Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Tutto nuovo2

283 views

Published on

introduzione/spiegazione attività di settembre SSPG "Stabiae - Salvati"

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Tutto nuovo2

  1. 1. 1/14 settembre 2015 Maria Principato
  2. 2. Maria Principato osservazione riflessione Auto - osservazione Valorizzazione forza merito osservazione Criticità comparazione revisione progettazione pianificazione ricerca azione
  3. 3. Di cosa si tratta? Si tratta di misurarci con nuovi modelli interpretativi del fare scuola per innescare una cultura del miglioramento della performance dell’istituzione scuola. E’ un’idea di ‘buona scuola’ che fa riferimento agli esiti del proprio operare e ai processi posti in essere DPR 80/2013 DPR 275/99 Direttiva 11/2014 Maria Principato DDL 107/15
  4. 4. Quali gli obiettivi? Maria Principato •Promuovere lo sviluppo professionale •Far andare a regime un virtuoso modus operandi •Promuovere la cultura del miglioramento: Comprendere la dinamica di funzionamento dell’organizzazione scolastica • individuare le ragioni dei risultati ottenuti • orientare le azioni innovative agire su strumenti percorsi e protocolli per la valutazione delle scuole agire sul contesto operativo, didattico, socioculturale AGIRE SULL’AGIRE
  5. 5. ……. dal RAV Le priorità …… traguardi triennali 1. Risultati a distanza • Conoscere la % di studenti che segue il consiglio orientativo • Conoscere la % di ex-alunni promossi alla fine del primoanno della scuola successiva 1. Risultati nelle prove standardizzate nazionali • Rientrare nella media nazionale con tutte le classi, cercando di superarla entro il 10%. • Ridurre la % di studenti nel livello 1 • Ridurre la varianza fra le classi PTOF Maria Principato
  6. 6. …. dal RAV Obiettivi di processo …. traguardi annuali – Curricolo, progettazione e valutazione • Creare e utilizzare un format come modello comune per la progettazione • strutturare e somministrare in ingresso prove comuni • avviare la realizzazione di un curricolo per competenze – Inclusione e differenziazione • Differenziare i percorsi didattici per il recupero • Monitorare i percorsi e la valutazione alunni • Implementare le azioni del GLI • Programmare corsi di aggiornamento per l'acquisizione di metodologie inclusive – Continuità e orientamento • Calendarizzare incontri periodici con i docenti degli ordini di scuola contigui (tavoli di lavoro), per affrontare la sfida di un curricolo verticale • Creare momenti di lavoro comuni tra studenti di ordini di scuola contigui su temi comuni. Azioni annuali finalizzate a raggiungere quei traguardi Maria Principato
  7. 7. Creare e utilizzare un format come modello comune per la progettazione • Scheda progetto • Scheda di sintesi progetto Avviare la realizzazione di un curricolo per competenze • Nodi concettuali e assi culturali • Format prova esperta Maria Principato Ci siamo lasciati qui
  8. 8. PROVE ESPERTE ABILITA’ CONOSCENZE COMPETENZE FOCUS DELL’OSSERVAZIONE INDICATORI: COSA OSSERVO PER CAPIRE CHE C’E’ QUESTA COMPETENZA? PUBBLICITA’ IMMIGRAZIONE ALIMENTAZIONE NORD/ SUD RISORSE ENERGETICHE Quali i nodi concettuali per le nostre prove? Maria Principato CHE COSA è bene INSEGNARE della mia disciplina? Cosa è prioritariamente significativo, dotato di senso? QUALE IMPEGNO MENTALE sto richiedendo al mio alunno? Attraverso la mia disciplina quali rapporti posso stabilire con la realtà che circonda l’alunno?
  9. 9. Maria Principato CHE COSA è bene INSEGNARE della mia disciplina? Cosa è prioritariamente significativo, dotato di senso? QUALE IMPEGNO MENTALE sto richiedendo al mio alunno? Attraverso la mia disciplina quali rapporti posso stabilire con la realtà che circonda l’alunno? Quale prova esperta? Rilevanza concettuale Spendibilità culturale e sociale Definizione competenze Definizione competenze
  10. 10. Maria Principato Prova esperta Prova = verifica fatta a fine anno scolastico Esperta = prevede un impegno pluridisciplinare In cui l’alunno …. Sa Sa fare Sa perché fare Sa come fare CURRICOLO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE
  11. 11. Se parliamo di competenze il nostro compito cambia: “si tratta di accertare non ciò che lo studente sa, ma ciò che sa fare con ciò che sa” (Wiggins, 1993) competenza è ….. SAPER AGIRE → mobilitazione del sapere (risorse, interpretazione, azione, autoregolazione) VOLER AGIRE → disposizioni ad agire (motivazione, immagine di sé, …) POTER AGIRE → rapporto con il contesto (interazione sociale, sensibilità al contesto, …) Maria Principato
  12. 12. deve venire fuori una prestazione …. e l’iceberg si ribalta! Maria Principato
  13. 13. … e se di prestazione si tratta ….. Quali processi cognitivi l’insegnante deve innescare ? Maria Principato giustificarelescelte condividere ricostruire autovalutarsi trasferire ricercare risolvere problemi applicare ideare creare generalizzare
  14. 14. …. E allora ? Il format potrebbe essere una risposta A cosa serve • UDA • CONSEGNA AGLI STUDENTI • PIANO DI LAVORO • SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE • GRIGLIA DI VALUTAZIONE • Griglia di autovalutazione Cosa contiene • Offre un percorso • Delinea i paletti di un modus operandi in cui l’alunno è il protagonista indiscusso • Offre la possibilità di crearci un lessico condiviso • Offre …… Maria Principato
  15. 15. Creare e utilizzare un format come modello comune per la progettazione • Scheda progetto • Scheda di sintesi progetto Avviare la realizzazione di un curricolo per competenze • Nodi concettuali e assi culturali • Format prova esperta Maria Principato
  16. 16. Maria Principato

×