L a P ersia Il nome Persia è stato a lungo usato per riferirsi alla nazione dellIran, al suo popolo, o ai suoi antichi imp...
lI mpero achemenideeLimpero achemenide fu il più grande e potente impero mai visto fino ad allora. Ancora più rilevante, e...
L a P e r s ia e l l e n is t ic aa Gli ultimi anni della dinastia achemenide furono segnati da debolezza e decadenza. Il ...
L a P e r s ia s a s a n id eLa dinastia sasanide deve il suo nome a Sasan, gran sacerdote del Tempio di Anahita, e nonno ...
L a P ersia sotto i M ongoliNel 1218, Gengis Khan inviò ambasciatori e mercanti alla città di Otrar, al confine nord-orien...
Din a s t ia P a h l a v iNel 1925 il generale Reza Khan, comandante dellesercito e uomo forte del Paese fin dal 1921, sim...
Qu a l e imp e r o h a v is -            s u t o d i p iù ?Come si è detto molto brevemente, la Persia ha avuto diverse di...
T a b e l l a d e i d iv e r s i p e r io d i n e l l a            s t o r ia d e l l a P e r is a         Dinastia       ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

LA PERSIA

893 views

Published on

Published in: Travel
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

LA PERSIA

  1. 1. L a P ersia Il nome Persia è stato a lungo usato per riferirsi alla nazione dellIran, al suo popolo, o ai suoi antichi imperi. Tale nome deriva dallantico nome greco dellIran, Persis, che a sua volta deriva dal nome del clan principale di Ciro il Grande, Pars o Parsa, che ha dato il suo nome anche a una provincia dellIran meridionale, Fārs (in lingua persiana moderna). Secondo lo storico dellantica Grecia Erodoto, il nome Persia deriva da Perseo, leroe mitologico.Il 21 marzo del 1935, lo scià Reza Pahlavi chiese formalmente alla comunità internazionale di riferirsi al Paese con il suo nome originario, Iran. Alcuni studiosi protestarono contro questa decisione perché il cambio di nome avrebbe separato il Paese dalla sua storia.[non chiaro]Nel 1959, lo scià Mohammad Reza Pahlavi annunciò che sia il nome di Persia che quello di Iran potevano essere usati indifferentemente.
  2. 2. lI mpero achemenideeLimpero achemenide fu il più grande e potente impero mai visto fino ad allora. Ancora più rilevante, esso fu ben governato ed organizzato. Dario divise il suo impero in una ventina di satrapie (province), ognuna amministrata da un satrapo (governatore), molti dei quali avevano legami personali con lo scià, essenzialmente parenti del Gran Re. Istituì un sistema di tributi per tassare ogni satrapia, adottò e migliorò il già avanzato sistema postale assiro e costruì la famosa Strada Regia, collegando tra loro gli estremi dellimpero. Spostò lamministrazione centrale da Persepoli a Susa, più vicina a Babilonia e al centro del regno. I Persiani furono tolleranti verso le culture locali, seguendo il precedente instaurato da Ciro il Grande, atteggiamento che ridusse notevolmente le rivolte dei popoli soggetti. Un esempio rilevante di questo atteggiamento tollerante fu il permesso dato da Ciro agli ebrei (che erano stati deportati dai babilonesi inseguito allesilio e alla distruzione di Gerusalemme), nel 537 a.C., di tornare in Palestina e di ricostruire lormai distrutto tempio di Gerusalemme, evento profetizzato secoli prima dal profeta ebreo Daniele.
  3. 3. L a P e r s ia e l l e n is t ic aa Gli ultimi anni della dinastia achemenide furono segnati da debolezza e decadenza. Il potente e immenso impero collassò in soli otto anni sotto i colpi infertigli dal giovane re dei Macedoni, Alessandro Magno.La debolezza della Persia si svelò ai greci nel 401 a.C., quando Ciro il giovane, secondogenito di Dario II e satra- po di Sardi ingaggiò diecimila mercenari greci per rafforzare le sue pretese al trono imperiale, occupato dal fra- tello maggiore Artaserse II, riuscendo ad arrivare a Cunassa vicino a Babilonia, dove morì in battaglia: questi fatti sono narrati ne lAnabasi di Senofonte. Ciò rivelò non solo la debolezza militare ma anche linstabilità politi- ca degli ultimi anni del periodo achemenide. Filippo il Macedone, padrone di gran parte della Grecia, e suo figlio Alessandro decisero di approfittare di questa situazione. Dopo la morte di Filippo, Alessandro portò il suo esercito in Asia Minore nel 334 a.C., e si impos- sessò rapidamente di Lidia, Fenicia ed Egitto, sconfisse i Persiani di Dario III ad Isso e conquistò la capitale del- limpero, Susa. Dopo aver debellato le ultime resistenze, limpero Persiano cadde così definitivamente nelle sue mani.Lungo il suo percorso di conquista, Alessandro fondò numerose città, tutte chiamate "Alessandria". Nei secoli suc- cessivi queste città furono i centri da cui si irradiò in Oriente la cultura greca, processo che viene dettellenismo. Limpero di Alessandro si frantumò subito dopo la sua morte, ma la Persia rimase sotto il controllo dei greci. Un generale di Alessandro, Seleuco I Nicatore, prese possesso della Persia, della Mesopotamia e più tardi della Si- ria e dellAsia Minore. Ebbe così inizio la dinastia seleucide. Limpero seleucide nel 200 a.C.La colonizzazione greca continuò fino al 250 a.C. circa; con essa si diffusero la lingua, la filosofia e larte dei Greci. In tutto quello che era stato limpero di Alessandro, il greco divenne la lingua della diplomazia e della letteratura. Il commercio con la Cina, iniziato sotto gli Achemenidi lungo la "Via della Seta", fu incrementato notevolmente nel periodo ellenistico. Con lo scambio di merci, divennero sempre più frequenti gli scambi culturali: il Buddismo si diffuse dallIndia, e lo Zoroastrismo si propagò verso ovest, influenzando lEbraismo. Meravigliose statue di Buddha, in stile Greco classico, che sono state rinvenute in Persia e Afghanistan, illustrano la commistione di culture che si verificò in questo periodo..
  4. 4. L a P e r s ia s a s a n id eLa dinastia sasanide deve il suo nome a Sasan, gran sacerdote del Tempio di Anahita, e nonno di Ardashir I. Fu la prima dina- stia reale persiana dai tempi degli Achemenidi, e perciò i suoi regnanti si considerarono i successori di Dario e di Ciro. Essi condussero unaggressiva politica espansionista, riconquistando la maggior parte dei territori orientali ceduti ai Kushan dai 0 Parti e continuando il conflitto con Roma.La Persia sasanide, a differenza della Partia, fu uno Stato fortemente centralizzato. La popolazione era organizzata in un rigido sistema di caste: sacerdoti, militari, scribi, e plebei. Lo Zoroastrismo divenne la religione ufficiale dello Stato (poco prati- cata tuttavia dal popolo) e si diffuse in Persia e nelle province. Le altre religioni furono sporadicamente perseguitate, in particolare la Chiesa cristiano-ortodossa per i suoi legami con lImpero Romano dOriente. La Chiesa cristiana nestoriana fu tollerata invece e perfino favorita dai Sasanidi.
  5. 5. L a P ersia sotto i M ongoliNel 1218, Gengis Khan inviò ambasciatori e mercanti alla città di Otrar, al confine nord-orientale del regno del Khwārezm, ma qui essi furono giustiziati dal governatore. Gengis, per vendetta, saccheggiò Otrar nel 1219 e continuò verso Samar- canda e le altre città del nordest. Hulagu Khan completò la conquista della Persia e prese Baghdad (1258), ponendo termi- ne alla esistenza del luno califfato abbaside, e avanzò verso il Mediterraneo, venendo fermato solo dai Mamelucchi del fu- turo Sultano Baybars nel 1260. La Persia divenne un Ilkhanato, una parte del vasto Impero mongolo, ossia un dominio in- feudato allimpero mongola. In questa pur tormentatissima epoca fiorirono alcuni dei maggiori talenti letterari della lettera- tura persiana medievale tra cui si devono citare almeno Sadi (m. 1291) vissuto a Shiraz e Jalal al-Din Rumi (m. 1273), che visse tra lIran Orientale e lAnatolia.Nel 1295, lIlkhan Ghazan che regnava da Tabriz si convertì allIslam e rinunciò al giuramento di fedeltà al Gran Khan. Gli Ilkhan patrocinarono le arti e coltivarono le raffinate tradizioni della Persia islamica, contribuendo a risollevare il Paese dopo le devastazioni arrecate dalla conquista mongola. Nel 1335, la morte dellultimo Ilkhan significò la fine dellepoca mongola. Emersero presto dinastie locali, tra cui la dinastia dei Muzaffaridi che regnò a Shiraz fino al 1393 dove visse il più grande poeta persiano dogni tempo Hafez (m. 1390); e, a nord, la dinastia di origini mongole dei Jalayridi che regnò nellIran nord-occidentale (e a Baghdad almeno fino al 1410). Quindi comparvero sulla scena alcune confederazioni di tri- bù turcomanne: i Kara Koyunlu ("Quelli del montone Nero") che si emanciparono dai Jalayridi verso il 1375 e, dopo una interruzione determinata dallinvasione timuride (v. infra) e alterne vicende, regnarono grosso modo sugli stessi territori fino al 1467; dopodiché fu la volta della confederazione rivale degli Aq Qoyunlu ("Quelli del Montone Bianco") che suc- cedettero ai primi governando tra il 1468 e la fine del secolo. In mezzo vera stata però linvasione del Tamerlano (di cui gli Aq Qoyunlu furono alleati) che, dagli ultimi decenni del XIV sec. fino alla sua morte nel 1405, aveva conquistato una vasta area, tra la Mesopotamia e lAsia Centrale facendo di Samarcanda la sua capitale e una città tra le più ricche, ma sen- za avere il tempo di consolidare il nuovo impero. Le fonti medievali occidentali lo dipingono come sovrano ancora più sanguinario di Gengis Khan: ad Isfahan, per esempio, avrebbe fatto uccidere 70.000 persone facendone macabra torre a monito dei sudditi. In realtà lepoca timuride rappresentò, oltre che lultima grande stagione della letteratura persiana clas- sica, anche una delle epoche più fulgide dellarte e soprattutto dellarchitettura musulmana.
  6. 6. Din a s t ia P a h l a v iNel 1925 il generale Reza Khan, comandante dellesercito e uomo forte del Paese fin dal 1921, simpadronì del potere, auto- nominandosi scià al posto del deposto sovrano Qajar e stabilì la dinastia Pahlavi. Nel 1933 Reza scià rinegozió la conces- sione petrolifera dellAnglo-Iranian Oil Company. Nel 1935 egli consegnò lantico nome della Persia definitivamente alla storia, e impose alla comunità internazionale il nome di Iran. Il nuovo sovrano diede inizio a una energica politica di mo- dernizzazione del paese, potenziando le sue strutture amministrative e militari, attuando un programma di sedentarizzazio- ne forzata delle numerose tribù nomadi, e dando inizio a una politica culturale dai toni filo-occidentali e marcatamente an- ticlericali, in sintonia con quanto avveniva in quegli stessi anni nella vicina Turchia di Mustafa Kemal Atatürk. Il Paese rimaneva comunque soggetto allinfluenza dei britannici e dei sovietici e la situazione non mutò fino alla Seconda guerra mondiale.Nel 1941, nonostante fosse formalmente neutrale, lIran fu invaso dagli inglesi e dai sovietici. Il sovrano fu costretto dai bri- tannici ad abdicare e il figlio Mohammad Reza Pahlavi divenne il secondo scià della dinastia, avviando una stagione politi- ca ed economica in stretta alleanza dinteressi con gli Stati Uniti dAmerica, per conto dei quali si disse più volte che egli fungesse da "guardiano" della vitale area strategica del Golfo Persico. Nel 1943 si tenne nella capitale persiana la Confe- renza di Teheran tra Stalin, Churchill e Roosevelt, la prina Conferenza interalleata al vertice. Nel 1946 il mancato ritiro delle truppe sovietiche dal nord del Paese originó la crisi dellAzerbaijan, primo aperto contrasto tra gli alleati e preavviso dellimminente Guerra fredda[6]. Nel 1951 fu nominato Primo Ministro Mohammad Mossadeq, che nazionalizzò lindustria petrolifera - allora controllata dalla britannica Anglo-Iranian Oil Company (oggi nota come British Petroleum) - provocan- do una grave crisi internazionale discussa anche al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (Crisi di Abadan). La rea- zione inglese fu il blocco delle esportazioni di petrolio che provocò una grave crisi economica. Il Paese fu attraversato da profonde tensioni politiche a cui Mossadeq rispose con politiche populistiche. La crisi interna culminò nel 1953 con la rot- tura del Fronte Popolare che sosteneva Mossadeq e la deposizione manu militari del primo ministro popolar- nazionalista[7]. Durante la crisi lo scià si era recato in temporaneo esilio in Italia e ritornò a Teheran in trionfo. Questi die- de il via negli anni sessanta a una controversa "Rivoluzione Bianca" con lintento di ottenere attraverso la riforma agraria una moderata redistribuzione delle terre.
  7. 7. Qu a l e imp e r o h a v is - s u t o d i p iù ?Come si è detto molto brevemente, la Persia ha avuto diverse dinastie ke hanno governato per piu di 2 mila anni limpero per- siano. Nel grafico a torta sottostante sono riportate le dinestie più vissute in persia. 2 33 55 ACHEMINIDE 465 SASSANIDE 424 MONGOLI 281 SAFAVIDE 22 50
  8. 8. T a b e l l a d e i d iv e r s i p e r io d i n e l l a s t o r ia d e l l a P e r is a Dinastia Periodo Achemenide Dalla preistoria – 465 a.C Ellenistia 330 a.C - 150 a.C Parti 150 a.C - 226 Sassanide 226 - 650 Islam 650 - 1037 Turchi 1037 -1219 Mongoli 1219 - 1500 Safavidi 1500 - 1722 Pahlavi 1925 - 1979 Repubblica 1979 – finora

×