Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Fumagalli change management - 12 aprile 2011

1,837 views

Published on

  • Be the first to comment

Fumagalli change management - 12 aprile 2011

  1. 1. Master in Comunicazione e Organizzazione<br />A.A. 2010-2011<br />Martedì 12 aprile 2011<br />Lucio Fumagalli<br />
  2. 2. Il cambiamento nelle organizzazioni<br />
  3. 3. Obiettivo e contenuto della lezione<br />L’obiettivo della lezione è l’analisi del cambiamento organizzativo attraverso:<br /><ul><li>La definizione di cambiamento organizzativo
  4. 4. l’individuazione delle caratteristiche che il cambiamento può avere nelle organizzazioni
  5. 5. la descrizione delle modalità con cui gestire il cambiamento nelle organizzazioni</li></ul>3<br />
  6. 6. Modelli organizzativi<br />Quali metodiche per trasformarli?<br />4<br />
  7. 7. L’obiettivo del cambiamento<br />David Fubini, Colin Price e Maurizio Zollo<br /> “perché non considerare la fusione come un’opportunità per creare una nuova azienda sostanzialmente più sana di ciascuno dei suoi predecessori – un’azienda che continuerà a migliorare la propria performance anche quando le sinergie del progetto non saranno che un ricordo? “<br />5<br />
  8. 8. Il cambiamento nelle organizzazioni /1<br />6<br />Ambiente esterno<br />Performance aziendali<br />Valori<br />Leadership<br />Struttura organizzativa<br />Strategia e obiettivi<br />Ambiente aziendale<br />Setup fisico<br />Risorse e strutture<br />Workforce Capability<br />Strumenti e sistemi<br />Processi e compiti<br />Ambiente di lavoro<br />Competenza individuale<br />Motivazione<br />Clienti<br />Caratteristiche<br />Fornitori<br />Esperienza<br />Skills<br />Concorrenti<br />Situazione economica<br />Fattori istituzionali<br />Trend demografici e sociali<br />Tecnologia<br />Il cambiamento può essere definito come qualsiasi evento richieda all’organizzazione un adeguamento dei propri obiettivi o delle modalità per raggiungerli, agendo coerentemente su tutti i livelli dell’organizzazione.<br />
  9. 9. 7<br />Il cambiamento nelle organizzazioni /2<br />Il cambiamento ha un impatto su tutte le dimensioni dell’organizzazione:<br /><ul><li>PERFORMANCE AZIENDALI: l’organizzazione raggiunge gli obiettivi di performance attraverso l’allineamento delle strategie con la leadership, la cultura e i valori. Questi elementi producono un contesto interno adeguato e una struttura organizzativa in cui i gruppi di lavoro possono raggiungere alte performance.</li></li></ul><li>8<br />Il cambiamento nelle organizzazioni /3<br /><ul><li>WORKFORCE CAPABILITY: è costruita attraverso la combinazione di persone competenti e motivate con gli strumenti, i sistemi, i processi e l’ambiente organizzativo che rendono possibile il raggiungimento dei risultati richiesti.
  10. 10. COMPETENZA INDIVIDUALE: la combinazione di skill appropriate, esperienze, conoscenze e caratteristiche comportamentali permettono lo sviluppo di competenze in linea con gli obiettivi aziendali.</li></li></ul><li>L’impatto del cambiamento<br />9<br />Motivazionale<br />Cognitiva<br />Esperenziale<br />CAMBIAMENTO<br />EFFICACE<br />Relazionale<br />Strategica<br />Emotiva<br />Operativa<br />Il cambiamento ha conseguenze sui dipendenti impattando diverse dimensioni dell’individuo:<br />
  11. 11. Ampiezza e profondità del cambiamento /1<br />Il cambiamento in azienda può presentare ampiezza e profondità diverse a seconda degli obiettivi che si vogliono perseguire e dell’ambito di azione.<br />10<br />
  12. 12. Ampiezza e profondità del cambiamento/2<br />11<br />Ridefinizione <br />dell’industry<br />Creazione di una best practice<br />Raggiungimento di una best practice<br />Ottimizzazione parziale e locale<br />Trasformazione<br />dell’impresa<br />Profondità del cambiamento<br />Reingegnerizzazione dei processi<br />Cambiamenti<br />funzionali<br />Ambito del cambiamento<br />Sotto processo/ Funzione Processo chiave Intera azienda/gruppo <br />
  13. 13. Una metodologia<br />John P. Kotter<br /> Un processo in 8 fasi<br />Sviluppare un senso di urgenza<br />Costruire il team che guiderà il cambiamento<br />Creare una visione motivante<br />Comunicare per ottenere il consenso<br />Consentire l’azione attraverso l’empowerment<br />Creare piccoli successi nell’immediato<br />Non mollare la presa<br />Fare attecchire il cambiamento <br />Vedere, sentire, cambiare<br />12<br />
  14. 14. Le reazioni al cambiamento /1<br />13<br />Miglioramento<br />Adattamento<br />Accettazione<br />Resistenza<br />Incertezza<br />Negazione<br />Durante i processi di cambiamento all’interno dell’organizzazione si sviluppano diverse reazioni che, nella maggior parte dei casi, sono ripercorribili attraverso l’analisi di una curva di accettazione individuale del cambiamento.<br />Curva di accettazione individuale del cambiamento<br />
  15. 15. Le reazioni al cambiamento /2<br />Alla luce delle reazioni che il cambiamento provoca fra i membri dell’organizzazione, il processo di change management deve essere programmato e sviluppato con l’obiettivo di gestire le reazioni e diminuire l’impatto che queste possono avere sulle performance.<br />Il cambiamento deve essere gestito affinché siano minimizzati il periodo di caduta delle performance (ampiezza) e il livello (profondità).<br />14<br />
  16. 16. Le reazioni al cambiamento /3<br />15<br />Livello performance<br />Miglioramento<br />Adattamento<br />Accettazione<br />Resistenza<br />Incertezza<br />Negazione<br />Performance attuali<br />Profondità<br />Ampiezza<br />Tempo<br />
  17. 17. Gli strumenti /1<br /><ul><li>Nella gestione del processo di cambiamento sono fondamentali il riconoscimento degli strumenti più idonei e l’individuazione dei tempi in cui essi hanno maggiore efficacia per contribuire al raggiungimento degli obiettivi.
  18. 18. Gli strumenti, i metodi e le tecniche per programmare, sviluppare e gestire il cambiamento possono essere ricondotti a quattro principali leve a cui sono attribuiti ruoli differenti a seconda della fase in cui il processo di cambiamento ha luogo:</li></li></ul><li>Gli strumenti /2<br />17<br />Guida e sponsorizzazione <br />da parte del vertice del cambiamento durante tutto il processo<br />Controllo della direzione del cambiamento coordinando e integrando risorse, strumenti e attività<br />Identificazione e realizzazione degli strumenti che rendono possibile il cambiamento<br />Creazione e incremento continuo del consenso, della motivazione e del coinvolgimento delle risorse<br />17<br />
  19. 19. Gli strumenti /3<br />18<br />All’interno delle quattro leve possono venire classificati gli strumenti utili per la gestione del cambiamento:<br />Navigation/ Program Management<br /><ul><li>Programmazione del business
  20. 20. Metodologie e modelli di gestione
  21. 21. Controllo
  22. 22. Strategie di misurazione</li></ul>Leadership<br /><ul><li>Visione condivisa
  23. 23. Sponsorship
  24. 24. Costruzione del team di management
  25. 25. Business case di alto livello</li></ul>Enablement<br /><ul><li>Design dell’organizzazione
  26. 26. Disegno dei processi e delle procedure di dettaglio
  27. 27. Definizione di un modello di supporto
  28. 28. Formazione
  29. 29. Policy di gestione del personale</li></ul>Ownership<br /><ul><li>Team locali di implementazione
  30. 30. Comunicazione</li></li></ul><li>Il processo di cambiamento<br />19<br />Identificare/accettare <br />il bisogno di <br />cambiamento<br />Valutare e definire la<br />domanda di <br />cambiamento<br />Analizzare l’impatto <br />delle diverse alternative <br />e scegliere la migliore<br />Sviluppare il piano e le<br />strategie<br />Implementare il piano e <br />le strategie<br />Gestire la transizione<br />Valutare i risultati<br />Pianificazione<br />Implementazione<br />Messa a regime<br />
  31. 31. Il processo di cambiamento:La pianificazione /1<br />20<br /><ul><li>Identificare/Accettare il bisogno di cambiamento</li></ul>Individuare i problemi, gli indicatori o i sintomi<br />Decidere se il cambiamento è necessario<br />Istituire il team di cambiamento e i meccanismi di supporto (implementazione, transizione, comunicazione)<br />Chiarire i ruoli<br /><ul><li>Valutare e definire la domanda di cambiamento</li></ul>Identificare lo stato futuro desiderato<br />Analizzare lo stato attuale<br />Identificare i gap o le differenze<br />Definire precisamente cosa deve essere cambiato<br />Stabilire i parametri di misura per il successo del cambiamento<br />
  32. 32. Il processo di cambiamento:La pianificazione/2<br /><ul><li>Analizzare l’impatto delle diverse alternative e scegliere la migliore</li></ul>Elencare le possibili alternative<br />Valutare i costi e i benefici, i pro e i contro, le conseguenze e i rischi<br />Scegliere l’alternativa migliore<br />Identificare le forze frenanti e quelle di supporto <br />21<br />
  33. 33. Il processo di cambiamento:L’implementazione /1<br /><ul><li>Sviluppare il piano e le strategie</li></ul>Spiegare il cambiamento e il suo fondamento logico<br />Descrivere la situazione presente confrontandola con quella futura<br />Spiegare le opzioni considerate e la decisione presa<br />Descrivere gli obiettivi, i piani d’azione e gli strumenti di misura del successo<br />22<br />
  34. 34. Il processo di cambiamento: L’implementazione /2<br /><ul><li>Sviluppare le strategie:</li></ul>Aspetti operativi<br />Formazione e apprendimento<br />Strumenti di gestione delle risorse umane<br />Comunicazione<br />Transizione<br />Team development<br />Implicazioni di budget<br /><ul><li>Implementare il piano e le strategie</li></ul>Determinare la velocità del cambiamento<br />Preparare ed istruire coloro che devono implementare i cambiamenti<br />Seguire il piano di lavoro e la sequenza degli eventi<br />23<br />
  35. 35. Il processo di cambiamento:La messa a regime<br /><ul><li>Gestire la transizione</li></ul>Monitorare i temi di transizione e le reazioni delle persone al cambiamento<br />Implementare le strategie che aiutano le persone nel periodo di transizione<br />Riconoscere i risultati<br /><ul><li>Valutare il cambiamento</li></ul>Monitorare i progressi<br />Disegnare e condurre la valutazione sulla base della misura del successo<br />Documentare e relazionare i risultati<br />Aggiustare e cambiare sulla base della valutazione<br />24<br />
  36. 36. La gestione del processo nel tempo:Le leve nelle tre fasi /1<br />25<br />Le quattro leve hanno impatti e potenzialità differenti in base alla fase del processo di cambiamento:<br />Pianificazione: durante la fase di pianificazione e progettazione del cambiamento è importante far leva sugli strumenti legati alla navigation e alla leadership. Essi presentano infatti un maggior impatto sugli aspetti macro del cambiamento, fondamentali in questa fase.<br />
  37. 37. La gestione del processo nel tempo:Le leve nelle tre fasi /2<br />Implementazione: nella fase di implementazione il cambiamento agisce sugli aspetti micro dell’organizzazione, sulle attività, sui processi, sulle persone. Risulta quindi fondamentale focalizzarsi sulle leve di enablement e ownership che permettono di individuare gli strumenti di azione più efficaci e di sviluppare il coinvolgimento dei membri dell’organizzazione.<br />Messa a regime: nella fase in cui i cambiamenti diventano operativi e parte integrante dell’organizzazione è importante che gli individui facciano propri i cambiamenti e assumano i nuovi ruoli e le nuove responsabilità, facendo leva sugli strumenti di ownership. Le leve di enablement e leadership permettono inoltre di monitorare i risultati e di fornire feedback appropriati.<br />26<br />
  38. 38. La gestione del processo nel tempo:Le leve nelle tre fasi /2<br />27<br />Navigation<br />Leadership<br />Enablement<br />Ownership<br />Performance<br />Tempo<br />Messa a regime<br />Pianificazione<br />Implementazione<br />
  39. 39. Fattori critici di successo della gestione del cambiamento/1<br />Il successo dell’intero processo è affidato a:<br />sviluppo di un clima favorevole al cambiamento, abilità di rompere l’inerzia e lo status quo sia dall’interno che attraverso stimoli o crisi esterne<br />costruzione di intenti strategici, scopo e vision chiari, ben articolati e condivisi<br />leadership forte e lungimirante all’interno del top team (ma non solo il CEO)<br />28<br />
  40. 40. Fattori critici di successo della gestione del cambiamento/2<br />attenzione continua all’interpretazione e comprensione del contesto organizzativo che influenzerà le fasi del processo di cambiamento e i suoi progressi<br />coerenza nella gestione dell’intero processo con il contesto e gli obiettivi del cambiamento<br />focus costante sui sistemi e sul pensiero collettivo, per allineare gli intenti con i comportamenti, la strategia con le operazioni, la misurazione delle performance, la retribuzione e la struttura con gli intenti<br />abilità di sviluppare un processo flessibile e in grado di reagire agli eventi imprevisti interni o esterni<br />29<br />
  41. 41. In cosa consiste una azienda sana?<br />Un’azienda sana è:<br />Armoniosarispetto agli obiettivi che si prefigge di conseguire<br />Consapevoledi essere una parte di un contesto più ampio (Stephen Covey oppure Sir John Whitmore; oppure solo buona cultura: Luigi Di Marco; La compagnia dei Magi)<br />Capace di ascoltare, selezionare e misurare le informazioni, rielaborarle in modo coerente alla propria personalità e alla propria storia evitando deliri di onnipotenza <br />30<br />
  42. 42. Disegno e attuazione della soluzione<br />31<br />Negoziazione<br />Trasformazione<br />GENESI<br />IMPLEMENTAZIONE<br />STABILIZZAZIONE<br />Disegno soluzione<br />Transizione<br />Stabilizzazione<br />Due diligence<br />Data di efficacia dell’operazione<br />Gestione ordinaria<br />

×