Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Io riattivo il lavoro

157 views

Published on

Legge di iniziativa popolare.
Le aziende confiscate alla mafia sono un bene di tutti.
Le iniziative ed i luoghi per la raccolta firme in provincia di Varese.

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

Io riattivo il lavoro

  1. 1. IORIATTIVO IL LAVOROLe mafie sono la holding più prolifica del nostro paese. con tutte le potenziali collusioni che questo comporta. Fatturano più 170 miliardi l’anno, sottraendo risorse Secondo i dati dell’Agenzia Nazionale, oggi il 90%fondamentali all’intero sistema economico italiano. delle aziende confiscate fallisce a causaRicostruire le condizioni per la legalità economica è dell’inadeguatezza dell’attuale legislazione.dunque una delle risposte necessarie per uscire dalla Queste sono le motivazioni che ci hanno spinto acrisi, ridando dignità al lavoro e redistribuendo in presentare delle proposte per favorire l’emersione allamodo più equo la ricchezza. legalità delle aziende sequestrate e confiscate allaPer fare ciò non basta aggredire i patrimoni mafiosi e criminalità organizzata e per tutelare i loro lavoratoricombattere le organizzazioni criminali. Serve anche e lavoratrici.contrastare lo stato di abbandono in cui oggi spesso si Le proposte contenute nella legge d’iniziativa popolaretrovano le aziende sequestrate e confiscate alle mafie, perseguono quindi l’obiettivo di costruire, attraverso lecombattendo la falsa idea che questa economia aziende confiscate alle mafie, economia sana, unita afunzioni solo nel circuito della criminalità organizzata, nuova e buona occupazione. SI PROPONE 1. la costituzione, presso lAgenzia Nazionale per lamministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata e presso le Prefetture, di appositi organismi con lobiettivo di favorire lemersione, tutelare la posizione di mercato e scongiurare il fallimento delle aziende sequestrate e confiscate, nonché di difenderne i livelli occupazionali, anche tramite il superamento degli attuali ostacoli alluso degli ammortizzatori sociali a favore dei lavoratori di queste aziende; 2. listituzione di un apposito fondo, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, finanziato da una parte delle liquidità confiscate, che interviene quando si rendono necessarie ristrutturazioni aziendali per proseguire lattività. Introduzione inoltre di agevolazioni fiscali per aziende e enti privati e pubblici che commissionino lavori o forniture ad aziende sequestrate e confiscate; 3. lincentivazione dell’emersione dei rapporti di lavoro irregolari e della messa in sicurezza delle imprese; 4. lincentivazione della nascita di cooperative di lavoratori disposti a rilevare le aziende sequestrate e confiscate. 5. il sostegno, attraverso convenzioni con i fondi interprofessionali, di un adeguato percorso di formazione e aggiornamento dei lavoratori e delle lavoratrici. Una volta raggiunta la quota necessaria di 50.000 firme la proposta sarà depositata al Parlamento, con lobiettivo di sollecitare le forze politiche alla sua rapida approvazione. I DATILe aziende confiscate in via definitiva sono 1639, quelle molto alta riguarda settori chiave per il nostro paese come ilsequestrate potrebbero essere dieci volte tanto. Dall’inizio terziario (45%), l’edilizia (27%) e l’agroalimentare (8%). Èdella crisi le aziende confiscate alla criminalità sono possibile trovare aziende sequestrate e confiscate in tuttaaumentate del 65%, un dato che dimostra senza ombra di Italia, da Nord a Sud. Le regioni con il numero più alto didubbio l’abbassamento del controllo di legalità e la aziende sono la Sicilia 37%), la Campania (20%), lapervasività del nostro sistema economico. Tutti i settori Lombardia (12%), la Calabria (9%) e il Lazio (8%). I lavoratoriproduttivi sono coinvolti dal fenomeno, una percentuale e le lavoratrici coinvolte sono più di 80.000.
  2. 2. ! ## # $% ##
  3. 3. ( )*+** ! # $ !% !
  4. 4. #
  5. 5. + ),+-* $ !(!) *
  6. 6. %
  7. 7. + .)+** -
  8. 8. ./
  9. 9. / 0 /# 0
  10. 10. /# )1,
  11. 11. + + 1 )*+-* -
  12. 12. ./
  13. 13. / 0 3
  14. 14. 2 + # 4+), * %
  15. 15. 3 )*+** !
  16. 16. ! $ .( / 04*
  17. 17. 5 )*+** !
  18. 18. .% 7
  19. 19. 7* * 89:1 0 4 * / # 4 5 4+-*5)-+** ;
  20. 20. % 2 8 # # 3#
  21. 21. 6 # )7 . ! $! *$% %$40 4+-* + $$#
  22. 22. ))+** + $#
  23. 23. 8 ))+**
  24. 24. % .(
  25. 25. 4 7 =
  26. 26. 0 #
  27. 27. # + 0 8 .*+9, # + !# .9 ! /
  28. 28. 3 ),+** 5 # .*+** 5 ..+-* ! 3
  29. 29. # #! .%
  30. 30. 0
  31. 31. 5 ),+-* 6 # .)+** ! 3
  32. 32. # #! .%
  33. 33. 0

×