Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Dallo storytelling alla content curation

25,161 views

Published on

Come (e perché) mettere in grado i tuoi ospiti di raccontare le loro storie per convincere altre persone a scegliere te. Per il marketing turistico e per chiunque voglia lavorare con i propri clienti e non contro di loro.

Published in: Travel

Dallo storytelling alla content curation

  1. 1. Dallo storytelling alla content curation Buy Tourism online - Firenze, 2 dicembre 2011 Mafe de Baggis - Filippo Pretolani gallizio editore
  2. 2. Perché lo storytelling quando ascoltiamo una storia sperimentiamo un profondo cambiamento nella nostra percezione della realtà The "Storylistening" Trance Experience BRIAN W. STURM
  3. 3. Perché delegarlo ad altri “la suprema abilità consiste nel piegare la resistenza del nemico senza combattere” L’arte della guerra SUN TZU
  4. 4. Perché la curation The word “curator” comes from the Latin “cura,” meaning care. In the 1660s, we finally begin to see the word begin to refer to “the officer in charge of a museum, gallery of art, library, or the like; a keeper, custodian” The elements of content strategy ERIN KISSANE
  5. 5. L’editore classico Ha il catalogo come asset 
 (stock - patrimonio statico) Il turismo classico Ha le destinazioni come asset
 (stock - patrimonio statico)
  6. 6. "Niente in apparenza si muove una volta scritto. Immobilità della lettera, del vocabolo. Il libro porta il peso dell'immobilità dei suoi caratteri, della loro fuga, mobile fissità; il peso schiacciante di tutto lo spazio contenuto nelle lettere". Edmond Jabes, il Libro delle somiglianze
  7. 7. L’editore liquido Governa le scritture come flusso (valore dinamico) Il turismo liquido Governa i viaggi come flusso 
 (valore dinamico) Foto di Mario Pischedda
  8. 8. Il viaggio come spazio di pubblicazione istantaneo liquido iperconnesso
  9. 9. la curation arricchisce l’operatore turistico (albergatore, museo, ATP, Regione, chef etc) con la logica editoriale che coinvolge emozionando
  10. 10. Chi si prende cura delle storie? Matteo Fronduti chef del Manna (Milano)
  11. 11. Il protagonista dietro le quinte Qualunque sia il tuo ruolo e qualunque cosa tu proponga, è arrivato il momento di farla raccontare agli altri cercando di scrivere tu il canovaccio
  12. 12. Le mille e una notte del turismo Sherazade raccontava storie così belle da risparmiarle, notte dopo notte, la scimitarra del boia
  13. 13. Le cartoline erano storie private
  14. 14. Oggi sono in gran parte pubbliche
  15. 15. ci sono storie ovunque Mama Shelter - Parigi
  16. 16. per far raccontare una storia basta un dettaglio Mama Shelter - Parigi
  17. 17. che trasforma il tuo ospite in un personaggio Mama Shelter - Parigi
  18. 18. per far girare una storia serve uno strumento Mama Shelter - Parigi
  19. 19. che ospiti il tuo ospite nella tua storia Mama Shelter - Parigi
  20. 20. Loro raccontano I tuoi ospiti spediscono cartoline ovunque e in tempo reale: che sia Twitter, Trip Advisor, un blog, Flickr e Facebook e un forum e qualunque cosa esca domani Tu scegli - cercando su Google - identificando chi parla dei luoghi intorno a te - seguendo parole chiave, persone chiave, libere associazioni - ripubblicando solo quelli scelti da te: veri e rilevanti
  21. 21. Condivisione e conversazione Aggregazione di contenuti/servizi di valore Il segreto è esserci
 se e solo qualcuno 
 ti cerca onsite social media wherever Dove pubblichi?
  22. 22. Non tutti hanno gli Uffizi, ma tutti abbiamo storie da raccontare
  23. 23. Se nessuno lo fa, forse glielo stai rendendo difficile Sources de Caudalie foto Alessio Nesi
  24. 24. Tre consigli Le storie nascono offline e offline vanno iniziate, ispirate, favorite (vedi alla voce wi-fi) Se hai tempo per una sola iniziativa, scegli Twitter Cura la regia, non la tecnologia
  25. 25. Scegli tre parole chiave (hashtag) e seguile con Tweetreach Ripubblica il flusso di Twitter sul tuo sito (in home page)(se non hai un sito va bene, se non hai Twitter vedi consigli precedenti) Impara a usare Storify per creare velocemente articoli fatti solo con contenuti di terzi (che pero scegli tu :-) +1: stay tuned per Pleens, che geolocalizza le emozioni e le racconta su una mappa Tre cose che puoi fare oggi pomeriggio
  26. 26. Grazie :-) (da due viaggiatori lenti, impenitenti e spesso inutilmente ostacolati)

×