Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Williams

1,440 views

Published on

La presentazione di Antonia De Lorenzo

Published in: Business, Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Williams

  1. 1. Jonathan Williams: Scrittore d’Avanguardia e fondatore della casa editrice americana Jargon Press
  2. 2. Chi è Jonathan Williams? <ul><li>Nato in North Carolina nel 1925 e ancora vivente </li></ul><ul><li>Esponente di spicco del Black Mountain College (1936-1956): college americano d’avanguardia famoso per la sperimentazione “sfrenata” in ogni forma di produzione artistica: pittura, scrittura, musica, danza, fotografia… </li></ul><ul><li>Uomo dai mille talenti e interessi: </li></ul><ul><li>Scrittore </li></ul><ul><li>Fotografo </li></ul><ul><li>Pubblicista </li></ul><ul><li>Collezionista di pietre e minerali </li></ul><ul><li>Editore (Jargon Press e Jargon Society)… </li></ul>
  3. 3. Breve accenno all’esperienza poetica <ul><li>Autore, scrittore e poeta che si è meritato dalla critica americana contemporanea l’ appellativo di “ playful poet ”: egli gioca con le parole, con il loro significato e la loro forma sperimentando nuove disposizioni grafiche nello spazio, ad esempio usa l’ideogramma cinese e l’ ACROSTICO - POESIA , dove la traduzione risulta molto difficile e talvolta impossibile. </li></ul><ul><li>ESEMPIO: </li></ul>A 75th Bhirthday   B I T E D A M E S I T W E L L ‘ S T L A H O T C C E C T O O B B F R E E A R C F O R L A L L
  4. 4. La Jargon Press e la Jargon Society : “riparo” per gli scrittori e gli artisti americani d’Avanguardia <ul><li>Casa editrice americana nata negli anni Cinquanta, fondata e diretta da Jonathan Williams </li></ul><ul><li>Fondi economici per la sua sussistenza: </li></ul><ul><li>- concessione nazionale nel 1947 </li></ul><ul><li>- donazioni da parte dei privati (gli stessi genitori di Williams) </li></ul><ul><li>- sovvenzioni da parte della NEA ( National Endowment of the Art ) </li></ul><ul><li>Obiettivi: </li></ul><ul><li>- pubblicare le opere d’Avanguardia </li></ul><ul><li>- mantenere bassi i prezzi delle pubblicazioni </li></ul><ul><li>- mantenere alta la qualità (materiali pregiati) </li></ul><ul><li>- pubblicare tutti coloro che avevano difficoltà nel divulgare le loro opere considerate anticonformiste ed eccentriche </li></ul><ul><li>Alcuni nomi: </li></ul><ul><li>Olson - Modernisti della Scuola di San Francisco </li></ul><ul><li>Creeley - Mina Loy </li></ul><ul><li>Denise Levertov - Zukofsky </li></ul>
  5. 5. Caratteristiche delle opere pubblicate <ul><li>ECCESSO </li></ul><ul><li>STRANEZZA </li></ul><ul><li>OSCENIT Á – PROVOCAZIONE </li></ul><ul><li>IRONIA E SARCASMO </li></ul><ul><li>LIBERTÁ D’ OPINIONE </li></ul><ul><li>FRANTUMAZIONE DELLA PAROLA E DELLA VOCE </li></ul><ul><li>SPAZIO AL BINOMIO IMMAGINE – PAROLA (uso ossessivo di immagini e fotografie) </li></ul><ul><li>NO SPAZIO A POLITICHE PARTICOLARI PER ATTRARRE IL LETTORE </li></ul><ul><li>ATTACCO ALLA SOCIETÁ DEGLI ANNI CINQUANTA (cultura di massa) </li></ul><ul><li>TEMI: DOLORE E CRISI </li></ul><ul><li>DIETRO ALLA PUBBLICAZIONE SPESSO C’ ERA IL FINANZIAMENTO DA PARTE DEGLI AMICI DELL’ AUTORE STESSO </li></ul>
  6. 6. Alcune collaborazioni della Jargon Press <ul><li>Tom Patterson : giornalista americano e fondatore del Festival di Stradford (Canada 1953) che ebbe grande rilevanza per la diffusione della cultura americana nel Novecento; </li></ul><ul><li>Ronald Johnson : giornalista americano che fece molte interviste a Jonathan Williams; </li></ul><ul><li>Martin Duberman : oggi tra i più importanti studiosi del Black Mountain College e della letteratura americana in generale; </li></ul><ul><li>Charles Oscar e Robert Creeley : due delle personalità di spicco del Black Mountain College , ad esempio i Maximus Poems di Olson. </li></ul>
  7. 7. La Jargon Press oggi <ul><li>La Jargon Press negli anni 1950-1991 ha archiviato oltre di 35.000 manoscritti, fotografie, documenti e possiede alcune collezioni importanti dei manoscritti di James Joyce e di Dylan Thomas che spesso sono al centro di conferenze e incontri. </li></ul><ul><li>Progetti futuri: catalogare e stampare le centinaia di fotografie, raffiguranti principalmente le giornate al B.M.C., conservate con cura da Skywinding e Jonathan William. </li></ul><ul><li>Sul sito della Jargon Society, www.jargon.htm , possiamo trovare molte interviste e foto realizzate da Jonathan Williams e incipit di articoli che poi possono essere approfonditi iscrivendosi al sito. </li></ul><ul><li>L’indirizzo attuale, per qualsiasi contatto o informazione (oltre al sito ufficiale prima citato) è: </li></ul><ul><li>  </li></ul><ul><li>The Jargon Society </li></ul><ul><li>PO Box 15458 </li></ul><ul><li>Winston-Salem, NC 27113 </li></ul><ul><li>  </li></ul><ul><li>  </li></ul>
  8. 8. Alcuna fotografie e copertine realizzate da Jonathan Williams Dan Rice e Robert Creeley, 1955. Fotografia di Jonathan Williams Jonathan Williams, Portrait of the Artist (Robert Creeley) as a Spanish Assassin , 1955. Robert Duncan, 1956. Fotografia di Jonathan Williams
  9. 9. The Maximus Poems / 11-12, 1956. Poesie di Charles Olson. Calligrafia e copertina di Jonathan Williams. Estate 1956. Special Collection , Bibliotheca Homer Babbidge , Università del Connecticut, Storrs. The Dancer , 1951. Poesia di Joel Oppenheimer. Copertina di Robert Rauschenberg. Jargon 2,7 x 5. Stampato al Black Mountain College da Joel Oppenheimer e Jonathan Williams, 1951. Special Collection , Biblioteca Homer Babbidge, Università del Connecticut, Storrs. Black Mountain Review . Black Mountain, N.C.: Black Mountain College, 1951-57
  10. 10. BIBLIOGRAFIA <ul><li>Black Mountain. Poesia & Poetica , a cura di Annalisa Goldoni e Marina Morbiducci, Editrice Universiataria di Roma, La Goliardica, 1987 </li></ul><ul><li>  An Ear in Bartram’s Tree: Selected Poems, !937-1967 , Chapel Hill, NC, 1969/ New York, New Directions, 1972 </li></ul><ul><li>The Arts at Black mountain College, Mary Emma Harris, The MIT Press, Cambridge, Massachusetts, London, 1988 </li></ul><ul><li>La Nuova Poetica Americana, Interviste e saggi di Ekbert Faas , Newton Comton Editori s.r.l., Roma, 1982 </li></ul><ul><li>  Black Mountain. An Exploration in Community , Martin Duberman, Paperback, 1993 </li></ul><ul><li>Sitografia:   </li></ul><ul><li>http://jargonbook.com/jargon.html </li></ul><ul><li>http://www.ncwriters.org/services/lhdf/inductess/williams.htm </li></ul><ul><li>http://www.raintaxi.com/online/2003spring/williams.shtml </li></ul><ul><li>www.bmcproject.org/ </li></ul><ul><li>  </li></ul>FINE
  11. 11. Acrostico: <ul><li>Un acrostico (dal greco tardo akróstichon, composto di ákros, «estremo» e stíchos, «verso») è un componimento poetico in cui le lettere, le sillabe o le parole iniziali di ciascun verso formano un nome o una frase, a loro volta denominati acronimo </li></ul><ul><li>Esempi di acrostici: </li></ul><ul><li>composizioni sacre babilonesi: “ Saggil-kinam-ubbib, sacerdote degli incantesimi di Babilonia ”; </li></ul><ul><li>Salmi della Bibbia, i cosiddetti &quot;Salmi alfabetici&quot; in cui l'inizio di ogni verso presenta, nell'ordine, tutte le lettere dell'alfabeto ( Salmi 25, 34, 119); </li></ul><ul><li>celebre è anche la scritta Viva V.E.R.D.I. che i patrioti italiani utilizzavano, durante il Risorgimento, per significare (Viva) Vittorio Emanuele Re D'Italia; </li></ul><ul><li>acrostico di epoca più recente, ispirato alle vicende della prima e della seconda guerra del Golfo, è quello ironicamente ricalcato sulle lettere della parola B.U.S.H. : Bisogna Uccidere Saddam Hussein . </li></ul>

×