IL MONTE JATO
Dove si trova?
Il Monte Jato si trova a circa trenta chilometri a sud-ovest da Palermo. Dalla cima,   situata a 852 m, si gode di un ampi...
COME CI SI ARRIVA? ci si arriva?                  ComeIl Monte Jato si trova nel comune di San Cipirello.Partendo da Paler...
Visitando il Monte Jato, è possibile ammirare fantastici paesagginaturalistici.
Cenni storici:
La storia del Monte JatoSul Monte Jato, fiorì la greca Jaitas, su un insediamento molto antico, le cui origini si fanno   ...
I reperti più antichi del Monte Jato :Gli scavi che hanno permesso la scoperta dell’antico abitato nel 1971 si devono   al...
Il passaggio dei Greci, resta evidente con “il tempio di  Afrodite”. Abilissima opera di architettura.
Resta il grande teatro, databile al IV secolo a. C., con una capacità di 4400 spettatori.
Si   può ammirare L’agorà
I resti della sala consiliare e una abitazione privata su due piani, nota come “casa del peristilio“, con i suoi mosaici ...
Le cariatidi :Nel piccolo antiquarium di San Cipirello, si conservano i reperti ritrovati nelle campagne di scavo tra cui ...
Che   ne dite, Andiamo?
Il monte jato finito
Il monte jato finito
Il monte jato finito
Il monte jato finito
Il monte jato finito
Il monte jato finito
Il monte jato finito
Il monte jato finito
Il monte jato finito
Il monte jato finito
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Il monte jato finito

833 views

Published on

Laboratorio tecnologie didattiche studenti Scienze formazione primaria Palermo

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Il monte jato finito

  1. 1. IL MONTE JATO
  2. 2. Dove si trova?
  3. 3. Il Monte Jato si trova a circa trenta chilometri a sud-ovest da Palermo. Dalla cima, situata a 852 m, si gode di un ampio panorama che si estende ad ovest fino al mare. Ultimo monte a sud della catena di montagne che separava la Conca dOro dallinterno dellisola, esso domina la valle del fiume Jato che sfocia nel golfo di Castellammare.
  4. 4. COME CI SI ARRIVA? ci si arriva? ComeIl Monte Jato si trova nel comune di San Cipirello.Partendo da Palermo è possibile raggiungerlo:Imboccando lo “scorrimento veloce” PALERMO-SCIACCA, allo svincolo di via Ernesto Basile (Pa), proseguire in direzione SCIACCA ed uscire allo svincolo per San Cipirello;Successivamente è possibile raggiungere il sito archeologico soltanto attraverso una serie di percorsi naturalistici. Attraverso un sentiero che si inerpica sul monte dalla strada provinciale seguendo le indicazioni della segnaletica si giunge ai resti archeologici e agli scavi dell’antica città.
  5. 5. Visitando il Monte Jato, è possibile ammirare fantastici paesagginaturalistici.
  6. 6. Cenni storici:
  7. 7. La storia del Monte JatoSul Monte Jato, fiorì la greca Jaitas, su un insediamento molto antico, le cui origini si fanno risalire, alle popolazioni sicanoelime della Sicilia occidentale (I millennio a. C.). La prima fonte storica, anche se contestata o rifiutata, è quella di Tucidide il quale fa cenno delloccupazione della città da parte di Gilippo, durante il suo cammino verso Siracusa. Il periodo più ricco,si data intorno al 300 a. C., quando si riappacificano i rapporti che legano gli indigeni abitanti sul Monte Jato ai Greci, tantè che alcuni Greci si trasferiscono nella Valle. Poi, ai Greci subentrarono i Romani. Nel 71 a. C. Jaitas fu vittima delle vessazioni e ruberie di Caio Verre, allora pro-rettore in Sicilia. Dopo letà romana, si parla di una fase di vita in età bizantina, a cui mise fine la conquista araba della Sicilia iniziata nell827. La città, in quel periodo, era abitata da tredicimila famiglie musulmane. Durante la dominazione normanna, Giato (Catù) conobbe uno splendido momento di benessere economico. la dominazione sveva segna, senza dubbio, la città musulmana negativamente portandola, prima, alla ribellione (1243) e, poi, alla sconfitta (1246) ad opera dellImperatore Federico II. Distrutta Giato, i suoi abitanti furono deportati a Lucera, in Puglia.
  8. 8. I reperti più antichi del Monte Jato :Gli scavi che hanno permesso la scoperta dell’antico abitato nel 1971 si devono al professor Peter Isler dell’università di Zurigo che da allora studiosi e appassionati non possono non visitare . I reperti più antichi di Monte Jato sono frammenti di ceramica fatta a mano, sia dipinta che decorata a incisione. La ceramica dipinta inizia per prima. La ceramica a decorazione incisa inizia un po più tardi. Essa presenta disegni geometrici: nastri ornamentali, triangoli, losanghe, cerchi concentrici e, sporadicamente, meandri. Questi vasi non sono più fatti a mano ma sul tornio, strumento anchesso ereditato dalla Grecia.
  9. 9. Il passaggio dei Greci, resta evidente con “il tempio di Afrodite”. Abilissima opera di architettura.
  10. 10. Resta il grande teatro, databile al IV secolo a. C., con una capacità di 4400 spettatori.
  11. 11. Si può ammirare L’agorà
  12. 12. I resti della sala consiliare e una abitazione privata su due piani, nota come “casa del peristilio“, con i suoi mosaici multicolore.
  13. 13. Le cariatidi :Nel piccolo antiquarium di San Cipirello, si conservano i reperti ritrovati nelle campagne di scavo tra cui due telamoni e due cariatidi rinvenuti tra le strutture del teatro
  14. 14. Che ne dite, Andiamo?

×