prova competenze

310 views

Published on

Prova unica competenze, isis osimo castelfidardo di Raffaella de Sanctis

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
310
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
217
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

prova competenze

  1. 1. ITIS «A. MEUCCI» DI CASTELFIDARDO LA PROVA UNICA PERL’ACCERTAMENTO DELLE COMPETENZE INDICAZIONI PRATICHECriteri per la realizzazione di una prova unitaria perl’osservazione e la registrazione del livello dicompetenza nelle classi del Biennio Prof.ssa Raffaella De Sanctis
  2. 2. INDICAZIONI PRATICHE Nel nostro Istituto si è tentato di fare il punto sulla situazione delle prove di accertamento delle competenze. Dunque, dopo una rapida analisi dei dati positivi e negativi emersi nel corso della somministrazione e correzione della prima prova effettuata nel corso dell’A.S. 2011-12, abbiamo dato delle indicazioni per poterci organizzare al meglio nel secondo Quadrimestre 2011-12 e nel corso dell’anno 2012- 13.
  3. 3. LE COMPETENZE Tutti sappiamo cosa siano le competenze e per questo motivo non ci soffermeremo in questa sede sull’argomento in questione né sulla validità o meno della loro introduzione nell’ambito della Riforma Gelmini. Le correnti di pensiero sono numerose ed indicazioni precise a riguardo non esistono. L’unica certezza, al momento, è che al termine del Secondo anno, per Legge, siamo chiamati a registrare le competenze sul modello Ministeriale.
  4. 4. IL VALORE FORMATIVO DELLA CERTIFICAZIONE Oltre agli aspetti legali o di comunicazione, la certificazione assume anche un valore formativo, quando svolge la funzione di descrizione di un percorso, di consapevolezza dei progressi (in forma di autovalutazione), di posizionamento in una progressione di apprendimenti. Nel nostro attuale sistema scolastico è senz’altro opportuno procedere con priorità alla certificazione in uscita dall’obbligo di istruzione (DM 9-2-2010), perché questa tappa rappresenta uno snodo importante nella biografia degli allievi (ove non si rilascia, tra l’altro, alcun titolo di studio). A 16 anni può terminare il percorso scolastico formale per la scelta di inserimento nel mondo del lavoro, nell’apprendistato, nella formazione professionale. E’ quindi importante che un ragazzo si presenti in questi nuovi scenari con una propria “dotazione” di competenze, che possa essere riconosciuta ed utilizzata per favorire l’inserimento. In caso di prosecuzione della scolarità all’interno del triennio superiore o della scelta di un diverso indirizzo, la certificazione potrebbe assumere un carattere formativo-informativo, per confermare e ri-orientare i percorsi. Nel modello nazionale di certificazione delle competenze a 16 anni, si formalizzano tre livelli che possono richiamare l’idea di una progressione delle competenze. Livello di base: Lo studente svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze ed abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali. Livello intermedio: Lo studente svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite. Livello avanzato: Lo studente svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nell’uso delle conoscenze e delle abilità. Es. proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli. Noi abbiamo scelto di aggiungere anche il livello 0 con opportune motivazioni.
  5. 5. CLASSI DEL BIENNIO DELL’ANNO 2011-12  Le classi interessate sono le seguenti:  1 A LSA (22 allievi) 2 A LSA (13 allievi)  1 B LSA (22 allievi) 2 B LSA (14 allievi)  1 A ELE (25 allievi) 2 A ELE (23 allievi)  1 A INFO (20 allievi) 2 A INFO (19 allievi)  1 B INFO (21 allievi)
  6. 6. QUALI PROBLEMI ABBIAMO INCONTRATO NELCORSO DELLA PROVA UNIVOCA DEL 12/1/2012? Lunghezza ed eccessiva articolazione delle prove. Somministrazione da parte dei docenti di altre classi. Discussa scelta di tematiche comuni che non trovavano immediato riscontro nella progettazione delle varie discipline. Scelta di dividere la classe in gruppi (fila A e fila B alternate). Difficoltà nel far rispettare le regole illustrate (serietà, rigore, silenzio…) e nel mantenimento dei tempi d’attenzione. Scelta della distribuzione dell’ordine delle materie all’interno del fascicolo.
  7. 7. QUALI PROBLEMI ABBIAMO INCONTRATO NELCORSO DELLA PROVA UNIVOCA DEL 12/1/2012? Il ruolo del Docente di Sostegno. Uso più o meno consentito del calcolatore. Mancanza di accordi preventivi per i criteri di misurazione delle singole competenze (tra quelle evidenziate nella tabella) e disaccordi ed incongruenze nella stesura del correttore. Tempi lunghi e perdita di tempo sia nel corso della somministrazione della prova sia nello svolgimento della prova stessa. La difficoltà emersa nella correzione dei test. Proposta dell’ordine di presentazione delle discipline che, in effetti, potevano essere accorpate in fascicoli distinti per assi.
  8. 8. QUALI PROBLEMI ABBIAMO INCONTRATO NEL CORSODELLA PROVA UNIVOCA DEL 12/1/2012? In alcuni casi un ostacolo è stato quello di non incontrare una univoca e coesa partecipazione di tutto il corpo docente. Ciò ha contribuito, in alcuni casi, al sovraccarico di altri.Quindi, in sintesi, vediamo i pro e i contro della prova già effettuata.
  9. 9. ASPETTI POSITIVI a) effettivo lavoro di confronto tra colleghi. La prova è stata preparata da quasi tutti i docenti del biennio che hanno lavorato assieme confrontandosi e non semplicemente dividendosi il lavoro. Tutti hanno lavorato sia alla prova per le prime che a quella delle seconde, anche chi in questo anno scolastico non aveva la classe coinvolta nella prova. b) i ragazzi si abituano a lavori multidisciplinari. Ciò permetterà loro risultati migliori nelle prove Invalsi e nelle terze prove desame ma anche ai test d’ingresso universitari e alle prove di concorso. c) preparare questo tipo di prove consente di chiarire le idee su come si valuta per competenze. d) consente un approfondimento di alcune tematiche che vengono svolte in parallelo e non in sinergia in determinate discipline. e) ha evidenziato il fatto che l’approccio laboratoriale sia più una «forma mentis» che un fatto di laboratorio con attrezzature specifiche. f) è il cogliere al volo le risorse offerte da qualsiasi attività per far «ragionare» e «riflettere» gli allievi. g) è un modo per rimettere in discussione la nostra didattica (metacognizione e autocorrezione).
  10. 10. SINTESI DEGLI ASPETTI NEGATIVI a) TEMPI LUNGHI. b) DISPOSIZIONE IN FILE. c) NON OMOGENEITA’ DI COMPORTAMENTO TRA I DOCENTI. d) FASCICOLI CON NUMEROSE PAGINE, TROPPO ARTICOLATI E DI DIFFICILE FRUIZIONE PER COLORO CHE, per una serie di concause, NON HANNO PARTECIPATO ATTIVAMENTE ALLA STESURA DEGLI ELABORATI PROPOSTI E CHE, QUINDI, NON HANNO A LORO VOLTA SAPUTO CHIARIRE LE IDEE AI RAGAZZI.
  11. 11. QUALI PROBLEMI HANNO AVUTO GLIALLIEVI? Difficoltà: Scarsa concentrazione. Non agevole e fluida lettura delle indicazione e delle articolate consegne. Stanchezza fisica. Non comprensione dello sforzo fatto dai docenti e della finalità ultima del collegamento degli esercizi proposti alla finalità «pratica», al metodo laboratoriale che avrebbe dovuto portare non alla valutazione ma all’accertamento delle competenze nelle singole discipline.
  12. 12. PROPOSTE PER RISOLVERE LEPROBLEMATICHE OCCORSEVEDIAMO ADESSO COME LAVORARE IN FUTURO PER CREARE DEI FASCICOLI PIU’ SNELLI E MENO COMPLESSI.
  13. 13. QUALI NUCLEI DI LAVORO COMUNEEVIDENZIARE? Proposte fatte dai Coordinatori di Area (da selezionare):1 Globalizzazione (in prima)2 Ecologia (in seconda)3…4…
  14. 14. COME FORMULARE I QUESITI EIMPAGINARE LE PROVE? La futura prova dovrebbe essere divisa in tre o quattro fascicoli a seconda delle varie aree: Asse dei Linguaggi Asse Storico - Sociale Asse Scientifico – Tecnologico Asse Matematico Ogni area sarà gestita dal coordinatore dei dipartimenti che faranno capo alla sottoscritta. Dunque i Docenti delle varie discipline formuleranno delle prove (possibilmente strutturate) unitarie e complete di agevoli correttori con punteggi.
  15. 15. LE REGOLE COMUNI PER LASOMMINISTRAZIONE DELLA PROVA I Professori delle singole materie (Lettere, Scienze, Informatica, Diritto, Chimica, Fisica, Ed. Fisica, Matematica, ecc.) si accorderanno a voce ed individueranno un’esercitazione per la prima ed una per la seconda che il loro coordinatore mi invierà per e-mail (prof.desanctis@libero.it) e mi darà in formato cartaceo. Qualora, per qualche materia, gli agganci siano impossibili, sarà sufficiente preparare un qualsiasi elaborato per l’accertamento delle competenze che, in ogni caso, mi sarà inviato entro il 23/4//2012 per poter creare un fascicolo diviso in tre o quattro sezioni (ASSI).
  16. 16. LE REGOLE COMUNI PER LASOMMINISTRAZIONE DELLA PROVA L’osservazione e l’accertamento di tali competenze, in ogni caso, sarà registrata dal singolo docente nella propria disciplina ma sarà supportata dalla seconda prova comune ufficiale da somministrare prima della chiusura del secondo quadrimestre (maggio). Per omologare la grafica e per snellire il lavoro d’impaginazione dei materiali inviati, si richiede la cortesia di scegliere il carattere TIMES NEW ROMAN corpo 12.
  17. 17. LE REGOLE COMUNI PER LASOMMINISTRAZIONE DELLA PROVA Le prove saranno uniche perciò sarà necessario specificare nell’intestazione le possibili variabili. Ad esempio, nelle classi prime e seconde del Liceo S.A. è previsto l’insegnamento della Geografia che non c’è nel Tecnico. Allora si potrebbe scrivere “Verifica di Geografia (Prova valida soltanto per il Liceo S.A.)”. La stessa cosa avverrà per i Professori di Diritto e d’Informatica che, in alcune classi, si alternano tra il I e il II quadrimestre. I docenti che lavoreranno in Laboratorio (Informatica, Disegno…) si gestiranno a piacimento ma daranno alla sottoscritta una scheda con gli elementi base per lo svolgimento della loro esercitazione.
  18. 18. LE REGOLE COMUNI PER LASOMMINISTRAZIONE DELLA PROVA La scala di livello sarà quella adottata (da 0 a 3) e gli indicatori saranno quelli indicati nella scheda di registrazione da noi elaborata lo scorso anno. Cosa fare in poche battute? 1) Formulare gli esercizi. 2) Se possibile, nel caso di prove strutturate, allegare una tabella vuota già predisposta sulla quale gli allievi potrebbero segnare la risposta esatta. 3) Allegare alla matrice anche il correttore della prova (medesima tabella con risposte esatte già evidenziate).
  19. 19. PROPOSTE ARGOMENTIE CHIARIMENTI
  20. 20. LA REGISTRAZIONE DEI LIVELLI DIVALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA… Dovrà essere ultimata nel più breve tempo possibile. I Tutor delle classi del Biennio dovranno organizzare un registro delle competenze degli allievi della classe ed annotare i livelli, allievo per allievo, nell’apposita scheda. Il medesimo «registro» sarà utilizzato al termine del secondo anno ed, infine, depositato nel registro dei verbali del Consiglio di classe.
  21. 21. QUALI TEMATICHE COMUNI SCEGLIERE?Per la classe prima e per la classe seconda i Colleghi sono invitati a formulare delle proposte…
  22. 22. CHI DEVE SOMMINISTRARE LE PROVE? Per la prova delle seconde, prevista ad Aprile, saranno rese note le date e le modalità di somministrazione e ritiro dei fascicoli nelle varie classi secondo un calendario prestabilito. Altre informazioni saranno rese note tramite gli ordini del giorno.
  23. 23. RIEPILOGO SCADENZE SOMMINISTRAZIONE SCAGLIONATA DELLE PROVE: entro febbraio e aprile. CORREZIONE FASCICOLI E REGISTRAZIONE LIVELLI SULLE APPOSITE SCHEDE: entro la fine di Maggio. Per le seconde classi, poi, in sede di scrutinio, si compilerà il modello di certificazione ministeriale. La Referente
  24. 24. LE PIÙ RECENTI INDICAZIONI MINISTERIALI INMATERIA DI COMPETENZE http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/d ettaglio-news/- /dettaglioNews/viewDettaglio/24993/11210

×