Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Relazione ecomafie 2013 Dott. Roberto Pennisi Dna

0 views

Published on

Il passaggio dell'ultimo report della Direzione Nazionale Antimafia riguardante le cosiddette ecomafie, a cura del consigliere della Dna, Dott. Roberto Pennisi

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

Relazione ecomafie 2013 Dott. Roberto Pennisi Dna

  1. 1. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 367 Ecomafie (Magistrato delegato Cons. Roberto Pennisi) Così  nell’abstract della relazione ecomafia periodo 2011/2012: Nel periodo 2011-2012 in materia di contrasto dei crimini ambientali hanno iniziato a cogliersi gli effetti delle recenti modifiche legislative in materia. Si è, in particolare, colta la significativa svolta di una razionalizzazione delle indagini, tale da consentire un perfezionamento della attività della polizia giudiziaria, nonché una minore dispersione di quella degli organi giudiziari, soprattutto degli Uffici del pubblico ministero. La Direzione Nazionale Antimafia, grazie ai poteri di coordinamento sulle indagini relative al delitto di cui   all’art.   260   D.Lgs.   152/06,   dispone   di   una   mappa   della   distribuzione   sul   territorio   delle   relative   condotte delittuose, ed è in condizioni di collegarle, ove ciò si verifichi, alla presenza delle organizzazioni di tipo mafioso ed alle connesse strategie criminali. Come pure può rilevare la assenza di tale collegamento e cogliere la primazia, in tale settore del crimine, delle centrali affaristiche cui fanno capo i traffici di rifiuti. Tale ampia possibilità di conoscenza consente pure di rilevare le interconnessioni esistenti tra il circuito illegale dei rifiuti e lo sfruttamento criminale delle iniziative relative alla green economy, nel cui ambito si sono ricreate le connectionstra centri di potere economico e signorie mafiose del territorio, finalizzate alla illecita fruizione dei finanziamenti previsti per tali attività, nonché alla acquisizione dei lavori per la realizzazione delle strutture di produzione di energia. Allo scopo di rendere ancora più completa la conoscenza dei fenomeni criminali relativi a tale settore, nel corrente anno la Direzione Nazionale Antimafia ha stipulato un protocollo di intesa con il Corpo Forestale dello Stato, a seguito del quale personale del Corpo è stato inserito nella struttura della Direzione onde rendere più scorrevole il flusso informativo, nonché per poter utilizzare al meglio le specifiche competenze del Corpo nella attività di analisi dei dati relativi agli eco-crimini. Analisi che ha consentito di accertare come anche nel periodo preso in esame sia proseguito il precedente trend che ha visto e vede la diversità di atteggiamento della camorra, da un lato, e della mafia (cosa   nostra   e   ‘ndrangheta),   dall’altro,   verso   il   circuito   dei   rifiuti,   nei   termini   dell’inserimento   della   prima nel circuito illegale, e della seconda in quello illegale. Le  condotte  in  violazione  della  normativa  penale  in  tema  d’ambiente,  nel  frattempo,  sono  cresciute  più  in   termini qualitativi che quantitativi, anche per effetto della accentuata repressione penale, e privilegiano il ricorso a sistemi più sofisticati per la elusione delle regole previste, nonché al traffico transfrontaliero, specie  verso  l’Estremo  Oriente. Si nota, infine, anche in tale settore, la tendenza da parte soprattutto dei clan di camorra alla delocalizzazione delle attività criminali. Nel periodo oggi preso in esame 184 la Procura Nazionale Antimafia ha proseguito la sua attività finalizzata al miglior coordinamento delle indagini ed al relativo impulso, divenuta ancor più significativa  a  seguito  dell’inserimento  del  delitto  di  cui  all’art.  260  D.Lgs  n.  152/2006    nel  novero   dei  reati  previsti  dall’art.  51  co  3  bis  c.p.p.  Attività  che  vide  già  il  suo  primo  atto  nella  riunione   operativa indetta dal PNA in data 03.02.2011 con i rappresentanti delle Forze di Polizia impegnate del contrasto del traffico illecito di rifiuti. Riunione che svolse la funzione di focalizzare in campo nazionale le linee guida lungo le quali si sarebbe  svolta  la  azione  dell’Ufficio, corrispondenti alle principali direttrici lungo le quali, sempre in campo nazionale, si svolgevano le condotte criminose da contrastare. Che, allora, ed ancor oggi si muovono attraverso: 184 Qui di seguito il resoconto di quanto svolto ed analizzato dalla Direzione nel periodo di cui in oggetto, con la precisazione   che   esso   non   conterrà   alcun   elenco   di   esiti   giudiziari   maturati   nell’arco   temporale   stesso,   peraltro   reperibili nelle pubblicazioni che ogni anno vengono diffuse dagli organismi  del  settore  ambientale.  Tali  esiti,  d’altra   parte, se di particolare rilievo, compariranno nelle relazioni relative a ciascun Distretto. Si leggeranno, invece, dati ostensibili, elaborazioni, attività svolte e linee programmatiche di azione derivanti dalla analisi dello specifico ambito criminale  consentita  dal  particolare  osservatorio  dell’Ufficio  Nazionale.
  2. 2. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 368 a) Declassificazione dei rifiuti mediante de-rubricazione per farli rientrare nella tabella dei rifiuti non pericolosi; b) Ricorso   al   sistema   del   c.d.   “girobolla”   sintomatico   della   presenza   di   strutture   criminali   perché richiede una organizzazione composta da varie figure professionali di natura tecnica (laboratori) ed operativa (trasporti, ecc.), oltre che di contatto con i destinatari finali; c) Sversamento diretto dei rifiuti nel territorio. d) Esportazione  illegale  dei  rifiuti  all’estero,   e) Il ricorso al sistema del riutilizzo dei rifiuti nelle energie rinnovabili (biomasse, scarti imprese agricole). Da allora, onde rendere più efficace la attività di coordinamento e, soprattutto, quella di impulso e miglior resa delle investigazioni svolte sul territorio, la DNA si è impegnata nella realizzazione di un imponente progetto di raccolta di tutte le iscrizioni a RE.GE. effettuate da parte delle Procure Ordinarie, a partire dal 01.01.2010, per i reati di loro competenza di cui agli artt. 256 (Attività di gestione di rifiuti non autorizzata) e 259 (Traffico illecito di rifiuti) del D.Lgs. 152/2006, i quali sono i più significativi reati-spia  del  più  grave  delitto  di  cui  all’art.  260. La Direzione Nazionale Antimafia è divenuta, di fatto, centro di raccolta dati delle iscrizioni RE.GE trasmesse da tutti le sedi di Procura della Repubblica. I dati vengono riversati nella banca dati SIDDA/SIDNA per essere elaborati. Al superiore scopo è stato costituito un apposito Gruppo di Lavoro, formalizzato con provvedimento del Procuratore Nazionale del 26 settembre 2013, costituito da un magistrato della Direzione, dalla sua Segreteria, nonché dal nucleo del Corpo Forestale dello Stato operante  presso  la  DNA  a  seguito  del  Protocollo  d’intesa  stipulato  lo  scorso  anno,  e  composto   da tre unità, giusta Dispositivo Applicativo siglato in data 17 luglio 2012, nel quale sono state specificate le competenze spettanti al detto personale. E, cioè: 1. analisi documentale elaborazione dei dati relativi ai procedimenti inseriti in banca dati per il reato  di  cui  all’art.  260  T.U.A.;;   2. inserimento ed elaborazione dati iscrizioni RE.G.E 256 -259 T.U.A.; 3. collegamento tra distaccamenti NICAF presso le Procure e la DNA per ricezione e trasmissione informative; 4. elaborazione di ogni informativa utile trasmessa, altresì, da Organismi a vario titolo impegnati nel contrasto al fenomeno del traffico illecito dei rifiuti. Il tutto sotto il coordinamento del magistrato addetto al servizio riguardante la criminalità ambientale. Fondamentale, peraltro, nella economia dello svolgimento della attività del Gruppo è stato ed è il ruolo svolto dal magistrato della Direzione responsabile del Servizio Risorse Tecnologiche e Sicurezza. Nonostante la imponenza dei dati oggetto della elaborazione non ancora completata, anche allo scopo di avere contezza della funzionalità della attività e rispondenza agli scopi prefissati, di recente si è potuto avere un primo quadro dei risultati acquisiti. In particolare, nei mesi di giugno – agosto 2013 si è proceduto a predisporre ed effettuare un test di  RICERCA  su  quanto  inserito  in   BDN  nell’ambito  del lavoro  di  “monitoraggio  rifiuti”.  Le   finalità del test, secondo le direttive impartite, sono state quelle di verificare la presenza in BDN di  “ricorrenze  significative”  tra  nominativi,  intesi  come  soggetti  fisici,  inseriti  con  il  bacino  di  dati RE.GE. – Monitoraggio rifiutiforniti dalle Procure Ordinarie per gli anni 2010-2012 (campione di circa cinquanta uffici); ovvero tra i predetti nominativi e quelli estrapolati dai RE.GE di alcune Direzioni Distrettuali ed, ancora, quelli già presenti storicamente in BDN per altre tipologie di reato. In  pratica,  l’attività  di  ricerca  ha  seguito  due  percorsi: Ricerca   di   ricorrenze   significative   all’interno   del   bacino   dei   dati   RE.GE.   delle   Procure   Ordinarie, e successivo riscontro delle stesse in BDN; pertanto ricorrenze tra soggetti fisici indagati   in  diverse  Procure  per  i  medesimi  “reati  spia”  in  materia  di  rifiuti  (artt.   256,   259   D.Lgs. 152/2006), col seguente risultato: Su un totale di n. 5293 soggetti fisici iscritti a RE.GE nel campione di circa 50 procure Ordinarie,   se   ne   sono   evidenziati   n.   53   che   ricorrono   per   i   medesimi   “reati   spia”   su   più   Procure.
  3. 3. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 369 Altresì, il lancio a riscontro in BDN di tutti i 5293 soggetti di cui sopra, ha permesso di evidenziarne n.73 ritenuti di interesse per essere già presenti storicamente in Base Dati Nazionale. Ricerca di ricorrenze in Base Dati Nazionale, di tutti i soggetti in RE.GE. delle Procure Ordinarie per gli anni 2010-2012 (campione di circa 50 uffici) nonché di tutti quelli in RE.GE. delle Direzioni Distrettuali Antimafia. L’Aliquota CFS ha effettuato poi una dettagliata disamina delle ricorrenze evidenziatesi in BDN, andando ad individuare quelle ritenute più significative in quanto rispondenti ai seguenti criteri: - soggetti già presenti in BDN perché storicamente coinvolti in reati di tipo associativo nel campo rifiuti - ecomafie - soggetti già presenti in BDN perché appartenenti storicamente ad associazioni criminali di tipo mafioso - soggetti già presenti in BDN perché storicamente coinvolti in reati di tipo associativo nel campo del traffico degli stupefacenti, armi e reati contro la P.A.. Orbene, su un totale di n. 9030 soggetti fisici lanciati a riscontro in Base Dati Nazionale, si sono evidenziate n. 180 ricorrenze significative che, a loro volta, sono state ulteriormente valutate e suddivise in quattro livelli di interesse investigativo: PRIMO LIVELLO (il più importante) 10 ricorrenze SECONDO LIVELLO 23                    “ TERZO LIVELLO 127 “ QUARTO LIVELLO 20                    “ Primo livello: Soggetti con ricorrenze significative in più Procure Ordinarie e presenti in Base Dati Nazionale Secondo livello: Soggetti con ricorrenze significative in più Procure Ordinarie e non presenti in Base Dati Nazionale o nominativi che, pur non avendo ricorrenze in più Procure Ordinarie, ne hanno almeno una in Base Dati Nazionale per art. 260 T.U.A. Terzo Livello: Nominativi iscritti in una Procura Ordinaria e presenti in Base Dati Nazionale o nominativi iscritti a Re.Ge delle D.D.A. e presente in Base Dati Nazionale. Quarto Livello: Nominativi con ricorrenze non significative in più Procure Ordinarie . Si ribadisce, in ordine a quanto sopra, e per comprendere la rilevanza del sistema di analisi, che questa ha riguardato solo una limitata parte di quelli esistenti al RE.GE. delle Procure Ordinarie. Oltre  alla  ricezione  dei  dati  trasmessi  dalle  Procure,  di  cui  al  punto  2.,  l’Ufficio  si  occupa  anche   della ricezione delle informazioni che vengono inviate dalle Forze ed Organi di polizia giudiziaria impegnati nel contrasto ai reati ambientali, nonché soggetti svolgenti per legge un ruolo nel ciclo dei rifiuti, quali i Consorzi obbligatori previsti dal Testo Unico Ambientale. Tali dati, opportunamente elaborati anche attraverso attività pre-investigativa, sono già stati utilizzati   per   le   iniziative   di   competenza   di   questa   Direzione,   ai   sensi   dell’art.   371   bis   co.   III   c.p.p.;;   cioè   per   atti   di   impulso   diretti   alle   Procure   Distrettuali   Antimafia   al   fine   dell’inizio di indagini a carico di soggetti ed imprese, che sono risultati coinvolti, a vario titolo, nella commissione di tali reati. Ovvero per agevolare la individuazione della DDA competente ad investigare quando si è appurato che su fenomeni collegati fossero in corso più indagini. Ovvero per armonizzarle nel caso di prosecuzione separata delle stesse. Tenuto conto, poi, che sin dal 2009 una Convenzione lega la DNA e la Agenzia delle Dogane, e che tale rapporto ha svolto i suoi effetti soprattutto nel settore del contrasto dei reati ambientali, la Direzione ha stimolato la interazione tra il predetto Corpo e la citata Agenzia, con specifico riferimento  all’Ufficio  Centrale  Antifrode  di  questa,  col  risultato  pregevole  di  collegare  il  cuore  del   Paese con la sua periferia, così perfezionando un ottimo sistema di contrasto, particolarmente utile  in  questo  ultimo  tratto  temporale  che  vede  l’incentivarsi  del  traffico  transfrontaliero  di  rifiuti   a scapito di quello interno.
  4. 4. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 370 Da ciò è derivata in data 08.10.2013, per iniziativa delle due Parti condivisa dalla Direzione, la stipula    di  un  Protocollo  d’Intesa  tra  il  Corpo  Forestale  dello  Stato  e  l’Agenzia  delle  Dogane,  che   si inquadra perfettamente nel nuovo scenario internazionale del contrasto dei crimini ambientali, che oggi vede una criminalità che opera senza conoscere frontiere né competenze nazionali ed il cui contrasto, quindi, richiede un approccio e una strategia che coinvolga il maggior numero possibile di organismi, a livello nazionale, razionalizzando le risorse e rendendo sinergiche le specifiche competenze delle Amministrazioni dello Stato. E ciò a dispetto di una triste tradizione della Nazione, a causa della quale, spesso, si è perduta la occasione di conseguire i migliori risultati per effetto di particolarismi e mire di supremazia fondati su pretesi diritti di primogenitura. Cosa resa ancor più grave dal fatto che, così operandosi, si è reso un servizio alla   criminalità,   senz’altro   favorita   dalla   divisione   e,   peggio   ancora,   dalla   conflittualità   delle   strutture preposte alla prevenzione e repressione degli illeciti. Persino la Suprema Corte ha dovuto intervenire per ricordare che le funzioni di contrasto dei reati ambientali appartengono a tutti gli organi dello Stato dotati di compiti di repressione, e tutti devono concorrervi. La  necessità  della  sinergia  e  dell’armonico  convergere  verso  un  solo  scopo  di  tutte  le  forze  in   campo è, invece, fortemente voluta dalla Direzione Nazionale Antimafia che, per di più, ha un diretto e primario interesse alla conoscenza di   informazioni   essenziali   per   l’esercizio   delle   funzioni   istituzionali   di   cui   all’art.   371-bis del codice di procedura penale in relazione ai procedimenti   per  i   delitti  indicati  all’art.  51,  comma  3-bis, c.p.p., che oggi contempla anche il reato previsto dall’art.  260  D.Lgs.  152/2006.  Nel  cui  contrasto  risultano  sempre  più  impegnati   sia  il  Corpo  Forestale  dello  Stato  con  le  sue  articolazioni  centrali  e  territoriali,  sia  l’Agenzia  delle   Dogane, anche in considerazione della attuale tendenza della criminalità ambientale ad “internazionalizzarsi”  attraverso  le  importazioni  e/o  esportazioni  di  rifiuti,  sì  che  inevitabilmente   esso   invade   l’area   in   cui   le   Strutture   della   predetta   Agenzia   espletano   le   loro   funzioni,   applicandovi il bagaglio di competenze e conoscenze di cui esse dispongono. E  non  va,  altresì,  dimenticato  quanto  compete  alla  Direzione  ai  sensi  dell’ultima  parte  del  primo   comma  dell’art.  371  bis  c.p.p.,  anche  per  adempiere  alla  previsione  di  cui  al  secondo  comma   del predetto articolo circa le sue funzioni  di   impulso,  per  comprendere  l’importanza  che  essa   attribuisce alla sinergia tra gli organi dello Stato che in funzione della stessa si adoprano. Dal che  deriva  l’apprezzamento  per  l’iniziativa  che  ha  consentito  di  creare  uno  stabile  legame  tra  il   Corpo  istituzionalmente  preposto  alla  tutela  dell’ambiente,  che  costituisce    valore  fondamentale   di   rilievo   costituzionale,   e   l’Agenzia   che   controlla   i   movimenti   delle   merci   provenienti   da   o   destinate   verso   l’estero,   così   potendosi   ottenere   quella   completezza e tempestività delle investigazioni essenziale per la attività di indagine delle procure distrettuali. E va, ancora una volta, sul punto affermato e ribadito con forza, proprio perché quella relativa all’ambiente  è  materia  di  estrema  delicatezza  che  non  va lasciata ad iniziative estemporanee ed alla improvvisazione dei singoli, e tanto meno sfruttata a scopi propagandistici e/o di parte, che sottrarsi al confronto con gli organi cui spettano compiti di organizzazione generale del contrasto di tali crimini, ovvero alle richieste di informazioni che da tali organi provengono, è contrario alla logica, al diritto ed alla Costituzione. Proprio perché conscia di ciò la Direzione, sempre dal punto di vista organizzativo, seguendo il tragitto intrapreso lungo il solco che si è già iniziato a tracciare negli anni precedenti sulla scorta di   consapevolezze   che   il   decorrere   del   tempo   e   l’accumularsi   corrispondente   di   cognizioni   hanno contribuito vieppiù ad approfondire, è in condizioni di affermare come sia limitativo far corrispondere   all’ambito   “ecomafia”   il   proprio   intervento   secondo   quanto   previsto   dalle   disposizioni di legge che definiscono i suoi compiti. A   seguito   di   apposita   riunione   svoltasi   all’interno   dell’Ufficio   in   data   14.02.2013   con   la   partecipazione di tutti i magistrati interessati, è ampiamente emerso che la materia di interesse “ecomafia”  (il  cui  titolo  è  più  di  derivazione  politico-mediatica che tecnico-giuridica), per come attualmente  intesa  ed  organizzata  all’interno  dell’Ufficio,  non  risulta  più  corrispondere alla reale situazione del settore criminale in questione. E ciò per tutto un insieme di motivi che hanno la loro   ragion   d’essere   sia   nelle   attuali   tendenze   della   criminalità,   che   nello   stesso   assetto   legislativo. Quanto  a  quest’ultimo,  va  rilevato come il principale reato ed unico delitto in tema di rifiuti, art. 260 T.U.A., sia da considerarsi un vero e proprio delitto di impresa -trattandosi di una fattispecie mono-soggettiva ritagliata perfettamente sulla struttura della attività imprenditoriale- teso a proteggere,   oltre   che   l’ambiente,   l’ordine   sociale   qui   inteso   come   pubblica   incolumità   (Cass.   Pen.  n.  25992  del  09.06.2004).  Il  che  lo  proietta  in  un’orbita,  per  così  dire,  “multidisciplinare”,  la   quale richiede una particolare organizzazione dell’organo   giudiziario   che   svolge   i   compiti  
  5. 5. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 371 previsti  dall’art.  371  bis  c.p.p.,  oggi  ancor  più  impellenti,  atteso  l’inserimento  della  fattispecie  tra   i reati di competenza delle Direzioni Distrettuali Antimafia. Sì che la sua trattazione da parte degli Uffici territoriali (distrettuali) e di quello centrale (DNA) prescinde dalla connessione con delitti di criminalità organizzata in senso stretto, così come, invece, avveniva in passato. E ciò è particolarmente significativo in una realtà storica, quale quella attuale che, per come emerso dal dibattito, ancora non vede le DDA particolarmente sensibili alla trattazione delle relative indagini ove non risulti la detta connessione. E ciò per la mancata percezione da parte degli Uffici della reale entità del pericolo derivante dalla consumazione di tali reati, non certo connesso, come si diceva, alla presenza sullo sfondo, o sul palcoscenico, delle organizzazioni di tipo mafioso. Ne deriva che in ordine a tale delitto più che mai decisivi si manifestano i compiti di stimolo e di impulso della DNA che, conseguentemente, deve particolarmente attrezzarsi allo scopo. Quanto alle prime (le tendenze criminali), il fenomeno che si nota, e messo in rilievo nella relazione precedente, è quello: 1. Del progressivo svincolarsi dei traffici dei rifiuti dal loro storico collegamento con le organizzazioni criminali di tipo mafioso (specialmente camorra), anche per aver essi traffici imboccato  la  direttrice  che  porta  all’esterno  dei  confini  nazionali  (sì  che  non  si  necessita  più   di  “controllori”  del  territorio). 2. Del   loro   inserirsi   in   dinamiche,   anch’esse   organizzate,   ma   facenti   capo   a   centrali   affaristico-imprenditorial-criminali nazionali e transnazionali, il cui disvelamento è di particolare   complessità,   ed   ove   il   coordinamento   e   l’impulso investigativo sono imprescindibili. 3. Del   comprendere   anche   l’apertura   delle   nuove   frontiere   che   vedono   i   rifiuti   entrare   nel   campo   delle   energie   alternative   nell’ottica   di   quella   che   può   definirsi   la   criminal soft economy, ove interagiscono brokers dei  traffici  di  rifiuti  e  “sviluppatori”  di  pratiche  ed  attività   riguardanti le relative installazioni 185 . Ne deriva il seguente schema che, alla luce della multidisciplinarietà di cui si diceva, impone la trattazione  del  tema  della  tutela  dell’ambiente  sotto diversi profili. Primo tra tutti quello dei RIFIUTI sotto i seguenti aspetti. Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti ex art.260 del T.U.A., e i suoi principali “reati  spia”,  ovvero  l’art.  256  “attività  di  gestione  rifiuti  non  autorizzata”  e  l’art.259  “traffico   illecito  di  rifiuti”  leggasi  le  spedizioni  transfrontaliere  di  rifiuti. gestione di tutto il ciclo dei rifiuti solidi urbani (R.S.U.), dalla raccolta e dal trasporto, al trattamento fino allo smaltimento nelle discariche ed alla gestione di queste; non da meno l’interesse  per  tutto  il  sistema  della  raccolta  differenziata  – particolare attenzione ai sistemi di assegnazione tramite gare di appalto del servizio di raccolta nei singoli Ambiti Territoriali Ottimali, e del servizio di smaltimento in discarica e della loro gestione; gestione di tutto il ciclo dei rifiuti speciali, pericolosi e non, con i medesimi punti precedenti, tipici   del   ciclo   di   gestione,   ed   in   particolare   l’aspetto   del   trattamento-recupero (o meglio falso trattamento, tramite  i  “classici”  giro-bolla e declassificazione) e dello smaltimento dei rifiuti pericolosi (spedizioni transfrontaliere verso paesi terzi) tramite la figura degli intermediari; acque di scarico e tutto il sistema di depurazione delle acque pubbliche: piccoli e grandi depuratori delle municipalizzate pubbliche che operano in deroga anche lo smaltimento di rifiuti liquidi a scapito della depurazione principale delle reti fognarie. Evidente già appare, da quanto sopra, come si vada ben aldilà di una semplice materia di interesse  ed,  altresì,  che  chi  si  occupa  di  “ecomafia”  deve  necessariamente  spaziare  in  ambiti  di   altre   materie   previste   dall’organigramma   di   questo   Ufficio   (si   pensi   alle   infiltrazioni   nella   Pubblica Amministrazione e negli appalti, nonché alla esecuzione delle Grandi Opere Pubbliche, cui si accompagnano sempre fenomeni connessi al ciclo dei rifiuti, investito dalla esecuzione di quelle). Ma,  il  tema  dei  rifiuti  si  inserisce  in  quello  più  complessivo  dell’Ambiente,  nei   cui  confronti  la   criminalità sferra attacchi che vanno ben oltre il settore dei rifiuti. Si entra, così nel secondo settore, ovverosia quello delle energie alternative. E cioè quelle proveniente da fonti rinnovabili 185 Non   appare   inutile,   sul   punto,   fare   riferimento   all’interesse   dell’ONU,   attraverso   UNICRI   ed   UNEP,   verso   i       fenomeni criminali in questione,  per  il  cui  contrasto  si  è  proceduto  alla  redazione  di  un  “Piano”,  con  la  collaborazione   di questa DNA.
  6. 6. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 372 non fossili (F.E.R.), vale a dire energia eolica, solare, geotermica, idro-termica e oceanica, idraulica, biomassa, gas di discarica, biogas, bioliquidi. In  particolare,  quale  punto  di  contatto  con  il  settore  precedente,  la  “biomassa”,  intesa  come  la   frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall’agricoltura   (comprendente   sostanze   vegetali   e   animali),   dalla   silvicoltura   e   dalle   industrie   connesse,   comprese   la   pesca   e   l’acquacoltura,   nonché   la   parte   biodegradabile   dei   rifiuti   industriali e urbani. Ne derivano, come potenziali attività criminose: truffe aggravate per il conseguimento di erogazioni pubbliche ai danni dello Stato e della Comunità Europea, tramite svariati falsi tendenti a trarre in inganno gli organismi di controllo e i soggetti deputati alle erogazioni dei benefici pubblici e/o comunque sottesi all’erogazione   delle   sovvenzioni   per   la   produzione   di   energia   elettrica   “pulita”   (CERTIFICATI VERDI); frodi nelle pubbliche forniture (di energia elettrica immessa in rete)in tutte quelle tipologie di inadempimenti ai  contratti  stipulati  con  la  parte  pubblica  (società  di  gestione  dell’energia)   relativamente a quei combustibili non eco-compatibili  (ad  es.  l’incenerimento  di  matrici  di   rifiuti non conformi alle autorizzazioni ambientali, e/o biomasse mescolate con rifiuti, anche pericolosi) Quindi, di tutta evidenza la riferibilità di quanto sopra anche alla Sezione Contrasto Patrimoniale alla criminalità organizzata, con specifico riferimento alla illecita percezione di fondi comunitari che, come noto, da lungo tempo ha   costituito   “materia   di   interesse”   delle   organizzazioni   criminali. Altri settori ambientali, poi, di potenziale interesse possono individuarsi in: A. UTILIZZAZIONI BOSCHIVE Il tema riguarda in particolare le regioni ad alta infiltrazione criminale (es. Calabria e Campania). La  cosiddetta  “mafia  dei  boschi”  che  in  vaste  realtà  gestisce  a  suo  piacimento  tutto  il  sistema   degli appalti dei tagli boschivi; trattasi di enormi lotti di territorio, la cui utilizzazione costituisce oggetto di gare indette dai Comuni montani tra le aziende del settore, gare che risultano spesso “indirizzate”  nella  loro  aggiudicazione  tramite  i  classici  metodi  intimidatori  e/o  metodi  corruttivi  e   collusivi dei Pubblici Amministratori. B. INCENTIVI   ED   AIUTI   DELL’UNIONE   EUROPEA   NELL’AMBITO DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA (P.A.C.) Qui  si  tratta  di  truffe  aggravate  e  frodi  in  danno  all’Unione  Europea  perpetrate  da  imprenditori,   spesso   associati   fra   loro,   al   fine   dell’ottenimento   delle   erogazioni   comunitarie   nei   più   svariati   settori della politica agricola (zootecnia, seminativi, ortofrutta, ecc.) senza averne i requisiti previsti.  E  tale  ambito  ha  costituito  e  costituisce  anch’esso  un  succoso  brodo  di  coltura  di  cui  si   alimenta il crimine organizzato. C. FALSIFICAZIONI DEI MARCHI E ALTERAZIONI NEI PRODOTTI ALIMENTARI E FORESTALI Qui le connessioni col crimine organizzato sono intuitive. Quanto sopra (punti A.-B.-C.) si ricollega alle materie del Contrasto Patrimoniale alla criminalità organizzata nel settore delle acquisizioni di beni tramite aste, a quella delle infiltrazioni nell’ambito  agricolo  ed  a  quella  della  contraffazione  dei  marchi. Di tutto quanto sopra non è inopportuno tener conto in sede di riorganizzazione della Direzione. La quale, peraltro, grazie anche alla struttura di cui si è dotata nella materia in questione e di cui si  è  sopra  detto,  si  è  già  attivata  per  ottimizzare  il  tipo  di  risposta  dell’apparato  repressivo  dello   Stato  corrispondentemente  all’attuale  modo  di  manifestarsi  della  criminalità  ambientale.  Il  che   vuol dire fornire alle competenti Direzioni Distrettuali Antimafia gli opportuni input investigativi in ordine  al  reato  di  cui  all’art.  260  del  Testo  Unico  Ambientale. E ciò tenendo conto che:
  7. 7. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 373 Dall’elaborazione  dei  dati  sinora  in  possesso  si  è  notato  come  il  traffico illecito dei rifiuti si stia  configurando  sempre  più  come  “Delitto  di  Impresa”  e  sempre  meno  come  “Delitto  di   Mafia”;; Si ricorre sempre più spesso al traffico Internazionale dei rifiuti, dovuto anche ai contatti od alle  “teste  di  ponte”  che  i  trafficanti stabiliscono con gruppi e/o persone operanti in aree geografiche in cui i rifiuti illecitamente esportati sono ben accetti o perché trattasi di zone “povere”,  ovvero  perché  risultati  vincenti  nel  bilanciamento  tra  interesse  economico  e  tutela   dell’ambiente. Quella stessa valutazione che induce le imprese prive di scrupoli, a danno di ambiente ed imprese virtuose, a privilegiare la scelta della illegalità, invogliata a tal fine anche dalla grave crisi economica in atto; Sempre maggiore è il pericolo, attesa la estrema rilevanza degli interessi economici in gioco, che ad inserirsi nelle più sofisticate condotte delittuose in tema di rifiuti siano soggetti, organi, organismi, strutture (pubblici e privati) operanti nel ciclo dei rifiuti ed in qualche caso preposte al controllo del rispetto della legalità. Di quanto sopra sono indice le più rilevanti azioni repressive dei tempi recenti che non vedono più comparire la componente di tipo mafioso negli organigrammi dei sodalizi criminali cui si addebita il delitto di   cui   all’art.   260   T.U.A.   se   commesso,   come   spesso   avviene,   in   forma   associata e non da singoli soggetti operanti in concorso o meno 186 . E, sorprendentemente, anche in zone storicamente infestate dalla criminalità organizzata. Ciò a conferma del fatto che quando in passato si sono viste operare le consorterie di tipo mafioso, tanto è avvenuto perché tale  decisione,  nell’ambito  del  ciclo  illegale  dei  rifiuti,  è  stata  presa  da  parte  degli  operatori  del   settore, cioè quella sorta di élite economico-finanziaria cui detti traffici fanno capo. In secondo luogo una ulteriore notazione si impone, alla prima collegata. Le dette azioni repressive di maggior rilievo hanno riguardato, soprattutto, la attività di organizzazione di traffici di rifiuti diretti verso Paesi esteri,  in  un  primo  momento  dell’Estremo  Oriente  e  del  Centro  Africa   e,   in   un   secondo   momento,   dell’Unione   Europea,   soprattutto   Paesi   dell’Europa   orientale   recentemente entrati nel sistema comunitario. E ciò spiega la scomparsa delle signorie criminali che governano il territorio destinato a trasformarsi in discarica. Pertanto si è dato corso ad una attività di questa Direzione nel perimetro delle cosiddette pre- investigazioni il cui esclusivo fine è quello di far emergere a livello embrionale i presupposti di notitiae criminis delle quali informare immediatamente con atti di impulso le competenti Direzioni Distrettuali   per   l’inizio   delle   indagini,   secondo   una   dinamica   già   positivamente   sperimentata   negli ultimi tempi. Al superiore scopo si è dato corso agli strumenti derivanti dal Protocollo esistente col Corpo Forestale dello Stato e dalla Convenzione che lega Direzione Nazionale ed Agenzia delle Dogane,  con  la  conseguente  acquisizione  di  notizie  pervenute  o  dal  Corpo,  o  dall’Agenzia;;  ed  a   queste si aggiungono quelle provenienti da altre fonti con ufficiali comunicazioni. A tal punto la Direzione ha investito congiuntamente le apposite articolazioni forestali e doganali (rispettivamente NICAF e Ufficio Centrale Antifrode) per lo svolgimento di attività esplorative in ordine a presumibili illecite esportazioni di rifiuti ad opera di imprese, o gruppi di imprese operanti sinergicamente, secondo i rispettivi oggetti sociali, con la stipula di negozi giuridici a titolo oneroso, per la raccolta, il trattamento, il trasporto ed, infine, la esportazione di rifiuti, provenienti da diverse aree del territorio, verso ditte estere, ovviamente anche in questo caso sulla scorta di accordi contrattuali. E’  chiaro  che,  ove  nella  catena  che  collega  il  momento  della  produzione iniziale con quello della destinazione finale del rifiuto si dovesse inserire anche un solo indice di illegalità, comprendendosi anche in tali indici le confusioni create ad arte tra rifiuti sottoprodotti e materie prime-seconde (mps), si entrerebbe immediatamente   nell’area   penale   che   ricade   nella   sfera   della  fattispecie  delittuosa  dell’art.  260  T.U.A.   Quest’ultima,  peraltro,  è  una  figura  delittuosa  di  non  lieve  complessità,  anche  per  la  sua  stessa   natura  di  “reato  abituale  di  condotta”  che  rappresenta,  appunto, il risultato finale di una serie di condotte  costituenti  autonomamente  reati  contravvenzionali  anch’essi  previsti  dal  T.U.A.  (artt.   256, 259), ed alla sua individuazione si perviene attraverso una attività di ricostruzione investigativa rivolta verso il passato, che può fondatamente avere inizio e svolgimento, col ricorso ad atti di indagine anche sofisticati, solo dopo che si sia avuta la consapevolezza 186 Sarà  interessante  notare  in  proposito  ciò  che  si  trarrà  dall’analisi  delle  iscrizioni  presso  le  DDA  per  il  periodo   preso in esame, quanto al delitto  di  cui  all’art.  260  D.  Lgs.  152/06.
  8. 8. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 374 almeno di un illecito ambientale da cui prendere le mosse. Ecco perché, lo si afferma per inciso, sembra proprio essere un delitto al cui perseguimento le attività di pre-investigazione sono estremamente  congeniali,  come  lo  è  per  la  gran  parte  dei  delitti  non  manifesti,  l’accertamento   del cui consumarsi di norma segue, e non precede, la attività di indagine. Per di più, non di secondo   momento   è   l’esigenza   che   questa   Direzione   sente,   proprio   attraverso   il   detto   svolgimento, di aprire nuove frontiere che valgano dal punto di vista generale per le indagini di tutti   gli   Uffici   di   procura   dell’intero   territorio nazionale. In altri termini, al fine di munirsi dei migliori strumenti per svolgere la attività di coordinamento che le è demandata, in uno con quella attinente al più opportuno impiego degli organi di polizia preposti al contrasto dei reati di cui all’art.  51  comma  3  bis  c.p.p.. Si  rivelano  preziose  nell’ambito  di  dette  pre-investigazioni anche le individuate criticità connesse alle difficoltà di effettuare controlli penetranti sulle tonnellate di materiale che pervengono in dogana  in  vista  dell’imbarco. Senza contare che si è notato, e ciò è motivo di ulteriore sospetto, il   ricorso   al   trasporto   su   gomma   “oltre   frontiera”,   proprio   per   evitare   il   passaggio   dei   rifiuti   in   un’area  temuta  quale  quella  doganale. Dal che la necessità di affinare le tecniche pre-investigative, spostando i controlli dalla fase finale, per quanto riguarda il territorio nazionale, immediatamente antecedente alla esportazione, a quelle intermedia ed iniziale. Ed, ancora, proiettandole nei modi consentiti verso l’estero   ove   hanno luogo delle fasi del ciclo dei rifiuti. In funzione anche di ciò appare interessante strategia quella di porre attenzione, oltre ai movimenti delle merci, ai relativi flussi finanziari, a tal fine impiegando le professionalità delle strutture più attrezzate in tal senso. Torna utile, a questo punto, ricordare quanto prospettato, in occasione della riunione citata in premessa svoltasi presso questa Direzione in data 03.02.2011, dalla Guardia di Finanza, che ebbe a precisare “…  in merito alle condotte sintomatiche della commissione del delitto di cui all’art.   260   D.Lgs.   152/06,   che   esse   vengono   attenzionate   dalla   Guardia   di   Finanza   sotto   il   profilo determinato dalle specifiche competenze del Corpo. E, quindi, facendo leva sulle verifiche finanziarie soprattutto delle strutture societarie svolgenti attività produttive generatrici di rifiuti, con specifico riferimento ai costi dichiarati ed accertati, e corrispondenti fatturazioni, spesso false perché relative ad operazioni in tutto od in parte inesistenti.” E’ ad un modello investigativo che metta in campo le diverse specificità dei servizi di polizia giudiziaria disponibili, quando ci si trovi al cospetto di complesse indagini per il delitto di attività organizzate per il traffico illecito dei rifiuti, che la Direzione Nazionale si ispira, proponendolo alle  Direzioni  Distrettuali  Antimafia.  A  tale  scopo  mira  quell’  “affinamento”  delle  relative  tecniche   cui prima si faceva riferimento. E si agevolerà, così, anche la possibilità di individuare le compagini criminali di tipo associativo cui spesso fanno capo i detti traffici, specie quando il concorrere duraturo nel tempo delle condotte attenga alle diverse fasi del ciclo dei rifiuti (ciascuna delle quali è specificata nella condotta penalmente rilevante descritta dalla norma incriminatrice),   che   comportano   l’apporto   delle   attività   di   diverse   strutture   imprenditoriali.   Le   quali,  come  rilevato  a  proposito  della  natura  del  reato  previsto  dall’art.  260  T.U.A.,  operando  in   violazione della normativa ambientale sui rifiuti, si trasformano ipso facto in soggetti che delinquono, in forma associata o meno. ################### Passando, ora, dai temi di carattere generale ai dati specifici, la cui conoscenza ha peraltro ispirato le superiori considerazioni e prospettazioni, appare subito opportuno, qui di seguito, proporre la tabella (con
  9. 9. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 375 relativo   grafico)   contenente   il   numero   delle   iscrizioni   presso   le   DDA   per   il   delitto   di   cui   all’art.   260   D.Lgs. 152/06 nel periodo dal 1° luglio 2012 al 30 giugno 2013. PROCEDIMENTI ISCRITTI DAL 1.7.2012 AL 30 AL 30.6.2013 PER IL REATO DI CUI ALL'ART. 260 L. 152/06 SEDE Noti indagati ignoti ANCONA 4 12 0 BARI 6 56 0 BOLOGNA 10 35 1 BRESCIA 8 77 0 CAGLIARI 2 14 0 CALTANISSETTA 1 2 0 CAMPOBASSO 1 6 1 CATANIA 12 65 2 CATANZARO 2 75 0 FIRENZE 3 8 0 GENOVA 5 13 0 L'AQUILA 6 25 0 LECCE 0 0 1 MESSINA 3 29 0 MILANO 8 70 0 NAPOLI 13 81 1 PALERMO 5 10 0 PERUGIA 2 9 0 POTENZA 3 15 0 REGGIO CALABRIA 2 10 0 ROMA 5 23 1 SALERNO 3 3 0 TORINO 8 16 0 TRENTO 1 3 0 TRIESTE 2 5 0 VENEZIA 8 25 0 TOTALE 123 687 7
  10. 10. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 376 Si può, innanzitutto, notare come le n. 123 iscrizioni si siano distribuite in maniera grosso modo uniforme in tutto il territorio nazionale, perché, ad esempio, alle numerose iscrizioni di Napoli e Catania al SUD fanno da contraltare quelle di Bologna, Brescia Milano, Torino e Venezia al Nord,  passando  attraverso  il  Centro  con  Roma  e  L’Aquila.  In  totale  si  registrano  n.  50  iscrizioni   al  Nord,  n.  51  al  Sud  e  n.  20  iscrizioni  nell’Italia  centrale,  oltre  a  n.2  nel distretto di Cagliari. La distribuzione cambia in termini di indagati, in quanto i distretti meridionali ne totalizzano n. 352, in quelli del Nord se ne contano n. 244, n. 77 in quelli delCentro 187 , oltre a 14 nel Distretto di Cagliari. Se, però, si considera  che  le  DDA  dell’Italia  settentrionale  sono  in  numero  di  8,  mentre  quelle   del SUD sono n. 12, il dato percentuale porta a concludere nel senso di una maggiore iscrizione di procedimenti penali per il delitto di attività organizzata per il traffico di rifiuti al Nord-Italia. E non va dimenticato ciò che già si rilevava sul medesimo tema delle iscrizioni nella relazione dello  scorso  anno,  quando  si  affermava  “come il numero delle iscrizioni non dipenda certamente dalla mole di lavoro di ciascun Distretto dovuta alla sua ampiezza in termini di estensione territoriale e numero di abitanti; e neppure dalla densità criminale del relativo territorio.” I superiori numeri danno conto di una realtà che corrisponde alle considerazioni svolte in precedenza. Invero, il maggior numero di procedimenti percentualmente iscritti (corrispondente ad  un  maggior  numero  di  fatti  di  reato  individuati)  nell’Italia  settentrionale,  ove  è  storicamente   dislocato il maggior numero di imprese e di attività industriali, si ricollega armonicamente alla natura   di   “delitto   d’impresa”   quale   è   quello   previsto   dall’art.   260   T.U.A..   Mentre   la   maggiore   quantità di indagati al SUD, per un numero superiore di oltre n.100 rispetto a quelli del Settentrione, fa ben intendere la maggiore propensione alle fattispecie concorsuali nel Meridione.  E  tale  dato  è  confermato  da  quello  dell’Italia  centrale,  dove  ad  un  numero  di  poco   meno della metà dei procedimenti iscritti rispetto al SUD, corrisponde un quantitativo di indagati quasi pari ad un terzo. Ma la più concreta e formidabile conferma degli assunti della presente relazione la si rinviene passando ad esaminare in quanti casi sia stata configurata, nella iscrizione del procedimento a RE.GE.,  l’aggravante  di  cui  all’art.  7  L.  203/1991,  che  collega  al  crimine organizzato mafioso, o 187 Da tenere presente che in questa area geografica si è ritenuto di inserire la Regione Abruzzo.
  11. 11. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 377 come origine o come finalizzazione, il delitto che si ipotizza. Il dato sul punto, infatti, potrebbe definirsi sorprendente se non si conoscesse bene la realtà del fenomeno di cui si tratta. Conoscendola, invece, corrisponde pienamente alle aspettative: solo n. 4 iscrizioni vedono la detta aggravante. Ed una per ciascuna in quattro diverse DDA: Bologna, Campobasso, Catania e  Napoli.  Ed,  in  particolare,  nessuna  a  Palermo,  “capitale”  di  “cosa nostra”  come  pure  a  Reggio   Calabria ed a Milano, dominate dal punto di vista criminale da una ‘ndrangheta  della medesima matrice. Quanto, in particolare, a Milano -la cui DDA ha sviluppato una delle più interessanti indagini che hanno visto i loro esiti nel periodo preso in considerazione per  il  delitto  di  cui  all’art.  260  D.Lgs.   152/06,  emersa  dalla  galassia  investigativa  “INFINITO”  che  ha  sviscerato  la  mafia  calabrese  in   quel Distretto agendo in sinergia con la DDA di Reggio Calabria- va detto che non si è ritenuto da  parte  di  quell’Ufficio  di  configurare  nei  fatti  delittuosi  accertati  l’aggravante  “di  mafia”,  il  che  è   estremamente  indicativo  dell’autonomia  che  questo  tipo  di  vicende  delittuose  rivestono  rispetto   alle dinamiche criminali mafiose. Si impone allora, va ribadito, una profonda riflessione   sull’eco-crimine, che è sempre meno “eco-mafia”,  sia  per  quanto  riguarda  le  strategie  di  contrasto  da  parte  degli  apparati  investigativi,   che per ciò che attiene agli strumenti legislativi per contrastarlo. Che non potranno e dovranno modularsi sulla criminalità mafiosa, in quanto le prime, se così facessero, non troverebbero il bersaglio, ed i secondi darebbero vita ad un quasi inutile prodotto legislativo. E’   ben   vero  che   nel  periodo   in  cui  si  redige  la   presente  relazione   la   Nazione   è  scossa  dalle notizie che riguardano lo sconvolgimento ambientale della Campania determinato dalla commissione di reati in materia di rifiuti, nella cui consumazione un importante ruolo ha svolta la criminalità organizzata di matrice camorrista, ma è anche vero che ciò riguarda condotte poste in  essere  soprattutto  nel  ventennio  relativo  agli  anni  ’80  e  ’90  in  cui  una  ben  determinata  parte   di quel territorio è stata vittima di quella imponente attività criminale connessa al ciclo illegale dei  rifiuti,  che  l’ha  trasformata in una immensa discarica di rifiuti speciali pericolosi sulla quale vivono diversi milioni di abitanti. Le cifre che sopra si mettevano in evidenza stanno a dimostrare come non si tratti, e da tempo, di un fenomeno attuale, come pure confermato dalla scomparsa, nelle indagini di criminalità di tipo mafioso sviluppate dalla DDA di Napoli e relative ai fatti più recenti, del traffico dei rifiuti dal programma criminoso dei sodalizi investigati. Sicché nuovi strumenti legislativi penali rivolti verso il passato sarebbero non solo inutili, non potendo avere effetti retroattivi, ma darebbero ancora una volta il triste segnale che lo Stato combatte battaglie di retroguardia contro un crimine che precorre sempre i tempi, ed oggi minaccia  e  colpisce  l’ambiente su frontiere e con modalità diverse. Si abbia cura, una buona volta e finalmente, di introdurre nella legislazione penale il delitto di disastro ambientale configurandolo in maniera chiara e definita nella sua fattispecie, con meno avverbi e più verbi, a tal fine utilizzando la pregevole giurisprudenza maturata nel tempo nonostante  l’assenza  di  una  specifica  disposizione  legislativa. E   si   abbia   l’ardire,   anche,   di   prevedere   la   “aggravante   ambientale”,   per   tutti   i   reati,   ed   in   particolare quelli contro: PUBBLICA AMMINISTRAZIONE; AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA; ORDINE PUBBLICO; INCOLUMITÀ PUBBLICA; FEDE PUBBLICA; ECONOMIA, INDUSTRIA E COMMERCIO. E   non   si   commetta   l’errore   di   promulgare   leggi   speciali   più   dure   relativamente   a   determinati   territori, aventi di fatto solo finalità propagandistiche, tentando di dissimularne la incostituzionalità con la temporaneità. Il loro effetto, oltre a quello del vulnus costituzionale e della ghettizzazione di aree, sarebbe quello di spostare su altri territori, limitrofi o meno, certe condotte penalmente antigiuridiche. Sarebbe,   piuttosto,   opportuno   adottare   per   l’intero   territorio   nazionale   modifiche   alla   attuale   legislazione sanzionatoria in tema di rifiuti, trasformando in delitti le più rilevanti violazioni oggi punite a titolo contravvenzionale, con la previsione del rito direttissimo obbligatorio, con le sole eccezioni imposte dal rito. E  si  coglie,  a  questo  punto  l’occasione,  per  ribadire  che  il  legislatore  ha  il  dovere  di  rimediare  ad   alcune incongruenze di natura processuale che ancora colpiscono i procedimenti penali, e le relative  indagini,  riguardanti  il  delitto  di  cui  all’art.  260  T.U.A.,  con  specifico  riferimento:
  12. 12. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 378 1. al sistema delle intercettazioni telefoniche; 2. ai termini di durata delle indagini preliminari; 3. ai termini di durata della custodia cautelare e delle cause della loro sospensione; 4. al  sequestro  preventivo  ancora  inattuabile  secondo  i  canoni  di  cui  all’art.  12  sexies l. n. 356/92; 5. alla competenza del giudice (monocratico e non collegiale); 6. al mancato inserimento  dei  procedimenti  per  il  delitto  in  questione  tra  quelli  a  “corsia   privilegiata”  di  cui  all’art.  132  bis Disp. Att. c.p.p.. Ma, come già accennato di sfuggita in precedenza, anche a livello di organizzazione degli Uffici di procura preposti alle indagini in ordine al delitto di cui si tratta, occorrono dei concreti interventi strutturali. Si è già rilevato nelle relazioni dei due anni precedenti come più che opportuno sia stato l’inserimento  del  delitto  previsto  dall’art.  260  T.U.A.  tra  quelli  di  competenza delle DDA, attesa la sua caratteristica di reato di grave allarme sociale, così come diversi altri inseriti nel novero di quelli  di  cui  all’art.  51  co.  3  bis c.p.p., non classificabili né di criminalità mafiosa né di criminalità organizzata in senso più lato. E si è già rilevato come più che opportuna sia stata la circolare del C.S.M. in tema di applicazioni endo-distrettuali di magistrati del pubblico ministero di altre Procure della Repubblica presso la Direzione Distrettuale operante nel medesimo territorio, onde non disperdere, soprattutto, la professionalità acquisita dai primi in subiecta materia. Ma tutto ciò, ovviamente, come rimedio temporaneo per far fronte al repentino cambiamento di competenza a procedere, in attesa che le Direzioni Distrettuali si attrezzassero per far fronte al nuovo onere. L’esame  della  situazione  reale  in  atto,  che  compete  a  questa  Direzione  Nazionale,  consente  di   affermare come tutto ciò in gran parte non sia avvenuto. Si è verificata e si verifica spesso una sorta di marginalizzazione dei procedimenti penali in questione, quasi appartenessero ad una sorta di secondo livello. E ricorrentemente, a fronte della constatazione di ciò, si coglie la osservazione, a giustificazione della detta marginalizzazione, del mancato rinvenimento del collegamento dei fatti oggetto della indagine con la criminalità organizzata di tipo mafioso. Tale impostazione consente di rilevare come sia sfuggito (e non solo agli uffici giudiziari, ma anche ai principali servizi di polizia giudiziaria) il vero senso della modifica legislativa relativa alla  competenza  a  procedere  contenuta  nell’art.  11  della  legge  n.136  del  2010,  resa  ancor  più   significativa  dalla  previsione  contenuta  nell’art.  9  della  medesima  legge  che,  complessivamente   riorganizzando il sistema delle operazioni sotto copertura, ha inserito anche il reato del 260 T.U.A. tra quelli per i quali tale tipo di investigazione può attivarsi. E non si esita ad affermare che tale gap è  anche  da  ricollegarsi  all’ormai  diffuso  ricorso  alla   terminologia  “ecomafia”  (cui  neppure  questa  Direzione  si  è  sottratta,  dato  che  la  presente  parte   di  relazione  si  redige  nell’ambito  del  servizio  ECOMAFIA),  che  se  è  apprezzabile  dal  punto  di   vista   mediatico   per   destare   l’interesse   dell’audience, altrettanto non lo è dal punto di vista giuridico e giudiziario. In altre parole non è termine che deve essere caro ai tecnici del diritto, della amministrazione della giustizia e delle investigazioni. Ma, soprattutto, la specificità della materia, che non si esita a definire multidisciplinare -per la cui trattazione occorre una approfondita conoscenza tecnica del complesso settore dei rifiuti, in cui materie scientifiche e giuridiche si fondono in normative in continua evoluzione che vengono elaborate in sede U.E. e poi trasfuse nella legislazione nazionale- richiede nel pubblico ministero che se ne occupa una elevata professionalità, per la quale non può e deve contare sul solo   apporto   della   polizia   giudiziaria   delegata   per   le   investigazioni,   pena   l’alterazione   della   struttura delle indagini preliminari come oggi disegnata dal codice di rito, che attribuisce al pubblico ministero la direzione delle indagini. Efficacissimo strumento per far fronte alle superiori esigenze è il modello organizzativo delle Procure della Repubblica ove sono insediate le Direzioni Distrettuali Antimafia, il quale potrebbe ben  ritenere,  per  il  delitto  di  cui  all’art.  260  D.Lgs.  152/06,  la attribuzione della sua trattazione ad un  apposito  “nucleo”  della  DDA,  composto  da  uno  o  più  magistrati  con  specifica competenza in materia. E ciò per la detta sua specificità (che non necessariamente si collega a fatti di criminalità mafiosa), e quella dei servizi di polizia giudiziaria che se ne occupano, la direzione dei quali in sede investigativa comporta per il pubblico ministero la conoscenza di dinamiche comportamentali criminali da contrastare, del tutto diverse da quelle tradizionali; il che rende necessario quel sapere investigativo multidisciplinare cui prima ci si riferiva.
  13. 13. Parte I - § 11. Le attività svolte in ordine alle «materie di interesse»: Ecomafie. _____________________________________________________________________________________ 379 Tale  “nucleo”,  così,  concentrando su di sé quel tipo di indagini della DDA, potrà, o direttamente o  anche  per  il  tramite  del  capo  dell’Ufficio,  coordinarsi  col  gruppo  di  lavoro  del  medesimo  Ufficio   che si occupa dei reati ambientali, e specificamente di quelli (contravvenzioni) in tema di rifiuti (dall’art.   256   all’art.   259   del   D.Lgs. 152/06),   che   spesso   sono   spia   del   delitto   di   “attività   organizzate   finalizzate   al   traffico   illecito   dei   rifiuti”;;   e   tramite   apposito   protocollo,   anche   con   i   corrispondenti gruppi di lavoro delle altre Procure del Distretto. In altri termini realizzandosi in ambito distrettuale ciò che, come in principio si sottolineava, questa Direzione sta attuando in ambito nazionale. Ed, ancora, estremamente utile potrà essere, sulla base della osservazione della realtà di fatto esistente  nel  territorio  e  delle  forze  dell’Ufficio,  la  creazione,  all’interno  di  quest’ultimo,  di  uno   specifico  gruppo  di  lavoro  che  abbia  quale  oggetto  di  interesse  la  tutela  dell’ambiente  sotto  una   diversa prospettiva. Che abbia cioè riguardo a: a) Tutte  le  condotte  penalmente  rilevanti  relative  ai  rifiuti  diverse  dal  delitto  di  cui  all’art.  260   del Testo Unico Ambientale (D.lgs. 152/06); b) Le energie alternative con le loro potenziali attività criminose quali: 1. truffe aggravate per il conseguimento di erogazioni pubbliche ai danni dello Stato e della Comunità Europea, tramite falsi tendenti a trarre in inganno gli organismi di controllo e i soggetti deputati alle erogazioni dei benefici pubblici e/o comunque sottesi  all’erogazione  delle  sovvenzioni  per  la  produzione  di  energia  elettrica  “pulita”   (CERTIFICATI VERDI); 2. frodi nelle pubbliche forniture (di energia elettrica immessa in rete) in tutte quelle tipologie di inadempimenti ai contratti stipulati con la parte pubblica (società di gestione dell’energia)  relativamente  a  quei  combustibili  non  eco-compatibili (ad es. l’incenerimento   di   matrici   di   rifiuti   non   conformi   alle   autorizzazioni   ambientali,   e/o   biomasse mescolate con rifiuti, anche pericolosi); c) Le utilizzazioni boschive; d) Gli incentivi ed aiuti   dell’Unione   Europea   nell’ambito   della   politica   agricola   comunitaria   (p.a.c.),  cui  si  ricollegano  truffe  aggravate  e  frodi  in  danno  all’Unione  Europea  nei  settori   della imprenditoria agricola (zootecnia, seminativi, ortofrutta, ecc.); e) Falsificazioni di marchi ed alterazioni dei prodotti alimentari. Gruppo che, così formato, potrà agevolmente interloquire, tramite il suo coordinatore o direttamente   il   capo   dell’Ufficio,   con   la   DDA   attese   le   possibili   connessioni   con   la   attività   di   questa nel campo delle sue indagini relative al delitto di cui al citato art. 260 T.U.A., ovvero ad altri di sua competenza. Si ritiene che, cosi operando, si possa contribuire efficacemente a quella che da altissimo pulpito  spirituale  è  stata  definita  la  “difesa  del  Creato”.

×