<ul>Accesso all'informazione e collaborazione virtuale </ul><ul><li>Social network: alcuni studi di caso
Corso di aggiornamento finanziato dalla
Regione Toscana per le biblioteche pubbliche
(9 gennaio- 16 febbraio 2012)
Lucia Bertini </li></ul>
Library 2.0 Termine attribuito a Michael Casey lo utilizzò nel suo LibraryCrunch Blog nel settembre 2005.  Lo stesso anno ...
Alcuni studi per comprendere l'uso di Internet e degli strumenti Web 2.0. da parte degli studenti  L'uso di Internet da pa...
Alcuni studi per comprendere l'uso di Internet e degli strumenti Web 2.0. da parte degli studenti  Nello studio del Nation...
Alcuni studi per comprendere l'uso di Internet e degli strumenti Web 2.0. da parte degli studenti  Un altro studio condott...
Sondaggio online Librarians Use of Web 2.0 Tools to Support International Baccalaureate Students  Working on their Persona...
Sondaggio online Campione intervistato: 28 bibliotecari che lavorano in scuole internazionali Risultati dell'indagine: (1)...
Uso privato vs. uso professionale degli strumenti  Web 2.0. Lo studio ha rivelato che la maggior parte delle applicazioni ...
 
strumenti Web 2.0 utilizzati nella vita professionale dai bibliotecari La fascia d'età 31-40 uso più alto (14 su 23 domand...
Utilizzo molto simile per tutte e tre le fasce d'età Per le seguenti applicazioni: creazione di un profilo della bibliotec...
 
Creazione di contenuti Scarsa in entrambi i casi 1 su 10 aggiunge voci  a Wikipedia nella vita privata (11%) e (11%) anche...
Possibili strumenti del Web 2.0 per sostenere  la ricerca degli studenti  wiki (96%) e la condivisione di audio (93%); vid...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Social Networking: studi di caso.

1,542 views

Published on

AIB Toscana Formazione. Accesso all'informazione e alla collaborazione virtuale. Corso di aggiornamento finanziato dalla Regione Toscana per le biblioteche pubbliche (9 gennaio- 16 febbraio 2012), Social network: alcuni studi di caso. Lucia Bertini.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Social Networking: studi di caso.

  1. 1. <ul>Accesso all'informazione e collaborazione virtuale </ul><ul><li>Social network: alcuni studi di caso
  2. 2. Corso di aggiornamento finanziato dalla
  3. 3. Regione Toscana per le biblioteche pubbliche
  4. 4. (9 gennaio- 16 febbraio 2012)
  5. 5. Lucia Bertini </li></ul>
  6. 6. Library 2.0 Termine attribuito a Michael Casey lo utilizzò nel suo LibraryCrunch Blog nel settembre 2005. Lo stesso anno in altre pubblicazioni e conferenze (Ciad, 2005; Miller, 2005). Secondo il Ciad, il Web 2.0 “is driven by technology, [but] it is not about technology. It is about changing business models and attitudes to data and software, and the way the library domain, the public and [the] commercial sector work together (p. 12).” &quot;È guidato dalla tecnologia, [ma] non riguarda la tecnologia. Si tratta di cambiare modo di lavorare e atteggiamento nei confronti di dati e software e il modo in cui la biblioteca, il settore pubblico e commerciale interagiscono fra loro (p. 12). &quot;
  7. 7. Alcuni studi per comprendere l'uso di Internet e degli strumenti Web 2.0. da parte degli studenti L'uso di Internet da parte ragazzi è elevato (93-96%) Le 4 differenze generazionali nella attività on line (Pew Internet & American Life progetto Sondaggi, 2006 e 2007) ha rilevato che gli adolescenti di età compresa tra 12-17 anni trascorrono la maggior parte del tempo giocando (78%), IM (68%), partecipando a social networking (65%); condividendo artefatti di loro produzione (39%).
  8. 8. Alcuni studi per comprendere l'uso di Internet e degli strumenti Web 2.0. da parte degli studenti Nello studio del National Association School Boards (NSBA) 2007 gli adolescenti di età compresa tra 9-17 anni, trascorrono il loro tempo per lo più in chat , blog o inviando messaggi di testo e il 50% per i compiti scolastici . In entrambi gli studi, gli adolescenti cercano l' interazione sociale e dimostrano un aumento nella creazione di contenuti .
  9. 9. Alcuni studi per comprendere l'uso di Internet e degli strumenti Web 2.0. da parte degli studenti Un altro studio condotto in Australia (Kennedy et al., 2007) con studenti universitari del primo anno (65% di età compresa tra 17-20 anni) rivela che dalla maggioranza degli studenti utilizza frequentemente questo tipo di applicazioni per le ricerche in Internet, e-mail, messaggi di testo. Applicazioni come blog e wiki sono state utilizzate più di rado.
  10. 10. Sondaggio online Librarians Use of Web 2.0 Tools to Support International Baccalaureate Students Working on their Personal Projects or Extended Essays Telma G. Sullivan An Abstract of a Special Project Submitted in Partial Fulfillment of the Requirements for the Degree of Master of Library Science (MLS) In Information and Library Science Program Southern Connecticut State University New Haven, Connecticut November 30, 2009
  11. 11. Sondaggio online Campione intervistato: 28 bibliotecari che lavorano in scuole internazionali Risultati dell'indagine: (1) strumenti del Web 2.0 sono per lo più utilizzati per attività di consumo più che per la creazione di contenuti (ad esempio, post), (2) modelli di consumo diversi tra uso privato vs professionale; (3) un maggiore utilizzo tra i bibliotecari che dichiarano di 'amare le nuove tecnologie' di età compresa tra 31-40, (4) mancanza di tempo durante le ore di lavoro e il blocco dei filtri sono glimostacoli principali all'utilizzo, (5) le prime scelte sono state i social bookmarking e i wiki. Questi risultati hanno implicazioni pratiche e offrono opportunità di programmare lo sviluppo professionale.
  12. 12. Uso privato vs. uso professionale degli strumenti Web 2.0. Lo studio ha rivelato che la maggior parte delle applicazioni sono state utilizzate in modo simile, come mostrato nella Figura 3: 68% dei bibliotecari legge blog nella vita privata; 79% dei bibliotecari leggere blog nella vita professionale. Social networking 8 su 10 (82%) lo usa nella loro vita privata; 2 su 10 (21%) lo usa in biblioteca. La maggior parte bibliotecari crea il profilo della biblioteca nel web, 8 su 10 (79%), ma solo un terzo ha creato un sito personale (32%), come mostrato in Figura 3.
  13. 14. strumenti Web 2.0 utilizzati nella vita professionale dai bibliotecari La fascia d'età 31-40 uso più alto (14 su 23 domande) seguita dalla fascia di età 41-50 (8 su 23 applicazioni) come mostrato nella Figura 5.
  14. 15. Utilizzo molto simile per tutte e tre le fasce d'età Per le seguenti applicazioni: creazione di un profilo della biblioteca nel web (80%, 86%, 71%), ascolto di podcast (60%, 86%, 50%), video in YouTube (80%, 57%, 57%), sottoscrizione di RSS (80%, 86%, 64%), lettura di articoli di Wikipedia (80%, 86%, 86%) lettura di blog (100%, 71%, 79%)
  15. 17. Creazione di contenuti Scarsa in entrambi i casi 1 su 10 aggiunge voci a Wikipedia nella vita privata (11%) e (11%) anche in quella professionale. Uno su 4 posta immagini in Flick (25% vs 21%) o crea podcast (18% vs 21%).
  16. 18. Possibili strumenti del Web 2.0 per sostenere la ricerca degli studenti wiki (96%) e la condivisione di audio (93%); videosharing (89%), photosharing (86%), chat (75%) e sociali Bookmarking (75%). Strumenti ritenuti meno utili per progetti di ricerca sono stati Second Life (46%), tagging (39%) e Skype (32%). Alcuni bibliotecari che non immaginavano il possibile utilizzo di alcuni di questi strumenti per progetti di ricerca, una percentuale più alta non conosceva l'applicazione di Second Life (46%); tagging (39%), l'uso di Skype (32%), social bookmarking e blog (25% ciascuno), come mostrato nella Figura 8.
  17. 20. ostacoli all'uso di strumenti Web 2.0 non abbastanza tempo per esplorare e sperimentare durante le ore di lavoro, uno su 4 (26%), blocco a causa dei filtri, uno su 7 (14%), non sufficiente collaborazione da parte dei docenti, uno su 8 (12%) uno su 10 non sufficiente sostegno IT (11%) e mancanza di opportunità di formazione (11%) come mostrato nella Figura 9
  18. 22. [email_address]

×