Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Il Digitale a suporto di BES e DSA - Design for All

12,878 views

Published on

Secondo hangout promosso da Impara Digitale del ciclo "Il digitale a supporto di BES e DSA" Marco Iannacone racconta di come come il Design For All possa essere d'aiuto nella didattica.

Published in: Education

Il Digitale a suporto di BES e DSA - Design for All

  1. 1. HANGOUT: Il digitale a supporto dei BES e DSA - Design for All   Marco  Iannacone  
  2. 2. Universal Design for Learning Digitally   Different   è   una   startup   che   produce   EdiTouch   la   prima   soluzione   so*ware   per   l’apprendimento   facilitato   che   sfru;a   le   cara;eris<che   dei   moderni   tablet   per   aiutare   giovani  studen5  con  BES  /  DSA     La  nostra  soluzione  è  stata  sviluppata  ground-­‐up   con   l’aiuto   di   psicologi,   logopedis5   ed   insegnan5   raccogliendo   feedback   anche   da   genitori  e  studen<.     Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 2 1   Introduzione
  3. 3. Universal Design for Learning Il   Design   for   All   è   una   disciplina   giovane   ed   in   evoluzione:   nasce   negli   anni   90   nel   nord   Europa   originariamente   nel   mondo   dell'archite;ura   con   l'obieHvo   di   migliorare   la   qualità  della  vita.   Nella  dichiarazione  di  Stoccolma  del  2004  è  stato  definito  il   design   per   la   diversità   umana,   l'inclusione   sociale   e   l'uguaglianza.   Il   DfA   è   il   design   che   si   nota   perché   emoziona   e   che   non   frustra  perché  non  funziona:  emoziona  tuH  e  funziona  per   tuH   Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 3 1   Design For All
  4. 4. Universal Design Il   DfA   richiede   un   approccio   proge;uale,   olis<co,   mul<disciplinare  che  consenta  di  iden<ficare  tu;e  le   esigenze  degli  u<lizzatori  e  me;endo  in  discussione   lo   status   quo   proponga   una   soluzione   davvero   globale.   La   soluzione   poi   viene   so;oposta   agli   u<lizzatori   le   cui  necessità,  desideri  ed  aspirazioni  devono  pesare   in  egual  misura  a  quelle  dei  decisori  e  progeHs<.     Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 il processo DfA 4 1  
  5. 5. Civil Rights Legacy – Universal Design Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 un buon progetto abilita un cattivo progetto disabilita 5 1   La   legge   sull'abolizione   delle   barriere   archite;oniche  in  Italia  è  stata  introdo;a   negli  anni  90.   In  seguito  le  stru;ure  pubbliche  iniziano   a   divenir   più   accessibili   ma   rimane   la   barriera   che   divide   in   due   categorie:   i   normali   e   gli   altri.   Accanto   alle   scale   sorgono   scivoli,   rampe   o;enendo   una   forma  di  discriminazione  più  soHle  con   un  percorso  discriminante.   In  questo  caso  la  vera  soluzione  sarebbe  l'abolizione  totale  dello  strumento   scale  per  la  ges<one  del  dislivello  di  quota  
  6. 6. What is UDL? La  scuola  oggi  presenta  un  gruppo  studen<   molto  variegato.  Vi  possiamo  trovare   •  studen<  con  deficit  dell’a;enzione  e   iperaHvità   •  studen<  stranieri  con  genitori  che  parlano   poco  Italiano   •  studen<  con  problemi  cogni<vi  e/o  deficit   intelleHvi   •  studen<  con  disabilità  fisiche   •  studen<  con  disagi  psicologici   •  ecc   La scuola oggi Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 6  
  7. 7. Universal design for learning Negli  ul<mi  30  anni  lo  studio  del   cervello  ha  portato  al  superamento   della  teoria  classica  sul  Quoziente   IntelleHvo   Si  è  affermata  invece  la  teoria  che  nella   mente  umana  esiste  un  numero   variabile    di  facoltà  rela<vamente   indipendente  tra  loro     Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 Le neuroscienze ci dicono 7 1  
  8. 8. LINGUISTICA:    La  capacità  di  comprendere  e  usare  la  comunicazione   scri3a  e  orale.     LOGICO-­‐MATEMATICA:    La  capacità  di  comprendere  e  u5lizzare  la  logica,  i   simboli  numerici  e  le  operazioni  matema5che.     SPAZIALE:    La  capacità  di  orientarsi  o  manipolare  lo  spazio  a  tre   dimensioni.     MUSICALE:    La  capacità  di  comprendere  e  usare  conce:  come  il   ritmo,  la  melodia,  l’armonia,  il  tono  di  voce.   CORPOREA-­‐CINESTETICA:    La  capacità  di  coordinare  i  movimen5  del  corpo.   NATURALISTICA:    La  capacità  di  dis5nguere  e  classificare  ogge:  o   fenomeni  naturali.   INTERPERSONALE:    La  capacità  di  comprendere  e  interagire  bene  con  altre   persone.       INTRAPERSONALE:    La  capacità  di  comprendere  e  u5lizzare  i  propri  pensieri,   sen5men5,  preferenze  e  interessi   1 2 3 4 5 7 8 6 Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 Intelligenze multiple (Gardner) 8 1  
  9. 9. Intelligenza Linguistico-Verbale Gli  studen<  in  cui  predomina  questa  intelligenza   apprendono  meglio  ascoltando  presentazioni  verbali,   leggendo,  scrivendo  e  discutendo.  Hanno  un  buon   vocabolario,  comunicano  efficacemente,  parlano   speditamente,  scrivono  in  modo  chiaro  e  pensano  con  le   parole.   Gli  insegnan<  possono  rafforzare  l’intelligenza  linguis<co-­‐ verbale  negli  studen<  chiedendo  loro  di:  creare   presentazioni  orali,  saggi  scriH  e  poesie,  dibaH<  e  dialoghi   su  temi  giornalis<ci,  riassun<  di  le;ure.  Inoltre,  gli  studen<   possono  essere  s<mola<  a;raverso  l’apprendimento  di   lingue  straniere  e  l’affinamento  della  propria  lingua   migliorando  la  sintassi,  il  vocabolario,  la  gramma<ca  e  i  vari   generi  di  scri;ura.     Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 9 1  
  10. 10. Intelligenza Logico-Matematica Gli  studen<  che  prediligono  l’uso  di  questa  intelligenza   apprendono   più   facilmente   u<lizzando   la   logica,   risolvendo   problemi   e   analizzando   opportunità.   Essi   trovano  vantaggioso  fare  domande,  fare  esperimen<  e   analizzare  i  risulta<  nel  tenta<vo  di  risolvere  i  problemi   e  comprendere  la  realtà.  Pensano  in  modo  chiaro  ed   anali<co,  usano  simboli  astraH,  risolvono  velocemente   i  problemi  e  pensano  con  numeri,  modelli  e  algoritmi.   Si   divertono   u<lizzando   strategie   quali:   Trovami   la   regola  e  Risolvere  il  Problema  a  PezzeHni.   Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 10 1  
  11. 11. Intelligenza Spaziale Gli  studen<  che  prediligono  l’uso  di  questa  intelligenza   apprendono   più   facilmente   a;raverso   s<moli   quali:   grafici,  disegni,  fotografie,  animazioni  al  computer,  film   e   video.La   loro   capacità   di   apprendere   è   valorizzata   dall’opportunità   di   svolgere   compi<   a;raverso   forme   visive   e   di   rappresentare   i   contenu<   a;raverso   la   creazione   di   figure.   Sono   bravi   nel   nell’u<lizzare   le   relazioni  spaziali,hanno  un  ‘buon  occhio’  per  i  de;agli   e  i  colori,  visualizzano  le  soluzioni  ai  problemi.  Ques<   studen<   si   divertono   con   aHvità   quali:   Accendi   la   mina,  Mappe  mentali,  Immaginazione  guidata.   Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 11 1  
  12. 12. Intelligenza Musicale Gli  studen<  che  prediligono  questa  intelligenza   apprendono  e  ricordano  con  più  facilità   a;raverso  s<moli  quali:  canzoni,  rap  e  can<.  Le   loro  capacità  di  apprendimento  sono  valorizzate   quando  hanno  la  possibilità  di  esprimersi   musicalmente  a;raverso  prodoH  ritmici  e   musicali-­‐  Hanno  un  buon  senso  del  ritmo  e  della   melodia.  Essi  si  divertono  nelle  classi  nelle  quali   c’è  musica  di  so;ofondo  e  con  aHvità  del  <po:   Canzoni  a  due  voci,  Gruppi  canori,  Lezioni  di   lirica.   Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 12 1  
  13. 13. Corporea-Cinestetica Gli   studen<   in   cui   predomina   questa   intelligenza   apprendono   meglio   a;raverso   il   movimento   e   le   aHvità   con   le   mani.   L’apprendimento   è   facilitato   quando  i  contenu<  vengono  simbolizza<  a;raverso   il  movimento  e  quando  è  data  loro  la  possibilità  di   esprimersi   in   creazioni   che   includano   aHvità,   mimo   o   movimento.   Sono   molto   coordina<,   u<lizzano  ges<  e  linguaggio  corporeo,  apprendono   a;raverso   il   ‘fare’   le   aHvità,   smontando   e   rimontando  le  cose.   Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 13 1  
  14. 14. Intelligenza Naturalistica Gli   studen<   in   cui   predomina   questa   intelligenza   apprendono   meglio   a;raverso:   presentazioni   che   coinvolgono   fenomeni   naturali,   la   riproduzione   di   fenomeni   naturali   nella   classe,   l’interazione   con   la   natura   in   ambien<   naturali.   L’apprendimento   è   facilitato   quando   i   contenu<   possono   essere   seleziona<,   collega<   e   classifica<   nel   mondo   naturale  a;raverso  analogie.  Hanno  buone  capacità   di  osservazione,  sono  abili  nel  discriminare,  elencare   e  classificare,  comprendono  fenomeni  naturali.     Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 14 1  
  15. 15. Intelligenza interpersonale Gli   studen<   in   cui   predomina   questa   intelligenza   apprendono   meglio   a;raverso   l’interazione   con   gli   altri   sui   contenu<.   L’apprendimento  è  facilitato  quando  trovano   l’opportunità   di   interagire   con   pun<   di   vista   diversi  dai  propri.  Hanno  facilità  nel  fare  e  nel   mantenere   amicizie,   comprendono   e   rispe;ano   gli   altri,   sono   abili   nel   risolvere   confliH  e  nell’organizzare  gli  altri.     Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 15 1  
  16. 16. Intelligenza Intrapersonale Gli   studen<   in   cui   predomina   questa   intelligenza   apprendono   meglio   a;raverso   l’introspezione,   la   riflessione   e   un   tempo   di   pensiero   individuale.   L’apprendimento   è   facilitato   quando   trovano   l’opportunità   di   stare   da   soli   a   scrivere,   disegnare,   scarabocchiare,   o   inseguire   i   loro   pensieri.   Hanno   bisogno   di   tempo   per   elaborare   le   informazioni,   hanno   convinzioni   e   opinioni   radicate,  pensano  con  la  propria  testa.     Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 16 1  
  17. 17. Il   prof.   Giacomo   Stella   –professore   ordinario   di   Psicologia   clinica   al   dipar<mento  di  Educazione  e  Scienze  Umane  (Università  di  Modena  e  Reggio   Emilia)  –  e  principale  riferimento  italiano  sulla  Dislessia  afferma:   “Abbiamo   un   solo   nemico   nella   scuola   ed   è   l'onnipotenza   pedagogica   che   si   traduce  nel  credere  che  si  può  insegnare  a  tu:  nello  stesso  modo,  che  non  si  ha   niente  da  imparare  dai  ragazzi  ai  quali  si  insegna  e  che  basta  insistere  e  tu:   imparano.     Al   contrario   dobbiamo   me3erci   in   discussione   come   insegnan5   e   come   educatori   di   fronte   alla   sfide   poste   dai   DSA   rivedere   le   nostre   convinzioni   e   scegliere  nuove  strade  e  approcci  più  efficaci  per  favorire  l'apprendimento"   Conclusione Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 17 1  
  18. 18. E’   necessario   ripensare   il   proprio   modo   di   fare   didaHca   con   l’obieHvo   di   fornire  opportunità  di  apprendimento  che  siano:   INCLUSIVE      ed      EFFICACI      PER  TUTTI   A;raverso  l’impiego  del  digitale  e  una  didaHca  che  faccia  leva  sulle  capacità  di   tuH.  L’approccio  proge;uale  del  DfA  che  coinvolga  tuH  gli  a;ori  (insegnan<,   genitori  ed  anche  alunni)  e  raccolga  i  loro  feedback  per  disegnare  la  soluzione   più  efficace  può  essere  il  metodo  da  seguire   Quindi… Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 17 1  
  19. 19. Grazie ! Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16 18 1  
  20. 20. ANNEX – 1 Ulteriori approfondimenti
  21. 21. Evidenze dalla sperimentazione scientifica Per  validare  e  migliorare  il  nostro  sogware   abbiamo  condo;o  una  sperimentazione   scien5fica  durata  due  anni  (2012-­‐2014)  con  oltre   400  studen5  che  hanno  usato  i  nostri  tablet  a  casa   e  a  scuola  per  tu;e  le  aHvità  di  studio.   E’  una  delle  più  vaste  ricerche  in  Europa  per   verificare  scien<ficamente  l’efficacia  delle   soluzioni  digitali  a  supporto  dei  ragazzi  con   dislessia.   I  nostri  risulta<  mostrano  che  studiando  con   EdiTouch  viene  favorito  il  raggiungimento  di   migliori  risulta5  accademici,  maggiore  autos5ma,   autonomia  e  mo5vazione,  in  tempi  brevi.     MAGGIORI DETTAGLI SULLA RICERCA SONO DISPONIBILI A PAG 37 DEL REPORT SULL’INNOVAZIONE 2014 DI SENnet http://bit.ly/1zorbcs (LINK PRINCIPALE) http://bit.ly/1ENzm2I (MIRROR LINK) Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16
  22. 22. Minimum viable product (MVP) Minimum   Viable   Product   è   la   modalità   di   sviluppo   che   abbiamo   ado;ato:   un   processo   itera<vo   durante   il   quale   l’idea   iniziale   viene   con<nuamente   modificata   e   ada;ata   dopo   i   feedback   che   si   ricevono   dagli   uten<   iniziali   (i   cosiddeH  early  adopters).  Questo  processo,  va   avan<   finché   non   si   raggiunge   il   prodo;o   desiderato     Marco IannaconeHangout IMPARA DIGITALE – 18.01.16

×