Il Portale Semantico nel progetto TEMART

587 views

Published on

Il progetto TEMART (http://temart.ifac.cnr.it/) mira allo sviluppo integrato di prodotti e servizi innovativi per la caratterizzazione e la conservazione di beni culturali.

Una delle sue realizzazioni principali è il software gestionale SIConArt/SICAR, creato da Liberologico srl (http://www.liberologico.com/it/default/567/SICaR.html), un sistema web-based per la gestione delle informazioni (vettoriali, alfanumeriche e raster) collezionate durante l'analisi e la progettazione di interventi di restauro.

Il Portale Semantico nasce da una sperimentazione di Net7 nell'ambito di TEMART con il duplice scopo di:
1) pubblicare in forma LOD i dati del SICAR;
2) rendere più facilmente fruibili i dati "tecnici" del SICAR ai non addetti ai lavori, arricchendo gli stessi tramite annotazione e collegamenti con entità della LOD Cloud.

Per informazioni sul lavoro di Net7 nel progetto TEMART: http://www.netseven.it/portfolio/temart/

TEMART è stato un progetto finanziato dalla Regione Toscana tramite il Programma Operativo Regionale “Competitività Regionale e Occupazione” cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (POR CreO FESR 2007-2013)

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
587
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il Portale Semantico nel progetto TEMART

  1. 1. Il Portale Semantico in TEMART
  2. 2. Il Portale Semantico• Un duplice obiettivo: 1. presentare i dati “gestionali” del SIConArt in una forma adatta alla divulgazione 2. abilitare il riuso delle informazioni del sistema da parte di agenti software automatici• Uso delle tecnologie del Semantic Web e approccio Linked Open Data – Un’evoluzione del web che pone al centro i dati e non più i documenti – Nuove applicazioni possono essere sviluppate per utilizzare questa enorme massa di informazioni sfruttando degli approcci tecnologici per cui: 1. i dati vengono pubblicati tramite formati autodescrittivi e con formalismi standard 2. le varie fonti dati si riferiscono a vicenda (linking) – Quest’ultimo punto permette da un lato di arricchire la quantità di informazioni a disposizione e dall’altro di contestualizzare i dati, cioè aiutare meglio a capire in modo automatico (cioè da parte di agenti software) “di che cosa si tratta”.• Una delle realizzazioni di Net7 Srl nel progetto Temart
  3. 3. Linking• Creare dei collegamenti (a mano o in forma semiautomatica) con i dataset disponibili su Internet – Simili ai link delle pagine web• La cosiddetta LOD Cloud è una fonte ricchissima di informazioni pronte per essere utilizzate (basta creare i link giusti)• Nel SIConArt sono stati creati dei collegamenti per recuperare informazioni utili ai fini divulgativi• Esempio: – Descrizioni di opere e autori (da DBPedia) – Approfondimenti sul tema (DBPedia) – Spiegazioni tecniche sulle tipologie di analisi realizzate (DBPedia) – Localizzazione di opere, edifici, etc. (DBPedia e Geonames)
  4. 4. La LOD CLoud
  5. 5. Le realizzazioni per Temart• Creazione di un modello semantico dei dati, adatto a questo innovativo paradigma di pubblicazione• Estrarre le informazioni dal database del SIConArt per trasformarle e adattarle al formato semantico (Semantic ETL)• Realizzazione di un’applicazione web di back-office per arricchire a mano (annotazione) le informazioni del SIConArt creando dei collegamenti con altri dataset della rete• Realizzazione di un portale per la fruizione dei dati del SIConArt arricchiti con le informazioni recuperate in automatico dalla LOD Cloud• Possibilità di pubblicare i dati del SIConArt in forma Linked Data
  6. 6. Le realizzazioni per Temart
  7. 7. Back-office: arricchimentoDati espressi tramite proprietà formali(Modello semantico) Annotazione per fornire informazioni geografiche Annotazione per fornire informazioni descrittive
  8. 8. Portale Semantico Dati del SIConArt
  9. 9. Portale Semantico: esempi di annotazione Approfondimento sulla Chimera recuperato in automatico da DBPedia
  10. 10. Portale Semantico: esempi di annotazione Approfondimento sull’Arte Etrusca a recuperato in automatico da DBPedia
  11. 11. Portale Semantico: esempi di annotazione Collocazione dell’opera (informazione recuperata in automatico da DBPedia o Geonames)
  12. 12. Portale Semantico: altri esempi di annotazione Descrizione della specifica tipologia di analisi, recuperata in automatico da DBPedia
  13. 13. Portale Semantico Ulteriori approfondimenti su questa tipologia di analisi
  14. 14. Dati del SIConArt pubblicati come Linked Data Le 5 stelle di “open linked data” Rendere i dati disponibili su web (in qualsiasi formato)Open Data Renderli disponibili come dati “strutturati” (es. file Excel anziché PDF o Word) Pubblicarli in formati aperti e non proprietari (es. in formato CSV anziché in Excel)Open Linked Data Usare delle URL per identificare i concetti Linkare i dati a quelli già disponibili su web (DBpedia.org, data.gov, etc.) per permettere di capire in modo automatico il contesto (cioè di che cosa parlano)
  15. 15. Dati del SIConArt pubblicati come Linked Data
  16. 16. http://www.netseven.it

×