GIOVANNI, la sua famiglia e…… ….la scuola!!!!! 7° raduno AIFA -maggio 2008
Come aiutare Giovanni e la sua famiglia a costruire un rapporto efficace con gli insegnanti: iniziamo rispondendo ad alcun...
Nostro figlio ha una diagnosi di ADHD  con delle indicazioni date da un centro pubblico come posso fare se non vengono ris...
.  Quello che c'è da dire è che la scuola ( e non i singoli insegnanti) dovrebbe prevedere dei percorsi e dei protocolli d...
i genitori della classe di mio figlio hanno sollecitato un consiglio di classe straordinario per parlare di lui.. cosa pos...
La comunicazione diretta, semplice e sincera spesso paga più di comportamenti sfuggenti che lasciano spazio a mille interp...
<ul><li>L’insegnante di nostro figlio si rifiuta di riempire i questionari mandati dalla Asl per completare l’anamnesi di ...
È utile far riferimento alla centralità dello studente, ai doveri dei docenti di attivarsi per promuovere il suo ben-esser...
<ul><li>A nostro figlio sono state assegnate 4 ore di sostegno ma sono poche. cosa possiamo fare? </li></ul>Si va dal Diri...
In ultima istanza si può ricorrere ad un giudice che riaffermi il diritto alle deroghe per il sostegno, vedi precedente: “...
<ul><li>L’insegnante di sostegno in accordo con l’insegnante di ruolo  porta mio figlio fuori dalla classe durante le ore ...
Si può comunicare con i D.S. per ricevere chiarimenti sul percorso scolastico dei vostri figli. Si chiede di di visionare ...
<ul><li>Come si può ottenere il sostegno? Serve? </li></ul>Il sostegno è sicuramente utile se l’insegnante è competente, q...
Cosa prevede la normativa Risorse umane dove chi le predispone: compresenze (classe) (Scuola); insegnante sostegno (classe...
Come comunicare o far attuare all’insegnante di ruolo le strategie indicate per nostro figlio (spesso noi genitori siamo c...
So che spesso sono le famiglie stesse a dover proporre strategie didattiche, quando ci si trova a dover affrontare  person...
C’è un modo per intervenire  direttamente sui compagni di nostro figlio per far comprendere il perché della scelta di cert...
Si può proporre l’intervento dello psicologo o dello psicopedagogista che può “agire” direttamente in classe per risponder...
Nel momento in cui dovessimo renderci conto che nostro figlio è emarginato dai compagni e  preso di mira in maniera eclata...
Esistono precedenti in cui le famiglie hanno fatto ricorso alle forze dell’ordine, agli ispettori scolastici, all’Ufficio ...
Conclusioni: <ul><li>L'integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo della personalità della persona handicappata ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Di Il Bambino Adhd A Scuola

8,624 views

Published on

slide sui rapporti scuola-famiglia qundo si ha una diagnosi di adhd

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
8,624
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
38
Actions
Shares
0
Downloads
41
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Di Il Bambino Adhd A Scuola

  1. 1. GIOVANNI, la sua famiglia e…… ….la scuola!!!!! 7° raduno AIFA -maggio 2008
  2. 2. Come aiutare Giovanni e la sua famiglia a costruire un rapporto efficace con gli insegnanti: iniziamo rispondendo ad alcune domande.
  3. 3. Nostro figlio ha una diagnosi di ADHD  con delle indicazioni date da un centro pubblico come posso fare se non vengono rispettate? La diagnosi non basta. Spesso le indicazioni date dalla neuropsichiatria sono ritenute stupide e irrealizzabili, per cui, se gli insegnanti le giudicano tali, non possono essere obbligati a seguirle. Devono però dimostrare come, si siano programmati interventi adeguati. Per ribaltare la situazione, prima di additare ai doveri del POF può offrire &quot;aiuto&quot;, lanciare ami, come offrire indirizzi, siti diagnosi da leggere numeri telefono esperti... prima cioè di mettersi sulla difensiva... In situazione di certificazione, le cose cambiano
  4. 4. . Quello che c'è da dire è che la scuola ( e non i singoli insegnanti) dovrebbe prevedere dei percorsi e dei protocolli di accoglienza.
  5. 5. i genitori della classe di mio figlio hanno sollecitato un consiglio di classe straordinario per parlare di lui.. cosa posso fare? risponderei: partecipate anche voi e spiegate bene il problema agli altri genitori. Non tutti sanno e, soprattutto, non tutti sono intelligenti e colti.
  6. 6. La comunicazione diretta, semplice e sincera spesso paga più di comportamenti sfuggenti che lasciano spazio a mille interpretazioni
  7. 7. <ul><li>L’insegnante di nostro figlio si rifiuta di riempire i questionari mandati dalla Asl per completare l’anamnesi di nostro figlio dicendo che l’ADHD non esiste: cosa possiamo fare? </li></ul>il dibattito esiste, ma se vengono richieste delle osservazioni sul ragazzo, si possano fare comunque. in questo caso si può fare riferimento alla legge sul diritto allo studio quindi all’individuazione degli interventi specifici per favorire lo sviluppo globale dell’alunno.Le diagnosi le faranno gli specialisti...
  8. 8. È utile far riferimento alla centralità dello studente, ai doveri dei docenti di attivarsi per promuovere il suo ben-essere perchè: “La scuola dell’autonomia si pone precisi interventi educativi di formazione ed istruzione adeguati ai diversi contesti socio-culturali, partendo dalle esigenze delle famiglie e dei soggetti coinvolti all’interno del sistema formativo integrato. Il P.O.F. prevede una logica di responsabilità di flessibilità, di coerenza ed integrazione che unisce i vari progetti. Si denota flessibilità interna alla singola istituzione scolastica:… -Percorsi inter-pluridisciplinari -progetti speciali -progetti opzionali -tutoraggio    Interventi facilitatori per l’handicap (P.E.I. o P.E.P.)
  9. 9. <ul><li>A nostro figlio sono state assegnate 4 ore di sostegno ma sono poche. cosa possiamo fare? </li></ul>Si va dal Dirigente Scolastico che sulla base anche della Diagnosi Funzionale e di tutte le osservazioni raccolte (dagli insegnanti, dai genitori ecc.) segnala la presenza di particolari forme di handicap gravi o molto gravi, chiedendo la deroga dal suddetto rapporto ed indicando il monte orario necessario per un efficace intervento.
  10. 10. In ultima istanza si può ricorrere ad un giudice che riaffermi il diritto alle deroghe per il sostegno, vedi precedente: “….Il Tribunale di Roma, il 17.12.2002, ha emesso un’ Ordinanza nel procedimento ex art. 700 C.P.C. N. 69789/2002 con la quale ha riconosciuto ad un alunno dichiarato con handicap in situazione di gravità, un numero di ore di sostegno superiore a quello assegnatogli dalla Direzione scolastica regionale e dalla scuola. Và dato atto ai genitori che con il loro ricorso per ottenere un provvedimento d’urgenza ai sensi dell’ art. 700 del Codice di Procedura Civile , hanno contribuito a rafforzare il diritto allo studio, ed a migliorare le condizioni della qualità dell’integrazione scolastica.”
  11. 11. <ul><li>L’insegnante di sostegno in accordo con l’insegnante di ruolo  porta mio figlio fuori dalla classe durante le ore di lezione cosa posso fare ? </li></ul>Si possono chiedere le motivazioni al Dirigente Scolastico : non abbiate timore di chiedere udienza: vi spetta di diritto! Richiedete comunque che venga rispettato il segreto d’ufficio. Comunque ogni situazione è a sé: dipende dal tipo di lavoro, dal momento ecc... a volte capita che sia lo stesso bambino a chiedere di andare &quot;fuori&quot; per concentrarsi meglio.. purché tutto sia governato da una regia educativa professionale, con scelte motivate.
  12. 12. Si può comunicare con i D.S. per ricevere chiarimenti sul percorso scolastico dei vostri figli. Si chiede di di visionare il P.E.I, quindi si cerca di verificare se le “uscite” siano state pianificate in una progettazione per realizzare interventi individualizzati in relazione alle esigenze del bambino o se, come sembra succedere nei casi di “malascuola”, servono unicamente a “proseguire nello svolgimento della lezione, in santa pace!!!”
  13. 13. <ul><li>Come si può ottenere il sostegno? Serve? </li></ul>Il sostegno è sicuramente utile se l’insegnante è competente, qualificato; si ottiene previa certificazione di handicap. Purtroppo non è possibile valutare le competenze di tale insegnante (salvo a seguito di un controllo fatta da un ispettore chiamato a valutare il caso) quindi, anche se risulta non essere all’altezza del suo compito, nessuno può fare nulla,compresi i colleghi e il D.S. La richiesta della certificazione compete esclusivamente al genitore o a chi eserciti la patria potestà. E' necessario che copia di tale documento, qualora non esista la diagnosi funzionale, comunque sia inoltrata tramite la Scuola all'Ufficio Integrazione del Provveditorato agli Studi per poter usufruire di quanto previsto dalla normativa vigente sempre in relazione alla gravità dell’handicap
  14. 14. Cosa prevede la normativa Risorse umane dove chi le predispone: compresenze (classe) (Scuola); insegnante sostegno (classe) (Provv. Studi); psicopedagogista (scuola) (Provv. Studi); ripetitore o lettore (domicilio) (Provincia); operatore add.assist. (scuola) (ULSS); gruppo di lavoro (scuola) (Sc., ASL, Famiglie). Risorse di strutture e organizzazione: massimo n. 20 alunni /classe; (Scuola); eliminazione delle barriere arch.; sussidi didattici, trasporto…
  15. 15. Come comunicare o far attuare all’insegnante di ruolo le strategie indicate per nostro figlio (spesso noi genitori siamo costretti a farlo direttamente). Questo potrebbe rovinare il rapporto? Il rapporto scuola-famiglia è necessario:ascoltare, comunicare, stabilire metodologie, apportare modifiche in itinere in sinergia, sono buone prassi, sempre. E’ bene dialogare periodicamente con gli insegnati e non solo quando si è convocati….
  16. 16. So che spesso sono le famiglie stesse a dover proporre strategie didattiche, quando ci si trova a dover affrontare persone impreparate e spesso demotivate. Il più delle volte i docenti non accettano che si “insegni loro ad insegnare” specie se a farlo sono i genitori degli alunni. Non sono in grado di dare la “ricetta” per impedire che ciò avvenga, ma penso che si possa agire con intelligenza ed educazione per raggiungere questo obiettivo.
  17. 17. C’è un modo per intervenire direttamente sui compagni di nostro figlio per far comprendere il perché della scelta di certe strategie che, ai loro occhi, potrebbero apparire “ privilegi” ? Proporsi come intermediari tra gli esperti e gli insegnati, diventare l’anello di congiunzione degli altri due microsistemi all’interno dei quali si sviluppa il progetto di vita del bambino, può diventare uno strumento efficace per superare tutte le difficoltà che si incontrano in itinere.
  18. 18. Si può proporre l’intervento dello psicologo o dello psicopedagogista che può “agire” direttamente in classe per rispondere alle domande dei bambini ( in maniera accessibile alla fascia d’età di appartenenza). Si può fare anche in presenza del bambino ADHD preventivamente preparato all’evento. Nel caso in cui la collaborazione scuola famiglia fosse molto positiva, si può addirittura consigliare agli insegnanti un progetto che preveda la drammatizzazione di una storia che abbia come tema l’integrazione e l’accettazione delle diversità. Per la realizzazione di tale prodotto, i bambini stessi possono essere coinvolti nella stesura del copione e delle scenografie.
  19. 19. Nel momento in cui dovessimo renderci conto che nostro figlio è emarginato dai compagni e preso di mira in maniera eclatante da parte degli insegnanti, come ci dobbiamo muovere? Se la situazione risultasse molto compromessa, ritengo che, dopo aver comunicato l’osservazione ai docenti, aver cercato di individuare almeno una persona che dimostri sensibilità al problema alla quale riferirsi per chiedere di mediare, si possa ancora una volta rivolgersi al Dirigente Scolastico.
  20. 20. Esistono precedenti in cui le famiglie hanno fatto ricorso alle forze dell’ordine, agli ispettori scolastici, all’Ufficio Scolastico provinciale, agli articoli sui giornali, ai tribunali. Sono tutti strumenti che, se si decide di usare, si deve preventivare anche il ritiro dei figli dalla scuola. Quando si arriva a dei punti di rottura, se si decide di “arrivare fino in fondo” dopo averle provate tutte, si deve essere consapevoli che le nostre scelte non devono mai prevaricare il ben-essere e la serenità dei nostri figli.
  21. 21. Conclusioni: <ul><li>L'integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo della personalità della persona handicappata nell'apprendimento, nella comunicazione nelle relazioni, nella socializzazione. </li></ul><ul><li>Il diritto delle persone disabili in stato di handicap all'educazione, all'integrazione sociale e alla partecipazione alla vita della comunità, nonché il diritto dei bambini a crescere in un ambiente favorevole allo sviluppo della loro personalità e delle loro attitudini, sono riconosciuti anche dagli articoli 15 e 17 della Carta sociale Europea ( ratificata con legge 30/1/1999). </li></ul><ul><li>Il pieno sviluppo della persona umana è un obiettivo al quale è strumentale il compito della repubblica di apprestare i mezzi per raggiungerlo e a esso fa riferimento l'art. 3, comma 2, della Costituzione, nonché l'art. 38 che tutela con pienezza il diritto dei disabili all'educazione, disponendo che ai compiti a ciò inerenti provvedano gli organi e istituti predisposti o integrati dallo Stato). E' evidente che l'organizzazione dell'attività di sostegno da parte delle istituzioni scolastiche non può, in via di fatto (per inadeguata assegnazione), comprimere o vulnerare quel diritto riconosciuto alla persona da fonti soprannazionali, dalla Costituzione e dalla legislazione ordinaria. L'assegnazione del sostegno per gli alunni in situazione di handicap riconosciuto grave deve essere adeguata alla finalità di promuovere lo sviluppo del disabile, indipendentemente dai vincoli della dotazione organica degli insegnanti di sostegno. Il mancato o parziale soddisfacimento di tale diritto può esporre l'amministrazione al risarcimento del danno arrecato al soggetto handicappato. </li></ul>

×