Social media part 1

639 views

Published on

1 Comment
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
639
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
1
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Social media part 1

  1. 1. “… e perché maidovrei prestareattenzione ai socialmedia nelpianificareun’azione dicomunicazione?”
  2. 2. Youtube = 10% del trafficointernet totale(source: Ellacoya Networks)Youtube e Wikipedia sono tra imarchi più riconosciuti(source: brandchannel.com)5 dei 10 siti nella Top Ten Listsono social network(source: Alexa)Sono stati creati più di 100milioni di blog(source: Technorati)Ogni giorno vengono creati120,000 nuovi blog(source: Technorati)Ogni giorno vengono scritti 1,5milioni di post (1,7 al secondo)(source: Technorati)
  3. 3. Tempo di permanenza medio per sito disocial media nel mese di gennaio 2012
  4. 4. Per dare un’idea della velocità con cui staavvenendo il cambiamento, basti considerarequanto tempo ci sia voluto per i seguenti mediaper raggiungere 50 milioni di utilizzatori: •Radio 38 anni •TV 13 anni •Internet 4 anni •iPod 3 anni
  5. 5. ina Se Facebookndia fosse un Paese sarebbe ilaceboo terzo più grande del mondoSAndonesia
  6. 6. Più del 50% dei clienti prenota ipropri viaggi e vacanze onlineUn ulteriore 9% prenota tramiteagenzie dopo aver effettuatoricerche onlineUn ulteriore 17 % ricerca online epoi prenota via telefono (Nielsen NetRatings 2007)3 clienti su 5 usano motori diricerca per trovare un albergoprima di prenotareIl 36% naviga e prenotadirettamente sui siti alberghieri (Travolution)
  7. 7. Insomma, il mercato ècambiato perché ognunodi noi oggi usa latecnologia per interagirecon il mercato stesso.Questo crea un dialogotra utenti, fatto dicommenti, opinioni edidee che condizionano lescelte, gli acquisti e lareputazione di chi operasul mercato.
  8. 8. La molteplicità diaccessi a fontid’informazionedisponibili in ognimomento ha offertoinoltre una realepossibilità di scelta agliutenti sui contenuti,spesso auto-generati esempre più inconcorrenza con quelliproposti dagli editori.
  9. 9. Il potere di scelta, lacreazione e lo scambiodi contenuti tra utentiha sancito il definitivodeclino dell’interruptivemarketing (pubblicità)la cui credibilità epossibilità di influenzaper gli acquisti hatoccato i minimi storici
  10. 10. Alcuni dati:•il 78% del pubblico consideraaffidabile il passaparola, mentre solo il14% ha la stessa considerazione per lapubblicità•il 18% delle campagne televisivetradizionali generano un ritorno positivosull’investimento (ROI)•il 96% del pubblico salta le pubblicità
  11. 11. theRevolutionwill not be televised
  12. 12. I nuovi media hannocreato nuoveopportunità diinterazione con ilmercato, in cui gliutenti hanno uncontrollo sempremaggiore e credibile suiflussi di comunicazionea cui sono esposti
  13. 13. Il cambiamento ha quindiportato il modello dicomunicazione tradizionale(Broadcast) in cui l’editoreaveva la possibilità diinfluenzare il mercato cheassisteva passivamente allatrasmissione, attraendo grandibudget pubblicitari, atrasformarsi…
  14. 14. …nel modello di interattivo in cui l’editore mantiene la possibilità di influenzareil mercato che tuttavia partecipa in maniera interattiva alla trasmissione
  15. 15. …nel modello dei Social Media in cui il dialogo autogestito tra gli utentisoppianta il ruolo dell’editore SOCIAL MEDIA “diciamoci cosa ne pensiamo” (es: Wikipedia, Twitter, etc.) $ Pubblicazioni autogestite Advertising $ contestuale, product $ Co-creatori Revenue placement, PR 2.0 $ sharing $ $ Audience passiva
  16. 16. Con i nuovi media sipuò infatti: Coinvolgere Creare Discutere Promuovere Misurare
  17. 17. La parola chiave è IMPEGNO tuttavia: appassionamento ed impegno di tempo e denaro coinvolgimento un processo che avviene gradualmente attraverso una fase di identificazione che APPARTENENZA porta ad un impegnocondividere esperienze e valori costante ed appassionato IDENTIFICAZIONE
  18. 18. WIKIPEDIA•conta oggi oltre 15 milionidi articoli•Studi recenti certificano lastessa accuratezzadell’Enciclopedia Britannica•Oltre il 78% degli articoliNON sono in inglese.
  19. 19. L’interazione ideale è con un portafoglio di social mediadifferenziati e mirati la cui selezione viene effettuata in base allarilevanza del messaggio/contenuto da diffondere per il pubblico concui si allaccia il dialogo
  20. 20. Usando strumenti compatibili con la creazione dei new media, perpartecipare alla loro costruzione, instaurare un dialogo basatosull’interazione, la condivisione di contenuti e la credibilità dellafonte.
  21. 21. Ottimizzando la fruibilità delleinformazioni offerte attraverso: Analisi delle keyword Link Strategy Scrittura Analisi & Formattazione Publicazione & Promozione

×