8 Linux Comandi Di Sistema

686 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
686
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
16
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

8 Linux Comandi Di Sistema

  1. 1. Fuser Il compito normale di Fuser è quello di elencare i processi che utilizzano i file indicati come argomento. Sintassi fuser [opzioni] file...
  2. 2. Fuser fuser *[Invio] : Mostra i processi che accedono ai file della directory corrente. fuser -k /home/utente/* [Invio] : Elimina tutti i processi che utilizzano file nella directory /home/utente. fuser -v -m /dev/hda1[Invio]: Mostra i processi che utilizzano in qualche modo il contenuto dell'unità a dischetti /dev/fd0. L'uso dell'opzione -v fa sì che si ottengano informazioni dettagliate. fuser -k -m /dev/hda1[Invio] Elimina tutti i processi che utilizzano file nel'unità /dev/hda1.
  3. 3. Fuser Opzioni a Mostra tutti i file indicati nell'argomento, anche se non sono utilizzati da alcun processo. Normalmente, fuser mostra solo i file in uso. -k Invia un segnale ai processi. Se non viene specificato diversamente attraverso l'opzione -segnale, si utilizza il segnale SIGKILL. -segnale Permette di specificare il segnale da inviare con l'opzione -k. In pratica, si tratta di un trattino seguito dal segnale espresso in forma numerica o in forma simbolica (per esempio -TERM). -l Elenca i nomi dei segnali conosciuti.
  4. 4. Fuser Opzioni -m Utilizzando questa opzione può essere indicato solo un nome di file, il quale può essere un file di dispositivo, riferito a un'unità di memorizzazione innestata nel file system, o una directory che costituisce il punto di innesto della stessa. Quello che si ottiene è l'indicazione di tutti i processi che accedono a quella unità di memorizzazione -u Viene aggiunta l'indicazione dell'utente proprietario di ogni processo. -v Mostra una tabellina dei processi abbinati ai file, in forma più chiara rispetto alla visualizzazione normale. -s Disabilita qualunque emissione di informazioni. Viene utilizzato quando tutto ciò che conta è il solo valore restituito dal programma.
  5. 5. Fuser (Uno script)‏ #!/bin/sh MIO_FILE=./mio_file if [ -f $MIO_FILE ]; then echo "Il file $MIO_FILE esiste." else echo "Il file $MIO_FILE non esiste " exit fi if fuser -v $MIO_FILE then echo "Il file $MIO_FILE è in uso"; else echo "TUTTO OK" fi
  6. 6. Utilizzo di «nohup» nohup permette di avviare dei processi che non devono interrompersi nel momento in cui l'utente che li avvia termina la sua sessione di lavoro (chiude la connessione con il terminale) . Il programma nohup esegue un comando facendo in modo che questo non sia interessato dai segnali di interruzione di linea (SIGHUP). Sintassi nohup comando [argomenti] N.B. Lo standard output , e lo standard error di ” comando ” vengono ridiretti verso il file ./nohup.out, oppure, se i permessi non lo consentono, verso il file ~/nohup.out. Se questo file esiste già I dati vengono aggiunti.
  7. 7. Utilizzo di «nohup» $ nohup yes &[Invio] : Viene avviato sullo sfondo il programma yes e il suo output viene salvato nel file nohup.out $ nohup yes > /dev/null &[Invio] : Viene avviato sullo sfondo il programma yes e il suo output viene semplicemente ridiretto verso /dev/null N.B. Il comando indicato come argomento non viene messo automaticamente sullo sfondo, per ottenere questo occorre aggiungere il simbolo & (e-commerciale) alla fine della riga di comando. la priorità di esecuzione del programma viene modificata, aumentando il valore nice di cinque unità.
  8. 8. Utilizzo di «procinfo» Programmi del pacchetto Procinfo che aiutano ad analizzare tali informazioni per generare dei resoconti e delle statistiche più facili da consultare. Memory: Utilizzo della memoria. Bootup: Data e ora dell'avvio del sistema. Load average: Carico medio. user: Tempo per i processi avviati dagli utenti. nice: Tempo per i processi avviati con un valore nice. system: Tempo per i processi avviati dal kernel. idle: Tempo non utilizzato. uptime: Tempo complessivo di funzionamento. irq n: Numero di interruzioni e dispositivo corrispondente. Modules: Moduli del kernel installati. Character Devices: Elenco dei dispositivi a caratteri. Block Devices: Elenco dei dispositivi a blocchi. File Systems: Tipi di file system gestibili.
  9. 9. Utilizzo di «free» Il programma free emette attraverso lo standard output una serie di informazioni relative alla memoria reale e virtuale (swap). Sintassi free [opzioni]
  10. 10. Utilizzo di «free» Opzioni -b I valori vengono espressi in byte. -k I valori vengono espressi in kibibyte (simbolo: «Kibyte») e si tratta della modalità predefinita. -t Visualizza anche una riga contenente i totali. -o Disabilita il cosiddetto aggiustamento dei buffer. Normalmente, senza questa opzione, la memoria tampone, ovvero quella destinata ai buffer, viene considerata libera. -s secondi Permette di ottenere un aggiornamento continuo a intervalli regolari stabiliti dal numero di secondi indicato come argomento. Questo numero può essere anche decimale.
  11. 11. Uptime Uptime permette di conoscere da quanto tempo è in funzione il sistema senza interruzioni e con quale carico medio Es. $ uptime[Invio] Nota Un load average maggiore di 1 indica che c'è almeno un processo che sta attendendo il proprio turno di esecuzione senza avere spazio per essere eseguito subito. Le tre cifre indicano la media dell'ultimo minuto, negli ultimi 5 minuti e negli ultimi 15 minut i, dando così anche un'idea del trend che si sta avendo.

×