Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Ricerca Ipsos presentata alla manifestazione CGIL "Non pieghiamo i diritti"

468 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Ricerca Ipsos presentata alla manifestazione CGIL "Non pieghiamo i diritti"

  1. 1. MANIFESTAZIONE INTERREGIONALE economico- Italia 2011: lo scenario economico-sociale26 gennaio 2012 Nobody’s Unpredictable
  2. 2. Aspettative per la situazione dei prossimi tre anni: dominio dei pessimisti Prevalenza di Delta = migliorerà -peggiorerà 40% OTTIMISTI personale italiana europea mondiale locale 30% 20% 10% 0% 2% -3% -6% -10% -17% -20% -30% Prevalenza di -30% PESSIMISTI -40% 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 2Fonte: banca dati Ipsos
  3. 3. Isae/Istat Il clima di fiducia dei consumatori: dati Isae/Istat Clima di fiducia destagionalizzato 1 10 ,0 1 09 ,0 1 08 ,0 1 07 ,0 1 06 ,0 1 05 ,0 1 04 ,0 1 03 ,0 1 02 ,0 1 01 ,0 IS A E / I S T A T in d i c e f id u c i a 1 00 ,0 c o n s u m a t o ri 99 ,0 (b a s e 19 8 0 = 1 00 ) 98 ,0 97 ,0 96 ,0 95 ,0 94 ,0 93 ,0 92 ,0 Effetto Monti 91 ,0 90 ,0 giu-09 ott-09 set-10 ott-10 nov-10 dic-10 apr-11 dic-08 gen-09 apr-09 mag-09 lug-09 ago-09 set-09 nov-09 dic-09 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 gen-11 feb-11 mar-11 mag-11 giu-11 lug-11 ago-11 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 feb-09 mar-09 3Fonte: ISAE/Istat
  4. 4. Quasi una famiglia su 4 colpita direttamente dalla crisi Lei o qualcuno del suo nucleo familiare è stato colpito direttamente dalla crisi negli ultimi 12 mesi riguardo il lavoro? (se sì) Di chi si tratta? No 71 * FAMIGLIE COLPITE Si e ha perso il DIRETTAMENTE: posto di lavoro 13 14% Situazione grave 23% Si, non riceve lo 1 stipendioSi, ha condizioni peggiori 11 Di chi si tratta? intervistato stesso Si e ha dovuto 4 cambiare lavoro 22 36 coniuge un genitore 23 un figlio 7 16 altro parente 4Fonte: Indagine ACRI Ipsos
  5. 5. Riguardo ai suoi consumi e le sue spese, lei o la sua famiglia … Base casi: totale CITTADINI Fonte: indagine ANCI Lombardia 2011 % di chi ha già L o m b a rd ia 60% iniziato a ridurli dal 2010 o primaim p re n d ito ri, p ro fe ssio n isti 45% a u to n o m i 82% im p ie g a ti, in se g n a n ti 56% o p e ra i e a ffin i 71% d iso ccu p a ti, a ltri 69% stu d e n ti 52% ca sa lin g h e 75% p e n sio n a ti 50% 5Fonte: Indagine ANCI Lombardia Ipsos
  6. 6. Risparmio negli ultimi 12 mesi Incrementano le famiglie in saldo negativo Negli ultimi 12 mesi Lei/ la sua Famiglia è riuscito/a a risparmiare parte del reddito guadagnato? Sì, sono riuscito a risparmiare No, ho consumato tutto il reddito No, ho dovuto ricorrere a risparmi accumulati No, ho dovuto ricorrere a prestiti 48% 35% 38% 19% 22% 10% 7% 3% 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 27% 27% 26% 29% 22% 25% 25% 18% 17% 13% 14% Famiglie in saldo negativo 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 6Fonte: Indagine ACRI Ipsos
  7. 7. Gruppi di Famiglie in relazione alla capacità di accumulo del risparmio 100% trend Situazione positivo positiva: 20% 21% 18% 19% 18% 90% 23% 23% 22% risalita 5% 4% 80% 6% 4% 6% 7% 5% 2010 70% 19% galleggiano 28% 21% 21% 21% 20% 23% 20% 60% discesa 12% 14% 14% 50% 15% 14% 11% 10% 40% 14% crisi 15% 15% 13% 14% 11% moderata 15% 30% In difficoltà: crisi grave 37% 20% 19% 23% 21% 23% 18% 22% 18% 10% 2010 non 7% 7% 7% 32% 5% 6% 5% 7% indicano 0% 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 7Fonte: Indagine ACRI Ipsos
  8. 8. Reddito, potere d’acquisto, spesa e propensione al risparmio delle famiglie italiane - trend R e d d i to lo rd o d i s p o n i b i le (a ) P o te re d a c q u i s to d e lle fa m i g li e (b ) S p e s a d e lle fa m i g li e p e r c o n s u m i fi n a li (c ) P ro p e n s i o n e a l ri s p a rm i o (va lo ri % ) (d ) 2 9 0 .0 0 0 1 7 ,0 % 2 8 0 .0 0 0 1 6 ,5 % 2 7 0 .0 0 0 1 6 ,0 % 2 6 0 .0 0 0 1 5 ,8 % 1 5 ,5 % 2 5 0 .0 0 0milioni di euro 1 5 ,0 % 2 4 0 .0 0 0 2 3 0 .0 0 0 1 4 ,5 % 2 2 0 .0 0 0 1 4 ,0 % 2 1 0 .0 0 0 1 3 ,5 % 2 0 0 .0 0 0 1 3 ,0 % 1 9 0 .0 0 0 1 2 ,5 % 1 8 0 .0 0 0 1 2 ,0 % 1 7 0 .0 0 0 1 6 0 .0 0 0 1 1 ,5 % 1 1 ,6 % 1 5 0 .0 0 0 1 1 ,0 % 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 IQ II Q III Q 2011 2011 2011 8Fonti: Istat, Reddito e risparmio delle famiglie e profitti della società - 2011
  9. 9. Le istituzioni al centro del ciclone (% positivi su voti validi) 95 86 85 85 85 84 84 83 83 82 82 82 81 81 81 77 75 74 74 P r e s id e n z a 72 d e lla 71 71 70 70 70 70 R e p u b b lic a 67 65 62 55 53 U n io n e 45 Eu rop e a 35 fe b -0 9 m ag- o tt -0 9 d ic -0 9 m a r- 1 0 a p r-1 0 g iu -1 0 s e t-1 0 d ic -1 0 m a r- 1 1 mag- s e t- 1 1 d ic -1 1 09 11 9Fonte: banca dati Ipsos
  10. 10. Fiducia nelle istituzioni di governo e rappresentanza (trend % positivi su voti validi) 80 70 Comune 61 59 60 60 59 58 59 58 57 58 56 56 55 54 55 55 55 54 Regione 53 52 53 53 52 51 51 50 50 50 50 50 48 47 47 48 48 47 45 45 46 43 44 42 41 42 Senato 40 38 39 38 36 35 34 35 30 31 32 31 32 32 Camera dei Deputati 28 27 25 22 23 24 21 20 22 21 Partiti politici 14 13 10 feb-09 mag- ott-09 dic-09 mar-10 apr-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 mag- set-11 dic-11 09 11 10Fonte: banca dati Ipsos
  11. 11. Chiesa e televisioni (trend % positivi su voti validi) 85 75 C h ies a 70 68 c a ttolic a 65 66 65 65 64 64 62 61 61 61 60 57 56 56 55 52 52 53 52 51 52 49 48 49 46 M e dia s et 48 47 46 45 44 45 45 41 38 41 40 39 36 35 33 R AI 25 15 fe b-0 9 mag- ott -0 9 d ic -0 9 m a r-1 0 a p r-1 0 g iu -1 0 s et -1 0 d i c-1 0 m a r- 11 m ag- s et -11 d ic -1 1 09 11 11Fonte: banca dati Ipsos
  12. 12. Istituzioni economiche e associative (trend % positivi su voti validi) HANNO PIU’ FIDUCIA NEL SINDACATO … 85 ● Donne ● Giovani tra i 18 e i 24 anni ● Studenti ● Casalinghe ● Individui fino a 34 anni studenti disoccupati ● Autocollocazione politica sinistra e 75 A ss . centro sinistra ●Individui che si informano principalmente attraverso la TV im p r e n d it 61 65 63 64 64 61 60 60 59 59 59 57 S in d a c a t i 55 55 45 49 48 46 44 45 44 45 45 43 45 45 43 41 41 41 B a n ch e 39 40 39 39 38 37 37 35 36 36 35 35 34 34 32 34 31 32 32 33 32 30 25 B o r s a it a lia n a 27 19 15 fe b -0 9 m ag- o tt -0 9 d ic -0 9 m a r-1 0 a p r-1 0 g iu -1 0 s e t -1 0 d i c -1 0 m a r- 1 1 m ag- s e t -1 1 d ic -1 1 09 11 12Fonte: banca dati Ipsos
  13. 13. Indice complessivo di fiducia nelle istituzioni - trend 100% 11,2 8,8 8,4 11,8 12,4 13,5 12,8 17,7 16,2 15,5 15,8 15,9 19,6 19,0 17,7 80% molto 25,2 27,9 FIDUCIOSI 31,6 28,3 30,8 27,6 31,6 29,7 31,9 34,0 29,3 60% 29,5 31,9 abb. FIDUCIOSI 31,4 32,2 30,4 28,2 30,5 31,2 40% 29,3 29,3 28,9 26,4 30,1 abb. SFIDUCIATI 44,4 40,3 20% 31,0 28,2 28,7 molto 26,1 27,8 25,0 23,6 23,4 25,1 SFIDUCIATI 21,9 21,0 0% feb-09 mag- ott-09 dic-09 mar-10 apr-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 mag- set-11 dic-11 09 11 13Fonte: banca dati Ipsos
  14. 14. I giovani e la disoccupazione* - dati macro (*rapporto tra persone in cerca di occupazione e il totale di persone occupate e in cerca di occupazione) Andamento del tasso di disoccupazione trimestrale % 32 29,8 29,6 27,9 30,1 23,9 28 29,2 27,4 26,5 24 Italia 21,3 19,5 24,7 overall 20 16 12 8,6 7,8 7,6 8,5 8,6 8 7,1 9,1 Italia 8,0 7,3 7,6 8,7 15-24 4 6,1 0 2008 2009 2010 2011 nov-11 14FONTE: ISTAT (Rilevazione sulle forze lavoro 2010) ed elaborazioni Banca d’Italia (Novembre 2011)
  15. 15. Stabilità delle condizioni di lavoro Base: Totale campione 18-35enniQual è la sua professione attuale? + Che caratteristiche ha il suo contratto di lavoro? STUDENTI STABILI 19% 33% NON OCCUPATI 28% NON PRECARI CLASSIFICATI 16% 4% DEM6bis - Lei direbbe di essere in una situazione di … NON OCCUPATI OCCUPATI STUDENTI (valori %) completa autonomia finanziaria 26 45 6 3 parziale autonomia 39 45 39 24 dipendenza da familiari/partner 35 10 55 73 15Fonte: Indagine Ipsos“I giovani 18-35enni “(settembre 2011)
  16. 16. Target POPOLAZIONE La flessibilità: dinamismo o precarietà?Sempre più frequentemente si parla di flessibilità del lavoro; secondo lei con il termine “flessibilità” siintende: TOTALE 69 % PRECARIETÀ significa per Lei… Precarietà e rischio Mancanza di continuità/ +11% 68% stabilità/sicurezza Mancanza di un reddito 17% adeguato Mancanza di tutele Dinamismo - 15% pensionistiche/sanitarie inteso come 31% molte possibilità Impossibilità di crescere 10% professionalmente NON SA/NON RISPONDE 12% Variazione della voce “precarietà” dal 2008 16Fonte: banca dati Ipsos
  17. 17. Target POPOLAZIONE Il lavoro somministrato e la sua immagine Il lavoro somministrato fornito da un’Agenzia per il lavoro è … PARAGONABILE AL LAVORO NERO PARAGONABILE AL LAVORO DIPENDENTE UNA FORMA MODERNA ADATTA A LAVORATORE ED ECONOMIA 2011 TOT. 17 % 29 % 54 % 2008 TOT. 35 % 23 % 42 % 17Fonte: banca dati Ipsos
  18. 18. Futuro pensionistico: Base casi: totale CITTADINI CHE LAVORANO lavoratori in grande preoccupazione Lei quanto è preoccupato del Suo futuro economico dopo il pensionamento? Molto tranquillo Abbastanza tranquillo Abbastanza preoccupato Molto preoccupato Non lo so 2001 10% 46% 24% 14% 2011 6% 12% 39% 41% 18Fonte: banca dati Ipsos
  19. 19. I delegati LOMBARDI della CGIL(settembre 2010/febbraio 2011) Nobody’s Unpredictable
  20. 20. Perchè oggi è più complicato svolgere attività sindacale (1) Prima citata Totale citazioni La mancanza di 15% solidarietà tra i lavoratori 19% La mancanza di unità 14% tra le varie sigle sindacali 19% La crescita del 13% precariato e dei contratti atipici 16% La poca voglia di 12% lottare per i propri diritti 17% 20Fonte: Indagine CGIL Lombardia Ipsos
  21. 21. Perchè oggi è più complicato svolgere attività sindacale (2) Prima citata Totale citazioni La mancanza di 10% fiducia nel sindacato e nei suoi 13% dirigenti Laumento del 7% potere contrattuale delle aziende 10% Maggior diffusione 3% contrattaz. Individuali 6% 21Fonte: Indagine CGIL Lombardia Ipsos
  22. 22. I punti di difficoltà nel rapporto coi giovani: comunanza culturale e contratti atipici (1) molto daccordo (voti 8-10) abbastanza daccordo (voti 6-7) Delta voti non sa, non indica poco daccordo (voti 4-5) positivi (6-10) per nulla daccordo (voti 1-3) – voti negativi per avvicinarsi di più ai (voti 1-5) giovani il sindacato deve modernizzarsi, 57% 25% 11% 6% ringiovanirsi e stare al 65% passo con i tempi i giovani sono per lo più disoccupati o hanno contratti atipici: è per questo che il sindacato 60% 21% 12%5% 64% non riesce ad intercettarli se ci fossero più delegati sindacali giovani ci sarebbero 46% 26% 17% 10% 45% anche molti più iscritti giovani al sindacato 22Fonte: Indagine CGIL Lombardia Ipsos
  23. 23. I punti di difficoltà nel rapporto coi giovani: comunanza culturale e contratti atipici (2) molto daccordo (voti 8-10) abbastanza daccordo (voti 6-7) Delta voti non sa, non indica poco daccordo (voti 4-5) positivi (6-10) – per nulla daccordo (voti 1-3) voti negativi (voti 1-5) in un mondo dove lindividualismo è lideale dominante, è normale che i giovani non si 45% 23% 19% 12% 37% avvicinino al sindacato nel parlare i sindacalisti fanno troppi riferimenti ad un passato che i giovani di oggi non conoscono se non per sentito dire 36% 32% 18% 14% 36% spesso il linguaggio dei sindacalisti è troppo tecnico e di difficile comprensione, soprattutto 39% 27% 21% 13% 32% per i giovani il sindacato si sta allontanando da tutti i lavoratori, non solo da quelli più giovani 21% 29% 22% 28% 0% 23Fonte: Indagine CGIL Lombardia Ipsos

×