2000 luigi sidero all about jazz

267 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
267
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2000 luigi sidero all about jazz

  1. 1. Recensione: Florian 26/01/12 17.16 AAJ:Italia cerca ricerca avanzata Newsletter bookmark - aggiornamento periodico contattaci - per i redattori Florian Lucio Ferrara Quintet (Splasc(h) Records - Italia - 2000) Luigi Sidero Florian ! un disco particolare, unaccecante luminosit! sul bordo di ombre ed oscurit!. Ad un primo Florian ascolto, infatti, la sensazione che prevale ! quella di una rassicurante calore, di un tepore vivo fra le note, ma, facendo pi! attenzione, si possono scorgere, fra le maglie di questabito soffice, spigolosit! e durezze prima sfuggite allorecchio. Questo perch! latmosfera generale ! quella di un lento e pacato viaggio che conduce "Al Sud" (anche titolo di una composizione), quel sud inteso come fuoco dellanimo e passione afosa, tema dispirazione per molti musicisti. Otto sarebbero le tappe di questo percorso, se non fosse che alle volte pare che lintenzione di Lucio Ferrara non sia quella di ripiegare verso quel caldo sole, ma di seguire altre direzioni, abbandonando il sentiero del Mediterraneo per altri lidi e localit!. Esempio di questo smarrimento intenzionale ! il brano "Tutatitai!": nonostante abbia una precisa anima e particolarit!, rappresenta un fulmine a ciel sereno, o meglio un preciso inscurimento della trama sonora. Se si pensa alla limpidezza di "TYW", ascoltato poco prima, con laccattivante tema che rincorrendosi rimbalza fra chitarra e tromba, non si pu! non notare il forte contrasto con il timbro pi! graffiante, quasi rock, della quarta traccia. Tutte le altre composizioni rimangono (chi pi! chi meno, a parte "Brunzsezes" dispirazione hardbop) in quei contorni pennellati dai brani di apertura e chiusura, quasi a chiudere un ciclo di piccoli quadri musicali; "Regalo in 6/4" e "Ricordi", infatti, si assomigliano molto: entrambi si affidano al lirismo del sax soprano per lesposizione di temi veramente ben costruiti e regalano unimpressione di limpidezza e solarit! (il primo, inoltre, pu! contare sullo slancio ritmico dato da un tempo come il 6/4). Come a tracciare un itinerario, diventano poi co-protagoniste, insieme alla chitarra, la tromba ed il flicorno di Maurizio Piancastelli, in un continuo addentrarsi nelle profondit! pi! remote del sentimento musicale, fino ad arrivare al lento e felino "Blat", in cui il flicorno trova la sua dimensione ideale, o alle sospirate visioni di "Florian" (con gustosi effetti alla chitarra). Tutti i brani si reggono per buona parte sulle performances solistiche di Ferrara, raramente ripetitivo e scontato, sempre piacevolmente alla ricerca di un mondo da dipingere e da popolare di note, ma il quintetto diventa in pratica, molte volte, un trio di chitarra o di sax/tromba. Valutazione: * * * ! Sito della Splasc(H) Records: www.ijm.it/splasc(H) Elenco dei brani: 01. Regalo in 6/4 - 5:29 02. Al Sud - 6:42 03. TYW - 4:20 04. Tutatitai! - 6:32 05. Blat (F.Giampaoli) - 7:17 06. Florian - 7:23 07. Brunzsezes (F.Giampaoli) - 7:19 08. Ricordi - 7:13 Composizioni di Lucio Ferrara, Musicisti: Lucio Ferrara (chitarra) Maurizio Piancastelli (tromba; flicorno) Alessandro Bosetti (sax soprano) Francesco Giampaoli (basso) Stefano Storace (batteria)http://italia.allaboutjazz.com/italy/reviews/r0201_040_it.htm Pagina 1 di 2

×