Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La cina e l’impresa a capitale interamente straniero

370 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

La cina e l’impresa a capitale interamente straniero

  1. 1. La Cina e l’impresa a capitale interamente straniero Dott. Shenkuo WU* 1. Il riconoscimento giuridico dell’impresa a capitale interamente straniero 1.1 L’iniziale rifiuto degli investimenti stranieri prima degli anni ’80 – Dopo la fondazione della Repubblica Popolare Cinese, gli investimenti stranieri non furono accettati dalla nuova nazione per un lungo periodo. In merito ai motivi a tal proposito, si possono, tra l’altro, enunciare i seguenti: 1) i contrasti sul piano ideologico (aspetto politico); 2) il mancato sviluppo dell’economia di mercato (aspetto economico); 3) l’ostilità delle forze straniere (aspetto socio-culturale). Tale scenario, non così felice, era cambiato con l’attuazione della politica nazionale di “Riforma e Apertura”. Specie, la nascita, nel maggio 1980, delle c.d. zone economiche speciali di Shenzhen, Zhuhai, Shantou e Xiamen, ha dichiarato l’inizio dei contatti sempre più stretti tra la Cina e il resto del mondo. 1.2 Il boom degli interventi normativi ad hoc negli anni ’90 – Successivamente, l’art. 18 della Costituzione cinese del 1982 ha riconosciuto, per la prima volta, la posizione giuridica degli investimenti stranieri. L’eliminazione degli ostacoli politico-istituzionali e, in particolare, l’introduzione dell’economia di mercato hanno reso possibile l’adozione delle norme giuridiche a tutela delle imprese a capitale interamente straniero, oltre che dei vari tipi di investimento da parte dei soggetti esteri,. In effetti, allo scopo di evitare l’interpretazione erronea derivante dalla genericità delle locuzioni impiegate nella 《Legge sulle Imprese a Capitale Interamente Straniero》 del 1986, sono state emanate, negli anni ’90, una serie di normative di natura complementare. A tal proposito, è opportuno evidenziarne due, ossia: 1) le《Disposizioni Attuative della Legge sulle Imprese a Capitale Interamente Straniero》 , approvate dal Consiglio dello Stato il 28 ottobre 1990; 2) l’《Interpretazione delle Disposizioni Attuative della Legge sulle Imprese a Capitale Interamente Straniero》, emanate dal Ministero del Commercio Estero e della Cooperazione Economica il 6 dicembre 1991. 1.3 Le modifiche sistematiche della normativa avvenute nell’anno 2001 – Il 11 dicembre 2001 la Repubblica Popolare Cinese ha aderito all’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC). Ai fini dell’armonizzazione della normativa domestica con le regole dell’Organizzazione stessa, la Cina ha voluto modificare, tra l’altro, anche le norme* Attorney-at-law presso studio legale Yingke Varnai Luzi Crivellini & Associati Assegnista di ricerca in Giurisprudenza presso Università degli Studi di Verona Ricercatore a contratto in Giurisprudenza presso Università degli Studi di Torino 1
  2. 2. giuridiche in merito alle imprese a capitale interamente straniero. Infatti, il 31 ottobre 2000, il Comitato Permanente della Nona Assemblea PopolareNazionale ha emanato la nuova 《Legge sulle Imprese a Capitale Interamente Straniero》(diseguito: Legge). Tuttavia, vista la genericità della Legge medesima, più rilevanti, nell’otticapratica, sono le novità contenute nelle nuove 《 Disposizioni Attuative della Legge sulleImprese a Capitale Interamente Straniero》 seguito: Disposizioni), approvate dal Consiglio (didello Stato il 12 aprile 2001.2. La disciplina giuridica vigente relativa alle WFOE nella Cina continentale2.1 Le condizioni essenziali per la costituzione della WFOE – Alla luce della disciplinavigente sulle c.d. Wholly Foreign Owned Enterprise (WFOE), per costituire un’impresa acapitale interamente straniero in Cina, sono necessari alcuni presupposti essenziali. Sul versante positivo, la costituzione dell’WFOE deve essere utile per lo sviluppodell’economia della Cina e può comportare vantaggi economici rilevanti (art. 3, Legge).Inoltre, sono preferite le imprese che si occupano di fabbricazione di prodotti di nuovagenerazione, di risparmio delle energie o delle materie prime, nonché di produzione mirataall’esportazione (art. 3, Disposizioni). Sul versante negativo, invece, la costituzione dell’WFOE è impedita qualora si verifichiuna delle seguenti situazioni (art. 5, Disposizioni): 1) offesa della sovranità della Cina o dell’interesse generale della collettività; 2) pregiudizio per la sicurezza dello Stato cinese; 3) violazione delle leggi e dei regolamenti della Cina; 4) difformità rispetto alle esigenze dello sviluppo dell’economia della Cina; 5) rischio di inquinamento dell’ambiente.2.2 Uno strumento per l’ampliazione delle attività: la succursale - Visto lampio territoriodella Cina, sembra rilevante segnalare che sarà opportuno far ricorso ad una succursale, perfacilitare l’esecuzione delle iniziative imprenditoriali. Quanto ai documenti necessari, dadepositare insieme alla richiesta suddetta, per la creazione della succursale, si possonoenunciare i seguenti: 1) autorizzazione dell’Autorità - non sempre, poiché dipende dalla tipologia dell’impresaWFOE 2) statuto dell’impresa WFOE 3) copia della business license dell’impresa WFOE 4) atto di nomina del responsabile della succursale 5) copia del documento d’identità del responsabile medesimo 6) permesso preventivo dell’Autorità - non sempre, poiché dipende dalla tipologiadellattività svolta dalla succursale2.3 L’investimento dell’impresa a capitale interamente straniero: la filiale - In Cina, lafiliale dellimpresa a capitale interamente straniero è considerata una delle forme di nuoviinvestimenti. Al riguardo, pertanto, si applicano le norme speciali approvate dal Consigliodello Stato il 25 luglio 2000, ossia le《Disposizioni Temporanee sui Nuovi Investimenti 2
  3. 3. dellimpresa a Capitale Interamente Straniero》. Siccome la filiale è una persona giuridica vera e propria, per la tutela dei soggetti terzi, lanormativa cinese impone requisiti più rigorosi all’impresa madre, cioè: 1) il capitale sociale dell’impresa madre deve essere già stato versato per intero; 2) l’impresa madre non deve aver violato la legge cinese; 3) l’impresa madre deve aver già cominciato ad avere profitti.3. Alcune riflessioni nei confronti del trend evolutivo del sistema giuridicocinese3.1 L’evoluzione della normativa spinta dall’esigenza di uguaglianza – Grazieall’impostazione favorevole dello Stato cinese, le imprese a capitale interamente stranierosono, in un certo senso, privilegiate, in particolar modo con riferimento all’imposizionefiscale, allo sfruttamento della terra, alla gestione degli scambi, al godimento dei servizipubblici e perfino dal punto di vista dello status nell’ambito giudiziario. Ciò nonostante, le sollecitazioni, da parte delle imprese domestiche, finalizzateall’ottenimento del trattamento equo, hanno un particolare peso nell’opinione pubblica econtribuiscono all’evoluzione della disciplina giuridica nel settore in questione.3.2 Lo sforzo verso una regolamentazione più snella dell’impresa a capitale interamentestraniero – La normativa cinese nei confronti delle imprese a capitale interamente stranieropresenta una particolarità, cioè l’individuazione, in maniera tassativa, dei settori ove possonointervenire gli investitori stranieri. Infatti, l’《Elenco Orientativo dei Settori per gli Investimenti Stranieri》, approvato dalConsiglio dello Stato nel giugno1995 e aggiornato nel 1997, 2002, 2004 e 2007, determinaespressamente quali sono i settori favoriti, i settori accessibili, i settori di accesso limitato e isettori proibiti per le imprese a capitale interamente straniero. Dalla modifica periodicadell’Elenco suddetto si è visto lo sforzo dell’Autorità cinese di incrementare il ruolodell’impresa a capitale interamente straniero nell’economia cinese. 3

×