Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Il linguaggio radiofonico
come stimolo inclusivo e
miglioramento della
qualità di vita di un BES
a scuola
Padova, 27/6/201...
Il benessere si raggiunge allorché gli individui e le collettività sviluppano e
mobilitano al meglio le proprie risorse, i...
Sfida PER LA SCUOLA
•Ripensare quantità e qualità conoscenze da insegnare (scelta etica)
•Riequilibrare la didattica nel r...
NO a MEDIA visti come realtà liquida e passivizzante
SI a MEDIA quali mediatori e catalizzatori di processi
capaci di sost...
MEDIA EDUCATION per il benessere significa:
•Promozione acquisizione delle life skills,
•uso dei linguaggi,
•lavoro attrav...
Alunno/a
Ascolta
Legge
Smonta
Analizza
Parla
Idea
Crea
Riflette
fattori contestuali
e
questioni socio-
educative
classe
relazione
scuola
riferimenti
pedagogici
inclusione
metodologia
edu...
lettura
scrittura
ascolto/oralità
CrEaTiViTà
Dare spazio alla narrazione quale modalità di rappresentazione del proprio
mo...
In una classe di speciale normalità
può l’uso del linguaggio radiofonico
essere uno stimolo inclusivo e di
miglioramento d...
ridà informalità alla scrittura
riporta il testo al contesto (Ackermann 2001)
la parola riacquista valore, riaprendo i con...
Gli OBIETTIVI
 Usare segni e codici radiofonici nel rispetto delle potenzialità di ciascun membro
della comunità d'appren...
Ciascuno è parte
attiva-creativa del progetto che sussume
competenze, capacità creativo- tecniche e
abilità di ciascuno pu...
TUTTE E TUTTI PROTAGONISTI
rispetto a:
 contenuti, scelta del medium;
 definizione tempi, azioni, scelte e creazioni son...
Progettazione co-costruita con gli alunni
(progettualità, analisi credenze ruolo scrittura nei media)
Elaborazione condivi...
ascolto di radio web pubbliche e scolastiche (anche straniere) osservazione siti
con uso griglia di osservazione mirante a...
Primo approccio ai formati radiofonici
(scelta racconto radiofonico e ascolto, analisi e ricostruzione a posteriori di pod...
Approfondimento del formato del radiodramma
Avvio percorso di scrittura del testo narrativo
(scritto e audio, analisi test...
Definizione caratteristiche della
tipologia narrativa
Invenzione/scrittura di un testo
Avvio percorso di affiliazione al progetto
(staff di lavoro radiofonico: ideazione, conduzione,
registrazione, montaggio, ...
Realizzazione del clock (con supporto di uno strumento creato ad hoc - Cavallo, 2009)
Creazione scaletta
(sceneggiatura radiodrammi: definizione tempi, intervalli e riscrittura di alcune parti dei
testi)
Sper...
Allestimento spazio registrazione
Attività di lettura con uso di
elementi grafici
Riscrittura in itinere dei brani
(pause, volumi, intonazioni, toni; inserimento in scaletta della
sceneggiatura sonora e p...
Creazione o ricerca dei suoni e della
colonna sonora per il radiodramma
(introduzione tecnica del fooling)
Avvio percorso teatrale
(espressività voce)
Successive registrazioni
(auto-eterovalutazione delle
tracce)
Post-produzione
...
Costante reiterazione tra azione, osservazione, riflessione e
ripianificazione.
Identificazione strumenti e metodologie fu...
• messa in gioco di più abilità e competenze (oralità, scrittura, musica, creatività,
produzione sonora, esplorazione real...
• interconnessione tra scrittura, lettura espressiva, oralità, creatività, linguaggi
sonori e processo di produzione media...
IL MANIACO OMICIDA
L’OMBRA MISTERIOSA
L’URLO MISTERIOSO
LA CASA INFESTATA
Le nostre Horror Stories
Il nostro canale Spreak...
A. Fare radio education a scuola è
normalmente possibile nel rispetto del
curricolo?
B. È auspicabile fare radio education...
La radio è stata capace di …
Impegnare un solo senso e
costringe alla ricostruzione
(Menduni, 1994)
Essere un medium caldo...
Materiale rilasciato sotto licenza CC BY-NC-ND 3.0 IT Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
lidia...
Benessere e Radio Education
Benessere e Radio Education
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Benessere e Radio Education

527 views

Published on

La radio education come linguaggio inclusivo e facilitante il benessere degli alunni BES

Published in: Education

Benessere e Radio Education

  1. 1. Il linguaggio radiofonico come stimolo inclusivo e miglioramento della qualità di vita di un BES a scuola Padova, 27/6/2015 Dott.ssa Liboria Pantaleo
  2. 2. Il benessere si raggiunge allorché gli individui e le collettività sviluppano e mobilitano al meglio le proprie risorse, in modo da soddisfare prerogative sia personali (fisiche e mentali), sia esterne (sociali e materiali). EDUCAZIONE ALLA SALUTE LIFE SKILLS EMPOWERMENT ALLEANZE educative STILE DI VITA
  3. 3. Sfida PER LA SCUOLA •Ripensare quantità e qualità conoscenze da insegnare (scelta etica) •Riequilibrare la didattica nel rapporto tra teoria e pratica •Personalizzare l’apprendimento •Far relazionare identità culturale e universalità del sapere nel mondo globalizzato di oggi. •Promuovere lo star bene
  4. 4. NO a MEDIA visti come realtà liquida e passivizzante SI a MEDIA quali mediatori e catalizzatori di processi capaci di sostenere in modo quasi naturale PROCESSI MEDIAEDUCATIVI DI APPRENDIMENTO RICCHI E INCLUSIVI
  5. 5. MEDIA EDUCATION per il benessere significa: •Promozione acquisizione delle life skills, •uso dei linguaggi, •lavoro attraverso le emozioni, •aggancio a pratiche quotidiane •approccio dialogico •coinvolgimento attivo (tra persone e materiali) •attivazione il cooperative learning •Attivazione del learning by doing •lavoro sulle funzioni introiettive (generatività, fiducia, tolleranza, contenimento, pensiero) •mettersi in contatto •Osservare, ascoltare •lavorare su compiti significativi e relazioni •Passare dalla conoscenza tecnica alla prassi educativa e creativa •Creare ponti tra educazione formale e informale
  6. 6. Alunno/a Ascolta Legge Smonta Analizza Parla Idea Crea Riflette
  7. 7. fattori contestuali e questioni socio- educative classe relazione scuola riferimenti pedagogici inclusione metodologia educativa 21st Cebtury Skills curricolo risorse tecnologiche media education media literacy docente
  8. 8. lettura scrittura ascolto/oralità CrEaTiViTà Dare spazio alla narrazione quale modalità di rappresentazione del proprio mondo: sfaccettato, plurisensoriale, procedente per associazioni e salti improvvisi con l’obiettivo primario di fare affiorare i loro cento linguaggi come ci ricorda Malaguzzi (Edwards 1999) sperimentando e facendo sperimentare tecnologie e linguaggi diversi.
  9. 9. In una classe di speciale normalità può l’uso del linguaggio radiofonico essere uno stimolo inclusivo e di miglioramento della qualità di vita di un BES a scuola per il curricolo di italiano di un alunno di scuola primaria?
  10. 10. ridà informalità alla scrittura riporta il testo al contesto (Ackermann 2001) la parola riacquista valore, riaprendo i confini della scrittura (Deon, 2006) ci porta faccia a faccia con il quotidiano, diventa arena di interazioni sociali (Scannel cit. in Hendy 2002) media di comunicazione circolare (Ortoleva cit. in Cacciari 1999) nel testo sonoro si aggiunge qualcosa a quello scritto, si illuminano versanti inaspettati dello scritto (Crainz 1994) linguaggio verbo-sonoro: un insieme di linguaggi (verbale, musicale, sonoro con i loro rispettivi codici e sottocodici) nella sua produzione, non monolinguistica, si mettono in moto molte funzioni creative (Amplatz 1984) restituisce viva sonorità al discorso trascritto (Amplatz 1984) chi vi è coinvolto diventa attore protagonista nell'atto del comunicare (Cotton)
  11. 11. Gli OBIETTIVI  Usare segni e codici radiofonici nel rispetto delle potenzialità di ciascun membro della comunità d'apprendimento;  stimolare la partecipazione attiva e il benessere dei bambini;  stimolare la condivisione tra le figure che operano nella classe (docenti, operatori ASL);  realizzare artefatti testuali e mediali cooperativamente;  usare tecniche espressivo-creative diverse legate all'oralità per arricchire i testi scritti prodotti;  riconoscere la radio come medium di espressione e non solo di ricezione.
  12. 12. Ciascuno è parte attiva-creativa del progetto che sussume competenze, capacità creativo- tecniche e abilità di ciascuno puntando sul peer tutoring.
  13. 13. TUTTE E TUTTI PROTAGONISTI rispetto a:  contenuti, scelta del medium;  definizione tempi, azioni, scelte e creazioni sonore; allestimento spazio di registrazione;  uso di hardware e software;  ideazione e attività di fooling;  auto ed eterovalutazione;  reiterazione percorso.
  14. 14. Progettazione co-costruita con gli alunni (progettualità, analisi credenze ruolo scrittura nei media) Elaborazione condivisa (percorso didattico: contenuti e medium tendendo conto del pregresso) Valutazione delle conoscenze preesistenti (uso del medium scelto in ambito familiare e scolastico, grado di familiarità)
  15. 15. ascolto di radio web pubbliche e scolastiche (anche straniere) osservazione siti con uso griglia di osservazione mirante a individuare l'argomento del testo radiofonico o dell'eventuale podcast, il pubblico di riferimento, i contenuti, la durata, la piacevolezza, ...
  16. 16. Primo approccio ai formati radiofonici (scelta racconto radiofonico e ascolto, analisi e ricostruzione a posteriori di podcast)
  17. 17. Approfondimento del formato del radiodramma Avvio percorso di scrittura del testo narrativo (scritto e audio, analisi testuale e individuazione elementi specifici del genere narrativo scelto: mistero-horror)
  18. 18. Definizione caratteristiche della tipologia narrativa Invenzione/scrittura di un testo
  19. 19. Avvio percorso di affiliazione al progetto (staff di lavoro radiofonico: ideazione, conduzione, registrazione, montaggio, postproduzione, … Fenati, Scaglioni 2002). Ideazione ruoli specifici (tecnico del suono, regista, montatore, rumorista, speaker, coordinamento musicale) Ideazione nomi e loghi staff Ideazione nome e logo web radio Creazione RadioBlog Realizzazione jingle Blogradio RADIOSTAR
  20. 20. Realizzazione del clock (con supporto di uno strumento creato ad hoc - Cavallo, 2009)
  21. 21. Creazione scaletta (sceneggiatura radiodrammi: definizione tempi, intervalli e riscrittura di alcune parti dei testi) Sperimentazione e uso microfono (spunti tratti da visione spezzoni del film Il discorso del Re (Hooper 2010)
  22. 22. Allestimento spazio registrazione Attività di lettura con uso di elementi grafici
  23. 23. Riscrittura in itinere dei brani (pause, volumi, intonazioni, toni; inserimento in scaletta della sceneggiatura sonora e prima registrazione racconti con lettura espressiva)
  24. 24. Creazione o ricerca dei suoni e della colonna sonora per il radiodramma (introduzione tecnica del fooling)
  25. 25. Avvio percorso teatrale (espressività voce) Successive registrazioni (auto-eterovalutazione delle tracce) Post-produzione (pulizia delle tracce, uso di effetti di Audacity, lavoro in multi traccia, montaggio, esportazione in formato Mp3 dei file, pubblicazione nel blog creato dagli alunni)
  26. 26. Costante reiterazione tra azione, osservazione, riflessione e ripianificazione. Identificazione strumenti e metodologie funzionali alla ricerca in fase iniziale Diario di bordo Attenzione al binomio bambini-ricercatore
  27. 27. • messa in gioco di più abilità e competenze (oralità, scrittura, musica, creatività, produzione sonora, esplorazione realtà sonora, punteggiatura testuale e sonora, potenzialità sonore corporee, vocali e degli oggetti); • sviluppo di sensibilità e disponibilità all'ascolto; • progettualità condivisa; • reale motivazione alla scrittura, riscrittura e lettura; • ascolto riflessivo; • potenziamento del lavoro collettivo e del problem solving;
  28. 28. • interconnessione tra scrittura, lettura espressiva, oralità, creatività, linguaggi sonori e processo di produzione mediale; • partecipazione di tutti al processo in modo dinamico, attivo e partecipato; • estensione della trama relazionale; • sperimentazione di più codici espressivi e più linguaggi (sonoro, orale, corporeo, scritto e mediale); • incremento dell'autostima.
  29. 29. IL MANIACO OMICIDA L’OMBRA MISTERIOSA L’URLO MISTERIOSO LA CASA INFESTATA Le nostre Horror Stories Il nostro canale Spreaker
  30. 30. A. Fare radio education a scuola è normalmente possibile nel rispetto del curricolo? B. È auspicabile fare radio education a scuola?
  31. 31. La radio è stata capace di … Impegnare un solo senso e costringe alla ricostruzione (Menduni, 1994) Essere un medium caldo, flessibile, agile e a basso costo (Menduni, 1994) Inglobare, in quanto textum, il detto, il non detto, l’emittente, il ricevente, il prodotto (Grandi, 1992) Essere tessitura verbo sonora capace di dare ampio spazio a costruzione fantastica e creatività (Grandi, 1992) Essere arena di relazioni (Hendy, 2002) Essere capace di mettere insieme verbale, musicale, suoni, silenzio e relativi sottocodici: paralinguistici, stilistici, fabulativi, … (Amplatz, 1984) Essere spazio laboratoriale dove ogni alunno è autenticamente protagonista (Gomez, 1993) Favorire esperienza espressiva ricca (ERI, 1975) Aprire al mondo (ERI, 1975)Favorire l’uscita dal monolinguismo e spinge alla logica del “come si può fare” (De Mauro, 1975)
  32. 32. Materiale rilasciato sotto licenza CC BY-NC-ND 3.0 IT Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia lidia.pantaleo@gmail.com http://didatticamediale.webnode.it http://radiostar5a.blogspot.it http://fareradioallaprimaria.jimdo.com

×