Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Cambiamenti climatici: non tutto è perduto

780 views

Published on

presentazione Keynote a Formigine, 26 settembre 2015, in collaborazione con Ecovillaggio Montale

Published in: Education
  • Be the first to comment

Cambiamenti climatici: non tutto è perduto

  1. 1. CAMBIAMENTI CLIMATICI: Non tutto è perduto Luca Lombroso www.lombroso.it
  2. 2. "Dio perdona, l'uomo ogni tanto perdona, ma la natura non perdona!"
  3. 3. Il clima è un bene comune, di tutti e per tutti. l’uomo e l’economia sono sottoinsieme del clima!
  4. 4. Esiste un consenso scientifico molto consistente che indica che siamo in presenza di un preoccupante riscaldamento del sistema climatico. 1990: i dubbi e le evidenze del global warming 1995: c’è una distinguibile influenza umana nel clima globale 2001: Gran parte del riscaldamento è probabilmente (>66%) dovuto all’uomo 2007: il riscaldamento è INEQUIVOCABILE e MOLTO PROBABILMENTE (90%) dovuto ai gas serra 2014: E' "estremamente probabile" che le attività umane siano la causa dei cambiamenti climatici
  5. 5. Luglio 2015: il più caldo di sempre Estate 2015: la terza più calda di sempre
  6. 6. La soluzione NON è il condizionatore: “scarica” i nostri problemi (caldo) su altri (ambiente esterno) e i consumi sono elevatissimi
  7. 7. Nel 2044 chiameremo “fresco” il caldo più accanito che abbiamo finora sopportato Nel 2044 chiameremo “fresco” il caldo più accanito che abbiamo finora sopportato: credete che basterà il condizionatore?
  8. 8. Il #globalwarming non si è affatto fermato il video di Emma Ferraresi
  9. 9. tale riscaldamento è stato accompagnato dal costante innalzamento del livello del mare, inoltre è difficile non metterlo in relazione con l’aumento degli eventi meteorologici estremi Eventi estremi e Cambiamenti Climatici Siccità Precipita zioni estreme Alluvioni costiere ondate calore forti evidenze grandi evidenzelimitate evidenze tornado uragani
  10. 10. alluvioni in Emilia 2014/15 Alluvione Piacenza 13-14 set 2015 300 mm/ 6 ore Alluvione Parma 13-14 set 2015 200 mm/6 ore Alluvione Modena 18-19 gen 2014 307 mm/3 gg Alluvione Romagna 18-19 set 2014 150 mm/6 ore
  11. 11. http://youtu.be/Ri4cY3Q5TQA
  12. 12. Credit: Denial101x, Based on a work at www.skepticalscience.com J.Cook Falsi  esperti Le  5  caratteristiche  dei  negazionisti  della  scienza  del  clima Fallimenti   di  logica aspettative   impossibili Raccolta  di   ciliegie   teoria   cospirazione   esaltare  la   minoranza   falsa  pista   travisamento   saltare  alle   conclusioni   falsa  dicotomia  
  13. 13. 13
  14. 14. Innalzamento del mare: scenario per il 2100 senza azioni di limitazione gas serra
  15. 15. Innalzamento del mare: scenario per il 2300 bruciando tutti i combustibili fossili
  16. 16. numerosi studi scientifici indicano che la maggior parte del riscaldamento globale degli ultimi decenni è dovuta alla grande concentrazione di gas serra Credit: Denial101x, Based on a work at www.skepticalscience.com J.Cook
  17. 17. quando sono nato io la CO2 era 318 ppm, oggi è oltre 400 ppm
  18. 18. L'ultimo uomo che ha vissuto con la CO2 a 400 ppm
  19. 19. fa più clamore l'annuncio di un'era glaciale da siti di #meteobufale che del #globalwarming da parte del 97% degli scienziati del clima
  20. 20. Gli orsi polari siamo noi!Gli orsi polari siamo noi
  21. 21. “il metano ci da una mano. ad estinguerci!” IN SIBERIA SI INCENDIA IL PERMAFROST. ED È STRAGE. http://www.crisiswhatcrisis.it/2015/04/20/in-siberia-si-incendia-il- permafrost-ed-e-strage/ Lo scioglimento dei ghiacci polari e di quelli d’alta quota minaccia la fuoriuscita ad alto rischio di gas metano
  22. 22. Estate 2015 nel ferrarese: a bruciare è Torba, puzza nei lidi insopportabile http://www.emiliaromagnameteo.com/incendio-da-giorni-nel-ferrarese-a-bruciare-e-torba-puzza-nei-lidi-insopportabile/
  23. 23. questo secolo potrebbe essere testimone di cambiamenti climatici inauditi e di una distruzione senza precedenti degli ecosistemi, con gravi conseguenze per tutti noi 2 gradi 5 gradi 2 gradi centigradi: scarsità d’acqua in aumento in Africa meridionale e nel Mediterraneo. Significativo declino nella produzione di cibo in Africa, dove la malaria infliggerà 60 milioni di persone.Fino a 10 milioni di persone afflitte dalle alluvioni costiere ogni anno. Le specie che vivono all’artico, come gli orsi polari, minacciate d’estinzione insieme a una cifra oscillante fra il 15 e il 40% della restante selvaggina mondiale. La corrente del golfo potrebbe iniziare ad indebolirsi e la fusione della calotta glaciale sulla Groenlandia divenire irreversibile. 5 gradi centigradi : possibile scomparsa di enormi ghiacciai sull’ Himalayas, affliggendo con la carenza idrica il 25% della popolazione della Cina e centinaia di milioni di persone in India. L’acidità degli oceani aumenta con minaccia di totale collasso dell’industria ittica. Il livello del mare sale inesorabilmente inondando vaste regioni dell’Asia e circa la metà delle più grandi città del mondo, comprese Londra, New York e Tokyo. La scelta è nostra!
  24. 24. “se non interveniamo, i costi dei cambiamenti climatici equivarranno ad una perdita minima del 5% del prodotto lordo globale annuo, ma il danno potrebbe salire anche oltre il 20% del PIL globale. Al contrario, il costo di ridurre le emissioni di gas serra potrebbe essere limitato a circa l' 1% del prodotto lordo globale annuo”
  25. 25. È tragico l’aumento dei migranti che fuggono la miseria aggravata dal degrado ambientale Come i cambiamenti climatici hanno influito sulla guerra in Siria - See more at: http://www.climalteranti.it/2015/05/04/come-i-cambiamenti-climatici-hanno-influito-sulla-guerra-in-siria/
  26. 26. è diventato urgente e impellente lo sviluppo di politiche affinché nei prossimi anni l’emissione di anidride carbonica e di altri gas altamente inquinanti si riduca drasticamente
  27. 27. “emission gap”: quanto devono essere ridotte le emissioni serra? Dal 2020 -5%/anno un protocollo di Kyoto ogni anno!
  28. 28. La sottomissione della politica alla tecnologia e alla finanza si dimostra nel fallimento dei Vertici mondiali sull’ambiente
  29. 29. Politici che discutono il global warming se aspettiamo i governi, sarà troppo poco e troppo tardi
  30. 30. Ogni comunità può prendere dalla bontà della terra ciò di cui ha bisogno per la propria sopravvivenza, ma ha anche il dovere di tutelarla e garantire la continuità della sua fertilità per le generazioni future Il modello delle Citta’ di Transizione ma se agiamo come comunità, potrebbe essere quanto basta e giusto in tempo
  31. 31. Sostenibilità Raccolta differenziata Cibo biologico Rinforzare gli argini Finanza etica Caldaia a condensazione Carbon neutral Scuolabus a metano Innovazione,meritocrazia Resilienza Riuso,rifiuti zero Prod. locali,permacultura Ridare spazio al fiume Economia locale circolare Isolare la casa Post carbon Piedi bus,bici Invenzione,collaborazione
  32. 32. l’idea di una crescita infinita o illimitata, che ha tanto entusiasmato gli economisti, i teorici della finanza e della tecnologia. Ciò suppone la menzogna circa la disponibilità infinita dei beni del pianeta, che conduce a “spremerlo” fino al limite e oltre il limite Il Picco del Petrolio: Sveglia!Noi siamo qui! www.aspoitalia.net Prima del picco: l’offerta prevale sulla domanda: i prezzi sono bassi e tutto va bene Dopo il picco: la domanda prevale sull’offerta: I prezzi aumentano e i tempi si fanno duri
  33. 33. Transition Training & Consulting 2010 CAMBIAMENTO CLIMATICO   Ingegneria climatica   Sequestro di carbonio   Commercio emissioni   Addattamento   Energia nucleare   • Soluzioni High/ Green Tech P O + C C =Ripensare il sistema   • Rilocalizzazione pianificata   • Percorsi di discesa energetica   • Resilienza locale   • Cambiare gestione della terra   TRANSIZIONE! PICCO PETROLIO   • Brucia tutto! Deregulation, trivelle libere!   • biocarburanti   • sabbie bituminose e petrolio non convenzionale   • Nazionalismo della risorse   • Guerre per le risorse È fondamentale cercare soluzioni integrali, che considerino le interazioni dei sistemi naturali tra loro e
  34. 34. la tecnologia basata sui combustibili fossili, molto inquinanti, deve essere sostituita progressivamente e senza indugio
  35. 35. Non servono le pur importanti piccole azioni ma agire in 4-5 macro consumi Cosa posso fare? Come scaldo casa Come illumino (elettricità) casa Come (e quanto) mi mi muovo Come mangio Quanto consumo e quanto butto
  36. 36. Come scaldo casa “Noi non pensiamo all’energia nella fase di progettazione” George Jeronimidis, University of Reading, UK prima tappare i buchi poi riempire il secchio!
  37. 37. Con semplici operazioni (cronotermostato, l'estrazione dei termo, un po' di attenzione, e perché no un maglione in più ho ridotto drasticamente i consumi ed emissioni!
  38. 38. Come “illumino” casa il proprio fotovoltaico su parti comuni condominio: si può fare e io l'ho fatto 0" 100" 200" 300" 400" 500" 600" gennaio" febbraio" marzo" aprile" maggio" giugno" luglio" agosto" se9embre" o9obre" novembre" dicembre" energia'mensile'in'kWh' Produzione'e'consumo'#ilmiofotovoltaico'' Produzione" Consumo" Produzione / consumo in % energia autoconsumata % 219,4 22,9 Produzione in kWh consumo in kWh 3247,21 1479,78 1624 kg/CO2 evitata autoconsumato del consumo % 50,2
  39. 39. Ora la legge lo consente, si può installare il proprio impianto sulle parti comuni del condominio dove si vive. Naturalmente, è facile non manchino le discussioni, tuttavia Sui pannelli solari l’assemblea può solo stabilire le modalità Non ci sono più incentivi e conto energia, ma ora i prezzi dell’impianto sono notevolmente calati, poi Si può detrarre fiscalmente come ristrutturazione edilizia il 50% della spesa dell’impianto La modalità migliore, senza gli incentivi, è lo scambio sul posto, cercando di ottimizzare la quota di autoconsumo Importante: il monitoraggio Il futuro: l'accumulo o storage Fotovoltaico sul condominio: #ilmiofotovoltaico
  40. 40. Come e quanto mangioUna pizza ai gamberetti può fare più danni ambientali di 40 km in SUV!
  41. 41. decalogo per un’alimentazione sana e sostenibile da Monteveglio in Transizione
  42. 42. Come e quanto mi muovo Il 98% dei trasporti dipende dal petrolio
  43. 43. L'auto elettrica ha un ruolo importante come sistema di accumulo e nelle Smart grid
  44. 44. Ogni ciclista fa risparmiare 16 cent a km, ogni auto fa danni per 10 http://www.qualenergia.it/articoli/20150921-ogni-ciclista-fa-risparmiare-alla-collettivita-16-cent-chilometro-ogni-auto- fa-danni-per-10
  45. 45. Io lo sto facendo
  46. 46. Più il cuore della persona è vuoto, più ha bisogno di oggetti da comprare, possedere e consumare Sconti! tutto sottocosto!
  47. 47. Come e quanto si consuma occhio al paradosso di Jevons! https://www.youtube.com/watch?v=0swX8JGxdHo
  48. 48. Gioco delle braccia di last call Un esercizio molto semplice Incrociate le braccia Guardate che posto avete sopra poi abbassatele Incrociate di nuovo le braccia Alzi la mano chi aveva sopra lo stesso polso Alzi la mano chi ha sopra il polso destro Alzi la mano chi ha sopra il polso sinistro Ma a volte le cose cambiano, o siamo costretti a cambiare abitudini. Incrociate le braccia al contrario Guardate che posto avete sopra poi abbassatele Vi sarete accorti di 3 cose che valgono anche per la transizione al futuro sostenibile 1. É possibile 2. Dobbiamo rifletterci, e specie all'inizio faremo degli errori 3. É un po' scomodo all'inizio, ma poi ci si abitua e può anche piacere di più!
  49. 49. non tutto è perduto, perché gli esseri umani, capaci di degradarsi fino all’estremo, possono anche superarsi, ritornare a scegliere il bene e rigenerarsi, al di là di qualsiasi condizionamento psicologico e sociale che venga loro imposto

×