Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Triduo Sr. Angela Vallese_3 giorno ita

406 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Triduo Sr. Angela Vallese_3 giorno ita

  1. 1. 1 3° giorno: 16 agosto 2014 ANGELA, LA «MADRE BUONA» Guida: Nel Sistema preventivo, la bontà, l’essere buono, è un elemento essenziale; è un modo di essere che distingue un educatore salesiano da tutti gli altri. È la bontà che conquista e trasforma, avvicina e comprende, ama ed educa. Dietro alla bontà, all’essere buono, si nascondono il bene, il vero, il bello! Sr. Angela Vallese, missionaria della Prima Spedizione nella Patagonia e nella Terra del Fuoco, veniva chiamata dalla gente, soprattutto dalle bambine e donne con cui era a contatto, “la Madre buona”. La gente la riconosceva non soltanto come “Madre”, ma una “Madre buona”. In questa missionaria della prima ora e dietro di lei, si trova il bene, il vero, il bello secondo il Vangelo. Si trova una Madre dal cuore grande, dallo sguardo attento e dalle mani intraprendenti. Invocazione allo Spirito Santo… (scegliere un canto o preghiera) Dalla vita di Sr. Angela Vallese Lettore 1: Lasciata definitivamente l’Isola di Dawson, i missionari, le missionarie e un gruppetto di indigeni arrivano a Punta Arenas per poi ripartire per la missione della Candelaria. Al porto li aspetta sr. Angela Vallese. Al momento dello sbarco gli indigeni, timidi, imbarazzati, smarriti, ripetono sommessamente?: “Madre buona... Madre buona!...”. Sr. Angela li chiama per nome ad uno ad uno, e ad ognuno rivolge una parola materna. Lettore 2: In comunità, Sr. Angela Vallese è capace di intuire ogni piccola o grande necessità. Quante volte rammenda di nascosto la biancheria delle Suore! E quando si accorge che qualcuna ha bisogno di ricucire l’abito – perché nessuna ne possedeva due – aspetta che la sorella vada a letto, poi «cauta e silenziosa glielo porta via». Lavora tutta la notte. Al mattino la suora, alzandosi, trova l’abito in ordine. Lettore 1: Quando qualcuna è ammalata, è Sr. Angela che si prende cura di lei giorno e notte. «Intuisce anche un semplice malessere, una fugace malinconia; persino dal modo di parlare, di guardare, di ridere capisce se le sue figlie hanno qualche pena. Si avvicina loro, con pronta carità e chiede sommessamente: “Cosa hai? Posso aiutarti? Sono qui per te...». Lettore 2: «E quante sollecitudini per conservare in casa l’armonia, per tenere allegre quelle sue figlie tanto sacrificate, tanto lontane da tutti; per preparare loro una gradita sorpresa, ricordare un caro anniversario, procurare il sollievo di una bella passeggiata.» Dalla Parola di Dio (Mc 10, 17 – 18a) «Mentre Gesù usciva per mettersi in viaggio, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: "Maestro buono, che cosa devo fare per avere la vita eterna?". Gesù gli disse: "Perché mi chiami buono?” […]»
  2. 2. 2 Da una lettera di Madre Mazzarello «Mia sempre cara suor Angiolina, È già un anno che non ci siamo più viste, nevvero? Come passa il tempo! Bisogna proprio che ce ne approfittiamo coll'acquistarci tanti meriti e cosi essere poi pronte quando il Signore ci chiamerà. Son contenta che codeste suore siano buone e lavorino, sta a noi il farle crescere sempre nella virtù, prima coll'esempio, perché le cose insegnate coll'esempio restano più al cuore molto impresse e fanno assai più del bene, e poi colle parole. Animatele sempre ad essere umili e obbedienti, amanti del lavoro, ad operare con retta intenzione, ad essere schiette e sincere sempre e con tutti. Tenetele sempre allegre, correggetele sempre con carità, ma non perdonate mai nessun difetto. Un difetto corretto subito alle volte è nulla, se invece si lascia che metta radice, ci vuole dopo molta fatica a sradicarlo.» (L 17 - Mornese, dicembre 1878) Dall’Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium (259) Insieme: «Gesù vuole evangelizzatori che annuncino la Buona Notizia non solo con le parole, ma soprattutto con una vita trasfigurata dalla presenza di Dio.» Guida: Preghiamo a cori alterni. Guida: Che importa? 1. «... per sr. Angela Vallese i sacrifici non contano più, quando trionfa la grazia nelle anime!» 2. Che importa se a casa manca il necessario? Che importa consumare le mani a lavare, ad impastare il pane...? 1. Che importa se manca la legna e bisogna percorrere sei o sette chilometri, con qualunque tempo per cercarla? 2. Che importa avere le mani gonfie dal freddo e dai geloni, dilaniate dalle spine, indurite dalla vanga con cui si rompe a fatica l’arido terreno...? Insieme: «Tutto è nulla, purché Dio regni! Questo è lo stile di sr. Angela Vallese.» 1. “Madre buona”. “Madre de los Indios”. “Madre bianca”. Non importa come la chiamano. 2. Per i suoi fueghini, sr. Angela Vallese fu veramente Madre. In lei hanno trovato il bene, il vero, il bello, secondo il Vangelo. Concludere con un canto adatto: Per la riflessione personale: Incontrando le sorelle dell’Isola Grande, sr. Angela Vallese le incoraggia a temere non il ghiaccio australe, ma quello che impietrisce il cuore degli Indi Onas: «Ah, figlie mie, so bene che gli indi sono selvaggi, ripugnanti nel loro sudiciume e nella loro nudità, talora di istinti feroci e brutali, pronti alla violenza, ma, come dice Monsignore [Fagnano], cerchiamo anche noi di essere per loro babbo e mamma... Nessun sacrificio ci sia tropo grave... Siate ferventi nella preghiera, ardenti nella vicendevole carità: Dio e Maria Ausiliatrice faranno il resto!»
  3. 3. 3 All’arrivo di Mons. Fagnano, di sr. Angela Vallese e altre due sorelle a Dawson, per una visita all’isola, gli indigeni fuggono. Ma poi, piano piano, si avvicinano. Sr. Angela li guarda a uno a uno sorridendo, avvicinandosi e aprendo loro le braccia come una mamma. Più tardi dirà: “Erano vestiti come tanti S. Giovanni Battista!...” Gli indigeni studiano le missionarie! Incoraggiati dal loro sorriso, vogliono vederle da vicino, toccarle, ma con i piedi sono pronti alla fuga. Troppo mistero racchiudono quelle tre figure bianche e nere. Sono uomini, sono donne, sono pinguini? “Kasteciaci?” (uccelli pinguini), domandano. “No”, risponde Monsignore Fagnano, “madri buone”. “Ah!...” Ed allora le donne prendono per mano le Suore e le accompagnano a visitare i loro miseri toldi: capanne circolari in cui vivono in stretta comunanza uomini e cani, i preziosi compagni di caccia degli indigeni. Da quella visita, sr. Angela Vallese porterà con sé la certezza che Dio la chiama a sacrificarsi tutta per salvarli! Dio la chiama ad essere “Madre buona”! * * * * *

×