Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Scheda documentario Giornate FAI di Primavera 2019 - Pineto

15 views

Published on

Scheda documentario Giornate FAI di Primavera 2019 - Pineto

Published in: Art & Photos
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Scheda documentario Giornate FAI di Primavera 2019 - Pineto

  1. 1. Comune di Pineto “Anija la Nave” di Roland Sejko Premio David di Donatello nel 2013 come miglior documentario, cat. lungometraggi. Un’iniziativa “FAI Ponte tra culture” organizzata dal GFG di Teramo. Anija la nave è un lungometraggio del 2012 diretto da Roland Sejko, che racconta l'emigrazione albanese in Italia dopo il crollo del regime comunista nel 1990 e durante l'anarchia albanese del 1997. Il film è stato realizzato da Istituto Luce Cinecittà con il contributo della Direzione Generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Albania, 1991. Al crollo dell'Unione Sovietica e del regime comunista presente nello stato d'Albania, migliaia di persone si imbarcarono verso l'Italia. A bordo di navi mercantili, i cittadini albanesi fuggivano da un paese in crisi e dalle libertà negate. Fu il primo esodo di massa verso lo stato italiano, che non si trovò preparato ad accogliere i profughi che raggiunsero la cifra di 27.000 unità. Anija racconta l'esodo albanese attraverso materiale audiovisivo dell'epoca e dall'esperienza diretta di alcuni profughi, con le emozioni e motivazioni che spingevano gli albanesi nella traversata. Particolare risalto viene dato alle navi, come la Vlora attraccata a Bari. Quella del 1991 fu solo la prima ondata di profughi albanesi verso l'Italia. Viene infatti presentato l'esodo del 1997, con l'arrivo di centinaia di navi a seguito dall'anarchia albanese dopo il crollo delle piramidi finanziarie. Il documentario si conclude con la voce dei protagonisti, che dopo 20 anni tirano le somme sull'esperienza ed il tempo passato. Anija è uno dei casi in cui i contributi MiBAC sono giustifcati, e all'interesse culturale si aggiunge quello etico. E in uno scarto da cuore in gola, verso i titoli di coda, scopriamo che anche il regista Roland Sejko era a bordo di una di quelle navi, che oggi vengono accarezzate dalla macchina da presa, relitti, gigantesche carcasse arrugginite, dopo che i volti dei profughi sono stati incisi nella memoria sulle note di When the ship comes in di Bob Dylan.” (Margherita Palazzo, Sentieri Selvaggi educational). Laureato a Tirana, Roland Seiko nel 1991 fugge dall’Albania a bordo di una delle navi del grande esodo per stabilirsi a Roma dove, dal 1995, lavora presso l’Archivio Storico dell’Istituto Luce. Nel 2008 realizza come sceneggiatore e regista il suo primo documentario Albania il paese di fronte. È stato per molti anni direttore responsabile di Bota Shqipatre, l’unico periodico in albanese pubblicato in Italia. Teatro Comunale - Auditorium h 11.00 | Proiezione di Anija La Nave di Roland Sejko (Premio David di Donatello 2013 come miglior documentario). Racconta l’immigrazione albanese in Italia dopo il crollo del regime comunista nel 1990. L’iniziativa è a cura del Gruppo Fai Giovani di Teramo (Durata 80’). Dalle h 15.00 alle 18.00 | Repliche.

×