Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Vieni da Noi: Catania

284 views

Published on

File del Concorso "Classe Turistica" promosso da Touring Club Italia.
La 3^B dell'Istituto Istruzione Superiore "Gemellaro" ci parla di Catania, della sua storia e della sua arte.

Published in: Travel
  • Be the first to comment

Vieni da Noi: Catania

  1. 1. Catania: Terra di fuoco, acqua e poesia. Nata poco più di settecento anni prima di Cristo, fondata dai greci, vi presentiamo Catania: terra di arte storia e cultura, terra forte, emozionante.
  2. 2. Arrivati a Catania nel 729 a.C. i Greci, vissuti qui fino all’avvento dei romani, arricchirono la storia della città con meravigliosi monumenti che ancora oggi mantengono vivo l’orgoglio di questa terra, sette volte distrutta e sette volte rinata.
  3. 3. Testimonianze di questo periodo di splendore sono l’Odeon..
  4. 4. ...L’Anfiteatro romano…
  5. 5. Le terme.
  6. 6. Catania, terra di mare, apre le porte ad un mondo fantastico
  7. 7. Un mondo di leggende e storie pronte per essere rivissute. Acitrezza,“La terra dei Ciclopi’’ come la chiamò Omero, racconta la storia di Ulisse che, per sfuggire alla prigionia da parte del Ciclope Polifemo, tesse un inganno con il quale, dopo averlo ubriacato, lo accecò riuscendo così a fuggire. Polifemo infuriato, scagliò dei massi nel mare che, oggi vengono chiamati ‘Faraglioni’.
  8. 8. Tra le tante, spicca anche la leggenda di Aci & Galatea, che ha ispirato poeti e musicisti e che oggi vive in tutte le forme d’arte.
  9. 9. Polifemo, il gigante da un occhio solo, si invaghì, un giorno, della bella ninfa Galatea innamorata però, di Aci un pastore . Un giorno Polifemo pazzo di gelosia schiacciò il povero Aci sotto un enorme macigno, Giove e gli dei, impietositi dallo strazio di Galatea, trasformarono il sangue del pastore Aci in un fiume che, scorrendo perenne, trova pace tra le braccia di Galatea, che l’attende nell’azzurro Jonio, dove i due amanti si fondono in un abbraccio senza fine.
  10. 10. Il Cristianesimo si diffuse rapidamente e, tra i suoi martiri, primeggia Sant’Agata, patrona della città.
  11. 11. Sant' Agata (Catania, 246 circa – Catania, 5 febbraio 261) è stata, secondo la tradizione cristiana, una giovane vissuta tra il III e il IV secolo. Nel periodo fra il 250 e il 251 il proconsole Quinziano, giunto alla sede di Catania anche con l'intento di far rispettare l'editto dell'imperatore Decio, che chiedeva a tutti i cristiani di abiurare pubblicamente la loro fede, s'invaghì della giovinetta e, saputo della consacrazione, le ordinò, senza successo, di ripudiare la sua fede e di adorare gli dei pagani.
  12. 12. Al rifiuto deciso di Agata, il proconsole la affidò per un mese alla custodia rieducativa della cortigiana Afrodisia e delle sue figlie, persone molto corrotte. Il fine di tale affidamento era la corruzione morale di Agata, attraverso una continua pressione psicologica, Agata in quei giorni, contrappose l'assoluta fede in Dio; e pertanto uscì da quella lotta vittoriosa e sicuramente più forte di prima. Rivelatosi inutile il tentativo di corromperne i princìpi Quinziano diede avvio ad un processo e convocò Agata al palazzo pretorio
  13. 13. Breve fu il passaggio dal processo al carcere e alle violenze con l'intento di piegare la giovinetta. Inizialmente venne fustigata e sottoposta al violento strappo delle mammelle, mediante delle tenaglie. La tradizione indica che nella notte venne visitata da san Pietro che la rassicurò e ne risanò le ferite. Infine venne sottoposta al supplizio dei carboni ardenti. La notte seguente all'ultima violenza, il 5 febbraio 251, Agata spirò nella sua cella
  14. 14. Al periodo Greco-Romano succedettero gli Arabi, i quali arricchirono ulteriormente il patrimonio della città. Di questo periodo la gastronomia ne è un’importantissima testimonianza
  15. 15. La Cassata: Introdotte le piante di canna da zucchero e agrumi, gli arabi sfruttarono queste risorse unendole ai prodotti alla base della cucina siciliana. La prima Cassata nacque con un involucro in pasta frolla per poi essere sostituita con la pasta reale nel periodo Normanno.
  16. 16. Ai normanni risale la panatura dei famosi arancini, la quale nacque come assicurazione per la loro conservazione e trasporto. La loro forma è ispirata all’ Etna: infatti se si stacca la punta ne uscirà del vapore, simile al fumo dell’Etna
  17. 17. Dopo un relativo periodo di quiete una serie di violenti terremoti squassò uno dei fianchi del vulcano provocando danni e crolli, tra i quali una serie di fenditure dalle quali iniziò a sgorgare la lava. Nel 1669 il vulcano collassò all’improvviso con un enorme boato. Il fiume di lava continuò l’avanzata fin a circondare la città. In poche ore raggiunse il litorale marino per il quale proseguì fino ad arrestarsi definitivamente.
  18. 18. La forza meravigliosa dell'Etna, le vette innevate, il mare cristallino della costa Ionica, il patrimonio storico e archeologico, il barocco delle chiese e dei palazzi, le tradizioni enogastronomiche e la musica, il calore umano e un'innata cultura dell’ospitalità, accolgono il turista in ogni stagione dell’anno. Il fuoco, l’acqua, la luce s’incontrano, si mescolano, s’intrecciano, per donare al visitatore uno spettacolo unico. La provincia di Catania offre uno scenario che affascina da secoli turisti e viaggiatori.

×