Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Marcella Marletta - IX Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici

181 views

Published on

La traccia del discorso tenuto dalla dottoressa Marcella Marletta in occasione della IX Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici, importante evento di settore.

Published in: Health & Medicine
  • DOWNLOAD FULL BOOKS, INTO AVAILABLE FORMAT ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y6a5rkg5 } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y6a5rkg5 } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. doc Ebook here { https://tinyurl.com/y6a5rkg5 } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y6a5rkg5 } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y6a5rkg5 } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. doc Ebook here { https://tinyurl.com/y6a5rkg5 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks ......................................................................................................................... Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult,
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

Marcella Marletta - IX Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici

  1. 1. IX Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici Linee guida del discorso tenuto dalla Dott.ssa Marcella Marletta Direttore Generale della Direzione Generale dei Dispositivi Medici e del Servizio Farmaceutico Apertura  La Conferenza rappresenta oramai un appuntamento istituzionale di grande importanza che ha visto, di anno in anno, accrescere l’interesse di tutti gli attori, che a vario livello, sono interessati al settore. Tale interesse rappresenta la cartina di tornasole più evidente delle spazio che il comparto dei dispositivi medici si è conquistato nel vasto panorama delle “tecnologie sanitarie”.  L’industria dei dispositivi medici è un potente motore di crescita economica, di ricerca e di occupazione qualificata. Per tale ragione il Governo, il Ministero della Salute e la Direzione da me guidata sono interessate a porre al centro del campo incisive politiche di sviluppo e norme che favoriscano la competitività e la crescita in questo comparto.  Il settore è contraddistinto da un alto contenuto innovativo a cui si accompagna l’inevitabile aumento del prezzo delle nuove tecnologie. Tutto ciò mette a dura prova la tenuta del nostro sistema sanitario. Nonostante ciò, a tutti i livelli, è oramai consolidata la consapevolezza che una politica di oculata introduzione delle innovazioni tecnologiche nel sistema delle diagnosi e delle cure costituisce una strada obbligata.  Ma l’elevata eterogeneità dei prodotti, la rapida obsolescenza, i diversi livelli di complessità tecnologica e la variabilità degli impieghi clinici, spesso strettamente correlata anche all'abilità e all'esperienza degli utilizzatori, rendono più complesso individuare interventi finalizzati alla loro introduzione, diffusione e valutazione e al governo della spesa.  Queste vengono minate, inoltre, dalle difficoltà di finanziamento del servizio sanitario pubblico italiano nel quale la spesa sanitaria è notevolmente inferiore a quella media degli altri Paesi dell’EU. Da ciò si evince che, oggi, la questione prioritaria è come coniugare la riduzione della spesa pubblica con politiche capaci di incentivare lo sviluppo e l’innovazione.  A tal fine, sarà necessario garantire la continuità delle politiche sin qui attuate per proseguire nel percorso di riforme e per cogliere le opportunità che la filiera della salute può offrire nel rendere il Servizio sanitario italiano innovativo e creare sviluppo economico per il Paese.  Purtroppo, negli ultimi anni, i decisori nazionali e regionali hanno percepito il settore sanitario, in particolare il comparto dei DM come una voce di costo. Troppo spesso si considera il binomio “innovazione – spesa” come indissolubile. Questo perché si applica a questo comparto una visione troppo miope e di breve respiro attraverso la quale si valutano prevalentemente i costi di un singolo capitolo di spesa senza considerare i risparmi derivanti dai costi diretti ed indiretti conseguenti all’introduzione dell’innovazione di turno.  Le manovre sin qui approvate, infatti, operando tagli lineari sulle forniture e, introducendo i tetti di spesa, di fatto fanno tutto, tranne che riconoscere la diversità del contributo dei
  2. 2. singoli prodotti alla generazione del valore per la salute dei pazienti. La gestione sostenibile del sistema, a mio parere, deve dunque tenere conto della necessità di governare la spesa, ma anche delle esigenze di sviluppo industriale.  In particolare ritengo necessario, non lasciare spazio all’idea che agiamo in un comparto dove tutti i prodotti possano essere inclusi e standardizzati in categorie simili con il solo obiettivo, quindi, di razionalizzare. A mio giudizio, tale processo di revisione dovrà, necessariamente, tenere conto delle diverse specificità ed adottare uno specifico processo di controllo che coinvolga tutte le parti interessate.  Quella che stiamo vivendo è un’epoca in cui i sistemi di welfare sono attraversati da radicali e profondi cambiamenti che, però, non possono e non devono incidere sulla qualità e l’accessibilità all’assistenza sanitaria che uno Stato deve poter garantire ai propri cittadini.  L’industria della tutela della salute in Italia è la prima e più importante industria. Il nostro Paese ha un interesse strategico nel governare, programmare e sviluppare al meglio quello che si configura come un settore assolutamente prioritario.  Inizia ad essere chiaro che lo strumento della spending review ha prodotto risultati ben lontani dalle aspettative. Quanto detto ci fa comprendere che tale meccanismo, da solo, non appare più sufficiente per rendere sostenibile il sistema sanitario nel lungo periodo. Pertanto, esso dovrà essere affiancato da azioni che dovranno essere necessariamente profondamente innovatrici dell’assetto istituzionale e dei suoi strumenti.  La logica della spending review dovrebbe limitarsi a modificare i meccanismi e le strutture che generano la spesa non sostenibile e talvolta provocano anche degenerazioni corruttive. La prospettiva deve essere quella di proseguire secondo quella visione che è una visione di selezione attenta degli interventi di riduzione e contenimento della spesa, attraverso provvedimenti che siano davvero di innovazione e di razionalizzazione del sistema senza nulla togliere ai diritti che abbiamo riconosciuto via via a tutti i cittadini. Da ciò si deduce che la razionalizzazione della spesa pubblica rimane uno strumento e non può diventare un fine. Ma questa non basterà a salvare il SSN, se, in aggiunta, non si riprenderà una visione d'insieme, presente perfino in Stati federali per davvero.  Ancora oggi, purtroppo, scontiamo gli errori del passato determinati da quella sovrapposizione, squisitamente terminologica, tra un vero ed auspicato decentramento ed un federalismo mai compiuto sfociato in forme radicali di regionalismo. Ciò ha avuto un riflesso grave sul sistema rappresentato da una chiara e netta frammentazione della programmazione sanitaria e dei centri di spesa che sta mettendo a rischio la salute dei cittadini alienando gli stessi di quella garanzia, quella sì sancita dalla Costituzione, della tutela e del diritto alla salute.  In tale contesto, sarà essenziale consolidare il rapporto tra industria e Servizio Sanitario Nazionale sin qui costruito in un’ottica di pieno e totale riconoscimento reciproco e assoluta condivisione.
  3. 3.  Da dove partire, allora? Si deve avere la consapevolezza, innanzitutto, che le misure non possono essere mutuate “sic et simpliciter” dal settore farmaceutico. E’ necessario trovare soluzioni “ad hoc” e percorrere strade costruite “su misura” rispetto al settore di riferimento.  Partendo da una premessa: il sistema sanitario deve spingersi nella direzione di essere sempre più “selettivo”.  Concetto che ben si adatta al tema delle gare centralizzate dalle quali ci attendiamo risparmi rilevanti che potranno essere reinvestiti nel comparto sanità. Ebbene si deve far notare che se da un lato la “centralizzazione” ben si adatta all’acquisto di beni a basso contenuto tecnologico (o a prodotti altamente standardizzabili), consentendo prezzi di aggiudicazione vantaggiosi e uniformi per le Aziende Sanitarie pubbliche, dall’altro, minimizzando gli aspetti qualitativi dei beni, rischia di divenire un mero “confronto tra prezzi”, non adatto per beni e servizi ad alta complessità.  Per questo sono indispensabili due azioni: 1. Stabilire dei principi espliciti per l’individuazione delle tecnologie da considerare prioritarie e su cui concentrare il lavoro di valutazione che preveda un sistematico coinvolgimento dei principali stakeholder del sistema (cittadini e associazioni di pazienti, industria ecc.), 2. Adottare l’approccio dell’Health Technology Assessment per identificare le opzioni assistenziali che si sono dimostrate maggiormente costo – efficaci. L’HTA è proprio lo strumento in grado di supportare tale programmazione.  Per soddisfare questa esigenza abbiamo creato una Cabina di Regia per l’HTA all’interno del Ministero della Salute. La Cabina di Regia è affiancata nel suo lavoro da un Tavolo sull’innovazione che vede coinvolti tutti i più importanti stakeholder e svolge un ruolo consultivo sulle tematiche dell’innovazione e dell’HTA. Entrambi hanno lavorato per licenziare il “Programma Nazionale HTA sui DM” ora all’attenzione del Ministro per l’inoltro del testo alla Conferenza Stato – Regioni.  L’obiettivo perseguito dalla CdR, inserito nella Legge di Stabilità 2015, è quello di produrre decisioni di livello nazionale. Le valutazioni prodotte dalla CdR si baseranno su robuste evidenze ed avranno il compito di informare le decisioni, a tutti i livelli, in merito all’adozione e all’introduzione dei dispositivi medici e al disinvestimento. Ad esempio, una volta individuate tecnologie, che, oltre ad essere efficaci, siano in grado di produrre risparmi (“cost saving”), la CdR si occuperà di accelerarne la diffusione attraverso l’elaborazione di linee guida uniformi acquisite a livello territoriale.  Sempre nella Legge di stabilità si è definita la creazione di una “Commissione nazionale per l’aggiornamento dei LEA e la promozione dell’appropriatezza nel Ssn”. La Commissione, tra le altre: - per l’aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza e l’individuazione di condizioni di erogabilità o indicazioni di appropriatezza, si avvale delle valutazioni di HTA su tecnologie biomediche e sulle procedure correlate. Queste attività di valutazione dovranno essere svolte dalla Cabina di Regia e messe a disposizione della Commissione Lea per i successivi adempimenti.
  4. 4.  Tale processo costituisce una rilevante opportunità per garantire un equo e omogeneo accesso dei pazienti alle cure, soprattutto quelle con livelli assistenziali particolarmente complessi, in ragione del progresso tecnologico messo a disposizione dall’industria.  Del resto, l’acquisto di dispositivi medici è un argomento molto sensibile per l'opinione pubblica e per gli operatori sanitari. L'attenzione nasce dal fatto che entrambi vorrebbero il massimo di qualità dei presidi medici e chirurgici per avere prestazioni migliori.  Oltre a ciò si evidenzia l’accesso non uniforme alle vere innovazioni tecnologiche che penalizza fortemente i pazienti italiani rispetto a quelli degli altri paesi dell'Europa Occidentale così come quelli di alcune regioni rispetto ad altre. Di conseguenza, serve un cambio di marcia per riportare il paziente al centro delle politiche sanitarie regionali e nazionali e, secondo il dettato costituzionale, garantire a tutti i cittadini italiani l'accesso a un Servizio Sanitario Nazionale universale e uniforme.  Altra questione. In Italia ogni anno dal 5 all’8% dei pazienti ricoverati contrae un’infezione ospedaliera che provoca il decesso di circa 5-6mila persone. Le infezioni ospedaliere rappresentano una crisi sanitaria crescente che richiede una gestione preventiva e adeguata.  Sarà fondamentale promuovere un programma, in cui tutti gli operatori coinvolti possano impegnarsi in iniziative di sensibilizzazione e di formazione del personale medico-sanitario.  Ed ancora. In Italia ci sono troppe apparecchiature, troppo poco utilizzate e troppo vecchie. Anche qui, è urgente attivare un programma che miri a disincentivare l’uso clinico di apparecchiature obsolete e reinvestire in innovazione di qualità.  Anche perché, al contrario di quanto si possa pensare, un processo di sostituzione sistematico e progressivo nel tempo delle tecnologie obsolete porterebbe invece a un'ottimizzazione dei costi in grado di ritornare dall'investimento iniziale già nel breve periodo, grazie anche alla migliore gestione di utilizzo dei carichi, ad una riduzione dei costi di esercizio, nonché all'efficientamento delle prestazioni eseguite in condizioni di urgenza che tecnologie più evolute rendono possibili.  Di conseguenza, la riduzione degli investimenti rappresenta dunque una barriera fortissima nel medio termine alla diffusione della tecnologia di qualità, lasciando inevitabilmente spazio alla diffusione di prodotti di bassa fascia, qualitativamente inferiori con un parco installato a costi di gestione crescenti.  Complessivamente, le politiche di governance necessitano di una piattaforma informativa che garantisca le opportune conoscenze del mercato di riferimento. L’Italia, grazie alla elaborazione del Rapporto sui consumi nel settore dei DM è oggi l’unico Paese a livello internazionale a disporre di informazioni sulla spesa per i DM ad un livello massimo di dettaglio. Questo progetto ha consentito di avviare sistemi di benchmarking costruttivo.  Così come, con le medesime finalità, è stato istituito il flusso informativo per il monitoraggio delle grandi apparecchiature sanitarie in uso presso le strutture sanitarie pubbliche e private. Un progetto che mira a fare il punto sullo stato di salute delle GA utilizzate dalle strutture
  5. 5. italiane, sulle modalità di acquisizione (solo per le strutture pubbliche), sui livelli di manutenzione e sul loro utilizzo.  Ed ancora, il problema dei dispositivi medici contraffatti è uno dei settori più recenti di traffico e contraffazione. Secondo l’Oecd (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) e la Who (World health organization) il mercato si espande con una crescita annua di circa il 20%.  Tale fenomeno ha due implicazioni: la prima industriale, distorce la concorrenza, danneggia i produttori regolari e i loro marchi, mina l’occupazione e riduce i ricavi delle aziende oneste, che possono subire perdite di fatturato e di reputazione quando dispositivi falsi vengono marchiati con il loro brand.  La seconda è che tutti questi acquisti hanno in comune un aspetto critico essenziale: la pericolosità per la salute, pubblica e del singolo, riconducibile tanto alle condizioni non controllate in cui vengono prodotti, che a l’utilizzo improprio, che avviene solitamente senza la supervisione del medico.  I dati più recenti di comparazione mostrano che sia a livello europeo (Commissione Europea) che a livello mondiale (WCO), la contraffazione continua a crescere parallelamente alla crescita della globalizzazione e del commercio via internet.  Di conseguenza, la messa a punto di una strategia di lotta contro la contraffazione risulta particolarmente urgente considerato che il trend di crescita del fenomeno risulta superiore al rispettivo trend di crescita della contraffazione dei medicinali in Europa.  È chiaro che per realizzare tutto questo servirà l’apporto e la collaborazione dei diversi attori del “sistema Salute”. Occorre certamente un cambio di passo culturale nella politica economica del Paese rispetto a questi temi e lo sforzo che sta facendo il Ministero della Salute va proprio in questa direzione. Sono per questo convinta che la IX Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici sarà come ogni anno l’occasione per confrontarsi e dare forza a questo percorso che dovrà coniugare lo sviluppo dell’innovazione, la sicurezza e la qualità delle cure dei pazienti e la sostenibilità economica del servizio pubblico, di oggi e di domani.  Una sfida che, a ben vedere, coinvolge tutti noi ed, in particolare, tutti gli operatori che lavorano in questo fondamentale settore. Un agire condiviso, un concorso di idee a cui noi tutti siamo chiamati. Partendo da un concetto di base: andare oltre la deriva economicistica che sta mettendo a rischio la salute dei cittadini. Il cambio di passo a cui mi riferisco è dettato proprio da questo totale ribaltamento dell’approccio attraverso cui considerare la spesa come un vero investimento attraverso cui riuscire a coniugare sostenibilità e innovazione.  E’ intenzione del governo impegnarsi ancora di più nel sostenere l’innovazione e la ricerca nel settore dei medical device in conseguenza della crescente importanza che esso assumerà negli anni a venire sia in termini di valore aggiunto prodotto che di occupazione.  E’ con tale convinzione, che Vi auguro buon lavoro.

×