Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
L'educazione mediale come
prospettiva pedagogica ecologica
Lidia Pantaleo, Marta Marchi
XIII ICS e MED Veneto
La realtà in cui si trova immersa la
scuola è formattata dai media e dai loro
linguaggi diffusi dagli adulti.
Adulti hanno
trasformato la
società dello
spettacolo in
società
pedagogica, in
realtà di fatto!
In questo tipo di società la scuola è schiacciata e
posta di fronte a degli alunni il cui orizzonte è così
dilatato da per...
Ma "i ragazzi
sono nudi"
(M. Serres, 2013)
Non c'é più distanza. La fisicità ha perso i
suoi confini, i ragazzi sono persi e soli
dinanzi a tutto ciò.
Cosa può e dev...
Probabilmente sarà
necessario pensare a
un nuovo cogito, ad
una visione
dell'autonomia
dell'intelletto dove i
contenuti, f...
La scuola dovrebbe muoversi verso
una nuova concezione del sapere
che pone l'inventività al centro
dell'azione educativa e...
Per riuscire in ciò, la scuola non può trincerarsi
nei suoi saperi, mantenersi sulla difensiva. Deve
accogliere altri sgua...
Deve uscire autenticamente da sé per ritornare
a sé arricchita da nuovi stimoli e nuove
prospettive
fare squadra con altre professionalità
“fuori dal suo mondo”
mettersi in ascolto autentico
Ascoltare in cinese
trasformare potenziali competitor in alleati
mettersi in ascolto di altri
saperi, non
necessariamente scolastici,
per ritornare in aula
arricchiti e liberi di gestire
...
Una possibilità concreta è la media education o media literacy
• scruta il reale, lo fa leggere, smontare, costruire e ric...
Siamo immersi nei media, ma ci comportiamo come “il pesce che non sa
dell’esistenza dell’acqua” (Marconato, 2013)
Oppure g...
I media sostengono in modo quasi naturale i
PROCESSI DI APPRENDIMENTO RICCHI.
Non esiste solo il PC o solo il Web!
È necessario un ecosistema di
riferimento per un LAVORO INTEGRATO
Diversi saperi, expertise, espressioni creative, linguaggi, media,
opportunità… permettono di costruire un ponte che solo ...
Nessun vento è favorevole per il
marinaio che non sa a quale porto vuol
approdare.
(Lucio Annio Seneca, lettera 71)
Buona
navigazione!
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

L'educazione mediale come prospettiva pedagogica ecologica

158 views

Published on

L'educazione mediale quale risposta ai bisogni educativi del quotidiano digitale e non

Published in: Education
  • Be the first to comment

L'educazione mediale come prospettiva pedagogica ecologica

  1. 1. L'educazione mediale come prospettiva pedagogica ecologica Lidia Pantaleo, Marta Marchi XIII ICS e MED Veneto
  2. 2. La realtà in cui si trova immersa la scuola è formattata dai media e dai loro linguaggi diffusi dagli adulti.
  3. 3. Adulti hanno trasformato la società dello spettacolo in società pedagogica, in realtà di fatto!
  4. 4. In questo tipo di società la scuola è schiacciata e posta di fronte a degli alunni il cui orizzonte è così dilatato da perderne i confini.
  5. 5. Ma "i ragazzi sono nudi" (M. Serres, 2013)
  6. 6. Non c'é più distanza. La fisicità ha perso i suoi confini, i ragazzi sono persi e soli dinanzi a tutto ciò. Cosa può e deve fare allora la scuola? Siamo oltre la testa ben fatta? Come uscire dal formato della pagina?
  7. 7. Probabilmente sarà necessario pensare a un nuovo cogito, ad una visione dell'autonomia dell'intelletto dove i contenuti, facilmente reperibili e fruibili in vari formati sul web, non siano oggetto e fine, ma strumenti tra altri strumenti.
  8. 8. La scuola dovrebbe muoversi verso una nuova concezione del sapere che pone l'inventività al centro dell'azione educativa e didattica. Una inventività non frutto estemporaneo del pensiero, ma conseguenza di un agire educativo costante progettuale pensato, agito e condiviso.
  9. 9. Per riuscire in ciò, la scuola non può trincerarsi nei suoi saperi, mantenersi sulla difensiva. Deve accogliere altri sguardi, altri saperi.
  10. 10. Deve uscire autenticamente da sé per ritornare a sé arricchita da nuovi stimoli e nuove prospettive
  11. 11. fare squadra con altre professionalità “fuori dal suo mondo”
  12. 12. mettersi in ascolto autentico
  13. 13. Ascoltare in cinese
  14. 14. trasformare potenziali competitor in alleati
  15. 15. mettersi in ascolto di altri saperi, non necessariamente scolastici, per ritornare in aula arricchiti e liberi di gestire autonomamente la capacità pedagogico- didattica nell'ottica dell'etica della creatività (M. Castells, T. Ibanez, 2014)
  16. 16. Una possibilità concreta è la media education o media literacy • scruta il reale, lo fa leggere, smontare, costruire e ricostruire con attenzione all’etica e alla responsabilità • è capace di mettere in comunicazione autentica più linguaggi vicinissimi ai ragazzi • è agire in una prospettiva pedagogica dove “i diversi” approcci co- costruiscono una azione educativa significativa e autentica.
  17. 17. Siamo immersi nei media, ma ci comportiamo come “il pesce che non sa dell’esistenza dell’acqua” (Marconato, 2013) Oppure guardiamo questa realtà liquida e digitale dall’esterno come uno che la fissa con ammirazione o uno che la punta con intenzioni poco pacifiche.
  18. 18. I media sostengono in modo quasi naturale i PROCESSI DI APPRENDIMENTO RICCHI. Non esiste solo il PC o solo il Web!
  19. 19. È necessario un ecosistema di riferimento per un LAVORO INTEGRATO
  20. 20. Diversi saperi, expertise, espressioni creative, linguaggi, media, opportunità… permettono di costruire un ponte che solo in apparenza è precario e difficoltoso da mantenere in essere… In realtà è forte e ricco di possibilità.
  21. 21. Nessun vento è favorevole per il marinaio che non sa a quale porto vuol approdare. (Lucio Annio Seneca, lettera 71)
  22. 22. Buona navigazione!

×