SlideShare a Scribd company logo
1 of 21
Download to read offline
Marco Simone Carisio



Funzionamento di

MOTORI ELETTRICI
Presentazione Auto Elettriche


  Corrente    Generaltà sulle          Motori
  Elettrica   auto elettriche          Elettrici




                                Funzionamento e schemi
Corrente elettrica



         Cos’è, Concetti di base, Come si genera
Corrente elettrica


                     La materia è costituita da molecole
                     composte da particelle ancora più
                     piccole chiamate atomi.
                     Un atomo si compone di un nucleo
                     centrale formato da neutroni e
                     protoni attorno al quale ruotano
                     delle particelle di dimensioni
                     microscopiche chiamate elettroni.
                     Gli elettroni sono dotati di carica
                     elettrica negativa, mentre il nucleo
                     centrale dell’atomo ha carica
                     elettrica positiva. La carica elettrica
                     si misura in coulomb.
Il movimento di elettroni determina la
                     corrente elettrica che può essere continua
                     o variabile.
                     L’intensità di corrente elettrica I è definita
                     come il valore della carica elettrica Q che
Corrente Elettrica



                     attraversa una generica sezione di un
                     conduttore nel tempo t.
                     L’unità di misura di I è l’ampere.
                                                                      Il potenziale V è il
                                        I=Q/t                         rapporto tra l’energia
                                                                      potenziale E e la
                                                                      quantità di carica Q.
                                                                      V=E/Q
Leggi fondamentali
 dell’elettrotecnica.
LEGGE DI OHM: esiste una proporzionalità diretta tra
differenza di potenziale ed intensità di corrente continua.
V=RI
R è la resistenza elettrica del materiale costituente il corpo,
ed è una caratteristica dei diversi materiali disponibili in
natura. L’unità di misura della resistenza elettrica è l’ ohm.
R=V/I
PRIMA LEGGE DI KIRCHHOFF: la somma delle correnti
entranti in un nodo è uguale alla somma delle correnti
uscenti dallo stesso nodo.
SECONDA LEGGE DI KIRCHHOFF: in ogni maglia la somma
algebrica delle forze elettromotrici è uguale alla somma
algebrica delle intensità di corrente per le rispettive
resistenze dei singoli rami.
LEGGE DI JOULE: dà la potenza elettrica dissipata in calore
per effetto della resistenza che una corrente di intensità I
incontra al passaggio in un conduttore di resistenza R:
P=RI
Il condensatore

                  Tra i componenti di un circuito elettrico, oltre alla
                  resistenza R ed al generatore di tensione E (a volte
                  si può avere anche un generatore di corrente),
                  vediamo ora come funziona il condensatore.
                  Un condensatore elettrico è un sistema formato da
                  due conduttori isolati tra loro che, sottoposti ad una
                  differenza di potenziale, si caricano con cariche
                  uguali ed opposte.
                  I due corpi conduttori si dicono armature e lo spazio
                  tra di essi, vuoto o contenente qualsiasi materiale, è
                  detto dielettrico.
                  Una grandezza che caratterizza il condensatore è la
                  capacità elettrica:
                  C=Q/V
                  Dove Q è la carica elettrica di un’armatura e V è la
                  differenza di potenziale fra le due armature. La
                  capacità si misura in Farad (F); spesso si usano i
                  sottomultipli.

                  1 farad= 1 coulomb/ 1 volt
Alle estremità di un magnete la forza attrattiva è


Magnetismo e circuiti magnetici
                                  particolarmente intensa. Le due estremità
                                  vengono dette poli; polo nord e polo sud. Poli
                                  contrari si attraggono mentre poli uguali si
                                  respingono B=uH dove B è l’induzione magnetica,
                                  H il vettore campo magnetico e u la costante di
                                  proporzionalità che li lega. L’induzione magnetica
                                  si misura in tesla T, mentre il campo magnetico in
                                                     ampere/metro.
                                  La permeabilità ci consente di individuare il
                                  comportamento magnetico di un materiale.
                                  Possiamo porre la permeabilità magnetica di un
                                  materiale in funzione della permeabilità del vuoto
                                  uo: u=ur uo dove ur è la permeabilità magnetica
                                  relativa. I materiali diamagnetici hanno
                                  permeabilità relativa di poco inferiore ad uno,
                                  quelli paramagnetici hanno invece un valore di
                                  permeabilità relativa di poco più grande di uno. I
                                  materiali che mostrano una permeabilità
                                  magnetica molto più grande di uno sono detti
                                  ferromagnetici. I campi magnetici si possono
                                  creare anche con circuiti percorsi da correnti
                                  elettriche. Una spira è un circuito elettrico di
                                  forma circolare. Un solenoide è un circuito
                                  costituito da più spire vicine. Un campo
                                  magnetico determinato da un fascio di linee di
                                  induzione prende il nome di circuito magnetico.
Induzione Elettromagnetica
Un circuito a forma di spira è cioè contenuto in un piano e
racchiudente una superficie di detto piano. Se la superficie è
attraversata da un flusso di induzione magnetica, ogni qual
volta varia il valore nel circuito che racchiude l’area si genera
una forza elettromotrice detta fem indotta.
Per effetto di tale fem, nel circuito circola una corrente
indotta, di intensità dipendente dal valore della fem e dalla
resistenza opposta dal materiale e dalle caratteristiche
geometriche della spira.
In pratica, una variazione di flusso attraverso la superficie si
può produrre facendo ruotare la spira nel campo che si
determina tra i due poli di una calamita. La spira gira attorno
a un asse perpendicolare alla direzione del campo
magnetico, per cui il flusso di induzione varierà da un valore
massimo in un certo verso al valore nullo, per tornare a un
valore massimo di verso opposto al precedente quando la
spira, continuando a girare propone alla direzione del campo
la faccia opposta a quella di cui si è detto precedentemente,
per tornare successivamente al valore nullo dopo un altro
quarto di giro. Infine, la fem indotta sarà del tipo sinusoidale
e la corrente che attraversa il circuito sarà del tipo alternata.
Generalità sulle Auto
Elettriche.


     Tipi di macchine elettriche, Dinamo, Alternatori
Tipi di macchine elettriche
Le macchina elettriche si dividono in:
• macchine operatrici (dinamo e alternatore): sono
caratterizzate dal fatto che ricevono energia meccanica
dall’esterno per rendere disponibile una diversa forma di
energia, in questo caso quella elettrica.
• macchine motrici (motori sincroni ed asincroni): ad un
motore elettrico si fornisce energia elettrica per rendere
disponibile energia meccanica, sotto forma di moto
rotatorio all’asse del rotore.
• macchine trasformatrici (trasformatori e convertitori):
sono macchine elettriche di tipo statico che si limitano a
ricevere dall’esterno energia elettrica per fornire
all’esterno ancora energia elettrica, ma potenziale e
intensità di corrente elettrica sono cambiati nella
trasformazione.
• macchine trasmettitrici (linee elettriche): sono quelle
che si limitano a trasmettere energia da un punto a un
altro, conservandone le caratteristiche.
La Dinamo

            I generatori di corrente funzionano utilizzando
            l’induzione elettromagnetica. Un circuito
            chiamato indotto è attraversato da un campo
            magnetico di variabile intensità prodotto da un
            altro circuito chiamato induttore; in questo
            modo si determina nell’indotta una variazione
            di flusso e quindi una fem indotta alternata.
            Entrambi i circuiti sono avvolti su una carcassa
            di ferro laminato. La parte ruotante si chiama
            rotore, mentre quello fisso si chiama statore.
            La corrente prodotta da un generatore è
            alternata. Se si vuole ottenere corrente
            continua si usa un particolare generatore che
            utilizza un trasformatore chiamato collettore
            per trasformare la corrente alternata in
            corrente continua.
Gli Alternatori


Sono generatori che producono corrente alternata. Sono
costituiti da un solo induttore e tre circuiti indotti,
producendo tre forze elettromotrici alternate distinte.
Nei cantieri edili si può trovare, tra le macchine di cantiere,
dei gruppi elettrogeni che sono generatori di corrente
alimentati da motori a combustione interna.
Un elemento caratterizzante la corrente prodotta è la
frequenza:         pn
               f 
                     60
Dove n è il numero di giri e p le coppie polari (all’aumentare
di coppie polari diminuisce il numero di giri del rotore)
Gli Alternatori
Ricordiamo che l’alternatore ha avuto ed ha un grande ruolo
in quanto rappresenta il cuore delle centrali elettriche,
qualunque sia la fonte energetica che determina l’energia
meccanica di cui essa ha bisogno. Infatti l’energia primaria
utilizzata da un alternatore, per produrre l’energia
secondaria elettrica, può essere data da:
-combustibile o energia nucleare, destinata a produrre il
vapore che attivi le apposite turbine
-da combustibile che alimenta turbine a gas o motori a
combustione interna
-da “salti” di acqua che mettono in moto turbine idrauliche
-fino ai moderni tentativi di utilizzo di energia
eolica, energia delle maree, energia
 geotermica ed energia solare.
Motore elettrico



 Funzionamento, Motore Sincrono, Asincrono, Convertitori
MOTORE ELETTRICO
Il motore elettrico a corrente continua è
uguale a una dinamo ma è alimentato
elettricamente dall’esterno e raccoglie
energia meccanica all’asse del rotore.
Praticamente, la coppia motrice che
mette in rotazione l’asse della macchina è
prodotta dalle forze elettromagnetiche
che nascono tra i conduttori dell’indotto
ed il flusso dell’induttore.
MOTORE SINCRONO.
•   Il motore sincrono è un alternatore, alimentato elettricamente
    all’indotto per raccogliere energia meccanica di rotazione.
•   Si definisce sincrono quando il rotore gira con la stessa velocità angolare
    della pulsazione ω della corrente statorica.
•   Questo motore però, può funzionare solo alla velocità di sincronismo e
    quindi non può avviarsi da solo né con facilità, in quanto a velocità
    inferiore a quella di sincronismo produrrebbe coppie motrici modeste
    che non gli consentirebbero di raggiungere le condizioni di regime. Tra
    l’altro, se durante il funzionamento, per cause accidentali, il motore
    sincrono perde in numero di giri, esso tende a fermarsi in breve tempo.
    Ne segue che un motore sincrono richiede un altro motore che lo porti
    a velocità di sincronismo, il che ne ha impedito lo sviluppo, limitato a
    casi particolari.
•   A causa della limitata praticità del motore sincrono, il suo uso è limitato
    a campi di applicazione ove sia richiesta una velocità di rotazione
    particolarmente precisa e stabile. È invece molto usato per azionare
    carichi a velocità variabile ove alimentato da convertitore statico
    (inverter).
•   Esistono anche piccoli motori sincroni ad avvio automatico ed
    alimentazione monofase utilizzati in meccanismi temporizzatori quali i
    timer delle lavatrici domestiche e un tempo in alcuni orologi, sfruttando
    la buona precisione della frequenza della rete elettrica
Motore asincrono
Nel motore asincrono trifase le correnti statoriche generano nell’intraferro una forza magnetica
ruotante con la velocità di sincronismo costante ns=60f/p.
Il rotore viene trascinato ad una velocità nr, minore di ns, determinando lo scorrimento s:
                                          ns  nr
                                     s
                                            ns
Il motore asincrono è fondamentalmente caratterizzato dal tipo di avvolgimento rotorico più
utilizzato.
Il rotore si può distinguere in:
• rotore a gabbia semplice: i conduttori sono formati da barre di rame, sistemate in cave realizzate sul
tamburo che forma il rotore, le barre sono unite tra loro da anelli frontali. Le barre e gli anelli frontali
formano circuiti nei quali si muovono le correnti indotte.
• rotore a doppia gabbia: è realizzato con due gabbie, una esterna piccola, ed una interna molto più
estesa. Le gabbie sono isolate elettricamente tra di loro e distanziate nella direzione radiale.
• rotore a cave profonde: è un rotore a gabbia caratterizzato da barre ce hanno sezione rettangolare,
strette ed alte, e con i bordi arrotondati.
• rotore avvolto ad anelli: ha i tre avvolgimenti tradizionali che fanno capo a tre anelli montati
sull’albero del motore, sui quali scorrono le spazzole.
I Trasformatori
Il trasformatore è costituito da un nucleo di ferro a forma toroidale, costituito da lamiere
sovrapposte ed isolate tra loro.
Su due lati del nucleo sono avvolti due circuiti fatti di metallo conduttore. Il circuito primario è
collegato a un generatore, inducendo nel materiale di cui è costituito il nucleo un campo
magnetico variabile. Questo campo raggiunge l’interno del circuito secondario, inducendo in
esso forze elettromotrici e correnti.
Tra la tensione applicata al circuito primario E’ e quella che si registra nel circuito secondario
E’’ esiste la relazione: E’/E’’=N’/N’’ dove N’ ed N’’ sono il numero di spire nel circuito primario
e nel secondario
Un trasformatore avrà funzione di riduttore, se la tensione in uscita è minore di quella in
entrata, e pertanto il rapporto di trasformazione sarà maggiore dell’unità.
Un problema dei trasformatori è lo smaltimento del calore che si produce per effetto delle
perdite nella trasmissione dal primario al secondario.
I CONVERTITORI
I convertitori sono macchine trasformatrici, in
quanto trasformano corrente alternata in
corrente continua o viceversa.
Un gruppo convertitore è costituito da un
motore a corrente alternata (in genere,
asincrono) con l’asse collegato a una dinamo.
Alimentando il motore a corrente alternata, il
rotore della dinamo sarà messo in moto,
funzionando da generatore di corrente
continua. Il gruppo potrebbe funzionare anche
in senso inverso.
Qual è il messaggio?
FINE.

More Related Content

What's hot

Pn junction diode by sarmad baloch
Pn junction diode by sarmad balochPn junction diode by sarmad baloch
Pn junction diode by sarmad balochSarmad Baloch
 
EC8452 Electronic Circuits II - UJT Relaxation Oscillator
EC8452 Electronic Circuits II - UJT Relaxation OscillatorEC8452 Electronic Circuits II - UJT Relaxation Oscillator
EC8452 Electronic Circuits II - UJT Relaxation Oscillatorchitrarengasamy
 
Permanent Magnet Moving Coil (PPMC)
Permanent Magnet Moving Coil (PPMC)Permanent Magnet Moving Coil (PPMC)
Permanent Magnet Moving Coil (PPMC)Shubham Mohindru
 
Common Emitter Configuration | Electronical Engineering
Common Emitter Configuration | Electronical EngineeringCommon Emitter Configuration | Electronical Engineering
Common Emitter Configuration | Electronical EngineeringTransweb Global Inc
 
Edc(electronics devices and circuits)
Edc(electronics devices and circuits)Edc(electronics devices and circuits)
Edc(electronics devices and circuits)rawatsap
 
Basic Fundamental Of Transistors by D-Sarda
Basic Fundamental Of Transistors by D-SardaBasic Fundamental Of Transistors by D-Sarda
Basic Fundamental Of Transistors by D-SardaDinesh Sarda
 
Seven Segment Display
Seven Segment DisplaySeven Segment Display
Seven Segment DisplayKshitij Wagle
 
Unijunction transistor (ujt)
Unijunction transistor (ujt)Unijunction transistor (ujt)
Unijunction transistor (ujt)Ishwar Bhoge
 
Voltage Regulators IC
Voltage Regulators ICVoltage Regulators IC
Voltage Regulators ICKundan Parmar
 
Power BJT and Power MOSFET
Power BJT and Power MOSFETPower BJT and Power MOSFET
Power BJT and Power MOSFETPeriyanayagiS
 

What's hot (20)

Pn junction diode by sarmad baloch
Pn junction diode by sarmad balochPn junction diode by sarmad baloch
Pn junction diode by sarmad baloch
 
Ujt
UjtUjt
Ujt
 
Diode
DiodeDiode
Diode
 
Diode
DiodeDiode
Diode
 
3.magnetically coupled circuit
3.magnetically coupled circuit3.magnetically coupled circuit
3.magnetically coupled circuit
 
EC8452 Electronic Circuits II - UJT Relaxation Oscillator
EC8452 Electronic Circuits II - UJT Relaxation OscillatorEC8452 Electronic Circuits II - UJT Relaxation Oscillator
EC8452 Electronic Circuits II - UJT Relaxation Oscillator
 
Permanent Magnet Moving Coil (PPMC)
Permanent Magnet Moving Coil (PPMC)Permanent Magnet Moving Coil (PPMC)
Permanent Magnet Moving Coil (PPMC)
 
Circuiti elettrici
Circuiti elettriciCircuiti elettrici
Circuiti elettrici
 
Common Emitter Configuration | Electronical Engineering
Common Emitter Configuration | Electronical EngineeringCommon Emitter Configuration | Electronical Engineering
Common Emitter Configuration | Electronical Engineering
 
Le equazioni di Maxwell
Le equazioni di MaxwellLe equazioni di Maxwell
Le equazioni di Maxwell
 
Edc(electronics devices and circuits)
Edc(electronics devices and circuits)Edc(electronics devices and circuits)
Edc(electronics devices and circuits)
 
Basic Fundamental Of Transistors by D-Sarda
Basic Fundamental Of Transistors by D-SardaBasic Fundamental Of Transistors by D-Sarda
Basic Fundamental Of Transistors by D-Sarda
 
Seven Segment Display
Seven Segment DisplaySeven Segment Display
Seven Segment Display
 
Igbt Working
Igbt WorkingIgbt Working
Igbt Working
 
Unijunction transistor (ujt)
Unijunction transistor (ujt)Unijunction transistor (ujt)
Unijunction transistor (ujt)
 
Switches basics
Switches   basicsSwitches   basics
Switches basics
 
Transistor biasing
Transistor biasing Transistor biasing
Transistor biasing
 
Voltage Regulators IC
Voltage Regulators ICVoltage Regulators IC
Voltage Regulators IC
 
Digital voltmeter
Digital voltmeterDigital voltmeter
Digital voltmeter
 
Power BJT and Power MOSFET
Power BJT and Power MOSFETPower BJT and Power MOSFET
Power BJT and Power MOSFET
 

Viewers also liked

1 m.a.t. principio di funzionamento e forme costruttive chris
1 m.a.t. principio di funzionamento e forme costruttive chris1 m.a.t. principio di funzionamento e forme costruttive chris
1 m.a.t. principio di funzionamento e forme costruttive chrisGervasiChristian
 
1 sincrono-principio di fuzionamento e struttura degli alternatori
1 sincrono-principio di fuzionamento e struttura degli alternatori1 sincrono-principio di fuzionamento e struttura degli alternatori
1 sincrono-principio di fuzionamento e struttura degli alternatoriGervasiChristian
 
Motore Gruppo Calasi
Motore Gruppo Calasi Motore Gruppo Calasi
Motore Gruppo Calasi Gilda Tobia
 
Quarta Lezione
Quarta LezioneQuarta Lezione
Quarta LezioneFil
 
Electro adda s.p.a. - Produzione Motori Elettrici
Electro adda s.p.a. - Produzione Motori ElettriciElectro adda s.p.a. - Produzione Motori Elettrici
Electro adda s.p.a. - Produzione Motori ElettriciELECTRO ADDA S.p.A.
 
Comunicare la scienza, lezione due
Comunicare la scienza, lezione dueComunicare la scienza, lezione due
Comunicare la scienza, lezione dueInformamuse srl
 
Raccolta indifferenziata
Raccolta indifferenziataRaccolta indifferenziata
Raccolta indifferenziatamercuri-scuola
 
Bio Magnetismo JMR4 Supporto Spalla - Collo - Schiena - Ginocchio
Bio Magnetismo  JMR4 Supporto Spalla - Collo - Schiena - GinocchioBio Magnetismo  JMR4 Supporto Spalla - Collo - Schiena - Ginocchio
Bio Magnetismo JMR4 Supporto Spalla - Collo - Schiena - GinocchioViviana Schiavetta
 
L'energia elettrica, una recente scoperta
L'energia elettrica, una recente scopertaL'energia elettrica, una recente scoperta
L'energia elettrica, una recente scopertaComune di Arezzo
 
Luigi Galvani
Luigi GalvaniLuigi Galvani
Luigi Galvanicverver
 
Magnetismo
MagnetismoMagnetismo
MagnetismoRenata
 

Viewers also liked (20)

1 m.a.t. principio di funzionamento e forme costruttive chris
1 m.a.t. principio di funzionamento e forme costruttive chris1 m.a.t. principio di funzionamento e forme costruttive chris
1 m.a.t. principio di funzionamento e forme costruttive chris
 
TRASFORMATORI
TRASFORMATORITRASFORMATORI
TRASFORMATORI
 
1 sincrono-principio di fuzionamento e struttura degli alternatori
1 sincrono-principio di fuzionamento e struttura degli alternatori1 sincrono-principio di fuzionamento e struttura degli alternatori
1 sincrono-principio di fuzionamento e struttura degli alternatori
 
Motore Elettrico
Motore ElettricoMotore Elettrico
Motore Elettrico
 
Motore Gruppo Calasi
Motore Gruppo Calasi Motore Gruppo Calasi
Motore Gruppo Calasi
 
01-Processing
01-Processing01-Processing
01-Processing
 
Progetto scuola
Progetto scuolaProgetto scuola
Progetto scuola
 
02 processing
02 processing02 processing
02 processing
 
Legge di Ohm_Appunti
Legge di Ohm_AppuntiLegge di Ohm_Appunti
Legge di Ohm_Appunti
 
Quarta Lezione
Quarta LezioneQuarta Lezione
Quarta Lezione
 
Electro adda s.p.a. - Produzione Motori Elettrici
Electro adda s.p.a. - Produzione Motori ElettriciElectro adda s.p.a. - Produzione Motori Elettrici
Electro adda s.p.a. - Produzione Motori Elettrici
 
Motori superconduttivi 2
Motori superconduttivi 2Motori superconduttivi 2
Motori superconduttivi 2
 
Comunicare la scienza, lezione due
Comunicare la scienza, lezione dueComunicare la scienza, lezione due
Comunicare la scienza, lezione due
 
Raccolta indifferenziata
Raccolta indifferenziataRaccolta indifferenziata
Raccolta indifferenziata
 
Bio Magnetismo JMR4 Supporto Spalla - Collo - Schiena - Ginocchio
Bio Magnetismo  JMR4 Supporto Spalla - Collo - Schiena - GinocchioBio Magnetismo  JMR4 Supporto Spalla - Collo - Schiena - Ginocchio
Bio Magnetismo JMR4 Supporto Spalla - Collo - Schiena - Ginocchio
 
Ampere
AmpereAmpere
Ampere
 
L'energia elettrica, una recente scoperta
L'energia elettrica, una recente scopertaL'energia elettrica, una recente scoperta
L'energia elettrica, una recente scoperta
 
Luigi Galvani
Luigi GalvaniLuigi Galvani
Luigi Galvani
 
2 magnetismo
2 magnetismo2 magnetismo
2 magnetismo
 
Magnetismo
MagnetismoMagnetismo
Magnetismo
 

Similar to Funzionamento di motori elettrici

Formulario Fisica II
Formulario Fisica IIFormulario Fisica II
Formulario Fisica IIAndrea Tino
 
Francesca.iannucci fisica 17_aprile
Francesca.iannucci fisica 17_aprileFrancesca.iannucci fisica 17_aprile
Francesca.iannucci fisica 17_aprilefrancescaiannucci1
 
Lezione campo magnetico
Lezione campo magneticoLezione campo magnetico
Lezione campo magneticoAnnaMarelli
 
Elettricita magnetismo 1
Elettricita magnetismo 1Elettricita magnetismo 1
Elettricita magnetismo 1ProveZacademy
 
Onde elettromagnetiche cirone
Onde elettromagnetiche cironeOnde elettromagnetiche cirone
Onde elettromagnetiche cironechiaracirone
 
Elettrostatica elettrodinamica
Elettrostatica   elettrodinamicaElettrostatica   elettrodinamica
Elettrostatica elettrodinamicacampustralenuvole
 
relazione sulla legge di Ohm attraverso simulazioni
relazione sulla legge di Ohm attraverso simulazionirelazione sulla legge di Ohm attraverso simulazioni
relazione sulla legge di Ohm attraverso simulazioniBeux2602
 
Distribuzioni di carica
Distribuzioni di caricaDistribuzioni di carica
Distribuzioni di caricaErasmo Modica
 
L'induzione elettromagnetica
L'induzione elettromagneticaL'induzione elettromagnetica
L'induzione elettromagneticaEnrica Maragliano
 
campo gravitazionale e campo elettrico: analogie e differenze
campo gravitazionale e campo elettrico: analogie e differenzecampo gravitazionale e campo elettrico: analogie e differenze
campo gravitazionale e campo elettrico: analogie e differenzesecondary school
 
L’induzione elettromagnetica
L’induzione elettromagneticaL’induzione elettromagnetica
L’induzione elettromagneticaVoglio 10
 
Lezioni Settimana 2
Lezioni Settimana 2Lezioni Settimana 2
Lezioni Settimana 2lab13unisa
 

Similar to Funzionamento di motori elettrici (20)

Formulario Fisica II
Formulario Fisica IIFormulario Fisica II
Formulario Fisica II
 
Francesca.iannucci fisica 17_aprile
Francesca.iannucci fisica 17_aprileFrancesca.iannucci fisica 17_aprile
Francesca.iannucci fisica 17_aprile
 
Lezione campo magnetico
Lezione campo magneticoLezione campo magnetico
Lezione campo magnetico
 
1 elettrostatica
1 elettrostatica1 elettrostatica
1 elettrostatica
 
Elettricita magnetismo 1
Elettricita magnetismo 1Elettricita magnetismo 1
Elettricita magnetismo 1
 
Yan corrente circuiti
Yan corrente circuitiYan corrente circuiti
Yan corrente circuiti
 
Onde elettromagnetiche cirone
Onde elettromagnetiche cironeOnde elettromagnetiche cirone
Onde elettromagnetiche cirone
 
Elettrostatica elettrodinamica
Elettrostatica   elettrodinamicaElettrostatica   elettrodinamica
Elettrostatica elettrodinamica
 
relazione sulla legge di Ohm attraverso simulazioni
relazione sulla legge di Ohm attraverso simulazionirelazione sulla legge di Ohm attraverso simulazioni
relazione sulla legge di Ohm attraverso simulazioni
 
Distribuzioni di carica
Distribuzioni di caricaDistribuzioni di carica
Distribuzioni di carica
 
La carica elettrica
La carica elettricaLa carica elettrica
La carica elettrica
 
L'induzione elettromagnetica
L'induzione elettromagneticaL'induzione elettromagnetica
L'induzione elettromagnetica
 
campo gravitazionale e campo elettrico: analogie e differenze
campo gravitazionale e campo elettrico: analogie e differenzecampo gravitazionale e campo elettrico: analogie e differenze
campo gravitazionale e campo elettrico: analogie e differenze
 
Le onde elettromagnetiche
Le onde elettromagneticheLe onde elettromagnetiche
Le onde elettromagnetiche
 
L’induzione elettromagnetica
L’induzione elettromagneticaL’induzione elettromagnetica
L’induzione elettromagnetica
 
Elettromagnetismo
ElettromagnetismoElettromagnetismo
Elettromagnetismo
 
Trasformatore
TrasformatoreTrasformatore
Trasformatore
 
Lezione 2a
Lezione 2aLezione 2a
Lezione 2a
 
IL DIODO IV E.pdf
IL DIODO IV E.pdfIL DIODO IV E.pdf
IL DIODO IV E.pdf
 
Lezioni Settimana 2
Lezioni Settimana 2Lezioni Settimana 2
Lezioni Settimana 2
 

Funzionamento di motori elettrici

  • 2. Presentazione Auto Elettriche Corrente Generaltà sulle Motori Elettrica auto elettriche Elettrici Funzionamento e schemi
  • 3. Corrente elettrica Cos’è, Concetti di base, Come si genera
  • 4. Corrente elettrica La materia è costituita da molecole composte da particelle ancora più piccole chiamate atomi. Un atomo si compone di un nucleo centrale formato da neutroni e protoni attorno al quale ruotano delle particelle di dimensioni microscopiche chiamate elettroni. Gli elettroni sono dotati di carica elettrica negativa, mentre il nucleo centrale dell’atomo ha carica elettrica positiva. La carica elettrica si misura in coulomb.
  • 5. Il movimento di elettroni determina la corrente elettrica che può essere continua o variabile. L’intensità di corrente elettrica I è definita come il valore della carica elettrica Q che Corrente Elettrica attraversa una generica sezione di un conduttore nel tempo t. L’unità di misura di I è l’ampere. Il potenziale V è il I=Q/t rapporto tra l’energia potenziale E e la quantità di carica Q. V=E/Q
  • 6. Leggi fondamentali dell’elettrotecnica. LEGGE DI OHM: esiste una proporzionalità diretta tra differenza di potenziale ed intensità di corrente continua. V=RI R è la resistenza elettrica del materiale costituente il corpo, ed è una caratteristica dei diversi materiali disponibili in natura. L’unità di misura della resistenza elettrica è l’ ohm. R=V/I PRIMA LEGGE DI KIRCHHOFF: la somma delle correnti entranti in un nodo è uguale alla somma delle correnti uscenti dallo stesso nodo. SECONDA LEGGE DI KIRCHHOFF: in ogni maglia la somma algebrica delle forze elettromotrici è uguale alla somma algebrica delle intensità di corrente per le rispettive resistenze dei singoli rami. LEGGE DI JOULE: dà la potenza elettrica dissipata in calore per effetto della resistenza che una corrente di intensità I incontra al passaggio in un conduttore di resistenza R: P=RI
  • 7. Il condensatore Tra i componenti di un circuito elettrico, oltre alla resistenza R ed al generatore di tensione E (a volte si può avere anche un generatore di corrente), vediamo ora come funziona il condensatore. Un condensatore elettrico è un sistema formato da due conduttori isolati tra loro che, sottoposti ad una differenza di potenziale, si caricano con cariche uguali ed opposte. I due corpi conduttori si dicono armature e lo spazio tra di essi, vuoto o contenente qualsiasi materiale, è detto dielettrico. Una grandezza che caratterizza il condensatore è la capacità elettrica: C=Q/V Dove Q è la carica elettrica di un’armatura e V è la differenza di potenziale fra le due armature. La capacità si misura in Farad (F); spesso si usano i sottomultipli. 1 farad= 1 coulomb/ 1 volt
  • 8. Alle estremità di un magnete la forza attrattiva è Magnetismo e circuiti magnetici particolarmente intensa. Le due estremità vengono dette poli; polo nord e polo sud. Poli contrari si attraggono mentre poli uguali si respingono B=uH dove B è l’induzione magnetica, H il vettore campo magnetico e u la costante di proporzionalità che li lega. L’induzione magnetica si misura in tesla T, mentre il campo magnetico in ampere/metro. La permeabilità ci consente di individuare il comportamento magnetico di un materiale. Possiamo porre la permeabilità magnetica di un materiale in funzione della permeabilità del vuoto uo: u=ur uo dove ur è la permeabilità magnetica relativa. I materiali diamagnetici hanno permeabilità relativa di poco inferiore ad uno, quelli paramagnetici hanno invece un valore di permeabilità relativa di poco più grande di uno. I materiali che mostrano una permeabilità magnetica molto più grande di uno sono detti ferromagnetici. I campi magnetici si possono creare anche con circuiti percorsi da correnti elettriche. Una spira è un circuito elettrico di forma circolare. Un solenoide è un circuito costituito da più spire vicine. Un campo magnetico determinato da un fascio di linee di induzione prende il nome di circuito magnetico.
  • 9. Induzione Elettromagnetica Un circuito a forma di spira è cioè contenuto in un piano e racchiudente una superficie di detto piano. Se la superficie è attraversata da un flusso di induzione magnetica, ogni qual volta varia il valore nel circuito che racchiude l’area si genera una forza elettromotrice detta fem indotta. Per effetto di tale fem, nel circuito circola una corrente indotta, di intensità dipendente dal valore della fem e dalla resistenza opposta dal materiale e dalle caratteristiche geometriche della spira. In pratica, una variazione di flusso attraverso la superficie si può produrre facendo ruotare la spira nel campo che si determina tra i due poli di una calamita. La spira gira attorno a un asse perpendicolare alla direzione del campo magnetico, per cui il flusso di induzione varierà da un valore massimo in un certo verso al valore nullo, per tornare a un valore massimo di verso opposto al precedente quando la spira, continuando a girare propone alla direzione del campo la faccia opposta a quella di cui si è detto precedentemente, per tornare successivamente al valore nullo dopo un altro quarto di giro. Infine, la fem indotta sarà del tipo sinusoidale e la corrente che attraversa il circuito sarà del tipo alternata.
  • 10. Generalità sulle Auto Elettriche. Tipi di macchine elettriche, Dinamo, Alternatori
  • 11. Tipi di macchine elettriche Le macchina elettriche si dividono in: • macchine operatrici (dinamo e alternatore): sono caratterizzate dal fatto che ricevono energia meccanica dall’esterno per rendere disponibile una diversa forma di energia, in questo caso quella elettrica. • macchine motrici (motori sincroni ed asincroni): ad un motore elettrico si fornisce energia elettrica per rendere disponibile energia meccanica, sotto forma di moto rotatorio all’asse del rotore. • macchine trasformatrici (trasformatori e convertitori): sono macchine elettriche di tipo statico che si limitano a ricevere dall’esterno energia elettrica per fornire all’esterno ancora energia elettrica, ma potenziale e intensità di corrente elettrica sono cambiati nella trasformazione. • macchine trasmettitrici (linee elettriche): sono quelle che si limitano a trasmettere energia da un punto a un altro, conservandone le caratteristiche.
  • 12. La Dinamo I generatori di corrente funzionano utilizzando l’induzione elettromagnetica. Un circuito chiamato indotto è attraversato da un campo magnetico di variabile intensità prodotto da un altro circuito chiamato induttore; in questo modo si determina nell’indotta una variazione di flusso e quindi una fem indotta alternata. Entrambi i circuiti sono avvolti su una carcassa di ferro laminato. La parte ruotante si chiama rotore, mentre quello fisso si chiama statore. La corrente prodotta da un generatore è alternata. Se si vuole ottenere corrente continua si usa un particolare generatore che utilizza un trasformatore chiamato collettore per trasformare la corrente alternata in corrente continua.
  • 13. Gli Alternatori Sono generatori che producono corrente alternata. Sono costituiti da un solo induttore e tre circuiti indotti, producendo tre forze elettromotrici alternate distinte. Nei cantieri edili si può trovare, tra le macchine di cantiere, dei gruppi elettrogeni che sono generatori di corrente alimentati da motori a combustione interna. Un elemento caratterizzante la corrente prodotta è la frequenza: pn f  60 Dove n è il numero di giri e p le coppie polari (all’aumentare di coppie polari diminuisce il numero di giri del rotore)
  • 14. Gli Alternatori Ricordiamo che l’alternatore ha avuto ed ha un grande ruolo in quanto rappresenta il cuore delle centrali elettriche, qualunque sia la fonte energetica che determina l’energia meccanica di cui essa ha bisogno. Infatti l’energia primaria utilizzata da un alternatore, per produrre l’energia secondaria elettrica, può essere data da: -combustibile o energia nucleare, destinata a produrre il vapore che attivi le apposite turbine -da combustibile che alimenta turbine a gas o motori a combustione interna -da “salti” di acqua che mettono in moto turbine idrauliche -fino ai moderni tentativi di utilizzo di energia eolica, energia delle maree, energia geotermica ed energia solare.
  • 15. Motore elettrico Funzionamento, Motore Sincrono, Asincrono, Convertitori
  • 16. MOTORE ELETTRICO Il motore elettrico a corrente continua è uguale a una dinamo ma è alimentato elettricamente dall’esterno e raccoglie energia meccanica all’asse del rotore. Praticamente, la coppia motrice che mette in rotazione l’asse della macchina è prodotta dalle forze elettromagnetiche che nascono tra i conduttori dell’indotto ed il flusso dell’induttore.
  • 17. MOTORE SINCRONO. • Il motore sincrono è un alternatore, alimentato elettricamente all’indotto per raccogliere energia meccanica di rotazione. • Si definisce sincrono quando il rotore gira con la stessa velocità angolare della pulsazione ω della corrente statorica. • Questo motore però, può funzionare solo alla velocità di sincronismo e quindi non può avviarsi da solo né con facilità, in quanto a velocità inferiore a quella di sincronismo produrrebbe coppie motrici modeste che non gli consentirebbero di raggiungere le condizioni di regime. Tra l’altro, se durante il funzionamento, per cause accidentali, il motore sincrono perde in numero di giri, esso tende a fermarsi in breve tempo. Ne segue che un motore sincrono richiede un altro motore che lo porti a velocità di sincronismo, il che ne ha impedito lo sviluppo, limitato a casi particolari. • A causa della limitata praticità del motore sincrono, il suo uso è limitato a campi di applicazione ove sia richiesta una velocità di rotazione particolarmente precisa e stabile. È invece molto usato per azionare carichi a velocità variabile ove alimentato da convertitore statico (inverter). • Esistono anche piccoli motori sincroni ad avvio automatico ed alimentazione monofase utilizzati in meccanismi temporizzatori quali i timer delle lavatrici domestiche e un tempo in alcuni orologi, sfruttando la buona precisione della frequenza della rete elettrica
  • 18. Motore asincrono Nel motore asincrono trifase le correnti statoriche generano nell’intraferro una forza magnetica ruotante con la velocità di sincronismo costante ns=60f/p. Il rotore viene trascinato ad una velocità nr, minore di ns, determinando lo scorrimento s: ns  nr s ns Il motore asincrono è fondamentalmente caratterizzato dal tipo di avvolgimento rotorico più utilizzato. Il rotore si può distinguere in: • rotore a gabbia semplice: i conduttori sono formati da barre di rame, sistemate in cave realizzate sul tamburo che forma il rotore, le barre sono unite tra loro da anelli frontali. Le barre e gli anelli frontali formano circuiti nei quali si muovono le correnti indotte. • rotore a doppia gabbia: è realizzato con due gabbie, una esterna piccola, ed una interna molto più estesa. Le gabbie sono isolate elettricamente tra di loro e distanziate nella direzione radiale. • rotore a cave profonde: è un rotore a gabbia caratterizzato da barre ce hanno sezione rettangolare, strette ed alte, e con i bordi arrotondati. • rotore avvolto ad anelli: ha i tre avvolgimenti tradizionali che fanno capo a tre anelli montati sull’albero del motore, sui quali scorrono le spazzole.
  • 19. I Trasformatori Il trasformatore è costituito da un nucleo di ferro a forma toroidale, costituito da lamiere sovrapposte ed isolate tra loro. Su due lati del nucleo sono avvolti due circuiti fatti di metallo conduttore. Il circuito primario è collegato a un generatore, inducendo nel materiale di cui è costituito il nucleo un campo magnetico variabile. Questo campo raggiunge l’interno del circuito secondario, inducendo in esso forze elettromotrici e correnti. Tra la tensione applicata al circuito primario E’ e quella che si registra nel circuito secondario E’’ esiste la relazione: E’/E’’=N’/N’’ dove N’ ed N’’ sono il numero di spire nel circuito primario e nel secondario Un trasformatore avrà funzione di riduttore, se la tensione in uscita è minore di quella in entrata, e pertanto il rapporto di trasformazione sarà maggiore dell’unità. Un problema dei trasformatori è lo smaltimento del calore che si produce per effetto delle perdite nella trasmissione dal primario al secondario.
  • 20. I CONVERTITORI I convertitori sono macchine trasformatrici, in quanto trasformano corrente alternata in corrente continua o viceversa. Un gruppo convertitore è costituito da un motore a corrente alternata (in genere, asincrono) con l’asse collegato a una dinamo. Alimentando il motore a corrente alternata, il rotore della dinamo sarà messo in moto, funzionando da generatore di corrente continua. Il gruppo potrebbe funzionare anche in senso inverso.
  • 21. Qual è il messaggio? FINE.