Massa – Carrara              10 dicembre 2008


                  Incontro AIB

     Le biblioteche nel nuovo sistema
inte...
nella migliore tradizione…

 •   …partiamo da un riferimento
     bibliografico: il bel libro di Patrizia
     Lucchini su...
due idee di base

 • passaggio dalla formazione
   dell’utenza all’information literacy
   (la mediazione informativa è an...
lo scenario tradizionale
 • formale
    – affidamento al bibliotecario di moduli di docenza

    – corsi ‘strutturati’ in ...
un nuovo protagonista: il web
 • offerta di servizi in rete
     – OPAC,

     – informazione e orientamento, prenotazioni...
un nuovo protagonista: il web
 • nuove necessità
    – la formazione all’uso degli strumenti offerti in rete deve essere

...
anche il web non è più quello di
una volta…
 • le connessioni a banda larga e lo sviluppo del web 2.0 hanno
   trasformato...
tante cose da scoprire…
 • servono nuove competenze
    – legate al mondo dell’e-learning

    – legate all’uso avanzato d...
Un esempio: Album flickr
• Gruppo: Biblioteche, studenti e tirocini
• http://www.flickr.com/groups/747305@N2
  3/
  dove d...
cominciamo dall’e-learning
 • incontreremo concetti e strumenti per alcuni aspetti nuovi,
   rispetto ai paradigmi tradizi...
una breve introduzione al
 mondo dell’e-learning
Formazione a distanza o e-learning?
Esistono numerose distinzioni tra
• Formazione a distanza o FAD
• E-learning:
    1. a...
FAD???
Con l’espressione Formazione a Distanza (FAD) si
  indica genericamente una modalità di formazione
  caratterizzata...
La FAD è basata sulla fruizione di materiali in
   autoapprendimento progettati ad hoc per
   l’erogazione on line
 È pres...
L’e-learning si basa sulla comunità
  d’apprendimento impegnata nella condivisione,
  negoziazione e co-produzione del sap...
biblioteche ed e-learning
 • E-learning come spazio sociale per le biblioteche:
    – l’e-learning come uso (e riuso) orga...
biblioteche ed e-learning
 • figure, ruoli, luoghi da valorizzare
     – la biblioteca come luogo dell’accesso

     – la ...
Formarsi con il progetto TRIO
 Collegandosi al portale della Formazione a Distanza
   della Regione Toscana scopriamo il P...
1200 corsi…
• Suddivisi in macroaree tematiche
• Formazione per gli operatori ma anche per i
  cittadini, per gli studenti...
Formazione bibliotecari
La formazione bibliotecari è inserita tra i “percorsi
      didattici dell'area pubblica amministr...
Formazione bibliotecari
            2.     “Il prestito interbibliotecario”
Il modulo professionalizzante mette in grado d...
Nella categoria “formazione professionale”
è inoltre presente il modulo
      3. “Digitalizzazione e conservazione dei
   ...
• altri moduli su:
  restauro
  fondo manoscritto
  conservazione raccolte
  reference per ragazzi….
  e altri ancora in p...
Scheda descrittiva del corso o DEMO
• Iscrizione vera e propria
• Scheda di lancio :
• che indica lo stato del corso, il p...
Strutturazione di un corso TRIO
 . Test d’ingresso
 . Lezioni e moduli (learning object)
 . Test finale
 . Attestato final...
POLI TRIO
• Aule e spazi dotati di postazioni multimediali
  e aule per le videoconferenze (AMBIENTE
  SINCRONO)
• Presenz...
Ruolo della biblioteca con TRIO (ma
anche senza…)
• dalle informazioni bibliografiche
  all’educazione del cittadino
• in ...
per concludere con Giovanni Solimine:

Attualmente la distinzione fra ricchi e poveri, la
differenza fra chi è emarginato ...
• Arrivederci e scrivetemi!
• Patrizia Lùperi
• luperi@rom.unipi.it
Le  biblioteche nel nuovo sistema integrato della formazione in presenza e a distanza
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Le biblioteche nel nuovo sistema integrato della formazione in presenza e a distanza

774 views

Published on

Seminario dell'Associazione Italiana Biblioteche, Massa-Carrara 10 dicembre 2008

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
774
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le biblioteche nel nuovo sistema integrato della formazione in presenza e a distanza

  1. 1. Massa – Carrara 10 dicembre 2008 Incontro AIB Le biblioteche nel nuovo sistema integrato della formazione in presenza e a distanza – Patrizia Lùperi
  2. 2. nella migliore tradizione… • …partiamo da un riferimento bibliografico: il bel libro di Patrizia Lucchini sulla formazione dell’utente (Bibliografica 2007) • presentazione a Pisa: dalle istruzioni all’utenza ai percorsi personalizzati…
  3. 3. due idee di base • passaggio dalla formazione dell’utenza all’information literacy (la mediazione informativa è anche mediazione formativa) • distinzione fra formazione formale e informale
  4. 4. lo scenario tradizionale • formale – affidamento al bibliotecario di moduli di docenza – corsi ‘strutturati’ in biblioteca – tutoraggio ‘strutturato’ in biblioteca • informale – depliant, cartelli, materiale informativo – servizi di assistenza e reference desk –…
  5. 5. un nuovo protagonista: il web • offerta di servizi in rete – OPAC, – informazione e orientamento, prenotazioni, ecc. – virtual reference desk – servizi di community – … e molto altro, fino al concetto di digital library • e la formazione? – nuove necessità, ma anche nuovi strumenti e nuove opportunità
  6. 6. un nuovo protagonista: il web • nuove necessità – la formazione all’uso degli strumenti offerti in rete deve essere necessariamente a sua volta offerta via rete (o anche via rete) – (e questo richiede competenze specifiche nel campo della formazione in rete!) • nuove opportunità – il contatto con l’utenza via web come nuova occasione formativa
  7. 7. anche il web non è più quello di una volta… • le connessioni a banda larga e lo sviluppo del web 2.0 hanno trasformato il web in uno strumento – capace di comunicazione complessa e altamente personalizzabile – capace di comunicazione ricca anche dal punto di vista dei contenuti multimediali – strumento di formazione sincrona e asincrona, formale e informale, fortemente interattiva e ‘user friendly’
  8. 8. tante cose da scoprire… • servono nuove competenze – legate al mondo dell’e-learning – legate all’uso avanzato degli strumenti di rete – legate ai linguaggi, agli stili, agli strumenti comunicativi delle giovani generazioni – legate alla sfida del lifelong learning – la buona notizia: tutto questo è interessante e perfino divertente
  9. 9. Un esempio: Album flickr • Gruppo: Biblioteche, studenti e tirocini • http://www.flickr.com/groups/747305@N2 3/ dove depositare e taggare foto…
  10. 10. cominciamo dall’e-learning • incontreremo concetti e strumenti per alcuni aspetti nuovi, rispetto ai paradigmi tradizionali di formazione dell’utenza: – …per fare solo un esempio, incontreremo anche nuovi sistemi di metadati (LOM, SCORM; Dublin CORE) – la dicotomia formale - informale si trasforma in tricotomia (formale – non formale – informale) – incontriamo anche nuove funzioni e figure, come quella del tutor
  11. 11. una breve introduzione al mondo dell’e-learning
  12. 12. Formazione a distanza o e-learning? Esistono numerose distinzioni tra • Formazione a distanza o FAD • E-learning: 1. assisted learning 2. blended learning 3. learning puro
  13. 13. FAD??? Con l’espressione Formazione a Distanza (FAD) si indica genericamente una modalità di formazione caratterizzata da: • separazione fisica fra docente e discente • distribuzione di materiale didattico con modalità e supporti diversi • forme comunicative marginali fra docente, studenti e tutor
  14. 14. La FAD è basata sulla fruizione di materiali in autoapprendimento progettati ad hoc per l’erogazione on line È presente, ma non essenziale, l’interazione tra studente e docente/tutor (uno-uno o uno-molti), mentre è del tutto assente la dimensione di classe virtuale (l’interazione molti-molti) esempi: teledidattica, videoconferenza, webTV
  15. 15. L’e-learning si basa sulla comunità d’apprendimento impegnata nella condivisione, negoziazione e co-produzione del sapere La dimensione privilegiata è quella collettiva che riprende la filosofia costruttivista, secondo la quale la conoscenza è prodotto di una costruzione attiva del soggetto, ha carattere situato e si svolge attraverso forme di collaborazione sociale
  16. 16. biblioteche ed e-learning • E-learning come spazio sociale per le biblioteche: – l’e-learning come uso (e riuso) organizzato di risorse informative – la mediazione informativa come ausilio per l’accesso a risorse riusabili – il problema dell’aggiornamento delle risorse – le politiche di accesso aperto alle risorse per l’apprendimento
  17. 17. biblioteche ed e-learning • figure, ruoli, luoghi da valorizzare – la biblioteca come luogo dell’accesso – la biblioteca come luogo dell’incontro (capace di valorizzare la dimensione sociale dell’accesso all’informazione) – la biblioteca universitaria come risorsa per il coordinamento di servizi di rete per la didattica (piattaforme e-learning, riuso, open courseware) e la ricerca (open archive) – un nuovo ruolo per biblioteche pubbliche e scolastiche
  18. 18. Formarsi con il progetto TRIO Collegandosi al portale della Formazione a Distanza della Regione Toscana scopriamo il Progetto TRIO http://www.progettotrio.it/trio/jsp/contents/homepage.js p?service=ktrio&view=home dove troverai oltre 1200 percorsi formativi completamente gratuiti con aule virtuali, tutor on line, community e videoconferenze
  19. 19. 1200 corsi… • Suddivisi in macroaree tematiche • Formazione per gli operatori ma anche per i cittadini, per gli studenti, per gli stagisti • In un contesto di longlife learning
  20. 20. Formazione bibliotecari La formazione bibliotecari è inserita tra i “percorsi didattici dell'area pubblica amministrazione” Sono attualmente attivi ben 33 (+1) corsi NON SOLO DIRETTI ALLE BIBLIOTECHE PUBBLICHE Vediamo alcuni esempi: 1. “Consultazione di un fondo manoscritto” Nel corso verranno affrontati i seguenti argomenti: modalità di consultazione; condizioni e modulistica per l’accesso al fondo; organizzazione della sala studio; sorveglianza; servizi bibliografici collegati…
  21. 21. Formazione bibliotecari 2. “Il prestito interbibliotecario” Il modulo professionalizzante mette in grado di acquisire le conoscenze fondamentali riguardo il prestito interbibliotecario e la fornitura dei documenti, sia a livello nazionale che internazionale. Gli insegnamenti offerti possono risultare utili per bibliotecari e studenti universitari… N.B. Il presente modulo può essere proposto all’interno dei percorsi di tirocinio
  22. 22. Nella categoria “formazione professionale” è inoltre presente il modulo 3. “Digitalizzazione e conservazione dei documenti nelle biblioteche” Il modulo professionalizzante mette in grado di acquisire le conoscenze necessarie riguardo la digitalizzazione dei documenti in ambito bibliotecario, illustrando i motivi che l’hanno determinata (una più sicura conservazione), i problemi che sono insorti, i vantaggi apportati e le varie metodologie utilizzate per la sua completa attuazione…
  23. 23. • altri moduli su: restauro fondo manoscritto conservazione raccolte reference per ragazzi…. e altri ancora in preparazione
  24. 24. Scheda descrittiva del corso o DEMO • Iscrizione vera e propria • Scheda di lancio : • che indica lo stato del corso, il punteggio ottenuto dopo il test finale, la soglia per superare test, il tempo di fruizione e i numeri di accesso
  25. 25. Strutturazione di un corso TRIO . Test d’ingresso . Lezioni e moduli (learning object) . Test finale . Attestato finale + glossari, bibliografie, webgrafie
  26. 26. POLI TRIO • Aule e spazi dotati di postazioni multimediali e aule per le videoconferenze (AMBIENTE SINCRONO) • Presenza fisica di un tutor • Dove è il più vicino polo TRIO?
  27. 27. Ruolo della biblioteca con TRIO (ma anche senza…) • dalle informazioni bibliografiche all’educazione del cittadino • in un sistema di educazione che dura per tutta la vita • si parla di cittadinanza attiva di ogni individuo
  28. 28. per concludere con Giovanni Solimine: Attualmente la distinzione fra ricchi e poveri, la differenza fra chi è emarginato e chi è inserito, passa atttraverso la possibilità di gestire la conoscenza… necessita quindi la presenza di un servizio pubblico che faccia da guida all’accesso all’universo digitale. Questo servizio può continuare ad essere la biblioteca…
  29. 29. • Arrivederci e scrivetemi! • Patrizia Lùperi • luperi@rom.unipi.it

×