore, come se i bimbi www.cittasostenibili.minori.it non fossero in grado di “animarsi” www.camina.it giocando tra loro semplicemente. La vera e propria SEGREGRAZIONE ed estraniazione dei figli dall’ambiente “Ambiente fisico e umano che li circonda è giu- stificata dai genitori con la paura, col terrore per tutto quello che può succe- non significa solo dere e si legge… piante e animali I bambini non vanno protetti, ma ar- ma anche ambiente mati di coraggio. La sicurezza dei nostri bambini è funzione della fiducia, non urbano che ci della paura e della difesa. I Tribunali dei circonda”. Minorenni sottolineano che il 98% della violenza verso i minori avviene nel pri- vato, nelle case, perpetrata dai genitori
  18. 18. La presente guida è stata stampata su carta Ecolabel Cyclus Offset “Anche noi condividiamo” è il progetto della Provincia di Ferrara visibile sul ristampa marzo 2009 sito www.provincia.fe.it/ecoidea, con cui la Collana Guide Ecoidea viene resa disponibile gratuitamente Bibliografia per la personalizzazione e la stampa da parte di qualsiasi Ecologia della nascita – M- Odent – Red Ente interessato. Edizioni Bebè a costo zero, Giorgia Cozza, ed. Il leone verde Il corpo virtuale A. Carone, Muzzio Padova 1996 L’arte dell’allattamento materno – La Leache League La città dei bambini – F. Tonucci- ed. 18 Laterza La cura di tutte le malattie – H.Regehr Clark – ed. Macro La solitudine del bambino. F. Tonucci – ed. La Nuova Italia L’agricoltore e il ginecologo , Michel Odent– ed Il leone verde © Sportello Ecoidea®, Oltre il giardino – J.Zipes – ed. Assessorato all’Ambiente, Agenda 21 Mondatori Locale e Cooperazione internazionale Quando i bambini dicono adesso basta! della Provincia di Ferrara – F. Tonucci – ed. Laterza www.provincia.fe.it/ecoidea ecoidea@provincia.fe.it Questa guida è stata compilata per A cura di: fornire, in poche pagine, la maggior Alida Nepa, Stefano Fortini chiarezza e completezza di informa- e Stefania Sacco dell’Ufficio Agenda 21 zioni sull’argomento. Se ti interessa- e INFEA, coordinati da Gabriella Dugoni no ulteriori approfondimenti, indirizzi Dirigente del Servizio Politiche della Sostenibilità e Cooperazione locali, siti internet sui punti trattati, internazionale. contattaci. Ugualmente se noti un’inesattezza, un’informazione mancante o supera- ta, ti preghiamo di segnalarlo. Stampa Sate - Fe Graphica Grazie per la collaborazione.
  19. 19. Pannolini ecologici Dove vederli Nelle eco-vetrine dello sportello Ecoidea sono a disposizione dei geni- tori interessati vari tipi di pannolino di molte marche, in stoffa e in mater-bi, cataloghi e depliant. Il personale è a disposizione per il- Strutture lustrarne le modalità di utilizzo, il ri- ospedaliere sparmio economico-ambientale ma soprattutto i vantaggi per la salute Segnaliamo alcune strutture ospe- del bimbo. daliere della nostra zona, consi- gliando di informarsi per verificare Centri allattamento quante e quali raccomandazioni Comune di Ferrara dell’OMS rispettano. Centro per le Famiglie Isola del tesoro Ferrara Piazza XXIV Maggio, 1 Arcispedale S. Anna Tel. 0532 207894 Tel 0532 236111 (tutte le mattine dal lunedì al venerdì) Comacchio (Fe) • consulenza telefonica e individua- Ospedale San Camillo le con operatori o mamme volon- Tel. 0533 310611 19 tarie Lagosanto (Fe) • incontri durante/dopo la gravidan- Ospedale Valle Oppio za: secondo e ultimo martedì del mese, dalle 17 alle 19. Ospedale del Delta Tel. 0533 723111 A.S.L. di Ferrara Via Boschetto, 29 Cento (Fe) numero verde 800 551333 Ospedale SS. Annunziata (lun. - mer. - ven. dalle 9,00 alle 12,30) Tel 051 6838111 Comune di Comacchio Bentivoglio (Bo) Tel. 0533 312863 Ospedale A.S.L. Comacchio - Codigoro Tel. 051 6644111 Tel. 0533 729730 Bologna A.S.L. Argenta Policlinico S. Orsola - Malpighi Tel 0532 317924 Tel. 051 6363368 A.S.L. Portomaggiore Lugo (Ra) Tel. 0532 817421 Ospedale Civile A.S.L. Cento Tel 0545 44111 Tel. 800 076640 Suzzara (Mn) A.S.L. Copparo Ospedale Civile Tel. 0532 879040 Tel. 0376 517322
  20. 20. Puoi richiedere le Guide della Collana Ecoidea allo Sportello Ecoidea ® tel. 0532 299540 fax 0532 299525 Collana Guide Ecoidea Gratuitamente puoi richiedere le Guide Ecoidea 1 Dal pattume… al concime - Il compostaggio domestico perché e come ottenere un ottimo concime utilizzando gli scarti domestici 2 Prendi uno… paghi due – La riduzione dei rifiuti all’acquisto consigli per fare la spesa valutando anche imballaggi e confezioni 3 Sto arrivando… com’è il posto? – Bambini e ambiente suggerimenti per allevare un bambino sano in un mondo che sano non è 4 Mi fa male… l’ufficio – L’ufficio ecologico come rendere più vivibile e salubre l’ambiente lavorativo e farsi passare il mal d’ufficio 5 Bella e... generosa – Ferrara gratis... o quasi monitoraggio di tutte le possibilità ed i beni a disposizione gratuita dei ferraresi 6 Il cielo... nella mia stanza – Bioarchitettura tecniche e modalità per costruirsi una casa utilizzando i principi della bioarchitettura 7 Sì… viaggiare! – Turismo sostenibile trasformiamoci da vacanzieri inconsapevoli a turisti rispettosi dell’ambiente fisico e umano 8 Lasciati… guidare – Ecologia sulla strada strategie per risparmiare carburante ed euro e inquinare meno, guidando in maniera diversa 9 Un posto… al sole – Pannelli solari e risparmio energetico energia dal sole ora accessibile a tutti 10 Casalinghe/i... disperate/i – Come risparmiare ambiente ed euro in casa? buone pratiche domestiche in ogni stanza della propria casa INOLTRE… tante altre informazioni / Guide / opuscoli / manuali per risparmiare ambiente ed euro. Sportello Ecoidea ® Contattaci alla mail: ecoidea@provincia.fe.it www.provincia.fe.it/ecoidea FILO DIRETTO con lo Sportello Ecoidea® Cell.328 1507070, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 Aperto: giovedì dalle 9 alle 16 su appuntamento tel.0532 299540 - fax 0532 299525 Sportello Ecoidea® Servizio Politiche della Sostenibilità e Cooperazione Internazionale della Provincia di Ferrara, Editore EDISAI s.r.l. Ferrara Corso Isonzo, 105/a - Ferrara ISBN 978-88-95062-65-5 Per approfondimenti, materiale, indirizzi e chiarimenti sui temi della sostenibilità, energie rinnovabili,  1,00 (IVA assolta dall’editore) consumo consapevole, contattaci.

×