Littorina Appello agli Altri Comuni - 08 10-2006

224 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
224
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Littorina Appello agli Altri Comuni - 08 10-2006

  1. 1. Latina Oggi Domenica 8 Ottobre 2006 CRONACHE DEL GOLFO 33 Numerose critiche al presidente dopo la bagarre in aula Gestione dell’assise, è polemica FORMIA - «Se persiste questo modo di gestire il consiglio comunale, non prenderò più parte ad alcuna seduta». La massima assise di Formia - svoltasi venerdì pomeriggio - sarà ricordata sì per le due delibere consiliare votate, sulla Littorina e Pedemontana, ma anche per il caos che si è registrato a tarda sera. Una bagarre per cui è stato necessario sospendere la seduta. A stigmatizzare quanto avvenuto in aula e, soprattutto, a puntare il dito contro chi dovrebbe regolare i lavori del Consiglio - ovve- FORMIA - «Finalmente anche il consiglio comunale di Formia si è espresso a favore della metropolitana. La tratta attualmente in esecuzione, Bevano-Formia, non può e non deve diventare l'obbiettivo ultimo, ma solo un primissimo passo per la realizzazione di un collegamento più ampio e funzionale». E' questo il commento del circolo locale di Legambiente, La barba di Giove, al sì espresso nella massima assise formiana alla riattivazione dell'ex Littorina - la vecchia ferrovia che collegava le due città del Golfo -. Un parere favorevole che consentirà al Consorzio industriale di procedere con la richiesta di finanziamenti necessari per la costruzione della tratta ferroviaria. Ma, se da una parte la delibera consiliare serviva a chiudere un percorso burocratico, dall'altra c'è chi pensa che questa sia, invece, solo l'inizio di un nuovo iter. «A nostro avviso bisogna iniziare a lavorare, affinché anche i comuni di Minturno e Castelforte si attivino per sollecitare un prolungamento della metropolitana - chiarisce il rappresentante del movimento ambientalista, Raffaele Cicione -. Il coinvolgimento delle altre amministrazioni è utile, affinchè si possa giungere in un tempo ragionevole al collegamento delle terme di Suio con i comuni del golfo e la linea ferroviaria Roma-Formia-Napoli». Ed ancora, Legambiente ritiene «indispensabile per l'intero comprensorio poter congiungere la linea dell'alta velocità con la metropolitana e conseguentemente con l'attuale linea ferroviaria Roma Napoli, considerato che tale collegamento è possibile. Ciò renderebbe più accessibile l'ateneo di Cassino, ateneo frequentato da ro il presidente della massima assise - , è il consigliere comunale di maggioranza Mattia Aprea, che chiarisce: «Chi è deputato a questa funzione non può farsi sfuggire di mano la situazione. Se qualcuno non se la sente di ricoprire questo ruolo, abbia il coraggio di fare un passo indietro. La bagarre a cui abbiamo assistito è stata una vera offesa all’intelligenza dei formiani». Aprea, infine, lamenta il mancato coinvolgimento nella convocazione del prossimo consiglio di venerdì sulla Pedemontana. Littorina, appello agli altri Comuni «La linea dovrà coprire tutto il Golfo» Legambiente: serve un collegamento più ampio «Bisogna cominciare a lavorare perché anche Minturno e Castelforte prolunghino la tratta «Il problema dell’ambiente va affrontato con un’ottica più ampia non solo localistica» Raffaele Cicione Nicola Limongi Formia, gli attacchi della minoranza LITTORINA e Pedemontana, i due temi che hanno tenuto banco nel Consiglio di venerdì. Due argomenti, che, secondo l’assessore provinciale del Nuovo Psi, Silvio D’Arco, non sarebbero stati mai approvati senza «la spinta» della minoranza. «I risultati del Consiglio comunale hanno messo in evidenza le gravi contraddizioni e le divisioni interne dell'attuale amministrazione di centro sinistra, che, oltre agli annunci roboanti, non è stata in grado di dare sostanza e concretezza ai progetti che servono allo sviluppo della nostra città - spiega D’Arco -. Bartolomeo e la sua maggioranza Gli interrogativi sulla Pedemontana politica sono stati letteralmente ’costretti’, all'azione incalzante e responsabile dei consiglieri di opposizione, ad approvare due provvedimenti importanti, voluti e promossi tenacemente dalle forze politiche della Casa delle Libertà: la Pedemontana e la Littorina Gaeta-Formia». Oltre al parere favorevole sul progetto della tratta ferroviaria Formia-Gaeta, il Consiglio ha approvato un documento indirizzato al Governo ed alla Regione Lazio, affinché la Pedemontana di Formia venga reinserita tra le opere prio- ritarie infrastrutturali strategiche. Su quest’ultimo atto deliberativo interviene anche il capogruppo di FI, Erasmo Picano, che precisa: «Mi sembra evidente che la Pedemontana è stata messa da parte, in favore di altri interventi. Mi chiedo: questa opera è stata esclusa, perchè non ha avuto gli sponsor politici o perchè si ha intenzione di cambiare il progetto?». E l’interrogativo Picano lo pone all’intera maggioranza di centrosinistra. Altri chiarimenti sui fondi per la realizzazione dell’opera: «Il progetto non poteva essere fi- Formia, il dibattito sulla pena di morte Formia, oggi la kermesse con le storiche auto Amnesty International incontra gli studenti Raduno del Tirreno, le 500 arrivano in piazza IL GRUPPO di Formia di Amnesty International ha organizzato per il martedì 10 Ottobre - dichiarata Giornata mondiale contro la pena di morte - un’iniziativa nelle scuole medie e superiori di Formia, Gaeta, Minturno ed Itri. Amnesty International è membro della Coalizione Mondiale contro la pena di morte, che quest'anno, ha deciso di dedicare la giornata mondiale all'abolizione della pena di morte in Africa. Nonostante la maggioranza degli stati africani non ricorra più all'uso della pena capitale, l'abolizione non è ancora estesa a tutto il continente. Il gruppo «Amnesty International» di Formia ha invitato gli istituti medi e superiori del sudpontino (Gaeta, Formia, Itri e Minturno) ad aderire alla giornata di mobilitazione .All'interno degli istituti che lo faranno verrà esposto un manifesto che ricorda tale ricorrenza. Da 45 anni Amnesty International (AI) difende i diritti umani in tutto il mondo, nel 1989 lancia la sua prima campagna mondiale contro la pena di morte e da allora si batte facendo pressioni sui Governi interessati per la sospensione o la conversione delle condanne a morte emesse ancora oggi in 51 paesi. APPUNTAMENTO questa mattina a partire dalle 9.30 per tutti gli amanti della storica «Fiat 500». Il «Raduno del Tirreno», questo il titolo della manifestazione, avrà inizio alle 9.30 in largo Paone a Formia dove tutti gli amanti della piccola automobile si sono dati appuntamento al bar «La Perla». Le auto sfileranno poi nei pressi di via San Pietro e arriveranno al ristorante del Centro Coni di Formia. L’incontro, organizzato dal club «Car Story» è uno dei più importanti nel settore delle auto d’epoca e il fatto che faccia tappa nella città di Formia è sicuramente motivo di lustro per gli amanti di questo genere di iniziative. Per eventuali informazioni sulla kermesse e il programma dettagliato si può comunque contattare il numero di telefono 0771.722117 oppure 736640 o chiamare i numeri di cellulare 328.1338292 o ancora 338.2167852. nanziato, prima che venisse approvato dal Cipe. Approvazione che è avvenuta solo nel marzo di questo anno. Questa è la prima finanziaria nella quale potevano essere stanziati i soldi per la Pedemontana». Anche sulle procedure degli stanziamenti, Picano avanza delle considerazioni: «Sono convinto che non è necessario vincolare per diversi anni una cifra iperbolica su un intervento. Si possono, intanto, con somme minori aprire diversi cantieri e dare l’avvio ai lavori. Successivamente sarà compito di chi sta al governo impegnarsi per reperire altre risorse per continuare l’opera». tantissimi ragazzi del golfo». Ed al riguardo Cicione auspica un intervento da parte delle amministrazioni provinciali di Latina e Frosinone nei confronti della regione Lazio. L’importanza di una linea di metropolitana leggera per il sud pontino? «Riteniamo che una forte cura a base di ‘ferro’ sia per i passeggeri, che per le merci - risponde il rappresentante del circolo farebbe bene non solo all'economia del territorio, ma anche alla salute di tutti i cittadini e fluidificherebbe non poco il traffico locale». Infine, Cicione spende due parole anche sui dubbi sul progetto, avanzati in Consiglio. «Ci rendiamo conto che quello che chiediamo può apparire illusorio, ma occorre affrontare tali questioni con un ottica più ampia di quella comunale, altrimenti si rimane invischiati in questioni poco utili alla collettività. Le legittime richieste, del consiglio comunale di Formia, rispetto alla tipologia e movimentazione delle merci sono sacrosante, ma ci chiediamo oggi: quelle merci non si muovono con i camion e con quali rischi e che traffico generano? La salute dei cittadini che risiedono nei pressi della linea ferrata va tutelata, ma non va tutelato anche quella dei cittadini che abitano lungo le strade? Il fatto che costa meno il viaggio in auto non può essere una questione pregiudiziale, perché ciò avrebbe come conseguenza l'eliminazione di tutti gli altri mezzi di trasporto. Ben venga una nuova ed ulteriore possibilità di movimentazione delle merci e delle persone, ben venga la conferma dei collegamenti marittimi tra le città del golfo, Legambiente chiede sicurezza e possibilmente contestualità». Mariantonietta De Meo

×