Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Kant

2,952 views

Published on

  • Be the first to comment

Kant

  1. 1. KANT PROF. LUIGI VIMERCATI LICEO PARINI MILANO 1
  2. 2. KANT 2
  3. 3. KANT • I.KANT 1724/1804. • OPERE.Risposta alla domanda:che cos’è l’illuminismo?; Critica della Ragion pura;Critica della Ragion Pratica;Critica del Giudizio. Per la Pace perpetua. 3
  4. 4. KANT 2 • CRITICA DELLA RAGION PURA.1781 • Premessa:la natura della conoscenza scientifica consiste nella “SINTESI A PRIORI”.Obiettivo della prima critica è trovarne il FONDAMENTO. • Teoria dei giudizi:a)GIUDIZIO ANALITICO,universale e necessario, ma non amplifica le conoscenze. B) GIUDIZIO SINTETICO,amplifica le conoscenze. E’ di due tipi:a posteriori e a priori. Il giudizio sintetico a priori è UNIVERSALE E NECESSARIO. • La scienza, matematica e fisica, è una collezione di giudizi sintetici a priori. Obiettivo di K. è scoprirne il fondamento. 4
  5. 5. KANT 3 • La “ RIVOLUZIONE COPERNICANA”. Come Copernico, K. propone di cambiare il punto di osservazione: suppone che sia l’OGGETTO a dover ruotare attorno al SOGGETTO.(Nesso con empirismo inglese). • “noi delle cose conosciamo a priori solo ciò che noi stessi vi mettiamo”(Nesso col metodo di Galileo). • Dunque il “Fondamento” dei giudizi sintetici a priori è il SOGGETTO CHE SENTE E CHE PENSA. • Il concetto di “TRASCENDENTALE”: è la condizione della conoscibilità (intuibilità e pensabilità) degli oggetti. E’ ciò che il soggetto mette nelle cose nell’atto del conoscerle. 5
  6. 6. KANT 4 6
  7. 7. KANT 5 • ESTETICA TRASCENDENTALE. E’ la dottrina che studia la conoscenza sensibile. “aisthesis”/sensazione/percezione sensibile. • Oggetto dell’intuizione sensibile è il FENOMENO, apparizione/manifestazione. • L’uomo organizza la materia dei sensi attraverso le 2 “forme “ della sensibilità:SPAZIO e TEMPO. Lo Spazio è la forma del senso esterno;il Tempo è la forma del senso interno. • L’intuizione pura dello Spazio fonda la GEOMETRIA;l’intuizione pura del Tempo fonda la MATEMATICA. 7
  8. 8. KANT 6 • ANALITICA TRASCENDENTALE. Si occupa dell’intelletto e dei relativi concetti. • Nesso intuizioni/concetti:”intuizioni e concetti costituiscono gli elementi di ogni nostra conoscenza. I pensieri senza contenuto sono VUOTI,le intuizioni senza concetti sono CIECHE.” • Analitica e Dialettica compongono insieme la LOGICA TRASCENDENTALE. • L’Intelletto è la facoltà di GIUDICARE.Obiettivo dell’Analitica è definire le FUNZIONI/CATEGORIE dell’Intelletto. • ARISTOTELE le categorie sono “leges entis”, in KANT diventano “leges mentis”. • Tavola delle 12 categorie. Esse sono le condizioni che rendono possibile che qualcosa venga pensato come oggetto d’esperienza. Sono strettamente connesse alle intuizioni di spazio e di tempo. 8
  9. 9. KANT 7 9
  10. 10. KANT 8 • La teoria dell’IO PENSO. Non è l’Io individuale, ma la struttura del pensare comune a tutti gli uomini. • “L’IO PENSO deve poter accompagnare tutte le mie rappresentazioni”. “L’unificazione non è negli oggetti… ma è soltanto una funzione dell’intelletto, il quale non è altro che la FACOLTA’ di UNIFICARE A PRIORI.” • L’Io Penso non crea gli oggetti, ma li ordina. E’ il Soggetto trascendentale, è funzione, è attività. (di contro vedi Fichte e i romantici). 10
  11. 11. KANT 9 • Il NOUMENO/la COSA IN SE’. • Il fenomeno rimanda di necessità alla COSA IN SE’. Il Noumeno è solo pensabile, anzi è una domanda problematica:esiste qualcosa oltre il fenomeno? Teoria dei noumeni in senso negativo. Il Noumeno è un CONCETTO-LIMITE (Grenzbegriff) utile per circoscrivere le pretese della nostra ragione , per evitare che si avventuri in mari tempestosi e far si che si limiti a rimanere sull’isola della conoscenza sensibile,la sola conoscenza scientifica che è data all’uomo. • Non vi può esser scienza della cosa in sé. E’ sbarrata la strada alla metafisica come scienza. 11
  12. 12. KANT 10 • DIALETTICA TRASCENDENTALE. • E’ la CRITICA dell’intelletto e della ragione quando pretendono di andar oltre il sensibile. • Vi è una tendenza naturale dell’uomo a coltivare le illusioni metafisiche. • La dialettica trascendentale smaschera le illusioni metafisiche e trattiene la ragione nell’ambito delle conoscenze scientifiche. 12
  13. 13. KANT 11 • LA RAGIONE. • Distinzione tra VERSTAND (Intelletto) e VERNUFT (Ragione). • Vernuft è la facoltà della metafisica, è ESIGENZA DELL’ ASSOLUTO. E’ desiderio di andare oltre il finito verso l’infinito (cfr. Romanticismo). • 3 sono le IDEE della Ragione. (cfr. Platone) • A)IDEA PSICOLOGICA (anima). • B)IDEA COSMOLOGICA (idea di mondo come unità metafisica). • C)IDEA TEOLOGICA (Dio). • Le Idee sono i supremi concetti della Ragione, meglio ESIGENZE STRUTTURALI ineliminabili. 13
  14. 14. KANT 12 • PSICOLOGIA RAZIONALE. Pretende di ridurre l’Io penso in una unità ONTOLOGICA sostanziale.(la tradizionale idea dell’anima). • Da ciò i PARALOGISMI della psicologia razionale. Noi siamo coscienti di pensare , ma NON conosciamo il sostrato noumenico del nostro io. Ci conosciamo solo come fenomeni, mai come sostrato ontologico, mai come anima. 14
  15. 15. KANT 13 • COSMOLOGIA RAZIONALE. • L’idea di un mondo come “ intero metafisico” genera 4 ANTINOMIE, intese come contraddizioni strutturali insolubili. • 1. Il mondo è finito o infinito? • 2.E’ divisibile in parti semplici o no? • 3.Le cause sono solo meccaniche o anche libere? • 4.Vi è un essere assolutamente necessario come causa o no? • Le tesi sono in sintonia con le convinzioni più diffuse;le antitesi rispecchiano lo spirito scientifico. 15
  16. 16. KANT 14 • TEOLOGIA RAZIONALE. • Dio è l’IDEA o IDEALE per eccellenza della ragione. • Nel corso della storia sono state pensate 3 prove dell’esistenza di Dio, tutte insostenibili. • 1.PROVA ONTOLOGICA. • 2.PROVA COSMOLOGICA. • 3.PROVA FISICO-TELEOLOGICA. • Tutte in verità rimandano alla prima,la quale pretende di derivare dalla definizione di Dio la sua esistenza come sostanza. 16
  17. 17. KANT 15 • La Metafisica come scienza è impossibile. • Ma le Idee della ragione, se non hanno un uso COSTITUTIVO, ne possono avere uno REGOLATIVO. • Possono funzionare come “schemi” per dare organicità alle nostre conoscenze secondo il principio del “COME SE”. • Le Idee valgono come principi euristici:non ampliano il nostro sapere fenomenico, ma danno unità al sistema della conoscenza. 17
  18. 18. KANT 16 18
  19. 19. KANT 17 • CRITICA DELLA RAGION PRATICA. • I PRINCIPI PRATICI: MASSIME (soggettive) e IMPERATIVI (oggettivi). • Gli imperativi si distinguono in IPOTETICI ( se vuoi… devi) e CATEGORICI ( devi perché devi). • Gli Imperativi categorici sono le LEGGI PRATICHE che valgono incondizionatamente. • E’ il “SOLLEN” che vale per tutti gli uomini. 19
  20. 20. KANT 18 • La legge morale vale universalmente. • La legge morale riguarda l’INTENZIONE con cui si fa un’azione, non ciò che si fa. • La legge morale è dunque “FORMALE”. • Le formule dell’imperativo categorico: • 1.“AGISCI IN MODO CHE LA MASSIMA DELLA TUA VOLONTA’ POSSA VALERE SEMPRE,AL TEMPO STESSO, COME PRINCIPIO DI UNA LEGISLAZIONE UNIVERSALE” • 2.”AGISCI IN MODO DA CONSIDERARE L’UMANITA’,SIA NELLA TUA PERSONA,SIA NELLA PERSONA DI OGNI ALTRO, SEMPRE ANCHE COME SCOPO E MAI COME SEMPLICE MEZZO.” 20
  21. 21. KANT 19 • LA LIBERTA’. • L’imperativo categorico è un FATTO di RAGIONE che ha a suo fondamento la LIBERTA’. • La Libertà è l’INDIPENDENZA dalla legge naturale dei fenomeni. Esclusa dalla spiegazione dei fenomeni,la libertà SPIEGA TUTTO nella sfera morale. • Ciò porta al “DEVI DUNQUE PUOI”. • La libertà è AUTONOMIA DELLA VOLONTA’. • AUTONOMIA ed ETERONOMIA DELLA MORALE. 21
  22. 22. KANT 20 • autonomia/eteronomia Coppia di termini, dei quali il primo (dal gr. αὐτός «stesso», e νόμος «legge») indica la capacità di un soggetto (individuale o collettivo) di dare a sé stesso le leggi che ne regolano il comportamento, mentre il secondo (dal gr. ἕτερος «diverso») indica la circostanza contraria, ossia il fatto di ricevere le leggi dall’esterno, da qualcun altro. • «L’a. della volontà – scrive Kant nella Critica della ragion pratica (➔) (1788, I, § 8) – è l’unico principio di tutte le leggi morali e dei doveri che loro corrispondono: invece ogni e. del libero arbitrio, non solo non è la base di alcun obbligo, ma piuttosto è contraria al principio di questo e alla moralità della volontà». 22
  23. 23. KANT 21 • • • • • I POSTULATI DELLA RAGION PRATICA: 1.LIBERTA’. 2.ESISTENZA DI DIO. 3.IMMORTALITA’ DELL’ANIMA. Conseguenze: 1. L’uomo come fenomeno è soggetto alle cause meccaniche,come noumeno alla causalità libera.2.Dio solo può determinare il “bene sommo”(virtù+felicità).3.Solo un’anima immortale può realizzare il sommo bene (santità). 23
  24. 24. KANT 22 • Due cose riempiono l’animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me. 24
  25. 25. KANT 23 25

×