Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Grano Saraceno Fagopyrum Tataricum - Liguria

Nel 2010 ho intrapreso il recupero del Grano Saraceno Siberiano (Fagopyrum Tataricum) varietà autoctona della Valtellina, portata Bormio nella seconda metà del 1700 dall'Abate Ignazio Bardea, a volte bistrattata in media e bassa Valle, è una vera agrobiodiversità territoriale che nei secoli passati era presente e diffusa sia sull'arco Alpino che sugli Appennini, da dove è da tempo scomparsa ma ne
si ha ancora testimonianza storica e grazie all'amico Massimo Angelini ho avuto copia di questo documento che attesta la presenza in Liguria nel 1700. In Valtellina si è mantenuta perché da sempre presente, e considerata una infestante, nella coltivazione del Grano Sarceno Comune (Fagopyrum Esculentum).
Rischiava di scomparire ma grazie all'interesse e alla disponibilità dell'Università della Montagna di Edolo, Facoltà di Agraria di Milano, nel 2017 abbiamo dato vita ad un progetto di coltivazione a Teglio (SO) seguito poi nel 2018 da uno studio e analisi che hanno evidenziato le caratteristiche di questa varietà confermando oltre tutto l'utilizzo dei semi (Farina) e della pianta quale alimento nutraceutico e funzionale.
Si è riusciti ad inserire la varietà autoctona nel Registro Nazionale delle Varietà di Specie Agrarie e Ortive da Conservazione.
Patrizio Mazzucchelli
https://raetiabiodiversitaalpine.wordpress.com/

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

    Be the first to comment

    Login to see the comments

Nel 2010 ho intrapreso il recupero del Grano Saraceno Siberiano (Fagopyrum Tataricum) varietà autoctona della Valtellina, portata Bormio nella seconda metà del 1700 dall'Abate Ignazio Bardea, a volte bistrattata in media e bassa Valle, è una vera agrobiodiversità territoriale che nei secoli passati era presente e diffusa sia sull'arco Alpino che sugli Appennini, da dove è da tempo scomparsa ma ne si ha ancora testimonianza storica e grazie all'amico Massimo Angelini ho avuto copia di questo documento che attesta la presenza in Liguria nel 1700. In Valtellina si è mantenuta perché da sempre presente, e considerata una infestante, nella coltivazione del Grano Sarceno Comune (Fagopyrum Esculentum). Rischiava di scomparire ma grazie all'interesse e alla disponibilità dell'Università della Montagna di Edolo, Facoltà di Agraria di Milano, nel 2017 abbiamo dato vita ad un progetto di coltivazione a Teglio (SO) seguito poi nel 2018 da uno studio e analisi che hanno evidenziato le caratteristiche di questa varietà confermando oltre tutto l'utilizzo dei semi (Farina) e della pianta quale alimento nutraceutico e funzionale. Si è riusciti ad inserire la varietà autoctona nel Registro Nazionale delle Varietà di Specie Agrarie e Ortive da Conservazione. Patrizio Mazzucchelli https://raetiabiodiversitaalpine.wordpress.com/

Views

Total views

1,120

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

888

Actions

Downloads

1

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×