Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
A seguito delle Linee Guida Nazionali, della Legge Regionale n. 23/2013 e del Regolamento
Regionale del 10 marzo 2014 n. 3...
Le Aziende possono attivare tirocini formativi e di orientamento con soggetti che abbiano compiuto il
sedicesimo anno ed a...
• aggiorna la documentazione relativa alle attività formative ( registri, etc… ) per l’intera durata del
tirocinio;
• conc...
professioni ordinistiche e i tirocini curriculari, inseriti all’interno di un percorso formale di istruzione o di
formazio...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Tirocini formativi le nuove regole Circ. n.23 del 11.06.2014

451 views

Published on

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Tirocini formativi le nuove regole Circ. n.23 del 11.06.2014

  1. 1. A seguito delle Linee Guida Nazionali, della Legge Regionale n. 23/2013 e del Regolamento Regionale del 10 marzo 2014 n. 3, i tirocini formativi e di orientamento e di inserimento / reinserimento risultano profondamente modificati ed appesantiti nella gestione burocratica ed amministrativa. I tre provvedimenti normativi sopracitati intervengono per regolare i tirocini con disposizioni che in alcuni casi si sovrappongono e si contraddicono. L’eccessiva Regolamentazione invece di chiarire alcuni aspetti genera confusione e disordine. Con il lavoro che segue cerchiamo di mettere in ordine le varie disposizioni. Circolare n°23 del 11/06/2014 Tirocini formativi: le nuove regole Le Linee Guida intervengono sulla materia dei tirocini con l’intento di prevenire e contrastare l’uso distorto e, in maniera celata, di disincentivarne l’utilizzo in favore dell’Apprendistato. Al fine di qualificare i tirocini e di limitarne gli abusi è previsto che non possano essere utilizzati per tipologie di attività lavorative per le quali non sia necessario un periodo formativo. L’Azienda ospitante non può realizzare più di un tirocinio con lo stesso soggetto. I tirocinanti non possono essere utilizzati per attività che non siano coerenti con gli obiettivi formativi del tirocinio stesso. L’Azienda può ospitare tirocinanti solo se in regola con la normativa sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e sul collocamento obbligatorio. Inoltre nei dodici mesi precedenti l’attivazione del tirocinio l'Azienda non deve aver effettuato licenziamenti diversi da quelli per giusta causa e per giustificato motivo soggettivo né deve avere in corso procedure di cig straordinaria o in deroga per attività equivalenti a quelle del tirocinio. La durata del tirocinio è definita sulla base delle competenze da acquisire e degli obiettivi formativi individuati nel progetto e non può essere superiore a sei mesi prorogabili di trenta giorni. Per i soggetti disabili e per le persone svantaggiate tale durata è elevata fino a massimo dodici mesi. La durata originariamente stabilita del percorso formativo può essere prorogata per non oltre trenta giorni; per non oltre dodici mesi, qualora i tirocinanti siano disabili o soggetti in condizione di svantaggio sociale. p.zza Regina Margherita 7, 73037 Poggiardo (Le) - Tel. 0836.901766 Fax 0836.904366  postmaster@studiocarlucciocirchetta.it  www.studiocarlucciocirchetta.it
  2. 2. Le Aziende possono attivare tirocini formativi e di orientamento con soggetti che abbiano compiuto il sedicesimo anno ed assolto l’obbligo scolastico, e che si trovino in condizione di inoccupazione o disoccupazione. Possono attivare tirocini anche le Aziende prive di lavoratori alle loro dipendenze. Il tirocinio è avviato sulla base di un PROGETTO FORMATIVO INDIVIDUALE, da allegare alla convenzione, redatto e sottoscritto dal soggetto promotore ( Centro Territoriale per l’Impiego, Università, Istituzioni Scolastiche, Cooperative sociali iscritte negli specifici Albi Regionali, … ) e dall’Azienda ospitante. Il progetto dovrà essere sottoscritto anche dal tirocinante, da un tutor nominato dal soggetto promotore e da un tutor nominato dall’Azienda ospitante. Il progetto non potrà riferirsi ad attività meramente ripetitive ed esecutive, di contenuto elementare, per le quali non è richiesto un periodo formativo. Eventuali variazioni al progetto formativo (cambiamento della sede del tirocinio, variazioni di orario, sostituzioni del tutor...), originariamente definito, devono essere preventivamente concordate tra soggetto promotore e Azienda ospitante, risultare da atto scritto ed essere comunicate al tirocinante. Tali variazioni costituiranno parte integrante del documento progettuale. L’Azienda ospitante prima di avviare il tirocinio è tenuta a trasmettere la Comunicazione Obbligatoria e ad inserire il progetto formativo all’interno del sistema SINTESI telematicamente, ad aprire assicurazione all’Inail e a stipulare assicurazione per la Responsabilità Civile verso Terzi. L’Azienda è obbligata a presentare Comunicazione Obbligatoria telematicamente anche nei casi di proroga del tirocinio o di interruzione anticipata dello stesso. L’Azienda ospitante fornisce nella fase di avvio e durante il tirocinio adeguata informazione e formazione relativa agli obblighi previsti in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e nomina un tutor aziendale con funzione di affiancamento del tirocinante. Il tutor designato dal soggetto ospitante è responsabile dell’attuazione del piano formativo e dell’inserimento del tirocinante nel contesto lavorativo per tutta la durata del tirocinio. Il tutor del soggetto ospitante svolge le seguenti funzioni: • favorisce l’inserimento del tirocinante nel contesto lavorativo e definisce le condizioni organizzative e didattiche favorevoli all’apprendimento; • promuove l’acquisizione delle competenze secondo le previsioni del progetto formativo, affiancando il tirocinante durante tutto il percorso formativo e monitora l’andamento anche attraverso verifiche periodiche e finali, concordate unitamente al tutor del soggetto promotore; p.zza Regina Margherita 7, 73037 Poggiardo (Le) - Tel. 0836.901766 Fax 0836.904366  postmaster@studiocarlucciocirchetta.it  www.studiocarlucciocirchetta.it
  3. 3. • aggiorna la documentazione relativa alle attività formative ( registri, etc… ) per l’intera durata del tirocinio; • concorre al processo di attestazione dell’attività svolta e delle eventuali competenze acquisite dal tirocinante attraverso gli strumenti di verifica concordati con il tutor del soggetto promotore, redigendo apposita relazione all’esito della verifica finale. Il tutor del soggetto ospitante deve essere in possesso di conoscenze, esperienze e competenze professionali adeguate per garantire il raggiungimento degli obiettivi del tirocinio; possedere competenze specifiche richieste dalla eventuale condizione di disabilità e di svantaggio sociale nella quale si trovi il tirocinante. Ogni tutor può essere responsabile contemporaneamente fino ad un massimo di due tirocinanti; ovvero uno, qualora il tirocinante sia soggetto socialmente svantaggiato o disabile. L’Azienda eroga in favore del tirocinante un’indennità stabilita nella misura minima di euro 450.00 mensili, a lordo delle ritenute. Tale indennità non è dovuta se il tirocinante percepisce una forma di sostegno al reddito ( Aspi, Mini Aspi … ). Il tirocinante può partecipare all'attività per massimo trenta ore settimanali, collocate nella fascia diurna. L’Azienda ospitante che intenda prorogare il tirocinio deve darne comunicazione scritta al soggetto promotore almeno dieci giorni prima della scadenza del termine di durata originariamente previsto, indicando le ragioni della richiesta. In caso di interruzione anticipata del tirocinio da parte del tirocinante lo stesso è obbligato a inviare motivata comunicazione scritta al tutor del soggetto promotore e al tutor dell’Azienda ospitante. Se l’interruzione dipende dall’Azienda ospitante la stessa deve darne immediata comunicazione, in forma scritta, al soggetto promotore. Secondo le Linee Guida nel corso delle verifiche a cura del Ministero del Lavoro se il tirocinio non risulterà conforme alla nuova disciplina e alla relativa Regolamentazione Regionale di riferimento, il personale ispettivo procederà, sussistendone le condizioni, a riqualificare il rapporto come di natura subordinata con relativa applicazione delle sanzioni amministrative ( ad esempio in materia di Libro Unico del Lavoro, prospetto di paga e dichiarazione di assunzione ), disponendo il recupero dei contributi Inps e dei premi Inail. In coerenza con quanto definito dalla legge n.92/2012, la mancata corresponsione dell'indennità mensile comporterà una sanzione amministrativa il cui ammontare è proporzionato alla gravità dell'illecito commesso, in misura variabile da un minimo di 1.000 a un massimo di 6.000 euro. Non rientrano nella predetta Regolamentazione i periodi di pratica professionale e i tirocini per l’accesso alle p.zza Regina Margherita 7, 73037 Poggiardo (Le) - Tel. 0836.901766 Fax 0836.904366  postmaster@studiocarlucciocirchetta.it  www.studiocarlucciocirchetta.it
  4. 4. professioni ordinistiche e i tirocini curriculari, inseriti all’interno di un percorso formale di istruzione o di formazione, e i tirocini destinati a soggetti extracomunitari promossi all’interno delle quote d’ingresso. Si precisa che i tirocini formativi potranno essere attivati solo a fronte di un progetto di formazione che dovrà essere trasmesso telematicamente il giorno che precede l'avvio del tirocinio . I nuovi pesanti oneri burocratici a carico dell'Azienda e a carico del tutor potranno essere seguiti direttamente dalle aziende (in tal caso lo Studio fornirà puntuale indicazione degli adempimenti da assolvere ma non gestirà né le scadenze né il controllo di quanto redatto ) oppure dallo studio con addebito degli onorari che deriveranno dall'assolvimento di tutti gli obblighi imposti. Lo studio è a disposizione per ogni ulteriore ed eventuale chiarimento. Si allega alla presente: • Bollettino Ufficiale n°37 del 14 marzo 2014 (Regolamento); • Legge Regionale n°23 del 5 agosto 2013 (Tirocini); • Linee guida in materia di tirocini. p.zza Regina Margherita 7, 73037 Poggiardo (Le) - Tel. 0836.901766 Fax 0836.904366  postmaster@studiocarlucciocirchetta.it  www.studiocarlucciocirchetta.it

×