Booster @ Bollenti Spiriti Creative Camp Bari 2007

2,053 views

Published on

Presentazione tenuta al CreativeCamp di Bari il 28/09/2007 sul progetto Equal Booster a Pescara e in particolare sulla costruzione della rete territoriale e la costituzione dell'associazione Pescara 2.0

Published in: Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,053
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
35
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Booster @ Bollenti Spiriti Creative Camp Bari 2007

  1. 1. Il progetto Booster a Pescara Relazioni generative fra reti di soggetti creativi di Marco Colarossi marco@thehubweb.net – thehublog.blogspot.com per Bollenti Spiriti CreativeCamp, Bari 28/9/2007
  2. 2. Il progetto Equal Booster
  3. 3. Il progetto Booster Progetto finanziato dal Fondo Equal della Comunità Europea che ha mirato a creare sviluppo, sia economico che creativo, della scena musicale in Abruzzo. Due linee di azioni principali: corsi di formazione per creativi e organizzatori di attività musicali (diffusione di competenze sul territorio) la costituzione di una rete territoriale di sostegno al progetto (creazione di una comunità-rete che promuova la creatività anche dopo la fine del progetto)
  4. 4. La nostra “strategia”
  5. 5. Comunicazione virale - Staff di progetto A settembre 2006 viene creato e formato lo staff di comunicazione/progetto di Booster, la sua interfaccia utente sul territorio, composto da ragazzi “creativi” di 25-30 anni. “Un aspetto abbastanza innovativo di questa azione è che investe molto sulla comunicazione virale, dal basso. […] Incoraggio i ragazzi a prendere iniziative e ad adottare uno spirito di autosufficienza, quasi punk.” (scriverà poi Alberto in “Voi siete qui”) http://www.scribd.com/doc/35541/Voi-siete-qui-2007
  6. 6. Talent scounting Il territorio è stato inizialmente “mappato” facendo schede di tutti i soggetti che si occupano di creatività che poi sono state raccolte nel “Atlante della creatività musicale nell’area metropolitana di Pescara”. http://www.scribd.com/doc/34543/Un-atlante-della-creativita-a-Pescara-2007 Il documento è stato distribuito a tutti i soggetti della rete territoriale (che sostengono il progetto) e reso disponibile in internet sul sito www.equalbooster.it
  7. 7. Un esempio di scheda
  8. 8. Mappe per capire la creatività iperlocale “I luoghi contano, lo ripetono in continuazione gli economisti che, come noi, si occupano di sviluppo. E la creatività non fa eccezione: ci sono città e luoghi più creativi di altri. Ne consegue che dovremmo sempre stare molto attenti a riportare i nostri dati su mappe, e ripensare alle informazioni che abbiamo situandole in un contesto geografico.” (Alberto sul blog di The Hub - TheHubLog.blogspot.com)
  9. 9. Una carta tematica della musica in Abruzzo Il progetto aveva preso contatto con la Cartografia Regionale e definito un accordo per la realizzazione di una “Carta tematica della creatività musicale in Abruzzo” consultabile online sul sito della regione Abruzzo. Difficoltà burocratiche ci stanno facendo ora optare per la realizzazione direttamente da parte nostra di una mappa online attraverso i nuovi strumenti ora gratuitamente disponibili in rete (Google Maps, etc.)
  10. 10. La rete di progetto (networking) In questa prima fase è stato fondamentale studiare i soggetti del territorio e le loro interrelazioni, e rendere i risultati di queste ricerca disponibili a tutti. Quando i soggetti “vedono” le interrelazioni iniziano finalmente ad agire sfruttandole e creando un vero e proprio network. L’importanza di crearsi un network di relazioni è fondamentale per le società/associazioni che operano in questo ambito che sono in genere molto piccole.
  11. 11. Prima riunione plenaria Il 22 gennaio è stata convocata a Ecoteca la prima riunione plenaria della rete di progetto di Booster. La rete (circa 40 soggetti) è diventata finalmente “fisicamente visibile” a tutti. In quella sede abbiamo avanzato due proposte di profilo alto: (1) costituire un'associazione ombrello, rappresentativa della scena musicale e creativa della città (2) un evento che celebri la creatività di Pescara realizzato dalla collaborazione fra progetto e associazione
  12. 12. Progettazione partecipata: calendario degli incontri 22 gennaio: plenum Incontri separati dei 2 gruppi di lavoro (associazione ed evento) 26 febbraio: plenum Incontri separati dei 2 gruppi di lavoro 26 marzo: plenum (con presentazione ufficiale del festival e dell’associazione Pescaraduepuntozero) www.pescaraduepuntozero.it
  13. 13. Organizzazione e reporting degli incontri Lo staff di Booster ha scritto un report dopo ogni incontro e lo ha inviato a tutta la rete attraverso i nostri strumenti di comunicazione: Contatti personali Mailing List: usati per definire le date degli incontri, inviare i report successivamente (anche per aggiornare gli assenti), per fare proposte, etc. Sito internet di progetto: dove ognuno poteva e può scaricare e leggere i report Blog: dove noi di The Hub postiamo aggiornamenti sul progetto e le attività collegate
  14. 14. La progettazione partecipata Paolo Verri (Torino Internazionale): “Chi va al tavolo di progettazione non si può permettere di lasciarsi dietro o davanti qualcosa di non detto grazie al quale lui è un po’ più furbo degli altri. Costruire una coalizione significa confrontarsi alla pari, facendo sì che ciascuno si tolga qualcosa della sua autorevolezza [...] è importante capire e chiarire chi è ogni soggetto che si siede al tavolo e qual'è il senso della sua presenza e le sue finalità, perché se vengono disattese il patto decade e lui lascerà il tavolo.”
  15. 15. Principi per la progettazione partecipata Fare insieme Porte aperte Controllo dei tempi Rispetto reciproco Formato comune delle proposte
  16. 16. Esempi Abbiamo iniziato la progettazione dando un esempio di un progetto simile realizzato in un’altra città: Verona, Vrban project www.vrban.it
  17. 17. The talk of the town Booster ha acquisito presto una visibilità abbastanza elevata a Pescara (“in un contesto stagnante, qualcosa che si muove è molto visibile”) E questo ha aiutato a costruire un’immagine positiva del progetto (data dalla e alla rete territoriale).
  18. 18. Confrontarsi sulle idee E’ sicuramente difficile per un gruppo composto da molti soggetti prendere decisioni. Ci sono sempre molte idee sul tavolo (spesso in contrasto fra loro), ma alcune di queste “emergono” dal confronto come più forti. A questo riguardo è stato particolarmente utile il suggerimento di Paolo Verri (Torino Internazionale): “Ascoltate le opinioni di tutti, poi cercate di fare una sintesi e un passo in avanti.” (anche nel report del meeting?)
  19. 19. Differenze fra organizzazioni Ci sono grandi differenze fra i comportamenti e le aspettative delle organizzazioni Profit Non-profit La forza delle idee (all’inizio) Vs La “dura” realtà dei numeri (alla fine)
  20. 20. Comunicare i risultati E’ molto importante comunicare i risultati di ogni gruppo di lavoro, più spesso e chiaramente possibile, per evitare confusione e pessimismo non tornare sulle decisioni prese ricordarsi sempre gli obiettivi raggiunti e la strada fatta
  21. 21. Visibilità e peso nelle scelte strategiche della città Obiettivo esplicito della creazione di una rete territoriale è stato quello di dare ai soggetti maggiore visibilità e peso nelle scelte strategiche della città: i responsabili dell’associazione (forti della loro rappresentanza e dell’aumentata visibilità) stanno ora presentando le loro proposte alle istituzioni cittadine e regionali e al Comitato dei Giochi del Mediterraneo (che si svolgeranno a Pescara nel 2009).
  22. 22. Relazioni “generative” Le relazioni fra i soggetti, che si sono trovati per la prima volta nella stessa stanza a progettare insieme si sono dimostrate “generative”, hanno cioè portato nuove idee, progetti, collaborazioni, etc. “La cosa più importante realizzata da Booster è stata il farci conoscere e collaborare insieme per la prima volta…” (Giulio Berghella, Pres. Pe2.0)
  23. 23. Il ruolo della musica e quello della tecnologia In particolare si legge in un documento di Booster: “Scena musicale e comunità informatica sono tra i principali propulsori della vita culturale cittadina e sono risorse fondamentali da valorizzare: la musica ha una importantissima funzione aggregativa, mentre la tecnologia ha un ruolo fondamentale nell’innovazione e nella comunicazione e promozione dei nuovi progetti sulla città.”
  24. 24. Gli strumenti internet di Booster Il progetto Booster si è caratterizzato per un uso forte di strumenti internet (skype/msn, mailing lists, myspace, blog, etc.) che hanno reso molto più agevole l'interazione e, in definitiva, il lavoro. Perfezionare questi strumenti e formare ad essi i gruppi di lavoro è senz'altro una strada che vale la pena di battere.
  25. 25. Il Blog come strumento il project management A febbraio noi di The Hub abbiamo anche aperto un blog di progetto (http://thehublog.blogspot.com) perché ci siamo resi conto di quanto fosse importante tenere un diario che testimoniasse e aiutasse a comunicare (fra noi e agli altri) passo per passo l’evoluzione del progetto e permettesse di ricostruirne e analizzarne le varie fasi a posteriori.
  26. 26. La nostra “strategia”
  27. 27. Per maggiori dettagli e informazioni Potete consultare: Il blog di The Hub: thehublog.blogspot.com Il sito di progetto: www.equalbooster.it Il sito dell’associazione ombrello della creatività musicale pescarese nata su iniziativa di Booster: www.pescaraduepuntozero.it Il documento strategico di Booster: www.scribd.com/doc/34543/Un-atlante-della-creativita-a-Pescara-2007 La “storia di storie” di Booster: www.scribd.com/doc/35541/Voi-siete-qui-2007

×